Tutti gli americani dietro a Grillo

Quando qualcosa non si comprende, si va a braccio libero. Se ci sono documenti ufficiali, elementi logico-razionali che combaciano in una maniera plausibile, allora si costruisce una critica obiettiva che non deve necessariamente cogliere nel segno, ma perlomeno è fondata. Quando tali elementi mancano, allora si mette insieme qualsiasi cosa in qualsiasi modo, non importa se i colori stonino l’uno con l’altro. Si lascia intendere che vi siano chissà quali segreti retroscena, senza tuttavia spiegarli, e si fanno articoli composti da sole domande (giusto perché le risposte non ci sono). La gente, che alla lettura dei documenti e all’esercizio della critica ragionata, notoriamente, preferisce fermarsi a commentare i soli titoli dei post sui facebook (o peggio ancora quelli delle sole foto) avrà la sua cospirazione, e in questa decostruzione di qualsiasi ragionevolezza o plausibilità, in questa aleatoria, velleitaria e pretestuosa costruzione ventrale, avranno buon gioco tutti i Pigi Battista del mondo, cioè coloro che prendono argomentazioni sensate, ragionevoli ma sgradite e le derubricano a teoremi risibili inquadrati nella più vasta teoria del complotto.

 
Dopo la vittoria di Pizzarotti a Parma si è scatenata un’ordalia di siti e sitarelli di non meglio specificata natura che hanno riesumato qualche vecchia tesi cospirazionista, l’hanno mescolata con alcune critiche ragionevoli minori, giusto per rendere il mix più irresistibile per le menti facilmente suggestionabili, l’hanno condita di inquietanti punti interrogativi, che tanto sono gratis, e ci hanno tappezzato il web. La tempestività con la quale questa nutritissima schiera di complottisti dell’ultima ora (in questo caso il termine è più che pertinente) si è palesata già la dice lunga, per chi ha l’occhio clinico, ma dovrebbe costituire un elemento di riflessione anche chi non distingue una critica sensata da una manifestazione paranoide.
Da una questione puntuale, sollevata con ragionevolezza (es: Monti è storicamente un’altissima carica della Trilaterale ==> la Trilaterale rilascia pubblicazioni palesemente antidemocratiche ==> può dunque Monti essere messo alla guida di un paese democratico o è in conflitto di interessi?), ci si può sempre difendere, perchè si discutono fatti concreti. Se io ti dico dove e quando hai fatto una cosa di cui ti accuso, tu puoi sempre dimostrare che lì, in quel momento non c’eri. Dalle costruzioni prive di qualsisi logica, viceversa, non solo difendersi è impossibile, ma cercando di farlo si rischia paradossalmente di avvalorarne le tesi.
A questo secondo tipo, per esempio, appartengono tutte le teorie della cospirazione che vedono Gianroberto Casaleggio al soldo di JP Morgan. Si basano su partnership e rapporti di affari, ovvero meri collegamenti privi di un coefficiente relazionale in grado di “pesare” una qualunque dipendenza, del tipo “l’amico del cugino della sorella”. Nel 2004 la Casaleggio Associati stringe un accordo di patnership con Enimics. Pochi si soffermano sul fatto che la Casaleggio è una società che fa strategie di rete in ambito business e che i suoi clienti sono dunque le aziende. Infatti, il comunicato stampa originale, risalente al 2004, è questo:

“Casaleggio Associati ed Enamics hanno siglato un accordo di partnership e per indirizzare la consulenza strategica per il Btm (Business Technology Management) utilizzando strumenti software di disegno, gestione e monitoraggio delle attività ad esso legate. Obiettivo del Btm è quello di consentire al top management di organizzare e gestire la funzione It in modo dinamico, mantenendone costantemente il controllo e allineandola sempre all’evoluzione del business. Si tratta di una metodologia che integra Business e It Governance e consente al Cio di prendere decisioni in tempo reale sui processi e di contribuire al raggiungimento degli obiettivi di business definiti insieme al top management.”

Un normalissimo accordo commerciale tra due aziende che vogliono offrire servizi gestionali in ambito IT ai loro clienti. Ma attenzione: siccome pare che tra i clienti di questa Enamics (non si sa a che titolo e non si sa quanto occasionalmente) ci sia JP Morgan, allora questo per i collezionisti di punti interrogativi starebbe a significare che Gianroberto Casaleggio, e dunque Grillo, sono inequivocabilmente al soldo di JP Morgan. Voi capite che se lo stile è questo, anche voi siete stati scoperti: siete fantocci nelle mani di JP Morgan. Perchè? Ora ve lo dimostro.
Io ho avuto rapporti commerciali con la Casaleggio Associati, intorno al 2008 – 2009. All’epoca, siccome per l’appunto la Casaleggio nasce per vendere strategie di rete, i “cinque ragazzi” (nel caso specifico Luca Eleuteri) si occupavano della presenza in rete di Italia dei Valori (guarda un po’: una società che fa strategia di rete pescata ad elaborare strategie di rete per un cliente: complotto! – per una volta, fatemelo gridare..). Siccome per le regionali d’Abruzzo serviva qualcuno che ci sapesse fare e aiutasse il candidato Italia dei Valori alla presidenza della Regione a tirare su un blog decente, e siccome io ci sapevo fare,  l’avevano chiesto a me. E visto che se ora guadagno una melanzana e due peperoni, allora ci rimettevo e basta, accettai. La modica cifra pattuita (così evitate di scatenare gli investigatori privati) era di circa 4500EUR in partita iva, comprensivi di un mese e mezzo di permanenza, tutto a spese mie. Non credo di essere diventato ricco. Poi, l’anno successivo, ci furono le europee, e mi chiesero di realizzare 50 video da pubblicare sul canale YouTube di Italia dei Valori. Il tema e la trattazione furono lasciati alla mia sensibilità, né ricevetti mai pressioni di alcun tipo (non dalla Casaleggio e neppure da Tonino) sui contenuti. Il corrispettivo da fantascienza assommava a 150EUR per video, comprensivi di spostamenti e di spese varie. Ricordo che noleggiai anche una macchina per girare in lungo e in largo la penisola all’inseguimento delle storie da raccontare. Ora, siccome sono notoriamente un servo e volevo fare carriera, a meno di metà mandato li mandai a quel paese. Motivo? Nel frattempo era arrivato il 6 aprile 2009, e io reputavo più importante seguire il terremoto e accamparmi a L’Aquila per dare voce agli sfollati che onorare il mio contratto. Avevo un blog, e il mio blog era la mia missione. Andò a finire che oltre a perdere (giustamente) oltre la metà dei compensi, ci rimisi anche i soldi del contratto di noleggio, perché reputandomi una persona corretta non credevo fosse il caso di presentare fattura per i rimborsi, essendomi defilato. Se volete proprio saperlo, altri erano i paladini-galoppini del web che invece stendevano tappetini rossi e rotoli di lingua al passaggio dei vertici Idv, e che infatti  si sono successivamente fatti marchiare a fuoco, continuando tuttavia a spacciarsi per giornalisti liberi e indipendenti. Ma questa è un’altra storia.
Dunque, dicevamo, ho avuto rapporti commerciali con Casaleggio Associati. E voi, grazie alle vostre saltuarie donazioni – talvolta generose e talvolta no – mi avete addirittura sostenuto in tutti questi anni di onorato servizio, di battaglie, di riconoscimenti e di querele. Con molti di voi ho intrattenuto rapporti, alcuni semplicemente epistolari, altri pratici e organizzativi. Dunque siete inequivocabilmente in affari con me, che lo sono stato con Casaleggio Associati, che lo è con Enamics, che lo è con JP Morgan. Secondo l’algebra relazionale di questi assassini della logica, per ciascuno di voi – nel caso diventaste famosi – si potrebbe scrivere un articolo pieno zeppo di punti interrogativi che riallaccia nodi oscuri dipanando un filo denso di insinuazioni che dall’indirizzo di casa vostra porta direttamente ai Rockefeller.
Per la cronaca, ero proprio alla Casaleggio Associati (probabilmente per firmare qualcosa o portare qualche documento) quando, anni or sono, mi trovo davanti i famigerati cinque ragazzi quasi al  gran completo, tutti riuniti intorno a una scrivania, in conference call con i Rotschild (perdonatemi l’ironia, ma scrivo da parecchio e sono stanco). Così ho pensato di informarli sul fatto che in rete circolava un trittico di video intitolato a loro (“I 5 ragazzi” o qualcosa di simile). Apriamo Youtube e lanciamo il primo video, costellato di grafiche da documentario Nat Geo, sonorizzato con un audio sinistro e ricco di grafiche e linee che intrecciano inequivocabili collegamenti (anche se sto giochetto l’hanno cominciato loro: ricordate la rete delle partecipazioni societarie pubblicata da Grillo?). Vi giuro che non ho mai visto espressioni così stupite e risate così fragorose dai tempi in cui, suonando nei locali, ne vedevo di tutti i colori tra i clienti ubriachi che si facevano i viaggi più allucinanti. Non ho avuto l’impressione di trovarmi davanti a un covo di cospirazionisti, nuovi carbonari o pericolosi eversori che sono stati definitivamente sgamati. Erano solo cinque ragazzi che se la ridevano, tipo quelli che allo stadio si riconoscono sui maxi-schermi e iniziano a darsi delle grandi pacche sulle spalle.
Devo ancora capire, poi, dove si vuole arrivare riempiendo pagine e pagine con il curriculum di Gianroberto Casaleggio, dimostrando che ha lavorato in Telecom, che poi ha fondato WebEgg, che poi ha fondato la Casaleggio Associati ma (garda che strano) parcheggiando i server di Grillo presso le strutture/servizi che conosce bene, avendoci lavorato e mantenendo presumibilmente relazioni di qualche tipo (come tutti quelli che hanno ex colleghi ben sanno). Alla fine di ogni tortuosa ricostruzione (costellata non a caso dei famigerati punti di domanda ma senza una reale accusa) resto sempre un po’ così, con quel senso di “embeh?” al quale non so dare risposta.
Pià facile, invece, rispondere a chi si stupisce che dietro Grillo ci sia Casaleggio. Primo, perché non è mai stato un segreto. Secondo perché dove c’è una qualunque idea, c’è per forza anche qualcuno che l’ha pensata. Mi riesce difficile pensare che Grillo, che rompeva i computer, abbia partorito tutto solo la teoria della politica fatta attraverso i MeetUp e via discorrendo. E’ evidente piuttosto il contrario: Gianroberto Casaleggio è un guru visionario molto affascinato dalle dinamiche politico sociali americane, dalla tecnologia, dall’evoluzione di nuovi modelli e paradigmi basati su una pervasività della rete sempre maggiore. Sarebbe dunque un complotto che abbia influenzato Grillo, il quale a sua volta certamente ne ha condiviso lo spirito e, attraverso la sua irresistibile verve, si è fatto promotore delle idee del primo? Sarebbe un complotto il fatto che il blog sia curato e gestito dalla Casaleggio Associati, cioè una società che fa comunicazione? Avete mai visto una società di comunicazione che accetta di curarvi la “comunicazione”, appunto, e poi vi fa dire o scrivere quello che vi pare, quando volete e come volete? Sarebbe come dire che pagate un architetto per progettarvi la casa e poi pretendete di tirare su i muri storti a seconda di come vi svegliate. Tenere un blog come quello di Grillo è un’attività mostruosamente faticosa. Ne so qualcosa io, credetemi, che gestisco questo, costantemente aggiornato con video, interviste, articoli, grafiche che richiedono atrezzature, spostamenti e tutto il resto. Personalmente, facendolo da solo, mi sono rovinato la salute e ancora adesso sono in fase di rapida decomposizione, ma quelli che possono permetterselo si pagano una squadra e lavorano meglio e in maniera meno disumana (cioè non 48 ore al giorno). E Grillo, francamente, credo che possa permetterselo, dunque è normale che non ci sia lui personalmente dietro ad ogni parola, ogni foto, ogni video, ogni tag pubblicato quotidianamente sul suo blog. Sembra quasi un’idiozia rammentarlo.
Poi c’è Gaia, o come si chiama quel video che tanto inquieta gli spacciatori di punti interrogativi. Nella prima metà, Gaia descrive il mondo com’è: fa un excursus sull’influenza che alcuni protagonisti della storia hanno avuto, cercando di interpretare le loro strategie vincenti. Poi denuncia i vari club mondiali che governano il mondo, dal bilderberg alla massoneria (ma come? Un massone che denuncia la massoneria? Sarà una strategia anche quella…). Poi si spinge a ipotizzare cosa potrebbe succedere in un futuro neanche poi troppo lontano, infilandoci una terza guerra mondiale nel 2020 (e per come stanno andando le cose, non mi sembra una profezia così impossibile da avverare) finchè, dopo un ventennio di morte e distruzione (ma del resto è una guerra, non una scampagnata), finalmente arriva il nuovo mondo in versione Casaleggio. E guarda un po’ – non l’avrei mai detto – è un mondo dove la politica si fa in rete, dove i partiti scompaiono (questa dove l’ho già sentita?), dove i cittadini si riuniscono spontaneamente per risovere attraverso l’intelligenza collettiva i problemi comuni (anche questa mi suona vagamente familiare). Il video finisce così:

” In Gaia partiti, politica, ideologie, religioni scompaiono. L’uomo è l’unico fautore del proprio destino. Il sapere collettivo è la nuova politica “

Dunque.. uhm… fatemi pensare… mi sembra… Ci sono! Ha copiato dal blog di Grillo! No, perché non c’è niente che Casaleggio non dica da sette anni insieme a Grillo, al punto da farlo ormai venire quasi a noia: la politica si fa in rete, non servono eletti in Parlamento a farsi gli affari loro, la rete e la conoscenza condivisa possono risolvere tutto (del resto, non è quello che il Movimento Cinque Stelle sta cercando di fare a Parma?). Eppure, un ipotetico scenario futuro su una possibile evoluzione collettiva, in un senso e in una direzione già dichiarate in decine, centinaia di post, di interviste e di spettacoli, con un taglio multimediale pensato per affascinare (voglio anche vedere chi fa un video pensato per annoiare il più possibile), che esprime una o più visioni come se ne potrebbero esprimere in un buon libro di fantascienza, diventa la prova evidente che dietro a Grillo c’è un disegno elitario volto a trasformare il mondo in un macabro rituale di desertificazione delle coscienze e di controllo digitale sulla società.
Sono stanco. Francamente e desolatamente stanco. Quante dobbiamo analizzarne ancora, di queste ineluttabili prove che dovrebbero demolire l’idea positiva alla base del Movimento Cinque Stelle, ovvero la partecipazione dei cittadini alla vita politica che tanto sta avendo successo? Vorrei riposarmi, è domenica.
Vediamo ancora questa: dietro a Grillo ci sarebbe l’america. Come ai tempi di mani pulite. Lo scopo? Immagino (nessuno me l’ha ancora spiegato) destabilizzare il paese per permettere ai nuovi controllori di impadronirsi delle istituzioni. Dunque, vent’anni fa usarono Di Pietro per mettere Berlusconi al potere. Il quale Berlusconi al potere tuttavia è talmente inviso agli Stati Uniti d’America che ora, direttamente dagli uffici della Trilaterale (che se non è espressione delle lobby americane quella…), Obama, la Cia e soci hanno messo Monti. E ora piazzano Grillo per rimuovere Monti, che pure è espressione loro e hanno fatto tanta fatica per mettercelo solo qualche mese fa. E con cosa rimpiazzerebbero, finalmente, i vecchi partiti? Non con Grillo, perché Grillo non esiste, non si candida. Con uno stuolo di centinaia di deputati che arrivano dalla società civile, inesperti, ingenui dunque ancora pieni di sani principi, dunque totalmente incontrollabili come mine vaganti. E quali garanzie avrebbero, questi americani, che una volta che tutti i Pizzarotti del mondo non fossero arrivati in Parlamento (tra l’altro dopo anni che combattono contro le basi americane, le testate nucleari Usa etc), questi non si mettano a fare politica sul serio, per nulla filo-americana? Dove c’è un vertice (come in un partito) c’è un controllo effettivo e reale. Ma dove non c’è, chi controlli? Sostitusci un tuo dipendente con uno che non dipende e che non ha neppure un interlocutore unico? No, perché se il Movimento Cinque Stelle avesse davvero oltre al 20% delle preferenze, ci sarebbero centinaia di candidati da trovare, tra la gente, e con la filosofia di Casaleggio sarebbe tutta gente sciolta, ingovernabile, in perfetto stile democrazia distribuita. Puoi controllare Grillo, ma non puoi controllare gli eletti del Movimento Cinque Stelle. Dunque, cui prodest? Cioè: una volta che hai convinto i cittadini che ognuno vale uno e che devono farsi le loro liste civiche e riprendersi la vita pubblica, come fai a piombare in un MeetUp e dire (come fece Berlusconi nella sede del Giornale ai tempi di Montanelli – e c’era anche Travaglio): “d’ora in poi qui si fa la politica della mia politica”? Chiunque ha una vaga idea di cosa sia la rete e di quanti blog ci siano, ha l’immediata consapevolezza di quale stupidaggine sia un’ipotesi simile.
Tralascio per buon gusto la saga che vede Enrico Sassoon (un socio di Casaleggio Associati) come diretto discendente della dinastia che ha scatenato le Guerre dell’Oppio, che nell’ottocento videro contrapposti l’Impero Cinese e il Regno Unito. Francamente non credo ci sia da commentare. Spendo invece due parole sul fatto che Sassoon sia membro dell’Aspen Institute. Essere membri non significa innanzitutto frequentare assiduamente nè contare necessariamente qualcosa (per quanti hanno già il ditino alzato, vi ricordo ancora che Monti, oltre che membro della Commissione direttiva del Bilderberg, al momento della sua investitura a Palazzo Chigi era una delle tre più alte cariche della Trilaterale, preposto a realizzare con devozione la sua mission, ovvero gli Stati Uniti d’Europa: è un po’ diverso). Sassoon è un uomo sicuramente altolocato, ed è prassi comune avere la possibilità di intervenire nei forum economici dove questi signori discutono delle loro visioni. Ricordo che Sassoon, a quanto mi risulta, non è un politico e non è stato eletto da nessuno, dunque può essere membro anche della bocciofila all’angolo senza che questo rappresenti un conflitto di interessi. Avere la qualifica di semplice membro non implica avere per forza obiettivi loschi a che spartire con gli altri membri o con le alte cariche di un’organizzazione. In più, se il blog di Grillo non si fosse mai speso contro i vari club elitari dove i politici decidono strategie al di fuori delle sedi competenti (i Parlamenti), allora il sospetto potrebbe anche venire, ma mi risulta che non solo ci siano decine di post contro i vari Bilderberg, ma anche nel video Gaia, di cui più sopra, si denunciano espressamente tali club, dunque non resta che dedurne che seppure uno dei soci di un’azienda abbia la qualifica di membro del comitato Aspen (che non è il Bilderberg: le sue pubblicazioni e le sue riunioni sono in chiaro) e questo non sia in linea con lo spirito che anima il blog di Grillo, tale attitudine non sia determinante nella visione che guida blog e movimento, che parte da presupposti inversi e che afferisce a Gianroberto Casaleggio, non a Sassoon. E non è scritto da nessuna parte che chi siede in un consiglio di amministrazione debba condividere per filo e per segno tutte le idee degli altri soci in ogni materia o disciplina. Peraltro, la presenza di Sassoon nella cosiddetta alta società può anche rappresentare un vantaggio dal punto di vista dell’intelligence, perché può farsi latore di informazioni interessanti cui viceversa non si avrebbe accesso. Nessuno è così ingenuo da pensare che, per esempio, Grillo sapesse di Parmalat anni prima perché gliel’aveva detto l’uccellino di Del Piero, giusto? A certi livelli la gente si conosce. E chiacchiera. L’accento non va posto sulla rete di conoscenze, ma sull’uso che se ne fa. E Grillo credo ne abbia fatto un’uso utile al popolo, non alle élite.
Sicuramente avrò trascurato più che qualcosa. Chiedo scusa ma a parlare troppo di fesserie si finisce per passare per fessi, e non è esattamente lo scopo per cui è nato questo blog né rappresenta lo spessore delle argomentazioni che devo ai miei lettori.
Ci sono, come dicevo all’inizio, degli elementi ragionevoli sui quali discutere, che tuttavia si perdono in questo mare di stupidaggini. Ed è questo il motivo principale per cui queste “teorie della cospirazione” che vedono al centro la Casaleggio Associati fanno solo del male a chi invece vorrebbe elaborare una critica politica sensata, basata su considerazioni logiche, discusse in maniera costruttiva.
L’assenza totale di un qualsiasi referente o coordinamento che non sia “casa di Giuseppe Grillo” (come dice Travaglio nell’intervista a Maria Latella), per esempio, apre paradossalmente ad una possibile strumentalizzazion, perché se troppo controllo è manifestazione di potere, troppo poco controllo dà viceversa il potere ai malintenzionati di infiltrare, manovrare e manipolare per loro fini personali. Tanto, visto che non c’è una struttura di gestione, tutto sommato su scala nazionale è semplice finire per non essere controllabili. Questa è una cosa ragionevole di cui parlare.
Grillo, poi, fino ad adesso è stato garanzia di conformità alla visione originaria sottesa al Movimento Cinque Stelle, ma ora che si inizia a ragionare su percentuali bulgare ed è in gioco la democrazia (o quel che ne resta) di un intero paese, è bene che il Movimento inizi a camminare sulle sue gambe, stabilendo procedure decisionali chiare e il più trasparenti possibili. Questa è un’altra cosa ragionevole di cui parlare.
Pizzarotti, per come la vedo io, dovrebbe immediatamente aprire il Comune di Parma ai cittadini, rendendolo un palazzo di vetro che si può tenere sotto osservazione via web in h24, anche e soprattutto adesso che ci sono le consultazioni per la formazione della giunta. Visto che dietro al Movimento Cinque Stelle c’è una visione forte e precisa (e il video Gaia lo dimostra), allora bisogna avere il coraggio di portare questa visione all’estremo e rendere palese ogni aspetto della vita istituzionale, in modo da contrapporla chiaramente a quella di chi fa accordi su yacht privati che investono i soldi pubblici. Questa, più che essere una cosa ragionevole di cui parlare, è una linea di programma che dovrebbe essere già operativa adesso. Io, per esempio, ho cercato di mettermi in contatto con Pizzarotti senza riuscirvi. E proprio perché Parma è un test delicatissimo, una vetrina ereditata anche da chi ha preferito cederla, consapevole dello stato disastroso delle sue casse, per usarla come lapide da calare su un movimento che sta acquisendo così tanto consenso, è necessario ovviare fin da subito alle conseguenze nefaste che derivano dalla gestione di un’amministrazione disastrosa mediante una comunicazione costante e capillare, in maniera che tutti possano rendersi conto della situazione ereditata, delle difficoltà incontrate e delle soluzioni messe in opera per rientrare dall’emergenza.
Insomma: la critica politica a Grillo non solo è necessaria, ma è sacrosanta. Arrivando tuttavia da una stagione lunga un secolo di reati gravissimi perpetrati da una classe politica di nemici dello Stato, per evitare di fare due pesi e due misure bisogna sempre raffrontare ciò che abbiamo avuto con ciò che potremmo avere: è profondamente scorretto mettere sullo stesso piano le ruberie di Lusi e i dissidi interni di un movimento, all’ordine del giorno in qualsiasi aggregazione di esseri umani che cooperano per il raggiuntimenti di un fine. Men che meno si può pensare di contrapporre teorie assolutamente prive di qualsiasi anello di congiunzione con la realtà al successo di un nuovo stile di impegno politico che, se non è perfetto, è tuttavia lontano anni luce da quelle che invece sono vere e proprie malattie degenerative di un tessuto di potere ormai necrotico, altamente infettivo e destinato ad una irreversibile cancrena.
Se il Movimento Cinque Stelle fallirà, non sarà per colpa della JP Morgan, ma nostra, che non abbiamo saputo occuparci di muovere critiche serie, in grado di interpretare e migliorare il nostro futuro.
 

147 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Leggendo un particolare articolo sul blog di Grillo, troviamo le parole teschio e ossa.

    Lo troviamo per 6 volte ogni 6 righe dopo 6 parole (666 numero del diavolo).

    Quindi è evidente che la Casaleggio fa parte della famosa società segreta Skull and Bones.

     

  • Scusa, ma di che critiche serie da muovere parli? Qui abbiamo una pseudo classe politica che è formata da ladri, da scacciare!!! Altro che critiche! Se si continua a parlare si fa il loro gioco e quindi è ora di darsi da fare veramente e questo è un esempio http://www.firmiamo.it/sostenaiamo-l–avvocato-paola-musu- Uno strumento c’è, ma se la gente lo evita o non lo fa conoscere, allora per cosa cavolo si sta qui a parlare? Il verbo deve precedere l’azione, ma questa non deve essere strascicata…

  • @GADU: sicuramente scrivi in buonafede, però non hai capito che mr Casaleggio è stato l’unico ad aiutare Beppe a mettere in piedi il M5S, cosa che oggi tutti invidiano.

    Pensa: in 3 anni (TRE) è divenuto la 2a forza del paese..! Non pensi faccia gola?

    Casaleggio lavora principalmente in internet… gliene vuoi fare una colpa o un’accusa?

    Poi: le 6 righe e le caxxate, per cortesia, siamo realisti… prima guardati per bene Zeitgeiist The Movie e poi torna a parlare di diavolo! Sei rimasto indietro… e nessuno di loro ti dirà la verità, per cui meglio che la senti raccontata e mostrata da chi ha ricercato e scoperto… 😉 poi saranno fatti tuoi a ciò che vorrai ancora credere!

    Inoltre per tua conoscenza: io stesso posto su siti e/o blog americani e non solo, e parlo del M5S, invito avenire a vedere perché mi piacererbbe vedere un movimento internazionale di gente per la gente. Basta con gli intromessi del caxxo!!! La gente deve essere rappresentata da chi ha ottenuto dalla stessa la fiducia. Questo è basilare!

     

     

     

  • Ottimo articol ocome sempre…. ma …..

    “Sarebbe come dire che pagate un architetto per progettarvi la casa e poi pretendete di tirare su i muri storti a seconda di come vi svegliate.”

    CLAUDIO!  cambia paragone perchè questo normalmente avviene sempre. Gli Architetti sono le persone più travistae al mondo da parte dei clienti che ritengono che l’ìarchitetto sia per sua natura un incompetente e che  tanto sa solo far spendere soldi… Forse è per questo che le cose però vanno così perchè c’è sempre qualcuno che pensa di saper fare il alvoro degli altri …

     

    prendiamola con filosofia!


     


  • Sinceramente non mi convince la Casaleggio che sta dietro le quinte con interessi d’oltre Oceano che prefigura una politica fatta sulla rete! Mi sembra una stronzata! La rete può essere integrante ma non può sostituire le persone! Fare politica non è fare un sondaggio! Poi Grillo che non accetta mai di andare in TV neanche da Santoro! Insomma dimostra dei limiti anche lui! Le idee di grillo le condivido in gran parte, ma non accetto che Grillo taccia su temi che prima erano in primo piano nei suoi argomenti! Credo che Claudio Messora semplifichi un po’ troppo e che le sue impressioni personali sulla Casaleggio! Dunque invito Claudio Messora ad organizzare un confronto tra Grillo e tutti coloro che vogliano porre domande senza esclusioni di colpi! Dopodicché forse avremo le idee un po’ più chiare… ma non mi basta una spiegazione che sia una deduzione su certi temi senza aver potuto sentire direttamente il personaggio principale in questione: Grillo! Se è a lui che dovremo consegnare le chiavi della politica… vogliamo un confronto dialettico… basta con i comizi e monologhi… ormai è tempo di passare ai confronti!

  • Caro Claudio,
    premetto a questo commento che sono sempre stato e resto favorevole al M5S, perchè, come tu stesso hai fatto notare nell’articolo, la sua struttura lo pone al riparo da ogni tipo di manipolazione.
    Ma nella tua analisi, molto ben fatta in verità, ci sono almeno due non ignorabili lacune.


    La prima:
    Spendo invece due parole sul fatto che Sassoon sia membro dell’Aspen Institute. Essere membri non significa innanzitutto frequentare assiduamente nè contare necessariamente qualcosa.”

    Francamente non sono d’accordo. Si può allora dire con la stessa leggerezza anche che Monti frequenti il Bilderberg e la Trilaterale a tempo perso? Penso di no. E parimenti non credo che si entri a far parte dell’Aspen Institute così, per noia, nè che sia una frequentazione equiparabile ad un club di giocatori di scarabeo.

    La seconda:
    Di quel famoso video hai analizzato tutto tranne le prime tre parole con cui si apre l’introduzione del video, “a New World Order is born etc”. Ora, sono tre parole scelte a caso? Sono sinonimi di “a New Era”, oppure di “a New Historical Phase”? Io non penso. Penso invece che chi ha fatto il video abbia scelto quelle parole con cognizione di causa.

    La Casaleggio ha provato a scrollarsi di dosso queste accuse pubblicando un articolo che ricorda molto le difese del Cav. sul Giornale o su Libero, assolutamente privo di qualunque valore e sostanzialmente mancante di una reale risposta alle accuse.

    Fatta questa dovuta analisi, la conclusione è che la Casaleggio a mio parere è tutt’altro che una società limpida come l’acqua di fonte.
    È chiaro che da qui a dire che Pizzarotti appartenga ad ogni setta occulta esistente e/o mangi bambini al chiaro di luna come offerta a satana, ce ne passa. Ma non è il caso di abbassare la guardia.

    PS: perchè tu e Barnard non cercate di stringere una collaborazione? Va bene, è scontroso e semidepresso eccetera, ma fareste una bella squadra secondo me; c’è bisogno di gente con le palle che faccia informazione seria, e l’unione fa la forza.
    Vai così!

    PPS: E dì a Paragone di non invitare mai più Colaninno, per favore.

    • “Francamente non sono d’accordo. Si può allora dire con la stessa leggerezza anche che Monti frequenti il Bilderberg e la Trilaterale a tempo perso? Penso di no.”

      Sì, però.. capisco che è lungo, ma almeno leggerlo bene il post, prima di commentare. Perché a questa obiezione che non ha il minimo senso per l’incomparabile peso delle due cose, ho già risposto: (per quanti hanno già il ditino alzato, vi ricordo ancora che Monti, oltre che membro della Commissione direttiva del Bilderberg, al momento della sua investitura a Palazzo Chigi era una delle tre più alte cariche della Trilaterale, preposto a realizzare con devozione la sua mission, ovvero gli Stati Uniti d’Europa: è un po’ diverso)

    • Penso anchio che il contro esempio monti non sia equiparabile a livello pubblico, però potremmo metterci la Gruber per aggiustare un po’ il tiro, oppure veltroni(che da meno nell’occhio, in tempi meno sospetti).

      A me sembra più 2 pesi 2 misure.

      Comunque speriamo solo che la casaleggio non abbia in mente di adottare il sistema di voto online americano, che già con l’elettronico non sono mancate le truffe nel conteggio dei voti. E neanche il sistema online sembra molto pulito, la Scytl il cui maggior investitore è Balderton Capitol(sede UK, e 4 membri su 10 sono ex pluri-decennali di Goldman Sachs/Sucks) gestisce i voti.

      Sarà, ma quella del voto online mi pare tanto una cagata, è troppo presto per immettersi in certi ambienti.

    • “Ecco, un eventuale sistema di votazione elettronica sarebbe, invece, un punto molto serio su cui prestare la massima attenzione.”

      In effetti è un punto serio e dopo le manipolazioni del voto in Usa e poi in Italia (la sx che vinceva 55 a 45 e che arrivarono al pareggio …) il voto elettronico è un mezzo della dittatura per controllare una pseudo democrazia .Sono talmente ampie le possibilità di manipolazione che il voto elettronico non dovrebbe mai essere usato .

  • byoblu ha scritto :
     Sì, però.. capisco che è lungo, ma almeno leggerlo bene il post, prima di commentare. Perché a questa obiezione che non ha il minimo senso per l’incomparabile peso delle due cose, ho già risposto: “(per quanti hanno già il ditino alzato, vi ricordo ancora che Monti, oltre che membro della Commissione direttiva del Bilderberg, al momento della sua investitura a Palazzo Chigi era una delle tre più alte cariche della Trilaterale, preposto a realizzare con devozione la sua mission, ovvero gli Stati Uniti d’Europa: è un po’ diverso)”

     

    Ho visto, ma continuo a non ritenere una cosa di poco conto l’appartenenza di Sassoon all’Aspen. È chiaro che paragoni tra Casaleggio e Monti siano impraticabili, ma una cosa non esclude l’altra: l’Aspen resta un’associazione che offre “un approccio strategico e di lungo periodo ai temi di maggiore interesse nel panorama mondiale: questo offrono le Conferenze Internazionali ai soci dell’Istituto che si confrontano con leader politici, esperti del mondo economico e finanziario e accademico in una discussione a porte chiuse” [dal sito], e che quindi, ripeto, non ha la stessa levatura di un club di giocatori di scarabeo.
    Detto questo non abuso ulteriormente della tua stanchezza, ti ringrazio per le risposte e ti auguro buona serata.

    • E no, mi spiace Claudio, ma credo che Hypen abbia 1000 e una ragione.. non facciamo come PDini e PDLinni che difendono sempre “senza se, senza ma”.. il buon Hypen ci ha invitato a porre l’attenzione su questo Sassoon che altro non pare che una brutta copia di Monti: Bocconiano e con la fissa per gli ambienti elitari. Con questo nulla si vuol togliere al M5S che continua ad essere l’unica vera innovazione politica.

    • ma sì.. poni l’attenzione su chi vuoi, ci mancherebbe altro: non sto dicendo che non bisogna fare attenzione, ma una volta che l’attenzione l’hai posta, o trovi degli elementi concreti oppure continui a monitorare nell’attesa di qualcosa di nuovo, ma non sei autorizzato, in base a questi elementi, a lanciare nessuna teoria della cospirazione. Tutto può essere, ma ci vogliono le prove oppure indizi inequivocabili e concreti. Qui siamo ancora indietro, molto indietro.

    • Caro Claudio, pur stimando molto il tuo operato giornalistico, ritengo debba mantenere un certo rispetto formale anche per chi non la pensa esattamente come te. Ce n’è abbastanza di gente alla Cruciani e alla Travaglio, pronta a sbeffeggiare o a svilire chi ha un’opinione diversa. Uno vale uno.. o sbaglio?

    • NOIdeology: pur stimando il tuo contributo di lettore, mi faresti davvero una cortesia se mi indicassi dove non ho avuto rispetto per chi non la pensa come me.

  •  

    n effetti la pubblicita’ che faceva e fa grillo ad obama..facendolo somigliare ad un martire ‘che vince dal basso, dalla rete’ e’ molto ambigua..
    tutti sappiamo che l’anno prossimo per esempio quell’elemento vuole impostare obbligarotiamente i microchip sottocutanei, l’ha detto lui stesso (per i più scettici); poi il fatto che dal 2008 beppe non parli piu’ di signoraggio bancario, di commissione trilaterale, di lobby farmaceutiche che vendono veleni tossici altro che per la salute della popolazione, oppure non parla piu’ del fatto che tra hiv e aids non c’e’ alcun nesso e si continua a speculare e uccidere la gente che ne ha paura con i farmaci, ma pubblicizzi l’autonomia e tutti i mali attraverso il gossip politico italiano che non ha alcuna rilevanza ne per l’italia ne per il mondo..trascurando tutto il resto…
    evidentemente e’ stato comprato il silenzio, oppure e’ stata sceneggiata la sua entrata in scena nell’ antipolitica che tutti amano sentire..(la politica non esiste piu’ dal momento che veniamo gestiti dalla commissione trilaterale.
    che grillo sia uno specchietto per allodole l’ho sospettato in base a questi cambiamenti della sua lingua selvaggia al silenzio tomba che prevale ormai..

     

     
    • Però Obama sta facendo l’esatto contrario delgoverno italiano, cioè sta almeno cercando di rebdere il pseo della voluta crisi, meno oneroso per le fasce più basse… qui invece i marpioni malviventi fanno l’esatto suo contrario e nonostante abbiano dato luogo ad una crisi pretendono che le spese siano fatte dalla gente… in nome di cosa? Delle loro facce di caXXo?

  • Premetto di essere nettamente a favore del m5s…

    Però:

    quel video che parla di 5 miliardi di vittime, mi sta sulle palle…

    sono un padre…che spera in un futuro roseo per propri figli.

    mi piacerebbe facessero chiarezza su quella fantomatica guerra nucleare.

    lasciamelo dire Claudio…quel video e da mentecatti , sembra quasi augurare che 

    tutto ciò accada veramente…

    Come a dire, se ne muoiono un bel pò…tutto è più facile da gestire…

    Non condivido assulutamente la visione apocalittica che trasmette…

    Non trovi un certo controsenso? Parlano di ambiente pulito? E poi pubblicizzano un uso 

    delle armi nucleari?

    Se questo è fare maketing…lo trovo davvero di cattivo gusto!

     

     

     

  • IL fatto che la politica si possa fare in rete…Mi ha sempre lasciato perplesso…

     

    Anche i migliori sistemi informatici possono essere forzati o aggirati…

     

    Chi ci dice che le votazioni non possano essere truccate o controllate?

     

     

    • Un sistema di votazione interamente elettronico lascia perplesso anche me: se taroccano le schede vere, figurati quelle “immaginarie”. Ma non è questo che si stava commentando nell’articolo (e comunque è ancora molto lontano dalla realtà)

    • Sul voto elettronico se utilizzi una firma digitale (usa e getta) legata alla compilazione della medesima per siglare la scheda in modo anonimo che ne impedisca la contraffazione) penso che non ci siano più possibilità di modificarla e taroccarla rispetto a  una scheda cartacea normale. Secondo me sono fisime in tutti i sensi tanto nessuno potrebbe mai controlalre realmetne tutte le schede senza una delega a qualcun’altro che potrebbe comunque certificare il falso. Di per se quindi è un non problema. ( ovvvero se ti vogliono fregare lo fanno a tutte le maniere).

  • E chi mi dice che quello che tu dici non sia quello che vorresti che si dicesse se lo dicessero quelli che vorrebbero farti dire quello che hai detto prima di dirlo?

    T’hò beccato eh??

  • Peró è incomprensibile l’atteggiamento di Grillo che invece di rispondere alle critiche lancia anatemi neanche fosse il PapaOggi ad esempio parla di pagliuzza nell’occhio a fronte di travi in altro posto innominabile di chi lo critica preannunciando querele e pignoramenti dello stipendio dei giornalisti che parlano male di lui.Comunque complotti a parte le domande sono lecite ed esigono delle risposte.Il fatto che Casaleggio sia un ex dirigente Telecom non mi sembra un particolare trascurabile.Telecom in Italia ha ancora il monopolio dell’ultimo miglio e di fatto controlla internet e guarda caso il M5S parte proprio dalla rete.Qualcuno potrebbe pensare che dietro i movimenti di democrazia diretta internettiana telematica possa esserci non la spectre ma i nostri soliti capitalisti straccioni.In questo contesto il blog di Grillo potrebbe essere stato un tentativo di togliere voti alla sinistra che poi peró inaspettatamente sta sfondando a destra contro ogni previsione (questo spiegherebbe la confusione attuale).Poi mi piacerebbe sapere se il sindaco di Parma ha qualche relazione fare con l’impresa di costruzione Pizzarotti (che mi pare sia anch’essa di Parma) data l’omonimia.

    • Ma io non ho detto che “un ex dipendente telecom” controlla la rete ma che “LA TELECOM” ha il monopolio dell’ultimo miglio (ossia il doppino telefonico) su cui passa l’adsl (o come diavolo si chiama) che è utilizzato dal 90 % delle connessioni internet (almeno di quelli che conosco) per cui anche gli altri operatori mi pare devono transitare sulla rete telecom per entrare nelle case, il ché credo (non sono un tecnico) che la TELECOM, se volesse, potrebbe “spegnerci per motivi tecnici” mandando al diavolo tutti i buoni propositi di democrazia diretta telematica.

      Detto questo io non sono ne un giornalista ne un investigatore e non sono in grado di spiegare niente ma solo di mettere insieme fatti che inducono ad una certa diffidenza (dovuta anche al disincanto di un elettore che ormai vota da quasi trent’anni e ne ha viste di tutti i colori).

      Questi fatti li potrei elencare ma dovrei ripercorrere la storia degli ultimi cinque anni e sarebbe troppo lungo, certamente se Grillo o Casaleggio  accettassero di rispondere alle critiche invece di rivolgersi agli avvocati recupererebbero un pò di credibilità anche nei confronti di persone come me che inzialmente poteva avere qualche simpatia per loro.

      Comunque resta senza risposta la domanda sul sindaco Pizzarotti, ho cercato in rete e non ho trovato niente, possibile che solo a me sia venuto il dubbio di una parentela con la nota impresa di Parma che (leggo sul loro sito) ha costruito sul torrente di Parma una diga antialluvione e costruisce in mezza Italia?

  • Claudio, è evidente che dato anche l’insolito numero dei tuoi interventi, trovi la maggior perte di noi in disaccordo sul post. Come del resto anche me.Vorrei che cambiassi opinione in proposito, perchè a me sembra che tu stia giustificando la contraria evidenza, e sono certo che ti sbagli.Premetto che a parlarti è un convinto sostenitore del movimento 5 stelle, e da poco sono anche in contatto con il consigliere Favia.Il fatto che ritenga valida la filosofia del movimento, non esclude il fatto che possa non fidarmi al cento per cento di chi l’ha fondato, tantomeno di chi lo veste (casaleggio).Vorrei che tu rendessi pubblico questo video. È stato pubblicato da un libero bloggher come te, che tratta i tuoi stessi argomenti, e difende i tuoi stessi ideali e ragionamenti, che poi sono quelli che condivide anche la maggior parte di noi che stiamo scrivendo e commentando.—> http://www.youtube.com/watch?v=ToBgJJuUNrMÈ un riassunto del problema che hai esposto, e credo che possa servire a molti per capire meglio il punto di vista che tu stai criticando.Spero che tu prenda in considerazione la mia proposta.Un saluto da un cinquestellino e tuo fan.

    • il video che mi hai costretto a vedere è l’ennesima riproduzione piena di fuffa delle cose che ho parlato, dilungandomi appositamente, nell’articolo che mi auguro tu abbia letto, ma al quale sospetto tu non abbia posto molta attenzione visto che mi riproponi le stesse cose di cui ho già discusso.

      Per quanto riguarda Cado in Piedi (il blog multiautore di Chiare Lettere, editrice cartacea) e Tze Tze (aggregatore di news come ce ne sono tanti), sono gestiti da Casaleggio Associati, che per l’appunto fa strategie e servizi di rete. Embeh? Cioè non ho capito qual è il punto dell’avere scoperto che una società che si occupa di rete gestisce siti, dopo avere preso accordi, per esempio di Chiare Lettere. Sarà ben il suo lavoro, o no? O deve fallire? O pensate che, una volta gestito il blog di Grillo dal quale credo a stento copra i costi, se li copre, debba fallire?

      E allora che altro? E’ un piccolo nucleo di potere, gestendo due o tre poli in rete (in mezzo a milioni di altri?). Sì, certo… e allora? Quindi se io apro altri due blog e mi faccio un aggregatore di news, divento un pericoloso centro di potere occulto anche io?

      Ma andiamo, signori… ARGOMENTAZIONI?? Guardate, ve lo dico con tutto il cuore: se io ho scritto fino ad oggi per lettori che hanno questa sensibilità circa gli argomenti enormemente più seri che ho trattato, equiparandoli a queste cazzate sesquipedali, devo rivedere nel complesso la mia utilità e il senso di quello che sto facendo…
      Con rispetto, non ti sentire offeso.

  • Condivido l’articolo di Claudio Messora. Io utilizzo lo stesso suo approccio. Sono critico come è doveroso da parte mia, da quando il movimento (da me fondato in Sicilia quando ancora non aveva stelle e non cercava poltrone) decise di diventare un partito. Le mie critiche sono state sempre nel merito di fatti e contraddizioni che ho conosciuto e verificato personalmente e di cui ho sempre avuto – anche direttamente – le prove.
    Purtroppo, a differenza di Claudio, ritengo Grillo responsabile di aver condotto quel movimento in una direzione poco utile al popolo, proprio la sua gestione verticistica e monopolistica del movimento, che, al di là delle chiacchiere e della propaganda, è una realtà che occupa abusivamente uno spazio democratico che dovrebbe invece corrispondere ad una reale occasione di sviluppo di una politica nuova nell’interesse dei cittadini. Non essendoci regole certe, strumenti definiti di partecipazione, il famoso portale, ogni scelta che le cosiddette basi di attivisti intraprendono risulta viziata a monte. 
    Il Partito Pirata, che di fatto sta invece realizzando quanto propagandato e millantato da Grillo, attraverso strumenti validi e regole trasparenti, dovrebbe essere preso a modello. Il fatto che quelli hanno appena un punto percentuale di consenso a differenza delle percentuali bulgare di Grillo, la dice lunga sulla responsabilità di Beppe nel non rendere efficace il movimento e di non lasciarlo strutturare in quella direzione. Del resto è lui che decide le linee generali, è lui che stabilisce ogni cosa, che scrive i comunicati, che certifica, che impedisce la formazione di uno statuto che renda autonomo il movimento. Non accetta un confronto che sia uno.
    Non mi importano i complottismi. Bastano i fatti per considerare il Movimento un aborto della nuova democrazia. E se imploderà sarà colpa di Grillo.

    • Bravo Massimo. Hai dipinto bene qualche perplessita’ venata di malumore che ritrae alcuni attivisti del m5s. Li frequento e osservo con attenzione. Di questi, la prima meta’ si abbandona alla fiducia della futura evoluzione del movimento, spinti dalla rabbia del tragico quadro politico in cui ci troviamo. L’altra meta’ si perde in una pessimistica possibile dissoluzione nel ricordo malinconico di che cosa il m5s sarebbe potuto diventare se… Allo stato attuale delle cose, di certo non c’e’ nulla. Il mio personale invito e’ quello di fare, lavorare, costruire, partecipare, sostutuendolo al solo pensare, parlare, biasimare. E magari fare lo sforzo di togliersi la maschera del nick-name-lifting. Anche per questo, tutta la mia ammirazione e stima a Claudio Messora.

  • L’iscrizione al movimento 5 stelle presuppone un vero e proprio atto di fede(vedi la domanda : “credi nel movimento 5 stelle?”). Non e’ vero che uno vale uno : siamo solo agli inizi e gia’ si annovera una lunga lista di dissidenti cacciati, diffidati o minacciati da Grillo & C : Tavolazi, Gallegati………Perche Grillo non risponde al Dott Montanari e alla Dott.ssa Gatti sulla brutta storia del microscopio elettronico? Inoltre basta partecipare poche volte all’interno del movimento per capire quanto sia stupido e dannoso formare un movimento cosiddetto “nuovo” che non fa altro che presentare mozioni su mozioni nei consigli comunali su tutto su nulla : ci piacciono le terrazze fiorite di vari colori a mesi alterni! L’ impressione che si avverte e la seguente: grillo ed i suoi stanno aprendo una stagione autoritaria che nel nostro paese non rappresenterebbe un elemento di novità n’è di originalità ! Auguri a tutti

  • Cmq…rispondendo a chi parlava di travi e pagliuzze…

     

    Qui non si tratta di un paio di travi infilate chissà dove!!!

     

    Si tratta di un sistema che ha sulle spalle l’intera “foresta amazzonica” distrutta e dilaniata…

     

    Il bello è che queste travi (povera foresta amazzonica ) l’hanno caricata sulle spalle di un intero popolo…o meglio l’hanno messo in quel posto ad un intero popolo!

     

    Non c’è storia…non esiste più alcun motivo per tenere in piedi questo sistema che continua a mietere vittime…

     

    Questa è una enorme sodomizzazione collettiva…

    Continuo a leggere commenti di chi si sforza di difendere il “sistema”…Resto perplesso…

     

    MA SIETE DEI MASOCHISTI?

    • allora stai rispondendo a me

      Per favore rileggiti il post “questi fantasmi” sul sito di Grillo perché è lui che parla di travi e paglizze non io

      Grillo è indubbiamente da giorni sotto attacco dal gruppo Espresso Repubblica  che gli rinfaccia alcune cazzate che ha fatto ultiomamente e che effettivamente sono sciocchezze in confronto alle nefandezza degli altri.

      Invece di dare risposte politiche si mette ad insultare ed a minacciare querele a dire che Scalfari intasca la pensione politica (il che è vero perché è stato parlamantare per alcuni anni negli anni 70).

      Per carità tutto questo andava benissimo anni fa ma non adesso che il movimento di opinione è diventato un moviemento politico.

      Se attracchi il vecchio pensionato politico Scalfari che ti contrasta non puoi ospiatare sul bolg il giovane pensionato politico Bordon sul tuo Blog e se lo fai non devi poi mervigliarti se ti prendono a pernacchie.

       

  • Youkai ha scritto :
    Penso anchio che il contro esempio monti non sia equiparabile a livello pubblico, però potremmo metterci la Gruber per aggiustare un po’ il tiro, oppure veltroni(che da meno nell’occhio, in tempi meno sospetti). A me sembra più 2 pesi 2 misure. Comunque speriamo solo che la casaleggio non abbia in mente di adottare il sistema di voto online americano, che già con l’elettronico non sono mancate le truffe nel conteggio dei voti. E neanche il sistema online sembra molto pulito, la Scytl il cui maggior investitore è Balderton Capitol(sede UK, e 4 membri su 10 sono ex pluri-decennali di Goldman Sachs/Sucks) gestisce i voti. Sarà, ma quella del voto online mi pare tanto una cagata, è troppo presto per immettersi in certi ambienti.

    esiste già la piattaforma “liquid feedback”, sviluppata ed utilizzata dai pirati tedeschi che non mi risulta siano parte di alcun ordine mondiale, anzi…

    In Italia la stiamo già utilizzando da gennaio (tradotta ovviamente in italiano) come meetup195bergamo ed è una cosa incredibile..il nostro obiettivo è utilizzarla a livello regionale ed in seguito nazionale e siamo già in corso d’opera.. 

  • maccorix ha scritto :
    Youkai ha scritto : ” Penso anchio che il contro esempio monti non sia equiparabile a livello pubblico, però potremmo metterci la Gruber per aggiustare un po’ il tiro, oppure veltroni(che da meno nell’occhio, in tempi meno sospetti). A me sembra più 2 pesi 2 misure. Comunque speriamo solo che la casaleggio non abbia in mente di adottare il sistema di voto online americano, che già con l’elettronico non sono mancate le truffe nel conteggio dei voti. E neanche il sistema online sembra molto pulito, la Scytl il cui maggior investitore è Balderton Capitol(sede UK, e 4 membri su 10 sono ex pluri-decennali di Goldman Sachs/Sucks) gestisce i voti. Sarà, ma quella del voto online mi pare tanto una cagata, è troppo presto per immettersi in certi ambienti. ” esiste già la piattaforma “liquid feedback”, sviluppata ed utilizzata dai pirati tedeschi che non mi risulta siano parte di alcun ordine mondiale, anzi… In Italia la stiamo già utilizzando da gennaio (tradotta ovviamente in italiano) come meetup195bergamo ed è una cosa incredibile..il nostro obiettivo è utilizzarla a livello regionale ed in seguito nazionale e siamo già in corso d’opera.. 

     

    Mi vengono in mente le elezioni presidenziali statunitensi del 2000 ….

     


  • “… è bene che il Movimento inizi a camminare sulle sue gambe, stabilendo procedure decisionali chiare e il più trasparenti possibili. Questa è un’altra cosa ragionevole di cui parlare.” Se provi a farlo ti sbatte fuori! 🙂 

    • Nessun secondo fine, se non un segno di apprezzamento.

      Aiutaci a dare potere al popolo. Il Movimento 5 Stelle non è solo il 20% dei sondaggi. C’è gente che si suda la democrazia giorno per giorno e certe azioni di forza sono intollerabili. Da chiunque vengano.

      La rete si deve autogovernare, come previsto dal Non Statuto. Chiediamo solo questo. E’ finito il tempo di temporeggiare. Da parte di tutti. Con il Movimento il popolo ha una occasione d’oro. Per come è regolato adesso (per la strategia e le linee politiche nazionali) siamo impossibilitati a discutuere, condividere, sciegliere a maggioranza dove vogliamo andare. Per esempio integrare le tante lacune del programma nazionale, fermo ad una attività in rete del 2007. O capire le modalità migliori o la convenienza o meno di presentarci alle politiche. E pensare che tante persone non aspettano altro (di poter dedicare tempo e forze per capire come vogliamo costruire insieme il nostro futuro).

      Grazie comunque.

    • Valerio, Grillo o non Grillo, Casaleggio o non Casaleggio, questo è uno spazio libero. Quindi ben venga il contributo di tutti. Però su una questione così delicata (per non rischiare di non prendere in considerazione i punti di vista diversi) io credo si debba realizzare un intervento che illustri i contributi di tutti (cioè le classiche campane a confronto). Poi, se qualche campana non vuole suonare, anche quello è un suono, il suono del silenzio.
      Cmq se mi scrivi magari mi spieghi. Ciao.

  • A me basta una sola prova dettata dalla ragionevolezza.

    Ad oggi Gianroberto Casaleggio è l’uomo più influente d’europa, e credo anche il più corteggiato, quello che sta accadendo col movimento è un miracolo politico, mai si era visto un soggetto politica scalare le percentuali così velocemente (senza violenza o coercizione). Secondo voi quanto sarebbe disposto a pagare un Berlusconi per avvalersi delle sue strategie? Provate a quantificare se ci riuscite, secondo me siamo nell’ordine dei milioni.

    Bene quei soldi sono soldi a cui Casaleggio ha rinunciato e rinuncierà, per portare avanti una visione, un modello politico nuovo.

    Seconda cosa, sempre partendo dalla logica, La JP Morgan, la massoneria, le società etc hanno in comune una cosa, i soldi. Se le banche e le lobby avessero voluto prendere il controllo dell’Italia (presunto che già non l’abbiano, chiedere a Monti) si sarebbero affidate all’incognita di un comico che urla da un palco o avrebbero cacciato con facilità una "paccata" di euro per comprarsi qualche deputato o qualche pezzo di partito, come già succede?

    All’ultimo mercato delle vacche un deputato a quanto stava? Mi pare quanche centinaio di migliaio di euro. Con un milioncino ti garantisci la fedeltà di una nutrita corrente dei maggiori partiti. Sicuramente non andrebbero a controllare chi i soldi vuole toglierli dalla politica. Purtroppo i Coglion-complottisti vedono sempre qualcosa dietro, mi chiedo invece chi c’è dietro di loro.

    Aggiungo che i video di Gaia etc sono dal mio punto di vista semplice marketing aziendale. Offrono una visione esagerata e fantapolitica appositamente per far emergere l’importanza della rete e quindi l’importanza di strategie efficienti, che sono quelle che offre la Casaleggio. Si chiama marketing e serve a vendere i propri prodotti e servizi, o pensate veramente vedendo uno spot che i croissant del supermercato vengano fatti da un mugnaio dentro ad un mulino bianco?

  • Molto dettagliato, logico e condivisibile, il (troppo) lungo articolo a proposito di Casaleggio, visto da chi Casaleggio lo cocnosce da tempo.

    Però, lo stesso Casaleggio, visto dalla parte dei meetup e dalla base organizzativa/attiva del M5S, è assolutamente un’altra cosa. Assolutamente. 

  • byoblu ha scritto :
    il video che mi hai costretto a vedere è l’ennesima riproduzione piena di fuffa delle cose che ho parlato, dilungandomi appositamente, nell’articolo che mi auguro tu abbia letto, ma al quale sospetto tu non abbia posto molta attenzione visto che mi riproponi le stesse cose di cui ho già discusso.Per quanto riguarda Cado in Piedi (il blog multiautore di Chiare Lettere, editrice cartacea) e Tze Tze (aggregatore di news come ce ne sono tanti), sono gestiti da Casaleggio Associati, che per l’appunto fa strategie e servizi di rete. Embeh? Cioè non ho capito qual è il punto dell’avere scoperto che una società che si occupa di rete gestisce siti, dopo avere preso accordi, per esempio di Chiare Lettere. Sarà ben il suo lavoro, o no? O deve fallire? O pensate che, una volta gestito il blog di Grillo dal quale credo a stento copra i costi, se li copre, debba fallire?E allora che altro? E’ un piccolo nucleo di potere, gestendo due o tre poli in rete (in mezzo a milioni di altri?). Sì, certo… e allora? Quindi se io apro altri due blog e mi faccio un aggregatore di news, divento un pericoloso centro di potere occulto anche io? Ma andiamo, signori… ARGOMENTAZIONI?? Guardate, ve lo dico con tutto il cuore: se io ho scritto fino ad oggi per lettori che hanno questa sensibilità circa gli argomenti enormemente più seri che ho trattato, equiparandoli a queste cazzate sesquipedali, devo rivedere nel complesso la mia utilità e il senso di quello che sto facendo…Con rispetto, non ti sentire offeso.

    No, non mi sento affatto offeso, e vedo che hai visto solo quello che hai voluto vedre. Forse non sono riuscito a farti afferrare quello che ti volevo proporre, ossia publicare prima del video di travaglio, questo; dal momento che la tua è una sorta di risposta agli argomenti che tratta il video, o sbaglio?

    Comunque Claudio, ho letto quello che hai scritto e la forte impressione he ho avuto, è che, data la stranissima e abnorme lunghezza dell’articolo, (che tra l’altro ripete più o meno le stesse cose) tu non voglia convincere noi, ma te stesso.

    Inizio a pensare che quello che si sente offeso sei tu. Penso che tu percepisca questi “attacchi” come attacchi verso il Movimento 5 Stelle, mentre sono attacchi contro Grillo e Casaleggio, che è diverso. Ti ripeto che io SONO UN FORTE SOSTENITORE DEL MOVIMENTO, e il movimento non è Grillo, siamo NOI, o almeno questo è quello che sta alla base della filosofia del movimento. So che la pensi come me.

    Comunque io avrei un sacco di argomenti da mettere in gioco su questo tema, e se mi darai lo spazio lo farò, ora sono in ufficio xD.

     

  • E il bello è che oggi se ne escono con delle affermazioni pro-Palestina e Iran e assolutamente anti America e Israele. Guardate il sito del Corriere per credere.

  • Ad essere sincero non sono riuscito a leggere tutto il post ma credo di averne capito il senso 🙂 Personalmente sono stufo di tutti quei politici che ci sono oggi in Parlamento, anche di quei pochi onesti che probabilmente ci sono, al posto loro, non potendo fare altro, sarei uscito da molto da qualsiasi partito e da quel Parlamento. Questo è il motivo per il quale voterò M5Stelle alle prossime elezioni politiche, per cacciare via da quei banchi quanta più gente possibile. Mi importa poco che dietro il M5Stelle o Grillo ci siano gli USA, l’URSS, l’Iran, Mao, o semplicemente una setta satanica di Pompu. Mi basta che dietro non ci siano i nostri politici. Quello che sapranno fare al governo o all’opposizione  a seconda dei voti che prenderanno sarà l’oggetto del mio giudizio e l’eventuale riconferma del mio voto. Quello che invece “hanno fatto” quelli che ci sono adesso mi basta e mi avanza per il resto della mia vita.

  • Caro Claudio,

    sono il GADU 😀

    E’ bello vedere che c’è gente che crede a tutto ciò che si scrive su
    internet. La storiella del 666 è una cazzata, ma volevo vedere in
    quanti abboccavano.

    Un saluto ti seguo sempre, i tuoi articoli sono sempre molto interessanti

     

    Teschio e ossa a tutti.

     

  • byoblu ha scritto :
    Ecco, un eventuale sistema di votazione elettronica sarebbe, invece, un punto molto serio su cui prestare la massima attenzione.

     

    Eh, no!! Il voto deve rimanere com’è, perchè se ci si mette di mezzo l’elettronica è proprio finita. E’ già stato dimostrato, in USA hanno già fatto processi dove a testimoniare erano stte chiamate società alle quali erano stati commissionati software “particolari” che potessero permettere di gestire i voti, che hanno confermato la grande possibilità di gestire e truffare le votazioni. 

    Hai mai timbrato il cartellino? Io ho timbrato quello cartaceo e ho visto usare quello magnetico. Nel secondo caso ho visto fare cose fuori da ogni immaginazione. Non ho voglia di spiegare tutta la situazione. Basta informarsi. Comunque sia, mi è capitato di entrare in un paio di aziende americane, dove ho notato che usano ancora il cartellino di cartone, proprio per evitare manipolazioni che possano truffare la società. Figuriamoci se truccano le elezioniprima e le truffano poi, siamo proprio messi male.

    Ecco quando si arriverà alle elezioni elettroniche sarà prorpio la fine della democrazia, allora addio anche agli ultimi rimasugli di volontà popolare.

    • Tesoro, ma non hai capito proprio niente. Relax please.. ho detto “punto molto serio cui prestare attenzione”, nel senso che è critico e bisogna tenere dritte le antenne.
      Dal tono del tuo commento sembra che io abbia sostenuto quasi il contrario…..

  • byoblu ha scritto :
    “quello che ti volevo proporre, ossia publicare prima del video di travaglio, questo; dal momento che la tua è una sorta di risposta agli argomenti che tratta il video, o sbaglio?” Perché ritengo questo video l’ennesima riproposizione (per nulla originale: dello stesso tono ci sono centinaia di articoli) di argomentazioni illogiche, come ho argomentato nell’articolo. Dunque non vedo perché dovrei pubblicare un video che non apprezzo e non condivido sul mio blog. “abnorme lunghezza dell’articolo, (che tra l’altro ripete più o meno le stesse cose) tu non voglia convincere noi, ma te stesso.” Falso. Ho ricevuto decine e decine di richieste di chiarimenti, sui social, per posta elettronica, perfino da conoscenti. Alla fine, pur con qualche perplessità sull’utilità di rilanciare tesi astruse, mi sono convinto a dare il mio contributo. E’ lunto (concordo con te) ma solo perché, non essendoci fatti sui quali fare 2+2, tutto si gioca su riflessioni. E già questa la dice lunga. Quando esiste un fatto che ha “la forza di un fatto”, basta enunciarlo. Punto. Ma come ho scritto, come fai a confutare uno che ti accusa di essere il fratello segreto del conte dracula? Poiché non puoi esibire un documento che attesti che non sei il fratello segreto del Conte Dracula (non esistono documenti che certifichino l’impossibilità dell’impossibile) non lo puoi fare in una riga: devi cercare tuo malgrado di chiacchierare…. “Inizio a pensare che quello che si sente offeso sei tu. Penso che tu percepisca questi “attacchi” come attacchi verso il Movimento 5 Stelle, mentre sono attacchi contro Grillo e Casaleggio, che è diverso. ” Ti garantistco che non è così. Solo, rivendico il mio diritto a reputare stronzate le cose che reputo, oggettivamente, sonore stronzate. Posso? Comunque io avrei un sacco di argomenti da mettere in gioco su questo tema, e se mi darai lo spazio lo farò, ora sono in ufficio xD.Io rispondo sugli argomenti che sono i più diffusi, e che ho elencato. Di altri argomenti, se vuoi parlane ma per pietà: io per un po’ non me ne occupo più. Devo andare avanti con il blog, su quelle che ritengo questioni serie. 🙂

    Questioni serie? Non c’è nulla di più serio del fatto che: l’unico movimento che forse può fare la differenza in questo paese sia messo in cattiva luce da una stragrande e crescente fetta di gente (come è dimostrato anche da questi commenti) stia puntando il dito su coloro che dovrebbero essere il megafono del movimento e invece si rivelano i proprietari indiscussi.

    Tu, che sostieni il movimento, dimmi cosa c’è di più importante.

    Ti ripeto che avrei molte cose di cui discutere, credo di parlare a nome di tutti quando ti chiedo di darci la possibilità di discuterne qui.

    Tanto per farti un idea degli argomenti: 

    Ecco cosa scriveva qualche mese fa Davide Bono – consigliere regionale del M5S – a proposito della nomina dei 4 coordinatori nazionali del movimento:

    Quando ho chiesto perchè non li votavamo, Casaleggio mi ha risposto che le elezioni favoriscono le correnti interne, le nomine insindacabili dall’alto, no. Quando ho chiesto se dovevamo considerarle nomine tecniche o politiche, Casaleggio mi ha risposto ” Cosa te ne frega!” Ho fatto presente che sul territorio me lo avrebbero chiesto e che dovevo rispondere…..Casaleggio mi ha detto ” Se sul territorio te lo chiedono, mandali affan………..”

    copiato e incollato da nocensura.com, altra fonte di informazione valida a mio parere oltre alla tua.

    Non possiamo avere la certezza di nulla, nemmeno della veridicità di questa affermazione, ma solo discutendone ci si avvicinerà alla verità, tu invece stai proponendo di accantonare il tutto, e stai affermando che questo articolo lo hai fatto controvoglia, “solo” perchè hai assistito ad una pressione da parte di molta gente. Non pensi che tra tutta questa gente, che NON E’ la solita gente spappolata dalla TV e dai classici media, un minimo di verità o quantomeno merito di riflessione ci sia?

    Chiudo con una domanda, Claudio, chi è il leader del Movimento 5 Stelle?

  • Ronnie ha scritto :
    byoblu ha scritto : ” Ecco, un eventuale sistema di votazione elettronica sarebbe, invece, un punto molto serio su cui prestare la massima attenzione. ”   Eh, no!! Il voto deve rimanere com’è, perchè se ci si mette di mezzo l’elettronica è proprio finita. E’ già stato dimostrato, in USA hanno già fatto processi dove a testimoniare erano stte chiamate società alle quali erano stati commissionati software “particolari” che potessero permettere di gestire i voti, che hanno confermato la grande possibilità di gestire e truffare le votazioni.  Hai mai timbrato il cartellino? Io ho timbrato quello cartaceo e ho visto usare quello magnetico. Nel secondo caso ho visto fare cose fuori da ogni immaginazione. Non ho voglia di spiegare tutta la situazione. Basta informarsi. Comunque sia, mi è capitato di entrare in un paio di aziende americane, dove ho notato che usano ancora il cartellino di cartone, proprio per evitare manipolazioni che possano truffare la società. Figuriamoci se truccano le elezioniprima e le truffano poi, siamo proprio messi male. Ecco quando si arriverà alle elezioni elettroniche sarà prorpio la fine della democrazia, allora addio anche agli ultimi rimasugli di volontà popolare.

     

    Confermo…anche io ho vissuto il passaggio dal cartellino cartaceo al quello elettronico (badge)…

    Il dirigente in questione può accedere al sistema è modificare in un baleno le ore di lavoro…

    In passato è successo che a qualche collega, qualche ora si sia perduta strada facendo!!!

    Direi che un sistema elettronico è proprio da evitare come la peste!!!

  • byoblu ha scritto :
    ” Ma porca vacca ma siamo in grado di leggere e capire o no. Ferma il cervello, apri le orecchie e ascoltami attentamente: IO NELL’ARTICOLO PARLO ESCLUSIVAMENTE DELLE PANZANE IN STILE JP MORGAN? E dico testualmente che LE ALTRE CRITICHE SONO SERIE E FONDATE. E aggiungo che LE CRITICHE COMPLOTTISTICHE DELLA PRIMA SPECIE RUBANO LA SCENA ALLE SECONDE.Ma cosa vuoi da me? Impara a comprendere prima di scrivere. E non usare i grassetti che ti capiamo lo stesso. 

     

    Non ti scaldare, uso i grassetti perchè tu li hai resi disponibili, e li uso non più di quanto tu usi il maiuscolo, quindi evitiamo queste sciocchezze.

    Stai quindi dicendo he le critiche della prima specie rubano la scena alle seconde. E tu cosa fai per ridare la scena alle seconde? Parli delle prime. Mi pare giusto -.- 

    E per favore, non mi scrivere che non capisco le cose, che devo aprire le orecchie e cazzate varie che non servono a nulla.

    Claudio, fino ad oggi ti sei sempre rivelato una valida forma di informazione, ti ripeto, dai più spazio a questo argomento, non farai che bene al movimento.

     “Ma cosa vuoi da me?” Questo.

  • Questa discussione non fa altro che confermare che dobbiamo imparare a difenderci…

     

    non dai politici…non da un sistema corrotto…non dai partiti corrotti, non dai fatomatici “vecchi” che tessono le trame del potere.

    MA DA NOI STESSI. LA RAZZA UMANA.

     

    Troviamo sempre il modo (anche all’interno di movimenti, razze, o stesse ideologie, ecc ecc) di autodistruggerci.

     

    Il m5s ha dei problemi interni? Ma guarda un pò che grande scoperta…

  • Leggendo le accuse contro Grillo che circolano in rete ultimamente io ho fatto un pò di riflessioni pratiche.

    Per esempio tra i nomi che si celano dietro la oscura Casaleggio ci sarebbe la MONSANTO, che per coloro che lo ignorano è una multinazionale che tra le tante cose ha investito ed investe miliardi sugli OGM.

    Ebbene mi aspetterei che Grillo parlasse favorevolmente di OGM, ma io che lo seguo da anni, ricordo diversi post di attacchi netti è duri contro leggi pro ogm. E non ho mai sentito mezza parola a favore. Ecco qualche post significativo:

    http://www.beppegrillo.it/2010/01/ogm_fuori_dallitalia.html

    http://www.beppegrillo.it/2012/03/passaparola_sac.html

    http://www.beppegrillo.it/2012/02/il_riso_doro_og.html

    E nonostante tutto ho letto sciocchezze, anche tra i commenti in questo blog, in cui si diceva che Grillo fosse favorevole ai movimenti americani che pagati da monsanto e quindi pro ogm, tutte stupidaggini scritte a caso, senza la minima ricerca o peggio volutamente omissive e vaghe.

     

    Stesso discorso riguardo il presunto appoggio agli americani. Come può tutto questo andare d’accordo con i durissimi attacchi di Beppe contro la presenza di basi militari americane?

    Mentre a quelli che sostengono che Grillo non parla più di SIGNORAGGIO da quando ha a che fare con Casaleggio, vorrei far presente che il vuoto giuridico sulla proprietà della moneta è qualcosa che cela interessi talmente grandi che non sono discutibili con facilità e presuppongono un approccio molto graduale, perchè se è vero che si toccano interessi PRIVATI grandissimi, è altrettanto vero che tutto questo potere economico non è cosi stupido da farsi ‘spodestare’ con facilità.

    Tant’è che beppe in un’intervista dice che quando il m5s avrà la forza, pian piano inizierà a proporre la circolazione di DOPPIA MONETA, esattamente come proponeva Auriti, per evitare ripercussioni economiche disastrose.

  • Claudio, compari come secondo articolo su Tze Tze, (per chi non lo sapesse è uno dei tanti servizi di Casaleggio Associati).

    FOTO: (http://i47.tinypic.com/orsbv8.png)

    Eppure leggendo il regolamento:

    "TzeTze pubblica in tempo reale le notizie scelte dagli utenti.È un palinsesto dinamico originato dagli utenti, aggiornato ogni mezz’ora, che seleziona da siti rigorosamente solo on line, che non hanno quindi una derivazione cartacea o televisiva, le informazioni in base alla loro popolarità e attualità.

    L’inserimento del simbolo della mosca (bottone tzetze) a margine della notizia pubblicata nel proprio sito o blog consente di farla votare ed essere visibile nel portale tzetze.

    L’obiettivo di TzeTze è di promuovere l’informazione indipendente in Rete svincolandosi dai mainstream media e di pubblicare le notizie in funzione dell’importanza attribuita loro dagli utenti."

    Pare che tu deba avere la mosca nel tuo sito per poter essere votato e quindi comparire nelle news di tze tze.

    Come è possibile che tu ci sei senza avere la mosca? O almeno io non la vedo…

    • La mosca c’è ed è visibile sotto ogni articolo di byoblu…. poi vi chiedete perchè Claudio si incazza?!? ATTIVATE IL CERVELLO PER FAVORE!

    • La dimostrazione più chiara degli argomenti di questi signori. Francamente, se il tenore dei commenti è questo, mi domando oerchè sto a perderei tempo.Tra l’altro, spiegate a sto yo yo che puoi inserire links su tre tze anche senza avere la moschina (una tra le tante icone social disponibili): c’è un apposito modulo su tze tze di inserimento manuale.

  • byoblu ha scritto :
    Sì, ma preciso anche qui che il commento che hai riportato non aveva capito che il sottoscritto condivide le preoccupazioni.

     

    Sì, ma guarda che, forse il tono del tuo commento faceva presagire tutt’altro. Non siamo noi che non abbiamo capito. Ti volevi esprimere contro, ma sembrava il contrario. Come dice CettoLa Qualunque: “CAPITA”!

    In quanto al discorso del voto elettronico, on line o simili, non va’ neanche preso in considerazione. Adesso ho capito che sei d’accordo.

  • alb82 ha scritto :
    NeroLucente ha scritto : ” Mentre a quelli che sostengono che Grillo non parla più di SIGNORAGGIO” Secondo me invece è molto più semplice. Anche Grillo sbaglia. Si è accorto della bufala del signoraggio e ha smesso di parlarne.

     

    Cmq resta il fatto che il sistema monetario funziona un modo anomalo…

     

    E gli interessi che dobbiamo pagare sui prestiti sono profondamente ingiusti, le banche (grazie al sistema della riserva frazionaria) prestano moneta che non esiste, guadagnandoci lautamente!!!

     

    A me tanto bufala non sembra affatto…che non esista una legge che dica espressamente a chi appartiene il denaro…nn mi pare una bufala…

     

    Che le agenzie di rating diano la tripla A o la tripla xxx ad uno stato (equiparandolo ad una spa) lo trovo profondamente ingiusto…a me non sembra una  bufala!

    • Riguardo la moneta che non esiste: quanto pensi che valga un pezzo di carta?

      Il sistema economico è basato sulla moneta fiduciaria proprio perchè la moneta vale solo perchè esiste la reciproca fiducia(tra coloro che fanno lo scambio) che quel pezzo di carta vale quello che c’è scritto sopra.

      La banca crea moneta che non esiste, comunque finchè esiste la fiducia che quella somma può essere restituita, quella moneta esiste.

      Le agenzie di rating misurano questo e non ci vedo nulla di male nel misurare anche gli stati, che tra l’altro di solito (vedi Italia) sono governati da persone poco rispettabili e poco credibili (agenzie di rating anche per i partiti magari?)

  • parlate esattamente come tutti i politici, del nulla, chi vince chi perde, chi c’è dietro o davanti o destra o sinistra, quello ha detto quello ha fatto, io ho sentito, vatti a leggere questo o quel link,scusa la poltrona è mia o no scusa è la tua,adesso vado in piazza e col microfono urlo contro il sistema che non mi piace, però io in fondo voglio fare lo stesso voglio persino usare lo stesso gergo politichese. Ma non rompete più l’anima, non è che siamo tutti deficienti

  • yoyo_su_byoblu ha scritto :
    " Invito a leggere questo PDF su grillo e casaleggio, è abbastanza interessante, sono 63 pagine che claudio avrà sicuramente letto, lo facciano anche gli altri. "

     Ok…letto tutto d’un fiato! Tutto condivisibile, per altro l’articolo documenta tecniche che vengono utilizzate veramente in abito web. Da ricordare ad esempio i falsi "ammiratori" che determinate agenzie creano nei profili facebook et simila…

    Non condivido assolutamente il finale che cito:

     Chi ci guadagna in tutto questo? 

    I clienti della Casaleggio. 
    Quelle multinazionali che hanno tutto l’interesse a che una 
    moneta si svaluti, che un’altra si rafforzi, anche grazie ad una 
    incertezza o inaffidabilità politica

     "Chi ci guadagna in tutto questo? I clienti della Casaleggio. Quelle multinazionali che hanno tutto l’interesse a che una moneta si svaluti, che un’altra si rafforzi, anche grazie ad una incertezza o inaffidabilità politica"

     

    Non condivido assolutamente questa affermazione…non perchè non possa essere vera.Ma semplicemente per il fatto che per far svalutare una moneta o cmq distruggere uno stato o renderlo schiavo ecc ecc. di certo i grossi gruppi internazionali hanno una tale elevata potenza finanziari che di sicuro non vanno dalla Casaleggio per raggiungere i propri scopi ma usano l’arma della finanza CHE STA NELLE MANI DEGLI AMICI BANCHIERI.

    Spero di aver reso l’idea.

    • L’ho letto, l’avevo già letto e commentato in precedenti articoli, e l’ho trovato pieno delle stesse inconcludenti argomentazioni che ho citato qui in questo articolo.

      Ma non ascoltate me: io sono pagato da Casaleggio.

    • si potrebbe scherzare sul tema, ma dato il livello di molti che commentano è bene essere chiari, a costo di sembrare pedanti: gli unici compensi mai percepiti sono quelli che ho dichiarato nell’articolo, risalenti a qualche anno fa. Dopodichè non ho più avuto rapporti di natura economica. Basto a me stesso e voi, con le vostre donazioni, mi bastate (per fortuna). E’ un mio vanto.
      Chi non ci crede, lo sfido a produrre documentazioni che attestino una qualsiasi mia dipendenza economica che non sia dai proventi del mio blog, a livello di donazioni e di introiti pubblicitari (gestiti autonomamente da Adsense).
      Ovviamente, occhio (avviso ai naviganti): se volete insinuare che io sono pagato da qualcuno, prima assicuratevi di avere le prove di quello che dite, altrimenti una bella querela per diffamazione aggravata a mezzo stampa non ve la toglie nessuno, perché se mi togliete la mia onestà, guadagnata in anni e anni di sacrifici e al prezzo della salute, oltre che degli affetti, mi togliete tutto.

    • E hai cancellato il mio messaggio per questo motivo? Inutile far leggere cose inconcludenti a tutti vero? 🙂

      Esatto. Lo trovo un documento fuffoso e fuorviante. E poichè avevo già risposto in precedenza, su altri post a tema Grillo, non posso ogni volta perdere tempo a ripetere le stesse cose, nè credo sia utile dare risalto a qualcosa che in massima parte tratta delle cose che ho discusso qui sopra, nel post. Altrimenti non finiamo più.

  • alb82 ha scritto :
    Riguardo la moneta che non esiste: quanto pensi che valga un pezzo di carta? Il sistema economico è basato sulla moneta fiduciaria proprio perchè la moneta vale solo perchè esiste la reciproca fiducia(tra coloro che fanno lo scambio) che quel pezzo di carta vale quello che c’è scritto sopra. La banca crea moneta che non esiste, comunque finchè esiste la fiducia che quella somma può essere restituita, quella moneta esiste. Le agenzie di rating misurano questo e non ci vedo nulla di male nel misurare anche gli stati, che tra l’altro di solito (vedi Italia) sono governati da persone poco rispettabili e poco credibili (agenzie di rating anche per i partiti magari?)

     

    Veramente (la crisi mi pare lo dimostra) Dal 1980 ad oggi le banche hanno emesso prestiti in modo selvaggio…su questa presunta fiducia che dici tu!!!

     

    Questo sistema di prestiti equivale al famoso gioco della sedia…alla fine della musica qualcuno resterà in piedi…ovvero non sarà capace di ripagare il debito.

     

    Gli sequestreranno la casa (la banca gli aveva prestato i soldi per comprarla…e si, avevano fiducia), gli sequestrano l’azienda (eppure erano così tanto fiduciosi che il signor pincopallino avrebbe restituito il prestito)…

     

    Ti sequestrano la vita…non dico che sotto ci sia un sistema occulto per schiavizzare la gente.

    Però in questo sistema (dove tutto si valutA solo ed esclusivamente in base ai soldi) mi pare evidente che qualcosa va totalmente riveduto.

     

    I soldi devono essere al sevizio della gente…Non la gente al sevizio del denaro! 

     

    • Io intendevo spiegare come funziona il sistema, che poi non sia il meglio è un altra questione e sono d’accordo.

      Il sistema prevede che l’economia debba sempre essere in crescita. Siccome così non è e questo lo vediamo dalla storia è insito nel sistema che qualcuno deve fallire.

      Tutto il gioco è tenuto su dalle banche, quindi se il sistema deve andare avanti queste non possono fallire.

      Ed è così da sempre, solo che più andiamo avanti e più le cadute rischiano di farci male

    • L’articolo su AgoraVox è stato rimosso da AgoraVox, non da Tze Tze. Bisogna chiedere ad Agora Vox perché l’ha rimosso. In ogni caso conteneva una domanda, posta a Gad Lerner che aveva parlato della questione Grillo /Israele, riferendosi a un articoletto comparso sul Corriere della Sera di ieri che non pubblicava l’intervista originale (della quale sembra non vi sia traccia) ma solo qualche affermazione de relata. La domanda era, sostanzialmente, perché Gad Lerner non avesse verifcato il testo integrale dell’intervista di Grillo, prima di emettere la sua sentenza. Non era quindi una cosa contro Grillo o Casaleggio, ma a favore. Dunque quale motivo avrebbe avuto Casaleggio di rimuoverla da Tze Tze? Inoltre, per rimuovere un articolo da una piattaforma lo si rimuove “logicamente” dal db, in modo che non venga più mostrato, non lo si lascia in bella mostra, puntare a una pagina bianca che insospettisce.

      Bisogna chiedere ad AgoraVox perché ha tolto l’articolo. Semplice. Qualcuno l’ha fatto?

  • alb82 ha scritto :
    Io intendevo spiegare come funziona il sistema, che poi non sia il meglio è un altra questione e sono d’accordo. Il sistema prevede che l’economia debba sempre essere in crescita. Siccome così non è e questo lo vediamo dalla storia è insito nel sistema che qualcuno deve fallire. Tutto il gioco è tenuto su dalle banche, quindi se il sistema deve andare avanti queste non possono fallire. Ed è così da sempre, solo che più andiamo avanti e più le cadute rischiano di farci male

     

    Ok…ti sei spiegato…

     

    Porterei avanti l’argomento…però ci stiamo un attimo discostando dall’argomento principale…

    Magari se avremo modo riprenderemo il discorso su di un altro articolo…

    I blog sono belli…preferisco però di gran lunga i forum…più adatti per scambi di idee e opinioni…e poi se commetti errori ortografici puoi correggere…qui no!!!

     

  • byoblu ha scritto :
    L’ho letto, l’avevo già letto e commentato in precedenti articoli, e l’ho trovato pieno delle stesse inconcludenti argomentazioni che ho citato qui in questo articolo. Ma non ascoltate me: io sono pagato da Casaleggio.

     

    Ammettilo anche tu sei un influencer!!!

    • Che poi anche sta cosa degli influencer. Cos’è un influencer? Uno che influenza, grazie alla reputazione che si è costruito e al buon lavoro che svolge. Ma siamo tutti influencer allora: dai giornalisti, ai presentatori, a chi organizza convegni e parla in pubblico. Ognuno, nel suo piccolo o in grande, influenza gli altri grazie al fatto di esistere e contribuire. Dunque dire che “chi controlla gli influencer controlla la rete” è banalmente come dire che se Berlusconi si compra un giornale o piazza Minzolini, controlla l’informazione. Non c’è niente di più o di meno. Dunque tutto si riduce alla domanda “ti hanno comprato”? Se vedessi lo sportello della mia macchina fracassato da anni, senza che io abbia i soldi per sistemarlo, probabilmente risponderesti da solo di no. In ogni caso, se uno ha il dubbio, dovrebbe verificarlo con fonti certe (ma abbiamo visto che le fonti, per certa gente, sono un optional) oppure tenersi alla larga da me e da questo blog.

  • byoblu ha scritto :
    Che poi anche sta cosa degli influencer. Cos’è un influencer? Uno che influenza, grazie alla reputazione che si è costruito e al buon lavoro che svolge. Ma siamo tutti influencer allora: dai giornalisti, ai presentatori, a chi organizza convegni e parla in pubblico. Ognuno, nel suo piccolo o in grande, influenza gli altri grazie al fatto di esistere e contribuire. Dunque dire che “chi controlla gli influencer controlla la rete” è banalmente come dire che se Berlusconi si compra un giornale o piazza Minzolini, controlla l’informazione. Non c’è niente di più o di meno. Dunque tutto si riduce alla domanda “ti hanno comprato”? Se vedessi lo sportello della mia macchina fracassato da anni, senza che io abbia i soldi per sistemarlo, probabilmente risponderesti da solo di no. In ogni caso, se uno ha il dubbio, dovrebbe verificarlo con fonti certe (ma abbiamo visto che le fonti, per certa gente, sono un optional) oppure tenersi alla larga da me e da questo blog.

     

    Ovviamente lo dicevo in senso ironico!!!

     

     

    Cmq personalmente, l’unica cosa che ritengo reale di quel documento e lo stile di marketing…

    Tecnicamente è una cosa possibilissima…Esistono società che fanno questo lavoro, vedi i falsi followers dei vari social utilizzati da aziende e vip!!!

     

    Probabilmente anche la Casaleggio usa questa tecnica…

     

    Cmq considero tutto questo una inutile ricerca “del pelo nell’uovo”…i veri truffatori sono altri!

     

     

     

     

  • byoblu ha scritto :
    Lo so, lo so che eri ironico :). Ma rispondevo a te per rispondere a tutti. Io non posso permettermi di essere ironico: me lo rinfacciano, e alcuni non capiscono l’ironia. Comunque la tecnica di marketing sicuramente esiste, ma si basa (per esempio sui prodotti tecnologici) sull’invio gratuito di questo o quel device, che poi uno (avendolo gratis) è portato a fare una bella recensione.Per quanto riguarda l’informazione libera, non vedo come potrebbe funzionare: o ti pagano, o ti danno lavoro. Siccome io ho sempre rifiutato qualunque occupazione che mi portasse via dal blog, e siccome il blog mi assorbe oltre le 24 ore giornaliere, la seconda è impossibile. La prima, ovviamente, bisogna fidarsi sulla parola (e l’estratto conto, che è familiare, non lo pubblico per questioni di privacy), ma chiunque mi conosce vede come vivo. E del resto, l’onere di provare che qualcuno mi da i soldi sotto banco è vostro. Non è che il tacchino si autoinvita al pranzo di Natale, come dice Travaglio :))

     

    Un pò di questa tua trasparenza  dovresti girarla a Grillo e company…Tanto per mettere in luci alcuni punti in ombra…

     

    Anche se in realtà i complottisti…quancosa trovano sempre! 

     

     

  • Comunque è proprio vero che pur di screditare Grillo sarebbero disposti a tutto, ripeto a tutto! Io per il momento non sono un sostenitore convinto del M5S (i motivi non li elenco perchè esulano dalla discussione) ma apprezzo per il coraggio con cui Grillo si espone nell’argomentare questioni e fatti che non solo non sono presenti nei canali tradizionali ma costituiscono veri e propri tabù. Per citarne alcuni: Euro e Israele. Sono rimasto allibito nel vedere gli articoli usciti da una ricerca nell’aggregatore di notizie Google News usando le parole chiave “Beppe Grillo”: “il mullah Grillo” (articolo di Emanuele Fiano comparso nella rassegna stampa del PD), “Grillo e la sindrome del complotto pluto-demo-giudaico” de Il Panorama, “Osama Bin-Grillo” de Il Giornale, “Grill Laden dichiara guerra a Israele” di Libero. E tutto questo solo per aver detto che in Iran l’economia va bene e che i fatti che riguardano il medio oriente sono filtrati da un’agenzia di stampa controllata dal Mossad. Ma stiamo scherzando? Ridere o piangere? Chiunque abbia avuto la voglia di documentarsi sa che Israele ruola un gioco fondamentale negli scenari geo-politici internazionali, sa che la stampa italiana è filo-americana e (quindi) filo-israeliana, sa che in Iran in effetti non si vive male (solo per aver affermato quest’ultima cosa sono stato travolto di insulti un mesetto fa). E cosa fa la stampa? Si mette a coniare sfottò così ridicoli antipatici e disgustosi. Soprattutto quando vengono dal PD, quelli delle liberalizzazioni e dell’americanismo ed europeismo a tutti i costi.

    Sinceramente non so se Grillo avrà la forza di reggere l’urto di fango e calunnie che la macchina infagratrice, potentissima, di tv e giornali sta mettendo in modo. In qualche modo la macchia la troveranno, e quando avverrà solamente l’onesta e il buon senso del popolo, unitamente, sarà in grado di smascherare. Ma sinceramente ne dubito

    Filippo G.

  • Lucio Anneo Seneca ha scritto :
    Comunque è proprio vero che pur di screditare Grillo sarebbero disposti a tutto, ripeto a tutto! Io per il momento non sono un sostenitore convinto del M5S (i motivi non li elenco perchè esulano dalla discussione) ma apprezzo per il coraggio con cui Grillo si espone nell’argomentare questioni e fatti che non solo non sono presenti nei canali tradizionali ma costituiscono veri e propri tabù. Per citarne alcuni: Euro e Israele. Sono rimasto allibito nel vedere gli articoli usciti da una ricerca nell’aggregatore di notizie Google News usando le parole chiave “Beppe Grillo”: “il mullah Grillo” (articolo di Emanuele Fiano comparso nella rassegna stampa del PD), “Grillo e la sindrome del complotto pluto-demo-giudaico” de Il Panorama, “Osama Bin-Grillo” de Il Giornale, “Grill Laden dichiara guerra a Israele” di Libero. E tutto questo solo per aver detto che in Iran l’economia va bene e che i fatti che riguardano il medio oriente sono filtrati da un’agenzia di stampa controllata dal Mossad. Ma stiamo scherzando? Ridere o piangere? Chiunque abbia avuto la voglia di documentarsi sa che Israele ruola un gioco fondamentale negli scenari geo-politici internazionali, sa che la stampa italiana è filo-americana e (quindi) filo-israeliana, sa che in Iran in effetti non si vive male (solo per aver affermato quest’ultima cosa sono stato travolto di insulti un mesetto fa). E cosa fa la stampa? Si mette a coniare sfottò così ridicoli antipatici e disgustosi. Soprattutto quando vengono dal PD, quelli delle liberalizzazioni e dell’americanismo ed europeismo a tutti i costi. Sinceramente non so se Grillo avrà la forza di reggere l’urto di fango e calunnie che la macchina infagratrice, potentissima, di tv e giornali sta mettendo in modo. In qualche modo la macchia la troveranno, e quando avverrà solamente l’onesta e il buon senso del popolo, unitamente, sarà in grado di smascherare. Ma sinceramente ne dubito Filippo G.

     

    IL sistema non starà a guardare…se Grillo a degli scheletri nell’armadio è meglio che li tiri fuori adesso…

     

    Altrimenti si rischia di distruggere tutto il buono fatto fino ad ora. 

  • Finito di leggere il post mi viene in mente una sola domanda, è sfuggito solo a me o in tutto l’articolo vedo solo considerazione personali? In breve..

    Hai scritto parecchio ma si può riassumere così: queste sono le cose che vanno dicendo ma non lo vedete che sono caxate? Perchè? Bè, perchè è evidente..

    Emm..come ragionamento può non fare una piega ma visto che l’intento credo fosse contro-informare su argomenti che ritenevi dovesserro essere spiegati meglio, per evitare che molte persone “cascassero” in pensieri complottisti, non mi sembra sia uscito niente di eclatante. In conclusione, te non ci credi, per te sono tante cappellate e ora che l’hai scritto chiaramente perchè continuare ad avere dubbi?

    Un appunto riguardo al tuo ragionamento sull’appartenenza a gruppi tipo aspen o bilderberg. Per quest’ultimo mille dubbi perchè ormai ci credi pure te ma come saprai bene fino a qualche mese fà chi faceva notare giochi strani tra i partecipenati alle rinunioni veniva preso per pazzo. Qualcuno avrebbe potuto scrivere un pezzo dove parlava del complottista claudio messora che crede alle storie dei gruppi di potere privati e va pure a dirlo in TV. Ti dirò di più, qualcuno scrive tutt’ora articoli contro chi accusa monti di favorire i piani di questi signori. Insomma, benvenuti a siamo tutti complottisti..qualche volta si, qualche volta no.. 🙂

    Ti cito:

    “Spendo invece due parole sul fatto che Sassoon sia membro dell’Aspen Institute. Essere membri non significa innanzitutto frequentare assiduamente nè contare necessariamente qualcosa.. ..Avere la qualifica di semplice membro non implica avere per forza obiettivi loschi a che spartire con gli altri membri o con le alte cariche di un’organizzazione..”

    Per carità no di certo, è prassi normale di ogni persona (te compreso?) accettare di far parte di un consiglio di amministrazione, di essere iscritto come membro più o meno importante o di lasciare che il proprio nome venga associato a qualche organizzazione senza necessariamente sapere o condividerne le idee o la “mission”.

    Un esempio di fantasia perfetto? Forse avrai notato che il mio nome è tra gli iscritti di basso livello di una famosa organizzazione di pedofili, cannibali e assassini, se stasera hai da uscire però stai tranquillo, puoi lasciare tuo figlio piccolo a casa, ti faccio io da babysitter, ok?

    Per finire vi pregherei di usare il meno possibile la parola complottista, l’ho utilizzata per rispondere al post ma non ha senso se non in casi CHIARI al 100% (cioè quasi mai..) e la ritengo quantomeno offensiva verso chi viene usata. Grazie.

  • Criticato si, ci mancherebbe altro, ma con parole tue, senza dire cosa io penso. 🙂

    Riguardo a JPM, basta ti prego, sarà colpa mia che non l’ho scritto chiaro ma sò bene che intrallazzi fanno e tutti documentabili. A voler approfondire sarebbe da guardare per chi lavorano, tutto documentabile anche questo. I nomi sono i solito e non è un caso. Negli anni ho imparato che esistono vari livelli di approfondimento su questi argomenti, stà a ognuno di noi fermarsi a quello che preferiamo. Chi critica monti ad esempio può farlo scrivendo dei soldi che guadagna, del modo strano in cui è salito al potere, delle sue partecipazioni ai vari gruppi, delle scuole che ha fatto, etc. Poi c’è chi semplicemente si accontenta di vederci un salvatore ma che vogliamo farci? Il risveglio poi è brutto è, per chi si sveglia.. 🙂

    • peccato che l’unico livello di approfondimento disponibile sul collegamento Casaleggio ==> JP Morgan (come delle altre cose che ho discusso nell’articolo), sia quello che ho trattato io. Non me ne risultano altri: dicono tutti le stesse cose. Zero argomenti. Zero fatti concreti. Tanti affascinanti e suggestivi punti interrogativi con i quali ti faccio diventare un rettiliano tempo dodici secondi.

      E se invece esiste una documantazione “approfondita”, tirala pure fuori, così passiamo al livello successivo della discussione. Altrimenti stai parlando anche tu a vanvera (e perdonami se ho il forte sospetto che ti piaccia).

  • Non ti perdono e smettila con questo tono insinuatorio (yoyo dice, forse yoyo è così, scusami ma ho il sospetto che yoyo sia così, etc.). Visto che ci sei tira fuori una foto del tesoriere della margherita. La voglio in primo piano e mentre ha i soldi in mano, tutti e 23 milione di euro..o anche più.. Come dici? Abbiamo la registrazione? Qualche documento? Tutte falsità, la voce sul nastro non era sua, mi spiace, hanno assoldato un imitatore che gli ha fregato il cellulare proprio quel giorno. Vuoi una caxo di pistola fumante (così si dice in gergo investigativo)? Non c’è, quindi assolviamoli tutti e festa finita.

    La JPM come la Goldman S. e simili sono istituzioni private aberranti, hanno fatto le peggiori merdate della storia della finanza, tutte legali e documentate magari, ma questo sono. Punto.

    In future conversazioni cerca di evitare il tono descritto sopra o potrei avere il sospetto che lo usi apposta. Grazie.

  • Quando un asino raglia lo fa per farsi sentire e per farlo smettere serve il bastone.

    Non darei tutta questa importanza a queste congetture, alla fine si deve valutare l’uomo, che a me piace, ed il programma, che trovo per ora lacunoso.

    Quello che mi interessa è la posizione su argomenti importanti, sull’euro ad esempio, è la seconda volta in una settimana che Grillo specifica di non avere una posizione netta, mi sono avvicinato a M5S perché credevo l’avesse, evidentemente mi sono sbagliato.

    In aprile (er diktator ha deciso così) saprò quello che voglio, senza bandiere e colori, se lo ritrovo bene, sennò tornerò a far parte del I partito: quello dei rassegnati.

  • Io credo che il cancro italiano sia culturale molti socioloci e psicologi vedeno nel cattolicesimo, una cultura che non ha mai funzionato passiva dove l’individuo  non realizza nel bene ma nel denaro e ch e che impedisce e rallenta l’evoluzione di un paese 

  • Io credo che il cancro italiano sia culturale molti socioloci e psicologi vedeno nel cattolicesimo, una cultura che non ha mai funzionato passiva dove l’individuo  non realizza nel bene ma nel denaro e ch e che impedisce e rallenta l’evoluzione di un paese 

  • Io credo che il cancro italiano sia culturale molti socioloci e psicologi vedeno nel cattolicesimo, una cultura che non ha mai funzionato passiva dove l’individuo  non realizza nel bene ma nel denaro e ch e che impedisce e rallenta l’evoluzione di un paese 

  • Io credo che il cancro italiano sia culturale molti socioloci e psicologi vedeno nel cattolicesimo, una cultura che non ha mai funzionato passiva dove l’individuo  non realizza nel bene ma nel denaro e ch e che impedisce e rallenta l’evoluzione di un paese 

  • Io credo che il cancro italiano sia culturale molti socioloci e psicologi vedeno nel cattolicesimo, una cultura che non ha mai funzionato passiva dove l’individuo  non realizza nel bene ma nel denaro e ch e che impedisce e rallenta l’evoluzione di un paese 

  • E’ matematicamente di parte. Dunque questo articolo, almeno da chi cerca di vedere le cose da un punto di vista minimamente oggettivo, è privo di significato, e non può in alcun modo essere preso in considerazione.

    E’ come se la Mediaset mandasse in onda un servizio su quanto è bello Berlusconi.

    Senza contare che è sempre tra i primi articoli di tze tze. Uno che mette l’icona di zte tze prima di facebook e twitter o è un pazzo o ha accordi.

    Anche se su quest’ultima cosa mi sbagliassi, il numero di commenti a questo aricolo parla chiaro, stavolta Claudio non è uno di noi.

    Potrà dire che non glie ne frega nulla, tanto è come parlare al muro, ha la sua idea (o almeno lo spero) e non prende nemmeno in considerazione il fatto di poter essersi minimamente sbagliato in qualcosa.. 

    Con la speranza di non vedere più articoli con paraocchi, (e fino ad oggi non ce ne sono mai stati), saluto tutti. Viva il Movimento e Abbasso Casaleggio. 😀

  • Yo Yo, sono perfettamente d’accordo con te, ma è inutile… Byoblu c’è troppo dentro, è interessato personalmente, ci collabora proprio con Casaleggio, lo ha affermato lui…

    E’ matematicamente di parte. Dunque questo articolo, almeno da chi cerca di vedere le cose da un punto di vista minimamente oggettivo, è privo di significato, e non può in alcun modo essere preso in considerazione.

    E’ come se la Mediaset mandasse in onda un servizio su quanto è bello Berlusconi.

    Senza contare che è sempre tra i primi articoli di tze tze. Uno che mette l’icona di zte tze prima di facebook e twitter o è un pazzo o ha accordi.

    Anche se su quest’ultima cosa mi sbagliassi, il numero di commenti a questo aricolo parla chiaro, stavolta Claudio non è uno di noi.

    Potrà dire che non glie ne frega nulla, tanto è come parlare al muro, ha la sua idea (o almeno lo spero) e non prende nemmeno in considerazione il fatto di poter essersi minimamente sbagliato in qualcosa.. 

    Con la speranza di non vedere più articoli con paraocchi, (e fino ad oggi non ce ne sono mai stati), saluto tutti. Viva il Movimento e Abbasso Casaleggio. 😀

    (mi sembra che questo messaggio sia stato rimosso, quindi lo riposto, quello sopra è sbagliato perchè ricopiandolo dalla mail di conferma ho saltato un pezzo)

     

  • grillo non dice un cazzo da anni ….e’ un venduto all’elite’ non ve ne eravate accorti……aprite gli occhi ,..parla solo di politica inesistente perche’ sono le banche e le lobby che fanno le loro politiche attraverso tutte le strutture in loro potere …praticamente Tutto …Grillo fa’ il gioco delle banche ,,….calma gli animi ,..fa ‘ sentire alla gente che qualcuno che combatte per il popolo ……Coglioni …Lui fa ‘ parte del processo di controllo mentale delle masse ,…..grillo e’ un messaggio sublimnale che fa’ comodo in italia ,……alle elite che si stanno spartendo il povero paese …..E’ un traditore al servizio degli illuminati …certo che si …Coglioni !

  • grillo non dice un cazzo da anni ….e’ un venduto all’elite’ non ve ne eravate accorti……aprite gli occhi ,..parla solo di politica inesistente perche’ sono le banche e le lobby che fanno le loro politiche attraverso tutte le strutture in loro potere …praticamente Tutto …Grillo fa’ il gioco delle banche ,,….calma gli animi ,..fa ‘ sentire alla gente che qualcuno che combatte per il popolo ……Coglioni …Lui fa ‘ parte del processo di controllo mentale delle masse ,…..grillo e’ un messaggio sublimnale che fa’ comodo in italia ,……alle elite che si stanno spartendo il povero paese …..E’ un traditore al servizio degli illuminati …certo che si …Coglioni !

  • grillo non dice un cazzo da anni ….e’ un venduto all’elite’ non ve ne eravate accorti……aprite gli occhi ,..parla solo di politica inesistente perche’ sono le banche e le lobby che fanno le loro politiche attraverso tutte le strutture in loro potere …praticamente Tutto …Grillo fa’ il gioco delle banche ,,….calma gli animi ,..fa ‘ sentire alla gente che qualcuno che combatte per il popolo ……Coglioni …Lui fa ‘ parte del processo di controllo mentale delle masse ,…..grillo e’ un messaggio sublimnale che fa’ comodo in italia ,……alle elite che si stanno spartendo il povero paese …..E’ un traditore al servizio degli illuminati …certo che si …Coglioni !

  • Concordo pienamente con Andrea Seki…

    E’ inutile che continuate a farci il lavaggio del cervello… Le persone piano piano si risveglieranno e tutti questi falsi profeti, come quelli che li difendono, bruceranno all’inferno…

  • GRAZIE, davvero, il tuo lavoro é utile intelligente e denso. MA aggiungerei una cosa, a proposito del CUI PRODEST

    Chi ha convenienza a creare tanto fumo e zolfo attorno Grillo? certo i nomi son troppi in un paese dove l’amministratore telecom fa spiare i telefoni

  • Caro Claudio, dopo averti espreso il mio profondo appprezzamento, ho letto numerosi commenti e ti ho visto perdere la pazienza, ti capisco…MA mi sento quindi di rinnovare una questione cui ho accennato:giriamo il CUI PRODEST

    Posto che gli ignoranti sono sempre tanti(ma qui sembrano puntualmente e miratamente ignoranti, sennó perché perdi tempo con Casaleggio invece di accanirti con i mille tronchetti d’Italia?)

    posto che qualcuno possa odiare semplicemente a pelle e accanirsi(é un sottoinsieme del primo assunto)

    posto che il paese é cronicamente malato di Tifo, manicheista allo spasimo.

    posto tante cose, io vorrei fare un po’ di dietrologia o complottismo a mia volta, con la differenza che li chiamo tali e li promuovo attraverso quel concetto desueto tra i complottisti paranoidi, ovvero la verosimiglianza.

    ANALIZZO SOLO UNO DEI 1000 DATI POSSIBILI per VALORIZZARE LA MIA TEORIA: In un paese dove si comprano i voti (circa 50 eu in sicilia, ora pare siano stati comprati a 200 eu, e quindi devono valere almeno il doppio per chi li compra essendo investimento illegale ergo ad altissimo rischio) e se ne possono comprare si stimiamo circa il 10%(i dati ci sugggerirebbero di piú ma voglio andare basso) in regioni che contano circa 15milioni di persone; QUINDI SI POSSONO SPENDERE IN NERO verosimilmente a stare bassi 75 mil di Eu per dare il voto al cuffaro di turno, oltre a quelli ufficiali provenienti da campagne stampa e di ogni genere…

    Ok, in questo genere di paese, dove si presenta un Grillo, che va contro Banche, Industriali, Partiti(persino il suo amico Dipietro) Giornali, Massonerie e mafie,non da un anno ma da 30, boicottato da anni dai media ufficiali da 20 anni e  fino a qualche mese fa,  e ora che non possono piú non parlarne gettano fango ecc… ma il punto a cui voglio arrivare, in tale degno paese: Certi personaggi si riuniscono e si chiedono come contrastarlo? ucciderlo potrebbe essere controproducente, infangarlo lo facciamo giá come possiamo ma la sua credibilitá é appunto cresciuta lontano dalle nostre macchine del fango, cosa possiamo fare? Grillo si diffonde in internet, nei siti, come questo, nei post della gente che inizia a discutere sulla rete, come un acquedotto…dobbiamo avvelenare l’acquedotto. mettere non un milione di persone ma 100, ognuna con 10 nickname, che scova grillo ovunque appaia nella rete e inizia a spruzzare merda alternando la propria fantasia a questi pochi argomenti chiave, é un despota é un assassino. non paga le tasse, é un manipolatore, é un massone espressione di poteri forti…insomma una camagna alla Berlusconi alla HEarst, alla Mckenzie, alla Nixon, alla Cossiga…

    Alla luce di questa teoria che io considero piú probabile che verosimile io non credo neanche piú a quelli che lo criticano 1 su dieci sará davvero un suo nemico.

    Chiaro questa tattica é controproducente, anzi lo rafforza in un acquedotto dove sono milioni i fornitori d’acqua, sviluppi piú anticorpi agli utenti, aiuti alcuni a smontare tesi in cui magari altri cascherebbero, ma per capir tutto ció non dovresti essere quel tipo di persona che inquina gli acquedotti, saresti giá un simpatizzante di Grillo…

    E non ti spazientire che sei tutt’altro che solo

    paolo

  • Mai loetto un post di Claudio più farraginoso, raffazzonato, incoerente. Meglio scrivere quando si è lucidi.

    A margine, che c’entra l’ordalia?

  • Mai letto un post di Claudio più farraginoso, raffazzonato, incoerente. Meglio scrivere quando si è lucidi.

    A margine, che c’entra l’ordalia?

  • Strano!!!!!

     

    Tutti questi NEO PALADINI come MEssora, bravissimi a SVELARE retroscena e collegamenti tra aziende, politica, lobby banche etc….  (che fino a ieri  però SONO STATI ZITTI ZITTI m entre si firmavano trattati come Libona…DOVE ERAVATE Eh MESSORA….DOVE ERI TU  MENTRE IN SEGRETO IN PIENA ESTATE IL PARLAMENTO RATIFICAVA IL TRATTATO DI LISBONA???)

     

    Adesso…dicevo…tutti sti EROI ANTISISTEMA quando c’è da fareil collegamento tra UN TIZIO COM E SASSOON , lA TELECOM E I COLOSSI DEll’INFORMAZIONE/MANIPOLAZIONE AMERICANA… STRANAMENTE non ciu vedono NULLA DI MALEA e di scandaolso!!!

     

     

    BRAVO MESSORA!!!

     

    Allora telo spiego io:  Il fatto che la Casaleggio PROVENGA da ambienti TELECOM legati a JPMORGAN e CSACHS con collegamenti come SASSON fondando WEEBBEGG etc etcc   SIGNIFICA SEMPLICEMENTE CHE QUESTE SONO STRATEGIE AVANZATE DI MARKETING CON IL QUALE QUESTI SIGNORI STANNO INFILTRANDO LA RETE (GIA DA TEMPO) SPARGENDO INFLUENCE E CREANDO SITI AD HOC PER  SPOSTARE L?OPINIONE PUBBLICA FORTI DELLE LORO STRATEGIA E DEIO LORO SOFTWARE SPIONI CHE COMPPONGONO DATABASE ENORMI CON I DATI SENSIBILLI DI OGNI SINGOLO CITTADINO!!!

    La loro è una struttura che raccoglie dati sensibili (GRILLO STRANAMENTE SCHIERATO DA ANNI SULLA TUTELA DELLA PRIVACY NON SE NE ACCORGE E LEI MESSORA NEMMENO??? VI SIETE RINCOGLIONITI O PENSATE LO SIAMO NOI???)  E CHE L:I UTILIZZA NON SOLO A FINI COMMERCIALI(IL MALE MINORE)  MA LI UTILIZZA PER SCOPI POILITICI

     

     

    ecco tutto

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi