I TUOI MALEDETTI DIRITTI

The Egyptian Revolution

« Non ci metteranno a tacere. Che tu sia cristiano, che tu sia musulmano, che tu sia di qualsiasi altra religione, oggi tu pretenderai i tuoi maledetti diritti. Noi avremo i nostri diritti. In un modo o nell’altro. Non ci metteranno mai a tacere. [0’45”]»

Non so perché, ma vi giuro, mi sta salendo un magone…

15 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Che tristezza sentire le parole di Obama stanotte, che pena vedere il teatrino italiano di quanti si vendono per un secondo di benessere, per l’illusione della ricchezza, destinati per la maggior parte alla schivitù.

    Che pena noi stessi, qui a piangerci addosso.

    Per rialzarci, per crescere… saremo costretti a strisciare sul fondo prima.

  • Mentre i berluscones ed i leghisti scherzano col fuoco e si divertono come dei tifosi da strapazzo allo stadio, la povertà avanza.

    Non so se avete capito. La povertà si sta allargando come la peste. E’ alle nostre porte!

    Quando la pancia è vuota non si può più ragionare, resta solo la lotta per la sopravvivenza.

    E’ bene che tutti riflettano, su questo; perché esiste ancora la possibilità di evitare la rivoluzione.

    Ma i ricchi, coloro che sono stati più fortunati o più meritevoli, dovranno rassegnarsi a mettere da parte la loro avidità.

    Si tratta, in fondo, di applicare regole che sono già state stabilite da moltissimo tempo. Si chiama welfare. Si basa sulla redistribuzione della ricchezza mediante un meccanismo che si chiama prelievo fiscale.

    Fermiamoci, perché è l’ultima fermata prima del caos.

  • ..anche a me, Claudio! E’ angosciante quello che sta succedndo intorno a noi e qui sembra che nessuno se ne renda conto, che nessuno si renda conto che siamo ad un passo anche noi..

  • Che questi giorni di Rivoluzione servano a chi detiene il potere, per capire cosa succede quando le persone si incazzano…

    Ho i miei dubbi…

  • Io sono con loro, con tutti loro.

    A tratti me è sembrato di rivedere le scene italiche, le ultime cariche delle forze dell’ordine sui civili sotto le gru..

    ad un tratto un uomo si staglia contro un mezzo armato.. e ho rivisto piazza Tienanmen.

    Io sto con loro, perchè la loro lotta è quello che ci aspetta qui se le cose non cambiano.

    Io sto con loro perchè il popolo vuole la dignità che gli spetta.

    E Berlusconi va a lezioni di democarzia da Mubarak, e gli salva la “nipote”..

  • Il magone l’hai fatto venire anke a me, e ti ringrazio! Sei sempre grande

    A proposito di informazione… Ieri sono stato a Milano in corteo, che tristezza guardare oggi il Corriere e non vedere nemmeno una riga sulla manifestazione FIOM (sciopero generale nazionale dei metalmeccanici + varie altre categorie). Su Repubblica grande spazio a tre sfigati che hanno imbrattato un paio di bancomat. Mah. A quando una tv come Al Jazeera in Italia?

    Beh, fortuna che abbiamo ancora byoblu… Avanti così!

  • Claudio, oramai ti seguo da anni e che dire, grazie di tutto quello che fai per l’italia, gli italiani e per chi come me è abruzzese e  anche figlio di profugo palestinese e quindi è orgoglioso di chi combatte come te per far valere i diritti di tutti, anche dei più deboli!

    Sono orgoglioso di essere un italiano arabo, sopratutto dopo che finalmente il popolo arabo ha cominciato a combattere contro i tiranni che li costringono all’ignoranza e ad ogni tipo di umiliazione, sono contento perché finalmente questi MALEDETTI re, presidenti, generali, e dittatori di ogni sorta appoggiati felicemente dall’occidente e da israele stiano in queste ore tremando sentendo il popolo che tuona contro i loro palazzi!

    Davvero grazie di tutto quello che fai!

    Zaccaria Ali 

  • Io invece, come al solito, vado controcorrente, non mi piacciono tantissimo le cosiddette “rivoluzioni” violente, la storia umana insegna che dopo ogni rivoluzione, c’è (quasi) SEMPRE una restaurazione di un potere anche peggiore!

    Basti vedere cosa successe dopo la Rivoluzione d’ottobre, la Russia degli Zar era senza dubbio meno peggio del regime di Lenin e Stalin, oppure la Cuba di Castro non credo che sia molto meglio di quella di Batista ecc…

    Anche gli Egiziani potrebbero cadere dalla padella alla brace!

  • Oggi, seguendo rainews 24 sparano un servizio avvisando che hanno atteso, prima di mandarlo sull’etere,i relativi permessi.

    Mostravano, stile soap opera una tragedia: una coppia in Afghanistan, non attendendo il matrimonio,sono stati “sorpresi” a fare quel che da noi può fare il presidente del consiglio senza promessa di matrimonio e con minorenni. Sono stati lapidati. Il servizio ha mostrato con dovizia le immagini barbare della sassaiola sui capi della giovane coppia praticamente sotterrate. 

    Mi incazzo a pensare al consenso che raccolgono sui narcotizzati.

    Mi incazzo al pensiero che da noi si fa di peggio quando si scaricano in mare tonnellate di percolato non trattato, condannando a morte un numero incalcolato di esseri umani con linfomi, carcinomi di ogni genere e tipo, leucemie.. 

    Mi incazzo perchè so che mettere in relazione determinati “reati” con reparti di oncologia stracolmi è difficile se non impossibile per il berlusconino o l’Italiano medio ignorante.

    Mi incazzo a vedere lavoratori che si fanno ricattare da un suino che incassa in un giorno quello che loro incassano in un anno. Pensano di risolvere i problemi abbracciando un modello di sviluppo che prevede la costruzione di auto del peso di 2 tonnellate per trasportare un figlio di troia di 80 kili.

    Gerico è stato il primo insediamento urbano costruito dall’uomo, risale a circa 11000 ANNI FA.

    Quei popoli costruivano insediamenti urbani quando gli Israeliani giravano ancora con la clava a tracolla dentro le caverne.

    Ora , dopo 11000 anni, ci insegneranno cosa significa essere liberi!

    Non siamo pronti per una rivoluzione, prima dobbiamo ammazzarci tra di noi un pochetto… Un conto rimasto in sospeso dalla seconda guerra mondiale.

    La moglie di Mubarak con la loro figlia sono a Londra, la nipote  dov’è?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi