GRILLO: VOGLIAMO LA SOVRANITA’ MONETARIA

GrilloSovranitaMonetaria_-BLOG

Dopo avere aperto ieri, sul suo blog, alla critica dell’euro di Alberto Bagnai, intervistato da Byoblu.com lo scorso 6 luglio (questa la lunga intervista, finanziata da voi in crowd-funding), questa sera a Trento Beppe Grillo parla (male) dell’euro e dice senza mezzi termini alla piazza strapiena di volere la sovranità monetaria, e che si devono rinegoziare i trattati.

 

Nel frattempo, il solito, caro, vecchio Berlusconi non perde l’occasione di smentirsi, e intrattiene il suo pubblico, evidentemente divertito e mai stanco di battutine e allusioni sessuali, chiedendo a una dipendente di GreenPower se viene, e quante volte. La signorina, che non si infastidisce per le attenzioni a lei dedicate in pubblico (che da altre sarebbero state considerate la dimostrazione di un atteggiamento sessista, ancora oggi riservato alle donne lavoratrici in questo Paese ai margini della cività), sta al gioco: “io vengo, a costo zero”. “Una volta sola? Quante volte viene?”. “Tre, quattro, cinque, dipende dalle esigenze”. Il pubblico va in deliquio.

Che sia di questo che hanno ancora bisogno gli italiani?

BerlusconiLeiViene-BLOG

Nel frattempo, dopo avere intervistato Loretta Napoleoni (il video uscirà tra due o tre giorni e promette di essere di alto impatto), prepariamoci tutti ad ospitare Nino Galloni, il funzionario oscuro che fece paura a Kohl: sarà ospite qui lunedì prossimo. Aiutami a finanziare l’intervista.

43 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Stiamo parlando di due giganti della comunicazione.Parlano entrambi alla pancia degli italiani: Il primo, facendo ridere sui problemi reali evoca poi un sentimento di rabbia che ti lascia l’amaro in bocca per il tempo fin qui perso e che porta alla giusta voglia di cambiamento.Il secondo, facendo ridere con le battute da osteria vuole sembrare un amicone, uno di noi, vuole porsi al livello dell’italiano medio. Come puoi non fidarti di un tuo amico?Con le battute si sdrammatizza il momento grave e si porta speranza che il futuro ti sorrida.Guardiamo le alternative: Ingroia e’ triste, gargamella fa battutine che non capisce neppure lui, monti…be’ : basta la parola!!!Un encomio solenne a Claudio per aver messo in contatto Bagnai con Grillo& co., perche’ leggere il professore su uno dei blog più seguiti al mondo non ha prezzo!!!

  • Ora ci siamo … manca un’altro “piccolo” sforzo: scriverlo nel programma, altrimenti sembrano solo battute da comizio.

    Dopo l’apertura a Bagnai occorre capirlo e possibilmente coinvolgerlo

  • "La Grecia e il Portogallo devono uscire dall’Euro: la teoria di Hans-Werner Sinn

    Non ce la fanno più, in Grecia. Non ci riescono e non riusciranno mai a riprendersi. Per questo, l’economista tedesco Hans-Werner Sinn, da sempre contrario agli aiuti, è sempre più convinto che la Grecia e il Portogallo debbano temporaneamente uscire dall’euro, svalutare le proprie monete del 30-40% e diventare così più competitive, ridando ossigeno alle loro economie e all’occupazione. Secondo Sinn, infatti, le politiche di austerità imposte dall’Europa non miglioreranno la situazione in questi Paesi, con il rischio che prima che arrivi la ripresa scoppino guerre civili. Solo se l’Eurozona accettasse l’uscita temporanea di uno stato membro, allora si potrebbe evitare il peggio.

    Un’altra risposta alla crisi greca arriva dal capo divisione “business treasury, global banking & markets” del Royal Bank of Scotland, Moorald Choudhry, che ritiene necessaria la totale cancellazione del debito ellenico "

  • Il primo (Grillo) chiede di avere uno Stato Sovrano Democratico che ora non c’è, il secondo (“Il banana”) trova terreno fertile (in una signorina ben disposta a scherzare) e, tra tante relazioni gay imposte dai media, rivendica di essere semplicemente e allusivamente maschio ed etero.

    E’ troppo chiedere di vivere in uno Stato Democratico a sovranità monetaria dove la propensione di essere maschio e orgoglioso amante della “patonza” non risulti un’anomalia?…

    Dobbiamo per forza e per legge essere tutti “passivi” sia in Europa che tra le lenzuola?..

  • Se, dopo la stagione cinematografica del “pecoreccio all’italiana” dei Pierino-Montagnani, ci fosse stato un periodo di rinascita culturale, gli italiani di certo non avrebbero avuto bisogno di questo. Purtroppo però dopo i Pierino vennero gli anni delle veline e di “Ciao Darwin”. Dopo tanti sforzi, ci sono riusciti: oggi dovremmo probabilmente dire: “Darwin, addio”. (E addio forse anche alla speranza di uscire dal mesolitico). 

  • Se, dopo la stagione cinematografica del “pecoreccio all’italiana” dei Pierino-Montagnani, ci fosse stato un periodo di rinascita culturale, gli italiani di certo non avrebbero avuto bisogno di questo. Purtroppo però dopo i Pierino vennero gli anni delle veline e di “Ciao Darwin”. Dopo tanti sforzi, ci sono riusciti: oggi dovremmo probabilmente dire: “Darwin, addio”. (E addio forse anche alla speranza di uscire dal mesolitico). 

  • Se, dopo la stagione cinematografica del “pecoreccio all’italiana” dei Pierino-Montagnani, ci fosse stato un periodo di rinascita culturale, gli italiani di certo non avrebbero avuto bisogno di questo. Purtroppo però dopo i Pierino vennero gli anni delle veline e di “Ciao Darwin”. Dopo tanti sforzi, ci sono riusciti: oggi dovremmo probabilmente dire: “Darwin, addio”. (E addio forse anche alla speranza di uscire dal mesolitico). 

  • Il paleolitico piddino di Ballarò RAI3 (non Finivest) invece è pura satira, no? [*]…

    Alla fine basta poi chiedere scusa (dopo che le scuse sono state richieste) della mano nascosta dopo che la pietra è stata scagliata.

    Ovviamente il mesolitico è sconcio (Repubblica: “l Cavaliere sconcio con l’impiegata”)

    mentre il paleolitico è semplicemente maschilista (Repubblica “ Battuta maschilista

    di Marcorè: Carfagna si infuria)… e perché non “Macho” ?…

    [*]http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/neri-marcore-a-ballaro-fa-infuriare-mara-carfagna/119018/117502

    “Meno male che c’è la Carfagna che qualcosa ci tira su”

  • Cazzo lo ha detto!Finalmente lo ha dichiarato!Lo ha detto davanti a migliaia di persone!Non me ne fotte di Casaleggio e presunti interessi che ci sono dietro (anche xche` degli interessi che ci sono dietro agli altri non sono presunti ma evidenti a tutti e spesso autenticati da qualche condanna), per me questo e` quello che conta veramente adesso in Italia. Il resto, cazzate, parole, propagand, la solita, quella di Fantozzi in periodo pre-elettorale. PS: nelle prossime settimane se va bene con questa uscito Grillo verra` distrutto dai media se va male gli spareranno…

  • Una volta un tizio ha cercato di mettere le mani sopra casa mia… quando ha capito che lo avrei massacrato ci ha ripensato! Oggi una massa di tecnocrati e ladri bastardi stanno mettendo le mani sulla mia patria sulle mie cose e sui miei diritti… cosa pensate che faro?! Per adesso voto Grillo! poi si vedra…

  • Buongiorno Grillo, benvenuto nel club.

    Ma come la mettiamo con le menate che hai spacciato fino ad oggi? Ora il referendum sull’euro non lo fai più? Un simile cambio di rotta al termine della campagna elettorale non è sorprendente per un politico italiano, ma tu dicevi di essere diverso dagli altri.

    E comunque…

    se non fermiamo il debito, il debito fermerà il paese

    noi siamo stretti da questa morsa del debito, e non ce la fai

    … col che dimostri di non avere capito ancora niente.

  • Bene. Finalmente, era ora!!! Ma non mi basta, è troppo poco, Grillo non avrà il mio voto fino a quando:

     

    1 – non scriverà esplicitamente nel programma come primo punto, che il M5S vuole la Sovranità Monetaria e che questa, cosa importantissima, deve essere introdotta nella Costituzione;

     

    2 – non scriverà nel programma quali sono tutte le sovranità nazionali che sono incedibili e che devono essere sancite dalla Costituzione;

     

    3 – non scriverà sul suo blog un esauriente articolo a riguardo delle Sovranità Monetaria che spieghi per filo e per segno cosa sia, come l’abbiamo persa, chi ce l’ha fatta perdere, cosa questo ha comportato, cosa è il signoraggio, come intende ripristinarla, ecc.

    Non importa se sarà un articolo lungo come un libro, lo deve scrivere perché la gente deve sapere. La sovranità monetaria l’abbiamo persa in quanto il 99,999% delle persone non sapeva cosa i nostri governanti stavano facendo, ma ora invece è arrivato il momento che TUTTI DEVONO SAPERE;

     

    4 – non scriverà nel suo blog un articolo a riguardo di tutte le sovranità nazionali che devono essere incedibili e devono essere introdotte nella Coastituzione.

     

    Se Grillo non farà quanto scritto nei 4 punti sopra non avrà il mio voto perché vorrà dire che è come tutti gli altri politici che fanno mille promesse in campagna elettorale pur di ottenere voti. Io voglio che lo scriva nero su bianco, sia nel programma del M5S, sia sul suo blog.

  • Beh non capisco dove sia tanto clamore, Grillo ha sempre detto come la pensa sulla sovranità monetaria,ma è come la pensa lui, ha sempre spinto per discuterne e soprattutto informare le persone, avere un piano B,cio non vuol dire che sia il pensiero di tutto il m5s.

    Chi pretende il “non mi basta” o “lo deve scrivere sul programma” è semplicemente un delegatore qualunque. Se proprio lo volete nel programma votate Scilipoti che lo va urlando da sempre non capendo neanche quel che dice. L’importanza non è nel promettere quello che vuoi,ma discuterne, dal mio punto di vista è più importante il fatto di aver la possibilità di ridiscutere TUTTI i trattati Europei che non la mera promessa di uscire dall’Euro come se bastasse qualcuno che assecondi i miei desideri per delegare ancora e poi magari lo fa in modo disastrato buttandoci nel terzo mondo.

    Colombo scoprendo i pomodori in America non ha mica creato flotte di navi per riempirle di casse, ha semplicemente portato i semi in un sacchetto in modo che chiunque potesse coltivarli. Se non si coglio la profondità del pensiero di Grillo ovvero la possibilità di discuterne ed informare sulla verità,ma si pretende il votare se lo stampa a fuoco da qualche parte,come se votare fosse un favore fatto a qualcuno in cambio di qualcosa, siamo ancora in alto mare

    • “Delegatore qualunque”?!?!?!?!?!

      Caro PaoloSGL, per tua informazione, quando tu dai il tuo voto ad una persona-partito, tu deleghi quella persona-partito a governare a tuo nome.

       

      Tu vuoi che le persone ne discutano? Allora le devi informare. Se non le informi come fai a pretendere che ne discutano? Sai quante persone, in percentuale, conoscono in Italia il problema della Sovranità Monetaria e tutto quello che questo comporta?

       

      Perché secondo te Grillo non dovrebbe inserire la Sovranità Monetaria nel suo programma? Non capisco, c’ha messo di tutto e di più ma non la Sovranità Monetaria! La cosa più importante! Perché? Qual’è il motivo? Tu lo sai?

    • scusa, ma ti stai contraddicendo da solo. Inserire nel programma la sovranità monetaria significa tornare ad una moneta sovrana. Poi però confermi che la gente non sa niente di Euro e del perchè converrebbe o per altri non converrebbe e bisognerebbe informarla, come se ti dicessi è meglio il colore verde,intanto usa il verde, il motivo per cui è meglio te lo dico dopo.

      Delegatore qualunque significa proprio questo, io voglio una cosa e ne son convinto, spero che qualcuno ci metta la faccia al posto mio in cambio del mio voto, pensiero andato finora di moda e secondo me il motivo per cui ci troviamo incompetenti cialtroni a decidere per noi.

      Ecco perchè parlavo di Colombo ed i pomodori, insegna a piantarli invece di darli senza far capire nulla.

      Se sei convinto delle tue motivazioni invece, dovresti gioire per avere degli strumenti per spiegarti agli altri e confrontarti, cosa molto più profonda, votare si o no all’euro con consapevolezza e senza demonizzazione o catastrofismi sarebbe molto più soddisfacente rispetto all’imporre la propria per fiducia, bisogna fare un cambio culturale non politico, altrimenti specialmente in Italia torni alla lira ma continui ad avere zero meritocrazia, zero onestà.

    • Mi sto contraddicendo da solo?!?!?!

      Ma capisci quello che io scrivo e di conseguenza tu leggi?

       

      Io il problema della Sovranità Monetaria lo conosco molto bene, ma so benissimo che la stragande maggioranza degl italiani non sanno neanche cosa voglia dire “Sovranità Monetaria” ed è per questo che chiedo a Grillo di scrivere a riguardo un esauriente articolo sul suo Blog. Di cosa discutiamo se la gente non conosce neanche il problema?

      Tu vuoi che io mi impegni in prima persona invece che delegare qualcuno a mio nome? Mi sembri alquanto confuso PaoloSGL! Io non stò facendo una campagna elettorale, non stò chiedendo a nesssuno di darmi il suo voto. E’ stato Grillo in un comizio a dire che c’è il problema della Sovranita Monetaria. Io dico bene, inseriscilo nel tuo programma se è un problema che biosgna e VUOI risolvere ed allo stesso tempo spiega bene ai tuoi elettori il problema e come intendi risolverlo.

      A tuo parere, PaoloSGL, mi sto contraddicendo?

       

      Per tua informazione PaoloSGL, votare l’uscita dall’Euro per poi ritornare alla Lira è un gran cretinata. Lo sai perché? Perché anche la Lira non era una moneta sovrana! Quello che conta non è il nome della moneta, se si vuole la si potrebbe chiamare anche Paperino, oppure Bhegvnbe, oppure Fighettina, ma se puoi adotta lo stesso meccanismo di funzionamento dell’Euro non serve assolutamente a nulla. Quello che conta è il suo meccanismo di funzionamento, ed è quello che voglio che Grillo mi spieghi per avere il mio voto!

      Sono stato chiaro?

    • credo che stiamo parlando di due concetti differenti che tu dai per scontato.

       

      Il programma non lo fa Grillo, questo riesci a capirlo?Non è difficile disabituarsi a questo concetto.

      Se lo vuoi vedere nel programma in modo esplicito lo proponi, se te lo vota la maggioranza ce lo vedi. Semplice semplice, democrazia diretta,non menu preparato per appetirti e farmi il favore di votarmi,più semplice di così scusa non so spiegarlo,saluti.

    • Dimenticavo, è questa la differenza, il m5s ti da lo strumento per dire la tua,se piace alla maggioranza diventa programma, più pragmatico ed utile di così, l’opinione di Grillo vale quanto la tua, ecco il perchè del referendum

    • 1 – Ho cercato sul blog di Grillo dove sia possibile proporre un tema per il programma ma non trovato nulla. Se c’è, è ben nascosto.

      2 – E’ comunque assolutamente inutile che io o altri propongano il problema della Sovranità Monetaria se poi comunque non viene illustato dettagliatamente in ogni suo aspetto e venga spiegata in modo altrettanto esauriente la soluzione da adottare.

      3 – Ma i vari punti presenti nel programma M%S da chi sono stati proposti?

      4 – Ricordati che io sono un semplice elettore che deve valutare a chi dare il voto, quindi chi devo delegare affinché governi a mio nome.

  • ATTENZIONE  La Grecia al collasso e UE censura il tutto (in Italia causa elezioni)

    IMPORTANTISSIMO da leggere fino in fondo:

    sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2013/02/amnesty-international-denuncia-il.html

  • E’ un argomento da approfondire, ma una cosa è certa: l’euro è l’UNICO esempio al mondo di moneta transnazionale SENZA una politica fiscale parimenti transnazionale.O siamo dei geni noi (e a giudicare da come sta andando non mi pare) o sono scemi (magari) tutti gli altri.

  • Purtroppo conosco un po’ di gente che era convinta di votare M5S, ma dopo questa uscita di Grillo ha dei seri dubbi! Questo dimostra che la posizione “da equilibrista” tenuta da Grillo finora non era del tutto sbagliata. Certo, e’ una logica un po’ da vecchia politica (della serie: il popolo non capisce, quindi non diciamo tutta la verita’), ma necessaria in questa fase.

    • A voler pensar male, Grillo lo ha detto solo per accattivarsi gli indecisi euroscettici senza aver davvero l’intenzione di proseguire su questa strada dopo le elezioni. E non sarebbe una bella cosa.

      A voler pensare bene, come dici te, è una logica da vecchia politica dettata da cautela elettorale al fine di non turbare eccessivamente la psiche dell’elettore medio italiano cui è stato fatto il lavaggio del cervello negli ultimi vent’anni di indottrinamento europesita. Beh, se fosse vero avremmo un movimento che sbandiera che i vecchi partiti sono morti, che si propone come rottura del passato e che in qualche modo finisce per sconfessare la sua stessa natura. Ed anche questa non sarebbe una bella cosa, forse meno brutta della prima.

      Comunque la si metta c’è qualcosa che non mi piace, ma forse oggi l’astensione è meno preferibile di ieri.

    • Tu dici, l’elettore medio italiano è come un bambino piccolo, non gli puoi dire che Babbo Natale (il sogno/incubo euorpeista) non esiste, altrimenti c’è l’elevato rischio che sbotti a piangere, che ti tenga il broncio e che non ti voti come aveva pensato di fare (e come tu conti che lui faccia).

      Tu dici, conviene raccontargli una volta la favoletta che esiste, poi conviene alludere al fatto che forse invece non c’è, poi conviene proprio non parlarne per un pò, poi (probabilmente a seconda di come vanno i sondaggi elettorali) ritorna conveniente rilascare qualche dichiarazione che allude all’inesistenza di Babbo Natale.

      Insomma, proprio su quella che dovrebbe essere la madre di tutte le battaglie, sull’argomento più oscurato e boicottato dai media italiani in quanto chiave di volta “rivoliuzionaria” per comprendere finalmente le scomode ragioni della crisi economica in cui ci troviamo, proprio su questo punto così fondamentale, Grillo si “conforma”, nicchia, rinuncia ad essere diretto, espressivo e convincente come solo lui (e forse Berlusconi) sa fare.

      Su questo punto, obiettivamente, è stato – come dice lo stesso Bagnai (http://www.youtube.com/watch?v=q9oySOXZ3y0&feature=youtu.be) “ondivago”.

      Nel programma politico del Movimento 5 stelle che si candida a guidare l’Italia, il paragrafo “Economia” è quello che lascia più insoddisfatti, e lo dicono in molti. In quel paragrafo manca ogni riferimento a qualsiasi problema monetario. E nel programma non c’è nemmeno un punto dedicato a questo fantomatico referendum sull’opportunità dell’uscita dall’euro. L’unico riferimento referendario, nel paragrafo “Stato e cittadini”, è la proposta di introdurre referendum propositivi e/o abrogrativi senza quorum. Tutto là.

      Peccato poi che se vai sul Forum del sito del M5S (http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/) che è lo spazio dove gli iscritti scrivono e votano le loro proposte per, almeno così dovrebbe essere lo spirito, “plasmare dal basso” il programma del movimento, vieni a scoprire che la proposta più votate di tutte (ad oggi  1.236 voti incluso il mio) ha il titolo: <<IMMEDIATA USCITA DA EUROZONA. Moneta sovrana-Applicazione MMT>>. Nonostante questo, sul programma non si parla ne di uscita dall’euro e nemmeno (nella sua forma light) di referendum sull’uscita dall’euro.

      Potranno girarmi un pò le scatole?

      Potrò avere qualche dubbio sul meccanismo di trasparenza democratica all’interno del movimento?

      Possibile tutta questa cautela con gli elettori su questo punto cosi urgente? Proprio lui, lui che parla alla pancia degli italiani, lui che è in grado di distruggere con tutta la sua forza polemica il vecchio ed il marcio del nostro sistema, lui che non si fa riguardo di nulla nei comizi del suo Tsunami tour. Proprio lui che basa la sua forza e la sua leggitimazione sulla rottura, sulla provocazione, sulla “rivoluzione”.

      Ma proprio sulla questione dell’euro, guarda un pò, lo tsunami diventa brezza primaverile, li decide che è megli essere cauto, ondivago, non esporsi troppo, dire e non dire, e soprattutto non mettere niente di nero su bianco, alla faccia di ciò che la base del movimento perde tempo a votare sul proprio sito.

      Poi mi viene da pensare, “chissà cosa ne pensa la Casaleggio Associati del tema dell’uscita dall’euro?” e mi rode ancora di più.

      Mi sembra una grossa occasione mancata.

      Speriamo bene.

       

  • Come al solito, molti entusiasti e diversi scettici…

    Grillo non ha detto testualmente “voglio uscire dall’Euro” e fa bene a non dirlo…

    Intendiamoci, se fosse per me, uscirei anche oggi, il leader del M5S ora ha un obiettivo, deve cercare di prendere più voti possibile. Anche se è cresciuta molto la consapevolezza e la conoscenza del problema, esiste tantissima gente, direi la maggioranza, che è ossessionata dal terrore propagandistico tipico della “shock economy”.

    Ospitando Bagnai, Grillo ha ottenuto due obiettivi: da una parte ha pubblicato nel suo seguitissimo post un articolo di conoscenza da dispensare a chiunque, ma in particolare a chi non conosce l’argomento in modo approfondito (fondamentale il link che rilancia alla bellissima e lunghissima intervista di Claudio di qualche mese fa), senza esporsi direttamente, effettuando una sorta di “servizio pubblico” neutrale, da sottoporre alla valutazione dei visitatori del blog. Ma dall’altra, ha inviato l’ennesimo segnale subliminale rivolto a chi ritiene la battaglia antieuropeista un bagaglio del M5S che, sicuramente, verrà affrontata nei modi giusti quando ci saranno i momenti giusti. Una sorta di “fidati di me”.

    Io personalmente di fido, e chiedo ai scettici: avete alternative?

     

  • Sinora sono stato combattuto tra l’astensione ed il voto a Grillo e forse ora l’ago della bilancia si è spostato verso il voto al M5S.

    Tuttavia, rimangono alcune perplessità sul movimento di Grillo (la sua vena “autoritaria” ed il ruolo poco chiaro della Casalleggio Associati) cui ora se ne aggiunte un’altra: perchè di questo punto cruciale non ne ha fatto un cardine del proprio programma politico già da prima?

    E’ vero che al problema dell’euro aveva già dedicato altri post (basta fare una ricerca per tag “fuori dall’euro” sul suo blog) però il risultato di questa sensibilità all’argomento si era risolta, al massimo, in un sondaggio online sull’opportunità di un fantomatico referendum per far decidere al popolo italiano se sia giusto lasciare l’euro o meno (e sappiamo che alcuni hanno sollevato delle obiezioni sulla reale praticabilità di questa strada).

    Poi però in questi cruciali mesi pre-elettorali, è calato il silenzio, almeno sino ad adesso.

    Dunque, apprezzo che ne abbia parlato ma non riesco a non essere critico, e mi viene il sospetto che possa essere una proposta strumentale, fatta per accattivarsi il voto di quella fascia trasversale di cittadini euroscettici a cui stanno probabilmente strizzando l’occhiolino Berlusconi e la Lega.

    Temo, quindi, che sia solo uno dei soliti giochini pre-elettorali, proprio come hanno sempre fatto e stanno ovviamente facendo un pò tutti i partiti tradizionali che promettono mari e monti per poi dimenticarsi di quelle promesse con la stessa facilità con cui le hanno fatte.

     

  • Quando il mio nipotino non vuol fare qualcosa, comincia a girare attorno al problema e prende una scusa dietro l’altra per raggiungere il suo scopo.Si può essere d’accordo o meno con un programma politico,può essere simpatico o antipatico un capo politico;ma mistificare la realtà è quantomeno disdicevole, seguo da moltissimi anni i recital di grillo dove ha sempre parlato di Signoraggio,quindi sovranità monetaria ed è per mezzo suo che ho scoperto il compianto Prof AURITI.Per qualche commentatore in buona fede prego digitare su Youtube BEPPE GRILLO E SIGNORAGGIO dove troverà tutte le risposte che servono.

  • opap ha scritto :
    Siamo eccessivi, Grillo giustametne ha proposto un referendum, è giusto che gli Italiani decidano riguardo a questo tema… e cmq non è detto che il ritorno alla Lira assicuri benessere… una cosa è sicura: che bisogna rivedere i patti e tutto il sistema Euro..ma si può anche andare avanti e bene mantenendo l’Euro e facendosi sentire in Europa

     

    Il referendum non serve se la gente non comprende il problema. Uscire dall’Euro per tornare alla Lira? La Lira funzionava con lo stesso identico meccanismo con cui funziona ora l’Euro. La Lira non era una moneta sovrana di conseguenza tornare alla Lira non serve a niente se il meccanismo è il medesimo. La gente deve comprendere il meccanisomo che sta dietro l’emmissione della moneta, che poi la moneta si chiamio Euro, Lira, Paperino o Vattelapesca non cambia nulla.

  • hilarion ha scritto :
    bene, allora vota gli sciacalli che hanno devastato il bel paese, che hanno l’ospedale privato a montecitorio etc. etc. oppure non votare, così potrai lamentarti dichiarando di non avere alcuna responsabilità rispetto a ciò che potrà accadere.

     

    TROLL

  • Leggo alcuni commenti di persone che ritornare alla lira non si tornerebbe  automaticamente alla sovranità monetaria. Mi permetto di dire che è una grossa fesseria, perchè sovranità monetaria signica che lo stato tornerebbe a stampare moneta che la immeterebbe prontamente sul mercato per ritornare ad una liquidità che ora non c’è, perchè adottando l’euro, solo la BCE può stampare carta moneta facendosi pagare dagli stati che acquistano euro il valore facciale dell’euro medesimo (es. la BCE stampa 10 euro, il costo per stampare 10 euro è di circa 3 centesimi, ma lo stato che lo compra, lo paga 10 euro.) .Su questo tema e sul signoraggio, ci sono diverse tesi di laurea, che ognuno potrà trovare su internet, e che in sostanza dicono quello che ho detto io in poche parole.Mi permetto di dire che  prima di scrivere fesserie, sarebbe il caso di informarsi.

    Mauro

  • Questo è il Grillo che volevo sentire!…e allora ribadisco ancora una volta: Forza M5S!…..

    Intanto domani nel polo industriale di Priolo(infilandosi in una assemblea retribuita x tutti gli operai metalmeccanici dell’indotto) ci sarà Bersani….che dice di voler incontrare i cittadini siracusani….via con uova e pomodori!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi