Centinaia di soldati italiani a Tripoli?


Cosa ci farebbero portaerei italiane attraccate al porto libico? Stanno andando ad aiutare il socio d’affari di Tripoli o la povera gente? E’ vero che centinaia di soldati italiani sono entrati a Tripoli, a piedi? Stanno andando a proteggere le aziende italiane?
In poche parole, se la notizia che rimbalza su Twitter dovesse essere confermata, cosa ci faremmo, esattamente, in Libia?

BERLUSCONI: GHEDDAFI E’ UN LEADER DI GRANDE SAGGEZZA

29 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • … anche se:
    “La nave “Elettra” e la marina militare italiana e’ stata mobilitata per raggiungere le acque internazionael di fronte alla Libia”. Lo ha detto il Ministro della Difesa, Ignazio La Russa. “La nave, al momento, ancora ancorata, al porto di La Spezia, ha a bordo apparecchiature radar con strumentazioen di guerra elettronica, ascolto e raccolta di informazioni. Non e’ escluso che a bordo possano esserci unita’ delle forze speciali”
    http://www.agi.it/rubriche/ultime-notizie-page/201102212234-cro-rom0129-libia_la_russa_nave_militare_italiana_pronta_a_partire

  • Twitter non è sempre attendibile. Ieri mattina spacciava per un attentato in aeroporto un tentato uxoricidio.

    Le navi militari servono anche per l’evaquazione di civili.

    Poi dei siti strategici difesi dai militari si può parlare ma c’è da dire che proprio alla vigilia della rivolta in Egitto, l’ENI ha venduto il 50% del più grosso giacimento libico (Elephant) a Gazprom (che naso, eh?). Quindi non mi stupirei se ci fossero anche soldati russi da quelle parti.

  • Perdona l’ OT Claudio, ma riporto una notizia che non ha trovato molto spazio sui media e che, almeno tu, potresti emendare.

    Non è un dettaglio di poco conto, soprattutto per le TEORIE di mafiologi da bar sport, tipo Travaglio e FQ, visto che ci fanno i soldi con queste disinformazioni.

    Ecco la notizia:

    L’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta, condotta dal procuratore Sergio Lari, dagli aggiunti Gozzo e Bertone e dai pm Marino e Luciani, smentisce la teoria investigativa sul castello Utveggio avanzata da Gioacchino Genchi. “Non abbiamo trovato elementi che possano confermare la presenza di mafiosi e di uomini dei servizi in quel sito il giorno della strage” – spiega un dirigente della DIA a cui la Procura ha delegato gli accertamenti. Decine di interrogatori, sopralluoghi e accertamenti confermano “la friabilità” dell’ipotesi Genchi, tant’è che recentemente anche il procuratore Lari ha definito la pista del castello “un luogo comune”. http://www.cadoinpiedi.it/2011/02/21/via_damelio_il_castello_non_fu_base_strage.html

    Visto che l’hai riportata pure tu qui: https://www.byoblu.com/post/2009/10/10/Non-ci-possono-uccidere-tutti.aspx forse è il caso di rettificare.

    Vorrei ricordare che nell’ ultima commemorazione della strage è stato organizzato un pellegrinaggio al castello, su per una impervia mulattiera sotto il sole di Luglio a Palermo: qualcuno si scuserà con costoro?

    Conoscendo la tua onestà intellettuale, spero che almeno tu vorrai scusarti: avvalorare teorie fantasiose prive di riscontri (solo uno e di febbraio) ma evocative di oscure trame e intrighi serve a vendere libri e dvd, però prendere in giro la gente alla lunga non paga.

    Ciao

    • L’unico riferimento al Castello di Utveggio nell’articolo che hai menzionato (il mio ) è il seguente:

      Chi sapeva e ha taciuto, chi ha detto e poi ha ritrattato, chi ha mentito negando ogni evidenza è mafioso come quello che, da Castello Utveggio, ha messo il dito sul detonatore.”

      Anche se fosse vero che Genchi ha ragione, mi sembra un po’ poco per rettificare. In ogni caso proverò (quando ho tempo, perché al momento ho cose in testa fino al 2015) a capire cosa dicono di preciso e a sentire anche genchi.

    • Vabbè Claudio, non sei certo tu quello che ha “cavalcato la tigre”, hai solo riportato una notizia non vera, alla luce delle indagini di Caltanissetta. Sono altri che ci han fatto mercato sopra, ma quelli non conoscono vergogna.

      Restando invece IT, almeno in parte, ma è mai possibile che i servizi di tutto il mondo siano stati “sorpresi” dalla fiammata rivoluzionaria che attraversa tutto il nord Africa? Possibile che dal nulla si mobilitino masse così imponenti e nessuno abbia avuto il minimo preavviso o sospetto che qualcosa stesse per accadere?

      O forse lo sapevano e han lasciato fare? O invece hanno fomentato?

      Sempre IT, sai benissimo che con Algeria e Libia ci sono affari in ballo colossali, soprattutto per noi, visto che i tuboni passano sul nostro territorio, così come vorremmo passasse pure il south stream, invece che dai balcani. Perchè si incassano i diritti di passaggio e son soldi che ci fanno comodo.

      Sai che non sono berlusconiano, anzi, avverso il regime come tanti, però il tuo titolo “BERLUSCONI: GHEDDAFI E’ UN LEADER LIBICO DI GRANDE SAGGEZZA! ” è fuorviante, perchè il sotto titolo dovrebbe essere “finchè ci fa dei prezzi buoni”.

      Acquistare energia fossile fuori cartello è la stessa cosa che faceva un tale Enrico Mattei, ma se lo fa Berlusconi diventa amico dei dittatori, e guarda caso la cosa non piace agli USA, i quali però, nonostante Lockerbie, sono tornati amici di Gheddafi. Vuoi le foto della Rice (repubblicana come Reagna) e di Blair che vanno a stringere la mano al colonnello? Le trovi in rete senza problemi.

      Sai Claudio, c’è un sito noioso che però dice fra le righe molte più cose di tanti inutili articoli e servizi tv. Buttaci un occhio, se già non lo conosci, magari si capisce perchè siamo a Herat.

      http://www.theodora.com/pipelines/world_oil_gas_and_products_pipelines.html

      Ciao

      p.s. è inutile avere in testa cose da fare fino al 2015, nel 2012 finisce il mondo 😀

    • Vabbè Claudio, non sei certo tu quello che ha “cavalcato la tigre”, hai solo riportato una notizia non vera, alla luce delle indagini di Caltanissetta. Sono altri che ci han fatto mercato sopra, ma quelli non conoscono vergogna.

      la notizia non vera quale sarebbe? Che Borsellino è stato fatto saltare in aria dalla mafia? Immagino di no. Che è stato fatto saltare in aria davanti a casa sua? No. Che la sua agenda rossa è sparita? No. Che prima di saltare in aria parlava di Mangano, Dell’Utri, Berlusconi, e che indagava sui rapporti tra la mafia e lo Stato? No.

      Sarebbe, a quanto mi pare di capire, che chi ha fatto saltare in aria Borsellino non lo avrebbe fatto saltare in aria dal Castello di Utveggio, ma da qualche altra parte, corretto? Messa in questi termini, la possibile “smentita” non mi sembra tutta sta gran notizia. O mi sono perso qualcosa (possibile)?

      Per quanto riguarda il petrolio libico, sono assolutamente con te: credo che anche che non sia un elemento marginale nello scacchiere che sta muovendo la crisi che ha travolto la Libia. Detto questo, io auspico un mondo nel quale non ci si prostra alla real politik in maniera così laida, viscida e supina. Se un dittatore è un mostro sanguinario, se in un paese non ci sono diritti civili e neppure gli osservatori vengono fatti entrare, il fatto che abbia o non abbia il petrolio non è un motivo sufficiente per fargli piantare le tende ovunque, per mandargli ragazze italiane, per baciargli le mani ossequiosamente davanti a tutto il mondo (e si va ben oltre le strette di mano, mi pare).

      Preferisco un paese che cerca di realizzare i tre obiettivi della decrescita, dalla costruizione di impianti che sfruttano le energie rinnovabili al perseguimento dell’efficienza energetica delle costruzioni al risparmio energetico, piuttosto che un paese che se ne strafotte, continua a consumare a più non posso, e per sostenere questo stile di vita stringe alleanze con i massacratori di popoli.

      Poi non so come la pensi tu.

    • Aspetta un attimo, non è così semplice come scrivi tu la questione Borsellino.

      Il leggendario castello Utveggio (castello… nome strano Utveggio… servizi segreti.. mafia al castello… ecc…) fa parte integrante di una teoria, dove il luogo è funzionale a VENDERLA meglio.

      Tutto questo “castello in aria” di ipotesi serve ad avvalorare una tesi che sarà difficile da ricostruire a 20 anni di distanza, ma infarcendola di baggianate si vende bene, oltre ad aver mandato dei pellegrini fin sul monte al sole di Luglio a Palermo.

      Nel tuo piccolo hai contribuito ad avvalorarla, niente di chè, ma la procura di Caltanissetta mette una pietra tombale sul bel castello, marcondirondirondello 🙂

      Sono altri che dovrebbero scusarsi e molto coi lettori, e sono tuoi conoscenti, gente che continua a vendere le pataccate di ciancimino facendoci libri e dvd: tu almeno rispondi per te, e la tua onestà intellettuale ti mette su un piano diverso e MOLTO migliore.

      Tornando IT però, caro Claudio, il mio cinismo di real politik è dovuto ad un ragionamento molto semplice: a parole siamo tutti dei benefattori, ecologisti… ecc.. poi nei fatti le cose cambiano. Prova a pensare ad un aumento del 10% del gas e ad altre possibili ricadute economiche dovute ad impegni industriali mancati (Impregilo ieri -6% ENI -5% a memoria) e poi ne riparliamo. La gente che adesso fa fatica ad arrivare a fine mese come reagirà? Con la decrescita ancora da impostare o con incazzatura rapida? Perchè tu lo sai bene che su questi temi siamo indietro di 30 anni, la faccenda non si risolve in 2 mesi.

      Perchè il problema Claudio sono i tempi, non le idee, che condivido in toto (per quel che conto io) e i tempi non li recuperi, oltre ad essere più facile andare a comprare spuntando prezzi buoni. Lo faceva anche Mattei, e non certo in paesi con regimi democratici, quindi perchè Mattei era un genio e Berlusconi (SOLO IN QUESTO) un amico di sanguinari dittatori? Comprava in IRAN e URSS, dove c’era un certo Stalin: basta come assassino sanguinario? Ne ha ammazzati più di Hitler! 😀 Semmai, e questo è da sottolineare, sono entrambe posizioni anti USA, e gli americani sull’ energia scherzano poco.

      Non hai fatto invece alcuna ipotesi sui servizi mondiali riguardo ai mancati avvisi (sarà poi vero?) della esplosività nel Maghreb: sorpreso pure tu?

      Ciao

    • Caro Renzo C

      dire  che non si è  “trovato elementi che possano confermare la presenza di mafiosi e di uomini dei servizi” non significa  “smentire una teoria investigativa”.

      Ed è la stessa differenza che c’è tra “prescritto”  ed  “assolto”.

      Riflettici.

       

    • Caro roberto p.

      “Non abbiamo trovato elementi che possano confermare la presenza di mafiosi e di uomini dei servizi in quel sito il giorno della strage”

      Quale parte di questa frase VIRGOLETTATA non ti è chiara? Conosci la storia? Non credo, perchè il parallelo con prescrizione/assoluzione c’entra come i cavoli a merenda, o sei di quelli che aspettano le verità “del signor Franco”? 

      Infatti quel giorno ci eravamo spostati tutti più vicino a via D’Amelio, perchè il telecomando non prendeva. C’eravamo tutti: io, fidel, paco pegna, sotomayor, teofilo stevenson, franco il mostro, pia zadora e altri che adesso non ricordo.

      Ehh lo so che le procure van bene finchè sono amiche, quando invece smontano le panzane allora sono “quando i giudici sbagliano” (chi l’ha scritto questo mirabile pezzo? Lo stesso che ha raccontato cos’è l’ archiviazione: lo conosci?)

      Documentati.

    • “Ciò non significa – si aggiunge dalla Procura nissena – che non vi siano state nella decisione di uccidere Paolo Borsellino convergenze tra Cosa nostra e soggetti esterni”. Vanno ancora esplorate – sostengono gli inquirenti – le fasi esecutive della strage al cui disvelamento ha contribuito Gaspare Spatuzza. Il racconto del pentito potrebbe infatti portare al coinvolgimento di altri personaggi coinvolti nell’uccisione del giudice e ancora rimasti nell’ombra.”

      Le notizie vanno valutate nella loro interezza, altrimenti sono fuorvianti.

      Ti ripeto : il fatto che non si trovino elementi a supporto di una ipotesi investigativa, non significa che quella ipotesi sia smentita.

      Forse le persone che hanno gestito “la cosa” non erano nel castello, forse erano in un altro sito, ma comunque c’erano.

  • byoblu ha scritto :

    Preferisco un paese che cerca di realizzare i tre obiettivi della decrescita, dalla costruizione di impianti che sfruttano le energie rinnovabili al perseguimento dell’efficienza energetica delle costruzioni al risparmio energetico, piuttosto che un paese che se ne strafotte, continua a consumare a più non posso, e per sostenere questo stile di vita stringe alleanze con i massacratori di popoli. Poi non so come la pensi tu.

    Anche io penso che a volte bisognerebbe anche imporsi, e non sempre sottomettersi alla volontà degli stati(e dei dittatori) che hanno più risorse, o manodopera a più economica(per esempio la crescita economica della cina, nello sprezzo dei diritti umani, è causata dalla complicità e passività dei leader occidentali. se invece di accettare il libero commercio alle condizioni della dittatura cinese, i leader mondiali più influenti, avessero imposto il rispetto di determinate condizioni-con sanzioni economiche e dazi commerciali- il regime cinese sarebbe stato costretto a piegarsi!)

    Ma credo che Renzo volesse semplicemente dire, che questa non è un modo di fare che caratterizza solo il governo italiano, ma tutta la politica mondiale, il “santo” Obama compreso, e quindi forse bisognerebbe smetterla di dire che ci dobbiamo vergognare di essere italiani, o della nostra politica estera, perchè in questo senso tutto il mondo è paese, e allora ci dovremmo indignare anche per Obama,  la Merkel, Sarkozy, Zapatero, ecc…ecc…

  • Renzo C ha scritto :

    oltre ad essere più facile andare a comprare spuntando prezzi buoni. Lo faceva anche Mattei, e non certo in paesi con regimi democratici, quindi perchè Mattei era un genio e Berlusconi (SOLO IN QUESTO) un amico di sanguinari dittatori? Comprava in IRAN e URSS, dove c’era un certo Stalin: basta come assassino sanguinario? Ne ha ammazzati più di Hitler! 😀 Semmai, e questo è da sottolineare, sono entrambe posizioni anti USA, e gli americani sull’ energia scherzano poco. Non hai fatto invece alcuna ipotesi sui servizi mondiali riguardo ai mancati avvisi (sarà poi vero?) della esplosività nel Maghreb: sorpreso pure tu? Ciao

    Già, purtroppo la situazione è quella che descrivi tu. E comunque anche se l’italia si rifornisse tramite gli USA, non è che gli americani l’energia la vanno a comprare da regimi tanto democratici, o facendosi molti più scrupoli a livello di diritti umani, e considerando l’attuale situazione politica mondiale, è quasi impossibile comprare petrolio da paesi democratici, e rispettosi dei diritti umani, visto che i principali esportatori di gas e petrolio, sono proprio i paesi arabi, l’IRAN, e l’Iraq, insomma tutti regimi che a livello di rispetto dei diritti umani e della libertà, lasciano molto a desiderare!

    Gli unici stati democratici(o quasi democratici), che producono petrolio e gas, sono Messico, Russia e Canada

  • Renzo C ha scritto :
    Sono altri che dovrebbero scusarsi e molto coi lettori, e sono tuoi conoscenti, gente che continua a vendere le pataccate di ciancimino facendoci libri e dvd:

    Mi sembra che sul sito di Borsellino la cosa in questo momento esatto campeggi in prima pagina, facendo bella mosta di sè: http://www.19luglio1992.com/

     http://www.19luglio1992.com/index.php?option=com_content&view=article&id=3960:via-damelio-il-castello-utveggio-fuori-dallinchiesta&catid=19:i-mandanti-occulti&Itemid=20

    • Ti ricordi i Set Top Box che tanto ti piacevano?

      non è che mi piacevano tanto. Ho solo detto che se una cosa non è “semplice” da usare, non la userà nessuno, perlomeno non “le masse” cui vorresti arrivare tu. Ma vedo che sei un po’ de coccio pure tu, come si suol dire a Roma 🙂

      A me a Natale ne hanno regalati sei, non so più dove metterli. Anche a te ne hanno regalati? Se vuoi te ne regalo uno dei miei :p

      No, non me ne hanno regalati e non li voglio. A parte quello di Europa7, in alta definizione.

      Pensa che c’è una ditta di folli completi che ha addirittura fatto una scheda video da pc con le antenne wi-fi per mandare il segnale, senza fili ovviamente, direttamente dalla scheda al tv. Questi si sono venduti il cervello per fare una scheda del genere, chi mai la comprerà? 
      Semplice: la compreranno tutti quelli che si sanno installare una scheda video sul computer, o quelli che spendono dei soldi per comprare un computer con una scheda video con l’antennina e con un secondo aggeggio da collegare al tv. Che alla fine sono gli stessi che già si guardano le stesse cose sul pc, o che comunque sul pc le possono guardare in ogni caso, dato che ne hanno uno. E che finiranno per guardare sul tv solo cose molto lunghe come i film.
      In ogni caso non la avranno quelli che il computer non ce l’hanno e che, se ti sfugge te lo ricordo io, nel nostro paese (tra analfabetismo informatico e banda larga peggiore dei paesi del terzo mondo), sono la stragrande maggioranza, ovvero quelli che sarebbe interessante raggiungere perché tutti gli altri già hanno YouTube e non gliene poò fregà de meno. Ce l’ho anche io un lettore bluray che si collega a YouTube e mi guardo i video sul tv. Lo sai quanto ci metto a cercarne uno? Dopo un po’ ti garantisco che torni al pc che fai prima.
      Renzo: ci vuole un “robo” facile, specialmente in Italia, e specialmente ora che stanno uscendo i TV collegati alla rete che già ti faranno navigare per i fatti loro.
    • E lo scopri adesso che son de coccio? Di solito son più veloci, sarai mica de coccio pure tu? 😀

      Scherzi a parte, ci sarebbe anche una “filosofia” dietro a ciò che ho scritto, perchè la DLNA se è valida per via dei dispositivi che crea, non lo è altrettanto per la libertà di fruizione dei contenuti fuori LAN. Basta leggere i nomi che la compongono e ti è tutto chiaro, manca solo che ci mettano un fritz chip nel tv e siamo a posto.

      E’ per questo che mi batto per soluzioni free, che magari troveranno posto sul router (incredibile! pirelli ne fa già un paio DLNA certified!) mentre per adesso sta tutto nel tv, e su questo non sono molto d’accordo.

      Sì ci sono i media server che vanno sulla WAN, tipo il Twonky, ma sono ancora limitati a Flickr, Youtube, Southcast ecc.. , non hanno il pieno accesso alla rete.

      Però, caro Claudio, non ti ronza per la testa che se ci sono aziende disposte ad investire sui dispositivi che a te non piacciono, ci possano essere molte altre persone a cui invece piacciono? Saran mica tutti matti i produttori!

      In ultimo, visto che sei impegnato solo fino al 2015, e visto che giocoforza sei interessato alle dinamiche della rete e la copertura in banda larga, perchè non fai una bella indagine sulla fine del Wi-Max, quello che doveva ridurre il gap di copertura, quello che ha visto aste milionarie con capitolati ferrei per la % da coprire in x mesi e che invece a tutt’oggi non se ne sa niente?

      Curiosamente anche PI non se ne è più interessato e, poichè sono bastardo dentro, secondo me c’entrano le telco e le chiavette, oltre naturalmente agli investimenti pubblicitari che si perderebbero. Hai visto qualche spot in tv con Totti o la Belen o la Stuzziker per caso? Ogni tanto se ne vede qualcuno, ma raramente.

      Secondo me ne uscirebbe qualcosa di interessante, visto che in Africa va bene il wi-max, mentre in Europa non se lo caga nessuno: ovvio, chi è cablato non ne ha bisogno e da noi si incassa di più con le chiavette e il 3G che con un wireless a canone. E poi tanto a te che ti frega, mica ti sponsorizzano le telco…. per ora 😉

      Ciao

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi