Basta con questa Treccani!


Dopo vent’anni di internet in Italia, dopo sei anni dall’avvento di YouTube e in piena era di tablet, smartphone, internet delle cose e conoscenza condivisa, salta ancora fuori tale Alberto Di Majo che, sul Tempo, genialmente scrive:

« La nuova legge sulle intercettazioni potrebbe avere un merito inaspettato: far scomparire Wikipedia. »
Facciamo presente al signor Di Majo che la Treccani, quella in 57 volumi, costa almeno 10 mila euro o giù di lì. E’ un sapere di casta, riservato ai nobili o – generosamente ringraziando – concesso ai pochi sparuti plebei che hanno il tempo di perdere un pomeriggio (se abitano in una grande città) per andare in una di quelle rarissime biblioteche che se la possono permettere. E’ un insulto alle foreste amazzoniche, fa a pugni con gli spazi sempre più ridotti degli appartamentini del popolo (che vivono in due locali più servizi) e richiede un tempo di consultazione estremamente lungo, se paragonato all’immediatezza di un click.
Viceversa, Wikipedia conterrà anche alcuni strafalcioni, ma rappresenta il culmine della filosofia del sapere distribuito, democratico, neutrale, incontrollabile, critico (perché richiede un approccio attivo alla verifica delle fonti e non si basa su un assorbimento passivo di informazioni decise da altri senza possibilità di confronto), si aggiorna da sola, non occupa spazio, è disponibile anche  sul tram o al parco, si consulta in un tempo quasi istantaneo e, soprattutto, è GRATIS!
La cultura del terzo millennio d.C. si costruisce insieme, in maniera collaborativa. Non si demanda più a un’oligarchia di pochi eruditi ed è per tutti, non solo per i figli dei ricchi.
« Tale è l’uso ammirabil del Tempo, e da questo nasce, che sovente a noi conviene mutar voce. »

26 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Madonna! Ma siamo arrivati proprio alla frutta! Questi stanno proprio esagerando, ci manca solo che ci limitino anche l’aria che respiriamo! Chissà come ci prendono per il culo nel resto del mondo!

    P.S. Complimenti alla destra liberale.

    • Puoi dirlo forte!

      In Germania, ad esempio ci guardano come pidocchiosimafiosiassetatidisesso, niente piu.

      Sai chi dobbiamo ringraziare, no?

  • Rispondere a queste inutili sparate è perdere il proprio tempo.

    Sono ormai secoli da quando fu scritto “Non ti curar di lor, ma guarda e passa”.

  • è ora che la gente cominci a ragionare in modo diverso…”purtroppo” il futuro sono i computer e l’informazione in digitale…queste cariatdi non se lo sono ancora messo in testa…purtroppo hanno ancora molto potere e cercheranno di “ammazzare quanti più polli sarà loro possibile per portarseli nella tomba”

    @ giacomo,

    prova a fare una ricerca che non sia tradizionale classica, mi spiego, se sul sito della treccani cerchi leone o gallina, te li trova…. ma se cerchi cose diciamo meno complesse (nel mio caso la parola “freeware” per la mia tesi) ecco che la gratuita treccani di da solo la parola browser….e magari la compro a 10000 euro e poi on trovo le parole recenti…

    la treccani se la tengono solo nel salotto per far vedere che hanno soldi..il sapere è di tutti, e quando si vuole togliere la conoscenza che è potere di tutti, siamo in guerra…

  • è ora che la gente cominci a ragionare in modo diverso…”purtroppo” il futuro sono i computer e l’informazione in digitale…queste cariatdi non se lo sono ancora messo in testa…purtroppo hanno ancora molto potere e cercheranno di “ammazzare quanti più polli sarà loro possibile per portarseli nella tomba”

    @ giacomo,

    prova a fare una ricerca che non sia tradizionale classica, mi spiego, se sul sito della treccani cerchi leone o gallina, te li trova…. ma se cerchi cose diciamo meno complesse (nel mio caso la parola “freeware” per la mia tesi) ecco che la gratuita treccani di da solo la parola browser….e magari la compro a 10000 euro e poi on trovo le parole recenti…

    la treccani se la tengono solo nel salotto per far vedere che hanno soldi..il sapere è di tutti, e quando si vuole togliere la conoscenza che è potere di tutti, siamo in guerra…

  • è ora che la gente cominci a ragionare in modo diverso…”purtroppo” il futuro sono i computer e l’informazione in digitale…queste cariatdi non se lo sono ancora messo in testa…purtroppo hanno ancora molto potere e cercheranno di “ammazzare quanti più polli sarà loro possibile per portarseli nella tomba”

    @ giacomo,

    prova a fare una ricerca che non sia tradizionale classica, mi spiego, se sul sito della treccani cerchi leone o gallina, te li trova…. ma se cerchi cose diciamo meno complesse (nel mio caso la parola “freeware” per la mia tesi) ecco che la gratuita treccani di da solo la parola browser….e magari la compro a 10000 euro e poi on trovo le parole recenti…

    la treccani se la tengono solo nel salotto per far vedere che hanno soldi..il sapere è di tutti, e quando si vuole togliere la conoscenza che è potere di tutti, siamo in guerra…

  • dal sito http://www.beppegrillo.it

     

    “Stamattina mi fermo al bar, prendo un cappuccino e divoro un cornetto. Mi passa sotto mano “Il Tempo”, quotidiano romano. In prima pagina campeggia una bella pubblicità dell’Eni (guarda la foto) e poi un articolo: “Wikipedia protesta? Meglio, c’è Treccani” (ecco la versione on line). Qualche dubbio mi assale. Prendo l’iPad e apro il sito della Treccani. E cosa succede? Scherzo del destino: ancora l’Eni (guarda). A pensar male si fa peccato. Ma spesso…. “

  • Vorrei ricordare che anche la Treccani si evolve. Sul sito http://www.treccani.it è possibile cercare la parola o l’unformazione che si vuole a costo zero. Certo c’è una parte di servizio a pagamento, ma mi porrei una domanda: siamo sicuri che libero sapere produce corretta informazione? Chiedo eh…

  • Ci hanno fottuto Claudio! Che possiamo fare? Dovremmo iniziare una rivolta aspettandoci di essere additati come sfasciatori del sistema? Perchè dopo questo insulto, non so chi a il coraggio di rimanere calmo. Non ho nulla da perdere, e se la polizia postale mi viene a cercare….scappo nei monti ed incomincio a fare lotta di rivolta contro il Governo. Qualcuno già lo fa a Val di Susa, nel silenzio di tutti! E rientro in qualsiasi interet point, a dire quello che voglio con id registrati falsi. Dobbiamo diventare tutti degli Hacker? Ci vogliono far diventare tutti degli Hacker? Cazzi loro!!!!!!!!!!! Se qualcuno mi sente…perché non riempire di Virus testate come quelle di de Majo? E Palese che ci voglio tutti ignoranti! Ma io mi sono stufato di guardare!

  • Avevo visto già ieri questo articolo su google (incredibile quanto spam vengo distribuito da questo motore di ricerca: cazzate come questa girano davvero veloce). Però lo avevo ignorato, perchè è così che si fa con i cretini: non si ascoltano.

  • ormai siamo arrivati !!!!non hanno piu niente da dire …non hanno piu idee e il futuro gli fa paura ..sono vecchi e basta …hanno paura dell’informatica e non lo capiscono piu questo mondo e li terrorizza vedere miliardari 30enni americani ….il 30enne deve stare a casa con mamma e papà e sfiduciarsi di tutte le sue capacità fino a diventare una totale protesi delle vecchie idee di mamma e papà che poi sono le stesse di quei tossici umidi del parlamento …sinceramente vedere wikipedia aperta a tutto il mondo e chiusa in italia mi fa orrore..io la consulto continuamente in quanto è migliore di “novella libero” e “gioia repubblica” ….tanto io fra un anno spero di andarmene da qui .non ci penso proprio al futuro dell’italia ..troppo faticoso stare dietro a vecchi rincoglioniti che devi spiegare 5 volte cos’è una connessione wireless…sono vecchi e superati …scarsiiiii…..

  • Peccato che:

    1) la treccani si vale di esperti rinomati e peer review

    2) wikipedia sia la patria di negazionisti, complottisti e chiunque abbia un interesse militante verso idee politiche, sempre pronto ad usare l’edit war come tecnica di disinformazione.

     

    quando si afferma che wikipedia è meglio, non si ha la minima idea della differenza esistente fra un’enciclopedia passiva che vende il suo prodotto solo se di qualità ed un’enciclopedia gratuita fatta da pdlini, pcomunistoni, nazifascistoni ecc…

    • Peccato che:

       

      1) la treccani si avvalesi da esperti rinomati, e peer review…nessuno lo mette in dubbio, anche se averla a casa costa un “Pozzo di Soldi”. Esiste anche la verione su internet, gratuitamente fruibile…ma penso che tu li non puoi correggere errori anche se motivati. E penso che infine non esendo un “esperto” cancellino le tue email senza neanche aprirle. Invece su Wikipedia, se vuoi, puoi migliorarla..come tutti!

      2) Wikipedia  la patria di tutti….quelli che possono citatare le fonti attendibili (magari anche dalla Treccani), la patria di una enciclopedia in continua evoluzione ed aggiornata con i tempi. E sopratutto APOLITICA!!! Non confondiamo le verità citate e scritte, con accuse politiche perché va contro quello che pensiamo. Wikipedia….non e Italiano, ma ha solo pagine in Italiano. Questo dovrebbe far riflettere su chi controlla quello che si scrive, ovvero che è TUTTO IL MONDO IN RETE aggiornando e correggendo di fatto tutta l’enciclopedia virtuale. Affermare che Wikipedia “disinforma” “e patria di Negazionisti” “complottisti” “militante verso la politica,  E COME AFFERMARE CHE LO SIA TUTTO IL MONDO IN RETE!!! E affermare volutamente il falso! Perché a differenza dela treccani carissimo, anche tu potresti dare il tuo contributo a Wikipedia, scrivendo cose citate e CONFERMATE e ortograficamente corrette. Se scrivi baggianate non citate e non confermate da studi e scritti esistenti ecc.ec.. non te le pubbicano nemmeno, ed in giro di breve se non si danno spiegazioni attendibili su quello che si e scritto ne cancellano anche la bozza. Siccome Wikipedia è una enciclopedia LIBERA, se qualche Negazionista & C. riesce comunque a scrive la sua, e giusto…..perché anche se non si e daccordo TUTTI HANNO IL DIRITTO DI ESPRIMERE LE LORO IDEE! Anche tu del resto lo puoi fare su Wikipedia, basta iscriversi  e seguirne i suoi pilastri fondamentali  “Neutralità, libertà, verificabilità”. Ed allora potrai confutare i Negazionisti, i plitici (se litrovi), ecc..ecc…senza scrivere a vanvera cose che sembri non conoscere, direttamente sull’enciclopedia virtuale……sempre che quest’ultima, riapra!!

  • TheQ. ha scritto :
    Peccato che: 1) la treccani si vale di esperti rinomati e peer review 2) wikipedia sia la patria di negazionisti, complottisti e chiunque abbia un interesse militante verso idee politiche, sempre pronto ad usare l’edit war come tecnica di disinformazione.   quando si afferma che wikipedia è meglio, non si ha la minima idea della differenza esistente fra un’enciclopedia passiva che vende il suo prodotto solo se di qualità ed un’enciclopedia gratuita fatta da pdlini, pcomunistoni, nazifascistoni ecc…

    Quoto alla grande! Anzi no, alla grandissima!

    Wikipedia è una enciclopedia in progress, instabile, volatile, come volatile e instabile è l’informazione su Internet. Sia chiaro: viva la libertà di espressione in tutte le sue forme, ma francamente non mescoliamo la m**da con il miele, please.

    • …e per l’appunto, per quello che dici, che non si debbano fare paragoni. Sono due cose diverse, ED UGUALI ALLO STESSO TEMPO, tutte e due utili, a tutti.  Sulla Treccani accetti senza riflettere quello che ci stà scritto, sul wikipedia alle volte si deve usare un po di testa ed avere una cosa che oggigiorno non esiste quasi più nella mente del popolo.il DISCERNIMENTO!! Allenare la mente a questo, ci evita di diventare dei Pecoroni, ed e una delle basi del raziocinio. Per questo molti si trovano persi di fronte ad internet…ed alla marea di informazioni che questo da. 

      ciao

  • Ahahah cultura?!… Per la treccani la più grande attrice italiana è Sofia Loren!!!!! (l’avranno deciso quattrogatti) mentre lo sanno proprio tutti in tutto il mondo che  è Anna Magnani….

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi