108 MILIARDI DI MORTI

Ieri sera Bruno Vespa, durante l’ennesimo speciale sui miracoli della Madonnaperfettamente adeguato alla gravità della crisi italiana -, si è lasciato sfuggire queste parole: “…duemila anni fa, quando tutto è cominciato“.

Tra una classifica sulla popolarità dei santi (che vede Padre Pio saldamento in testa) e storie di ordinaria follia raccontate con estrema naturalezza, mi sono chiesto come si facesse a non vedere quanto una simile affermazione fosse illogica e in totale contraddizione con i fatti.
Oggi è il giorno dei morti. Bene: allora non c’è miglior modo di onorarli che restituire loro la dignità perduta.
 

 I cristiani credono che, una volta abbandonata questa valle di lacrime, se si sono comportati bene andranno in Paradiso, tutt’al più in Purgatorio per un periodo di tempo variabile. E se le hanno combinate grosse, davvero grosse, allora la pena è un ergastolo senza fine da scontarsi in un carcere di massima sicurezza che Alcatraz al confronto pare un parco di divertimenti: l’Inferno. Da lì non si esce, neanche se pregate in turco (perdonate la battuta). Ma la scelta è solo di coloro che sono stati battezzati: agli altri invece, tranne rare eccezioni molto controverse (battesimo di sangue e di desiderio), non resta che l’esclusione eterna dal circolo dei beati. Ma quanto c’è di discriminatorio ed elitario in una religione che al contrario vorrebbe propagandare i sentimenti dell’amore e dell’inclusione? In parole povere: quanti ne salva il Cristianesimo, e quanti ne condanna?
 Torniamo a “duemila anni fa”, dunque, come dice Vespa. Storicamente, in quel tempo, comparve un uomo di “nazionalità” palestinese, destinato a incidere profondamente sul tessuto sociale dei secoli a venire. Chi crede, sostiene che fosse il figlio di Dio venuto a salvare tutti e che, grazie all’istituzione del battesimo, abbia concesso ai suoi seguaci (i cristiani) un comodo passaporto per la beatitudine eterna. Ma a quanti uomini, esattamente, sarebbe stata offerta questa possibilità di salvezza? Quanti sono i battezzati rispetto a tutti gli uomini che hannao mai calcato la cruenta polvere terrena di manzoniana memoria? Contiamoli.
 Capire quanti uomini siano nati dall’inizio dei tempi, e conseguentemente morti, non è un’impresa facile. Assomiglia più a un esercizio di stile. Tuttavia, fatte le opportune premesse, è possibile fare una stima che diviene progressivamente più precisa via via che dalla preistoria ci si avvicina ai giorni nostri. Innanzitutto bisogna decidere da dove partire a contare: i primi ominidi calcavano la Terra già diversi milioni di anni fa, ma siamo sicuri di voler considerare Lucy, pora stella, una creatura spirituale meritevole (sempre secondo la fede cristiana) di ricevere i sacramenti? Lasciandoci alle spalle i vari Homo Erectus, Homo Habilis, Homo Neandethalensis e compagnia bella, diciamo che per convenienza possiamo fissare il nostro giorno zero a quello della comparsa dell’Homo Sapiens moderno, avvenuta circa 52 mila anni fa. Con una serie di ipotesi che per brevità tralascio (potete approfondirle grazie al Population Reference Bureau: “How Many People Have Evere Lived On Earth“), grazie alla Tabella 1 possiamo stimare in 107 miliardi, 602 milioni, 707 mila e 791 le persone nate e perlopiù morte sul nostro pianeta dal cosiddetto giorno zero.
Date chiave Popolazione Natalità (x1000) Nascite Nascite totali
50000 aC 2 0
8000 aC 5.000.000 80 1.137.789.769 1.137.789.769
1 AD 300.000.000 80 46.025.332.354 47.163.122.123
1200 450.000.000 60 26.591.343.000 73.754.465.123
1650 500.000.000 60 12.782.002.453 86.536.467.576
1750 795.000.000 50 3.171.931.513 89.708.399.089
1850 1.265.000.000 40 4.046.240.009 93.754.639.098
1900 1.656.000.000 40 2.900.237.856 96.654.876.954
1950 2.516.000.000 31/38 3.390.198.215 100.045.075.169
1995 5.760.000.000 31 5.427.305.000 105.472.380.169
2011 6.215.000.000 23 2.130.327.622 107.602.707.791
Tabella 1 – Il numero totale di nascite (e di morti) dalla comparsa del primo Homo Sapiens

Una prima cosa possiamo già dirla: l’affermazione “…duemila anni fa, quando tutto è cominciato” si lascia alle spalle con estrema nonchalance oltre 47 miliardi di persone, ovvero tutti quegli sfigati che hanno avuto la sorte avversa di nascere prima di Gesù Cristo e dunque hanno vissuto, e sono morti, nella totale inconsapevolezza dei dettami prescritti dalla fede cristiana. Ecco dunque prendere forma in tutta la sua mostruosità la profonda e ripugnante idea che si cela dietro all’affermazione di Vespa. Come si fa, di fronte alla consapevolezza dell’enorme eredità storica che portiamo sulle spalle, a fare pace con l’idea che un Dio degno di tale nome decida di palesarsi solo dopo che 47 miliardi di suoi figli prediletti abbiano compiuto la loro parabola terrena, ignorandoli tutti in tale spropositata quantità, senza preoccuparsi di informarli prima circa i loro diritti né tantomeno mettere da parte qualcosina per il loro futuro? 47 miliardi di esseri umani sono un po’ troppi per essere lavati via dalla coscienza spirituale predominante con una scrollata di spalle.  Ma non basta: dopo la morte di Gesù di Nazareth, quanti sono gli uomini che la religione cristiana nel suo complesso condanna alla dannazione eterna, perché non battezzati o semplicemente perché credenti di una confessione diversa?
Per rispondere a questa domanda basta sottrarre alle nascite totali avvenute sul nostro pianeta da 52 mila anni a questa parte il numero totale progressivo dei cristiani battezzati, dato che gli altri difficilmente potranno reclamare il loro angolo di paradiso. Siamo fortunati: ci viene in aiuto lo storico inglese Sharon Turner che, all’incirca nel 1810, ha fornito una istantanea della popolazione cristiana secolo per secolo, dal primo fino al diciottesimo, che qualcuno ha poi integrato con i dati relativi al diciannovesimo. Per il ventesimo secolo invece integriamo noi, basandoci sul Catholic Education Resource Center che parla di 558 milioni di fedeli, mentre altre stime sui dati attuali contano ben 2 miliardi e 100 milioni di cristiani nel mondo. La Tabella 2 illustra l’evoluzione della popolazione cristiana nel tempo.

 

Data Cristiani
0 – 99 500
100 – 199 2.000.000
200 – 299 5.000.000
300 – 399 10.000.000
400 – 499 15.000.000
500 – 599 20.000.000
600 – 699 24.000.000
700 – 799 30.000.000
800 – 899 40.000.000
900 – 999 50.000.000
1000 – 1099 70.000.000
1100 – 1199 80.000.000
1200 – 1299 75.000.000
1300 – 1399 80.000.000
1400 – 1499 100.000.000
1500 – 1599 125.000.000
1600 – 1699 155.000.000
1700 – 1799 200.000.000
1800 – 1899 400.000.000
1900 – 2000 558.000.000
2011 2.100.000.000
Tabella 2 – La popolazione cristiana secolo per secolo

Un conto è però sapere quale sia la popolazione media di un certo gruppo in un dato periodo, un conto è sapere quante persone siano nate e morte in totale all’interno di quel determinato gruppo nel corso del tempo. Non ci sono dati sul numero totale di cristiani che abbiano mai calpestato la polvere, ma siamo fortunati: grazie alla Tabella 1 conosciamo quello totale degli esseri umani suddiviso per intervalli di tempo, insieme al numero effettivo di nascite per ognuno di quegli intervalli. Basta quindi “interpolare” i dati per rendere omogenei gli intervalli di tempo tra la Tabella 1 e la Tabella 2 e poi calcolare, riga per riga, la percentuale della popolazione cristiana in relazione a quella totale. Quella percentuale sarà con ogni probabilità valida anche sul numero complessivo dei nati e dunque, conoscendo il numero medio di cristiani in vita (per esempio tra il 1750 e il 1850), sapremo anche quanti cristiani siano complessivamente nati e poi morti nello stesso arco temporale. Siamo pronti dunque per fare una stima attendibile del numero totale di Homo Sapiens battezzati. La Tabella 3 realizza la magia.

Date
Popolazione Nascite
Pop cristiana % crist. Nascite crist. Cristiani tot
50000 aC 2  
8000 aC 5.000.000 1.137.789.769
1 AD 300.000.000 46.025.332.354
1200 450.000.000 26.591.343.000 75.000.000 16,67% 4.431.890.500 4.431.890.500
1650 500.000.000 12.782.002.453 155.000.000 31,00% 3.962.420.760 8.394.311.260
1750 795.000.000 3.171.931.513 200.000.000 25,16% 797.970.192 9.192.281.452
1850 1.265.000.000 4.046.240.009 400.000.000 31,62% 1.279.443.481 10.471.724.933
1900 1.656.000.000 2.900.237.856 479.000.000 28,93% 838.897.303 11.310.622.236
1950 2.516.000.000 3.390.198.215 558.000.000 22,18% 751.880.208 12.062.502.444
1995 5.760.000.000 5.427.305.000 1.329.000.000 23,07% 1.252.237.560 13.314.740.004
2011 6.215.000.000 2.130.327.622 2.100.000.000 33,79% 719.821.079 14.034.561.083
Tabella 3 – La popolazione cristiana totale nel tempo, come percentuale di quella globale

14 miliardi! Quattordici miliardi in totale di esseri umani battezzati in tutto contro quasi 108 miliardi di morti. Questo significa che solo il 13% di tutti gli Homo Sapiens mai esistiti ha avuto almeno una chance di evitare la dannazione eterna. Dio manda al Diavolo 95 miliardi di esseri umani, insomma (per modo di dire).  E come se non bastasse, non tutti i cristiani doc hanno una chance di finire se non in Paradiso, almeno in Purgatorio: molti son coloro che, a sentir Dante, vengono dati in pasto a Lucifero senza tanti complimenti.

 Di fronte a questo risultato, anche volendo, non mi sento bene al pensiero di un Dio che prima dà la vita a 108 figli e poi si occupa solo di 13 di loro, salvandone tutt’al più una decina e secondo regole che a 47 di loro non ha mai neppure provato a spiegare. Oggi è il giorno dei morti, dicevamo. Allora rendiamo onore a quei 95 miliardi di uomini morti lontano da Dio. Lontano da “quel Dio”
 A Vespa invece bisognerebbe ricordare che se qualcosa è “iniziato”, non è stato duemila anni fa, che in rapporto alla scala dei tempi assoluta rappresenta meno di quel che noi intendiamo per battito d’ali di farfalla, ma circa 4 miliardi e 550 milioni di anni fa, con la formazione del nostro pianeta o, se vuole, 540 milioni di anni fa, con la comparsa delle prime forme di vita. O magari, ancora, circa 4 milioni di anni fa quando i primi ominidi iniziarono a lasciare traccia di sè. Questo, ovviamente, se all’evoluzionismo non preferite il creazionismo. Ma qui si parte per tutt’altro viaggio…

43 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ma non dire cazzate! Avevi iniziato bene con la descrizione dell’inferno poi ti sei rovinato. La chiesa non ha mai creduto che si salvano solo i battezzati, non lo credeva neanche Sant’Agostino per il quale i numeri dei salvati cominciava da Abele che evidentemente non è stato bettezzato da nessuno. Resta il fatto che Vespa non si può vedere :-DDDDDDD. Un teologo

  • Inutile tentare di razionalizzare qualcosa che non ha alcun senso. Ricordati che se parli con l’amico invisibile ti considerano pazzo se lo fanno in migliaia di persone allora si tratta di religione.

    Comunque a chi interessa sul sito dello UAAR c’è il modulo per richiedere lo "sbattezzo" e prendere così le distanze da tale carnevalata

    http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo/

  • Magnifico! Come al solito… .-)

    Aggiungo una piccola riflessione:

    107 miliardi di anime nuove alle quali si aggiungono tutte quelle dei prossimi morituri, mi sembra tutto senza criterio!

    Così come in natura nulla si crea e nulla si distrugge, il pensiero che un’anima nasca per poi non morire mai non mi torna…

    Mentre viceversa l’idea della reincarnazione risolve il problema e sistema anche tutti gli studi che dimostrano scientificamente le vite precedenti che ogn’uno di noi ha avuto. Vedi l’ipnosi regressiva e la presenza di bimbi che ricordano altri genitori ed altri luoghi esistenti.

    Insomma sono 2000 anni che ci raccontano balle:

    La Bibbia recentemente stà apparendo come il racconto della presenza di extraterrestri sulla terra e i primi cristiani credevano fermamente nella reincarnazione!

    Naturalmente se si crede nella reincarnazione questa vita diventa una delle tante ed anche “sacrificabile” cosa che potrebbe liberare l’umanità da tutte le paure che la chiesa ha contribuito a realizzare, e quindi non sia mai…

  • Ehm… non è proprio esatto che chi non è battezzato e/o credente non si salvi, secondo la Chiesa. 

    Infatti, il Concilio Vaticano II ha ribadito che la salvezza è un dono che viene concesso ai "giusti", cioè a coloro che tengono una dignitosa condotta morale (io aggiungo: anche in base alla propria cultura, tempi e luoghi di nascita, altrimenti verrebbe meno il criterio della responsabilità personale e del libero arbitrio che, com’è noto, può essere esercitato solo quando vi è la piena consapevolezza di ciò che si fa e la conoscenza completa di tutte le informazioni che riguardano la scelta in questione), e non dipende dall’appartenenza ufficiale ad una confessione, a meno di non immaginare un San Pietro in Paradiso che tiene un database di tutte le persone battezzate con una tacca per ogni buona azione e una crocetta per ogni peccato…

    Insomma, per la Chiesa, almeno per quella moderna, non esiste una "burocrazia del peccato" (per fortuna la simonia è stata sconfitta secoli fa, anche se ancor oggi sopravvivono putroppo forme varie di indulgenze parziali e plenarie per alcune occasioni particolari, come p.e. il Giubileo del 2000). Certo, il nostro attuale papa Ratzinger, quand’era Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha quasi sconfessato con un documento ("Dominus Jesus") tale apertura "ecumenica", ma vi assicuro che la voce di un papa come Giovanni Paolo II vale di più di un documento cardinalizio.

    Quindi c’è molta discussione su questo da almeno cinquant’anni. Io, personalmente, credo che un Dio considerato Amore dal Cristianesimo non possa ignorare i miliardi di persone che non lo hanno conosciuto. Chi ha fede sa che non può essere così. Ovviamente, per un non credente ciò è molto difficile da capire.

    Due riferimenti: http://www.repubblica.it/online/mondo/giusti/giusti/giusti.html e http://miscredenza.blogfree.net/?t=1618146

    Scusate se sono stato un po’ lungo.

  • Prima di in codeste “scarpinate” intellettuale che sicuramente prevedono un alto costo intellettuale, avresti dovuto prendere in seria considerazione l’ipotesi, come avviene con la teorie dei multiuniversi, quella dell’esistenza di paradisi multipli.

    Trovo ipotizzabile l’idea di paradisi a bolle. Questa teoria comporta la creazione di paradisi derivati da una schiuma spirituale di un paradiso genitore.

    Una teoria formulata dal teologo Claus Messorich afferma che il multiparadiso è formato da tanti paradisi, ognuno dei quali si trova eternamente confinato in una bolla in inflazione eterna (cioè in espansione), incluso il nostro paradiso cristiano. In alcune zone di una bolla, la deformazione  è tale da portare alla formazione di una nuova bolla, aprire un varco verso un nuovo paradiso per far posto a  religioni che potrebbero nascere in futuro.

    Per quanto riguarda l’inferno esso è formato da un’unica bollona che accoglierebbe i peccatori di ogni religione a prescindere  dall’età, sesso e credo politico.

    Per intenderci sarebbe la bolla che potrebbe accogliere i vari Scilipoti, Razzi, gengis khan, Hitler e compagnia bella.

     

  • Prima di tutto forei fare un distinguo tra religione e fede.

    La religione é un insieme d’ usi e regole e non sempre s’ incontra con la fede.

    La fede o il credente é quella persona che nel suo cuore é avvenuto un cambiamento

    e si rispecchia anche nella vita quotidiana e prarica l’amore verso il prossimo.

    Non possiamo sapere con sicurezza quante persone siano effetivamente in paradiso o inferno perché Dio tiene sepre la porta aperta fino all’ultimo respiro perché non conta quello che si dice con la bocca, ma quello che uno ha nel cuore perché quello guarda Dio.

    Una puntualizzazione a proposito di quelli che chiamiamo “santi”, sono tutte persone da rispettare e prendere da esempio, peró c’é solo un intercessore e quello é  Gesú Cristo che ha fatto, fa e fará miracoli.

    A proposito Dell’ inferno e paradiso Dio creó il paradiso per gli uomini e l’inferno per il diavolo e i demoni. Dio manda sempre un messagero nella vita di tutti, ma purtroppo siamo noi persone che decidiamo dove andare.

    Se volete approfondire o controllare quello che menziono leggete la Bibbia.

    RicordateVi che c’é solo una via per la salvezza eterna ed é quella di credere che Gesú Cristo ha pagato per i nostri peccati, dolori e malattie attraverso il sangue, ma é pure risorto ed é Vivo ancora oggi e lo sará per sempre.

    P.S.: Vi invito a riflettere che noi ora viviamo qui per un lasso di tempo determinato, ma pensate dopo la morte fisica del corpo l’ anima per l’eternitá dove andrá? L’ eternitá non sono 80 anno 70 anni pensateci e ognuno scelga secondo coscienza

    SCUSATE SE HO OFFESO LA SENSIBILITA’ DI QUALCUNO NON ERA NEL MIO INTENTO VOLEVO DARE ALCUNI SPUNTI DI RIFLESSIONE E MAGARI COMMENTI

    DIO VI BENEDICA

  • Cioè Tra i Dannati ci sarebbero anche quegli intellettuali e scrittori (Omero, Pitagora, Ecc..) che prima di cristo hanno messo la base alla conoscenza odierna? Vespa è il Solito Leccapiedi di Berlusconi che a sua volta lo è del Vaticano.

  • Per chi non lo conoscesse:

    Cercate Mauro Biglino, traduttore di ebraico antico e quindi di bibbia e leggete cosa è scritto veramente nella bibbia. Ci dicono aglio invece si parla di legno.

    Naturalmente è stato cacciato a pedate dalla san paolo quando ha deciso di rendere noto cosa vi è scritto.Non mancano le solite minacce cattocristiane, queste all’ordine del giorno.

     

  • Tutto condivisibile naturalmente, ma sbagli qualche calcolo perché prendi per veri troppi dati scientifici.

    Chi si basa sulla bibbia (ma non proprio tutti i credenti per fortuna), sostiene che il mondo è stato creato una volta per tutte in una data stimabile intorno al 4000 o 5000 a.c. (creazionismo)

    I tuoi calcoli, che considerano il punto di vista dei credenti, sono quindi da rifare 🙂

  • Ciao Claudio,

    credo che questo articolo parta da un presupposto sbagliato ovvero che ciò che dice Bruno Vespa sia la base della religione cristiana cattolia, soprattutto quando l’affermazione che tutto è cominciato 2000 anni fa contrasta con la stessa bibbia.

    Comunque cio che invece non trovo corretto in quello che scrivi tu è la frase "Ma la scelta è solo di coloro che sono stati battezzati"

    Il Catechismo della Chiesa afferma infatti che il Battesimo è necessario alla salvezza per coloro ai quali è stato annunziato il Vangelo e che hanno avuto la possibilità di chiedere questo sacramento. 

    Come vedi basta questa affermazione a smontare l’intero articolo, perché tutti i calcoli che hai citato, seppur corretti, sono inutili dato che senza l’annunciazione del Vangelo da parte dei discepoli di Gesù non sussiste il vincolo di battesimo.

    Per fare poi ulteriore chiarezza sulla questione Paradiso SI Paradiso NO era intervenuto anche Papa Giovanni Paolo II dicendo che in Paradiso andranno tutti i giusti della Terra, anche quelli che ignorano Dio e la sua Chiesa.

    Posto qualche link di riferimento

    http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__P3L.HTM

    http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/cti_documents/rc_con_cfaith_doc_20070419_un-baptised-infants_it.html

    http://archiviostorico.corriere.it/2000/dicembre/07/Paradiso_andranno_anche_gli_atei_co_0_0012075819.shtml

    Saluti

    Francesco

  • Peró il carbonio non é una misura affidabile perché come misura pernde come riferimento la velocitá della luce che come passa il tempo diminuisce perció se andiamo a misurare lo stesso referto dopo 40 anni o 10 anni non dará lo stesso risultato e perció non essendoci la certezza della precisione di misurazione dei reperti, possiamo concludere che sono solo supposizioni senza concrete prove o sbaglio? Come le teorie su come si sia formato il mondo l’universo perché nessuno di noi non esiteva all’ epoca peció anche queste sono supposizione senza nessuna prova. Io penso che molte volte gli scenziati danno tesi per certe senza prove concrete.

  • Caro byoblu

    lascia perdere Bruno Vespa, la religione cattolica o qualsiasi altra religione, che come sai bene sono il frutto di decisioni, tradizioni, influenze umane. Le religioni cambiano col tempo, coi concili, Dio rimane sempre lo stesso.

    Quindi, lasciando perdere tutta l’immondizia umana, concentriamoci sulle cose importanti.

    Premetto che non mi interessa convincerti, o farti cambiare idea, non servirebbe a nulla, non cambierebbe il tuo destino eterno di tanto così. Ne voglio farmi dei seguaci o degli adepti: non ti conosco e non ci incontreremo probabilmente mai.

    Quello che mi interessa è il tuo destino eterno.

    La realtà eterna esiste, indipendentemente dal fatto che uno ci creda o meno.

    Esiste un Dio, che ha creato il mondo, e che Ti ama. Vuole avere un rapporto personale con te.

    “L’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l’ingiustizia; poiché quel che si può conoscere di Dio è manifesto in loro, avendolo Dio manifestato loro; infatti le sue qualità invisibili, la sua eterna potenza e divinità, si vedono chiaramente fin dalla creazione del mondo essendo percepite per mezzo delle opere sue; perciò essi sono inescusabili, perché, pur avendo conosciuto Dio, non l’hanno glorificato come Dio, né l’hanno ringraziato; ma si sono dati a vani ragionamenti e il loro cuore privo d’intelligenza si è ottenebrato. Benché si dichiarino sapienti, sono diventati stolti” (Romani 1:18-23)

    Questa è la situazione di tutti gli uomini che vivono escludendo Dio dalla loro vita.

    Ma cosa deve fare l’uomo per rimediare? Buone opere? Comportarsi bene?

    “infatti non c’è distinzione: tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio – ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù. Dio lo ha prestabilito come sacrificio propiziatorio mediante la fede nel suo sangue, per dimostrare la sua giustizia, avendo usato tolleranza verso i peccati commessi in passato, al tempo della sua divina pazienza; e per dimostrare la sua giustizia nel tempo presente affinché egli sia giusto e giustifichi colui che ha fede in Gesù.
    Dov’è dunque il vanto? Esso è escluso. Per quale legge? Delle opere? No, ma per la legge della fede; poiché riteniamo che l’uomo è giustificato mediante la fede senza le opere della legge.”(Romani 3:21-27)

    In questo ultimo brano c’è la spiegazione a tutte le tue domande.

    Mi giudicherai un invasato, ma ti invito a riflettere seriamente per un attimo, solo per un attimo… E se Dio esistesse veramente?

    Purtoppo il danno delle religioni è immane, perché tanti come te si scandalizzano delle oscenità che professano e fanno una semplice equazione

    Dio = Religione

    No, con Dio bisogna avere una Relazione personale.

    Lascia perdere le religioni, quello che dicono gli uomini (anche io!) e concentrati su quello che Dio ti ha lasciato scritto nella Bibbia. Leggila. E se senti che qualcosa nella tua vita non quadra (a me è successo!) …mettiti in discussione.

    Con affetto e stima

  • Assolutamente d’accordo, la mia voleva solo essere una battuta un po’ frivola nulla di più.

    Angelo35 ha scritto :
    La battuta é bella, ma se sei ateo devi ringraziare solo te stesso perché nella vita di ognuno noi prendiamo le decisioni e noi ne subiamo le conseguenze.   Buona setata

  • byoblu ha scritto :
    in tanti a parlare di Vespa, come se Vespa fosse il nocciolo del problema quando è scritto chiaramente che è stato solo lo spunto.

    Che il nocciolo della questione non fosse il Vespa come ti ho scritto sopra: era chiarissimo. Che fosse una provocazione, pure.
    Il problema è che hai basato il nocciolo dell’articolo su un paio di assiomi che secondo quanto insegnatomi dal prete in parrocchia sono sbagliati.
    Non è mia intenzione convertire o insegnare niente a nessuno, ma se il prete mi legge dei testi che dicono che Gesù è andato a farsi battezzare da uno che già battezzava prima di lui, forse non è corretto quando scrivi: “Chi crede, sostiene che fosse il figlio di Dio venuto a salvare tutti e che, grazie all’istituzione del battesimo, abbia concesso ai suoi seguaci (i cristiani) un comodo passaporto per la beatitudine eterna”. Da cui sembri dire che è stato Gesù a istituire il battesimo.
    Hai impostato tutto il post assumendo che per la religione cristiana tutti i nati prima di Cristo possono solo essere stati condannati all’inferno, ma sempre secondo quella che è la religione cristiano-cattolica ufficiale di santa romana chiesa che mi è stata insegnata, non è così.
    La mia memoria ricorda vagamente una storia riguardante Gesù Cristo che una volta morto sulla croce, scende agli inferi, più precisamente nel Limbo, e libera le anime dei giusti che attendevano la redenzione. Dopodichè è ha riaperto il paradiso, che era chiuso dopo la cacciata di Adamo ed Eva. Ricordo male?
    Sul fatto che tu voglia evidenziare l’insensatezza della religione… ti appoggio pienamente, e sotto molti aspetti sono daccordo con te.
    Mi spiace che ti sia offeso “sulla frequantazione del catechismo”: se rileggi bene il mio commento scoprirai che io non ho detto che non l’hai frequentato, cosa che comunque non mi sembrerebbe offensiva: ti saresti risparmiato un bel lavaggio di cervello da cui non non tutti riescono a uscire.
    Riguardo al peccato originale.. mi sembra di averlo nominato prima di te…. boh.

    “perché è chiaro che abbiamo tre religioni monoteiste che si fondano sulla stessa (già qui, è un evidente segnale, un campanello di allarme che dovrebbe far riflettere tutti sulla stupidità umana, specialmente nel dividersi e farsi la guerra).”

    Ammetto di sapere assai poco della religione mussulmana, comunque quel poco che hai scritto coincide perfettamente con quanto so già e ho ribadito sopra.
    Lezioni di catechismo non ne faccio a nessuno, ma sei stato tu a prendere spunto dalle scemenze di Vespa e farci sopra certi ragionamenti, poi ti ripeto: hai fatto bene, perchè di base molte critiche sono fondate penso sia solo buona cosa che sempre più persone cerchino di evidenziare certe ipocrisie. Prima tra tutte il fatto che le religioni sono, credo, tra le prime causee di guerre, atrocità, persecuzioni e omicidi della storia dell’umanità… con un bel comandamento che dice “non uccidere” tra le principali leggi…

    • Beh, è lo stesso Battista che però si rifiuta di battezzarlo, e però lo fa solo gioco forza. Ho usato un’espressione ambigua (ma Battista del resto non era stato a sua volta il primo? Se fosse così non sposterebbe di molto la dimensione temporale del problema), ma il senso era: “Gesà Cristo viene a salvare l’umanità mondando il peccato originale”.

      Poi, che sia sceso nel limbo a tirar fuori 108 miliardi di persone non mi fa sentire meglio. Che ci facevano stipate lì, tutte insieme, per tutti quegli anni? :)))

  • Vespa e’ un portaborse dei gia’ corrotti governanti. E ogni trasmissione nei canali ‘pubblici ora metiamo anche 4,5, e 6) esiste e viene mandata in onda per precisi scopi di canalizzazione dell’informazione. Parvenza di neutralita’, ma alla fine l’intento e’ di incanalare sapientemente il pensiero di chi segue. 

    Leggete e abbiate ben chiaro che la chiesa non e’ LA religione del mondo, ma uno strumento per controllare le masse. Pensate veramente che esista distinzione tra un cristiano e un ortodosso? o tra un induista e un musulmano? L’unica differenza e’ data da quello che ha compiuto un manipolo di persone , abilmente, per ottenere potere e controllo sfruttando la credulita’ popolare alle storiche domande che fin dalla notte dei tempi circolano nella mente di ogni anima vivente :- chi sono, che scopo ha la vita, perche’ vivo, cosa succede alla mia morte. Ognuno dentro di se in base alle influenze esterne nel corso degli anni da’ una sua risposta a queste domande, ma e’ solo nell’antica storia VERA del globo nell profondo IO di ogni persona che si cela la risposta : ed e’ comune a tutti, senza differenza, poiche’ tutti viviamo e tutti moriamo. Ma esiste chi ha fatto di questo un modo per controllarci e arricchirsi.

    Personalmente ritengo ovvio , che il cristianesimo e’ stato lo strumento che ha sfruttato lìingenuita’ popolare, purtroopo molti non istruiti, e la fragilita’ dell’essere umano vulnerabile alla morte; per appropriarsi di potere e dominio .

    In tutto il globo ancor prima che si scrivesse la B’Bibbia ‘ o ‘i vangeli Apocrifi’ esistevano ed esistono scritti e segni di civilta’ molto piu’ evolute, che conoscono medicina, astronomia, elettricita’ 4000 anni prima che un certo Edison disse di aver ‘inventato la corrente’ o ancora prima della teoria Copernichiana. Quella che noi chiamavamo civilta’, era solo ignoranza che cercava spiegazioni logiche, come un bambino di elementari cerca di risolvere Equazioni sulla dinamica Quantistica. A questo specie di Ordinato sistema (ma controllato) si e’ arrivati tramite spargimento di sangue e crimini Contro l’umanita avevano come unico scopo cancellare ogni traccia di altre religionicorrenti di pensiero ed imporre la unica potenza creata dal CRISTANESIMO, http://www.scribd.com/doc/38220288/%E2%80%9CLa-chiesa-rispondera-di-crimini-contro-l%E2%80%99umanita%E2%80%9D  http://www.scribd.com/doc/42966776/Orientamenti-Fondamentali-della-Massoneria   http://www.scribd.com/doc/46458505/Cronologia-della-persecuzione-antisemita-nell-Europa-cristiana .

    Tutte le popolazioni del globo raccontavano da 4.000 a 12.000 anni fa, delle stesse medesime cose. Le famose religioni sviluppatesi nel globo a quei tempi venivano raccontate come un bambino riceve la storiella prima di dormire, con occhi inconsapevoli e ingenui, eppure tutte le ‘religioni’ raccontavano le stesse e identiche verita’ , venute , disastri, con un ‘immancambile precisione e congruenza, dall’india, all’egitto dalla cina all’amazzonia. In Europa L’attuale vaticano, intoccabile potenza, con una sua banka, con tutti i suoi secgreti interecci di potere, inizio’ a crostuire  l’era cristiana,su una base scritta e trmandata tramite l’illusione e lo sfruttamento dell’ingenuita’ delle masse, distorcendo tutte le informazioni raccolte,dalle altre religioni (originarie testimonianza del vero) dalla distruzione delle altri credenze, uccideno ed effettuando una pulizia etnico religiosa profonda pur di imporre la proria. Rendere simboli come la croce e la corona di spine, simboli, attribuendogli un altro significato e’ la vase di questo vero e proprio danno alla storia dell’umanita’…. in origine la corona era la semplice adorazione e rispetto per il sole che ci dona la vita, la croce i punti cardinali, una profonda conoscenza astrologica di civilta’ passate raccolte , distorte per prendere il potere.

     

    OGGI, le religioni alimentano la divisione nel pianeta delle masse, i partiti suddividono ancord piu’ queste masse, la paura le controlla tramite segreti non svelati dai governi, o svelati non apertamente ma in modo da confondere realta’ e fantasia…. vendendo armi per alimentare guerre , che poi vengono fatte vedere come il male, e dove chi interviene con ancor piu’ furia distruttiva nel nome del bene (America) viene dal Sistema Legittimato a farlo. Abbiamo lasciato che Il Vaticano controllasse ogni cosa, dalla guerra alla mafia, all’economia… ci siamo lasciati soggiogare e dividere da quello che credavamo bianco e invece e’ nero. Se non giunge il momento in cui tutti noi ne prendiamo coscienza alimentando il sistema, presto essi si riveleranno per cio’ che sono. E nulla si potra’ piu’ fare per rimediare.      Pensateci

  • L’assurdità della cosa si deduce dal commento di prima che dice apoditticamente che Dio esiste e che (soprattutto) vuole avere un rapporto personale con te. È una cosa totalmente campata per aria o ancorata ad un libro e ad una tradizione che hanno centomila obiezioni e smentite, spesso anche dall’interno della Chiesa stessa. In realtà nessuno ne sa nulla, in un senso o nell’altro, ed é logico che sia così. Chiunque dica il contrario e ci costruisca sopra una intera struttura ideologica o è in malafede o é chiaramente fuori da ogni buonsenso e VUOLE credere per coprire le sue paure. E dato che sull’uso del cervello é basata l’intera nostra vita, perfino sulle cose di “cuore”, chiedere di eliminarlo é quantomeno buffo ed innaturale. AlbertPs- per chi volesse, nel mio blog, c’è una sezione apposta chiamata alla Prezzolini “L’apote”. http://www.albweb.me

  • Mayfair ha scritto :
    L’assurdità della cosa si deduce dal commento di prima che dice apoditticamente che Dio esiste e che (soprattutto) vuole avere un rapporto personale con te. È una cosa totalmente campata per aria o ancorata ad un libro e ad una tradizione che hanno centomila obiezioni e smentite, spesso anche dall’interno della Chiesa stessa. In realtà nessuno ne sa nulla, in un senso o nell’altro, ed é logico che sia così. Chiunque dica il contrario e ci costruisca sopra una intera struttura ideologica o è in malafede o é chiaramente fuori da ogni buonsenso e VUOLE credere per coprire le sue paure. E dato che sull’uso del cervello é basata l’intera nostra vita, perfino sulle cose di “cuore”, chiedere di eliminarlo é quantomeno buffo ed innaturale. Albert Ps- per chi volesse, nel mio blog, c’è una sezione apposta chiamata alla Prezzolini “L’apote”. http://www.albweb.me

  • L’unico dato di fatto che hai a disposizione per contestare le parole di Vespa, e da sotto le righe direttamente il cristianesimo, e’ che solo circa il 13% dell’umanita’ e’ venuta a contatto con il messaggio cristiano. L’altra assunzione necessaria alla completezza del tuo articolo (permettimi di riassumerla cosi: “Dio salva solo i cristiani, e fra loro quelli buoni”) e’ molto incerta, e l’unica fonte che la supporta (nel tuo articolo) e’ quella raccolta di citazioni messa su Answer. 

    Per chi volesse approfondire sul tema della salvezza legata al battesimo, le informazioni al riguardo sono riassunte sul sito del Vaticano,

    http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p2s2c1a1_it.htm

    (capitolo VI e seguenti)

     

     

  • C’è un errore esagerato nell’articolo.

    “…con la formazione del nostro pianeta o, se vuole, 540 milioni di anni fa, con la comparsa delle prime forme di vita”.

    Le prime forme di vita risalgono a 4 miliardi di anni fa. Abbiamo tracce certe di fotosintesi clorofilliana intorno a 3 miliardi di anni fa.

  • Ho quasi ottant’anni, da quando andavo al catechismo per poi fare la prima comunione, mi sto facendo domande sul mistero della Fede ma sopratutto che fine possano aver fatto le anime dei primi esseri umani, anche se non del tutto somiglianti a noi che ci definiamo esseri umani, sono stato in seminario e quindi sono un prete mancato, sono cattolico poco praticante, più praticante che poco, stando a quanto mi è stato insegnato ma ho poco imparato è il mistero della “Fede”, io credo ma solo a ciò che credo, per la mia anima forse non ci sarà rimedio pur essendo stato battezzato. Sono “vecchio” e sto ancora pensando alla preparazione per la mia prima Comunione, un punto interrogativo che non mi si cancella, il mistero della Fede, non riesco ancora a capire in che ed a cosa debba aver fede! Da quando abbiamo S.S.Papa Francesco, non mi salvo, potrei dire che non passa giorno che qualche persona non mi dica che somiglio a sua Santità, io non mi ci vedo, anche mia moglie si limita a dirmi che un’ariata glie la do, dall’alto Adige alla Sicilia, alla Sardegna agli stranieri, ma io non ci credo, quanto meno non mi sento degno di somigliargli, riflettendo, però in una frase forse gli somiglio, ricordo che una volta anche Sua Santità nel dire di pregare per Lui, e che anche Lui peccava, disse che qualche volta gli venivano dei dubbi, mi pare di essere certo che alludesse al mistero della Fede, se mi sbaglio sono certo che Sua Santità non farà a meno di perdonarmi, io prego, prego ma non riesco a snocciolare dove saranno andate a finire quei miliardi di anime, l’unica speranza che ho è che il Signore le abbia recuperate con le Sue immense capacità.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi