Il Ministero del Lavoro vieta Byoblu.Com

Mi giungono sempre più numerose le segnalazioni dell’oscuramento di www.Byoblu.Com nei posti dove l’informazione libera, quella davvero libera, evidentemente non deve arrivare.
Qualche giorno fa mi ha scritto una famiglia di aquilani, ospiti della caserma della Guardia di Finanza dopo il tragico evento del terremoto. Erano soliti accedere a questo blog dalla rete wireless messa a disposizione dalla struttura. All’improvviso è stato loro impedito sia l’accesso a Facebook sia a byoblu.com. Alle loro rimostranze è stato risposto che “i siti illegali sono vietati“.
Oggi mi scrivono dal Ministero del Lavoro. Il blog è stato oscurato. Non Grillo e non Voglio Scendere: solo www.byoblu.com. Appare evidente che il profondo legame che unisce questo sito alle vicende del terremoto, soprattutto grazie alle inchieste che hanno portato alla luce questioni estremamente scomode, come la famosa intervista a Stefania Pace o la recente ricostruzione sull’intervista censurata dalla RAI una settimana prima del forte sisma, deve essere spezzato con ogni mezzo.
E’ molto plausibile che la caserma della Guardia di Finanza di L’Aquila e il Ministero del Lavoro non siano gli unici luoghi dove questo blog è sgradito. Chiunque lavori nelle amministrazioni pubbliche e noti una evidente disparità di trattamento tra www.byoblu.com e gli altri blog di informazione, me lo segnali prontamente. In gioco non c’è solo la libertà di informazione, ma anche la sicurezza di migliaia di cittadini italiani e il loro diritto a scegliere.
Chiedo a tutti di chiedere serie e compiute spiegazioni alla segreteria del Ministro Sacconi: segreteriaMinistroSacconi@lavoro.gov.it, così come ad ogni altra struttura che oscura l’informazione libera arrogandosi il diritto, ancora una volta, di decidere al posto nostro quello che dobbiamo sapere e perfino quello che dobbiamo pensare.
L’Aquila evidentemente non è bastata.

81 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Io suggerisco di impostare OpenDNS ( http://www.opendns.com/ ) sui propri PC. Non è un’operazione difficilissima, ma neanche delle più semplici per chi non se ne intende neanche un minimo di PC. Ad ogni modo, impostando OpenDNS sulla propria macchina (PC o Router che sia) si aggira quasta censura. Funzionò anche con il caso ThePirateBay, ricordi? Se vuoi, posso fare un tutorial passo passo, con tanto di immagini, che spiega come fare. Fammi sapere, spero di essere stato utile, a presto 🙂

    • Ciao,sono molto interessato a questo opendns,ma non ho capito come funziona,se hai tempo di spiegarmelo te ne sarei grato!!perche non riesco a trovare sul mio router (che nella lista non cè) il settaggio di DNS,ma trovo solo DDNS ma il servizio è attivo solo su www.dyndns.org and http://www.tzo.com.

      Ho un Sitecome 606-WL

      Grazie!

       

      Per quanto riguarda Claudio,non ti fermare..continua cosi…NESSUNO CI Fà PAURA!!

  • Lo sapevo, lo sapevo!questo paese diventa ogni giorno più inquietante. Mettere le mani sulla rete e sull’informazione che ancora non possono toccare, è il loro sogno…quando ieri parlavo di “cani sguinzagliati” per la “difesa” della scienza ufficiale, mi riferivo a questo. All’accanimento -perdona il gioco di parole- contro il pensiero e la ricerca libera, alla continua opera di screditamento e, alla fine, ad azioni massicce e pericolose come questa. L’oscuramento del tuo sito è la prova di quello che io penso dal 6 aprile (anzi da un po’ prima, visto che ho vissuto in prima persona tutta la farsa della “commisione grandi rischi” e della tattica “non c’è nessun allarme”), ovvero: il terremoto all’Aquila, o meglio, tutte le 300 vittime, le case e gli edifici pubblici distrutti, gli sfollati a cui non danno,ora, il diritto di parlare, sono serviti per un loro tornaconto personale…..e di te, Claudio, o meglio, lasciamelo dire, di NOI, hanno paura.

  • decisamente inquietante… ma non c’è nessuno che si ribella ai diktat del padrone? nessun pubblico ufficiale che riesce a ragionare con la propria di testa? E poi siti illegali? Facebook e Byoblu? in base a quali norme?

  • Che paese che è diventato questo. Tra un po oscureranno direttamente il web in italia.

    Nel caso dovessi essere oscurato in che modo possiamo fartelo sapere..? c’è un indirizzo email pubblico a cui è possibile scriverti..? (nel caso sparissi misteriosamente anche da facebook, youtube etc…)

    cmq, continua così sei grande e aspettiamo il DVD

     

     

    • Stiamo parlando di reti private, interne a istituzioni come i ministeri. Tra l’altro sembrerebbe che abbiano fatto lo stesso anche al Ministero della Giustizia. In questi computer spesso gli utenti non hanno diritti di amministrazione, e dunque se c’è da installare qualsiasi cosa, come TOR, a parte il non saperlo fare, non possono.

  • potrebbe essere che oscurano il sito ma potrebbe anche essere che hanno installato un software tipo websense per limitare gli accessi a siti non competenti all’attività lavorativa. Byoblu ed anche il mio blog vengono filtrati da alcune importazioni di websense. È possibile, in parte, raggirarle tramite google, si va nella funzione traduzioni e si scrive il sito a cui accedere. Si indica una traduzione senza senso (per es. Da russo ad italiano) e l’accesso ai testi del sito nella maggior parte dei casi viene effettuata da google che bypassa i controlli di websense.
  • Claudio,è inquietante,ti siamo tutti vicini e non ti molliamo,e,se ti chiudono questo blog,NOI ti seguiremo su un altro,un altro ancora e dieci milioni,se necessario,ma certamente non ti lasceremo solo!

    E,poi,con quali accuse chiudono byoblu? Sito illegale??? Non mi pare proprio che si sia mai vista una foto osè,dei maltrattamenti,razzismo,sostanze illegali,organizzazioni criminali e quant’altro.

    • Beh no perché la censura sarà sicuramente nel dns e quindi l’ip del sito byoblu sarà in una blacklist. Si può aggirare cambiando dns (ecco perché ho suggerito opendns). Poi magari mi sbaglio e la censura è solo nel router che blocca il dominio e non l’ip. Spero di sbagliarmi così sarà tutto più facile.

  • viscido ha scritto :
    Beh no perché la censura sarà sicuramente nel dns e quindi l’ip del sito byoblu sarà in una blacklist. Si può aggirare cambiando dns (ecco perché ho suggerito opendns). Poi magari mi sbaglio e la censura è solo nel router che blocca il dominio e non l’ip. Spero di sbagliarmi così sarà tutto più facile.

     

    che c’entra il dns, mica serve in questo caso

  • Per favore diteci cosa possiamo fare, perchè vogliono oscurare questo sito? Di cosa hanno paura? Noi aquilani lo sappiamo che in molti hanno taciuto riguardo la scossa del 6 aprile e qualcuno si porterà sulla coscienza tutti qui morti. Le voci circolano in tutta la città, lo stesso Bertolaso ha detto che parlerà il 31 dicembre e a questo ci pensa ogni giorno. Io non vado a dormire se prima non vedo l’intervista a Giuliani di Claudio. Non molliamo!

  • Allora, caro Claudio, io sono all’Aquila, ed il blog, come twitter, facebook, you tube, ecc… li vedo. Non sò se si tratti da come “smanetto” con il pc, comunque , visto che seguo la vicenda in prima persona e da “sempre”, una cosa la vorrei dire. Mi sono documentato ritrovando tutti i vari ricercatori, che negli anni, hanno sperimentato il sistema del radon come precursore sismico. Devo dire che sono davvero molti e diversificati, negli anni, nei paesi e nelle modalità, ma tutti, indistintamente, hanno messo a disposizione della rete i loro studi in prima persona, chi dicendo che le percentuali di “predire” avvenimenti simici si aggirano intorno al 50%, chi al 70%, chi al 30%, e così via , fino alla pubblicazione di un emerito scienziato giapponese, che afferma, dopo 30 anni di studi, che il radon non può essere un precursore sicuro. Ma tutti, dico tutti hanno messo in chiaro modalità ed uso. Ora il punto non è neppure questo, perchè io credo che se il sig Giuliani fosse un tantino più sicuro e presente nelle sue affermazioni, rendendole pubbliche in primis,  come nei processi, se ci sono delle discrepanze nelle dichiarazioni, è logico che vanno a suo sfavore. Quindi, prendendo atto che non si può e ne si deve oscurare un sito se non ci sono sicuri motivi che compromettono l’ordine pubblico, si spinge a far credere che chi è al potere, ne fa un uso improprio di questo potere. Questo, giuridicamente, è tanto perseguibile  come  l’allarme stesso. Ossia, l’oscuramento di un fatto, se non comprovato da dati che ne chiariscono la  sua pubblica pericolosità, stà sullo stesso piano dell’allarme. Ora io credo  si tratti meramente di un fatto politico. Si intravedono personaggi pubblici e si è impostato tutto questo metodo, la sua bontà, la sicurezza delle persone, ad una risposta politica, e questo non è corretto. Voglio dire, il terremoto, la sicurezza, la chiarezza delle proprie opinioni, quando si trattano temi così importanti, non sono e non devono essere politicizzati. Se ci sono mancanze istituzionali e se ne è completamente sicuri, ci si rivolge ai giuduci, non si cavalca l’opinione pubblica come un cavallo di troia. Stiamo parlando della vita e della morte di taluni, quindi ribadisco che sia te Claudio, che Giuliani, se siete sicuri di stare nella ragione, avete le prove provate di questo, non dovete fare altro che rivolgervi ad un bravo avvocato. C’e nè molti, in associazioni, che vi tutelerebbero  gratuitamente, se questo è giusto. Sono stato chiaro? Se Giuliani vuole che si salvino persone con il suo metodo, deve primaditutto operare giornalmente, in tutti i momenti ed in prima persona, altrimenti sembra che si vada cercando, nei ritagli di un lavoro in un ente come l’INFN, di ottenere consensi pubblici attraverso l’uso strumentale della paura degli stessi, al fine del conseguimento di oneri e finanziamenti. Chiaro? Questo non deve assolutamente accadere, come non deve accadere che si tenti d’oscurare una libera espressione di un progetto, che deve essere resa pubblica e libera. Concludendo, seguta il buon lavoro, che hai dimostrato di saper fare, ma esula la tua informazione, di qualsiasi dubbio di faziosità politica, vedrai che tutto andrà per il meglio. Il sig Giuliani, come credo abbia fatto, registri il suo metodo, tu Giampaolo, stipula un chiaro contratto con quest’ultimo, al fine di divulgatore. Tutti te ne saremo grati, tutti più sicuri, tutti tutelati dal fatto che il tuo messaggio serale, è svincolato da qualsiasi tipo di plagio. Vogli altresì dichiarare, che in questi casi, come per tutta la nostra situazione politico-sociale, se ci troviamo a questo punto, è merito di chi crede che la verità è di sinistra o di destra, così si finisce nelle mani della mafia. Spero che sguiterai il tuo ottimo lavoro, sperando che questo messaggio lo legga anche la controparte, le persone ne hanno ben piene le palle di questi giochetti.

    Buon lavoro.

    daniele.

    • Scusate gli errori di battitura, fretta e tastiera…Sia chiaro che per quel che mi riguarda,  può essere un buon metodo. Dacci la possibilità di giudicare, non solo dubbi, così pure lo devono fare le istituzioni preposte. Io ti ho acclamato quando sei andato al convegno con il sig. Borsellino. […]

  • Giakys ha scritto :
    Ciao,sono molto interessato a questo opendns,ma non ho capito come funziona,se hai tempo di spiegarmelo te ne sarei grato!!perche non riesco a trovare sul mio router (che nella lista non cè) il settaggio di DNS,ma trovo solo DDNS ma il servizio è attivo solo su www.dyndns.org and http://www.tzo.com.Ho un Sitecome 606-WLGrazie! Per quanto riguarda Claudio,non ti fermare..continua cosi…NESSUNO CI Fà PAURA!!

     

      ho trovato qst blog..spiega molto bene..ti può esser utile anche x altri problemi.. ciao Tanja 

     

    Installare Ed Utilizzare Opendns

    http://aranzulla.tecnologia.virgilio.it/installare-ed-utilizzare-opendns-711.html

  • byoblu ha scritto :
    Stiamo parlando di reti private, interne a istituzioni come i ministeri. Tra l’altro sembrerebbe che abbiano fatto lo stesso anche al Ministero della Giustizia. In questi computer spesso gli utenti non hanno diritti di amministrazione, e dunque se c’è da installare qualsiasi cosa, come TOR, a parte il non saperlo fare, non possono.

    Giusto, io pensavo a qualcuno connesso con il proprio pc alla rete del ministero e non con i pc del ministero connesso alla rete dei ministero. Se sono utenti con privileggi limitati non possono cambiare DNS.

    Non so se con questo servizio si possa aggirare il blocco: http://anonym.to/en.html

    Ad ogni modo TOR si può installare su una chiavetta USB, il problemma è che potrebbe intasare la rete..

    Si potrebbe risolvere con una mail list su cui ricevere gli articoli, senza così doversi collegare a byoblu. La butto li come idea, mi è venuta così…

  • Per chi volesse usare “OpenDNS” segnalo questa guida. L’oscuramento di FB nella pubblica amministrazione dimostra ancora una volta quanto siano retrogradi i nostri politici e in particolare l’uomo delle faccine Brunetta. FB è un ottimo strumento per fare marketing, ma potrebbe essere utilizzato anche per mettere in comunicazioni gli uffici della pubblica amministrazione. Ha il vantaggio rispetto a Skype di non richiedere molto banda.

    Invece, l’oscuramento di Byoblu dimostra che sul terremoto di L’Aquila non ci hanno detto tutta la verità. Stanno cercando in tutti i modi di insabbiare tutto.

  • Se mai dovessero chiudere il blog io dico che sarebbe il caso di scendere in piazza (non per il blog in se’ ma per il gesto, non me ne voglia claudio che lo stimo!) e iniziare a ribellarci visto che molti si stanno rompendo le p***e di queste continue limitazioni da parte dei politici.

  • C’era da aspettarsela una reazione del genere,le inchieste di byoblu sono roventi e soprattutto l’ultimo video sul terremoto…le responsabilità di Bertolaso e altri “esperti” sono palesi ma insabbiate,e il video “7 giorni” è di fatto una pala che porta alla luce un qualcosa che deve rimanere sepolto…

    Quello che possiamo fare noi della rete,è divulgare queste verità in modo che la rete intrappoli qualche pesce grosso…e non sia la dipartita di qualche sano e pulito pesce piccolo…

    Claudio,continua a usare la tua preziosa pala e portaci ancora altri reperti…tutti insieme ti daremo forza per scavare.

  • Che dire, ho inviato una email di protesta, e naturalmente condiviso la notizia su FB……  cmq il fatto dimostra che ormai sono disperati….. stanno cercando di svuotare l’oceano con uno scolapasta….Internet e il progresso semplicemente non si possono fermare.

  • Byoblu è informazione libera privata che svolge un servizio pubblico…sicuramente per chi vuole disinformazione “sismica”… è un qualcosa di scomodo…Esprimo la mia totale solidarieta’ per i recenti oscuramenti. Probabilmente non si vogliono sentire le voci “fuori dal coro” in barba alla democrazia.

    Ritengo tralaltro i video e i vari aggiornamenti sismici, posti con estremo garbo, massima cautela e basati su dati oggettivi riscontrati con rilevatori del radon. Un apprezzamento a Claudio e Giampaolo per cio’ che fanno.

    Diffondiamo byoblu sulla rete e sosteniamolo!

     

  • impdan ha scritto :
    Byoblu è informazione libera privata che svolge un servizio pubblico…sicuramente per chi vuole disinformazione “sismica”… è un qualcosa di scomodo…Esprimo la mia totale solidarieta’ per i recenti oscuramenti. Probabilmente non si vogliono sentire le voci “fuori dal coro” in barba alla democrazia.Ritengo tralaltro i video e i vari aggiornamenti sismici, posti con estremo garbo, massima cautela e basati su dati oggettivi riscontrati con rilevatori del radon. Un apprezzamento a Claudio e Giampaolo per cio’ che fanno.Diffondiamo byoblu sulla rete e sosteniamolo! 

     

    ….sì sì…sosteniamolo ma prima compriamogli un pigiama nuovo così da potersi cambiare visto che i suoi video degli aggiornamenti sembrano tutti uguali

  • Ragazzi.

    Devo dire purtroppo che ne ho sentite davvero di tutti i colori. I blocchi che vengono messi in atto nelle PA, purtroppo, NON SONO DEL TIPO DNS-POISONING. Questi tutta la discussione su “open dns” poco porta.

     

    Il Dns poisoning viene utilizzato, ad esempio, contro i siti di gioco d’azzardo “esteri”, operazione “imposta” ai provider con sentenze ed agggirabile con il “trucchetto” di opendns.

     

    Per chi invece lavora in certi posti, come puo’ essere il ministero del lavoro, o un altra PA, la cosa cambia radicalmente. Infatti il blocco viene attuato a livello di proxy e su quello il caro “open dns” puo’ poco, anzi, non puo’ proprio nulla. Senza contare il fatto che solitamente da certe intranet ‘e impossibile fare query dns al di fuori della intranet stessa.. quindi anche opendns non funziona.

     

    Se la rete e’ organizzata all’acqua di rose e’ un conto… ma se e’ messo in piedi un sistema “serio”… o hackerate il proxy (con tutte le conseguenze personali che potrebbe comportarvi) o vi attaccate.. al proxy !

  • certo in ke paese viviamo ,nemmeno al tempo dell’impero romano esisteva una censura simile! e non è una battuta…!

    Beh che dire Claudio noi siamo dalla tua parte, sui campi dove vivono i terremotati la rete x fortuna arriva su byoblu, ti consiglio quando vuoi di andare a visitare il campo di san gregorio, il + grande della croce rossa!Si trova 1,5 km + giù del paese onna(ss17), lì il campo rimarrà tutto l’inverno, il paese nn sarà ricostruito e da come so addirittura vogliono spostarlo(il paese)!.

  • Secondo me oscurare un blog che informa è una vera cavolata.Io sono una ragazza abbruzzese che ha vissuto la paura del terremoto,nessuno può sapere(hi non ha vissuto questa cosa brutta) cosa significa perdere parenti,amici e fidanzato sotto le macerie solo perchè nessuno ci ha informati.Spero che l’oscuramento non avvenga.Grazie Claudio e Giampaolo per quello che fate e sono sicura che  tutti noi saremo con voi!

  • Ciao, non si può aggirare la cosa creando un blog semplice e su una piattaforma gratuita dove trasferire tutti gli articoli del blog ? e se viene censurato anche quello si chiude e se ne apre un altro ?

    Per esempio creare un account su una piattaforma, importare tutti gli articolo e chiamare il blog   byobluN.(piattaforma)   dove N va da 1 a N volte che sarà censurato … così una volta che si diffonde la notizia sarà possibile alla gente cercare byoblu1 byoblu2 ecc su google se non si saprà la piattaforma …

    è una cavolata ? ? 

  • ggca ha scritto :
    ma nei vari uffici pubblici non si dovrebbe lavorare o si viene pagati per navigare in internet ?per dire eh   

    e in questo caso che senso avrebbe chiudere alcuni siti si ed altri no, senza pertinenza con l’attività lavorativa?

    • siccome io le tasse le pago e non parassito lo stato mi piacerebbe che i dipendenti statali lavorassero, tanto per la precisione

      Vedo che tutti si arrovvelano per trovare un sistema per non fare una beata fava e perdere tempo in internet

      I grandi problemi dell’Italia,,,

      mi ricorda la famosa gazzetta dello sport di fantozzi e colleghi.

       

       

  • =D a chi altro  devo mandare le email??

    so che non risponderanno come hanno sempre fatto sti furfanti…..ma 1 a 0 per byoblu e comunque se chiude il blog

     

    basta che il nostro beneamato giornalista abbia i backup di tutti i suoi articoli… ce le inoltri per posta e  saremo noi stessi a pubblicarli suo nostri rispettivi blog

  • Nell’articolo si scrive:

    Chiedo a tutti di chiedere serie e compiute spiegazioni alla segreteria del Ministro Sacconi: segreteriaMinistroSacconi@lavoro.gov.it, così come ad ogni altra struttura che oscura l’informazione libera arrogandosi il diritto, ancora una volta, di decidere al posto nostro quello che dobbiamo sapere e perfino quello che dobbiamo pensare.

    Il Ministro o chi per lui, non si arroga nessun diritto. Semplicemente dal posto di LAVORO non è possibile raggiungere questo sito…così come altri tipo Face Book,
    Twitter, Youtube, etc. poichè al lavoro si dovrebbe soprattutto lavorare e, per rispondere a Francy, è possibile che molti altri siti siano raggiungibili solamente perchè giudicati potenzialmente utili all’attività lavorativa.

    Da casa propria poi, uno fa quello che gli pare…. non fatevi strumentalizzare politicamente da quello che leggete qui…non c’è scritto che vogliono chiudere il sito, ma solamente precluderne l’accesso da un Ente pubblico..e non mi sembra nemmeno a torto…visti i continui attacchi al Governo proprio da qui!

    Saluti.

    • Non ci posso credere. Hai detto:

      “Da casa propria poi, uno fa quello che gli pare…. non fatevi strumentalizzare politicamente da quello che leggete qui…non c’è scritto che vogliono chiudere il sito, ma solamente precluderne l’accesso da un Ente pubblico..e non mi sembra nemmeno a torto…visti i continui attacchi al Governo proprio da qui!

      Quindi stai dicendo che se un sito critica il governo, il governo deve impedirne l’accesso ai dipendenti pubblici? Vi prego, svegliatemi perchè evidentemente sto facendo un incubo.

      Secondariamente, per rispondere alla tua prima affermazione, ritieni che il blog di Marco Travaglio o il blog di Beppe Grillo siano più funzionali all’attività lavorativa rispetto a Byoblu.Com? O, per continuare sulla tua logica censorea, che attacchino di meno l’operato del governo?

      Sono allibito.

    • Insomma secondo il tuo ragionamento ad es. chi lavora al Ministero dell’Economia può accedere a tutti i siti internet che possono tornare utili nella sua attività,mentre se ha la rete senza vincoli finisce per essere un carbonaro??E se volesse andarsi a leggere la versione web dell’Economist che 9 volte su 10 prende per i fondelli la nostra politica economica,che fanno?lo licenziano?

      Parlate di quelli che passano il tempo a chattare,non della gente che vuole informarsi!!

  • RoyalHawk ha scritto :
    Nell’articolo si scrive:Chiedo a tutti di chiedere serie e compiute spiegazioni alla segreteria del Ministro Sacconi: segreteriaMinistroSacconi@lavoro.gov.it, così come ad ogni altra struttura che oscura l’informazione libera arrogandosi il diritto, ancora una volta, di decidere al posto nostro quello che dobbiamo sapere e perfino quello che dobbiamo pensare. Il Ministro o chi per lui, non si arroga nessun diritto. Semplicemente dal posto di LAVORO non è possibile raggiungere questo sito…così come altri tipo Face Book, Twitter, Youtube, etc. poichè al lavoro si dovrebbe soprattutto lavorare e, per rispondere a Francy, è possibile che molti altri siti siano raggiungibili solamente perchè giudicati potenzialmente utili all’attività lavorativa.Da casa propria poi, uno fa quello che gli pare…. non fatevi strumentalizzare politicamente da quello che leggete qui…non c’è scritto che vogliono chiudere il sito, ma solamente precluderne l’accesso da un Ente pubblico..e non mi sembra nemmeno a torto…visti i continui attacchi al Governo proprio da qui!Saluti.

    a quanto leggo da Claudio, grillo ad esempio è visibile: è utile all’attività lavorativa? boh, sto solo cercando di capire

    è anche vero però che per chi sta in abruzzo, quella è casa, purtroppo, non lavoro

  • ggca ha scritto :
    siccome io le tasse le pago e non parassito lo stato mi piacerebbe che i dipendenti statali lavorassero, tanto per la precisioneVedo che tutti si arrovvelano per trovare un sistema per non fare una beata fava e perdere tempo in internetI grandi problemi dell’Italia,,,mi ricorda la famosa gazzetta dello sport di fantozzi e colleghi.  

    ripeto perchè grillo si? e ripeto, per gli abruzzesi quella è casa, non lavoro

    • tu hai la sicurezza che non sia stato un fault del sistema, tu hai l’assoluta certezza che questo blog sia stato blacklistato e altri no.

      pensa che dementi, lasciano leggere e commentare un gruppo tipo uccidiamo berlusconi e filtrano questo

      al ministero del lavoro lavorano solo terremotati? eh non credo

       

       

  • Giusto ieri ho ascoltato un servizio-propaganda relativo al ragazzino e a tutti i commentatori della sua pagina di fb che giorni fa ha proposto di trovare qualcuno disposto a piantare una pallottola in testa al presidente del consiglio.Si sono levati cori unanimi di condanna,fino alla dichiarazione del Ministro Maroni in cui si faceva presente che sarebbe stato denunciato tanto il ragazzino quanto tutta la gente che aveva commentato il suo post.

    Va da sè che certi spropositi purtroppo sono insiti nella rete…tradotto in parole povere: la madre dei cretini è sempre incinta.Sinceramente non mi ha preoccupato tanto il fatto di per sè,sicuramente condannabile,quanto una specie di annuncio per una crociata del governo alla rete definita “libera di far circolare informazioni diffamatorie”.

    Oggi torno nel blog e leggo questo.Però!!!Quando si tratta di proteggere i propri interessi riescono a fare le cose con estrema velocità!!!C’è da restare basiti.Questo blog più di altri ha dato spazio agli scandali del terremoto aquilano e siccome proprio a partire dai suoi reportage per un velocissimo passaparola la magistratura è arrivata a iscrivere nel registro degli indagati “gli insospettabili” amministratori del bene comune,ecco qui la soluzione.60 anni fa erano i libri.Adesso,con grande risparmio di legna da ardere,basta solo oscurare un sito internet.E’ fin troppo scontato dire che se non avessero nulla da nascondere fb e byo blu non sarebbero siti “illegali”…si sa…il limite tra legalità e illegalità è così sottile che,avendo i giusti consensi e i giusti mezzi,diventa praticamente nullo.

    Per il resto mi unisco al coro dei “tieni botta!” perchè c’è tanto bisogno di spazi come questo e di gente in grado di farlo vivere.Inutile dire che lascio la mia disponibilità per qualsiasi iniziativa,a partire dall’email a Sacconi.

     

  • byoblu ha scritto :
    GGCA, stai fuori strada. Quello che dici tu è una cosa, quello che è successo è un’altra.Se al Ministero oscurano tutti i siti non utili all’attività lavorativa, possiamo essere d’accordo o meno, ma il ragionamento fila.Se al Ministero oscurano solo un blog, e gli altri ci sono tutti, allora il ragionamento non fila più, ed evidentemente il motivo non è quello di oscurare i siti che esulano dal contesto lavorativo.Ergo, te lo ripeto, stai approcciando il discorso da un lato generalista senza tenere conto della speficifità del punto. Invece chiediti: cos’ha di speciale byoblu.com che gli altri blog non hanno, ragione per cui va oscurato?

    Basarsi solo sul sentito dire non è proprio autorevole, in una struttura informatica enorme le variabili sono infinite ed arrivare a dire con precisione e dimostrare tecnicamente che il tuo blog è stato filtrato ce ne corre.

    il gruppo FB “uccidiamo berlusconi” era libero e il tuo blog no? non perdiamo di vista le proporzioni…

  • byoblu ha scritto :
    Un fault del sistema?Adesso si chiama così…?Ma per favore.

     

    Mesi fa grillo disse che google lo aveva censurato, immancabilmente si rivelo’ una cazzata, semplicemente stavano facendo manutenzione

    Di passaggio vorrei informarti che sei citato su straker enemy, in modo non proprio lusinghiero ma , sei in buona compagnia con grillo et altri

     

     

     

    • Ecco la citazione:

      “Con viva sorpresa, ieri abbiamo scoperto che Claudio Messora, recalcitrante ad occuparsi di scie tossiche, ha pubblicato un editoriale dove, pur non trattando lo spinoso tema, rimpiange i tempi in cui “il cielo era una tela azzurra senza scie bianche”. Intendiamoci: Messora è uomo intelligente e se, fino ad ora, non ha affrontato l’argomento, è per il timore delle aggressioni perpetrate dai triviali disinformatori. E’ chiaro che, aprendo le finestre al mattino, Messora constata lo scempio chimico. Tacere va bene, ma fingere che tutto sia normale è molto più difficile. Non so quanti lettori abbiano colto l’allusione alle chemtrails, magnetizzati da altri contenuti del testo scritto da Messora, non tutti condivisibili, ma efficacemente raggrumati in uno scenario che ricorda la sfigurata, orrida pittura di Francis Bacon. Che il blogger di Byoblu accenni alle manipolazioni atmosferiche è comunque un buon segno. E’ l”indizio di un cambiamento di rotta, benché probabilmente tardivo, poiché il tempo corre inesorabile.”

      Non mi sembra non molto lusinghiero, a meno che “Intendiamoci: Messora è uomo intelligente” non sia ironico.

  • byoblu ha scritto :
    Basarsi solo sul sentito dire non è proprio autorevole,Cosa ti fa credere che io mi stia basando sul sentito dire?in una struttura informatica enorme le variabili sono infinite ed arrivare a dire con precisione e dimostrare tecnicamente che il tuo blog è stato filtrato ce ne corre.Ho lavorato dieci anni in decine di “strutture informatiche”. Conosco gli amministratori di sistema, ho fatto, tra le altre cose, anche quello. Credi che i blog cadano per caso nei filtri, o che i sistemi di ban prendano iniziative di tipo personale, da un giorno con l’altro?il gruppo FB “uccidiamo berlusconi” era libero e il tuo blog no? non perdiamo di vista le proporzioni…Questo mi fa capire che stai un po’ sottovalutando la portata delle notizie che sono uscite da questo blog, nonchè non mi sembri molto perspicace nel distinguere le notizie davvero pericolose dalle bravate goliardiche che non minacciano nessuno e servono al sistema per far starnazzare i suoi tromboni contro la rete.Secondariamente, siccome sei così informato saprai benissimo che una cosa è filtrare un sito, ovvero un nome di dominio o un indirizzo IP e tutto ciò che ad albero ne discende, altro è filtrare una singola pagina parametrizzata all’interno di un sito come Facebook, che non può essere oscurato tutto (a meno di non prendere una ben precisa e chiassosa decisione). Filtrare un singolo gruppo presenta molte più difficoltà rispetto a togliere di mezzo un dominio inopportuno.Per il resto, consentimelo, vorrei essere ingenuo come te. In ogni caso stiamo attivandoci per recuperare le circolari, se ce ne sono state, e per chiedere spiegazioni ufficiali.

    immagino avrai i log quindi che dimostrino che il tuo blog era blacklistato, ovviamente uno ss “pagina non trovata” si ottiene staccando il cavo e non è molto provante.

    senza dati certi posso pensare che Cthulhu si sia incazzato con il to blog o che le bollicine di minerale ti vogliono male

    sono abituato a ragionare sui dati

     

     

     

    • Ecco il tuo problema. Ragioni troppo sui dati. Se un certo numero di utenti, da luoghi diversi, ministeri diversi, caserme della guardia di finanza improvvisamente smettono di accedere a Byoblu.Com, non ho bisogno di ragionare sui dati. Specialmente dopo avere scoperto e dimostrato di che pasta è fatto il potere che controlla queste strutture, e di cosa è stato capace.

      Ti invidio, hai ancora una visione delle cose rassicurante.

    • Per tua informazione, da dopo la pubblicazione del video “/ giorni: la videocassetta che uccide”, non sono più stato in grado di navigare in maniera soddisfacente quando sono in Abruzzo, con la chiavetta. Prima era una scheggia. Ora è diventato impossibile.
      Contestualmente, mi riferiscono da Pescara che Byoblu.Com è il solo sito che fa difficoltà ad aprirsi, mentre altri blog di informazione vanno come schegge. Ovviamente, nello stesso istante io accedo da Milano e anche byoblu.com va come una scheggia.

      Ora, giustamente, vorrai prima farti consegnare tutti i tabulati sul traffico, i log dei server, i passaggi sui punti di hop, le certificazioni tecniche degli apparati di rete della Cisco, quelle sui cavi per verificare la conformità e gli standard di produzione e così via.

      Io invece penso male: penso che così come si è dimostrato che, da Tavaroli per la Telecom a quell’altro tizio in Wind, sappiano bene come fermare la “libertà di informazione” in rete, senza tanto can can.

      Sei libero di pensarla diversamente.

  • Ma sbaglio o sia gli alti (si fa per dire ormai!) dirigenti della Protezione civile -è lecito chiedersi se ancora organizzata e gestita da persone civili?- sia quelli dell’ingv sono attualmente sotto inchiesta da parte della magistratura?…spero non ne caveranno facilmente le gambe…anche se ormai sta diventando talmente retorico e troppo reiterativo dirlo!…siamo in Italia e, si sa bene, rimangono ancora impuniti i veri mandanti dello stragismo degli anni della famosa “trattativa”…figuriamoci questi che potranno  continuare a giustificarsi dicendo: “il terremoto è un fenomeno naturale, difficile e sofisticato da prevedere!”.

    ED IN GIAPPONE E CALIFORNIA QUINDI SONO PIU’ SCEMI?

  • byoblu ha scritto :
    Ecco la citazione:”Con viva sorpresa, ieri abbiamo scoperto che Claudio Messora, recalcitrante ad occuparsi di scie tossiche, ha pubblicato un editoriale dove, pur non trattando lo spinoso tema, rimpiange i tempi in cui “il cielo era una tela azzurra senza scie bianche”. Intendiamoci: Messora è uomo intelligente e se, fino ad ora, non ha affrontato l’argomento, è per il timore delle aggressioni perpetrate dai triviali disinformatori. E’ chiaro che, aprendo le finestre al mattino, Messora constata lo scempio chimico. Tacere va bene, ma fingere che tutto sia normale è molto più difficile. Non so quanti lettori abbiano colto l’allusione alle chemtrails, magnetizzati da altri contenuti del testo scritto da Messora, non tutti condivisibili, ma efficacemente raggrumati in uno scenario che ricorda la sfigurata, orrida pittura di Francis Bacon. Che il blogger di Byoblu accenni alle manipolazioni atmosferiche è comunque un buon segno. E’ l”indizio di un cambiamento di rotta, benché probabilmente tardivo, poiché il tempo corre inesorabile.”Non mi sembra non molto lusinghiero, a meno che “Intendiamoci: Messora è uomo intelligente” non sia ironico.

    metterei anche i commenti (che poi sono gli autori del sito)

    1)Byoblu ogni tanto da notizie, ogni tanto scade nel complottismo (sinonimo di minchiate, secondo il mio personalissimo dizionario). Quanto riportato da ‘o professore di ‘sto randazzo sta a metà: ok sul fatto che l’allungamento dell’età pensionabile è un mantra che spesso lascia il tempo che trova (anche se a dirlo in questo caso è Draghi, persona seria e che stimo) però di qui a dire – tra le righe – che si stava meglio quando s’era all’età della pietra ce ne corre. Tralascio le minchiate sul cielo e i tramonti.
    2)ecco un perfetto esempio di ambientalismo idiota

    3)Giusto per farsi 4 risate. Cito letteralmente da byoblu:

    “L’atmosfera diverrà calda, maleodorante e irrespirabile come l’aria intrappolata sotto alle coperte quando la pancia vi riversa il suo fiato nauseabondo.”

    Messori, piantala di scorreggiare.

    “Non stiamo aumentando la durata della vita, ma quella della morte.”

    La DURATA DELLA MORTE?

    e tralasciamo altre, e i vari ministeri tremano e blacklistano…

    • se i loro strumenti intellettuali sono limitati non è colpa mia. Bisogna avere un quantitativo minimo di neuroni per mettere in collegamento le metafore ed estrapolare l’informazione.

      Poi, ho una mia teoria: quando un commentatore si mette lì a scrivere di quello che scrivono gli altri, è perché non ha niente di suo da scrivere

      Grazie per la segnalazione

  • byoblu ha scritto :
    se i loro strumenti intellettuali sono limitati non è colpa mia. Bisogna avere un quantitativo minimo di neuroni per mettere in collegamento le metafore ed estrapolare l’informazione.Poi, ho una mia teoria: quando un commentatore si mette lì a scrivere di quello che scrivono gli altri, è perché non ha niente di suo da scrivereGrazie per la segnalazione

    eh si, son loro limitati

    li ho citati per completezza di informazione, non sei tu che va predicando il verbo di internet ergo non ho fatto altro che riportare roba che si trova su internet

    vuoi vedere che ora pure internet ha i suoi limiti come la tv il telegrafo e il tam-tam …

     

  • byoblu ha scritto :
    mi hai mai sentito dire che tutto quello che c’è in rete è cosa buona e giusta? Dove?

     

    hai tenuto concioni sulla presunta superiorità di questo mezzo su altri, ovviamente se tu avessi una tv il discorso lo ribaltersti.

    ma senti un pochino, all’arconte berluska contate (tu e i compagnucci della tua parrocchietta) anche i peli sul culo permetterai che io citi un sito di sparaballe (ad esser buoni) che ti nomina, o no?

    • hai tenuto concioni sulla presunta superiorità di questo mezzo su altri,

      Sì. Perchè è un mezzo dove ognuno fortunatamente ha ancora la libertà di esprimere e fare emergere quello che nei media viene regolarmente, nel migliore dei casi, deformato, e nel peggiore censurato.
      Il concetto che in rete fa la differenza è l’autorevolezza. L’autorevolezza te la conquisti quando non è possibile contraddirti con argomentazioni solide, o perlomeno non puoi essere sbugiardato. In televisione questa possibilità non esiste, perché è un mezzo a senso unico.
      La superiorità della rete non è nel fatto che non vi risiedano informazioni false o tendenziose, ma nel fatto che tu possa accedere anche alle altre e metterle in relazione, controbilanciandole. Se invece vuoi sostenere che questo avviene anche nei media tradizionali, dove 5 reti su 6 afferiscono alla stessa area politica, fai pure, ma per quel che vale (per te) la mia opinione, sei nuovamente fuori strada. Il fatto stesso che io sia qui a discutere con te, dovrebbe essere la prova che in rete esiste ancora la possibilità di un confronto diretto. Prova a fare questo con Minzolini.

      ovviamente se tu avessi una tv il discorso lo ribaltersti.

      questa è un’offesa gratuita. Presuppone che tu abbia elementi per giudicarmi un opportunista. Alle offese è meglio non replicare. Ti sarei grato se non facessi affermazioni di cui non hai prova.

      ma senti un pochino, all’arconte berluska contate (tu e i compagnucci della tua parrocchietta) anche i peli sul culo permetterai che io citi un sito di sparaballe (ad esser buoni) che ti nomina, o no?

      "tu e i tuoi compagnucci della tua parrocchietta" è un’altra affermazione offensiva di cui non hai alcuna prova. Presuppone che io non stia argomentando per un convincimento personale ma che sia parte di un gruppo che agisce collaborativamente e in maniera intellettualmente disonesta. Non hai nessuna prova di una cosa del genere e non si capisce neppure chi sia "la mia parrocchietta".

      Secondo: non ti ho mai impedito di citare un sito che mi nomina. Mi chiedi un permesso che nessuno ti deve dare, tanto che te lo sei preso e non sei stato cancellato. Dove ho scritto che hai fatto male? Mi sembra piuttosto che, al contrario, sia tu ad innervosirti se in risposta alla tua citazione mi difendo.

      Detto questo, mi sembra che le argomentazioni stiano scadendo nel ridicolo e nello sterile. Non so tu, ma io non ho molto tempo a disposizione. Ti lascio alle tue verità.

       

  • byoblu ha scritto :
    hai tenuto concioni sulla presunta superiorità di questo mezzo su altri,Sì. Perchè è un mezzo dove ognuno fortunatamente ha ancora la libertà di esprimere e fare emergere quello che nei media viene regolarmente, nel migliore dei casi, deformato, e nel peggiore censurato.Il concetto che in rete fa la differenza è l’autorevolezza. L’autorevolezza te la conquisti quando non è possibile contraddirti con argomentazioni solide, o perlomeno non puoi essere sbugiardato. In televisione questa possibilità non esiste, perché è un mezzo a senso unico.La superiorità della rete non è nel fatto che non vi risiedano informazioni false o tendenziose, ma nel fatto che tu possa accedere anche alle altre e metterle in relazione, controbilanciandole. Se invece vuoi sostenere che questo avviene anche nei media tradizionali, dove 5 reti su 6 afferiscono alla stessa area politica, fai pure, ma per quel che vale (per te) la mia opinione, sei nuovamente fuori strada. Il fatto stesso che io sia qui a discutere con te, dovrebbe essere la prova che in rete esiste ancora la possibilità di un confronto diretto. Prova a fare questo con Minzolin.ovviamente se tu avessi una tv il discorso lo ribaltersti.questa è un’offesa gratuita. Presuppone che tu abbia elementi per giudicarmi un opportunista. Alle offese è meglio non replicare. Ti sarei grato se non facessi affermazioni di cui non hai prova.ma senti un pochino, all’arconte berluska contate (tu e i compagnucci della tua parrocchietta) anche i peli sul culo permetterai che io citi un sito di sparaballe (ad esser buoni) che ti nomina, o no?”tu e i tuoi compagnucci della tua parrocchietta” è un’altra affermazione offensiva di cui non hai alcuna prova. Presuppone che io non stia argomentando per un convincimento personale ma che sia parte di un gruppo che agisce collaborativamente e in maniera intellettualmente disonesta. Non hai nessuna prova di una cosa del genere e non si capisce neppure chi sia “la mia parrocchietta”.Secondo: non ti ho mai impedito di citare un sito che mi nomina. Mi chiedi un permesso che nessuno ti deve dare, tanto che te lo sei preso e non sei stato cancellato. Dove ho scritto che hai fatto male? Mi sembra piuttosto che, al contrario, sia tu ad innervosirti se in risposta alla tua citazione mi difendo.Detto questo, mi sembra che le argomentazioni stiano scadendo nel ridicolo e nello sterile. Non so tu, ma io non ho molto tempo a disposizione. Ti lascio alle tue verità. 

    La libertà di dire cose non depone a favore della loro veridicità, le parole non sono le cose, siti come luogocomune dovrebbero essere presi come esempi viventi di psicopatologia, non è che siccome in tv non dicono le cose allora, automaticamente, tu diventi credibile eh, semplice logica che suggerisce che sei vittima del bispensiero.

    Mi spiace che tu prenda come offesa cose ampiamente dimostrate e ti assicuro che io passo ogni tanto a farmi 2 risate del vostro (sempre tu e i chierichetti) tentativo di usare il “san bernado” per accusare di strage il cavaliere nero.

    penso che un certo nervosismo lo dimostri tu, non certamente io, mica ho tesi da dimostrare, io 

     

     

    • non quotare tutto il discorso quando non ce n’è bisogno. Basta fare un “rispondi al commento”

      Anche questo è saper usare la rete. Quando vuoi farti qualche altra risata, torna pure a trovarmi.

  • tra qualche anno, quando la nuova generazione di giovani che crede in internet e nell’informazione libera, avrà il sopravvento sui vecchi che oggi credono ancora nella politica in generale, le cose cambieranno, eh si che cambieranno!!!

  • Io dico solo: mettiamoli a vivere a sora oppure a l’aquila questi qui e dopo vediamo se anche loro ascolterebbero con interesse gli aggiornamenti di giuliani. Questa è informazione libera e trasparente,nessuno ti costringe a seguirla e se siamo qui in tanti ogni giorno credo che un santo motivo ci sarà..Cavolo in Italia quando qualcuno tenta di fare qualcosa di buono per la collettività viene imprigionato, mentre i veri delinquenti circolano liberamente…senza parole

    FORZA CLAUDIO E GIAMPAOLO, GRAZIE PER IL VOSTRO LAVORO 

  • Mail per Sacconi:

    Ministro Sacconi:
    Salve sono un’assiduo visitatore del Blog https://www.byoblu.com.
    Leggo da un pò di giorni serie lamentele da parte di chi, come mè, visita il blog… in merito all’improvviso oscuramento del sito premensionato!
    Vi chiedo pertanto, per quale motivo avete reso inaccessibile il blog? cosa vi ha portato all’oscuramento.. esiste una REALE motivazione?
    Siamo forse liberi di pensare ed informarci dove, come e quando vogliamo, oppure dobbiamo sopportarte/credere solo i TG nazionali, dove a fare notizia sono CORONA, LA FRANZONI, LE SAGRE nazionali, GUSTO, le love story dei CALCIATORI, CLONEY & CANALIS, gli ascolti di C’è Posta Per Tè ….etc etc!?
    Voi fate il vosto lavoro, ma è sicuramente lecito da parte nostra chiedere spiegazioni.
    In attesa di una RISPOSTA le auguro un buon fine settimana,
    Mario.

  • Egr.Sig. Ministro,
    sono una lettrice del blog
    https://www.byoblu.com verso il quale ultimamente è stato operato un ingiusto oscuramento.
    Con molta probabilità verrò trattata per l’ennesima volta come un numero a cui non dare risposta,
    tuttavia il mio spirito critico mi impone di chiedere il motivo di tanta sollecitudine e tanto impegno
    nel boicottare per primo questo spazio d’informazione,quand’anche ce ne siano altri ben conosciuti verso i quali
    si potrebbe operare lo stesso trattamento.A meno che non si tratti dell’inizio di un “raid nell’etere”.
    Se così  non fosse e stessimo parlando perciò di una mosca bianca,gentilmente, vorrebbe fornirci delle spiegazioni plausibili
    che esulino dal discorso di “ridimensionare gli accessi ed i siti internet in funzione dell’attività lavorativa”?
     
    Grazie

     

    …incrociamo le dita ragazzi!!

  • Confermo. ma sul mio posto di lavoro c’e’ installato websense ed il sito di Byoblu non si vede mentre quello di grullo e travaglio no.

     

    E’ la classificazione del sito negli archivi del prodotto che fanno da discriminante.

    Vedo un sacco di blog che non c’entrano nulla col lavoro, cosi come tgcom e libero.it.

     

     

  • Byo hai davvero rischiato tanto qualche mese fa! Sei persino finito sull'”Espresso”, numero che mi interessava perchè parlava del Nano Pazzo Brunetta. Continua così!! Scusa se non ci sono venuto spesso qua nel tuo sito, comunque sei un grande!!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi