Giampaolo Giuliani aveva ragione: l'INGV scopre il radon!


E la Chiesa si rese conto che non era il sole a girare intorno alla Terra, semmai il contrario. Meglio tardi che mai. Peccato che non sia stato indolore: diffamazioni plurime, denunce per procurato allarme, 300 morti che potevano essere evitati, fiumi di intercettazioni, canzonamenti dell’intellighenzia di sta minchia, insulti, ostruzionismo, interviste RAI censurate, servizi di Superquark di minzoliniana memoria, e chi più ne ha più ne metta.
Questo è il prezzo dell’antica specialità olimpica del nuoto controcorrente: gli altri sono costretti a fare tripli avvitamenti carpiati con torsione dell’evidenza per difendere l’indifendibile – e per continuare a farsi gli affaracci loro indisturbati – e tu remi contro tutti. E non si sa perchè: in fondo basterebbe parlarsi e smetterla di giocare a chi ha la cresta più colorata del pollaio. Italians, direbbero all’estero, e infatti lo dicono.

 «Prima di un terremoto il gas radon puo’ aumentare o diminuire. Queste le conclusioni di uno studio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e dell’Universita’ Roma Tre che ha permesso di isolare i meccanismi fondamentali che determinano la diminuzione e l’aumento del rilascio del gas radon prima di un terremoto. Il lavoro in fase di pubblicazione su Geophysical Reaserch Letters (GRL) e’ stato finanziato dal progetto ‘TRIGS’ (www.trigs.eu), sotto il sesto programma quadro della Commissione Europea e del ‘New and Emerging Science and Technology Pathfinder’. Il lavoro spiega che la diminuzione di gas radon puo’ essere il precursore di processi di fratturazione e quindi anomalie negative di rilascio di gas dovrebbero essere considerate indicatrici di imminenti rotture. [http://www.agi.it/research-e-sviluppo/notizie/201003121559-eco-rt10216-terremoti_ingv_variazioni_di_radon_prima_di_un_sisma

Bene. Bravi. Bis! A proposito, qualcuno ha nominato Giuliani, per caso? Sì, Giuliani. Quello che è stato chiamato a relazionare all’AGU, il più importante convegno scientifico mondiale sui terremoti che si tiene ogni anno a San Francisco. Ma dai… Giuliani! Il tecnico aquilano dell’INFN che da dieci anni costruisce rivelatori di gas radon, li piazza ovunque, nelle cantine, nei sotterranei delle scuole, nel ventre delle montagne, li mette in rete e ascolta i terremoti con un’approssimazione dell’80% – dice lui -, in ogni caso sicuramente superiore a quell'”I terremoti non si possono prevedere. Punto!” che ci ha propinato Piero Angela dai tromboneschi servizi di SuperQuark? Esatto, proprio quel Giampaolo Giuliani che dava fastidio, ma talmente fastidio che qualcuno si è sentito costretto, esibendosi nel triplo avvitamento carpiato di cui sopra, a sabotare le stazioni di rilevamento autofinanziate. Così, non si sa mai che poi riesce a dimostrare che ha ragione!
Adesso non mi verrete anche a dire che sarete in grado di prevedere i terremoti, vero? Ah… lo dite?

 «La nostra scoperta – dice Sergio Vinciguerra, coautore della ricerca dell’Ingv – ha permesso di isolare i meccanismi fondamentali che determinano la diminuzione e l’aumento dell’emissione di radon prima dei processi di rottura, che avvengono durante terremoti o eruzioni vulcaniche. Stiamo estendendo l’analisi ad altre litologie con diversi contenuti di vuoti per studiarne l’emissione di radon in funzione del carico applicato. Questo ci permettera’ nei prossimi anni di sviluppare un modello per i cambiamenti di emissione di radon osservati e fornire un supporto quantitativo all’interpretazione delle anomalie di questo gas prima di eventi sismici e vulcanici.»

Complimenti, voi sì che siete avanti! Vogliate gradire le nostre felicitazioni con doppio scappellamento a destra.
No, forse non saremmo così sarcastici se non fossimo stati costretti a interrompere un servizio prestato con garbo e attenzione ai bisogni concreti dei cittadini, a causa di quella sottocultura para-accademica di gerarchie familistiche, immarcescibili, parassitarie, che agguantano al collo l’organismo sociale e ne suggono ogni residua energia fino a ucciderlo ed a morire loro stesse sotto alle macerie della loro misera grettezza umana, incancrenita su un letto di allori putrescenti, ricettacolo di germi, batteri, invidie e meschine quanto magre consolazioni. Sono troppo buono, lo so. E’ un mio difetto.
GIULIANI AVEVA RAGIONE: e l’INGV scoprì il radon!


Intervista telefonica a Giampaolo Giuliani

MESSORA: Giampaolo Giuliani, buongiornoGIULIANI: Buongiorno a te, Claudio e ai tuoi ascoltatori e videoascoltatori.MESSORA: Allora, oggi è il 12 marzo. Per quanto riguarda la storia della vicenda di Giampaolo Giuliani, il tecnico aquilano che studia da anni la possibilità della previsione dei terremoti mediante una sua tecnica proprietaria che misura il gas radon, è un giorno storico. E’ un giorno storico perché è appena uscita un’agenzia. Titola così: “Terremoti INGV: Variazioni gas radon possono annunciare scosse”. Andiamo a leggere come inizia, l’incipit di questa agenzia. “Variazioni di gas radon possono annunciare terremoti in particolare anomalie negative di rilascio del gas radon dovrebbero essere considerate indicatrici di imminenti rotture e fratturazioni tra le rocce del sottosuolo”. Qui dice: “La scoperta è stata fatta dai ricercatori dell’INGV, l’Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia e dall’Università di Roma Tre”. Qui siamo veramente al ridicolo. Credo che neanche Gilberto Govi, o Totò avrebbero saputo inscenare una farsa di questo genere. Più avanti dicono: “Questo ci permetterà nei prossimi anni di sviluppare un modello per i cambiamenti di emissione di radon osservati e fornire un supporto quantitativo all’interpretazione delle anomalie di questo gas prima di eventi sismici e vulcanici”.
Giampaolo, come commentiamo questo clamoroso dietrofront che coinvolge l’INGV per il quale fino perlomeno pochi giorni fa i terremoti erano tassativamente non prevedibili?GIULIANI: beh, tu sai benissimo che l’INGV possiede diverse sezioni. Una di queste sezioni, con ogni probabilità, si trovava su un altro pianeta e non ha seguito le ultime vicende, che sono storiche e a livello mondiale, delle previsioni sul forte terremoto de L’Aquila che sono state osservate attraverso i rivelatori gamma di Giuliani. A me fa veramente molto piacere il fatto che venga confermato da un ente pubblico, quale l’Università di Roma Tre e l’INGV, ricercatori di questo ente, 10 anni delle attività scientifiche della ricerca portata avanti da noi attraverso delle osservazioni che ci pongono in questo momento alla testa almeno di 3 o 4 anni rispetto alle ricerche dell’INGV. Pur avendo sempre negato che era possibile o che sarebbe stato possibile attraverso il radon giungere a dei precursori sismici e prevedere i terremoti, oggi l’INGV fa marcia indietro e dice di aver scoperto la possibilità di poter prevedere attraverso le variazioni di radon i terremoti. Ci fa molto sorridere ma siamo nello stesso tempo veramente molto felici, felicissimi perché è un momento storico come tu dici. Noi siamo talmente avanti che ciò che loro prevedono di poter fare nel futuro, un futuro lontano, noi stiamo invece già lavorando per un sistema di early world in system planetario, cioè che permetterà di poter dare un allarme utile sul terremoto su tutto il pianeta. Certo ci vorrà del tempo ma con il gruppo che si è costituito mediante la collaborazione di Dimitar Ouzounov dagli Stati Uniti, Sergej Pulinet da Mosca, Katzumi Hattori dall’Università di Chiba in Giappone e dai ricercatori che collaborano con Giuliani, come Gianfranco Totani e Giulia Fioravante, stiamo noi già lavorando su questo sistema che ci permetterà di poter, nel prossimo futuro più presto possibile, dare questa possibilità all’umanità e questo ci rende veramente felici, perché l’agenzia che è uscita oggi fa vedere anche quale sia stato in questo ultimo anno in particolare, senza volere andare ancora più indietro, l’atteggiamento di quella parte di ricercatori italiani che si sono dimostrati delle persone poco affidabili Dovrebbero vergognarsi per il comportamento che hanno avuto. Non sto parlando dei ricercatori che in questo momento stanno pubblicando questa cosa, ma di chi sfrontatamente ci ha maltrattato, ci ha denunciato ha tentato di rovinarci, ha tentato di metterci alla berlina, non solo in Italia ma davanti a tutto il mondo scientifico.MESSORA: sai che noi abbiamo seguito sempre da vicino tutta questa vicenda e qui scrivono una cosa, Vinciguerra: “a differenza di quanto comunemente si ritiene, particolarmente alla luce dei recenti dibattiti sul terremoto de L’Aquila, oltre che ad aumenti di emissione di radon prima di un evento sismico, si è spesso osservate ad anomalie negative, cioè diminuzione di emissioni in diversi contesti geologici”. Cioè stanno dicendo che un sisma può verificarsi non in conseguenza di un aumento di radon ma più spesso anche in relazione a una diminuzione. Però la parola chiave che qui dicono contrariamente a quanto si è ritenuto nel dibattito che ha coinvolto L’Aquila, ovvero non lo dicono ma tra virgolette è Giampaolo Giuliani, io qui posso dare una testimonianza concreta, diretta, di prima mano e tra l’altro anche documentabile con video datati, in cui tu spiegavi proprio questo che il terremoto può verificarsi sia in conseguenza di un aumento vertiginoso della misurazione di gas radon ma anche in conseguenza di una diminuzione molto rapida. Quindi non è vero che loro hanno aggiunto una scoperta ulteriore, una specificazione diversa rispetto alla declinazione della tua ricerca, ma sono constatazioni che tu stesso in rete, qua su Byoblu.com ci fornivi già mesi e mesi or sono.
GIULIANI: Certo. Le risposte che loro hanno ottenuto attraverso la loro ricerca, ricerca che è stata effettuata su dei campioni di roccia e di altro materiale, le misure che loro hanno effettuato le hanno effettuate attraverso l’osservazione di particelle alfa, che sono quelle che si producono attraverso il decadimento del radon. Loro osservano attraverso i comuni radometri. Noi abbiamo sempre detto e rimarcato che queste osservazioni, che hanno dato e prodotto dieci anni di dati dalla ricerca di Giuliani, vengono effettuati con una macchina che Giuliani stesso ha prodotto e che gli permette di vedere non le particelle alfa, ma le particelle gamma, diciamo fotoni gamma che vengono osservati attraverso questo strumento, in particolare su elementi prodotti di decadimento del radon. E la dice lunga perché ciò che loro hanno osservato su questi diversi composti dà loro una risposta alla quale ancora non sono praticamente coscienti, in realtà, di ciò che stanno osservando. Ciò che invece noi abbiamo estrapolato ormai da più di 5 anni è comprendere quel meccanismo che loro hanno osservato attraverso l’esperimento che hanno effettuato su questi campioni, noi lo avevamo già effettuato ad aprile 2008 in tandem con il Dipartimento Disat dell’Università de L’Aquila, un esperimento effettuato a Piazza del Teatro a L’Aquila, producendo delle pressioni sul terreno e misurando con il nostro rivelatore gamma le accelerazioni che subiva il radon in base alle pressioni che venivano effettuate sul terreno.
MESSORA: Se ricordo bene tutto questo è presente nel DVD che esce giusto giusto lunedì prossimo. Ma adesso che cosa cambierà dopo questa rivelazione di questa sezione dell’INGV nei tuoi confronti? Che cosa ti aspetti?
GIULIANI: Io nei miei confronti da loro non mi aspetto niente, perché io sono felice e faccio tantissimi auguri ai ricercatori che hanno portato avanti questa osservazione scientifica. Mi congratulo anche con loro perché hanno avuto il coraggio di affermare questa cosa e io non so se il presidente dell’INGV sia a conoscenza, sicuramente oggi avrà letto, visto che hanno sempre mentito…
MESSORA: che è formalmente Enzo Boschi ancora.
GIULIANI: Sì. Lo hai detto tu e non l’ho detto io, quindi può darsi che il terremoto lo faccia lì a Milano adesso. A me rende felicissimo, perché finalmente loro parlano di possibilità di osservazioni attraverso le osservazioni di radon, di poterle correlare con i terremoti. Da questo momento in poi 10 anni di ricerca scientifica svolta da Giuliani, potrà sicuramente essere pubblicata senza subire gli oltraggi e i freni che gli sono stati imposti fino a questo momento e non solo, ma noi stiamo già lavorando, come dicevo prima, su un sistema di prevenzione a livello planetario. Loro dichiarano che in un futuro, non si capisce bene quando, saranno in grado di poterlo fare. Voglio mettere in risalto questo, che un gruppo internazionale, L’Aquila, Mosca, Stati Uniti e Giappone, sta già mettendo a punto un sistema per regalare all’umanità la possibilità di poter essere allertata con un tempo di margine sufficiente per salvare delle vite umane dove gli uomini vivono ancora oggi a rischio sismico.
MESSORA: questo immagino sia anche un’implicita risposta a quei colloqui che sono emersi dalle intercettazioni telefoniche che coinvolgevano proprio Franco Barberi e Guido Bertolaso, in cui qualcuno si riferiva a te come a “quello scemo di Giuliani” la serata…
GIULIANI: a Giuliani gli è stato detto di tutto “scemo”, “imbecille” “fanfarone”, “sciamano”, chi più ne vuole più ne dica. Sono veramente felice oggi 12 marzo 2010, è un grande riconoscimento, è la più grande soddisfazione. E’ con il più grande orgoglio che io dico grazie a tutti coloro che mi hanno creduto. Speriamo che questa cosa possa tornare utile per l’umanità. Ecco, questo mi inorgoglisce e solo questo a noi interessava.
MESSORA: questo tra l’altro arriva subito dopo il proscioglimento dall’accusa di procurato allarme per i fatti di Sulmona, anche lì una grave accusa infamante che è stata architettata dalla stessa cricca di persone che adesso si trovano o agli arresti oppure direttamente indagate e in qualche modo ha cercato di oscurare, di censurare di osteggiare la circolazione delle informazioni per quanto riguarda la ricerca e la prevenzione sui terremoti. Ecco, ricordiamolo perché purtroppo la notizia dell’accusa di procurato allarme è circolata tantissimo sui media, mentre al contrario la notizia del tuo proscioglimento, che è avvenuto recentemente, per la non sussistenza dei fatti, tra l’altro con una motivazione che il GIP ha voluto sottolineare ovvero che il gas radon può essere associato ai precursori per i terremoti, questa notizia non è circolata assolutamente.
GIULIANI: sì, è stato il più bel regalo di natale che potessi avere, perché è avvenuta il 23 di dicembre proprio al rientro dagli Stati Uniti quando andai a San Francisco per presentare al congresso, all’Agu Fall Meeting di San Francisco, il talk in cui spiegavo a tutto il comitato scientifico internazionale presente della tecnica e del metodo che noi avevamo utilizzato dal 2000. E’ stato il regalo più bello che potessi ottenere, Perché? Perché il riconoscimento è stato, tra l’altro, scientifico oltre che a livello legale. Non solo, ma come ci tengo a ripetere, nonostante la potenza che avessi di fronte, è che io che sono un piccolo granello di polvere nei confronti di tutte quelle persone che erano un muro in cemento armato e che oggi viene sgretolato… Non ho parole, non ho parole per dire di fronte a chi ci troviamo, di fronte alla superbia, di fronte a tutte queste cose io sono esterrefatto ma nello stesso tempo felice e contento per la soddisfazione che provano tutte quelle persone che hanno creduto nella nostra ricerca, tutte quelle persone che pur non avendo una conoscenza scientifica non sarebbero state in grado di poter giudicare ed accettare, non solo, ma bombardate dalle false notizie che venivano date loro proprio da questi personaggi che avevano la responsabilità di attendere alla vita di tutti gli aquilani. E proprio di tutto questo io devo dire grazie ad un giudice, devo dire grazie a delle persone che mi stanno aiutando e mi hanno aiutato a far riconoscere e a portare avanti questa scoperta, perché questa scoperta permetterà – e di questo sono orgoglioso e felice – nel prossimo, ma proprio prossimo futuro, di poter salvare delle vite umane.
MESSORA: sono gli utenti che ti hanno seguito da oltre un anno e per la precisione su questo blog, quelli di questo blog che ben ti conoscono e conoscono più nel dettaglio le tue ricerche, perché i media tradizionali purtroppo non offrivano spunti in questo senso, sono questi utenti che ti ringraziano per aver proseguito, per aver combattuto questa battaglia e per aver raggiunto un piccolo traguardo oggi con una crepa nel muro dell’establishment scientifico che finalmente inizia ad ammettere che tra le emissioni di gas radon, le sue variazioni in senso positivo e in senso negativo, e i terremoti, il verificarsi dei sismi esiste un legame certificato addirittura da una sezione dell’INGV.
GIULIANI: permettimi questo, di ringraziare il tuo blog, i tuoi interventi, tutti i tuoi fans e tutti quelli su Facebook, i fans che in continuazione mi scrivono e che hanno aperto tanti forum. Ti devo ringraziare perché sei stato una di quelle persone che hanno saputo pilotare, anche a livello giornalistico, ponendosi un attimino fuori dalla contesa, ma hanno saputo dare la voce vera, la voce che non era di parte, dicendo “guardiamo, pensiamo, studiamo, osserviamo, vediamo se può essere vero”, senza infangare e senza bruciare al rogo una persona che portava avanti delle idee scientifiche corroborate dai propri dati, dai propri risultati. Io di questo ringrazio te e tutte le persone che in qualche modo sono legate a te attraverso il lavoro che tu fai. Ti ringrazio per il giornalista che sei.
MESSORA: mi complimento ancora per questa splendida notizia. Ci segneremo queste data. Seguiremo sempre da vicino gli sviluppi della vicenda e delle tue ricerche, come abbiamo sempre fatto. Ciao Giampaolo.
GIULIANI: grazie Claudio, ciao

SEGNALAZIONE


Il doppio DVD Internet for Giuliani è pronto. La settimana prossima andrà in stampa e sarà spedito a chi lo ha prenotato al prezzo speciale di 9,90EUR. Da domani, il suo costo sarà di 14,90EUR più spese di spedizione.
Per acquistarlo: clicca qui

75 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ciao.

    GALILEO VIVE!! e cammina colle nostre gambe.
    N.B.: a parziale correzione di Claudio, tuttora (2010) santa romana chiesa NON ha ammesso ufficialmente che la terra gira attorno al sole, riabilitando quindi Galileo e facendo un doveroso *mea Culpa*.
    Ha solo ammesso (Wojtila) che Galileo non era in fondo quel gran figlio di puttana.
    E c’è una bella differenza. Meditate, fratres…

  • vajont2003 ha scritto :
    Gilberto Govio Totò

    Ehm… Gilberto Govi, o Totò

    (sono due persone distinte. Non lo indico a Claudio o a chi ha trascritto, ma a quelli nati dopo il 1970)

  • Bisognerebbe veramente separare una volta per tutte la scienza e la ricerca dalla tecnologia e le sue applicazioni. Non sempre tutto ciò che è tecnologico ha una giustificazione scientifica o, se ce l’ha, spesso è errata e serve più che altro come paravento per fare ben altro da ciò che presuppone la ricerca scientifica e la sua filosofia (nel suo etimo: amore del sapere). Bisogna separare il sapere dal potere, fare un po’ piazza pulita di tutti questi familismi e baronismi di stampo mafio-italiano. Il caso Giuliani è emblematico di una ricerca scientifica crocifissa al Dio Pluto (al dio denaro), direbbe Montanari, ostacolata dai dinosauri del potere politico-economico. Dico emblematico perché non è solo Giuliani ma è tutta la ricerca scientifica in italia (ma anche nel mondo!) che è mafiocratizzata. Di scientifico c’è poco o niente. Solo il tornaconto dei pochi. Penso anche ai ricercatori (italiani!) delle trasmutazioni nucleari a bassa energia (la cosiddetta fusione nucleare fredda) letteralmente sepolti e dimenticati dal proliferare degli interessi delle multinazionali del petrolio. Vedi anche il caso del nobel Carlo Rubbia che fece fare una Commisione di Ricerca per verificare questa “produzione di calore” nucleare a freddo dell’elio. Fu verificata ed era ed è una realtà. Ma le principali riviste “scientifiche” (sic) non ne parlarono, infatti su Wikepedia si legge: “Il rapporto non è stato pubblicato sulle principali riviste di settore, come ad esempio Science”. Questo la dice lunga su cosa è Scienza e cosa è business. Ancora Rubbia parla di centrali nucleari al Torio, molto più efficienti e produttive e che creano meno problemi per l’ambiente e per le scorie radioattive che, una volta stoccate, nel giro di un centinaio di anni sarebbero totalmente innocue.  Voglio dire c’è una vera scienza e una ricerca, spesso fatta da garibaldini tipo Giuliani, ma non viene finanziata. Tutt’altro. Quello che conta è la Scienza senza coscienza voluta e gestita dal potere politico-economico e propagandata dall’informazione di regime. Il guaio è proprio questo: non si tratta solo del caso Giuliani o di Montanari o di qualcun altro … La faccenda è ben più grave. La scienza non è scienza se non frutta quattrini a questa nostra plutocrazia planetaria.

    Tutto ciò è rappresentato in Italia, ancora una volta emblematicamente, dal liberismo berlusconiano: la legge del più furbo o se vogliamo la “legge di Pinocchio”. Del resto a sinistra, ovvero “tutto ciò che non belusconiano”, non va molto meglio. Ci vorrebbe un passaggio epocale: dalla mafiocrazia alla meritocrazia. Solo allora ci sarà posto per la scienza.

    • si…..hai detto proprio bene !!!!

      è un grandissimo problema questo !!!

      ad esempio di recente il Prof. Sergio Focardi e l’Ing. Andrea Rossi hanno brevettato un bel generatore di energia illimitata, in questa pagina trovate molte info:

      ENEREGIA ILLIMITATA SOLO SE LO VORREMO NOI !

      ho fatto presente piu volte la notizia a Claudio perche spero che se ne interessi come con Giuliani, ma credo sia troppo impegnato con altre cose !!!!! o forse la questione è troppo delicata !!!! non saprei !!!!

      certo la scoperta/invenzione è tutta italiana anche in questo caso ed oltretutto e di grandissima importanza perche ci toglierebbe praticamente tutti i problemi del mondo visto che tutto quello che facciamo è in funzione dell’energia che sciupiamo…..

    • Immaginate il silenzio intorno alla ricerca di Giampaolo Giuliani !!!

      Credo che la fortuna di Giuliani sia stata di aver avuto Claudio Messora che ne ha parlato e lo ha sostenuto facendo informazione sulle sue ricerche

      inceve per quanto riguarda le ricerche di Antonietta Gatti e  Stefano Montanari a parte un post di Claudio, poi non se ne è più  parlato! anche se era interessante capire e essere informati su attività scientifiche che interessano tutti noi e interesseranno soprattutto i nostri figli perchè saranno i più esposti da quell’inquinamento che Montanari e Gatti studiano e combattono !!!

      io ho un figlio e nel suo interesse, ma anche, ovviamente, nell’interesse dei figli di tutti gli altri, chiedo a chi legge: non vi sembra che dovremmo riflettere ad esempio su questi due post Indennizzi per i militari  e I peccati dell’avvocatessa Bortolani ovvero perchè tutti tacciono su un fatto sconcertante (io che ho donato per l’acquisto lo ritengo un fatto sconcentante!!!) ovvero  l’aver sottratto il microscopio privando di assistenza e analisi chi adesso ne avrebbe realmente necessità per offrirlo/donarlo a “non sappiamo chi” per “non sappiamo cosa”???

      chi se la sente di fare qualche riflessione ?

       

    • praticamente i bastardi devono rispettare un patto…..non devono mettere mani direttamente loro sugli andazzi delle cose, senò si fanno nuovamente la guerra (vechie civiltà sapienti) e stavolta non si sa come finisce, di conseguenza, eventuali cattivi possono solo convincere alcuni inbetiti di noi a fare le cose tramite il meccanismo economico del dio denaro che ci hanno fatto realizzare credo in 3000- 4000 anni a noi stessi, loro non mettono mani se ci fate caso, tutto lo realizziamo noi proprio come è spiegato sia nella (nostra) bibbia sia in tutte le altre delle altre civiltà…..sono tutte uguali ed allegoriche in questa direzione…..

      possono solo sperare di azzeccare sino in fondo l’alchimia giusta per inibire le reazioni chimiche della natura di DIO…..loro vogliono imbrigliare la natura a cominciare dal dna…… ecco possono solo sperare di azzeccare la giusta intuizione che inibisca totalmente le vie di accesso di DIO e controllarlo loro……

      se ce la fanno, cosa che non credo, allora avranno vinto la sfida contro DIO !!!!

      tutto a noi ci devono far fare….loro non devono metter mano !!!!!

      è un patto sacro a quanto pare tra loro (vedi bibbia e gli altri testi sacri allegoricamente)

  • @ teleabuso

    Mi hai rubato le parole di “mano”… ma sei ancora troppo ottimista.

    La questione e’ anche peggiore… certa gente crede sul serio di fare “Scienza” ed invece porta avanti ricerche inutili e ridicole che hanno il solo pregio di COSTARE un sacco di soldi.

    Ma questo e’ un discorso lungo…

    Un plauso alla tenacia di Giuliani e di Claudio.

    Una cosa pero’ mi da fastidio di Giuliani… qualcuno potrebbe dirgli DI NON parlare di se’ in terza persona?!?!?!?!? e’ una cosa odiosa ed anche molto ridicola.

     

     

  • Bisognerebbe almeno riconoscere a Giuliano una menzione speciale, almeno dirgli: sa, ci scusi, ci saremmo vagamente sbagliati. Forse è chiedere troppo.

  • Ragazzi, davvero super.

    Messora con un fiuto degno di un Pulitzer,

    Giuliani con una tenacia ed intelligenza rara. 

    Adesso nulla da dire da parte di Bertodeficiente ????

     

    umbe

  • se ricordo bene Vi è scomparsa una scheda tecnologica unica, non vorrei che oltre la scheda vi sia dello spionaggio “industriale” quindi quello che Lei dice sul essere  avanti di anni potrebbe esageratamente farvi ritrovare (grazie ai poteri oscuri, e non tanto, e mediatici) risultare in ritardo confronto gli altri…

    imbocca al lupo e tranquilo… se è vero che Lei aveva avvertito la popolazione al contrario di quelli della protezzione civile (che però hanno fatto sgombrare tutti dai vari palazzi del potere) la sua fetta di “paradiso” se l’è guadagnata, continui così e cerche di non farsi fregare!  imbocca al lupo

  • Sono amareggiato per tutta questa vicenda.  Se il Sig. Giuliani veniva ascoltato quante persone si sarebbero potute salvare.

    Purtroppo come troppo spesso accade nel mondo scientifico della ricerca, si cerca di affossare un ricercatore per dare lustro ad un altro.

    La Protezione Civile e l’INGV sapevano benissimo della validità degli studi di Giuliani ma dovevano pubblicare prima loro dei risultati in tal senso, altrimenti dovevano citare lavori altrui.

    Il grosso errore di Giuliani è quello di non aver pubblicato mai nulla a proposito su riviste scientifiche internazionali.

    • ma si puo capire come cavolo ragioni ???

      si è capito che Giuliani ha trovato un filo conduttore che ha a che fare con la presenza di un terremoto nell’area ????? grazie ad un metodo tutto suo praticamente !!!!

      allora studiamolo cacchio !!!!!

      non è normale una cosa del genere scusami ????

      poi non ho capito che cosa vuoi dire……non ti basta che anche la tanto amata scenza ufficiosa comincia a dichiarare che il metodo in fin dei conti è valido ????? e se ne comincia anche a prendere i meriti !!!!

  • Che bel CULO che ha avuto Giuliani ad avere Messora al suo fianco.  Soprusi nel mondo scientifico sono all’ordine del giorno.

    Quanto spesso una ricerca viene mandata avanti solo per far cacciare soldi ad enti di supporto? Quanto spesso l’argomento viene scelto solo in baso al tornaconto del boss? Quanto spesso un articolo scientifico viene pubblicato grazie all’amicizia del capo con l’editore? Quanto spesso una ricerca non viene pubblicata perche’ non in linea con le tendenze attuali?

    Ogni volta che il sistema di peer reviewing fallisce per amicizie e interessi, immaginate la catena negativa di eventi che si instaura: nuovi filoni di ricerca basate sul nulla, difficolta’ nel far cambiare idea al mondo scientifico, soldi sprecati, carriere distrutte.

    Non e’ per nulla dorato il mondo della ricerca. Quasi quasi reputo meno ipocrita quello industriale: li’ almeno si sa che i soldi sono lo scopo di tutto.

     

  • lo sapevo Giuliani aveva ragione, Claudio complimenti x l’intervista e grandissimi complimenti x la tua professionalità e x avere creduto in Giampaolo!

  • insomma sono dei bastardi…..che safruttano le ricerche degli altri che screditano pure !!!!

    e secondo me i furti che ha subito Giuliani in alcune occasioni dipendono anche da questo….

  • Alessandro PD ha scritto :
    Occupatevi di politica, che lo fate anche bene, ma non di scienza.

    Di scienza se ne occupa già fin troppo la politica e la grande industria. Vedi per es. il vaccino suino della Novartis… Caro Ale Ale Ale, la scienza di questi tempi è meglio farsela in casa.  Il tuo consiglio andrebbe bene per una società impostata diversamente. La scienza (con la s minuscola) è quella che passa il governo, è fatta di bustarelle, di raccomandazioni… e non di metodo  e di verità. Vedi l’industria dei farmaci… Perfino le grandi riviste scientifiche se ne beano del metodo scientifico… All is business.

    A parte l’in(o)culamento del vaccino, una certa verità psesudo-scientifica ufficiale può essere quella che afferma per esempio che dagli inceneritori esce solo aria pulita. Grande fregnaccia, no? Ora noi ignorantoni, non essendo facoltosi e incapaci (non rapaci) nel fare analisi scientifica, ricordiamo però quello che imparammo in quei lontani anni passati sui banchi di scuola che “nulla si crea e nulla si sistrugge, ma tutto si trasforma“. Una legge che non essendo ad personam, la si è così abolita (manco fossimo il padreterno in persona), quantunque riguarda uno dei principi più importanti della fisica.
    La massa iniziale dei rifiuti da bruciare la si raddoppia aggiungendovi acqua, calce, ammoniaca, bicarbonato, ossigeno ovviamente, e Dio sa cos’altro… Dalla massa iniziale (forse nemmeno tanto pericolosa per la salute) si passa alle ceneri combuste che sono di certo molto più pericolose e nocive per la salute. Una buona parte delle quali va sempre a finire in discarica. Si formano dunque le polveri sottili, le nanopolveri di metalli non biocompatibili che penetrano per tutto il corpo, creando tessuti infiammatori, cancro, danni cardiocircolatori, danni a carico del fegato, dei polmoni… Insomma, alla faccia dell’aria pulita! Si formano centinaia di tipi di diossine per la presenza inevitabile del cloro (come ce n’è in tante materie plastiche). I filtri degli inceneritori non filtrano altro che le polveri primarie filtrabili mentre quelle primarie condensabili li oltreppassano come niente fosse e se ne vanno a spasso… e per “lo libero ciel fan mille giri pur festeggiando il loro tempo migliore”, per noi di certo peggiore.  Le polveri secondarie, non c’è verso, si formano anche molto lontano dall’inceneritore, graziosamente ribattezzato termovalorizzatore ma che non valorizza un bel niente, depaupera solo l’ambiente e le tasche dei cittadini. Lo dice soprattutto Stefano Montanari, Antonietta M. Gatti,  ecc… e io ci credo fermamente. Dovrei forse credere a Umberto Veronesi (lo scienziato di corte) che non spiega niente e che afferma perentorio (va creduto sulla parola) che gli inceneritori non sono affatto pericolosi?…

    Orbene questa è la scienza di Stato o, se vogliamo, lo stato della scienza attuale… No no, la scienza, se permettete, me la faccio in casa.

    • e grazie Dio che è esistita gente come Wilhelm Reich scopritore dell’energia orgonica i bosoni e l’energia che genera la vita, la massa apparentemente dal nulla:

      http://it.wikipedia.org/wiki/Wilhelm_Reich

      è stato perseguitato ed ucciso sicuramente dalla MASSONERIA-ADDETTA-ALLA-MEDICINA e tutte le sue opere furono bruciate in pubblico come fece la chiese con la medicina naturale bruciando STREGHE E MAGHI i loro lavori pero al contrario hanno provveduto a conservarli e li custodiscono gelosamente !!!!!

  • Giuliani aveva ragione e Bertoladro torto…Giuliani aveva ragione e Bertoladro torto….Giuliani aveva ragione e Bertoladro torto….Giuliani aveva ragione e Bertoladro torto…Giuliani aveva ragione e Bertoladro torto…Giuliani aveva ragione e Bertoladro torto!!!!!!

  • AAAAAHAHAHAHAH! CHE RIDERE!…SCOMMETTO CHE CI STA DI MEZZO UN CERTO VINCIGUERRA..ESPERTO DI ROCCE VULCANICHE…CHE NON HA MAI VISTO IN VITA SUA UNA FORMA D’ONDA …LO SCIAMANO..ANZI…LA SCIAMANA..è QUIIIIIIIIIII!UAHAHAHAH!CHE RIDERE!TRUFFATORI.SE SAPEVA DA MESI QUELLO CHE STAVANO A ORGANIZZA…MA NON FINISCE QUI!!!!!! 

    http://eppursimuoveaq.wordpress.com/inchiesta-sangue-e-cemento/rettifiche/su-g-giuliani/lettera-aperta-al-sig-giuliani-contattato-direttamente-su-fb/
    (…….)data di pubblicazione 30 ottobre 2009…come molti seguaci del profeta ricorderanno…ehm..mi dispiace…dite a giampy..che l’invito a “facce i fatti nostri perché mo sta a firma i contratti”..non è accolto!uAHHAHAHAH!

    “Per concludere,Le pongo alcune richieste-insinuazioni sollevate in chat al Sig Messora,con cui non avendo mai avuto a che fare ..non avevo idea del modo in cui gestisse il blog e “vagliasse” le sue informazioni..(e mi perdoni davvero se li ho sollevati nel luogo sbagliato..ma non sapevo che fosse “il luogo sbagliato” fin quando non vi ho “messo piede”).Come noterà,dall’altro ieri,non vi ho effettuato più alcun accesso.Le mie ultime parole famose sono state :”ha ragione il Sig Messora,un blog di belle persone” ..o qlcsa del genere.

    Le mie richieste-insinuazioni sul blog sono state queste:

    (omissis)….

    ATTESTAZIONE CHE ENTI SCIENTIFICI O UNIVERSITARI CHE STANNO SUPPORTANDO LA SUA RICERCA,CON UN MIRABOLANTE GIOCO DELLE PARTI DI CUI LEI E’ ANCHE VITTIMA OLTRE CHE COMPLICE MAGARI INCONSAPEVOLE ,NON MIRINO A RICEVERE UN FINANZIAMENTO AD HOC DI CENTINAIA DI MIGLIAIA DI EURO PER UN QUALCOSA CHE ,MI CREDA,GIA’ SANNO CHE NON PORTERA’ A NULLA MA CHE STANNO SFRUTTANDO,INSIEME A SFRUTTARE LEI, PER PROFITTO PERSONALE.”

    saluti..alla prossima…previsioneeee…uahhahah!la miaaaaaaa!
    • @ eppursimuoveq avacagaaa!

      I libbri di fisica non bastano! Potrai studiare anni, lustri e decenni, ma quello che ti manca non ha forma, sostanza ne è rilevabile mediante macchinari o facoltà sensitive: ti manca la memoria ed una vera cultura, oltre che lo stile.

      1- l’offesa si usa solo come risposta, altrimenti già stai dalla parte del torto: imparail bon ton; 2- la letteratura e l’arte hanno spesso anticipato la scienza, e viceversa: leggi le storiografie specifiche; 3- nessun organo ufficiale può prescindere dall’opinione singola, essendo un organo composto di parti singole: studia la biologia; 4- davanti alle tue evidenze, ai tuoi assiomi, il falsificazionismo di K.Popper, già ormai superato, inorridisce: studia la teoria ; 5- Socrate diceva sempre: so di non sapere, lui si che non faceva mai figure di merda: studia la filosofia; 6- il riso abbonda nella bocca degli sciocchi: impara i detti popolari; 7- il nobel per la pace è stato vinto recentemente da un banchiere indiano, i soldi e la morale non sono collegati necessariamente: documentatii; 8- se per 30 anni studi, rilevi, annoti e teorizzi, forse, è giunta l’ora di un riconoscimento: impara a vivere;

      Einstein ha creato la sua bella teoria della Relatività al 50% sbagliata, giusto fisico? o ancora indimostrabile, proprio partendo da colui che nominò la frase a noi famosa e tristemente nota per essere stata indebitamente utilizzata come tuo nickname.

      La verità che mostri in quello che dici è solo fede, come quella di un terrorista quando esplode: malata, deviata, pregiudiziale, a priori, soggettiva, indottrinata, chiusa, ottusa, illusa, inconsapevole… scusa, mi serve il dizionario ora!!!

      leva la verità di tasca e fammi un autografo.. ti prego in ginocchio sui ceci!

  • Ah ..a proposito…Giampy..qua stiamo ancora ad aspettà il video dell’AGU FALL MEETING in cui avviene il  riconoscimento internazionale delle tue ricerche…non perchè..lo staff non sa chi tu sia…e sul corecast dell’USGS è andata in onda un’intervista di un geofisico  membro dell’USGS in cui si afferma che nessuno è in grado di prevedere i terremoti in base a gas …ah..ma forse..l’USGS non fa parte del mondo scientifico che ti ha riconosciuto….forse il riconosciemento di cui parli..è quello di cialente e pezzopane..e di altri ignoranti…..o è quello che hai fatto all’imbarco ..internazionale appunto… ?!?!?!?UAAAAAAAHAHAH!TI VOGLIAMO A ZELIG!a te..e a quei fetenti di geologi italiani univeristari e ingv-eschi che stanno a fregà la gente insieme a te…..ALTRO CHE ZELIG VE CE VORREBBE!

  • Ma qualcuno di voi, ha provato a ragionare sul serio sulla scoperta dell’INGV ?

    Siete proprio sicuri che questo articolo scientifico dia realmente una mano a riabilitare Giuliani ?

    Il lavoro dice (cito dall’agenzia):

    lavoro spiega che la diminuzione di gas radon puo’ essere il precursore di processi di fratturazione e quindi anomalie negative di rilascio di gas dovrebbero essere considerate indicatrici di imminenti rotture.

    Ma Giulliani non ha sempre parlato di aumento di Radon e non di diminuzione prima del terremoto (rottura). Non sarebbe meglio chiarire per evitare l’ennesima accusa di cialtronaggine ???

  • Oh MESSY…puoi chiedere a Giampy i requisiti di uno sperimentatore “serio”,su cosa si base il metodo scientifico e come si imposta un esperimento affinchè sia universalmente accettabile e riproducibile?cosa significa fare un esperimento e dedurne “nuova fisica”?..chiedi anche se conosce la differenza tra fisica  e teorie filosofiche…no..perchè..ad un certo punto della storia…le due branche si sono separate!Forse Giampy non lo sa!GRAZIE A CHI  MI HA SEGNALATO QUESTA SPECIE DI “ARTICOLO”! GIAMPY!TI AMO! SO CHE NON TI SONO ARRIVATI I BISCOTTI A NATALE PERCHé LI HANNO FATTO FUORI PRIMA …MA SAPPI…CHE L’ITALIA INTERA é CON TE! NE SEI UN PERFETTO RAPPRESENTANTE! QUELLI DELL’USGS TE STANNO AD ASPETTA’ IN AMERICA…PER “FESTEGGIARTI” PURE LORO!UAHAHAHAHH!

  • @ eppursimuoveaq      scusami hai fatto passare la tua notizia….da come lai scritta forse ci vuole il traduttore di star trek….ma ora fai nà cosa: vatti a studiare un po di energia orgonica che forse ti serve …..

    ad una mia prima analisi mi sembra che ti manca un po di ordine mentale (i simboli verbali) e dipende tutto dall’energia orgonica negativa che si accumola soprattutto in ambienti dove i pensieri non sono buoni….dove i pensieri viaggiano ad un ritmo paranoico, stressato e non ti aiutano…..

    dopo prova a fare anche un po di meditazione solo dopo aver letto un po sui VEDA e aver capito un po sui chakras …….tutto un consiglio molto spassionato non voglio aggretirti per niente….e non voglio neanche una risposta !!!!!

    • ehm..sì lascia stare..non è il caso..altrimenti poi big g si lamenta che gli rompo le uova nel paniere ed inizia a riprendere informazioni su di me…uahahhahah!

  • complimenti a giuliani,anche a claudio che lo ha sostenuto,spero che BARBARESCHI chieda pubblicamente scusa per ciò che ha fatto a giuliani.              

    • Ah beh… capista… beh… ora sì! Questo spiega tutto! Non me l’aspettavo proprio che l’INGV precisasse….. Questa sì che è una scoperta sensazionale… caspiterina. Sei un grande, eppursimuove, un vero talento nel trovare gli scoop.

      Peccato che il punto sia: hanno disprezzato e rinnegato il radon per un anno, sia loro che a Superquarck, negando perfino una minima possibilità di confronto o una misera intervista, e ora, proprio dall’INGV, se ne escono con agenzie (evidentemente da dipartimenti non sotto il diretto schiaffo centrale) che il radon sia comunque un precursore, dicono che "HANNO SCOPERTO" che viene liberato in prossimita di un sisma per via delle spaccature che avvengono nelle rocce, fingono di ignorare che Giuliani parla anche e soprattutto di variazioni ***negative*** nei livelli misurati (mentre se ne appropriano), e soprattuto parlano di studi per arrivare un giorno a fare delle analisi quantitative dei livelli di radon prima del verificarsi dei sismi.

      Non ti ricorda niente? No… niente… ma va… figurati… proprio niente niente…. Poi, certo, i signoroni cervelloni centrali possono ribadire quello che vogliono, però ci sono almeno due agenzie dove i ricercatori, quelli di basso rango, quelli che si sporcano le mani, parlano chiaro. E si attribuiscono la PATERNITA’ di un sistema simile, cosa ridicola e senza alcun senso, nonché altamente proditoria.

      Questo non dimostra inequivocabilmente che Giuliani abbia ragione, ma dimostra inequivocabilmente che l’INGV aveva torto nell’ignorare tout-court gli studi di Giampaolo relegandoli alla cialtroneria totale. Il che, dal punto di vista dell’informazione, è esattamente il nemico culturale che combatte questo blog. Il successo è da intendersi in questo senso: prima si nega tutto, poi saltano fuori con la LORO SCOPERTA che forti variazioni nei livelli di radon si verificano prima dei sismi.

      Tu, EppurSiMuove, neghi qualsiasi cosa solo per portare l’acqua al tuo mulino, e questo getta il discredito totale su tutte le tue affermazioni. Quando ti sentirò uscire con affermazioni più equilibrate, specialmente in questo caso dove è evidente qualche contraddizione all’interno dell’INGV, allora forse sarai più credibile.

  • Questa è una notizia ed un’informazione che non fa bene alla comprensione dei terremoti.

    Non riesco nemmeno ad arrabbiarmi più di tanto, né riesco più a capire perché si inseguono e propongono ancora facili illusioni e distorsioni della realtà scientifica. Avrai i tuoi motivi e, credo, le tue personali convinzioni. Sarai più che certo di quanto ti dice Giuliani, altrimenti non riesco proprio a spiegarmelo. Sono solo dispiaciuto, come immagino tanti altri che a fatica stanno imparando cosa vuol dire far PREVENZIONE sui terremoti, perché per molte altre cose apprezzo quello che fai.

    Come vedi, scrivo certe cose senza inutili sensazionalismi o attacchi a qualcuno o a qualche idea. I terremoti, oggi, non sono prevedibili, in data, ora, luogo, magnitudo. Ci sono dei precursori che possono mettere in pre-allarme (radon, sciami, rilevazioni tramite satellite…) ma nessuna certezza che qualcosa accada. Il sisma del 6 aprile 2009 non è stato previsto da NESSUNO, né la Commissione Grandi Rischi doveva escludere la probabilità che accadesse. NON e’ stata fatta PREVENZIONE e corretta informazione, anche negli anni precedenti, questa è l’unica certezza da cui dipendono una buona parte dei morti. Alcuni aquilani, e geologi, hanno intuito che qualcosa poteva accadere, basta verificare quanto scritto da molti su alcuni forum prima del 6 aprile. Ma nessuno poteva prevedere. A L’Aquila poteva NON succedere nulla, come non è successo a SORA in seguito. Ma è accaduto, ed a posteriori siamo tutti bravi a rigirare il tutto per far combaciare i fatti. Intanto, chi vuole legga questo comunicato INGV, scritto per chiarire la disinformazione sugli ultimi studi sul radon.

    http://www.6aprile2009.it/?p=10289

    http://portale.ingv.it/primo-piano/prevedibilita-dei-terremoti-precisazioni-a-cura-di-ingv/view

    E per chi vuole, anche questo recente video di ricercatori dell’INGV. Ognuno lo interpreti come vuole.

    http://www.6aprile2009.it/?p=10113

    Patrizio Trapasso (http://www.6aprile2009.it)

     

    • Vorrei dar man forte a Giusy Conte riguardo al video.

      A dire il vero non ho tanta voglia di riprendere certe discussioni già consumate un pò di mesi fa, anche perchè vedo che ci ripetiamo, giriamo a vuoto sempre sulle stesse cose, sempre sulle stesse contraddizioni di Giuliani, bla, bla, bla.

      Il video del 23 marzo dunque.Non poteva non lasciare perplesso anche me quando l’ho visionato mesi addietro, almeno fino a quando non ho potuto visionare invece il video di una conferenza stampa post terremoto.Bene, in quella conferenza stampa proprio chi aveva intervistato Giuliani a marzo pose una domanda cercando di arrivare ad una spiegazione riguardo ai due differenti modi di porsi nei confronti della evoluzione dello sciame sismico e la cosa che mi colpì fu che la giornalista stessa parlava di intervista rilasciata all’inizio di marzo e non il 23 che invece era a ridosso della catastrofe.Probabilmente il 23 marzo è la data di pubblicazione su You Tube del filmato.Quel filmato tra l’altro io l’ho salvato anche se non saprei indicare il link (se fosse ancora disponibile).

      Comunque, in quei mesi ho fatto un gran cercare di tutto cio che potesse riguardare Giuliani e su questa questione ho potuto schiarirmi le idee arrivando a spiegazioni direi proprio convincenti anche se non è bastato limitarsi ad analizzare un solo filmato.Lo so che da un’analisi sommaria delle dichiarazioni di Giuliani molto spesso ci si imbatte in apparenti controverse interpretazioni, ma cercando più in profondità e collegando tra loro più elementi si può ricostruire un percorso coerente che delinea le sue teorie a dispetto delle sue incertezze dialettiche.

      Ragazzi, comunque la materia è un tantino complessa e se si vuole capirne un pò tocca lasciare il gossip mediatico e studiarsi la faccenda in maniera un tantino scientifica.Vi assicuro che anche senza essere dei cervelloni si può tranquillamente (senza coinvolgimenti matematici magari) arrivare a comprendere quello che vuole veramente comunicare quest’uomo, il Giuliani ricercatore non il Giuliani mediatico.Con le parole, le interpretazioni, i se e i ma resteremo sempre esattamente al punto di partenza.E questa non è cosa da mettere ai voti.

      Da quello che ho capito uno sciame sismico, fenomeno ricorrente in certe zone, “normalmente” dovrebbe tendere a scemare, rilasciando energia sempre più bassa con il progredire dei giorni.Probabilmente fino ad un certo punto (inizio marzo per esempio) ci si aspettava un andamento di questo tipo e quindi Giuliani parlava di conseguenza.In realtà all’avvicinarsi del 6 aprile si è assistito invece ad un aumento del rilascio di energia nel susseguirsi delle scosse.E questo non lo dice Giuliani ma per esempio il prof. Gasperini, mostrando tanto di grafici, nel convegno all’università di Napoli al quale partecipò anche come ospite lo stesso Giuliani.Quindi questo è un dato riconosciuto.Giuliani ha accusato chi era preposto ad assumere provvedimenti di prevenzione di aver sottovalutato questa “anomalia” (continuo ad usare opportunamente le virgolette).Giuliani diceva che anche con la strumentazione ordinaria in dotazione all’INGV si doveva dedurre che non si preparava niente di buono, ma purtroppo ha prevalso un certo drammatico ottimismo.Tra l’altro nell’intervista strappata dalla troupe della rai, che dato il via all’interesse appassionato di Claudio per questa vicenda, Giuliani che dice? Che si aspetta altre forti scosse appunto, e siamo al 31 marzo.Più ci avviciniamo al 6 aprile più Giuliani è preoccupato stando anche alle e-mail documentate inviate dallo stesso e riportate nel libro.

      Io continuo a pensare che non si tratti di un ciarlatano, ne di un mitomane.Credo che abbia veramente realizzato un radonmetro più efficiente e che questo gli abbia permesso di sondare conoscenze nuove per via empirica magari ma con risultati che dovrebbero essere presi in considerazione.Forse al momento non sarebbe in grado di fare previsioni paragonabili al servizio meteo in attendibilità, ma accidenti può anche essere che quel pò che può aggiungere al niente che ha lasciato andare via trecento vite possa domani risultare un enorme opportunità.

  • E’ triste vedere tanta stupidità, e non riesco ancora a farci il callo, l’abitudine. Tutto mosso da avidità, disprezzo, incoscienza. Idiozia. O semplice ignoranza.

    La ricerca in futuro non sarà mai più privata. La ricerca privata, come dice la parola, è “privata” della libertà di sperimentazione. Tutto ciò che non è brevettabile, non serve. Vedi medicinali omeopatici, schede elettroniche (che per magia scompaiono), Tessla, energia ordonica, idrogeno, fusione fredda… persino i solare. Certo ora il solare lo stanno pubblicizzando, ma dopo essersi preparati e assicurati la loro fetta di entrate, oltre che al potere di impedirne il corretto funzionamento…

    E’ ora dei calci nel culo.

    Scusatemi l’esternalizzazione, ma sapete com’è, se io penso a un bambino morto per una malattia curabile, o sotto il cemento di un palazzo crollato, o sotto una bomba, o di fame, e poi penso agli stronzi ignoranti che compiono con cinismo certi atti…… bè, avvertiteli da parte mia, come dicevo, che i calci in culo arrivano presto. Prendetemela con me, se volete, o contro i vecchi incartapecoriti: ma non toccate i più deboli, gli unici innocenti, che nessuna colpa hanno per l’idiozia dei vari padri padroni.

    Ieri ho avuto l’onore di incontrare Giulio Cavalli, in Cordusio. La mia ammirazione e stima per quell’uomo, me l’ha confermata di persona, e ne sono contento. A Milano e in Lombardia, tra i consiglieri del MoVimento5stelle, Giulio Cavalli, e altri che ho avuto modo di incontrare, sono convinto che comincerà una nuova stagione polito-culturale che porterà innovazione e onestà, anche se in minoranza. Quella pura, dove la gente è al centro dell’attenzione.Se fosse stato Giulio, ad esser candidato Presidente, forse il mio impegno avrei potuto metterlo al suo servizio… così, non serve: sicuramente lui entrerà in Consiglio, come il MoVimento.

    Consiglierei a FormiConi di dare forfait, per evitarsi tutte le rogne a venire…

     

    dl31: ma quanti anni hai??? io giro parecchio in rete, ma tu sei incredibile!! quanti anni sono che sguazzi nel cyberspazio? Non riesco a starti dietro, con tutti questi collegamenti!!

    • praticamente io senza internet in 20 anni di vita da strada avevo gia intuito tutte le cose che dico…e credo anche tu ed anche tutti gli altri…….poi si ci deve credere !!!!!

      allora 4 anni fa ho avuto a disposizione internet ed un pentium2….vedendo che internet alla fine era un vero e proprio oracolo fatto dagli uomini (DIO reso carne) allora ho comiciato ad indagare su tutto quello che mi appassionava di più, cioè tutto quello di cui parliamo qui, ma soprattutto li….dentro quella nostra testolina, punto di contatto tra lo spirito e la materia !!!!!

      il mio nome e cognome sono Davide La Manna di Palermo, ho 32 anni nato il 31/1 alle 8.45 di martedì se ti intendi un po di numerologia e astrologia (in generale, quindi cinese, abramica, nativi americani, ecc..) dai dati che ho messo potresti avere tutta la visione di chi sono !!!!!!!

      l’ora è importante…..si tratta di vibrazioni planetarie che colpiscono i corpi in determinati momenti e in determinate coordinate universali e che non si verificano mai più !!!!!    quindi unici !!!!!     e vengono impressi per sempre nel tuo dna quando nasci, portandoti dietro per sempre quei particolare legami con DIO ordinatore di tutto questo meccanismo !!!!!    da qui poi ti vai a ricollegare agli angeli (reazioni chimiche alchemiche di congiunzioni universali) aiutandoti con la cabala !!!!!

      è un po come alice nel paese delle meraviglie….dove tutto quello che credevi un sogno alla fine invece è tutta realtà !!!!!    

      il futuro in verità non lo prevedi per delle doti particolari, lo prevedi solo perche raggionadoci sopra le azioni degli uomini provocano conseguenze e le azioni degli uomini sono provocate dalle emozioni, e le emozioni sono fortemente influite dai pianeti….cioè DIO !!!!!!!

      gli assatanati burattinai-burattinati inconsapevolmente stanno puntando ad inibire queste emozioni, sensazioni, tramite scie e DIO solo sa cos’altro per controllare tutto loro e non DIO !!!!!

  • Solo un grazie ancora, a Claudio e a Giuliani prima di tutto. Ora l’informazione è completa, perchè da quelle 4 righe striminzite nelle notizie flash e solo online del corriere o della repubblica, non ricordo…

    immaginavo il ruolo dell’ingv, ma prima di commentare volevo averne conferma

    forza Giampaolo, avanti: è per le persone come te, e come Claudio, che non mi vergogno di essere italiana!

    non vedo l’ora di vedere il dvd

    lasciate gli altri rosicare!

  • un commento sulla ricerca politicizzata da chi è vissuto in America… sapere l’ora e l’intensità di un terremoto è una cosa che economicamente sarebbe molto conveniente per le assicurazioni americane che pagano per le case e le vite… e siccome come sappiamo dove ci sono soldi c’è sicuramente ricerca, ho delle perplessità sull’ostruzionismo che Giuliani denuncia. Se e quando Giuliani avrà qualcosa di scientificamente valido da pubblicare non farà certo fatica a trovare sponsor e a pubblicare articoli.

    Non avete pensato che la stampa (a mio avviso politicizzata) subito dopo il terremoto de L’Aquila ha utilizzato Giuliani per colpevolizzare la ricerca con il discorso di previsione possibile o no, per spostare l’attenzione dai veri colpevoli, e cioè chi avrebbe dovuto almeno per le cose pubbliche costruire, controllare, e per il privato informare i cittadini su come adeguare i propri edifici presenti in una zona identificata dall’INGV ad alto rischio e sotto evidente (a tutti) sciame sismico?E questo compito è di chi mette i soldi per la prevenzione, cioè degli Enti Pubblici, della Protezione Civile, non certo dell’Ente di Ricerca che ha già detto quali sono le zone è ad alto rischio sismico, che tradotto vuol dire zone dove ci si aspetta un terremoto elevato, ma che non può scientificamente dire che alla tale ora e il tale giorno ci sarà un terremoto della tale intensità, anche perchè altre volte lo stesso sciame non è sfociato in niente.

     

    Ora possiamo pure star qui a dire quanto sarebbe bello che uno ci dice con esattezza che la casa ci crolla sulla testa fra un’ora o fra due o magari l’allarme rientra e succede tra tre ore, e magari passo tre mesi a dormire in macchina, ma non ha più senso che se una comunità vive in un posto a elevato rischio sismico, gli abitanti vengano sensibilizzati da chi li governa, al rischio che corrono e si assicurino di adeguare la loro casa perchè possa reggere ad un terremoto stimato da anni come elevato?

    E lasciamo che i ricercatori, che non si può proprio dire che siano una categoria in Italia sostenuta, continuino egregiamente a fare il loro lavoro.

    • L’una cosa non esclude l’altra. Si deve fare prevenzione, e non si deve chiudere la porta (come è stato fatto sia dall’INGV che dalla Protezione Civile quando vennero ignorate le comunicazioni di giuliani già nel 2005/2006) ai ricercatori che hanno idee interessanti e che, sembra, ci azzecchino anche abbastanza. Se hanno ragione o meno, lo deciderà la comunità scientifica, ma qui il problema è stato di tipo ostracistico soprattutto dal punto di vista mediatico (tormentoni per settimane con accuse di cialtroneria) e affaristico (chi ha interesse nel non perdere il controllo del territorio dal punto di vista tecnico?).

  • Per il discorso sulla previsione, quando ci saranno pubblicazioni di Giuliani riconosciute dalla comunità scientifica internazionale, che mi sembra di capire non ci sono ancora, nonostante i vari anni di sperimentazione, si potrà parlare di teorie scientificamente provate e affidabili. 

    Per la mia mente ingegneristica se uno vuole essere finalmente creduto deve elaborare una teoria riconosciuta a livello scientifico internazionale.

    E ripeto, secondo me se l’idea funziona, gli sponsor e le università nel mondo con le quali collaborare si trovano… e penso che anche l’INGV avrebbe avuto in questi anni e potrebbe avere in futuro tutto l’interesse scientifico a collaborare ad una teoria valida sui precursori sismici.

    Quindi aspetto le pubblicazioni di Giuliani.

  • Sono sempre stato moderatamente a favore di Giuliani.

    Ma ora ho dubbi.

    Poichè:

    1) Il metodo di Giuliani si basa sulla misurazione dei raggi gamma;

    2) Il metodo dell’università Roma 3 (approvato da INGV) si basa invece sulla misurazione dei raggi alfa;

    come fa Giuliani a dire che Roma 3 dà ragione al suo metodo?

    Sono metodi diversi!

    La scienza ufficiale (l’università Roma 3) non ha dimostrato nulla con il metodo di Giuliani (basato sulla misurazione dei raggi gamma), ma con il metodo che lo stesso Giuliani disapprova (quello che misura i raggi alfa).

    Lo stesso Giuliani si è difeso più volte sottolineando che il proprio metodo è innovativo perchè non misura i raggi gamma -come fino ad ora è stato fatto e come ha fatto pure l’università Roma 3- ma i raggi gamma.

     

    • Mannaggia Fiorenzo!

      Non mi va di riprendere tanti discorsi gia fatti ma vedo che l’assenza di nozioni in merito crea convinzioni sbagliate.

      I radonmetri classici sfruttano le particelle alfa per quantificare la concentrazione di radon nell’ambiente.Le particelle alfa sono caratterizzate da una massa, da un certo poterte ionizzante e da una certa energia cinetica.Questo metodo prevede che un campione d’aria sia ospitato in una camera di opportuno volume per misurare gli effetti elettrostatici prodotti dalle particelle alfa proporzionali sicuramente al numero delle stesse.Ma si deve fare i conti con determinate complicazioni e con un certo errore che vizia inevitabilmente la misura per quanto si utilizzi apparecchi professionali.

      I radonmetri di Giuliani si basano su radiazioni gamma che hanno natura puramente energetica e non hanno una massa.Con curiosi stratagemmi l’intuito di Giulani ha portato a sfruttare al meglio certe situazioni legate a queste radiazioni fino ad ottenere delle misurazioni molto più pulite, precise e continue.

      In ogni caso sia le particelle alfa che le radiazioni gamma sono comunque entrambe rappresentative della quantità di radon presente, solo che misurando le seconde si hanno vantaggi tali da poter produrre rappresentazioni grafiche con una continuità altrimenti difficile da ottenere.

      Dei link che si propongono per spiegazioni molto “alla mano”.

      http://www.earthquake.it/forum/il-sistema-di-misurazione-giuliani-t21.html?sid=028ee31171a539a06d98e5702cda67c5

      http://www.earthquake.it/forum/il-sistema-di-misurazione-giuliani-2-t46.html

    • Comunque quello che penso voglia intendere Giuliani è che dopo le sue soffiate anche con strumenti classici si comincia ad approdare a risultati che portano verso le sue teorie.E’ un pò come muoversi su una strada già tracciata pur in condizioni di scarsa luminosità, mentre altra cosa sarebbe stata in tali condizioni seguirla senza riferimenti già noti.In ogni caso Giuliani dice di essere di fatto molto più ananti.

    • Focaccia, io ho scritto quello che hai scritto tu, ossia che il metodo innovativo di Giuliani misura i raggi gamma, mentre la scienza ufficiale ha sempre misurato i raggi alfa: come fai a dire, quindi, che ignoro la questione? 

      Giuliani ha sempre sostenuto che la scienza ufficiale non ha mai capito molto sulla prevedibilità dei terremoti proprio perchè misura i raggi alfa e non quelli gamma.

      Ora, però, la scienza ufficiale (intendo la ricerca dell’università di Roma 3) dimostra che la prevedibilità dei terremoti si può stimare misurando i classici raggi alfa, quelli cioè che per Giuliani non servono a niente.

      Il metodo della scienza ufficiale (misurazione raggi alfa) è diverso da quello di Giuliani (misurazione raggi gamma).

      La scienza ufficiale non ha detto che i raggi gamma (quelli di Giuliani) funzionano, ma che funzionano quelli alfa, ossia quelli condannati da Giuliani.

       

    • Scusami Fiorenzo non intendevo assolutamente sminuire le tue conoscenze.Semplicemente mi era sembrato, o meglio mi sembra ancora, che la faccenda da un punto di vista tecnico, diciamo, non ci è stata presentata nella sua effettiva sostanza.Non voglio assolutamente passare per saputello, o peggio, per presuntuoso; se accenno a trattazioni scientifiche sia chiaro che lo faccio con la stessa umiltà che mi ha spinto ad approfondire, per quel che potevo, quelle poche nozioni che trapelavano quando il “fenomeno” Giuliani ha catturato la mia attenzione, quando ore passate in rete a cercare di capire decadimenti, radiazioni, equilibri secolari, fotomoltiplicatori, scintillatori e tutto il resto mi hanno convinto che quantomeno il ricercatore (se siamo daccordo su come definirlo) utilizzava principi di una fisica universalmente riconosciuta.

      Comunque non credo che Giuliani ritenga le radiazioni alfa del tutto inutili, semplicemente ha scoperto che è molto più vantaggioso utilizzare i raggi gamma.Anzi ti dirò di più.All’inizio della sua avventura Giuliani stesso ha provato a costruirsi dei radonmetri basati sulle radiazioni alfa, non disponendo della cifra necessaria per l’acquisto di un apparecchio professionale.Solo che si è reso subito conto di quanto macchinoso fosse realizzare un strumento che potesse realmente risultare valido per il tipo di misurazioni che intendeva effettuare e di quanto anche quelli in commercio fossero caratterizzati da limiti non di poco conto.Quello che ha fatto è semplicemente passare ad una misurazione più indiretta del radon contando i “figli” di questo grazie ai gamma che emettono nel decadere a loro volta ed imbattendosi poi in un “regalo” insperato, cioè nella disponibilità di coppie di raggi gamma che riconducono allo stesso iniziale evento, il decadimento del singolo “capostipite”atomo di radon.

      In ogni caso, il problema vero trattato in questo post non è l’utilizzo di gamma o di alfa.La questione vera è la conferma che determinati comportamenti degli elementi che entrano in gioco nei momenti di genesi delle attività sismiche possono, o potrebbero, essere visti e studiati per mezzo del radon.A questo punto ci sarebbe da dire che, innegabilmente, magari tirando anche ad indovinare (giusto per non sembrare schierato), Giuliani certe cose le ha dette un pò di tempo fa e gli è stato riso in faccia… fate voi.E comunque a suo dire grazie sempre ai raggi gamma il suo “programma di ricerca” starebbe già oltre quanto appena raggiunto con misure condotte per mezzo delle particelle alfa (che non sono raggi).

  • Focaccia ha scritto :
    … Penso che purtroppo poche persone, pochi folli individui, abbiano deciso come deve girare il mondo e che abbiano già preventivato quanto costa in termini di vite umane questo assurdo progetto.Pensano di poter vivere per sempre, di poter detenere il loro potere per sempre e non si convingono che Dio è molto diverso da loro.  ”  

    ma a che ti riferisci?

     

    • … no, niente che possa riferirsi a chissà quale organizzazione.Si tratta solo di un mio modo di percepire il cinismo di chi per conseguire senza un preciso limite ricchezza a tutti i costi pur sapendo che certe scelte possono comportare delle perdite in termini di vite umane operano in modo spregiudicato nell’esercizio dei poteri legittimi e no che si ritrovano tra le mani.A mio avviso ci sono soggetti che per salvaguardare i propri interessi, i propri profitti, non esiterebbero a ritenere un male necessario il sacrificio di vite umane e quindi i Montanari di turno rappresentano un ostacolo da eliminare, una voce da soffocare;la gente si ammala ma non si dica che la colpa è dell’inceneritore.Purtroppo la via più breve verso il profitto non è quella che passa per la razionalizzazione delle attività umane e le redini del mondo le ha in mano chi vuole tutto adesso e non sente il bisogno di un futuro nella folle corsa verso un’onnipotenza che non potrà ahimè comunque avere mai perchè prigioniero, ignaro, dei suoi limiti umani.

  • Questo post è ridicolo. Cioè… i ricercatori INGV pubblicano un articolo scientifico con gli esiti della ricerca in un campo che è tutt’altro che nuovo alla sismologia e tu dici che, in buona sostanza, hanno riscoperto quello che ha scoperto Giuliani?

    Non è che magari si tratta di cose con un valore di ordine diverso? Non è che magari in questa ricerca è stato fatto qualcosa di più di quello che fa Giuliani? L’avete letto almeno l’articolo? A nessuno viene in mente che magari questa ricerca è iniziata molto prima che Giuliani cercasse un po’ di fama?

    È gente che ha studiato queste cose per 10/20 anni ed è il loro lavoro fare ricerche, sviluppare modelli fondati e quindi fare pubblicazioni su riviste scientifiche (quelle di Giuliani dobbiamo ancora vederle, avrebbero dovuto citare delle NON-pubblicazioni?).

    Penso che questo post rappresenti in poche righe la grandissima ignoranza in fatto di scienza e metodo scientifico che caratterizza l’italiano mediano.

    Esprimo solidarietà ai poveri ragazzi di INGV che più o meno sottopagati/precari si danno da fare e che vengono regolarmente denigrati con arroganza (per non dire insultati) su questo blog. Magari i loro volti non compariranno su un doppio DVD che fa impazzire il “popolo della rete”, ma il loro lavoro poco più che “anonimo” è di grande valore.

    • “i poveri ragazzi di INGV che più o meno sottopagati/precari si danno da fare e che vengono regolarmente denigrati con arroganza (per non dire insultati) su questo blog”…

      Ma che dici?Non mi sembra che si sia mai fatto cio su questo blog!Semmai si è messo in discussione l’atteggiamento dei vertici.Sulla bontà del lavoro di quei ragazzi nessuno penso abbia niente da ridire; fanno bene, sia pur sottopagati, quello che sono chiamati a fare e la loro opera a maggior ragione è lodevole.Non credo neanche che si sia voluto mai attaccare l’INGV come istituzione in se perchè il suo ruolo è comunque irrinunciabile; lo stesso Giuliani ha ammesso che in questi anni si è servito dei dati messi a disposizione proprio da quei ragazzi e non avrebbe potuto diversamente verificare un bel niente dei suoi rivelatori.

      Sono dell’idea che esistano realtà che dovrebbero essere complementari nell’ambito della ricerca, e l’errore è proprio quello di volerli porre in contrapposizione.

       

  • Aprendo da conoscenti una notizia inquietante, ne sapete

    Qualcosa, e Giuliani che ne dice???

     

    Link della Notizia

    Un sisma devastante colpirà Roma l’11 maggio 2011?

    Bendandi, i terremoti e i confini della scienza.

     

    Da settimane circolano su molti blog e siti internet notizie di prossime catastrofi sismiche in Italia, frutto delle previsioni del defunto sismologo Bendandi: l’uomo che prevedeva i terremoti. Cosa c’è di vero? Proviamo insieme a percorrere questo impalpabile confine che divide la scienza dalla superstizione.

    Esattamente fra un anno, l’11 maggio 2011, una devastante scossa sismica colpirà l’area di Roma, mentre tra il 5 e il 6 aprile 2012 numerosi e catastrofici terremoti colpiranno molte aree della terra. Chi può affermare una cosa del genere? Da quando si possono prevedere i terremoti?

    Purtroppo questi spaventosi eventi naturali sono ancora imprevedibili, a maggior ragione con la precisione che si evince da questi catastrofici proclami. Eppure nel secolo scorso è vissuto un uomo che pare fosse in grado di farlo; ne era talmente convinto che arrivò a depositare alcune sue previsioni presso un notaio.

    Costui era noto come “L’uomo che prevedeva i terremoti”, al secolo Raffaele Bendandi; Romagnolo di Faenza, nasce il 17 ottobre del 1893. Dopo il sisma di Messina e Reggio Calabria, del 1908, si appassiona ai terremoti con l’intento primario di giungere ad una loro possibile previsione.

     

    Continua…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi