Italiani, piantatela di fornicare!

La dovete smettere! Capito?! Bagnasco è stato chiaro. E’ inutile che fate finta di niente: lo sanno tutti che si riferisce a voi, quando parla di “comportamenti licenziosi, tristi e vacui, relazioni improprie difficilmente compatibili col decoro delle istituzioni che ammorbano l’aria e appesantiscono il cammino comune”. Siete voi che avete “la cultura di un’esistenza facile e gaudente” dai quali discendono continui “suggerimenti interessati di nomine e promozioni”. E siete sempre voi che dovete andarvene perché “c’è da purificare l’aria affinché le nuove generazioni non restino avvelenate” e perchè “ognuno è chiamato a comportamenti responsabili e nobili: la storia ne darà atto”.
Quindi dateci un taglio e piantatela con tutte quelle escort, che poi la mattina si vede che ci avete le occhiaie quando andate al lavoro. O perlomeno fatevi fare uno zabaione da Tarantini. E smettetela di promettere ai papponi da cui vi rifornite di piazzarli come fornitori nell’azienda dove lavorate. Smettetela di spendere tutto lo stipendio per pagare i ricattatori, che poi siete costretti a darvi un aumento. Smettetela di fare assumere la vostra puttanella preferita al posto di tutte le candidate che hanno più capacità e più meriti, solo per potervela sbattere nello stanzino delle fotocopie. Insomma, piantatela, che ‘cca nisciun è fess!
Del resto Formigoni è stato chiaro: “Bagnasco parla per tutti, e non per una persona sola: parla per te, parla per me…”. Quindi ce l’ha proprio con voi, non si scappa. Che non vi facciate venire strane idee, perché sia ben chiaro che bisogna “vedere la trave nel proprio occhio prima della pagliuzza nell’occhio del fratello”. Ora, a parte che Berlusconi non è mio fratello, che se no avrei come minimo un giornale di famiglia, ma se Tarantini, Fede, Mora, Lavitola e soci sono una “pagliuzza”, non oso immaginare cosa potrebbe essere la trave. O forse il detto si riferiva alle dimensioni della virilità, circa le quali Topolanek, a villa Certosa, si ergeva imperioso a indiscusso magister?
Anche secondo Sacconi “il presidente della Cei ha rivolto un invito a tutti. Ciascuno deve riflettere e nessuno può usare il suo monito come una clava contro l’altro”. Capito? Occhio a come usate e a dove infilate il monito: non agitatelo come una clava, che non è elegante. Secondo Bondi, l’ex ministro a cappella, le parole pronunciate dal cardinal Bagnasco possono invece “apparire unilaterali”. Quindi bisogna fare molta attenzione che restino etero-dirette, che non si infilino sempre da una parte sola, perché se le omo-loghiamo finisce che ce la prendiamo in quel posto. Quagliariello del resto, fa capire che “non si può tirare questo discorso da una parte o dall’altra”. Non deve tirare, dunque. Tantomeno a destra e a manca: se non avete alternative, assicuratevi di mantenere un movimento perfettamente in asse con il vostro baricentro. A Bari, del resto, la procura è molto sensibile al tema e saprà “intercettare” ogni vostra esigenza. Per Gianfranco Rotondi, infine, non bisogna dimenticare che Berlusconi è un “santo puttaniere”. Non come voi, invece, che siete laidi copulatori profani.
Per quanto mi riguarda, suggerisco al cardinal Bagnasco, la prossima volta che dopo 30 anni di mercificazione del corpo delle donne nelle tivvù del biscione gli pungerà vaghezza di fare finalmente delle dichiarazioni forti, di indicare chiaramente a chi si riferisce. Altrimenti la Chiesa rischia di arrivare al tempio con bastoni e mazze da baseball quando ormai i mercanti hanno già concluso i loro sporchi affari e hanno sbaraccato merci e bancali, lasciando un putrido, immondo mondezzaio a terra.

11 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • È formata da una cerchia di autoeletti. Non paga la tasse, che ricadono sui tutti i cittadini, anche quelli che non si identificano con loro. È stata soggetta a indagini ripetute della magistratura, che hanno dimostrato negli anni come i loro istituti di credito abbiano trattato con massoni, mafiosi, politici corrotti. Ha un rapporto ipocrita col sesso, difendendo gli atti spudorati e documentati dei propri sodali, ma criticando quelli degli altri. Fa propaganda ogni giorno, in ogni luogo dove si trova un suo rappresentante. Discredita il diverso, soprattutto quando è inconciliabile con la propria filosofia. Si crede necessariamente sempre nel bene. I suoi seguaci, per la maggior parte, seguono il loro credo per questioni di ignoranza, di comodo, di quieto vivere sociale. Nega senza batter ciglio alcune verità conclamate se le fa comodo. Dove si trova a controllare un territorio, agisce come in regime di monopolio. Discredita simili istituzioni che professano un credo vagamente differente, salvo poi farci accordi di interesse economico o politico. Ha sostenuto o sostiene guerre per interessi personali. In tempi in cui era concesso, non nascondeva gli atti di tortura perpetrati in suo nome. Voi credete che stia parlando di un partito, magari estremista. Ma non ho mai smesso di pensare alla chiesa.

  • Bell’articolo. Uhmm, come posso aggettivarlo…sagace?

    Cmq, percepisco le difese disperate come unghie che raspano il vetro per nascondere il rumore degli ultimi tonfi della “bestia” ferita.  Sono atti compiuti esclusivamente a beneficio della loro immagine di perfetti “servitori”,  “fedeli” fino all’ultimo.

    Ogni volta sembrano pronti…a quando la “spallata” finale? ma è così difficile trovarne un altro?

  • …infatti, questa secolare tendenza di lanciare la pietra e nascondere la mano o di dire il peccato e non il peccatore è una forma  mafio-diabolica che prima o poi dovrà  scemare perchè diversamente saremo prende inconsapevoli del caos mediatico.

  • Ipocriti questi ecclesiasti! Cos’hanno da dire in merito ai casi di pedofilia dei preti e degli altri scandali? Qualsiasi rimprovero o monito venga dalla chiesa è sempre autoriferito.

    • hai ragione, anzi di più, e tuttavia i preti hanno ancora un minimo di senso della vergogna, perchè sopo essere stati presi a palate in faccia (con la storia della pedofilia) alla fine – a mezza bocca e dopo 5 anni di battage – un accrocco di scuse le hanno fatto, un po’ hanno accusato.

      Berlusconi niente, è refrattario a qualsiasi cosa che non sia minaccia di perdere consenso e quindi soldi, e soprattutto poltrona che lo salva dai processi.

      Questo è l’uomo piu ricco e ridicolo d’italia. 

  • Berlusconi stamane ha smentito tutti i suoi tirapiedi, dicendo esattamente il contrario, ovvero ammettendo che Bagnasco ce l’aveva proprio con lui.

    http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=164433&sez=HOME_INITALIA

     

    (tra l’altro ormai si smentiscono tra di loro ogni giorno: qualche giorno fa Ghedini, non sapendo che pesci pigliare riparlava di Berlusconi come “utilizzatore finale” ammettendo le prostitute in quanto tali, mentre in contemporanea Berlusconi continuava a dire che erano cene galanti con donne rispettabili)

     

     

  • E questo sarebbe un richiamo “forte”?

    Ma fatemi il piacere…

    E oltre ai “comportamenti licenziosi”, che si riferiscono evidentemente al puttanaio, quando pensa Bagnasco di denunciare anche la corruzione, le commistioni con la criminalità organizzata, il potere della massoneria, ecc.?

    Certo, poi avrebbe qualche difficoltà a guardarsi allo specchio.

    La chiesa cattolica è morta. Ed è morta per colpa di gente come Bagnasco.

  • Un’insuperata scuola di ipocrisia. Che sia poi proprio Formigoni a spiegarci che la ramanzina dell’ermatico Bagnasco era dedicata a noi comuni mortali, la dice lunga sui meccanismi di questa chiesa di furbacchioni che tira fuori il vangelo solo quando gli fa comodo e a buoi abbondantemente fuoriusciti dalla stalla.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi