Lettera aperta a tutti gli imprenditori

Berlusconi detiene tre televisioni private e almeno due pubbliche, sulle quali esercita un’influenza non solo governativa, ma anche e soprattutto personale. Di converso, il controllo totale degli organi di stampa tentato con la Guerra di Segrate, che lo vedeva contrapposto a De Benedetti per il controllo della Mondadori, è invece parzialmente fallito. Grazie alla corruzione del giudice Vittorio Metta ad opera di Cesare Previti (condannato ad 11 anni e ciononostante ministro del primo governo Berlusconi – a Berlusconi piace portarsi gli avvocati in Parlamento) infatti anche la Mondadori sarebbe passata sotto il suo controllo, se la mediazione di Giulio Andreotti non avesse lasciato La Repubblica e L’Espresso nelle mani di Carlo De Benedetti.
Berlusconi si definisce un liberale. Una moderna democrazia è liberale quando non si basa esclusivamente sulla volontà della maggioranza ma – anche e soprattutto – sul rispetto delle minoranze, quando si ispira agli ideali di tolleranza, libertà ed eguaglianza e contesta i privilegi dell’aristocrazia e del clero. Berlusconi si è invece costruito una dottrina politica ad personam, il liberalusconismo, che consente a lui di fare e dire quello che preferisce, e agli altri di fare e dire solo ciò che a lui torna comodo.
Fedele al liberalusconismo, Berlusconi vi ha chiesto di non investire i vostri soldi in pubblicità su alcuni organi di stampa, precisamente quelli che non controlla personalmente. In questo modo crede di instaurare un regime economico finanziario nel quale non è la mano miliatare a mettere il bavaglio all’informazione, ma quella dei commercialisti. La sua strategia si basa sul convincimento che gli italiani siano un popolo di sudditi ormai devitalizzato da trent’anni dei suoi programmi televisivi. Se non pensasse questo, non avrebbe mai suggerito una strategia potenzialmente suicida per chi, come voi, ha bisogno della gente per continuare a vendere i suoi prodotti e servizi. In questo modo, Berlusconi chiede a voi di pagare di tasca vostra il consenso dell’opinione pubblica. Vi sta chiedendo di fargli campagna elettorale gratuitamente.
Noi, cittadini italiani e vostri potenziali clienti, siamo certi che non vorrete assecondare un’indicazione liberticida che contrasta con le più elementari norme del libero mercato entro il quale la vostra attività si è sviluppata e sul quale si basa per continuare a vivere. E’ certo, del resto, che non possiamo restare in silenzio a guardare mentre quello che resta della libertà di informazione ci viene scippato in maniera così sfacciata e insolente.
Per questo vi informiamo che saremo costretti a interrompere gli acquisti dei vostri prodotti e servizi, qualora dovessimo ravvisare un’evidente squilibrio di investimenti pubblicitari a favore di alcuni media e a svantaggio di altri. Siamo certi che il rapporto con i vostri clienti sia molto più importante del sentimento di convenienza che può legarvi al Presidente del Consiglio.
Nel ringraziarvi per l’attenzione che ci avete prestato, auguriamo tutto il successo possibile alle vostre attività, di cui ci vantiamo di essere a pieno titolo i principali contributori finanziari.
Dateci la possibilità di continuare a sostenervi.
Cordialmente
Una parte del popolo italiano.


 
 

 
 

DESTINATARI

filodirettocredito@confindustria.it, info@confindustria.abruzzo.it, info@confindustria.basilicata.it, segreteria@confindustria.calabria.it, info@confindustria.campania.it, confind.emr@confind.emr.it, info@confindustria.fvg.it, info@confindustrialazio.it, info@confindustrialiguria.it, f.trezza@confindustria.lombardia.it, info@confindustria.marche.it, confindustria.piemonte@confindustria.piemonte.it, confindustriapuglia@confindustriapuglia.it, info@confindustria.sardegna.it, info@confindustriasicilia.it, frait@confindustria.toscana.it, info@assindustria.tn.it, info@confindustria.umbria.it, info@confindustria.veneto.it, redazioneweb@confesercenti.it, confes@confesercenti.it, presidenza@confesercenti.it

COPIA CONOSCENZA

ballaro@rai.it, annozero@rai.it, repubblicawww@repubblica.it, larepubblica@repubblica.it, unitaonline@unita.it, stampaweb@lastampa.it

24 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mandate. Se ci fosse qualche imprenditore che abitualmente frequenta Byoblu.com, mi piacerebbe sapere cosa ne pensa. Speriamo che qualcuno risponda a questo appello.
  •  Salve a tutti
    Volevo solo dire che la email precompilata e’ una buonissima idea (come se ce ne fosse bisogno). 
     
    A vedere l’italia da fuori sembra il periodo Bush appena eletto la 2nda volta, nel 2004.
  • Complimenti Claudio ottima iniziativa e ottima scelta del video,molto bello per quando mi riguarda io ho eliminato dalla mia televisione i canali mediaset,anche se vivo all’estero volevo guardare le reti italiani ma visto la situazione preferisco quelle estere ho lasciato solo rai due e rai tre.Adesso sto molto meglio.L’informazione me la trovo tramite la rete a grazie anche a te Claudio.
  • Bea Claudio, adesso ci facciamo sentire anche piu’ in alto…ti sono vicino. Vedo di farla girare un po’.Ci sentiamo ,CIAO.
    NB:bella,bea: espressione veneziana che indica compiacimento ,benfatto.
     
  • Claudio SEI FORTEEE!!!
    Ho provato a spedire la lettera ma aihmé non ci sono riuscita, comincio a pensare che i miei neuroni si stiano atrofizzando.
    Comunque grazie per questa iniziativa
     
  • NEWS IMPORTANTE,
    perché mentre noi cerchiamo di bloccare il golpe economico se ne sarebbe appena consumato uno di tipo istituzionale, stavolta al cuore delle istituzioni. Due membri della Corte Costituzionale, i Giudici Luigi Mazzella e Paolo Maria Napolitano, si sarebbero lasciati avvicinare da membri del Governo e del Parlamento segnatamente il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, il Ministro della Giustizia Angiolino Alfano, il Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato Carlo Vizzini – fino al punto di intrattenere con loro un incontro, peraltro riservato e per questo gravissimo, tenutosi nella privata dimora del Giudice Mazzella. Se la notizia è vera, tutti devono essere puniti molto severamente per il loro oltraggio alla Costituzione della Repubblica italiana e ai principi della Democrazia e dello Stato di diritto. L’accusa potrebbe anche essere quella di Alto tradimento e attentato alla Costituzione, sulla quale il Premier, ricordiamolo, ha giurato. Si richiede pertanto la massima inflessibilità e determinazione a partire dai cittadini nell’accertamento della verità.

     
     
    Link
    • per la precisione: rettifico nel mio post appena precedente:
       
      – ERRATA: primo (Mazzella); CORRIGE: secondo (Ghedini);
      – ERRATA: secondo (Ghedini); CORRIGE: primo (Mazzella);
       
  • Appoggio in pieno la mail, mi spiace di non poterla "inviare", oggettivamente non essendo un consumatore italiano …
  • < ..SE QUELLA NOTTE,
     
    PER DIVIN CONSIGLIO,
    LA DONNA ROSA
    CONCEPENDO SILVIO,
    AVESSE DATO ALL’UOMO DI MILANO
    INVECE DELLA TOPA IL DERETANO,
    L’AVREBBE PRESO IN CULO QUELLA SERA
    SOLO DONNA ROSA
    E NON L’ITALIA INTERA!
    (Roberto Benigni…..miih che grande sei!!!))
  •  Ho gia’ inviato la lettera prestampata e ho linkato il tutto anche su Facebook…saluti a tutti…Complimenti al Blog!
     
    maurizio
     
    Montebelluna
Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi