Un Referendum per salvare l'Italia

La voce dei cittadini  è stata messa a tacere. In Grecia, Papandreou ha provato a indire un referendum popolare ed è stato subito rimosso da una élite economico-finanziaria che non ha tra i suoi poteri quello di interferire con la sovranità di uno Stato. In Italia, un nuovo governo ha sostituito quello precedente in meno di 48 ore, senza nessuna consultazione popolare, per imporre misure drastiche, che incidono esclusivamente sulla fascia debole della popolazione e che, soprattutto, non sono state sottoposte a nessuna discussione, a nessun dibattito, a nessun confronto elettorale. Le sovranità nazionali stanno per essere cedute in nome di un principio di unificazione che deriva dalla convinzione di pochi ma che non è espressione accertata della volontà dei molti. Si può dire che il popolo sia stato esautorato delle sue prerogative democratiche e, con la compiacenza di molti organi di informazione, sia portato a ritenere che i suoi stessi diritti siano, seppure temporaneamente, sospendibili. Tuttavia, il malcontento di una parte vigile della popolazione italiana cresce, sempre più frustrato dalla totale mancanza di rappresentanza.
Per questo lanciamo oggi, insieme, l’idea di un Referendum Salva-Italia. Un ultimo, estremo tentativo di riattribuzione dei poteri decisionali al popolo. Un grido disperato e volitivo con il quale chi è figlio di coloro che hanno dato la vita per instaurare il principio democratico lo riaffermi perentoriamente contro ogni tentativo di annacquamento. Un modo assertivo per ribadire che gli italiani non hanno bisogno di essere salvati da nessuno, ma che sono perfettamente in grado di salvare se stessi.
Qui e su Facebook state già contribuendo con le prime proposte di quesito referendario. Inizialmente verranno raccolte indiscriminatamente, selezionate mediante il vostro voto libero e poi, se sarete in tanti a volerlo, verranno accorpate e rese coerenti con la legislazione che si propongono di modificare e con la necessità di essere di facile comprensione. Il tag Twitter per chi ne vuole parlare è: #ReferendumSalvaItalia
Si inizia esprimendo le vostre preferenze libere. Quelle che vedete le avete inserite voi stessi su Facebook e sono state trasferite qui per una prima scrematura. Per votare quesiti multipli, ricaricare la pagina ed effettuare una nuova scelta. Per aggiungere nuovi quesiti, scriverli tra i commenti al post. E non dimenticatevi di firmare la petizione, in fondo al post.
Buona democrazia a tutti, per gli irriducibili che non smettono di crederci.

FIRMA ADESSO LA PETIZIONE

attenzione: dopo la firma, la piattaforma gratuita di raccolta firme iPetitions presenta una pagina dove richiede una donazione. Potete chiudere tranquillamente la finestra: la vostra adesione è stata raccolta comunque. La donazione richiesta non ha a che vedere con l’iniziativa di questo blog e la raccolta non è destinata a questa iniziativa, ma non è altro che un meccanismo standard, molto diffuso, di supporto alle piattaforme che mettono a disposizione gratuitamente servizi online.

Ecco l’elenco delle vostre firme: http://…/referendum-salva-italia/signatures

93 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ragazzi solo il 5%?

    :/

    – Vuoi la totale ineleggibilità, o le dimissioni immediate
    nel caso siano già eletti, dei politici condannati in primo grado?

     

  • Stavo per firmare la petizione che condivido pienamente, come generalmente le idee di Claudio. Poi l’ultima frase di chiusura mi ha fatto riflettere:

    Un modo assertivo per ribadire che gli italiani non hanno bisogno di essere salvati da nessuno, ma che sono perfettamente in grado di salvare se stessi.

    Purtroppo non credo che gli italiani siano in grado di salvare se stessi. Almeno non la maggioranza degli italiani. La democrazia per funzionare richiede che chi la esercita abbia una minima cultura, che gli permetta di esercitare le proprie scelte in modo razionale ed indipendente. Purtroppo non vedo questo presupposto nel nostro paese.

    Firmerò la petizione, ma mi chiedo se sia meglio essere portati al pascolo da un governo tecnico oppure essere presi per i fondelli da una classa politica inadeguata ed incompetente. Mi vengono i brividi a pensare ad un’ Italia guidata da Bersani e D’alema esattamente come avevo vergogna ogni volta in cui Berlusconi rilasciava un intervista pubblica.
    Si ok, sono per la possibilità di scelta democratica, ma abbiamo davvero una scelta?

     

  • Le mie proposte sono due:

    – Legalizzazione della cannabis rendendone la vendita monopolio di stato.

    – Riapertura delle case chiuse.

    Congratulazioni Claudio, ed un saluto a tutti!

  • Io credo nel risorgimento!

    Ho firmato e sono felice che ci si muova verso la vera democrazia.

    Ma va rimosso gran parte del governo esistente e il futuro non è di certo Renzi o altri finti pupazzetti come lui..

    Quindi chiedo a voi..di chi possiamo fidarci?Avete visto la trasmissione di ieri sera “gli intoccabili?

    Grazie Claudio per il tuo impegno!

  • molte domande giuste, solo che il problema è scglierne una. E nessuna di esse singolarmente puo salvare l’Italia.Sono convnto che un referendum puo esserci d’aiuto, ma prima bisogna capire cosa chiedere,cos’è che ci farà tornare indipendenti nei confronti delle banche, ma senza causae nuovi problemi, magari ancora piu grossi.Non cerchiamo per forza di risolvere un problema senza avere le giuste soluzioni,non facciamo il loro gioco!

    • non devi sceglierne solo una. Nel post c’è scritto chiaramente come fare per sceglierne più di una. Questa è una fase di raccolta generica di indicazioni. Seguirà, come detto nel post, una seconda fase di razionalizzazione, se sarete in tanti ad aderire.

  • Chi evade le tasse è uno che tradisce la patria, un parassita che vive e benefice di servizi pagati dagli altri.

    Con i suoi soldi non dichiarati lui pò permettersi di pagare le mazzette, quindi avvelersi di cose  illegalmente turbando le aste, rovinando la concorrenza.

    Insomma le lacrime di sangue le deve versare luiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii !

    Vuoi tassare per almeno il 40%, come avviene all’estero, i capitali rientrati con lo scudo fiscale?”

  • Quando darete il diritto del voto agli extracomunitari? Anch’io vorrei partecipare a questo progetto di Referendum…………..   

  • byoblu ha scritto :
    Ce l’abbiamo. Basta chiedere una nuova legge elettorale e poi smettere di votare per Bersani o per D’Alema.

    E quindi? Fatta la nuova legge elettorale per chi si vota? Non è che veda tutto questo fermento politico nel paese al di fuori dei classici schieramenti. Certo ci sono delle eccezioni, che non andrebbero però oltre un 10% di preferenze a mio avviso. Ammiro la tua fede nelle capacità del paese, ma purtroppo non sono così entusiasta. Sarà che vivo in una regione dove tutto e dico tutto, è guidato dalla politica con lo stile mafioso della censura e del nepotismo. No, non mi riferisco alla Campania o alla Calabria ma alla ridente isola felice che è la Valle d’ Aosta. 

    Sono però convinto che la strada giusta sia quella che tu porti avanti. Informare e stimolare la gente tramite la rete. Tutto quello che ora io non credo possibile, grazie a gente come te un domani lo sarà. Continua così e buon lavoro Claudio!

    Erik

    PS. Sono sempre lo stesso del commento sopra, ma mi ero dimenticato di lasciare un commento come utente registrato 🙂

  • e pensate davvero che il problema siano i miliardi “mancanti” di un debito creato artificialmente? sospendere le missioni è cosa sacrosanta, ma il primissimo passo da fare è che la banca d’italia ritorni di proprietà pubblica!!!!! conseguenza di tutto ciò, quasi automaticamente molte delle alre misure si attueranno.

  • Claudio!Il mio consiglio è rielaborare le modalità di scelta prima di perdere troppi potenziali”votanti”,perchè io volevo”firmare”,poi ho visto quello che si deve fare per approvare più di una delle 16 proposte e mi è totalmente passata la voglia!Apprezzo il tuo enorme impegno(in tutto quello che hai fatto e che stai facendo)ma in questo modo voteranno pochissime persone!!

    Non sò,prova ad inserire direttamente la possibilità di scegliere più proposte contemporaneamente e a mio parere manca la FONDAMENTALE proposta di applicare la spesa a deficit positiva(possibile solo se si torna ad avere moneta sovrana: 1-di proprietà degli stati che la emettono 2-non convertibile 3-floating(non agganciata ad altre valute)per tornare a creare ricchezza al netto nella società e ridare piena fiducia ai mercati(vedi Modern Money Theory).

    Ho fiducia in te e in tutti quelli che s’impegnano quotidianamente per migliorare la propria realtà!Grazie in anticipo!So che prenderai in considerazione i miei consigli e ti saluto con grande affetto!Riprendiamoci la nostra vita!!!!

  • io propongo:

    -per diminuire drasticamente l’evasione fiscale di riaprire il carcere di pianosa e di destinarlo agli evasori dove ovviamente dovranno lavorare i campi per guadagnarsi la pagnotta. (in America funziona) e successivamente questi non potranno ricoprire ne incarichi pubblici ne incarichi rilevanti in aziende private (es. amministratori delegati etc etc)

    -riduzione di un terzo (o dimezzamento) del numero di senatori e deputati e dimezzamento dello stipendio , pensione come quella di un’operaio così se avranno lavorato male lo pagheranno in vecchiaia

    -aumento dei salari per rilanciare l’economia interna se la gente non guadagna non spende neanche è ovvio, peccato i professori non ci arrivino

    ne ho ancora altre ma per ora mi limito a queste

  • Che ne dite di aggiungere alle varie proposte, quella di modificare la dichiarazione truffaldina dell’8×1000 che se non viene firmata viene devoluta comunque in gran parte alla chiesa cattolica?

  • nuova legge elettorale(il colpo di stato di quelle vecchie non è stata la blindatura delle liste ma la soglia di sbarramento che ha eliminato le rappresentanze).

    ecco una proposta innovativa :

    votazione di un candidato con possibilita’ di scelta

    voto palese e verificabile (tanto le mafie gia’ sanno come farlo e come imbrogliare)

    creazione di gruppi di elettori legati ai vari eletti (se ho votato un eletto ne entro a far parte)

    creazione di luoghi dedicati al voto (tanto una volta all’anno si vota) in cui i gruppi di elettori degli eletti possono negare il consenso al loro eletto in votazioni diciamo mensili?

    questi luoghi poi servirebbero per sentire il volere di tutti in referendum piu’ numerosi, togliendo il quorum.

    ecco che gli eletti sarebbero legati ai loro elettori (e non ai partiti) dovendo cosi’ stare attenti tra cosa hanno promesso, i loro valori, la coerenza e cio’ che votano veramente in aula. una volta destituiti sarebbero sostituiti dal successivo votato del partito.

    saluti

     

  • Claudio un’idea per l’istant book da cui attingere per importanti quesiti referendari. Un libro che divulghi in modo esaustivo e con un linguaggio che possa essere compreso da tutti:

    Il meccanismo di creazione del debito/denaro

    Perche’ l’economia moderna avrebbe bisogno di creazione di denaro fittizio

    Qual e’ il ruolo delle banche, quali i privilegi concessi

    Modelli economico-finanziari alternativi e democratici

     

    Ho il sospetto che queste siano le informazioni che meno si vuol far conoscere al grande pubblico. Eppure e’ questo stesso pubblico sottomesso e docile (al momento) che togliendo i soldi dalle banche potrebbe mettere in ginocchio il gigante.

  • limite di tutti gli stipendi pubblici (dirigenti, manager, consulenti, amministratori, professori) a 2.000 euro con divieto di cumulo degli incarichi

    con stipendi pubblici intendo anche quelli di fondazioni, societa’ partecipate, societa’ con capitale pubblico, enti di ricerca, ecc., cioe’ tutti quei soggetti che in qualche modo ricevono finanziamenti pubblici.

  • eliminazione dell’istituto della prescrizione, eliminazione di un grado di giudizio, deposito di cauzione per cause intimidatorie e la pratica di continuare un processo con le leggi in vigore al momento de fatto.

    incapacita’ di intendere, agire sotto droghe o alcol come aggavante invece che attenuante.

     

    sconto della pena o grazia al detenuto deve essere data SOLO dai danneggiati e non da istituzioni pubbliche 

    la collaborazione deve essere premiata come qualita’ della vita in carcere e non come sconto di pena. fare una classifica degli anni di galera o cifre da pagare in base alla gravita’ del fatto èer evitare che un omicidio sia punito meno di un furto.

  • cabine elettorali PERMANENTI IN OGNI SCUOLA collegate tramite internet.

     

    OGNI legge nazionale andrà votata da TUTTI nella settimana successiva.

     

    OGNI legge comunale andrà votata da TUTTI I RESIDENTI nella settimana succ.

     

    OGNI legge regionale andrà votata da TUTTI i residenti in quella regione nella sett. succ.

     

    per l’identificazione si puo’ usare un codice dato per esempio col tesserino sanitario, in questo modo i politici faranno le leggi, ma IL POPOLO DECIDERA’

  • USReagan ha scritto :
    Le mie proposte sono due: – Legalizzazione della cannabis rendendone la vendita monopolio di stato. – Riapertura delle case chiuse. Congratulazioni Claudio, ed un saluto a tutti!

    la legalizzazione della cannabis sarebbe una manna per il suo uso nella terapia del dolore…esistono “alimenti dietetici destinati a fini medici speciali” che vanno ad agire su certi ricettori detti anche endocannabinoidi….ma gurdacaso sono…brevettati e il loro costo è proibitivo….

    conosco da tempo la guerra dei “petrolieri” alla cannabis per i suoi innumerevoli usi in tutti i campi ( quello medico è solo uno dei tanti ) ma da qualche mese lo pago direttamente sulla mia pelle dovendomi comprare questi ” alimenti dietetici” per una lombosciatalgia che mi perseguita….e il mio dolore è nulla in confronto a quello dei tantissimi che hanno dolori ben più gravi dei miei…

    Bravo USReagan

    la cannabis è una pianta meravigliosa ed è un vero spreco per l’uomo averla resa illegale

    Grazie

     

  • byoblu ha scritto :
    claudio il debito italiano è odioso? qualcuno in italia se ne sta occupando ? sai cosa significa questo aggettivo ? significa che il debito è illegittimo… ho appena finito ieri di vedere debitocrazia e vorrei sapere se qualcuno in italia sta studiando questa soluzione… in grecia lo stanno facendo… 

     

    claudio il debito italiano è odioso? qualcuno in italia se ne sta occupando ? sai cosa significa questo aggettivo ? significa che il debito è illegittimo… ho appena finito ieri di vedere debitocrazia e vorrei sapere se qualcuno in italia sta studiando questa soluzione… in grecia lo stanno facendo… 

  • chi li ha scritti sti requisiti: un genio?

    della serie chiù pilu pe tutti! la democrazia garantisce il permanere della partitocrazia: strumento del sistema finanziario. Non se ne andranno mai!…. con le buone

  • Sarebbe indispensabile in una democrazia uno strumento per cittadini svegli del tipo l’istituzione dell”elettorato attivo” dove sono i cittadini a richiedere ai loro eletti di rispettare le loro posizioni sugli argomenti cari alla collettività. Carta canta e i partiti o i candidati non possono sottrarsi ad esplicitare le loro risposte. In pratica sono gli elettori e non i candidati a proporre i programmi

  • Claudio, visto che sei uno senza peli sulla lingua e molto seguito, potresti informarti anche sui 98 MILIARDI DI EURO che la Corte dei Conti sta chiedendo, con azione legale, ai gestori delle slot machines?

    sono 98 miliardi, sicuramente non riscuotibili in tempi brevi e quindi non risolverebbero il problema di trovare soldi adesso, ma ripeto sono 98 miliardi che lo Stato sta chiedendo indietro. stanno cercando di patteggiare per 500 milioni, ma visto che siamo in guerra, anche abbonandone la metà, rimarrebbero una cifra enorme, 50 miliardi!

    non sono cifre stimate, non si parla di evasori ignoti o capitali scudati di gente che, grazie al signor Salvo Fleres, rimangono sotto anonimato. sono società di cui si sanno benissimo nomi e cognomi e indirizzi – ma che nessuno (è assurdo, lo so, ma è così), neanche i liberi Santoro e Travaglio, menzionano! finora è apparsa la notizia su Repubblica e Il Fatto solo il giorno che la GdF ha fatto irruzione negli studi di Corallo. era giovedì, ricordi? il PDLllino Laboccetta si porta via un portatile, la FLIlina Bongiorno corre a soccorrere il suo cliente Corallo, e Fini (che usava immergersi nelle acque di St Marteens, dove Corallo risiede) era ospite da Santoro – nessuna domandina imbarazzante al presidente Fini… mah!

    finora l’inchiesta seria l’ha fatta solo Il Secolo XIX, che ha tirato fuori la storia nel 2007.

    potresti informarti/spendere due paroline al riguardo?

  • Io vorrei tutti quei referendum ed in più toglierei la concessione a Benetton delle autostrade, nazionalizzerei Telecom e molto altro. Rinominerei USL le ASL. (salute e aziende sono ossimori)

  • Forse i cittadini, grazie ad internet, potranno sedere al tavolo delle trattative con i potenti per decidere il destino comune; se un futuro ci sarà, dovra essere questo.  

  • Che ne dite di mettere tra le proposte l’istituzione di una commissione speciale, composta da liberi cittadini, per indagare seriamente sui responsabili e sulle vere cause del beneamato debito pubblico del cazzo? Per poi sbattere sulla pubblica piazza i colpevoli e prendere gli appropriati e giusti provvedimenti.

    Qualcun altro deve aver già fatto questa proposta, chiedo scusa in anticipo. In ogni caso non fa male ripetere le cose, specialmente in questi casi.

  • Io ho una proposta, eliminazione totale del parlamento, delle camere e infine della carica del presidente della repubblica, che a mio parere è inutile. Al loro posto ci mettiamo un bel server con una piattaforma simile a facebook, sapete quanti miliardi ci si risparmia in questo modo, tanti quanti servono per garantire internet gratis a tutti.

    Dopodiché eliminazione di tutte le pratiche burocratiche tramite la digitalizzazione di esse, che permetta un veloce accesso alle normali pratiche tramite internet da casa.

    Eliminazione del monopolio della stampa e transazioni bancarie tramite la creazione di una moneta digitale a 8 cifre decimali basato sui protocolli della moneta bitcoin.

    Tuttavia prima di questo si cerca di ripagare il debito facendo aumentare il pil, dopo e solo dopo si esce dall’euro, che reputo una cosa stupida tanto quanto la torre di babele.

    Diminuizione dell’iva, e controllo a 360 gradi delle spese dello stato, e passaggio della gestione di tutte le facende riguardanti agli appalti al popolo.

    Liberalizzazione delle droghe.

    Ci sono circa 20.000.000 di famiglie, in italia, e 23.000.000 di case, io vorrei tanto che ogni cittadino che mette su famiglia abbia come diritto una casa gratuita con elettricità, acqua e internet.

    Creazione di scuole online, dove gli insegnanti che non sono riusciti a trovare ancora un lavoro possono aiutare gli studenti in difficoltà con un compenso piccolo. Una sorta di piattaforma che permetta la creazione di classi virtuali.

    Aiuti da parte dello stato a chi vuole mettere su una azienda.

    Vorrei sottolineare che lo stato non è piu formato da rappresentanti eletti, ma dal popolo stesso che decide di volta in volta.

    E inoltre le leggi dovranno essere trascritte in due modi, uno nella forma ufficale, l’altra invece con un linguaggio semplice, magari anche con piccoli disegnini facili da comprendere e che non lascino interpretazioni come la licenza common creative.

    Perché se una legge non viene capita da almeno l’80 percento della popolazione non vale nemmeno la pena di scriverla.

    Ecco questo è il mondo in qui vorrei vivere.

    Niente piu guerre, niente piu fame, niente piu ingiustizie.

    E inoltre l’espropiazione totale di tutti i beni del vaticano, ma come si permettono loro di parlare in nome di dio, chi li ha dato questa autorità, Dio? Non credo proprio.

    E poi questi qua non sanno nemmeno leggere la bibbia, e c’è la vogliono interpretare? Sono uomini che non conoscono la differenza tra il bene e il male, e non meritano il ruolo che oggi hanno nella società, comportandosi da vip, e viaggiando su auto di lusso.

    Le chiese, le caritas dovranno essere finanziate direttamente dal popolo e non dal vaticano, no.

    Ritengo la religione una cosa personale, la bibbia non impone una verità, cosi neanché Cristo impone la sua verità a qualcuno, ritengo la bibba un libro scritto da persone molto saggi, le cui parole hanno lo scopo di insegnare una via ai lettori per riconoscere la differenza tra il bene e il male e per giungere alla verità che ripeto è personale e non va imposta a nessuno.

    Come diceva leopardi, forse presa dalla bibbia, chi accresce la conoscenza accresce il dolore, ovvero la percezione del male, infatti coloro che sono in cerca della verità hanno una maggiore percezione del male che sta attorno a loro.

    Questo mondo è pieno di ingiustizie, chissà se un domani lo stesso mondo di oggi sarà colmo di giustizia, grazie a uomini come te Claudio che hanno sete di giustizia.

     

  • Secondo me ci sono troppe domande… cmq credo che se riacquisiamo la sovranità monetaria (e quindi cancelliamo direttamente il debito pubblico visto che è insolvibile e si riparte da zero) tutto si risolve.. quello che ci vuole è una riforma monetaria a favore dei cittadini.. il resto poi si risolve quasi automaticamente.

    • Personcina, ma hai letto bene il post? Per favore, non mi stancherò mai di ripeterlo: LEGGETE I POST prima di commentare. C’è scritto chiaramente che queste sono bozze, schizzi di proposta che avete fatto su Facebook e che questo serve proprio per scremare. E non è scritto solo nel post ma anche nei commenti. Se non leggiamo bene i post, come possiamo pensare di contribuire positivamente al progetto comune?

  • Voglio, almeno 3 canali televisivi statali-nazionali tematici, 24su24, che parlino di proposte referendarie, promosse in rete, votabili on-line all’istante sul sito del governo. Turn over rapido degli operatori, sopratutto nelle sfere decisionali.

    Par condicio vera: elezione del sindaco di milano, ce n’erano 8 o 9 in lizza, dare spazio a tutti, non solo ai ricchi e agli “appoggiati”, questo su altri canali PUBBLICI, di NOSTRA proprietà, pago le tasse e non mi frega un cazzo della pubblicità.

    Far pagare il debito a quelli che lo hanno generato,

    Bella lì, un po di coraggio e ce la faremo!

    Claudio Presidente!!!!

    (non mi sembra che noi Italiani non ci siamo fatti il mazzo negli ultimi anni)

  • Ciao a tutti. Devo farti i complimenti Claudio perchè stai svolgendo davvero un ottimo lavoro. La passione che ci metti è notevole! Fatti i complimenti, che in questo caso non sono di rito, ma meritati passo al succo di quello che voglio dire.

    Eventuali misure da adottare per risollevare l’economia italiana? Ne dico un paio: legalizzazione e tassazione di prostituzione e canapa. 

    Per quanto riguarda la situazione della banda larga in italia come non darti ragione. Ho una casa in centro storico e non è allacciata all’adsl. Sono costretto a navigare con una pennina della tre che viaggia poco più veloce di un collegamento 56k.

    Un piccolo appunto: hai parlato dei 18 miliardi di euro che l’italia ha speso per l’acquisto di cacciabombardieri e cercando un pochino ho trovato questo documento in cui spiegano che in realtà la cifra si attesta sui 13 miliardi di euro e spalmati da qui fino al 2025. quindi poco meno di un miliardo di euro all’anno. Certo, sempre soldi regalati ai magnati del petrolio che questi aerei li usano per bombardare le varie Libie di turno.

    Saluti di Francesco! 🙂

  • AGGIUNGEREI QUALCHE PUNTO:

    1) smettere di comprare aerei o altre macchine belliche(l’avete gia’ incluso forse ma lo specificherei).

    2) riapertura delle case chiuse (cosi risolveremmo 2 problemi, salveremmo tante ragazze dalla  strada e faremmo soldi a palate)

    3) legalizzare le droghe leggere (tanto circolano lo stesso almeno sarebbe lo stato a riempirsi le tasche non le mafie)

    4) far pagare le frequenze televisive per quanto valgono

     

    a voi la scelta ma secondo me potrebbero essere punti interessanti

  • Io credo che siano tutte cose giuste quelle proposte, ma che, ad esempio, la costruzione della banda larga non sia solo un modo per far risparmiare 43 miliardi alle amministrazioni pubbliche, ma sia anche un grosso incentivo allo sviluppo. Più informazione, più sapere e migliore sarà la qualità della vita!!!!

  • sono daccordo su quasi tutte le voci del questionario, tranne uscire dall’europa e tornare alla lira, che sono frignacce infantili.

    mi dispiace che il questionario non consenta la scelta multipla ma permetta troppo facilmente il voto ripetuto.

  • ciao Claudio,io sono impegnato con un partito politico locale,che non ha nulla a che vedere con la destra la sinistra e tutte queste porcherie.se c’e’ da far i banchetti per far conoscere tali proposte,io sono disponibile a parlarne ed ad AGIRE!magari ci possiamo contattare direttamente,fammelo sapere.

    ciao

    Sandro

  • per quanto riguarda i tagli all’esercito , a me viene in mente una cosa

    -l’iran rischia la guerra da parte usa israel e gb

    -la siria da parte di usa siria gb, turchia e lega araba

    -ieri la russia ha installato i sistemi antimissile in siria

    -gli usa hanno mosso la loro flotta davanti alle coste siriane

    -la russia ha fatto lo stesso

    -la russia ha dato ultimatum nel caso di attacco usa alla siria

    -la cina ha dato un mezzo ultimatum all’usa da parte del loro presidente

    -la cina si schiera con l’iran

    -(pare che le basi saltate per aria in iran non siano nientaltro che attacchi missilistici israel)

    -l’iran cattura il drone

    oi ma non è che siamo in terza guerra mondiale sul serio e quindi non è possibile fare dei tagli al nostro esercito????

    a questo puntose fosse vero: ritorno immediatamente dell’esercito schierato a casa, e che ce lo dicano apertamente, dobbiamo tirare la cinghia perchè siamo vicini alla guerra globale!

  • In particolare vorrei che il numero di parlamentari venisse dimezzato ed anche i loro stipendi ed aboliti i privilegi, inoltre le banche devono essere nazionalizzate, deve essere introdotta la patrimoniale sui grandi patrimoni, la chiesa deve pagare l’Ici ed inoltre bisogna finirla con le missioni militari all’estero.

    Inoltre e questo è un discorso di parte: io sono una lavoratrice autonoma, una così detta silente che paga le tasse anche se non lavora e che non ha nessuna tutela e nessuno che la rappresenti, che se è trattata ingiustamente dal fisco deve spendere soldi che non ha per fare ricorso e quindi non lo può fare, vorrei che il problema dei silenti, degli autonomi senza tutela venisse analizzato, lo stato deve farsi carico anche delle nostre problematiche, non abbiamo ferie, non abbiamo tredicesima….non abbiamo pensione !!! siamo dei lavoratori di serie Z.

  • Il grande problema é che la percentuale di gente “sveglia” è troppo bassa!

    É da diversi anni che cerco le informazioni in rete, senza dare troppo ascolto ai TG che sono faziosi e bugiardi. Ma… in quanti lo fanno?

  • Vogliamo fare un Referendum come l’Islanda o l’Ecuador, dichiarare illegale il debito pubblico che è causato dalle banche private e dai loro leccapiedi infiltrati ovunque, che se li paghiono loro i debiti che fanno per ingrassarsi! E mettiamo al gabbio tutti i politici, i banchieri e i preti che vogliono svendere la sovranità Nazionale del popolo italiano, questa proposta non èsolo  anticostituzionale, ma anche peggio!

    Difendete i vostri fratelli e la vostra terra!

  • Ottimo lavoro, Claudio!Aggiungerei, visto l’attualità dell’argomento, un quesito tipo:VUOI SOTTOPORRE A REFERENDUM QUALSIASI DECISIONE PRESA DAI NOSTRI RAPPRESENTANTI IN EUROPA?Dobbiamo essere consultati su qualsiasi delibera che ci riguarda!Siamo nell’era di internet, grazie alla RETE ci si puo’ informare MEGLIO per capire cosa ci propinano e non subire piu’, da ignoranti, come e’ successo in passato.Gia’ questa sarebbe una piccola rivoluzione…

  • Piccole idee:

    1)Banda larga per tutti

    2)Accorpamento delle province sotto una quota minima di abitanti e secondo criteri territoriali

    3)Togliere ai parlamentari tutti i privilegi, come i prezzi dei ristoranti delle camere, i buoni per i viaggi e simili; altresì togliere tali privilegi ai politici locali

    4)Riapertura case chiuse

    5)Lotta alla criminalità organizzata

    6)Censimento di tutte gli immobili non riconosciuti

    7)Meccanismo che permetta alle famiglie di detrarre le spese per la casa e simili, così da far emergere il nero

    8)ICI per i beni ecclesiastici

  • Certo, anche io ho mvotato per il ritiro delle truppe in guerra, credo sia la prima cosa da fare… di certo le altre, non sono meno importanti…. più che un sondaggio su cosa si vule, bisognerebbe mettere un sondaggio sulle priorità da fare !

    .. di certo la seconda sarebbe pulire il parlamento..

    la terza sistemare l’indipendenza economica della moneta, attraverso una riforma delle banche…

     

    far pagare le tasse a tutti (chiesa)

    ecc ecc

  • Scusate ma stiamo parlando del nulla….

    In Italia allo stato attuale *è possibile solo* il REFERENDUM ABROGATIVO…

    FACCIAMO UNA BELLA PETIZIONE PER L’ INTRODUZIONE DEL REFERNDUM DELIBERATIVO/LEGISLATIVO!

    Non sprechiamo inutilmente il nostro tempo!


    REFERNDUM DELIBERATIVO/LEGISLATIVO!

    QUESTA E’ LA VERA RIVOLUZIONE!

  •  

    *Riduzione drastica del numero dei deputati (dagli attuali 630 a 300) e dei loro stipendi e privilegi (dagli attuali 16900€ al mese a 2500€). Risparmio: 118 milioni di € all’anno.

    *Riduzione drastica del numero dei senatori (dagli attuali 315 a 140) e dei loro stipendi e privilegi (dagli attuali 15900€ al mese a 2300€). Risparmio: 56 milioni di € all’anno.

    *Riduzione drastica del numero delle auto blu: dalle attuali 630mila (circa 7 volte rispetto agli USA) a 30mila. Secondo l’Associazione dei contribuenti, la spesa media annuale per ogni auto è di 33505 euro. Secondo il governo 3300 euro solo per carburante e bollo. Risparmio: 20 MILIARDI DI € ALL’ANNO.

    Direttori generali, consulenti ecc della pubblica amministrazione massimale stipendi 2500.

    ecc ecc.. insomma questi soldi non vanno cercati troppo lontano.. ci sono riprendiamoceli

     

  • ciao Claudio , l’Europa, in senso economico , si avvia ad essere divisa in due gruppi a due velocità.Ho l’impressione che la “sudamericanizzazione” del nostro paese sia arrivata ad un punto di non ritorno. Turismo, corruzione e capitalismo finanziario senza regole sarà l'”economia” del nostro futuro . Un paese che finirà colonizzato non da eserciti fisici , ma da capitali stranieri che si mangeranno cio’ che i nostri padri hanno creato in sessant’anni di duro lavoro . vedro il tuo questionario ,faremo la petizione , ma noi siamo stai BYPASSATI ? é ora di riconoscerlo. 

  • Sinceramente credo poco a questo tipo di iniziative, questo paese mi ha tolto la voglia di votare e credere ancora in qualcosa. In una cosa però ancora voglio credere, all’unione delle persone che vogliono cambiare, veramente, concretamente. Le proposte e le posizioni della politica, sono unidirezionali, create per la politica e per chi ne è invischiato. Ecco perchè la prima cosa che dovrebbe essere fatta è tagliare i costi ed i privilegi dei politicanti (non politici), poi sicuramente tagliare le spese militari, tassare le seconde case e non le prime, (una prima casa è fatta con sacrificio ti molti, una seconda è già un privilegio), tassare i beni della chiesa. Fatto ciò, si iniziare ad investire sul nostro territorio, mettendo a posto giardini, musei, zone costiere e montane, per puntare sul turismo e sulla gastronomia.

  • Legalizzazione della canapa e dei suoi derivati potrebbe risanare un pò l’economia e creare un possibile rilancio puntato su ricerca e sviluppo di essa.

     

  • Ti prego Claudio, mettiti in contatto con lo staff del blog di Beppe Grillo o con lui stesso. Mesi fa è stato fatto un sondaggio dove venivano presentati dai cittadini stessi tutti i punti su cui bisogna operare, la cosiddetta “manovra dei cittadini”! Ci sono state veramente tantissime proposte ed è ora di dare risalto alla voce delle persone. Nel blog puoi trovare un post dove vengono elencate tutti i maggiori tagli da fare (es. finanziamento ai partiti e ai giornali, stipendi dei politici etc) e un post dove vengono elencati tutti i punti utili a far ripartire il paese (le manovre “produttive”)! facciamo capire a queste persone che un “tecnico” di loro in confronto a migliaia di persone è solo uno dei tanti e non un Dio sceso in terra!!

  • Io non ho capito cosa si sta cercando di fare: purtroppo in Italia non è previsto il referendum propositivo, ma solo abrogativo. è prevista l’iniziativa legislativa popolare, ma essa incorre nel rischio di essere ignorata.

    Qui si sta parlando di referendum e non capisco in che senso.

    Comunque complimenti per il blog

  • I capitali scudati vanno confiscati al 100% e coloro che li hanno fatti vanno multati ancora, allora avremo detto definitivamente ciao a ogni ipotesi di condono.

  • 1) Riforma del codice della strada ed indulto su tutte le multe insolute.

    2) Abolizione di Equitalia e creazione di procedure di recupero meno onerose, invasive e più flessibili.

  • Nazionalizzazione della Banca d’Italia e eliminazione della denaro contante quale unica soluzione radicale e definitiva all’evasione fiscale, alle tangenti, al pizzo, alla ricettazione, allo spaccio ed allo sfruttamento della prostituzione.

  • ma che cazzo votate uscire dall’europa o tornare alla lira, alla fine il problema più grande è il fatto che il nostro stato non può emettere moneta, ma dobbiamo usare praticamente una moneta straniera… poi gli altri problemi si risolvono da sè!

    ahah scherzo, ognuno vota quello che vuole XD ^_______^

    • In base al principio che se ti leggi il post capisci senza fare commenti: le prime opzioni sono soltanto quelle che avete buttato giù voi stessi su Facebook (http://on.fb.me/w2y3z7). Altre le potete aggiungere nei commenti. Lo hanno fatto in tanti: non hai neppure letto i commenti. E’ desolante.
      In una seconda fase si riaggregheranno tutte le proposte aggiuntive insieme a quelle già espresse, e verranno (se firmate la petizione in tanti) accorpate, rese coerenti etc.. e poi rivotate. E’ chiaro adesso?

  • Salve a tutti,

    io propongo:

    – l’appello al “Debito Odioso” per la rinegoziazione del debito con l’estero;

    – tassazione sulle grandi rendite e transazioni finanziarie;

    – abolizione del trattamento giuridico della “Coorporazione di impresa” come “persona fisica”.

    …e che la Provvidenza ci assista!

  • ANCHE  QUESTO  GOVERNO  NON  HA  VOGLIA  DI  SCOPRIRE  GLI  EVASORI………….BASTEREBBE  CHE OGNI  FAMIGLIA  SCARICASSE  LE  SPESE  DAL  REDDITO  COME  NELLE AZIENDE………E  PAGASSE  LE  TASSE  SU  CIÒ  CHE  RIESCE  A  RISPARMIARE……..IN  QUESTO  MODO   VERREBBERO  ALLA  LUCE  I  VERI  REDDITI  DI  TANTE  AZIENDE  …………CI  SAREBBE  PIÙ  LAVORO  PER  COMMERCIALISTI  E  TECNICI  CONTABILI  ……..LE  FAMIGLIE  SAREBBERO  INVOGLIATE  A  SPENDERE  ……..

  • Viaggio molto in Germania e nie paesi scandinavi ed è per questo motivo che ho votato per il finanziamento della banda larga. Ragazzi, nei paesi che ho nominato dieci anni fa c’era gia la connessine gratuita ovunque andassi! Oltre al discorso sulla libertà d’informazione i profitti che ne derivano ve li ha spiegati Claudio.

  • Ciao Claudio,

    iniziativa lodevole, il problema è che si tratta di un Referendum Propositivo e in Italia non è ancora stato istituito. Abbiamo solo il Referendum Abrogativo.

    Ma sono certo che il particolare non ti sia sfuggito, solo penso meriterebbe più risalto: il primo passo da fare è ottenere l’istituzione del Referendum Propositivo.

    Anche per i motivi che ti avevo scritto in quest’altro commento: https://www.byoblu.com/post/2011/12/02/Alla-fine-ha-vinto-lIslanda.aspx?page=all#id_7784ba12-a2df-4e52-a3b6-1d1c647c7161

    Come proposta a me piacerebbe vedere nella lista anche le “multe proporzionali al reddito”. Perchè se mi becco una multa da 150 euro e quadagno 1000 euro al mese farò fatica ad arrivare a fine mese (e stai tranquillo che imparerò la lezione) ma se guadagno 10’000 euro al mese mi farò una risata e continuerò a mettere in pericolo le altre persone allo stesso modo.

  • Riscrivere l’articolo 67 della costituzione. Ogni eletto DEVE avere un vincolo di mandato, altrimenti il mio voto si riduce a sottoscrivere una cambiale in bianco per cinque anni nei confronti di qualcuno che ha fatto promesse sapendo che non è tenuto a mantenerle.

  • Quante idiozie bisogna inventare ancora? La soluzione per l’economia dell’Italia ce l’abbiamo prendendo una cartina geografica della stessa: IL TURISMO !

    Quanti alberghi ci sono tra Grado e Rimini? E quanti alberghi ci sono tra Rimini e Foggia? Senza alcuna ulteriore infrastruttura, BASTANO QUELLE GIA ESISTENTI  usando solo prefabbricati, costruiamo villaggi turistici – costi irrisori – fra Rimini e Foggia! – Tempi irrisori – !!!!

    Miliardi di euro freschi già da aprile! Sembra la scoperta dell’acqua calda CHI NON VUOLE ACCENDERE IL FUOCO ????

  • Bisognerebbe ritrovarsi a fare quattro chiacchiere per organizzare gazebo per raccogliere firme!! xche molta gente non conosce ancora internet il computer e tutte le cose che sono dette nel sito.quindi:quando o dove avro il piacere di incontrare Claudio Messora dal vivo per discuterne?

  • il referendum vero e proprio bisogna iniziare ad organizzarlo ora o se no sara troppo tardi!! bisogna creare una raccolta per ogni paese,in ogni citta e fare una specie di picchetto al costo di prendere il freddo,di perdere ore din ferie o di tempo libero perchè se nessuno di noi si muove, vi ripeto che sarà troppo tardi.Io Claudio, sono pronto a sacrificare il mio tempo per salvare la mia famiglia,i miei amici e tutte quelle persone che si trovano in difficolta grazie a questa crisi e a questa forma di monarchia che si è instaurata nel nostro paese e che ha il solo scopo di metterci in mutande e vendere il piu passibile agli usurai tiranni stranieri!!!!! con la speranza che tu mi risponda e mi indichi “nuovi ordini” resto in attesa

  • Eh mi arrivano 20 messaggi al giorno, è normale, o è un sollecito, per rispndere? Ho anche altro da fare.

    Comunque, secondo me il problema inerente i referendum è duplice, uno è già stato fatto notare: la proposta referndaria può essere solo abrogativa. C’è che ha scritto di renderla propositiva, come? Con un referendum? A parte che campa cavallo, ma neppure non so se sia costituzionalmente legittimo che una funzione prevista dalla costituzione possa essere modificata attraverso lo strumento che è messo in discussione. La parola spetta ai costituzionalisti.

    L’altro motivo è che i referendum spesso non sortiscono quel che si vorrebbe ottenere, vedasi quello sul’acqua che è stato vinto, ma che è oggetto di stravolgimenti negli enti locali.

    Indubbiamente la raccolta di proposte che sta facendo Claudio, e tutti quelli che collaborano, ha un senso compiuto, per un’azione, per un programma, per un’agenda di governo che sia alternativo alla logica del partitismo, ma che sia ad esclusivo servizio della soluzione di tutti i problemi, che consideri le esigenze delle persone, nell’ottica del bene comune.

    Un errore in cui non bisogna cadere, che invece noto frequentemente, è di confondere la validità inestimabile dello strumento internet, nella comunicazione, con le esigenze necessarie per un’azione politica convincente ed efficace.

    Il partito di internet, è già di per sè una partenza sbagliata, perchè risulta di nicchia e settario. E mi sembra che il flop di Beppe Grillo che era gasatissimo, per il fatto di essere stato il primo a proporre un’azione politica coordinata in rete, sia eloquente. Infine nell’infinita varietà di proposte in continua crescita sul web, si finisce per diventare uno dei tanti.

    Allora il rullare delle idee, delle opinioni, dei problemi da risolvere è molto interessante. Bisognerà fare una cernita delle priorità.

    La soluzione pratica, è un mio assillo già proposto: una formazione politica “totalizzante” che si presenti alle prossime elezioni lontana dai partiti e dalle ideologie, con ben chiaro, evidentissimo di essere ad esclusivo servizio del popolo.

    Avevo proposto “Amare il popolo”, come nome distintivo della forza politica, ma non sono un dittatore, purchè il popolo compaia inequivocabilmente.

    Questo è molto importante, sia per gli stimoli ad essere fedeli ai propositi di chi rappresenterà la “forza politica” (fateci caso, non la chiamo mai partito, perchè partito vuol dire essere di parte), sia per il consenso popolare.

    Stufi dei partiti del cazzo, dei personalismi, del leaderismo, del politichese, il popolo voterà il suo partito.

    Detto questo “Amare il popolo”, mi sembra comunque bono, anzi ottimo, come la pasta del capitano. Che ne dite?

     

  • Sto parlando appunto di fatti. Per fare i fatti bisogna esserci, non ci sono ne santi ne madonne che tengano. bisogna essere al posto di quelli che i fatti non li fanno o li fanno male.

    Altrimenti tutto rimarrà chiacchiera. Tante belle inutile chiacchiere. Masturbazioni al pc.

    ok. la protesta. è dal 68 che si protesta senza combinare na mazza.

    questi sono fatti.

  • Fatti. Non credo abitate su Marte. Le proteste e l’indignazione non ci sono forse state? Gli scontri di Roma, la contestazione in val di Susa, già dimenticate? E’ cambiato qualcosa? Sì un pò di manifestanti in galera e meno libertà di dissenso.

    Invito a rileggere bene il post n° 73, se riuscite a risalire il salto nel vuoto del messaggio successivo eheheh.

    In ogni caso ribadisco che i problemi non si risolvono con i referendum, anche perchè la stortura fondamentale del sistema attuale è come è interpretata la politica, non intesa come servizio, ma come acapparramento di privilegi, nell’essere un gradino sopra tutti, nel continuare a litigare, nel fare l’interesse del partito e non quello del paese, nel non essere disposti a riconoscere gli errori, nell’aprofittare delle risorse di tutti per riempire il proprio portafogli, nel far dipendere le scelte in base al consenso che produrranno e non in base alle esigenze ed ai bisogni della popolazione. 

    Ho parlato di creare una forza politica e presentarsi alle elezioni. Le elezioni sono la miglior vetrina, inoltre consentono di esserci. Questi sono fatti che consentiranno di fare fatti.

    Essere movimento politico, senza essere partito. Forza politica. “””Forza””” dà l’idea di qualcosa di alternativo e “potente” che cambia il mondo.

    Allora vediamo, i nomi per ora sono 3, dopo aver scartato l’antesignano “Servire il popolo”, che alcuni utenti fecero notare legato all’ideologia marxista ed al 68.

    AMARE IL POPOLO – PARTITO DEL POPOLO – FORZA DEL POPOLO, aspetto altri lumi.

     

     

  • Ho guardato il video, di fronte al quale non ho oggettivamente i mezzi per decidere se le cose dette siano veritiere e/o attendibili.

    Per il momento opto per il referendum abrogativo/alternativo, perché ritengo sia comunque migliore dell’accettazione passiva del Governo Monti imposto da Napolitano, Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, Di Pietro, Vendola.

    La mia contrarietà verso la manovra Napolitano-Monti, Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, Di Pietro, Vendola nasce da considerazioni apparentemente molto semplici e molto terra-terra.

    La prima è che, guardando la mia vita, e quella dei mie genitori, non riesco proprio a convincermi, con tutta la buona volontà possibile, che noi si abbia contratto, insieme agli altri italiani, ben 1.900 euro di debito pubblico.

    Non dico che il debito, in quanto tale, non possa essere reale!

    Ma, se mi è permesso, prima di pagare un conto, questo conto lo vorrei almeno vedere!

    Se vado in pizzeria, il conto, prima di pagarlo, lo voglio vedere eccome!

    “2 coperti, una margherita, una 4 stagioni, due coca cola”: totale: 1.900MLD di euro?

    Prima di pagare il conto, questa volta, se mi è permesso, voglio vedere le voci che lo determinano!

    Le voglio vedere, le voci del debito pubblico, perché sono convinto che il debito pubblico non è stato determinato certo da cose come il salario dell’operaio addetto in un’azienda tessile, che produceva tessuti venduti poi all’estero, come esportazione!

    Sospetto invece che il debito pubblico, o una parte di esso, sia stato determinato piuttosto dalla realizzazione di opere pubbliche, avvenuta, e non a caso, senza controlli: quelle opere pubbliche durate 10 volte il previsto, e costate 100 volte il preventivato.

    Di fronte a questa eventualità, del DP determinato dal magna-magna, ad es.,  sulle opere pubbliche, potrei anche accettare di sobbarcarmi l’onere di doverlo pagare: ma come minimo voglio vedere dei responsabili, fosse pure soltanto alcuni di questi, finire in galera!

    Ognuno paghi per la sua parte! Chi lavorando 6 anni di più, chi finendo i galera!

    Io, di pagare il DP, non essendo convinto di averlo determinato, senza conoscere almeno il primo 20%, numericamente parlando, delle voci con gli importi più significativi, e senza che si inverta la rotta, ovvero senza che nessuno paghi per le responsabilità dello sfascio in cui ci troviamo, non ci penso nemmeno lontanamente!

    Inoltre, e non ho paura a dirlo, sospetto (per rimanere sul soft), che parte del DP sia stata determinata dalle consorterie di partito.

    Trovo che in Italia sia costume ricambiare il voto, con altri titpi di favori, come il “sistemre” i sodali di casacca soprattutto nei ruoli istituzionali, nella PA, nonché in tutte quelle imprese pseudo-private che vivono e campano grazie alla benevolenza e alla discrezionalità dei partiti. Partiti ai quali, in cambio di benevolenza e discrezionalità, quelle ditte pseduo-private, dovranno necessariamente dare in cambio qualcosa: posti di lavoro.

    Io, di pagare il DP determinato anche da enti, uffici, fondazioni, consorzi, partecipate, istituzioni, associazioni, “formule” che altro non sono se non il mezzo attraverso il quale la politica foraggia le proprie consorterie, rigorosamente con i soldi pubblici, non ne ho nessunissima intenzione!

    Di pagare il debito pubblico, con mio figlio dignitosamente diplomatosi o laureatosi, che annaspa per trovare lavoro, mentre il figlio del mio vicino di casa è stato assunto, per chiamata diretta, in una partecipata comunale (invento!), partecipata  dalla quale, al momento opportuno, il socio privato si è defilato, facendo così in modo che tutti i dipendenti, senza aver fatto nessun concorso, diventassero automaticamente dipendenti pubblici, non ne ho la minima intenzione!

    Proprio ad essere buoni, prima si dovranno cacciare tutti gli imbucati, i raccomandati, “i clienti”, i parentadi (ed è già tanto se non gli si chiedono i danni!), anche con un’operazione non tanto precisa, ma che sia simbolica e significativa, e poi, forse, allora potrei prendere in considerazione di farmi carico di sobbarcarmi il DP!

    Serve, in altre parole, più  che un segnale di discontinuità: serve una garanzia!

    E l’unica garanzia per il futuro, è nel fare giustizia del passato.

     

    Inoltre, non posso accettare non tanto il fatto che Napolitano proponga/imponga un suo esecutivo: il Governo Monti: quanto che a vagliare l’operato di tale Governo ci sia un Parlamento assolutamente delegittimato a farlo!

    Infatti si tratta di un Parlamento che ha origine nelle elezioni del 2008, dove i partiti politici si presentarono in coalizioni, e con programmi, che letteralmente non esistono più!

    Il PD con l’IdV, ad esempio, in una coalizione guidata da Veltroni!

    Cos’è: “roba che se magna”?

    Ora, non c’è cosa al mondo che potrà convincermi sul fatto che il PD, che PERSE le elezioni del 2008, sia oggi legittimato dai voti presi allora, in quella occasione totalmente diversa dall’attuale, per uno specifico programma congruo per quello specifico contesto… che il PD sia legittimato a stare in maggioranza, e che con quei voti del 2008 sostenga, senza vergogna, senza pudore. un Governo NON ELETTO dal popolo, un Governo di Nominati in un Parlamento di Nominati, e che soprattutto con quei voti del 2008, avendo PERSO le elezioni, ci sostenga il programma di detto esecutivo di nominati! Programma che non ha assolutamente niente a che vedere con quello che il PD poté presentare nel 2008!
    Perché se fosse legittima questa posizione del PD: e se fossero legittime le preveggenze di Napolitano, il suo Governo di Nominati, il Parlamento del 2008 a sostenerlo, semplicemente di votare non ce ne sarebbe più bisogno in assoluto!

    Se l’attuale situazione fosse autenticamente Democratica, avremmo raggiunto quella perfezione tale per cui votare, anche nel prossimo futuro, non servirebbe assolutamente!

    Ci potranno pensare, anche per il futuro, gli stessi Napolitano, Monti, Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, Di Pietro, Vendola, a governarci: votare, per fare cosa?

    Peccato che non votare, l’inutilità del voto, guarda caso, è proprio spiccata caratteristica dei regimi dittatoriali!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi