Il luminoso arcobaleno dei nostri pensieri

Questo non è un blog di taglio e cucito. Qui c’è gente che tutti i giorni viene perché crede fortemente nella possibilità di cambiare le cose. Magari anche in meglio.
E’ un blog per incoscienti sognatori che non si rassegnano all’idea che il mondo non sia una favola e che non tutti si comportino bene. E’ un blog per incalliti utopisti che credono in un’informazione libera, in una politica concepita come l’arte della buona amministrazione della cosa pubblica, in una scienza al servizio del benessere dell’uomo, nel rispetto dell’ambiente, e non dei bilanci delle multinazionali. E’ un covo di ingenui creduloni affezionati all’idea che le istituzioni nascano per fare l’interesse dei cittadini, e non per concentrare e meglio amministrare il potere. Qui c’è gente che, illusa, crede ancora che i Ministri della Repubblica vengano nominati per garantire una funzione di pubblica utilità, e non la propria impunità.
Siamo gente strana: seminiamo pezzettini di informazione grandi come molliche, che spesso i corvi si portano via, e speriamo che possano servire agli sperduti viandanti della democrazia, noi compresi, per ritrovare la strada che porta all’uscio di casa. A uno degli usci, perché il castello della civiltà ha molti ingressi e ognuno si scelga pure il suo, a condizione che possa trovarlo sempre sgombero e accessibile, e che mai gli venga sprangato da chi vuole occupare torrioni, segrete, salotti e camere da letto.
Siamo fatti così. Siamo irriducibili che non si rassegnano a mediare sulle questioni di onestà e integrità, che credono nel buon senso prima ancora che nelle leggi, siamo centinaia di migliaia di ingenui sprovveduti a cui si può raccontare tutto, ma che non si bevono niente. Crediamo nel lieto fine, usiamo parole forti ma lo facciamo in buona fede, come reazione allo stupro dei comandamenti interiori, scritti nelle coscienze molto tempo prima di essere rivelati nei testi sacri. Usiamo toni forti ma ce lo possiamo permettere, perché diversamente dai Ministri della Repubblica che parlano di fucili e dai sindaci delle capitali che vogliono sfondare i caselli autostradali con l’auto blu, noi siamo semplici avventori da bar, siamo la pancia che brontola, il nonno che rimbrotta. Osserviamo, e quello che vediamo non ci piace, è vero, ma i forconi li usavano i nostri nonni nei pagliai: noi combattiamo una guerra fatta di parole, aguzze come pietre, precise ed affilate come punte di frecce per scalfire le maglie della catena dell’informazione, brandita e fatta oscillare da chi l’ha forgiata e ora ne tiene saldamente in mano un capo, distribuendo opinioni e notizie che dalla sorgente si propagano incessantemente verso il mare, travolgendo idee e fatti diligentemente accatastati come piccole dighe di operosi castori. Noi siamo i salmoni che risalgono la corrente.
Siamo l’uomo della strada. Mangiamo aglio, cipolle, verità popolari: per questo le nostre parole talvolta risultano sgradevoli. Facciamo l’amore solo quando ci aggrada e non per dimostrare di essere maschi alfa. Riempiamo le piazze perché nei palazzi non possiamo entrare. Ci lamentiamo sempre, perché sembra che questa società abbia ormai conquistato tutto, tranne la dignità. Ci confortiamo a vicenda, rassicurandoci. Siamo assolutamente convinti che tutto andrà bene, e con la stessa certezza crediamo che non cambierà mai niente. Per questo siamo alla continua, disperata ricerca di qualcuno che ci dica a che santo votarci, senza comprendere che in realtà i santi siamo noi, con l’aggravante che il diavolo non esiste: è solo un povero Cristo ancora più disperato.
Questo è un blog di gente che crede di contare qualcosa ma che forse non conta niente. Ed è anche un blog di infaticabili minatori che credono di non valere niente ma che pure, giorno dopo giorno, scavano una lunga ragnatela di tunnel che fa cedere le fondamenta soprastanti.
E’ un formicaio, un alveare, un rumoroso e puzzolente mercato di idee dove si vendono solo quelle con il miglior rapporto qualità – prezzo. Qui nessuno odia, al contrario: questo è un luogo di passioni forti, di amore, perché il coraggio di lottare viene solo per difendere qualcosa che si ama. Questo è un posto di perdenti che per vincere hanno riscoperto il valore della solidarietà, l’unione che fa la forza, il sapore di un grande abbraccio collettivo, la gioia che scaturisce dalla ritrovata capacità di credere che qualunque cosa sia possibile, quando ci sono abbastanza persone che ci credono tutte insieme.
Non è retorica. Questo è il luminoso arcobaleno dei nostri pensieri, talmente sfavillanti, reali e pieni di vita da dipingere un universo di colori e di emozioni dai quali l’arte delle parole ha semmai cercato di attingere, nei secoli, per colpire l’immaginario che l’uomo porta dentro di sè, come una tavolozza di acquarelli, di tempere e pastelli che rende ognuno di noi così simile agli altri, eppure così unico e speciale.
E’ questo, solo questo che porterò con me al XXXI Premio Ischia, insieme a tutto il popolo abruzzese del quale mi onoro di essere stato inconsapevole tramite, nel loro insopprimibile e indomito anelito di trovare voce ed espressione, nel loro sforzo di bloccare con una mano la roteante catena dell’informazione e avvolgerla intorno al braccio, tirandola a sè, per dire a tutti:

Io esisto …e ho qualcosa da dire“.

 


  p.s.sabato mattina, intorno alle 11.30, appuntamento in diretta da Ischia su Sky TG24 con Marco Montemagno. La premiazione si terrà domenica 4 luglio, sarà ripresa dalla Rai e trasmessa Venerdì 16 luglio alle 23.30.

29 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bellissimo pezzo Claudio, emozionante. (Applauso e standing ovation) 😀

    Congratulazioni per il premio Ischia, sono contenta di aver contribuito, anche se con un semplice, piccolo voto.

     

    Vai così, Claudio.

  • Caro Claudio, non solo il riconoscimento te lo sei strameritato, ma pecchi di modestia quando accenni agli effetti marginali del tuo blog. I conti si fanno alla fine e i cambiamenti nella mentalita’ richiedono tempi molto lunghi e profeti molto lungimiranti. Tu appartieni a questa categoria e ci fa piacere rendercene conto.

  • Purtroppo è troppo facile credere a qualsiasi cosa venga detta in televisione, la gente pensa che ciò che viene detto da quell’apparecchio sia solo la verità e non si rende conto che giorno dopo giorno viene plagiata. Iniziando dai bambini e gli anziani che sfortunatamente per loro vista l’età non hanno ancora un istruzione o non hanno potuto avere un istruzione adeguata.

    Spero che questo esercito che ti segue aumenti sempre di più, in parte dipende anche da noi, dobbiamo publicizzarti più spesso.

    Anche se non lascio spesso dei commenti ti seguo sempre con molta soddisfazione. Continua così.

     

     

  • caro claudio, mi congratulo con te per le splendide parole che ai scritto, e vorrei coglier  l occasione per ringraziarti dal profondo del cuore per l impegno la costanza e la coerenza che continui a dare a tutti noi, a tutti coloro che credono nel GIUSTO, nell amore per il prossimo, nell amore per il proprio   paese, quel paese tartassato da tutto e da tutti, italiani per primi, responsabili solo di tenere bassa la testa e di NON voler vedere piu in la del proprio naso.  sono contenta di everti  conosciuto. quindi ti invito a continuare in nome  di tutti questi !”ingenui sprovveduti” che credono ancora nel lieto fine.

  • Franz ha scritto :
    " Purtroppo è troppo facile credere a qualsiasi cosa venga detta in televisione, la gente pensa che ciò che viene detto da quell’apparecchio sia solo la verità e non si rende conto che giorno dopo giorno viene plagiata. Iniziando dai bambini e gli anziani che sfortunatamente per loro vista l’età non hanno ancora un istruzione o non hanno potuto avere un istruzione adeguata. Spero che questo esercito che ti segue aumenti sempre di più, in parte dipende anche da noi, dobbiamo publicizzarti più spesso. Anche se non lascio spesso dei commenti ti seguo sempre con molta soddisfazione. Continua così.     "

  • Sono molto felice per te, e mi congratulo  vivamente: te lo sei proprio meritato, questo premio!

    Sono felice anche per Carlotta Miometti Capua, e per Emilio Carelli, perché Sky Tg 24 è un telegiornale vero: ascoltare notizie mi costa 20 € al mese (che non è poco per le mie finanze), ma tant’è…

    No comment invece per Gianpaolo Pansa e Tarak Ben Ammar (l’ho visto ad Annozero): ogni medaglia ha il suo rovescio…

  • congratulazioni, premio meritato.

    seguo te e pochi altri, tanto basta se sono i migliori…….

    le tue parole le condivido sempre e sei seguito da tanti giovani quindi il potere della parola esiste ed è un grande passo per scambio di idee e per crescere in questa società uniformata e formattata.

    continua il tuo lavoro che è anche la tua passione  e ti saluto da Firenze,ciao Morris.

  • Un virtuale abbraccio a te Claudio .Dalla prima volta che ti ho letto non ti ho mai piu’ lasciato .Grazie di RESISTERE !!!

  • Sono proprio contento, per te e per me. Magari rompendogli i Maroni (e tutti gli altri) incessantemente, alla fine la spuntiamo (leggasi evitiamo il peggio).

    Complimenti, te ne meriti molti altri.

  • Ciao Claudio, e ciao a tutti,

    sono veramente felice per te, e per la nostra “piccola” comunità virtuale (ma non troppo), che insieme a te, gioisce di questo meritato premio; bravo, ottimo lavoro!

    In fondo, credo che ci lusinghi l’idea di aver visto più in là e prima di altri, perché in un mare di siti e di blog, abbiamo scelto di seguire il tuo, ed il riconoscimento che riceverai il 4 luglio, lo sentiamo anche nostro, proprio per questo. Grazie!

    Per condividere questa gioia, ho fatto un nuovo post, intitolato  XXXI Premio Ischia Internazionale del giornalismo BYOBLU, vince il “Premio Ischia social network, con sottotitolo “Il grande sogno…“, che spero qualche Byobluiano vorrà leggere, soprattutto, perchè dopo aver letto le splendide parole di questo tuo post, l’ho riletto, ed ho percepito nitidamente, tutti i colori del luminoso arcobaleno dei nostri pensieri.

    A dire il vero, avrei voluto intitolarlo “Piovono rane… ma sono blu!“, perché mi era rimasto impresso, il commento di lidia76, “Non ti ho votato, io ho votato per Piovono Rane.”, che mi è parso freddo, cinico, non so perché, ma ci leggo un po’ di cattiveria; però, non sarebbe stato molto simpatico nei confronti di Alessandro Gilioli e del suo Piovono rane, che leggo volentieri.

    Ricorderai, che al tuo post “A chi piace Byoblu?“, postai un commento nel quale ti comunicavo di aver fatto un post “Votiamo in massa per Byoblu!” (…è il mio  blog, ed è il mio post e spero tanto sia di buon auspicio, per il tuo posto!), che suscitò l’ironica ilarità di alsalto, il quale commentò dicendo: Visto che c’eri potevi lavargli pure la macchina, al che tu rispondesti: la macchina, a uno così, la lavo io“.

    Bene, ti ringrazio del tuo buon proposito, ma sono un pedone, quindi non ho macchine da lavare, però eventualmente, ci sono le pulizie di casa da fare!

    Cordiali e civili saluti.

  • Ma che complimenti, ma quali congratulazioni, è UNA TRAGEDIA!

    Ho appreso da fonti riservate che Messora, appena avuta la notizia, ha iniziato a comportarsi in modo “strano”.

    Le stesse fonti comunicano che in questi giorni nei quali non si aveva notizia di lui qui nel blog, aveva già provveduto a cambiamenti radicali: 2 interventi di chirurgia estetica, tavolo fisso al billionaire con lambrusco sempre in fresco, panfilo di 40 metri sui navigli e ha affittato la reggia di Caserta per il rinfresco post premiazione (83.000 invitati circa).

    Agenti dei servizi sono riusciti a fotografarlo di nascosto e pubblico qui il link: http://img228.imageshack.us/img228/659/messora.jpg

    Lo stiamo perdendo….

  • NON SONO COMPLETAMENTE D’ACCORDO CON IL POST DI OGGI.

    IO NON SONO UN INNOCENTE SOGNATORE E NEMMENO UN INCALLITO UTOPISTA E TANTOMENO UN INGENUO CREDULONE!

    IO SONO UNO INCAZZATO COME UNA BESTIA!

     

    CIAO E GRAZIE PER IL TUO IMPEGNO.

     

  • ….Allora c’è ancora una speranza che i migliori possano scrivere un pezzo della nostra storia !

    Grazie Claudio.

    Complimenti  e soprattutto in bocca al lupo perchè inevitabilmente ora il tuo impegno si farà ancora più gravoso.

     

  • Magari in quell’occasione potrai dire due parole su alcuni membri di quella giuria: Minzolini e Calabresi, che quotidianamente disinformano e diffamano per tutelare gli interessi dei loro referenti.

    Calabresi – per chi non lo sapesse – è il direttore della “busiarda” che un giorno sì e l’altro pure mistifica notizie su No Tav e cittadini torinesi che si ribellano al nazismo dilagante e, recentemente, al circo della SacraSindone®.

    Magari…

    • Ed infatti in pochi hanno afferrato quanto di bizzarro vi sia in questo riconoscimento, ossia che Messora venga celebrato e premiato proprio da quel potere a cui sembra opporsi.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi