Trafugata la salma di Mike Bongiorno

 Nella notte, ignoti hanno trafugato ad Arona la salma di Mike Bongiorno. La famiglia, sgomenta, ha appreso la notizia soltanto un’ora fa.
 
 
Due le ipotesi al vaglio degli investigatori. La prima, ancora da verificare, si fonda su una lettera recapitata alla famiglia, nella quale anonimi rivendicano il rapimento e richiedono un ingente riscatto, minacciando di riportare la salma in vita nel caso la somma non venga consegnata entro 7 giorni.
La seconda pista, la più accreditata, è basata sulla testimonianza oculare del custode del cimitero, che avrebbe dichiarato:

« Stavo guardando L’Infedele di Gad Lerner. A un certo punto, durante la telefonata di Silvio Berlusconi, dalla finestra della guardiola ho visto la tomba del defunto sobbalzare come se venisse scossa da una forza invisibile, come se la salma si stesse girando e rigirando al suo interno. Poi, all’incirca nel momento in cui il premier ha invitato la Zanicchi ad abbandonare lo studio, la cassa da morto si è aperta con uno schianto secco, la salma ne è uscita con una evidente smorfia di disgusto e si è allontanata sulle sue gambe, nel buio della notte. »

Sembra che anche Raimondo e Sandra abbiano abbandonato tomba vianello per dirigersi alla volta di Arcore, insieme ad altre ex star Mediaset passate a miglior vita, non si sa bene con quali intenzioni.
Altri aggiornamenti nel corso della giornata.
p.s. Per la cronaca, Mike Bongiorno negli utlimi anni della sua vita è stato completamente abbandonato da Silvio Berlusconi, che si rifiutava persino di rispondergli al telefono.

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi