Ora la Merkel accusa i mercati


Angela Merkel ha attaccato i mercati, accusandoli di «non essere al servizio del popolo». Intervenendo a un evento della Csu bavarese la cancelliera tedesca ha detto che i mercati negli ultimi cinque anni hanno consentito solo a poche persone di arricchirsi a spese della maggioranza. La premier tedesca ha inoltre dichiarato che non bisogna consentire ai mercati di distruggere i frutti del lavoro della gente, mentre i governi non devono dipendere da loro a causa del loro debito eccessivo.
 
Grazie, Angela, davvero… Ma io che sono andato a dire queste cose, se vuoi banali, pochi giorni dopo l’elezioni di Monti (a Matrix), e ho continuato a dirle per mesi, mi sono preso del complottista (da chi, storpiando ad arte il mio messaggio e scrivendo falsità, aveva interesse a confondere le idee). Ora non vorrete mica cavalcare il malcontento popolare, giocando a fare gli statisti dal pensiero trasversale, dopo avere ideato qualsiasi tipo di meccanismo perverso per appendere i popoli per le palle, impiccandoli a decenni di austerità? O sapete qualcosa che noi non sappiamo (o meglio, che sappiamo per una forma di innato buonsenso pur senza averne le prove) e state cercando di pararvi le istituzionali chiappe? Non è stata forse la tua Deutsche Bank a iniziare la fase conclamata della nostra crisi, vendendo miliardi di euro di BOT e scaraventando fuori dai giochi il nostro premier comico, di cui ridacchiavate tu e quello che s’è sposato un’italiana? Non siete voi che avversate l’idea di una BCE più simile alla FED, che possa immettere liquidità non solo alle banche ma anche direttamente nelle attività produttive degli stati? E non siete voi che avete tanto insistito, grazie a Kohl, per includere l’italia nella nuova area valutaria, ben sapendo che la nostra economia si sarebbe sgretolata e che voi avreste fatto i soldi, rifacendovi dei danni che avete dovuto pagare dopo le due guerre mondiali?
Questo mostro l’avete creato voi, con decenni di asservimento omertoso. Adesso, se proprio vi siete resi conto di essere stati complici di un crimine colossale, fatevi da parte, ma senza fare la morale a nessuno. Tantomeno ai mercati: non ne avete titolo.
 

21 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • A me queste dichiarazioni fanno imbestialire maledettamente.

    Chi è responsabile se non LA POLITICA delle decisioni che governano il mondo? Chi dovrebbe governare AL DI SOPRA DI TUTTI I POTERI se non la politica? Insomma, la finanza non può e non deve in alcun modo essere lasciata libera a tal punto da creare mostri capaci di poteri più grandi dei governi stessi. LE REGOLE, sono fatte per i cittadini ma anche per le aziende e devono TUTELARE I POPOLI, NON I POTENTI!

    E quando questi mostri nascono, per evidenti erorri (orrori) politici se non addirittura connivenze e complicità dovute ad interessi personali, la politica ha il dovere di mettere in atto tutte le regole per riportarli alle loro dimensioni. Se non lo fa, noi cittadini abbiamo il dovere di ribellarci e di spazzare via tutti i politici incapaci di governare al di sopra di ogni lobby o pressione esterna che non sia compatibile con gli interessi colletivi dei popoli.

    Una dichiarazione del genere non vuol dire nulla se non è seguita da provvedimenti chiari e trasparenti. Ma dubito che l’inteto fosse quello di dare un messaggio in questo senso. Piuttosto sono convinto che anche in questo caso sia la solita vuota propaganda elettorale.

     

     

    • Specifico, visto che da come ho scritto è facile fraintendere.

      Scrivendo “…al di sopra di ogni potere..” non intendevo certo una politica che si sostituisce alle funzioni preposte al mantenimento della legalità, ovvero il sistema giudiziario.

    • “Il dovere di ribellarci!” assolutamente giusto. Bisogna manifestare in piazza ad oltranza per cacciare il governo massone ed uscire dall euro. CMQ BRAVO CLAUDIO, LA MAIALA MAFIOSA DOVREBBE SOLO TACERE! LA SUA MORALITA, DEGNA ANZI PEGGIORE DI QUELLA DI UNA PROSTITUTA, HA PRODOTTO IL DISASTRO ECONOMICO ED UMANITARIO CHE STIAMO VIVENDO. SPORCA MASSONA, STAI ZITTA!

  • @nerolucente amico caro sono i “potenti” a mettere e mantenere i politici dove sono mica noi! comanda chi ha il potere del denaro visto che viviamo in una società di mercato. pensare che sia la politica (come sarebbe giusto) a governare sull’economia è illusorio purtroppo…

  • Quando c’è sereno si naviga favorendo gli amici banchieri.

    Quando si avvicina la tempesta (elezioni) bisogna placare i marosi (popolo)…

  • MONTI SQUASSA ITALIA – LA VALOROSA RESISTENZA DEGLI OPERAI E DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL NORD-EST.

    Egregio prof. Mario Monti, non avendo fatto nulla per favorire la ripresa, non abbiamo capito se Lei ha programmato di mettere in ginocchio l’ Italia  per spingere gli italiani alla disperazione, indebolirne la dignità e lo spirito combattivo, costringerli  ad implorare pietà per poi Lei ripresentarsi come salvatore,  oppure vi è un altro personaggio-salvatore  della Sua cordata che si presenterà con lo slogan beffardo “salva Italia”  per darci il colpo finale.

     

    Dopo la Sua cura “Salva Italia”:

    – la pressione fiscale è aumentata al punto da non rendere più conveniente investire; – il debito pubblico è aumentato malgrado la tosatura dell’ IMU;

    – il normale  sistema creditizio è sabotato; – le accise sui carburanti aumentano il costo dei trasporti che in Italia sono prevalentemente su gomma;

    – i prezzi in generale  aumentano con la conseguente diminuizione della domanda e del gettito fiscale;

    – le più valide e produttive aziende lasciano il territorio per non fallire ed anche perchè invitate da altre nazioni che forniscono loro servizi, capannoni, esenzioni fiscali, agevolazioni finanziarie e creditizie;

    – la disoccupazione giovanile aumenta oltre i limiti fisiologici e la generazione dei trentenni non avrà casa, lavoro e famiglia propria; – la ricerca e l’ istruzione subiscono tagli e ridurranno il nostro paese all’ azzeramento della brevettistica e all’ alfabetismo tecnologico;

    – la recessione è in atto e gli interessi per il debito saranno ottenuti con una insostenibile ulteriore tassazione ;

     Dopo il premio che Le hanno conferito per aver approntato diligentemente la lista delle nostre migliori aziende di stato da vendere per pagare gli interessi alla banche, sicuramente la Germania e la Francia Le faranno vivissimi complimenti per il lavoro di deindustrializzazione che portato avanti con successo e anche  per la massa di disoccupati che aumenta ogni giorno rendendo  l’ Italia un  bacino di manodopera a basso costo, proprio come dettato  dalla finanza e dall’ industria  tedesca a cui la concorrenza delle geniali aziende  italiane offuscava la loro presunta superiorità.

     I poteri che nel mondo depredano le nazioni e  le riducono in miseria temono  che i popoli prendano consapevolezza   del loro agire che sconvolge gli ordinamenti democratici  con la collaborazione dei politici che aprono loro le porte.

     Il giorno in cui la gente saprà   non vorrei essere nei panni dei collaboratori.

    Distinti saluti

    francesco miglino

    segretario del partito internettiano

  • Mi consentite per un attimo una domandina off topic? Anche se in realtà si riallaccia all’argomento!!!

     

    Allora…e’ abastanza evidente che i nostri amici della volkswagen non hanno la minima intenzione di abbandonare la loro supervigilanza bancaria…

     

    Insomma i recenti sviluppi ci hanno fatto capire che la Bce vuole aumentare il suo controllo divenendo come la FED in America…

     

    Hai tedechi non sta bene…Se un accordo non verra raggiunto?, secondo voi la Germania potrebbe in qualche modo far cadere l’euro?

     

     

    • Secondo me non hanno alcuna intenzione di far cadere l’euro. Semplicemente tra gli speculatori ci sono anche loro.

      Tant’è che sono molte le voci che sostengono che la Deutch Bank ha venduto i nostri Bot per mantenere alto lo spread, che è la leva con cui i paesi sono costretti a mettere in atto tutta una serie di provvedimenti.

      La storia si ripete? Sono i tedeschi, forti, precisi, impeccabili, che vogliono dettare legge per essere tutti come loro? Una cosa è certa, se cade l’euro loro ci perdono, forse più degli altri.

       

    • Giusto Nero, se cade l’euro la germania e’ quella che ci perde. Ed e’ proprio per lo stesso motivo per cui a noi invece conviene uscire (al piu’ presto) da questa eurogabbia.

    • @Roby67

      Anche io spero si possa uscire. Ma credo anche che l’uscita debba essere fatta in maniera impeccabile. Perchè è ovvio che la nostra uscita rappresenta un problema per tanti, faranno di tutto per metterci in difficoltà e bisogna davvero essere pronti ad ogni evenienza.

       

  • Ragazzi grazie per le risposte…

     

    Io ho davvero l’impressione che siamo davvero messi male…sono un pò pessimista.

     

    Sto davvero pensando di lasciare questo paese…Non ce la faccio più a vivere con questo peso…

     

    Il frutto del mio lavoro continuamente “vessato” per tenere in piedi un sistema assurdo!!!

     

    Ne usciremo? O tra un pò tutti ad urlare:

     

    SI SALVI CHI PUO’!!!

  • NeroLucente ha scritto :
    I mercati speculano perchè gli Stati sono indebitati? E perchè non speculano contro alcuni paesi come il Giappone il cui debito è fra i più alti al mondo?

    Non vorrei prendere un abbaglio…li la situazione è diversa…loro hanno un debito statale…

     

    Noi abbiamo un debito con una banca privata, ovvero la BCE…gli paghiamo pure gli interessi!!!

     

    Correggetemi pure…

  • Prima ti deridono, poi ti combattono, infine ti danno per scontato (nda: e quindi perdi comunque).

    Ed e’ Schopenauer, non Gandhi. Ma tu dai troppo retta a Grillo… che ha sempre preferito la versione “…, infine vinci”.

  • Direi che e’ bene che questi politici corrotti e incapaci, si tolgano di mezzo ma, solo ad una condizione che riconsegnino il maltolto fino all’ultimo centesimo con gli interessi; p.s.: grande Claudio ti seguo spesso vai avanti cosi’ sei il numero uno, un saluto.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi