Ecco la fidanzata nascosta di Berlusconi


Silvio Berlusconi, dopo avere giurato sui suoi figli, sui suoi nipoti (ad Arcore negli ultimi tempo tutti si toccano le palle), sul nonno, sul cane, su Razzi e Scilipoti, tranquillizza gli italiani: non voleva renderlo noto, ma ai Bunga Bunga organizzati da Fede e Mora c’è sempre stata la sua nuova fidanzata. Che non avrebbe mai accettato che avvenissero, a cena o nel dopo cena, gli “assurdi fatti“, le cose indecorose ed ineleganti che i giornali hanno ipotizzato, sebbene la medesima fidanzata non avesse nulla da eccepire a che il suo uomo organizzasse tutte le sere banchetti con 25 stangone in cui gli unici maschi – e curiosamente le uniche persone sopra i 25 anni – erano lui, il suo uomo, e Fede. Forse perché sapeva che il generoso mecenate cercava solo di aiutarle, queste bisognose, ben conoscendo le difficoltà che comportano gli esordi nel mondo dello spettacolo. Per non insospettire la fidanzata, del resto, Berlusconi riservava la sua notoria generosità solo ed esclusivamente alle giovani donne, magari minorenni. Aiutare infatti un tronista nerboruto avrebbe potuto turbare la sua nuova fiamma e mettere a dura prova quello “stabile rapporto di affetto” che li lega.
 
Berlusconi, oltre tutto, tiene anche a specificare che un dispiegamento di 100 uomini delle forze dell’ordine, come quello riservato alle indagini sul suo conto, “è degno di una retata contro la mafia“. Lo ringraziamo per avercelo ricordato, casomai a qualcuno fossero sfuggiti i termini della questione.
Ringraziamo altresì il Presidente del Consiglio per averci fatto tirare un sospiro di sollievo: la fidanzata spiega tutto, inequivocabilmente. I giornali hanno avanzato ipotesi bislacche sulla reale identità della sua nuova compagna. Si va da Nicole Minetti, arrivata giustamente alla politica dopo una lunga gavetta nelle protesi dentarie, a Francesca Pascale, giunta anche lei rigorosamente alla politica dopo una lunga carriera di video trash («se abbassi la mutanda si alza l’auditelle»), senza disdegnare Cristina Ravot, cantante della BerlusconiBand o, come dice DagoSpia, la figlia di un leader estero (che sia Ruby, la famosa nipote di Mubarak? O che abbia comprato la figlia di Gheddafi in cambio di 200 hostess bionde, sopra il metro e 70, e di 300 cammelli a integrazione?).
La realtà è ben diversa: il blog ha le prove che la nuova fidanzata di Silvio Berlusconi non solo è molto meno insospettabile di quel che si crede (essendosi i due esibiti pubblicamente in focose pratiche di ass – licking) ma lo scagiona del tutto dalle accuse di qualsiasi interesse nei confronti di Ruby. Per facilitarvi la vita, ecco le quattro nomination di byoblu.Com:

  1.  Vladimir Putin, compagno fisso del premier, più volte ospite ad Arcore. I riscontri delle intercettazioni mostrano come venisse chiamato tempestivamente quando arrivava Ruby;
  2. Emilio Fede, organizzatore dei Bunga Bunga e dunque ospite fisso di casa Berlusconi (nonché notoriamente innamorato del suo datore di lavoro);
  3. Daniele Capezzone, che ammirevolmente e infaticabilmente ormai da anni difende il suo bramato partner con commovente ardore e contro ogni logica, un vero esperto di ass – licking;
  4. Niccolò Ghedini, inseparabile alter ego di Berlusconi, pallido, emaciato, di una bellezza spettrale, conturbante nella sua sofferenza esistenziale.

Vota e vinci un invito a cena ad Arcore, con tanto di palpeggiamento nell’idromassaggio, intercettazione dei magistrati e bustarella finale, per mano di Giuseppe Spinelli, di importo congruo alla tua generosità fisica. Un’esperienza indimenticabile, che potrai provare l’ebbrezza di negare con forza giurando su tutti i tuoi nipotini.

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi