Perché hanno abbassato la magnitudo del terremoto emiliano?

Ricevo molte email di cittadini emiliani preoccupati per l’abbassamento della magnitudo del sisma che hanno subito. Ne pubblico una, scritta da Mirandola, che spiega bene il tenore delle preoccupazioni.

« Qui da noi corre una voce molto sgradevole che meriterebbe un chiarimento che i media non danno. Il sisma del 20 maggio fu classificato di grado 6.1 per tutta la mattina e solo nel pomeriggio la magnitudo fu portata a 5.9. Nel sito web americano ed europeo questo evento risulta ancora di livello 6.1. Si sente dire che questo “declassamento” sia stato motivato da problemi economici, in quanto pare che il risarcimento governativo per le calamità naturali al di sopra del grado 6.0 Richter sia del 100% mentre al di sotto sia del 70%. »


Per chi, come me, era in Abruzzo a seguire il terremoto dell’Aquila, questa preoccupazione non è nuova, in quanto si presentò negli stessi identici termini dopo il 6 aprile 2009. Riporto allora, per comodità e per chi non l’ha visto, uno stralcio del contenuto del secondo episodio del ciclo di documentari sul terremoto che ho prodotto, perché ho affrontato la questione direttamente con Antonio Piersanti, direttore della sezione di Tettonofisica e Sismologia dell’INGV (vedi spezzone video).
Ecco cosa mi ha risposto.

 Allora, circolano diversi valori di magnitudo perché esistono diverse magnitudo. C’è la ML, la MS, la MW… Ciascuna di queste grandezze, in qualche modo, dà una denotazione del terremoto indicando cose diverse. E’ come dire che io esprimo la potenza di una macchina dando la potenza in cavalli vapore oppure dicendo qual è la sua coppia massima o dicendo qual è la velocità massima che raggiunge. E’ chiaro che queste tre cose sono correlate ma non sono esattamente la stessa cosa.Per ragioni, diciamo, di aiuto alla popolazione e alla Protezione Civile, noi diamo un magnitudo del terremoto in pochissimi minuti dopo l’evento. Questo è di fondamentale importanza per capire che tipo di intervento fare nella zona colpita. C’è una sola magnitudo che si può calcolare in così poco tempo ed è la ML. La ML è quella che per il terremoto di L’Aquila valeva 5.8. e non è che esistono diversi valori: tutto il mondo è d’accordo per dire che quel terremoto è un ML 5.8 .Cosa vuol dire ML? Si chiama “Magnitudo locale” ed è la più veloce da calcolare. A questo punto, con le successive analisi che si possono fare nei giorni successivi al terremoto, si possono avere indicazioni più precise sull’energia che il sisma ha liberato. Diciamo che la ML è un indicazione dello scuotimento, per usare dei termini non troppo precisi ma comunque utili ad intendersi, che c’è stato sui sismometri.La MW, che è la “Magnitudo momento“, invece dà un’indicazione più precisa di quanta energia quel terremoto ha liberato. Ora, la Magnitudo momento del terremoto de L’Aquila è stata 6.3. Non è che è stata alzata o abbassata rispetto alla ML che valeva 5.8: tutto il mondo, l’INGV e gli altri enti internazionali, sono d’accordo nel dire che quel terremoto ha avuto una Magnitudo Momento 6.3, anche se è normale che tra le varie magnitudo ci possano essere delle differenze che possono arrivare fino a 0.5.Purtroppo intorno a questi dati si è innescata una polemica del tutto falsa, perché il caso ha voluto che quel terremoto girasse intorno al numero 6. Ma la magnitudo 6 non ha niente a che vedere con il 6° grado dell’intensità Mercalli. Sono due cose che non c’entrano nulla. Il 6° grado è un grado di risentimento che si basa sui danniche il terremoto ha fatto. Un 6° grado della scala Mercalli lo può fare anche un terremoto di magnitudo locale 4, se accade in un posto in cui le case sono costruite con la creta.Allora cosa è successo? La legge italiana dice che i risarcimenti vanno ai Comuni che hanno avuto un’intensità media risentita superiore al 6° grado, cioè uguale al 6° grado o superiore. Ma l’intensità non ha nulla a che vedere con la magnitudo. Per valutare l’intensità, squadre di tecnici qualificati della Protezione Civile, che si avvalgono anche dell’apporto della consulenza di ricercatori nostri e dell’università, va in giro paese per paese e, a prescindere da quale sia stata la magnitudo del terremoto (5.5° o 6° non importa) dice: “questo paese ha avuto intensità 6, questo 7, questo 8 e questo 5”. Ma questo viene fatto appunto dall’analisi dei danni.
Qualcuno invece ha messo in giro la voce, completamente falsa, che la magnitudo sarebbe stata abbassata a 5.8 per non dare i risarcimenti. Ma non c’entra niente. Cioè, ripeto: i risarcimenti vengono dati in base alle valutazioni delle intensità che le squadre,  che vanno a vedere direttamente i danni, hanno rilevato. Quindi sono due cose completamente indipendenti.

I terremoti si possono prevedere? Il documentario online gratuito, in 4 parti.

Il documentario, confezionato e distribuito un DVD, è disponibile oggi gratuitamente su Youtube (di seguito il link). Ne avanzano ancora un centinaio di copie – forse meno – originali. Se qualcuno volesse averle, può fare una donazione libera, includendo anche un ragionevole costo di spedizione, e lo riceverà a casa (qui per donare con carta di credito, qui per donare con PayPal, qui tramite bonifico , qui tramite ricarica Postepay e qui tramite bitcoin).
InternetForGiuliani-DoppioDvd-VideoIcon
 

Sostieni il blog con una donazione libera:

[stripe name=”Byoblu.com” description=”Sostieni il blog con una donazione”] [stripe_amount label=”Importo:”][stripe_text id=”messaggio” label=”Messaggio:” multiline=”true” rows=”3″ ][/stripe]  

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi