Giustizia è fatta

Occhio per occhio, dente per dente, recita la Bibbia. Ma quando l’occhio è stato reso, quando il dente è stato strappato, allora il conto torna in pareggio, ed è lecito affermare: giustizia è fatta.

Così parlò Barack Obama: “giustizia è fatta“! Ma quale occhio gli fu tolto? Quale dente fu cavato? Se dobbiamo stare a quanto i media hanno messo in evidenza: due torri di acciao e cemento, quattro aerei e un’ala del Pentagono abbattuti, migliaia di morti civili e danni all’economia globale inquantificabili.

 
 

In cambio, l’America si è presa un numero incalcolabile di vite umane, perlopiù innocenti, torturandone a migliaia ed espandendo le sue basi militari in tutte le aree più calde dello scacchiere mediorientale. Oggi controlla e contende alla Russia le fonti di approvvigionamento petrolifero e di gas naturale che le servono per assicurarsi il prossimo futuro energetico, Iran escluso, ed ha gettato pesanti opzioni sulle risorse della fascia nordafricana, in special modo libiche. Oggi Osama Bin Laden può finalmente morire.

Come potrebbe, altrimenti, un piccolo, trascurabile ometto gravemente ammalato rappresentare da solo una compensazione così grande al punto da far affermare al Presidente degli Stati Uniti d’America: “Giustizia è fatta”?

E se giustizia è davvero fatta, allora che gli elicotteri decollino, che i carri armati si ritirino, che i campi base si smantellino, che i soldati si imbarchino, che le portaerei salpino e che tutti facciano ordinatamente rientro a casa, lasciando i popoli indebitamente conquistati liberi di tornare sovrani sulle loro terre.

Fino ad allora, nessuna giustizia potrà essere invocata su questa Terra, se non quella di parte di chi ha trasformato la persecuzione dei propri interessi personali in una guerra santa forse anche peggiore di quella solitamente addebitata all’estremismo islamico, perché mentre quest’ultimo muove dall’onesta convinzione di dover difendere un principio trascendentale, per quanto anacronistico e incompatibile con i valori moderni, la jihad occidentale che ha prodotto le bombe al fosforo di Falluja, le torture di Guantanamo, i piccoli morti afghani di cui si è avuta notizia e tutti gli atroci crimini di guerra dei quali invece non si saprà mai nulla è solo una sporca crociata laica, condotta allo scopo mercenario di ottenere meri vantaggi materiali.

Questo è ciò che ha sempre contraddistinto l’uomo bianco rispetto alle razze sulle quali, di volta in volta, storicamente ha sempre preso il sopravvento: uccidere per soldi, che fossero perline colorate, schiavi da rivendere a coltivatori spregiudicati, terreni da confiscare agli indiani d’America, l’oro degli Aztechi e dei Maya o i giacimenti residui di combustibili fossili dei paesi mediorientali.

Non ci può essere giustizia, su questa Terra, fino a quando saranno la violenza, la captazione, la prevaricazione e lo sfruttamento a predeterminarla. Se non, caro Barack, quella che oggi per ironia della sorte proprio tu rivendichi: la solita vecchia giustizia dei visi pallidi.

 

13 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Osama Bin Laden (un Saudita, quindi di un paese protetto dagli USA) non avrebbe dovuto morire. Poteva forse essere catturato, ma non ucciso, poichè rappresentava lo spauracchio per eccellenza che da solo avrebbe potuto sostenere al congresso qualsiasi spesa militare, per mettere in pratica la strategia che tu conosci così bene.

    Con tutto probabilità, Bin Laden è MORTO DA SOLO attorno all’anno 2004, si parlava di un suo ricovero in località imprecisata a causa di un blocco renale, addirittura si sosteneva che fosse in dialisi permanente.

    Del resto, è noto che da allora non è più apparso in video, e i suoi periodici comunicati apparivano come palesi manipolazioni per far credere fosse ancora minaccioso.

    Ora, occorre mettere una pietra sopra alla vicenda, per spostare l’asse strategico su altri eventi. L’Iraq, iran, afghanistan, sono diventati territori scomodi e mediaticamente non pagano più. Obama DEVE essere rieletto, quindi a pensarci bene…

    Cosa c’è di meglio che METTERE IN SCENA UNA FINTA UCCISIONE per chiudere la partita ?

    Il rasoio di occam… talvolta non sbaglia. Possono dire di aver fatto tutti gli esami del DNA che vogliono sui resti maciullati e irriconoscibili, ma a mio parere si tratta di un falso, sarebbe la soluzione che accontenta tutti.

  • Tutto giusto e poi a maggior ragione visto che il pretesto (11 settembre) per attaccare  gli altri stati se lo sono creato da soli..

  • a marantz, non si puo’ dare tutti i torti, infatti uno che e’ sottoposto a dialisi, deve per forza frequentare un centro specializzato o avere apparecchiature costosissime e ingombranti al suo seguito, e’ quindi facilmente rintracciabile, in effetti e’ plausibile sia morto tempo fa.

    e c’e da dire che la foto e’ un falso clamoroso, almeno potevano far lavorare qualche mago di hollywood , perche’ a me personalmente fa ridere pensare che qualcuno pensa sia vera la foto!

    e allora come saddam salto’ fuori in un momento critico anche bin laden doveva fare la stessa cosa, io penso bolli in pentola qualcosa di veramente piu’ grosso, chi vivra’ vedra’…

  • Gia’ !

    Gli U.S.A. hanno ormai ottenuto cio’ che volevano e ora chiudono la “faccenda” con un banale,frettoloso e soprattutto patetico finale. Barack Obama non ha piu’ niente di quell’afro-americano che solo qualche anno fa ispirava fiducia,coraggio,speranza in tanti cittadini americani e non solo; e’ ormai chiaramente anche lui,come i suoi predecessori, una pedina manovrata dalle grandi banche,l’industria bellica e petrolifera. 

  • Tutto vero, ma ahime ora Sarkozy ha indetto un g8 per riscrivere le regole del web  ne vdremo delle belle….

    Con la scusa della proprietà intellettuale metteranno il bavaglio per DAVVERO alla maggior parte della rete.

    Cmq colgo l’occasione per spargere una pillolina ( pesa un chilo in realtà) blu di matrix , guardate questo video e condividetelo:

    http://www.youtube.com/watch?v=OumTbwA07FU

     

    Questo è davvero uno degli unici   giornalisti liberi indipendenti che ha dedicato la vita al suo lavoro e ne sta pagando le conseguenze, guardate tutti i suoi video, ne vale la pena.

    Sostenetelo via mail perchè ha annunciato ed issato bandiera bianca contro i poteri forti:

    http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=224

  • Bisogna “restare umani”. Le sofferenze di chi ha perso qualcuno il giorno 11/9/2001 sono maggiori di chi urla il proprio dolore in un’altra lingua? Per me non c’è niente da aggiungere a questo post.

  • Non so se mi sbaglio, ma secondo me gli USA non hanno avuto tutto quello che volevano e l’uccisione di Bin Laden è tutt’altro che una pietra tombale che conclude la vicenda. Questa è solo l’inizio di una nuova era. Io temo che ci saranno altre stragi che rivendicano la morte di bin Laden, un pò ovunque nel mondo, (che saranno ovviamente attribuite ai suoi seguaci ) quindi; ci saranno più ristrizioni, più controlli, meno privacy, meno libertà, altri Patriot Act…Pensate che fine farà Internet!!!

    Vorrei aggiungere una cosa importante per chi ha dei dubbi sulle ultime apparizioni di Bin Laden. è una bella e MERAVIGIOLSA TESTIMONIANZA di Giulietto Chiesa, allora Europarlamentare e membro della sottocommissione sicurezza e difesa, nella sua testimonianza racconta di un invito nel parlamento europeo per assistere a una proiezione che verteva su un attaco nucleare contro la sede della NATO a Bruxelles.

    Fu una SIMULAZIONE dove si vedono i famosi telegiornali (CBS,CNN,AL JAZEERA, AL ARABYIA…)e i loro reporter, le reazioni dei governi…L’onda sismica e poi quella radioattiva e alla fine COMPARE Bin Laden, RIVENDICA L’ATTENTATO e minaccia l’occidente…Praticamente Bin Laden ASSUMEVA un attentato MAI ESISTITOOOOOOOOOOO!!!!… Si alzò un deputato e disse:  chi ha fatto questa roba? ci avete appena dato la prova che vuoi state manipolando l’immagine di Bin Laden come vi pare e piace.

    fu l’opera del CSIS ( Center for Strategic and International Studies ) dove lavora una figura ben nota per il suo equilibrio,  Edward N. Luttwak.

    Guardate la testimonianza :

    http://www.youtube.com/watch?v=JQMxl3PRZE0

    Concludo dicendo a Igino :

    Secondo te uno come OBAMA, che ha raccolto un totale di 600 milioni di dollari, per la sua campagna elettorale dai PRIVATI !!! Non debba rispondere ai suoi “AZIONISTI“???

  • Il circo ha chiuso lo spettacolo adesso se ne apriranno altri….Siamo comandati da un altra razza e’ non ci e’ dato di sapere quello che averra dopo.Le persone sono toltamente manovrabili siamo come robot senza anima e mente, basta una notizia in tv per causare una onda emotiva,tutto e’ previsto anche la nostra nascita e’ la nostra morte.Siamo ormai dentro una maledetta matrix e’ se un giorno ci sara’ il risveglio verremmo a conoscenza di verita’ inimaginabili che nemmeno nel piu’ grande film di fantascienza.Pero’ pero ora solamente siamo una cozzaglia di intestini  pieni di emotivita’ sin volonta’.

    Auguri civilta’…………

  • Tutto quello che sta avvenendo è qualcosa che tutti si aspettavano, e l’evento in coincidenza con le elezioni di Obama non fa altro che rafforzare le nostre certezze.

    Chi parla che negli ultimi giorni quello che è avvenuto non è altro che giustizia, forse nessuno si è mai prodigato nell’insegnargli cosa vuol dire Giustizia, ma è senso comune non scambiare un Omicidio con la Giustizia.

    Personalmente, trovo al quanto curioso, che ci abbiano messo 10 anni a trovarlo e 2 minuti per ucciderlo, fargli le analisi del sangue e buttarlo a mare per poi dire “Quello che diciamo noi è la verità assoluta”. E credo ci voglia una bella faccia tosta per dire “Ora il mondo è migliore”. Scommetto che grazie a questo ora potranno dimenticarsi dello sterminio di massa che tutti i giorni le Banche portano avanti sia in africa, che a “casa nostra”.

     

    E sono stufo di sentire chi non sa altro che lamentarsi, perchè lamentandosi e basta non ci aiuterà a risollevarci, dato che il più delle volte chi si lamenta è chi lascia fare e non dice nulla.

  • leggo i commenti e mi dico che una cosa è certa, internet confronta ed elabora le nostre, altrimenti, singole idee, esse si sviluppano e sicuramente alcune di esse giungono vicine alle realtà dei fatti, altre magari si allontanano oltremodo ma…

    …LA GENTE NON SI BEVE PIU’ DI TUTTO quello che gli viene propinato dai media, dagli stati, dalle elite; questo è un grande passo in avanti, forse il più grande di tutti i tempi per noi.

    prima o poi purtroppo si accorgeranno delle potenzialità che tale strumento offre e troveranno il modo di annientarlo.

    saluto e… spero la pensiate diversamente da me !

     

  • @Anas E. Grazie per il link youtube, non ne avevo mai sentito parlare prima.



    Comunque da come ho letto sul sito ansa altri come me si fanno molte domande che spesso finiscono anche per mettere dei punti interrogativi sulla versione ufficiale, versioni diverse su come sia stato ucciso, il modo di “sepoltura”, le versioni sulle sue malattie e addirittura la sua morte negli anni passati, le eventuali manipolazioni dei video che ci hanno fatto vedere in tv, e addirittura le contraddizioni sui filmati in diretta(?) dei telegiornali riguardo gli attentati del 11/09

     

    http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2011/05/02/visualizza_new.html_875564778.html


  • Signor Presidente!
    Lei, ha presente quella scena di una mamma che sta uscendo dalla aula del tribunale, dopo un lungo processo, si trova di fronte il giornalista che le allunga il microfono e le chiede “Signora! vuole commentare la sentenza?” Lei asciugandosi le lacrime dice :”Giustizia é fatta!!!”.
    Signor Presidente! è questa la giustizia che vogliamo; quella che viene fatta nelle aule del tribunale, fatta dai giudici e non dai Marines, non si fa con gli armi, non si fa con la vendetta e il rancore, ma si fa con la serenità. La sua, Signor presidente si chiama “Esecuzione é  fatta”. Perciò, La prego, questa volta non esporti la SUA “giustizia” come ha fatto con la sua “democrazia“!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi