Come il sesso tra Minnie e Topolino

ComeilSessoTraMinnieETopolino

di Giovanni Zibordi

Nei report delle banche d’affari sull’Italia (come quello di JP Morgan) sostanzialmente si dice: se i sondaggi mostrano che governeranno Bersani e Monti, allora non ci sono problemi. Ma se indicano che si devono fare nuovi elezioni (o che potrebbe vincere Berlusconi), il BTP crolla ed è il caos. Lo si legge tutti i giorni sul Financial Times e lo ripete quasi ogni giorno Mario Monti, supportato da questo “commissario” UE Olli Rehn citato dai giornali. Questa gente parla molto chiaro. Solo i nostri frivoli talk show, i nostri giornali e i nostri inutili economisti confondono sempre le acque in modo che la gente non noti l’essenziale. Monti, i suoi sponsor alla UE e le banche non si stancano mai di ripetere: “o vi tenete l’austerità, tutta, in blocco, cioè senza neanche pensare di  togliere i 4 miliardi dell’IMU dai 714 miliardi di entrate fiscali dello stato, o vi togliamo il supporto della BCE, così le banche estere vi massacrano i titoli di stato”.

Leggete le loro dichiarazioni e poi fermatevi un attimo a pensare. Berlusconi ha proposto la riduzione di 4 miliardi, quelli relativi all’IMU, su 714 di tasse che lo stato incassa.  Quattro su settecentoquattordici. E questi, da Monti alla UE, passando per Oscar Giannino e Pierluigi Bersani, per questi 4 fottuti miliardi hanno gridato alla tragedia economico-finanziaria come se Peron o la repubblica di Weimar fossero alle porte.

 

Sul Fatto Quotidiano,  tanto per fare un esempio, Fabio Scacciavillani, che è economista di un fondo di sceicchi del Golfo e fondatore di Fermare il Declino ha sparato: “La restituzione dell’Imu è ontologicamente impossibile come il sesso tra Minnie e Topolino. Nella Disneyland berlusconiana, uno stato da cui le imprese attendono il pagamento delle fatture per anni, sarebbe in grado di effettuare in pochi giorni un bonifico a decine di milioni di contribuenti, ovviamente senza conseguenze disastrose per la finanza pubblica“. Per questo economista è una fiaba di Disney che uno stato che incassa 714 miliardi l’anno possa rinunciare a 4 mld. E il partito di Giannino è quello di cui molta borghesia manageriale e professionale si fida, perché è stato creato da un gruppo di economisti con cattedra in America.  Scacciavillani, i tuoi datori di lavoro nell’Oman avranno comprato BTP per cui vogliono gli interessi e il rimborso alla parità, ma tu prevedi di tornare  in Italia o l’hai data per persa e guardi solo che il mercato finanziario sia contento?

Tanto per illustrare per contrasto la follia in cui siamo immersi qui in Italia, stamattina c’era sulla prima pagina del Financial Times che il Giappone aumenta il suo deficit pubblico di altri 2 punti percentuali di PIL, dal 9 all’11% (circa 60 miliardi di euro di deficit in più se fai il cambio con lo yen). Alla faccia delle spread e infischiandosene del mercato finanziario (e nonostante la disoccupazione in Giappone al 5%). E la borsa di Tokio si è così preoccupata che è salita quasi del +4%!

In Italia, però, se togli i 4 miliardi dell’IMU (sempre su 714 miliardi che lo stato incassa), lasciandolo con “solo” 710 miliardi l’anno, è finita: affonda il BTP, la credibilità dell’Italia è kaputt!, e con l’Italia affonda anche l’Euro, e poi si incrina l’Eurozona, si esce dall’Europa e si torna in poco tempo al nazionalismo, a Hitler, alle guerre mondiali e infine all’età della pietra (con inversione dei poli magnetici).

 

 

33 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Concordo perfettamente.Ci sono tali e tanti sprechi che sola da quelli si può non solo eliminare l’IMU ma anche renderla.

    Peccato che chi lo ha megafonato nei media si scordi che anche il M5S ha promesso una politica sulla casa diversa.Giusto per fare il gioco dei “tecnici” e dei £politicanti di professione”.

    E’ il partito unico dell’euro che minaccia e terrorizza i cittadini.Niente di nuovo.Ha fatto bene a citare il lussemburghese Olli Rhen il quale non perde occasione per rafforzare questo terrorismo mediatico.Un vero delinquente.

  • Questo perchè il Giappone possiede la moneta sovrana e come tutti gli stati monetariamente sovrani può decidere di adoperare una spesa a deficit e ampliare il flusso di capitali che circola tra i bilanci settoriali del paese (ossia settore governativo e non governativo). Nessun default, nessuno spread, nessuna disoccupazione, nessuna crisi, nessun Draghi che pompa e abbassa i tassi d’interesse ecc… Noi in Italia, visto che siamo una manica di COGLIONI e abbiamo affidato il paese ad una classe dirigente totalmente collusa (Prodi, D’Alema, Padoa Schioppa, Amato, Monti ecc) e devota ai diktat del mondo finanziario e delle tecnocrazie internazionali, cedemmo questa sovranità per entrare nella fantastica Eurozona. In questo sistema, la moneta (l’Euro) viene immessa direttamente nelle riserve dei mercati di capitali privati (grandi enti assicurativi, banche… privati insomma) da parte della BCE (costituita dalle 17 banche centrali nazionali, anch’esse oramai quasi del tutto privatizzate) e a cui dobbiamo restituire il danaro (con gli interessi!!!). Voi ditemi quale razza di crimine e/o paradosso è questo qui? Mai nella storia, una Nazione ha adoperato moneta non sua. E’ il più grande controsenso della storia dell’umanità… continuiamo a parlare di Monti, Berlusconi, Bersani… qui si continua a guardare il pelo e non ci si accorge della trave che ci sta per arrivare in testa

    • CONCORDO PIENAMENTE. L’AVERE LA SOVRANITà MONETARIA DA PARTE DELLA GERMANIA NAZISTA PERMISE AI TEDESCHI DI PERDERE LA GUERRA E DI NON AVERE UN MARCO DI DEBITO.  NON GIUSTIFICO PER QUESTO LA GERMANIA NAZISTA, MA è UN DATO IMPORTANTE A CONFERMA CHE SIAMO SFRUTTATI DAL SIGNOAGGIO DELLE BANCHE SULL’EMISSIONE DELLA CARTA MONETA.

      NATURALMENTE TUTTE LE FORMAZIONI POLITICHE FANNO FINTA DI NON CONOSCERE QUESTA TRISTE REALTà A CONFERMA CHE TUTTO L’ARCO PARLAMENTARE ATTUALE è A SERVIZIO DELL’USURA DELLE BANCHE.

      UNIAMOCI, DIFFONDIAMO IL VERBO E VOTIMO CINQUE STELLE.

      FRANCESCO DI MECO

       

    • Mi sembra che la trave sia gia arrivata in testa e a molti gli ha anche gia trapassato il cervello. E’ un concetto semplice da capire eppure c’è ancora chi millanta strane catastrofi se dovessimo toglierci dalle palle questa moneta iniqua e distruttrice e oltretutto si fa pure abbindolare sull’abolizione del contante. 🙁 

       

      W l’ME-MMT 

    • Tutto giusto. Aggiungiamo altri dati, giusto per PRENDERE CONSAPEVOLEZZA al 100% di quanto sia una BUFALA a livello mondiale

      Per quanto riguarda il Giappone non fa parte dei BRICS (Russia e China in primis) resta la terza economia del pianeta e può esibire un tasso di disoccupazione del 4,5% contro l’11% europeo.

      Parlando di PIL, se l’Italia ha un rapporto debito – pil al 130%,  c’è da dire che il debito è per il 50% in mani straniere, e questo ci vincola fortemente. Al contrario il Giappone ha la possibilità di stampare moneta della “Bank of Japan” e la protezione del debito pubblico da parte dei cittadini e degli investitori interni che ne detengono la quasi totalità (la maggioranza del debito – 95%). Questo gli permette, nonostante un rapporto debito pil del 250%, di piazzare ancora i suoi titoli sotto 1% e di avere un inflazione molto sotto il 2%.

      Quindi qui c’è qualcosa che non torna. Certe dinamiche sfuggono.

      Anche perché il Giappone ha molti più debitori internazionali che creditori, tra cui appunto GLI USA, prima potenza mondiale, PRIMA nella mente della civiltà occidentale, ma anche PRIMA per DEBITO, con il più alto debito nominale del pianeta (oltre 16mila miliardi di dollari).

      Ora è uscito fuori che gli USA vogliono stampare il SIMEC di platino. Come se questo risolvesse il problema del debito. Ci aveva provato Auriti ma non è stato mai fatto passare ufficialmente un sistema simile perchè significherebbe liberarsi dell’usura internazionale e riappropriarsi della facoltà di avere moneta stampata dallo stato che se la inventa dal nulla e non ha bisogno di chiederla in prestito ai “mercati” (che sono monopolizzati al 90% da 10 super banche private) e senza dover poi pagare interessi che accrescono ulteriormente il debito in modo super fradulento.

      Viene spontaneo chiedersi… visto che siamo ancora (sotto sotto) tutti colonie inglesi (anche l’America lo era prima della dichiarazione di indipendenza) e visto che come substrato siamo colonie USA, che fine dobbiamo fare noi poveri statarelli d’europa, con una banca centrale senza stato, e con le basi nato sparse in tutta italia, pronte a sferrare colpi contro paesi che a noi non hanno mai fatto nulla?

      L’Europa Occidentale è in larga misura un protettorato americano e i suoi stati ricordano i vassalli e i pagatori di tributi dei vecchi imperi. L’ Europa, dal canto suo, ritrova le ragioni storiche della propria incapacità di concepire una politica autonoma e continentale: un vecchio continente diviso e litigioso serviva agli inglesi di ieri come serve agli americani di oggi’.

  • oddio come vi siete ridotti. tutti a parlare di IMU si IMU no. quasi quasi votate berlusconi per ripicca. ma vuoi vedere che il fumo negli occhi funziona sempre. distogliere l’attenzione dall’unico fatto veramente importante. Dall’euro e dall’UE non si uscirà altrimenti lo dissanguano in borsa con le sue aziende. dopo tutto uno che non capisce la separazione dei poteri e va in tv a lamentarsi che l’esecutivo non riesce a legiferare. ma stiamo scherzando? all’estero anche i media sono visti come potere e per questo gli organi garanti sono eletti anche loro. noi siamo quia pralare di cosa? del potere legislativo che deve essere riaccorpato all’esecutivo? alla fine vi daranno il contentino di togliere l’imu che prima nemmeno c’era, ma che bello. che tristezza quelli che se la menano tanto con l’uscita dall’euro e poi votano grillo lega e berlusconi. non siete poi tanto diversi dai piddini.

    • La classica proiezione per identificazione.

      Quindi mi accodo..Monti forever!!

      Quante baggianate che hai sparato.Però non sei riuscito a togliermi il divertimento dell’ultimo post su goofynomics.Ho il sospetto che tu sia Lampredotto.

    • L’unico movimento che si porta alle nazionali che indica AL 1mo PUNTO del SUO PROGRAMMA L’USCITA DALL’EURO e EUROZONA è il movimento apartitico IO AMO L’ITALIA, con gli atri punti del suo programma anch’essi interessanti.

      Vedere il loro sito per credere…..

    • ma certo 4 “miliardi” di euro cosa vuoi che siano. allora i “milioni” di finanziamenti ai giornali e alla politica che tanto creano scalpore? non sono ancora meno? ma che linea di ragionamento seguite? sembra che questi complottisti della finanza internazionale vogliano truccare le elezioni italiane. o forse sono gli unici che non devono sorbirsi le pagliacciate della campagna elettorale senza subire il lavaggio del cervello? berlusconi ha avuto 4 anni e una ampia maggioranza per farci uscire dall’europa e non lo ha fatto. l’italia non è certo andata in crisi da un giorno all’altro. Anzi B. ha ratificato il trattato di lisbona per di più. e alla fine ci ha consegnato nelle mani di monti. e se adesso la finanza puo fare il brutto e il cattivo tempo sulla nostra economia è perchè noi ci siamo messi nelle sue mani e non perchè loro ci hanno forzato.  gli unici complottisti sono gli italiani e contro loro stessi. la soluzione è ridare l’imu così siamo costretti a uscire dall’europa perchè facciamo succedere un casino? questo è il piano di uscita dall’euro di B.? non si può uscire in altra maniera?

  • Scacciasimilis un economista. :O

    Ma gli (inutili) altri sentiti nei talk show sono del suo calibro? Fuori i nomi, facci ridere!

    Scherzi a parte, complimenti sinceri per il pezzo, un po’ di satira non lo ha guastato. 😉

  • ma dell’inchiesta di affari italiani su casaleggio ne vogliamo parlare?

    sul blog di grillo è impossibile anche solo farne accenno che ti bannano, qui come va?

    si può parlare del fatto che il meetup nr 1 sia stato fondato da un dipendente di casaleggio, ora candidato alla camera? e del fatto che i fondi parlamentari serviranno a ripianare i debiti del pessimo amministratore di webegg prima e c&a poi?

    • Sono circa sei anni che aderisco al Movimento Cinque Stelle.

      Sono felicissimo di portare il mio piccolissimo contributo al nostro Stato Italia. Non mi sono mai interessate le inchieste dei vari mezzi di comunicazione finanziati con le nostre tasse. Inchieste, che poi si sono rivelate prive di ogni fondamento. Credo, invece, che Madre Natura abbia dato ad ognuno di noi uno strumento fantastico per usarlo costruttivamente. Questo strumento dovrebbe essere la Mente.

      Credo che ognuno di Noi dovrebbe avere l’autonomia di poter vedere con i propri occhi, chi sono le persone che aderiscono al Movimento Cinque Stelle, dal momento che ormai sono in quasi tutte le citta d’Italia. Ognuno di noi ha la possibilità, e il dovere, di mettersi in contatto con queste persone. Ne consegue, che ognuno di noi può evidenziare e motivare i punti in cui non si è d’accordo. Se tali esistono.

      Basta con affermazioni prive di contenuti. Evidenziano solo il fatto (non vero) che non siamo all’altezza di ragionare con la propria testa. Io sono convinto del contrario, compresi gli errori che ognuno di noi ha fatto e farà.

  • Gentile signor Messora, forse è il mio computer a fare le bizze, ma navigando su Euronews ho visto l’intervista a Beppe Grillo. E poi avrei voluto guardare anche quella a Lidia Undiemi che trattava sul MES.

    Invece la pagina non carica. Mi auguro sia solo un piccolo bug, ma se non lo fosse vorrei segnalarlo a lei che ne è stato promotore dell’enunciazione della signora.

    Porgo cordiali saluti e annetto anche il link

    http://it.euronews.com/2013/02/05/esm-stabilita-europea-a-che-prezzo/

  • Un titolo così attirerà orde di maniaci.

    Sarei curioso di dare un occhiata alle keywords cercate dalle persone condotte su questa pagina da Google 🙂

    IS

  • mah ha scritto :
    e la pagina non carica. Mi auguro sia solo un piccolo bug, ma se non lo fosse vorrei segnalarlo a lei che ne è stato promotore dell’enunciazione della signora. Porgo cordiali saluti e annetto anche il li

     

    Gentile sig. mah,

    me lo auguro anch’io che sia una baco ma temo che, purtroppo, lei abbia contratto un’infezione virale.

    Faccia girare un buon antivirus sul pc e non dia i suoi dati personali a sconosciuti o a presunti conosciuti.

  • Vogliamo parlare dei 98 miliardi che lo stato dovrebbe incassare dalle slot machine?L’IMU passerebbe subito in secondo piano!E magari i nomi di chi c’e dietro alle partecipate del monopolio, voglio vedere se sono candidati a queste elezioni!

  • Certo che il concetto di ironia sfugge a molti e me ne accorgo sempre di più. A mio avviso Zibordi non voleva assolutamente difendere Berlusconi e nemmeno dire votiamolo… ma voleva far notare come di fronte a cifre ben importanti e a meccanismi sempre più iniqui l’annuncio di Berlusconi de 4 miliardi abbia creato una reazione fori da ogni logica ed esagerata rispettoa quanto detto.

    • Aggiungerei al tuo commento un “volutamente e scientificamente esagerata” da parte di tutti i media(vedi Gobbels o il Ministero della verità di 1984).Ricordo che il 70/80 % dei cittadini forma ancora la sua intenzione di voto su quello che sparano in TV.Qualcuno quì sotto la chiama democrazia e io invece dico: “col cavolo che è democrazia!”

      Dice bene Grillo,siamo in e-m-e-r-g-e-n-z-a e i soldi si trovano,ci sono.Il punto è che se stiamo nell’euro a queste condizioni (e dovrà rendersene conto anche il M5S)oggi possiamo anche eliminare IMU-IRAP ecc…qualsiasi progetto a favore dei cittadini e delle imprese va bene,ma sarà vanificato dalle varie manette finanziarie e fiscali europee come l’ESM,il Fiscal Compact,il pareggio di bilancio in costituzione,gli interessi sul debito,spese folli militari e via dicendo.Certo,se il messaggio rimane dentro le mura di casa addiopepp ! Ieri sera son quasi riuscito a convincere una famiglia di 4 adulti votanti che non hanno intenzione di votare.Ho tentato,con parole semplici,di spiegare come stanno le cose al di là dell’informazione televisiva ma la risposta era sempre la stessa,in tv dicono che…Ovviamente non ci sono riuscito ma conto di riprovarci.Il dubbio e l’interesse son sicuro di averlo inculcato.

    • @Clausius.

      Scusa, leggo (quasi) tutti i tuoi commenti, ti quoto sempre, ma stavolta hai toppato!

      Come sarebbe a dire che hai convinto 4 non votanti a votare?

      Cioè, questi per le ragioni sbagliate stavano imboccando la giusta strada e tu li conduci su quella sbagliata con argomenti giusti?

      😉

    • Hai capito male.Questa famiglia da tempo avava deciso di non votare.Ed è rimasta su quella posizione.

      Tutta la discussione è nata per il fatto che in quel momento sul mio schermo era visibile la home del Blog di Grillo.Il tutto si è poi trasferito,nel modo più semplice possibile,al lato economico della questione elezioni,chi votare?

      Io ho espresso la mia opinione,anche con i  dubbi sulla parte economica del M5S.Che io ho deciso di votare perchè non mi va di astenermi e anche perchè rosicare 100/150 parlamentari novelli,con idee interessanti su tanti temi,potrebbe essere la mossa giusta.E quindi da parte mia gli do fiducia.Le mie argomentazioni però son passate e il tarlo del dubbio,ai miei amici,glie lo messo.

      Se tu ritieni che il M5S non sia votabile proprio per il programma economico non so che dirti.Farai come questa famiglia.I quali,anche sull’uscio di casa,mi hanno ribadito che non voteranno.Ma tornerò alla carica in questi giorni.Io sottolineavo che loro mi contestavano con un’unica argomentazione e cioè….l’ho visto e sentito in TV.Come dire….erano all’oscuro di tutto o quel che sapevano era completamente inesatto.

  • Sono d’accordo con Xander,in più aggiugerei a proposito dell’imu da restituire, se effettivamente è una tassa che ha messo a ko le famiglie con la restituzione si tirerà un sospiro di sollievo, se il rimborso,per le famiglie,è poco importante allora lo è stato anche l’esborso.Sottolineo che a proposito di signoraggio bancario nessun partito ne parla,all’infuori del movimento Io amo l’Italia,Bersani addirittura lo nega,anzi vuole ridurre il contante.La crisi spontanea non esiste,negli anni 30 è stato scritto un libro”Modern Money Mechanics” dove si costruisce un sistema basato su momenti di prosperità alternati a crisi,questo permette alle banche centrali,private,di elargire prestiti nei momenti di euforia per poi prendersi per pochi soldi i capitali di chi,strangolato dagli interessi,non può più pagare i debiti.Con la nazionalizzazione della banca d’Italia,non più signoraggio,disdetta delle inutili spese militari,dimezzamento del numero dei parlamentari e consiglieri regionali e loro stipendi,prezzi calmierati e uguali in tutta Italia delle forniture ospdeliere,Tetto massimo stipendi e contratti rai,manager pubblici,pensioni e liquidazioni d’oro.Sono pochi esempi ma solo questi salverebbero l’Italia.

  • Ma diciamo pure come stanno le cose. Che l’occidente è alla FINE. Che questo sistema economico é schiattato. L’occidente è schiattato.

    La sovranità in ITALIA è ormai persa definitivamente e i tratti europei sono così tecnicamente e diabolicamente archietettati che è tutto studiato a tavolino. Nessun politico che salirà potrà fare un bell’accidente. Sono tutti al soldo delle banche. E sono facilmente riccattabili, ricordiamoci bene che chi governa realmente non sono i politici ma coloro che non si vedono ma che poi massacrano miliardi di persone con le loro scelte e “orientano” le linee economiche, politiche e informative mondiali.

    Qui è un crimine che va molto oltre. Altro che neofeudalesimo come aveva acutamente osservato uno scaltro giornalista. Il discorso dei 4 miliardi è un’altra vile presa per il culo. La realtà dei fatti è che saranno costretti per forza a negoziare il nostro debito, altrimenti l’eurozona crolla, e questo non lo vogliono coloro che giocano nell’ombra.

    Tuttavia, dal momento che questo debito è impagabile alla fine il male minore per loro sarà una BELLA PRIVATIZZAZIONE DEFINITIVA dell’italia e di ciò che resta di pubblico.

    In una parola, chi può se ne vada OGGI da questo paese. Poi non bisogna guardare solo alla situazione dell’eurozona. Occorre capire lo scenario geopolitico mondiale per vedere sottili trame che si spostano ben al di la di quello che noi poveri piccoli italiani riusciamo a vedere 

    Chi ha creato questa crisi?

    Invito tutti a vedere questa intervista, partite dal minuto 13:30 fino al minuto 21 circa, aggiunge importanti dettagli per capire l’attuale situazione mondiale. In breve si spiega il modo in cui il nostro debito è cresciuto, e del perché questo debito è concretamente truffaldino, visto che è cresciuto a causa dell’usura internazionale e non per l’incompetenza dei politici, che sono fantocci senza potere in quasi tutti i paesi dell’occidente.

    http://www.youtube.com/watch?v=Hf41b9BUAXo

  • Drew ha scritto :
    Cit. “quando mai uno Stato non ha avuto moneta sovrana”: ARGENTINA, ad esempio. E’ successo e ci tentano e ritentano sempre! FUORI DALL’EURO (17 Paesi) NON VUOL DIRE FUORI DALL’EUROPA (27 Paesi)! Non sarà mai troppo tardi perché le persone capiscano! Non è il “signoraggio” il problema, ma il fatto che siamo agganciati a una valuta estera più forte della nostra economia e la perpetua ricerca di capitali esteri in Italia, le privatizzazioni i tassi di interesse sul debito (diventato reale solo perché nominato in valuta estera) denominato in Euro… ma per gli amici è MARCO; tutta una logica conseguenza del fatto che non possiamo attuare una politica di svalutazione, che non è più competitiva, ma DIFENSIVA… hanno cinesizzato circa il 20% dei tedeschi, smantellando in modo sistematico i sindacati e ora lo vogliono fare con noi. Eppure la Germania E’ VIRTUOSA!   NON SARA’ MAI TROPPO TARDI (o forse si) QUANDO GLI ITALIANI SI UNIRANNO PER FAR VALERE I PROPRI DIRITTI COSTITUZIONALI, e invece si urla SI SALVI CHI PUO’…

     

    Attenzione che il signoraggio primario e secondario ECCOME se E’ il problema. E’ il problema primario. Informatevi

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi