Il più piccolo martire di Bengasi

Perché questo bambino si trova lì, su un lettino ambulatoriale improvvisato? Non sarà certo per un misero 12% di gas che importiamo dalla Libia (la maggior parte proviene infatti dall’Algeria)? O per il petrolio? Insomma, c’entra qualcosa la corsa alla spartizione delle risorse energetiche del nord Africa, in un mondo che sta rapidamente esaurendo le forme di energie tradizionali basate sui combustibili fossili? Perchè, dopo avere conquistato l’Iraq e l’Afghanistan, nell’attesa di preparare il terreno per uno scontro in Iran, lo scacchiere delle zone calde si sposta proprio in Nord Africa? Vedete qualcosa di strano in questa mappa?

Tutti i paesi in rivolta, sostenuti dall’occidente e dai maggiori stati esportatori di democrazia (tranne l’Italia che, insieme alla Spagna – per esempio – ha già accordi di sfruttamento, uno proprio con la Libia, tramite il gasdotto Green Stream), portano o fanno transitare gas e/o petrolio. Nell’immagine sopra, sono visibili in rosso i gasdotti, in verde gli oleodotti e con linea tratteggiata le condutture in fase di realizzazione. La Libia, il paese dove più violenta è la repressione, ha anche il petrolio. E in Bahrein, che è lontano dall’Africa del Nord ma dove pure scoppiano le medesime rivolte, si vive di petrolio e gas naturale per oltre il 60% del PIL. Manco a dirlo, stessa identica situazione nello Yemen.
Vi ripeto la domanda: perché quel bambino si trova lì?

Fai una microdonazione con Flattr Flattr this

16 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • “Per la nuova campagna istituzionale ENI , l’ad Paolo Scaroni ha scelto la sand art di Ylana Yahav , artista emergente che realizza performance e video utilizzando la sabbia. La campagna istituzionale comunica i tre temi che sono fondamentali per ENI: internazionalità, ricerca e rispetto. Internazionalità intesa come scambio culturale tra popoli diversi che si incontrano; ricerca, tema portante sul cui fronte l’azienda è costantemente impegnata e rispetto, indispensabile elemento alla base di ogni rapporto che ENI sviluppa”.NON SO A VOI, MA A ME QUELLA PUBBLICITA’ FA TANTO GIRARE LE PALLE!!WOLFGANG SACHS NEL LIBRO “PER UN FUTURO EQUO”, DICE CHE L’ENERGIA NON DEVE ESSERE “PORTATA”.

  • Anche io sono convinto  che, per quanto sacrosante, le rivolte non sarebbero riuscite senza l’appoggio da parte dei paesi compratori (Cina inclusa) di una risorsa energetica sempre più scarsa e costosa.

    C’è stato un piano internazionale, questo è chiaro.

    Altrettanto piano è che tale piano è rimasto segreto.

    Vorrei dire che Berlusconi è solo il primo di una lunga lista di sodali di Gheddafi. Consiglio al riguardo odierno articolo di Furio Colombo nella pagina di copertina del Fatto Quotidiano,

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/02/22/improvvisamente-si-scatena-la-meno-prevista/93352/

    mi è impossibile non denunciare il comportamento quasi unanime del PD nella ratifica del trattato.

    Chiedo perciò che oggi i membri storici di quel partito, di fronte alla vergogna umana di cui sono stati complici si ritirino a vita privata per sancire la vite del “pragmatismo” e il ritorno ad una sana ideologia fondata su valori e principi morali.

  • acimoto ha scritto :
    Mi riferisco a questa pubblicità

    Condivido. Le figure di sabbia sono molto carine ma sono soprattutto molto piene di sangue e di sofferenza degli abitanti di quei paesi per il comodo nostro.

    Vergognamoci di non aver saputo fare di più, di non esserci opposti a questa situazione, di aver lasciato correre e di aver troppo spesso nella nostra quotidianità, voltato la testa dall’altra parte.

    Claudio grazie, perchè ci aiuti a tenere sveglie le nostre coscienze!

  • Certo che dice qualcosa quella mappa, e un’ altra mappa dice qualcosa di Herat.

    Hai provato a fare il conto di quanto è in $ quel misero 12% di import fossile libico, magari sommandoci anche gli appalti Eni e Impregilo? Niente di nuovo sotto il sole, caro Claudio, è solo capitalismo globale.

    E in totale controtendenza, come mai invece del genocidio in Rwanda non se n’è impippato nessuno, Vaticano in primis, visto che ha missionari ovunque. Clinton almeno si è scusato pubblicamente.

    Sarò poi così cinico a sottolineare che se ci sono $$$ in ballo tutti i fatti vengono evidenziati/nascosti a seconda del business?

    Se non ci sono $ in ballo, non se ne frega un c… nessuno, preti compresi.

    Ciao

  • byoblu ha scritto :
    Sarò poi così cinico a sottolineare che se ci sono $$$ in ballo tutti i fatti vengono evidenziati/nascosti a seconda del business?No, non saresti cinico. Avresti solo scoperto l’acqua calda! 🙂

    E tu come fai a saperlo che l’ho scoperta io? Era un segreto 😀

    Facezie a parte, nell’ altro thread ero sembrato cinico, lo so, ma non sono un cinico per indole, lo sono per matematica.

    Ma non c’è da preoccuparsi troppo per la prossima crisi economica OCCIDENTALE, basterà tirare la cinghia di un altro dente: se manca il buco posso prestare apposita pinza. Occidentale in maiuscolo perchè ci raccontano della crisi globale, ma è una BALLA, nel 2010 l’economia globale è cresciuta del 4% circa, solo che non è cresciuta in Europa e USA, come se il mondo fossimo solo noi.

    Non è così, ma se coi fossili possiamo durare ancora un po’, anche se a prezzi dolorosi (toh, è cresciuto il petrolio) è sull’ alimentare che saranno guai.

    Esempio: se il cinesino si rompe le balle del riso in bianco e scopre che metterci lo spezzatino di vitello brasato al sugo è molto più buono, fino ad oggi non era un grosso problema, non aveva i soldi per il vitello. Ma adesso i soldi li ha, e i cinesini sono 1.3 miliardi, e ciò provocherà, come ben sapete, una gran moria delle vacche! Secondo voi i macellai vendranno la carne al cinesino con tanti soldi o all’ italiano senza un euro?

    Ogni cosa che vediamo attorno a noi la si può tradurre in kJ, unità di misura per l’energia, qualsiasi cosa. Una bistecca cotta nel piatto ci sembra quello che è, una bistecca e basta, ma in termini di energia è una tragedia. No, diventare tutti vegetariani non risolve, sposta solo il problema un po’ più avanti nel tempo.

    Ciao

  • Volevo dire che in questo caso sono in ballo solo gli interessi  dell’italia, ecco perchè anche gli stranieri si permettono di criticare Frattini. Se il regime libico cade, gli Usa forse ci guadagnano, gli altri stati dell’UE di sicuro non ci rimettono molto, e anche la probabile immigrazione di massa, è tutta a carico dell’Italia, gli altri possono sempre chiudere le frontiere
  • byoblu ha scritto :
    Sì, bello. Ma cosa c’entra? E’ solo così, tanto per trovare un modo di andare contro?

    Se rileggi meglio il messaggio di Renzo, vedrai che qualcosa c’entra!

     

    ps. ma per caso m’hai bloccato? come mai non riesco più a rispondere quando faccio il log in?

  • Mannaggia a San Schumacher da Hermülheim, ma Claudio non potevi oscurare almeno il frame iniziale del video per chi non lo vuol vedere?! Grazie 😉 !

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi