Blog che non servono a niente

7 giorni. La videocassetta che uccide.
Qualcuno dice che  i blog non servono a niente. Non la pensano così alla Procura dell’Aquila, che oggi ha formalizzato l’iscrizione nel registro degli indagati di 9 nove persone collocate ai più alti vertici della Protezione Civile e dell’INGV – l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – con l’accusa di omicidio colposo. Durante le indagini, come mi è stato confermato dal coordinatore delle stesse, sono state consultate anche molte delle inchieste di Byoblu.Com.  Tra queste La videocassetta che uccide, la testimonianza della censura che alti profili istituzionali legati alla Commissione Grandi Rischi del 31 marzo 2009 hanno imposto a una troupe Rai che aveva appena realizzato, nello stesso giorno, un’intervista a Giampaolo Giuliani.
Mentre Bernardo De Berardinis, il vicecapo della Protezione Civile che sarebbe anche coinvolto nell’accusa di procurato allarme piovuta su Giuliani per gli inesistenti fatti di Sulmona, durante la conferenza stampa che si tenne alla fine dei lavori della Commissione Grandi Rischi diceva “La comunità scientifica conferma che non c’è pericolo, perché c’è uno scarico continuo di energia; la situazione è favorevole“, nella sala di rilevamento allestita da Giuliani per volontà del sindaco Cialente, sotto alla scuola De Amicis, nonostante l’avviso di garanzia il tecnico aquilano diceva a una troupe Rai che si aspettava altri forti terremoti, ed addirittura un evento molto forte in meno di una settimana. Sei giorni dopo, la catastrofe.
Dovevano passare otto mesi perché Giuliani venisse completamente prosciolto dall’accusa di procurato allarme, e ancora adesso la leggenda metropolitana alimentata da uno dei più grandi tentativi di mobbing su vasta scala che il degrado politico, scientifico e morale di questo paese potesse mai partorire stenta a soffocare la sua eco, con un duplice incalcolabile danno. Il primo sofferto dalla popolazione abruzzese che, in conseguenza dell’avviso di garanzia, non ha potuto essere allarmata da Giuliani quando i suoi sistemi gridavano di abbandonare la nave; il secondo inflitto all’immagine stessa della ricerca sulla prevedibilità dei terremoti che ancora oggi, complice la disinformazione dei media, sconta i famigerati fatti di Sulmona, anche se nel fascicolo accompagnatorio al proscioglimento totale il gip di Sulmona si spinge addirittura a riconoscere i legami tra le emissioni di radon e il verificarsi dei terremoti.
Altri sei mesi, dopo il decadimento di ogni accusa nei confronti di Giampaolo Giuliani, e gli stessi nomi accusati dal documento La videocassetta che uccide vengono ora indagati dalla Procura dell’Aquila per omicidio colposo. Tra le prove raccolte figura proprio l’intervista a Cristiano, l’operatore Rai che ho incontrato lo scorso settembre a Bologna, e il materiale su Giuliani girato dalla Rai alla De Amicis, che l’assalto dei pirati dell’informazione in acque internazionali, ovvero nel tratto autostradale tra L’Aquila e Roma, ha sequestrato perché non andasse in onda. Tutto materiale disponibile come extra nel doppio dvd INTERNET for GIULIANI, che si può acquistare per sostenere l’informazione libera del blog.
Adesso, dopo che perfino schegge impazzite dell’INGV scoprono il radon e si mettono al lavoro per mettere in relazione, quantitativamente, le emissioni di questo gas con la probabilità che si verifichino forti sismi – con l’obiettivo dichiarato di brevettare il sistema – per coloro che alla fine della Commissione Grandi Rischi si telefonavano per ridere alle spalle di quello scemo di Giuliani i tempi si fanno decisamente duri.
Del resto, non può mica piovere per sempre.


p.s. Domani inizierò la pubblicazione degli ordini dei dvd, elencando in una pagina apposta, a mano a mano che verranno gestiti, i nominativi e le date di spedizione.

 

Disponibile in anteprima.
Nessuna spesa di spedizione

UPDATE: Tra gli indagati figurerebbero: Franco Barberi (presidente vicario della commissione nazionale per la prevenzione e previsione dei grandi rischi e ordinario di vulcanologia all’universita’ Roma Tre), Bernardo De Bernardinis (vice capo settore tecnico operativo del dipartimento nazionale di Protezione civile), Enzo Boschi (presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e ordinario di fisica terrestre presso l’universita’ di Bologna), Giulio Selvaggi, (direttore del centro nazionale terremoti e corrdinatore del progetto CASE), Gian Michele Calvi (direttore della fondazione ‘Eucentre’), Claudio Eva (ordinario di fisica terrestre presso l’universita’ di Genova) e Mauro Dolce (direttore dell’ufficio Rischio sismico del dipartimento di Protezione civile e ordinnario di tecnica delle costruzioni presso l’universita’ Federico II di Napoli).

18 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Grande. Dovrebbero essercene migliaia di inchieste come quelle fatte da questo blog.

    E poi comunque non dovrebbero essere oscurate, come potrebbe capitare…

  • come al solito complimenti, rendi un servizio non solo a noi utenti ma anche alle forze dell’ordine, dovresti percepire uno stipendio visto che hanno tutto il lavoro sporco già fatto per metà 😉

    a proposito, come vanno le vendite dei dvd? spero bene.. io mi impegno a cliccare su tutti i link pubblicitari del sito almeno 3 volte a ingresso, fatelo tutti!!

  • Quando stamane ho letto la notizia ho pensato subito a te e a Giuliani. Finalmente la giustizia si muove, è una boccata d’aria fresca.

    Complimenti a entrambi. Il vostro lavoro e la vostra tenacia smuovono acque torbide, ma solo così si può sperare di purificarle.

    A breve avrai il mio ordine per il dvd.

    Buon lavoro.

  • Claudio, sei un GRANDE , hai dato un contributo preziosissimo all’inchiesta.

    E io sono doppiamente contenta di aver ordinato il dvd (che attendo con trepidazione di ricevere, non appena avrai un po’ di respiro )

  • Mah scusate ma mi sembra abbastanza assurda questa accusa di omicidio colposo!

    Prima di tutto da quello che ho capito nemmeno Giuliani può prevedere con esattezza data, ora ed epicentro di un terremoto, con il radon si può stringere il campo, e dire che in un certo intervallo di tempo, a seconda delle variazioni del gas, la probabilità di terremoti cresce, ma ora esatta e luogo preciso secondo me, da quello che ho capito non li può prevedere neanche Giuliani, e pure lo studio dell’INGV non dice che si può prevedere un terremoto, dice solo che ci sono queste variazioni di radon.

    Adesso voglio dire, sarebbe sensato evacuare la gente, e dare allarmi, solo sulla base di un’alta probabilità? boh io la vedo un po dubbia come utilità.

    Infatti mi sembra che Giuliani, prima di azzeccare la previsione della grande scossa, ne ha sbagliate altre, è anche per questo che mi pare era stato denunciato per procurato allarme.

    Invece di mettere sotto indagine chi ha costruito una citta “di sabbia”,  che s’è sbriciolata alla prima scossa un po più forte, si punta il dito contro chi ha preferito non lanciare allarmi, visto che non esistavano certezze.

    Sicuramente molto comodo per tanti, spostare le responsabilità, ma tieniamo presente che con edifici a norma, un terremoto come quello dell’Aquila sarebbe stato INNOCUO, quindi la colpa più grossa secondo me non è da attribuire a chi non ha creduto alle parole di Giuliani

     

    • La questione è assurda se non si è capito nulla di quanto si è letto sui giornali.

      La procura ravvede il reato NON perchè la commissione dovesse prevedere un terromoto,
      ma perchè in condizioni di scosse ripetute doveva ALMENO dichiarare per legge la condizione di "emergenza"
      e prendere e far prendere tutte le precauzioni necessarie che vengono prese in paesi ad
      elevato rischio sismico:

      1) Allertare la popolazione
      2) Consigliare di preparare un kit minimo
      per scappare in fretta, in modo da perdere meno tempo possibile
      a cercare qualche vestito, portafogli , coperte e generi di prima necessità, prima di scappare di casa
      3) Cominciare a fare uno screening anche solo di massima degli edifici pericolosi,
      ed eventualmente evacuare solo quelli.
      4) Fare un po’ d’informazione, mediante volantinaggio, su come comportarsi in fatto di forti scosse
      (nascondersi solo tavoli, sotto gli le volte delle porte che strutturalmente
      sono più robuste, etc etc).
      5) Lasciare le porte d’uscita delle case eventualmente con la chiave inserita, in modo
      da non perdere tempo a cercare le chiavi in caso fuga.

      NON é STATO FATTO NULLA DI QUESTO, E’ STATO DETTO ALLA POPOLAZIONE DI STARE IN CASA
      TRANQUILLI perchè NON C’ERA PERICOLO.

      HAI CAPITO ORA INVECE DI CONTINUARE A MENARLA CON LA STORIA della PREVISIONE DEI TERREMOTI ??????????????

       

    • Infatti mi sembra che Giuliani, prima di azzeccare la previsione della grande scossa, ne ha sbagliate altre, è anche per questo che mi pare era stato denunciato per procurato allarme.

      Con questa ti sei qualificato invariabilmente come un disturbatore, e credo che dopo interminabili, chilometrici thread con cui stai disturbando il blog da settimane, Claudio farebbe bene, per la comprensibilità degli interventi e dei commenti a rimuoverti.

      Stai controbattendo con qualcosa che ti è stato appena dimostrato nel testo dell’articolo essere falso. C’è scritto grosso come una casa che Giuliani è stato prosciolto da ogni accusa di procurato allarme. E’ scritto GROSSO COME UNA CASA, e tu scrivi "mi pare che…"? Scusa, ma non sei di nessuna utilità, a questo punto, perché non dimostri di seguire alcun filo di ragionamento coerente, e dal numero dei commenti con cui intasi il forum di discussione sotto ogni post è evidente a questo punto che, per l’appunto, tu sia uno che di mestiere viene qui a criticare tutto e tutti.

      In questo caso, contravvenendo Kautostart alle regole del blog, pregherei che venisse bannato. Non è possibile riempire ogni post all’80% delle sue idiozie, non tali per il credere o non credere a questo o quello, ma per l’assenza totale di ogni onestà intellettuale nel discutere seriamente, leggendo e comprenendo prima di criticare senza senso, confondendo il lettore che al contrario vuole seguire un filo logico e ha bisogno di capire.

    • X odio gli ignoranti:

       

      Ok d’accordo con te, la protezione civile avrebbe dovuto dire, in queste condizioni (forti sciamo sismici) la probabilità di una scossa molto più forte, è più alta, ma non poteva nemmeno dare retta a Giuliani, e fare evacuazioni continue a ogni sua previsione. L’atteggiamento più onesto era solamente quello di avvisare la popolazione del rischio aumentato, tipo “entro 2-3 settimane ci potrebbe essere un scossa molto più forte”, quindi chi ha una casa fragile, si metta in salvo.

      In questo senso si che possono aver ragione a metterli sotto processo, per non aver detto la verità esatta. Ma mi piacerebbe di più che fosse messo sotto processo anche chi ha speculato, sull’edilizia pubblica!

    • kautostar…….onestamente io ho cercato di seguirti sempre nei discorsi tanto che quando ne abbiamo avuto l’occasione abbiamo discusso parecchio ed anche se fossi un disturbatore per me eri uno spesso perche ragionavi per metà e ti potevo far ragionare completamente alla fine….

      ….ma onestamente ha da un periodo ed in questo articolo particolarmente sembra che non ti si possa praticamente discutere !!!!!

      kautostar….questo nick ed il tuo personaggio mi resteranno per sempre stampati in mente, ma da ora in poi seguiro il tuo commento sopra e non perdero piu neanche un secondo a leggere i tuoi commenti i problemi stanno diventando nauseanti e bisogna essere operativi per risolveri quindi vabbene i dubbi, ma quelli ragionevolmente razionevoli !!!!!!

      non credo tu sia un disturbatore per professione….credo che tu lo faccia proprio per passione….davanti a DIO JESU BUDDHA MAOMETTO E TUTTI GLI ALTRI appena sara l’ora questo fatto ti potrebbe aiutare di piu rispetto ad altri…..

      ….perche lo stai facendo d’istinto !!!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi