Facciamo schifo: 37mila a zero.

Mentre vi scrivo, ricevo una nuova chiamata da parte della Polizia Postale di Milano che mi invita a presentarmi, portando opportuna documentazione circa qualcosa che mi verrà spiegato. Confesso che la cosa mi logora, mi estenua e non mi consente di fare il mio lavoro serenamente. Chi si sarà sentito offeso, questa volta, da ragionamenti e informazioni che in questo blog sono sempre proposti in maniera mai volgare e sempre comunque argomentata? Certo, mi si obietterà che per un giornalista di carta stampata (che raramente, tra l’altro, si arrischia a prendere posizioni nette) questa è la norma. Tuttavia lui può contare sul supporto del suo editore, su un team di avvocati che si occupano di tutto e, spesso, anche sul contributo economico a copertura delle spese, che in certi casi è anche totale. Qui invece si rischia il culo tutti i giorni, e il culo non è metaforico o virtuale, ma è proprio quello che sta nelle mutande. Rotto quello, non se ne può tirar fuori uno di scorta dal cassetto degli atrezzi. Non c’è garanzia o assicurazione per chi fa informazione indipendente. E’ come fare il trapezista senza rete. Anche la sola intimidazione rischia di farti cadere. Ma andiamo avanti, finché non sarò costretto a chiudere baracca e burattini e ad emigrare in Islanda, per la gioia di molti. Avrò fatto perlomeno quello che dovevo..
Si parlava di Mes. Oggi, nel video, commentiamo insieme l’articolo di Federico Fubini sul Corriere di questa mattina, a pagina 9. Vale proprio la pena di leggerlo, e chiedersi se noi, quelli che vogliono più informazione, più democrazia, più dibattito, più risposte, eravamo i complottisti, o se piuttosto non lo siano i togati della Corte Costituzionale tedesca, il cui presidente, in apertura di relazione sulla sentenza emessa ieri sul MES, prima di cassare le pretese di liquidità infinita e incondizionata messe nero su bianco sul trattato, si è lasciato perfino sfuggire che i ricorsi erano fondati (sempre sul Corriere di questa mattina, pagina 8). Sappiate che in Germania, contro il MES, sono stati presentati 37mila ricorsi. In Italia zero. E’ questa la vera partita che dovrebbe entusiasmare milioni di tifosi, ma che in Italia interessa solo a chi si avvale delle forze dell’ordine per annullare anche il fischio di inizio, impedendo così perfino di giocare.

Ecco le vere Condizioni di Berlino su Spese e Acquisti dello Scudo Euro

di Federico Fubini

 Un tempo per queste cose c’era Wikileaks, presto ci sarà il Bundestag. Finiremo tutti per navigare sul sito web della Camera Bassa del Parlamento federale tedesco per scovare i segreti che i governanti d’Europa non vorrebbero che noi sapessimo. Quelli che ancora oggi sono i vincoli di riservatezza dei ministri europei, i protocolli sigillati, l’epica da Trattato di Versailles degli accordi in stanze piene di fumo, tutto spazzato via con una sentenza ieri a Karlsruhe.
Le toghe (letteralmente) rosse della Corte costituzionale tedesca hanno stabilito che il Parlamento deve sapere tutto ciò che viene deciso per salvare l’euro e i suoi Paesi più indebitati, perché lì è la sede della sovranità popolare. Nessun rischio di perdite patrimoniali affrontato dal governo tedesco per salvare gli altri Paesi dell’euro è ammissibile senza un via libera, per niente formale, da parte dei deputati. Per questa ragione, questi ultimi devono poter disporre di un quadro chiaro della situazione.
In realtà già in passato il Bundestag, nel votare il salvataggio dell’Irlanda e poi quello delle banche spagnole, aveva diffuso sul web dettagli vitali che i governi di Dublino e Madrid stavano nascondendo ai loro elettori. Ma stavolta è tutto più formale e soprattutto in contraddizione con il dettato dell’Esm, il fondo europeo per i salvataggi sulla cui costituzionalità la Corte di Karlsruhe era stata a pronunciarsi da molti ricorsi. All’articolo 34 il trattato dell’Esm fra i 17 Paesi dell’euro fissa quello che definisce il «segreto professionale» dei negoziatori europei. Ministri e ex ministri, membri presenti o passati dell’Esm che avrà un capitale sottoscritto da 700 miliardi di euro, «sono tenuti a non divulgare informazioni protette dal segreto professionale». Per esempio: quanti titoli spagnoli avranno comprato, a quali prezzi, di quanto saranno in perdita o in profitto ai prezzi correnti. Ma Karlsruhe puntualizza che questi sono soldi dei cittadini contribuenti, non una liberalità dei governi. Al punto 5/5 (130) della sua sentenza di ieri conferisce alla commissione bilancio del Bundestag il potere di eliminare a maggioranza il «segreto professionale» dei ministri, e non è difficile immaginare come finirà.
Chi non ama l’idea che per saperne di più dipenderemo da un palazzo prussiano in pietra nera, dal tetto bombardato e rifatto in cristallo, può riflettere a quanto segue: il massimo dell’esposizione tedesca sull’Esm è di 190 miliardi, quella totale sui salvataggi è di 420 (inclusi il primo pacchetto Grecia, più il primo fondo europeo Efsf) e i firmatari di ricorsi contrari alla Corte costituzionale di Karlsruhe sono stati 37 mila. E l’Italia? La soglia di esposizione all’Esm è di 125 miliardi, quella totale è di 277 e i firmatari di ricorsi alla Consulta sono stati zero. Lo furono anche nel 2008, quando nella distrazione generale la Banca centrale europea prestò 130 miliardi alla Germania per salvare la banca EuroHypo. Anche per questo, da ieri il Parlamento italiano ha meno prerogative del Bundestag.
Ma appunto se il controllo dell’informazione conferisce centralità e potere, quel passaggio della sentenza di ieri ne è la sintesi perfetta. La Corte tedesca conferma che in democrazia non si può ignorare la sovranità del popolo. Poiché la cancelliera Angela Merkel si è battuta perché in luglio i due terzi del Bundestag votassero per il fondo, la Corte su questa espressione della volontà popolare ha basato il suo via libera. Ma ha anche avvertito che qualunque sfondamento del tetto di esposizione tedesca sull’Esm oltre i 190 miliardi dovrà passare per un nuovo voto del Bundestag. [continua sul Corriere, a pagina 9]

 

44 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Tieni duro! Denunce, intimidazioni, citazioni per danni…non sanno più cosa inventarsi per spegnere le voci coraggiose che fanno  Informazione (sì, con la “I” maiuscola)!

  • Caro Claudio, non occorre andare in Islanda, basta la vicina Svizzera, magari con server islandese, visto che si sono specializzati in legislazione sulla libertà in internet (mi esprimo male per incompetenza ma penso si capisca). Grillo lo diceva sempre che se gli chiudono il blog lui se ne va a ricominciare in Svizzera.

    Almeno saresti completamente libero di dire quello che vuoi.

    Inoltre credo che dobbiamo smettere di preoccuparci per il nostro futuro, perchè mentre il vecchio sistema agita il bastone per l’aria, è in arrivo un caterpillar che lo spazzerà via. E non solo da una direzione, molto si sta muovendo nel mondo.

    Sono stupefatta che nessuno – e neanche tu – commenti questa straordinaria novità, come se l’odio per i politici e l’attuale situazione vi avesse reso ciechi e sordi a tutto il resto. E’ sempre una forma di “pupismo” indotto (nel senso delle marionette) di cui non vi state accorgendo: stare sempre incazzati vi toglie le energie necessarie per costruire il futuro, che è già qui ed è splendido: http://www.iconicon.it/blog/2012/09/la-tecnologia-keshe-spiegata-alla-zia-maria/

     

    • Gabriella, scusami se ti rispondo al volo, è il secondo commento su un post (che parla di tutta altra cosa) con reclame della tecnologia Keshe.
      Se esiste sta tecnologia secondo te le elite mondiali ti daranno il permesso di usarla??
      Gabriella se tu credi che ci daranno la possibilità di usufruire tranquillamente di una tecnologia come questa, stai nel mondo dei sogni.
      A Tesla l’hanno fatto fuori, lui aveva delle idee pionieristiche ed è stato allontanato.
      Si è parlato tanto di motore magnetico, non se ne saputo più nulla, e non si è capito neanche se era possibile realizzarlo o meno.

  • Che roba la polizia Postale.
    Ma ti hanno almeno informato del perchè la polizia postale è stata mobilitata?
    Qual’è il “Capo D’accusa?”
    Fammi sapere di cosa si tratta, il tutto sembra un’intimidazione.

    Ps. Ti volevo scrivere un messaggio tramite la tua sezione contattami, ma credo che non ci sia bisogno.

  • La Polizia Postale cerca solamente di eseguire quello che gli viene imposto. è chiaro che dai fastidio alle persone che vogliono comandare il paese senza essere eletti, o peggio, senza consultare il popolo.

    Tutta questa Europa di oggi, l’abbiamo subita.

    Monti dice che vede la luce nel fondo del tunnel, dice anche che siamo guasi fuori dalla crisi e che fra poco ricomincerà persino la ripresa. Per me si giustifica perche ha paura che i cittadini si armino e si finisca in guerra civile.

    Caro Messora, è normale che tentino di tapparti la bocca …sei pericoloso, e in questo finto paese libero, tu parli troppo. 

    Buona Vita a tutti.

  • Ci faccia sapere il perchè della convocazione , e quando è lì ricordi ai signori poliziotti che mancano 7 mesi alle elezioni, e loro sono dipendenti del ministero degli interni e non di BBC .

  • Caro Claudio,
    (scusami se ti do del tu senza il tuo permesso ma mi risulta più facile),
    è proprio il caso di dire: in bocca al lupo, con la Polizia Postale ma…come si fa a portare "opportuna documentazione" su qualcosa che verrà spiegato solo in seguito?sicuro che non erano Carabinieri?  

    Complimenti per l’articolo. 

  • è la legislazione e i legiferanti che non vanno, non la polizia postale in sé…

    ad ogni modo, caro claudio, prima di ’emigrare’ proviamo così: se ti fanno chiiudere (dubito che ci riescano) tu dalle a noi – me per primo – le cose importanti da pubblicare…ci dovranno ‘far fuori’ tutti e, credimi, per quanto mi riguarda, non è mera retorica

    un grande abbraccio e resisti, resisti, resisti…

  • vedi… se nessuno ci spiega cosa sono ste cose, e’ logico che poi nessuno faccia un ricorso (tantomeno io che mi sto per trasferire in germania). se poi ci metti anche il fatto che agli italiani invece che ficcarsi in testa il MES, preferiscono canticchiarse:

    sto lontano dallo stress, fumo un po’ e dopo gioco a pes…. ecco che i tuoi conti tornano tutti.

    sei in un paese di caproni.

  • ecche cavolo claudio,

    vai in giro a raccontare le schifate delle banche, del MES etc. e voi pure che non ti rompano le balle ?

    E dove lo trovi un continente più “democratico” dell’Europa. Inoltre abiti pure nel paese più “democratico” d’europa.

    Sempre a lamentarvi voi complottisti ……

    PS Se è dato sapere, facci avere info sulle contestazioni della polizia postale

    In culo alla balena per il “colloquio”

  • Salve Claudio,ma questo ricorso potresti mica spiegare nei dettagli chi,come,e dove va fatto?

    Non credo possano farlo semplici cittadini così e via,giusto?

    Mi scuso per l’ignoranza msa non è il mio campo.

  • Lo schifo è evidente, ma proprio a zero non siamo, qualche denuncia è stata presentata, vedi quella dell’avvocato Paola Mussu e poche altre, La Corte Costituzionale Italiana poi non indossa toghe rosse,figuriamoci, la maggioranza dei membri proviene da una città della Magna Grecia, come il Presidente…

  • Facci saper com è andata. E comunque se ti servisse assistenza legale facciamo una bella colletta. A meno che non sia una cifra miliardaria.

    p.s

    non sempre i giornalisti hanno le chiappe parate dagli editori, spesso fanno firmare una lettera di manleva.

     

  • Quanto dici sui giornalisti di carta stampata è vero.. ma ricordati anche che un normale giornalista non ha la libertà di parola che hai tu: se l’articolo non segue la linea editoriale, non viene pubblicato. Deve sempre rispettare i dettami dei vari direttori i quali prendendo finanziamenti pubblici, dipendono dai politici e da questi vengono controllati.

    La libertà ha sempre un prezzo.

    Tieni duro.

  • In italia ci sono 28 milioni di lavoratori con la sola licenzia media, altri 10 con quella professionale, qua la gente non sa neppure la differenza tra azioni e obbligazioni, figurati se gli parli di una siglia europea non ben identificata.
    questo è un paese, purtroppo, pieno di gente che ignora le cose + elementari

  • Ciao Claudio, e complimenti per il tuo lavoro che seguo ormai da un bel tot 😉  Vorrei farti una domanda che probabilmente giudicherai azzardata ma al contempo anche prevedibile: tu cosa diresti ad un ragazzo che vuole o che sta per andarsene dall’Italia? Cosa gli diresti, o come spero, vosa gli scriveresti inrisposta per convincerlo a rimanere in mezzo alla gens italica? Perchè io sono convinto che la politica, il malaffare, le opinioni e le contraddizioni, le urla nei talkshow, le manifestazione ed i fascistelli scemi armati di spranghe e coperti dai caschi per le moto, ebbene, siano null’altro che la logica conseguenza della gente che in quel dato paese ci abita. Secondo te perchè un ragazzo di 20-25 anni dovrebbe sprecare il suo tempo, la sua energia e la sua bellezza per rimanere in questa gola dell’eterno fetore? E rischiare, anche, che la sua vita possa esser e, soprattutto, venir rovinata per una stupidata? Si nasce per caso (scusami l’excursus filosofico), non scegliamo certo noi dove e come ed in queli termini e modalità, quindi perchè io dovrei spendere il mio tempo e la mia preziosissima giovinezza confrontandomi giornalmente con persone che si azzuffano ed azzannano a vicenda in preda a questo misto di lassismo e fatalismo cattolico-fascista, permettendo ai politici ed ai mafiosi ed ai politici-mafiosi di rovinar loro la vita, colti come da un’interminabile ed inconscia sindrome di Stoccolma tutta italiana? Perche, invece, non dovrei spendere il mio tempo per imparare (ma imparare sul serio) un’altra lingua ed addentrarmi sul serio in un’altra cultura, studiandola, rispettandola e vivendola (cosa, l’ultima, che non mi è possibile di fare in Italia, prima dei 45 anni)? Te lo chiedo apertamente, come domanda diretta a te CLAUDIO MESSORA e non come domanda cosiddetta retorica: tu cosa diresti ad un giovane italiano che non vede e non trova nessuna motivazione valida per rimanere nel paese in cui è nato per caso e non per scelta? Perchè personalmente, l’unico legame che sento avere con l’Italia è la lingua che parlo da quando sono nato; se fossi bilingue, sinceramente, mi sentirei già molto meno italiano, forse anche per nulla. E’ quindi tutto il frutto della pura casualità se io mi trovo in un brutto posto circondato da brutta gente, e non penso davvero di dovermi sentire costretto a supportare il primo ed i secondi con del prevedibile ed ipocrita patriottismo; ho vissuto e lavorato in UK, ed ho ricevuto e riscontrato molto più calore umano e molte più amicizie (guadagnate) che in qualsiasi parte d’Italia, alla faccia degli stereotipi sociali e nazionali. Tu cosa mi diresti per trattenermi nel tuo (ed anche mio) paese?
    Chiedo venia in anticipo per eventuali errori nellos scrivere

  • ciao Claudio.

    io invece, di emigrare in Islanda, te lo auguro proprio. di cuore.

    sempre ammesso che ti possano star bene il clima e il cibo (veramente terribili, ma la gente è FANTASTICA).

    per due motivi, perchè vivresti in un mondo migliore e perchè magari da lì potresti fare il tuo ottimo lavoro serenamente.

    farei carte false per trasferirmi là, ma non ne ho i mezzi.

    se puoi lasciare questo inferno sulla terra che ormai è diventata l’ITALIA, sarei felice per te.

    anyway, tienici al corrente della situazione.

    in bocca al lupo.

  • Auspico, in tutta sincerità, che non si tratti di nulla di lesivo per la tua libertà di pensiero o il diritto di critica (che – sono sicuro – porta con sè anche quello di replica).

    Spero che le le tue idee possano continuare a viaggiare libere e nella loro integrità. Senza condizionamenti, senza diffide, senza intimidazioni e possano trovare il rispetto anche da parte di chi può non condividere le tue opinioni ma resta disposto al confronto democratico.

    Auguri.

     

  • Carissimo Claudio,

    cosa si può fare? Cosa possimao fare noi che ti leggiamo per svegliare gli altri e per diventare tanti? Per sostenerti e per cercare di smuovere qualcosa?

    Caz…volo, in Italia si scende in piazza per le più amene motivazioni e per quello che è veramente importante non si muove nulla?

    Ci hanno fatto un colpo di stato sotto il naso  e nessuno dice nulla (chi legge quì escluso)………

    Secondo te, gli italiani cosa dovrebbero fare??

    Noi che ti leggiamo, cosa possiamo fare per aiutarti e aiutarci??

     

    Grazie

  • Auguro, in tutta sincerità, che non sia niente di lesivo per la tua libertà d’espressione e il tuo diritto di critica (che – sono convinto – porta con sè quello di replica).

    Spero che il tuo pensiero possa continuare a muoversi senza condizionamenti, diffide, intimidazioni e censure di nessun genere.

    Anche da posizioni distanti è sempre opportuno rivolgersi verso un civile e democratico confronto.

    Un grosso in bocca al lupo.

  • E’ molto triste la vicenda, specialmente perchè  si vedono un sacco di cose in rete ma in realtà siamo solo sottomessi da un governo che ci da tasse, disoccupazione, inflazione ecc…  e nessuno riesce a far qualcosa di concreto per far cambiare questo meccanismo. Anche Grillo rimane arroccato nel suo Blog dato che non vedo  uscite  da parte sua verso quegli  italiani che non sono informati per mille motivi dalla rete.

  • Scusate ma qua in mezzo non c’è uno straccio di avvocato che possa dare assistenza pro bono?  Comunque sono andato a finire di leggere l’articolo e dico che ora aspettermo tutti, soprattutto noi, di veder come va la Spagna !!!!! Bella solidarietà…

  • Claudio, voglio vederti in parlamento con il M5S a difendere i diritti di noi italiani. Sei l’unico che fa vera informazione. Grazie.

     

  • Ciao Claudio, tieni duro! Ti seguiamo in tanti e se l’Italia non risponde alle nefandezze della politica e a tutte le sue magagne è solo perchè la stampa non fa trapelare niente.

    Marco Travaglio lotta come te per un’Informazione con la “I” maiuscola, anche lui come te lotta per raccontare veramente quello che fanno di nascosto questi politici arruffoni. Se gli italiani (tutti) sapessero veramente quello che fanno i politici a livello nazionale ed europeo, sono sicuro, l’attivismo sarebbe completamente al massimo. Gli italiani non sono più scemi dei tedeschi è solo che non sanno, se venissero coinvolti con una sana informazione come la fai tu si muoverebbero e griderebbero ad unisono, vedi i referendum sul nucleare, sull’aborto, sull’acqua, sui finanziamenti pubblici…

    Io ce la sto mettendo tutta a divulagare i tuoi video. Alleati con Grillo, con Travaglio, l’avvocato Paola Musu (colei che ha denunciato Monti, Napolitano e i deputati per alto tradimento alla costituzione italiana anche lei si sta giocando il culo).

    Noi ti sosterremo sempre e in tutti i modi!!!

     

  • mi associo ai “colleghi” nel sostenerti. So che concretamente non ti sto aiutando ma almeno ci tengo a farti sapere che sono con te.Facci sapere l’esito…

  • Caro Claudio, rimango sgomento nell’apprendere della convocazione.

    Ma non fasciamoci la testa prima di rompercela, vediamo prima di cosa si tratta.

    Di una cosa però sono certo: NON RESTERAI SOLO!!!!!!!!!

  • 37 mila ricorsi sono pochi. E’ chiaro che la maggioranza dei tedeschi è ancora nazista e lucra alle nostre spalle con la bce
    I giudici sono un paravento per le loro malefatte.
    Quando il m5s sarà al governo dichiareremo guerra alla Germania e ci tiprenderemo il maltolto!!1!

    • Non credo che il problema sia se i tedeschi sono nazisti (di cisuro loro hanno piu democrazia di noi) o meno ma credo che il problema sia riprenderci la nostra sovranita’. Purtroppo noi Italiani accettiamo passivamente tutto (vedi MES e tutti glia altri trattati internazionali). Io guerre non ne farei. Riprendiamoci democraticamente la nostra sovranita e poi ripagheremo facilmente tutti i debiti (illegittimi, cioe il maltolto) e gli faremo vedere noi di cosa siamo capaci.

      >37 mila ricorsi sono pochi. E’ chiaro che la maggioranza dei tedeschi è ancora >nazista e lucra alle nostre spalle con la bce
      >I giudici sono un paravento per le loro malefatte.
      >Quando il m5s sarà al governo dichiareremo guerra alla Germania e ci >tiprenderemo il maltolto!!1!

  • Claudio.. te lodico schietto schietto… sei una persona insubbiamente intelligente,colta,onesta.di gran cuore….leale..ma cosa aspetti a candidarti con il M5S quando verrà fatta la piattaforma x le politiche 2013?.. ti sei costruito meritatamente una solida reputazione!!!  sono sicuro che molti ti voterebbero…..

    ti abbraccio e magari potessi fare qualcosa x te….ma non ho mezzi..

  • gabriella laeffe ha scritto :
    Io credo che, nel caso si voglia fare qualcosa di concreto, sia meglio non attirare attenzioni “malevole”.  Cerca, che, se devi, troverai.

    questa è la frase PIÙ BELLA che abbia mai visto, un capolavoro, la summa di tutto il minestrone complottistevole dalle sue origini ai giorni nostri. Stupenda. Eppure i cari vecchi manicomi un loro perché ce l’avevano..

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi