La scomparsa degli intellettuali

Eugenio Scalfari se la prende con Ferruccio De Bortoli. Ferruccio De Bortoli se la prende con Eugenio Scalfari. Maurizio Belpietro difende Ferruccio De Bortoli. Marco Travaglio difende Eugenio Scalfari. Eugenio Scalfari risponde a Ferruccio De Bortoli. Vittorio Feltri se la prende con Giorgio Napolitano. Giorgio Napolitano risponde a Vittorio Feltri. Renato Brunetta risponde a L’Espresso occupando il sito web del Ministero.
La Repubblica, il Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Libero, Il Giornale, il Quirinale, i ministeri mi ricordano il cortile di une casa di ringhiera… Preferirei che queste menti eccelse usassero il nostro uneuroeventi cadauno, o le nostre tasse, per fare informazione e per governare.
Se devo essere distratto da futili battibecchi personali, allora tanto vale abbonarsi ad un’intera stagione del Grande Fratello.
SEGNALAZIONI


INCONTRILe Liste Civiche e la Democrazia Partecipativa. Domenica 18 ottobre 2009, Milano

33 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio io apprezzo molto il tuo lavoro, apprezzo anche Marco Travaglio, il FATTO QUOTIDIANO non sarà perfetto, ma lo ritengo fondamentalmente diverso dagli altri giornali e spero di non sbagliarmi.
    Tu sei un blogger puro. 
    ciao.
    Massimo.

    • Claudio, per una volta non sono d'accordo

      "La Repubblica, il Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Libero, Il Giornale, il Quirinale, i ministeri mi ricordano il cortile di une casa di ringhiera… Preferirei che queste menti eccelse usassero il nostro uneuroeventi cadauno, o le nostre tasse, per fare informazione e per governare."

      Come fai a paragonare vicino il fatto quotidiano, che è autofinanziato, nato da appena 3 settimane, non presente sulle varie rassegne stampa in tv (il riformista te lo sei dimenticato) apparte glob, con il coriere della sera, libero ecc?? ma ttttte sei impazzito? lasciami stare il fatto, per ora non ha tradito per niente le aspettative,anzi!

    • E poi,io questa storia di scalfari non l’ho letta sul fatto, ti riferisci a ieri sera da lerner? è intervenuto travaglio? scoop, nn lo sapevo. scalfari è un verme, e sicuramente se travaglio l’ha difeso, l’avraà fatto perchè se anche un verme dice qualcosa di giusto che dico anch’io, non è che perchè è un verme allora dico che sta dicendo sciocchezze. contenuto e contenitore, significante significato.

      ciao byo

  • Però non comprendo il titolo di questo post.
    Tutti quelli che hai citato li consideri intellettuali?

    Io credo che non siano scomparsi, anzi: scrittori, poetesse, registi, cantautori, comici. Ce ne sono molti: magari non stanno nè al governo e neanche in tv. Anzi in Tv qualche salto fugace qua e là in realtà lo fanno. Ma basta vedere la programmazione teatrale, cinematografica o fare un salto in libreria e non ti basterà questo blog per elencarli tutti.
    la vita non è solo sul web, e neanche l'informazione… io continuo a sostenerlo. E' una parte importante e oggi fondamentale, ma non finisce qui, forse da qui parte, e poi si svolge altrove.

  • Francy ha scritto :
    " Io credo che non siano scomparsi, anzi: scrittori, poetesse, registi, cantautori, comici. Ce ne sono molti: magari non stanno nè al governo e neanche in tv."

    Assolutamente sì. Era ironico.

    • non avevo compreso l'indirizzo del tuo post 😉

      comunque non cerco intellettuali nei giornali, dipendenti o indipendenti che siano
      qualche volta qualche penna d'autore firma qualche articolo, che piacevolmente, in mezzo al ciarpame vario, stupisce e allieta
      ma vedi il web non lo uso per leggere solo "un canale" ma per cercare di comprendere confrontando la pluralità, con una visione più ampia gli intellettuali emergono

      c'è da aggiungere, che senza arrivare a quelle alte metafore con cui ha epitetato gli intellettuali un nostro erudito ministro, un fondo di verità c'è: mi riferisco a un gruppo trasversale di radical chic per così dire "sinistrosi" da guardare quantomeno con occhio attento e perplesso, perchè l'intellettuale per me rimane tale sinchè non si tramuta più volgarmente in uno che predica bene e razzola male, lanciando moniti da un pulpito dorato

    • nei giornali in passato scrivevano molti intellettuali..se ora non li trovi è perchè ci siamo abbassati ad un livello culturale più basso.
      ho riletto parecchi articoli di Pasolini..ora chi lo ha sostituito?

  • Se il FATTO QUOTIDIANO perdesse il requisito dell'indipendenza, cancellerei subito l'abbonamento e sarei il primo a fargli cattiva pubblicità. La stessa cosa vale per i finanziamenti pubblici.

  • Anche i giornali stanno fomentando la cosidetta "guerra di zizzania"… Intanto il paese sprofonda in tutti si sensi anche nel debito pubblico. Ma questo sembra non interessare agli italiani…

  • A me interessa sapere se e come il Presidente della Repubblica abbia o meno interagito con la creazione dell’abominevole "lodo Alfano". Credo che questa sia informazione no?
    Capirei se tu parlassi del solo Belpietro che scrive queste cose semplicemente per attaccare il capo dello stato e screditarlo probabilmente con ordini precisi di farlo, ma gli altri? Non è anche quella informazione?
    Ciao e continua comunque così, lavori bene. 😉

    Ale

  • In linea di principio sono d'accordo, anche se credo che Il Fatto Quotidiano  ancora non faccia parte del "cortile" di cui parli e che debba fare attenzione a restarne fuori. Soprattutto perchè tutte le premessepromesse fatte ai suoi lettori(editori) non verrebbero mantenute e non gli converrebbe. Per ora secondo me le hanno rispettate e quindi l'euroeventi glielo do volentieri.

  • scusate ma devo difendere questo fantomatico giornalista….
    gli intelletuali che cita lui nel post ,  oltre berlusconi che non e stato cercato sono quelli che ci siamo scelti noi…stupidi bambini che litigano(io essendo di sinistra so che la discussione politica e dobbligo) ma qua litigano non per la politica ma per le loro stupidaggini personali…..io vorrei gente come questo mitico giornalista a tutelarci,voglio la satira di lutazzi…travaglio sa solo  attaccare berlusconi  quindi  se sparisce il cavaliere non so  che lavoro fargli fare XD…e tanti altri…. il fatto è che un politico non deve avere imprese la sua famiglia non deve avere imprese…in poche parole deve essere un dipendente un semplice uomo del popolo perchè finche ci saranno sti borghesetti finche quelli di sinitra prendano  più coscienza perchè PD più di pietro più alleanze minori = 64% degli italiani, le cose non andranno mai bene, lunica impresa di un politico  deve essere  un ente pubblica… .. il privato ai privati…il governo è pubblico e solo del pubblico deve interessarsi….
    si anche i cantanti i filosofi poeti del nostri giorni…tutte persone che se potessi ragrupperei , interrogherei  su le cose  che fossero meglio per il paese…..abbiamo il fascismo dal 1920…. nemmeno quando è finita la guerra ce ne siamo liberati, ma quanto siamo stupidi??????? e non parlo da simpatizzante di sinitra è una realtà il fascismo e per gli ignoranti….la gente ne parla come se fosse esso il comunismo e  viceversa  questo pensiero fosse da fascisti

  • Mettere tutti sullo stesso piano?

    Ho notato che la frase,tanto sono tutti uguali, viene utilizzata da alcuni come giustificazione per la scelta che hanno effettuato nel delegare i loro rappresentanti politici.
    Mi è difficile comprendere perchè essendo tutti uguali vengono delegate sempre le stesse persone come propri legislatori,tranne che nel caso alcune di queste siano morte.
    Sembra che il modo di effettuare la scelta dei nostri rappresentanti politici venga ripetuta sempre allo stesso modo contraddicendo così l’enunciato,tanto sono tutti uguali.
    La definizione sulla quale stiamo argomentando,tanto sono tutti uguali, viene utilizzata in qualsiasi discussione ed in maniera tale che ogni approfondimento è troncato sul nascere.
    Alcuni giorni fa volevo far osservare, a chi mi ascoltava, che nel periodo precedente le elezioni la notizia o propaganda con la quale siamo continuamente interrogati è " guardate siamo invasi dagli extracomunitari!".
    Pur non avendo pronunciato il nome di alcun personaggio pubblico,immediatamente chi ascoltava ha pronunciato questa frase, "cosa vuoi dire, tanto sono tutti uguali" , ed ha poi continuato con l’espressione di pensieri del tipo,facciamoli affogare, uccidiamoli tutti e cosi via con questo tono.
    La possibilità di comprendere ciò che sta avvenendo non credo sia nelle intenzioni di chi argomenta il proprio pensiero,come sopra descritto.
    La sorte è ora benigna e ci si sente come quelli che possono verso coloro che subiscono.
    I potenti sono tutti uguali mentre, alcuni non sono neppure considerati uomini, è così che si pensava nell’antico Egitto.
    Stranieri buoni solo a fabbricar mattoni, sono certi uomini, e quando di troppo che affoghino pure, questo pensano coloro che governano ora in Italia, come anche molti di coloro che la abitano.
    Tanto sono tutti uguali, va ripetendo come un demone questo pensiero, che ci predispone a compiere azioni che riconosceremmo come ripugnanti, qualora non fossimo così predisposti a giustificarle.

  • fracassista85 ha scritto :
    " Come fai a paragonare vicino il fatto quotidiano, che è autofinanziato, nato da appena 3 settimane, non presente sulle varie rassegne stampa in tv (il riformista te lo sei dimenticato) apparte glob, con il coriere della sera, libero ecc??"

    Non li paragono. Il Fatto Quotidiano lo compro quotidianamente, ahimé insieme a La Repubblica, Il Corriere, talvolta Il Giornale oppure Libero. E' sempre utile e talvolta divertente vedere tutte le argomentazioni, e come certa gente si arrampica sugli specchi e dimostra una ammirevole capacità di stravolgere fatti ed opinioni.
    Nella fattispecie, non apprezzo questa autoreferenzialità tra direttori di giornali e questo battibecco da comari propinati giornalmente sugli editoriali in prima pagina. In questo, e solo in questo, metto tutti nell'elenco. Per quanto riguarda Travaglio, lo preferisco quando mi spiega la precedente sentenza della Consulta, e non perché quando da addosso a De Bortoli difendendo questa o quella posizione magari di Scalfari, possa o non possa avere ragione, ma semplicemente perché di querelle personali e di scaramucce dialettiche  per dimostrare chi è più bravo non abbiamo bisogno. La cosa va avanti da diversi giorni: abbiamo bisogno di informazioni, non di alterchi tra prime donne.  Non fa molto bene alla stampa quando la stampa si mette a litigare tra sè, e fior fiori di penne sprecano inchiostro e tempo che potrebbe essere andato in articoli più produttivi.
    Questa è la mia opinione. Abituiamoci a prendere le distanze da chiunque. Ovviamente anche da me.

  • Caro Claudio, capisco la tua insofferenza per le chiacchiere quando appaiono fini a se' stesse. Pero' gli "intellettuali" (alcuni tra quelli che citi difficilmente si potrebbero definire tali) fanno il loro mestiere.
    Se ritengono che si stia attraversando una fase critica per la convivenza civile usano le proprie idee e i propri ragionamenti per montare o smontare tesi a sostegno di questa o quella visione del mondo. Secondo me il fenomeno Berlusconi ha portato l'Italia in una situazione anomala, unica e paradossale, indipendentemente dalle posizioni di parte. Mi sembra pertanto non solo comprensibile ma molto utile che circolino idee e si parli dei rischi della situazione attuale. Temo piuttosto che la gran parte del popolo bue si schieri da tifoso e senza riflettere (TV docet) ma sarebbe grandemente auspicabile che invece tutti ragionassero. Le supersemplificazioni e le maniere "spicce" sono sempre state gli strumenti dei despoti che disprezzano il "culturame".

  • Dai commenti letti fino ad ora, mi pare chiaro che molti si siano risentiti per le critiche mosse al Fatto Quotidiano. Quello che vorrei dire a queste persone è: state attenti a non schierarvi ciecamente dalla parte di qualcuno, anche se rappresenta una innovazione nel panorama dell'informazione.
    Io, infatti, mi sento molto deluso dal fatto che, anche questa testata, si sia gettata nella mischia difronte all'ennesima rissa fra signorotti.
    Ma un passo falso si perdona a tutti…

  • 4 righe insulse buttate lì giusto per far vedere che anche oggi hai aggiornato il blog. Con queste considerazioni sconclusionate secondo me perdi punti

  • Sono daccordo con te

    Purtroppo loro facendo questo teatrino distraggono da ciò che sono i veri problemi.

    Qeesto finto bipolarismo si vede proprio da questo. Non ci sono le idiologie dietro ai partiti ma solo complicità.

    ByoBlu fai attenzione a questo esperimento. Sai ora hai una certa visibilità. Hai appogiogiato, a quanto mi pare correggimi se sbaglio,  i “nuovi paladini” (come dice Barnard) e un cambio di rotta, o meglio una maggiore consapevolezza nell’informare obiettivamente non piace a nessuno, nè a Travaglio e nè a Bel Pietro.

  • Sono d’accordo con Claudio quando dice che di editorialisti che si danno contro non ne abbiamo bisogno, chiuque essi siano!

    Non penso neanche che Claudio paradoni Il Fatto Quotidiano ad altri giornali, per tante ovvie ragioni, la prima delle quali è perché si autofinanzia non prendendo un soldo da noi.

    Altra considerazione, mia personale, è che Il fatto Quotidiano sia il miglior quotidiano per ora in circolazione sul suolo italiano. Speriamo nel tempo continui così e migliori ancora!

  • Non so se quello che leggerete risulterà insulso, banale, inutile, scontato ecc. ma la mia impressione è che anche noi, che scriviamo su questo blog, spesso cadiamo nella trappolina dell’ego. Se qualcuno esprime qualcosa che non condividiamo, ecco che ci scagliamo contro, usando termini che nascondono aggressività, facciamo polemica, battibecchi o giochini, rispondiamo come bambini indispettiti. Tutto questo serve a qualcosa e a qualcuno?

    Riguardo al post di Claudio, in parte condivido il suo pensare in parte no. Per quanto mi riguarda i giornali non li compro più da anni, ma li leggo uguale. Se ci pensate comprarli è un’inutile spreco di carta, visto che si possono leggere on line e senza necessariamente doversi abbonare. Stamane un amico mi ha girato il numero di oggi de Il Fatto (certo i 4 trafiletti a pag 14, sulla Hilton, Elisa ed altre due persone a me sconosciute, non li trovo interessanti, ma potrebbero esserlo per qualcun altro, per cui si può decidere di non leggerli o dopo averli letti pensare quello che si crede), ma molti altri articoli meritano di essere letti. I giornalisti che scrivono sul Fatto mi sembrano che abbiano deciso di fare una scelta professionale ed etica diversa da altri. Ma con la fame di lavoro che c’è, la voglia di arrivare (chissà dove poi?), il bisogno di adulare il padrone perché così ci si sente investiti di un ruolo, il bisogno di apparire attraverso lo scoop dell’anno e le motivazioni sono infinite, non mi sento neanche di giudicare chi opera altre scelte. D’altronde nessuno ci obbliga a leggere certi quotidiani o riviste e comunque la libertà di pensare ancora l’abbiamo tutti.

    Vi lascio con alcuni aforismi di Carl W. Brown sul giornalismo:

    I giornalisti di destra criticano i programmi e le idee di sinistra, e viceversa; è una confusione unica; ma vi è una cosa ben certa, gli alti stipendi dei giornalisti, sia di destra, sia di sinistra.

    Salvo rare eccezioni la stampa non ha altro scopo che aumentare il potere dei pochi, avvilendo la dignità dei molti.

    I giornali buoni sono pochi, su questi giornali gli articoli buoni sono ancora di meno, chi li legge è un numero esiguo, tra questi solo alcuni li capiscono e la maggior parte di questi poi se li dimentica subito . Ah, la sociologia della letteratura !

     

     

     

     

     

     

     

  • “Il vecchio George Orwell aveva capito tutto, ma al rovescio.
    Il Grande Fratello non ci osserva.
    Il Grande Fratello canta e balla.
    Tira fuori conigli dal cappello.
    Il Grande Fratello si dà da fare per tenere viva la tua attenzione
    in ogni singolo istante di veglia.
    Fa in modo che tu possa sempre distrarti.
    Che sia completamente assorbito.
    Questo significa lasciarsi imboccare, ed è peggio che lasciarsi spiare.
    Nessuno deve più preoccuparsi di cosa gli passa per la testa,
    visto che a riempirtela in continuazione ci pensa già il mondo.
    Se tutti quanti ci ritroviamo con l’immaginazione atrofizzata,
    nessuno costituirà mai una minaccia per il mondo.”
    Ninna nanna – Chuck Palahniuk – 2003

  • Ecco i classici Battibecchi Nati da chi vuole mostrare la Verità e chi vuole impedirlo! Mia Madre non guarda “AnnoZero” proprio per questo: Gente che non fa altro che litigare e poi aggiungeteci che certe persone sono così maleducate che non fanno finire di parlare. Risultato: Voci accavallate e non si capisce niente di quello che si dicono. Un esempio: Mavalà Ghedini contro Di Pietro. Di Pietro ha avuto l’accortezza di lasciare parlare Ghedini facendo finire il suo intervento. Mentre Di Pietro parlava, Ghedini non gli faceva finire il discorso dicendo, da Bravo Leccasedere, che le parole di Di Pietro sul premier erano tutte bugie che in realtà erano VERE!!!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi