La confessione di Nadia Macrì


« Silvio Berlusconi entrò, completamente nudo, nella saletta al piano di sotto. C’era un palo per la lap dance. Le ragazze si spogliavano. Alcune restavano completamente nude. Ci agitavamo intorno a lui. Ruby si aggirava completamente ubriaca [ndr. il 24 di aprile del 2010 era minorenne]. Aveva il seno di fuori e lo agitava in continuazione. Berlusconi si stese su un lettino per massaggi, in una stanzetta separata. Ci chiamava ad una ad una, ogni cinque minuti, per consumare il rapporto sessuale. Mi pagò 5 mila euro. E pagò anche Ruby.»
 
Non fa specie, né a Belpietro né alla Santanché, che gli italiani debbano venire a scoprire il numero di telefono del Presidente del Consiglio incrociando i dati dalle rubriche di due prostitute: Conceicao Dos Santos Oliveira e Nadia Macrì.
Questo paese inizia a farmi paura.

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Visto AnnoZero?A quella grande M della Santanche io vorrei incontrarla faccia a faccia.Niente da fare,per salvare il loro culaccio direbbero  la qualunque anche presenti ai fatti mentirebbero

  • hm..

    ma quella con le tette di fuori completamente ubriaca non era mica Ruby..

    A tratti non riuscivo a capire se la Santanchè fosse completamente stordita o molto furba. Dall’anacronismo al “palo in frasca”, dal “voi comunisti..” a “da domani raccolgo le firme per far chiudere Annozero..”

    provaci.

    “vuole forse insinuare che tutte le donne sono delle prostitute?!?!?”

    no, veramente. Che qualcuno mi spieghi se ci è o ci fa. Perchè se vedo un Calderoli mi dico “dai, poverino.. pensa essere così stupido”. Ok è al governo e mi fa rabbia, ma lo compatisco. Invece con la Santanchè proprio mi sale l’angoscia, un senso di nervoso, e rimango sbigottito dalle assurdità che la sua bocca da escort riesce a pronunciare, e dalle evanescenti parafrasi misto luoghi comuni che quella cosa rattrapita che ad un esame più attentio risulta essere il suo cervello lobotomizzato riesce a partorire.

    Belpietro lasciamo perdere, ormai si commenta da solo.

    Ma a costo di ripetermi, con la Santanchè sembra veramente di stare al circo davanti alla gabbia dei Freaks.

  • Mi complimento con quelli che sono riusciti a sorbirsi tutto Annozero ieri sera, io non ho più il fisico. Manca solo che mettano una scaletta al centro come a Hide Park e ci facciano salire a turno i dementi che invitano e poi siamo a posto.

     

  • Ho seguito annozero,tutto.

    Giuro non so come sia successo.

    La santanchè è patetica al limite del sopportabile.

    Claudio non è che pubblicheresti anche il suo di cellulare ?

    Una telefonatina gliela farei volentieri .

     

    Ho sentito che la società che ha affittato gli appartamenti alle signorine ha deciso di sfrattarle , per il buon nome della stessa società .

    Dovrebbero bussare tutte al portone di villa san martino .

    Propongo una petizione per salvarle dalla strada.

  • Seguo Santoro da una vita: non che straveda per lui, ma mi interessano le sue trasmissioni, anche se riconosco essere spesso “di parte”.

    Ieri sera però ho faticato a seguire “Annozero” fino alla fine: l’esibizione volgare, anacronistica, sempre sopra le righe, della Santanchè,  quel modo prepotente di interrompere sempre tutti, mi ha irritata e innervosita. Avevo voglia di prenderla a sberle…

    Ma mi ha irritato anche Santoro, che non è riuscito a neutralizzarla: non mi sembra che la tattica dell’ironia e della presa in giro abbia funzionato (con certe persone non funziona mai, non la capiscono): in pratica, le ha lasciato tener banco per tutta la sera, e questa è responsabilità del conduttore.

    No, non mi sono piaciuti né Santoro né la trasmissione…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi