Perché la democrazia digitale, oggi, ha vinto una battaglia, e non il contrario.

democraziadigitale

Nessun sistema è perfetto. Su questo, immagino, saremo tutti d’accordo. Chi fa politica da generazioni (o chi scambiava voti in cambio di promesse di lavoro o di soldi, sia alle primarie che alle politico-amministrative), sa bene quali e quanti giochetti si riescano a fare con le schede elettorali e con le matite copiative, così come non sfugge quante polemiche abbiano suscitato – per esempio – quei 200 mila voti degli italiani all’estero nell’utlima tornata elettorale. Non si capisce dunque perché la cosiddetta “democrazia digitale”, ovvero la possibilità di svolgere le medesime operazioni di voto con sistemi informatici e sfruttando la rete, dovrebbe essere esente da qualunque tentativo di mamonissione, oppure essere considerata risibile. Come minimo dovrebbe partire alla pari, con in più quel vento a favore determinato dall’evidente constatazione che qualsiasi cosa, nel mondo, ormai viaggia verso la sua trasformazione in sostanza immateriale. Nel tempo della “internet delle cose”, dove perfino il frigorifero e la lavastoviglie, gli orologi, i sistemi anti-furto, i conti correnti bancari, le radiosveglie e i sistemi di guida degli autoveicoli finiscono o finiranno in rete, perché si dovrebbe continuare a votare con una matita in mano e un pezzo di carta?
Chiarito questo punto, ovvero il fatto che sia giusto e anzi doveroso provarci, è anche comprensibile come una parte dei commentatori che animano blogosfera (e non) si sbizzarriscano nel tentare di usare l’episodio del tentativo di intromissione informatica nel meccanismo di voto online per il Presidente della Repubblica a Cinque Stelle per ipotizzare, talvolta con ironia, che il sistema sarebbe inadeguato. Un sistema di voto elettronico non deve essere visto come un mero complesso di software e hardware che raccoglie indicazioni di voto e compila graduatorie. Quella è la parte, diciamo così, “meccanica”. La quale può essere più o meno efficace, contemplare sistemi anti-intrusione più o meno complessi e così via. In nessun caso può mai essere ritenuta sicura al 100%. Perfino gli algoritmi di cifratura più complessi dipendono, per la loro affidabilità, dalla potenza di calcolo disponibile a chi tenta di bucarli. Tuttavia, un processo non si esaurisce in un’accrocchio di cavi e di programmi, ma comprende strumenti di controllo e monitoring. Il “processo” di votazione online per il candidato a Cinque Stelle al Quirinale, nella fattispecie, era disegnato per includere un ente certificatore esterno scelto tra i primissimi per qualità ed esperienza, con sedi in tutto il mondo, che dopo aver valutato che fossero soddisfatti i requisiti base nell’architettura e nell’infrastruttura tecnica messa a disposizione per le consultazioni, ha accettato di svolgere le operazioni di verifica, eseguendo controlli a campione lungo tutta la durata delle operazioni di voto. Ed è proprio grazie a questo processo, nel suo insieme, che il tentativo peraltro molto sofisticato di falsificazione dei risultati è stato scoperto e denunciato, portando all’invalidamento di tutta l’operazione e alla sua ripetizione.
Il processo avrebbe dunque dimostrato di essere inaffidabile? Direi piuttosto il contrario: il processo ha dimostrato di non avere ceduto di fronte ad un’aggressione esterna e, dunque, di essere sostanzialmente affidabile. La ripetizione del voto è parte integrante di una metodica che garantisce che l’intenzione di voto dei cittadini possa corrispondere puntualmente con i risultati che saranno pubblicati, e non può essere vista, in maniera abbastanza strumentale, come una prova di debolezza.
Chi non fa queste valutazioni, nel loro insieme, dimostra scarsa dimestichezza con le capacità di analisi richieste a chi disegna metodi e processi validi per qualunque contesto, proprio in quanto descrivono principi sufficientemente astratti e generali da poter essere applicati con successo sia – per esempio – al governo delle complessità che si incontrano nei controlli a campione su una filiera di produzione industriale, sia – come in questo caso – alle specificità della democrazia digitale, dove l’importante è che una partita di voti “avariata” sia identificata con sicurezza ed estromessa dal computo dei risultati finali.
 

95 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Concordo in tutto e per tutto!!

    Grazie ByoBlu, viva la rete e le votazioni online per una democrazia libera, diretta e partecipata!!

    Valerio

  • Tremendamente d’accordo. Il fatto che il tentativo di manomissione sia stato scoperto in tempo, è un grosso punto a vantaggio del sistema, ma purtroppo, per chi non si muove in questi ambiti, è un concetto difficile da comprendere, motivo che avvalora ulteriormente questo articolo.

  • Ok, ma se si fosse trattato di un elezione vera? e non di un fanta-presidente che i partiti-truffa non accetteranno mai? tutti al voto di nuovo? Sicuramente queste sono state prove tecniche come le partitelle estive delle squadre di calcio… promesse di campioni, tecnici e presidenti ma talvolta poi invece della Champions si ritrovano a lottare per la retrocessione… La paura e` che purtroppo i tempi sono ancora acerbi per far cio, Molta gente che magari ha votato grillo non conosce haker, web, attacchi, aziende di controllo software e rimane col dubbio che la prossima volta ci sara` ancora una manomissione. Certo, se Un ATTACCO C`E` STATO E~ UN FATTO GRAVE, E FORSE E STATO MESSO SU PROPRIO PER SPUTTANARE E SFIDUCIARE IL SISTEMA…. era il caso di mettere su queste QUIRINALIZIE? in un momento cosi delicato in cui anche la nonna (convinta dal nipote e dalla crisi) che ha votato M5S si ritrova a leggere notizie di ATTACCHI HAKER che nemmeno se glielo spieghi una settimana capira` veramente e totalmente? BOH, secondo me a sto giro dovevano lasciar perdere e magari farle solo tra i parlamentari eletti le “primarie quirinalizie”… ovviamente e` solo un mio sfogo, una mia sensazione, ma i tempi non erano ancora maturi…. 

    • a me questa storia dei nonni che non “comprendono” non mi convince.

      conosco persone di 80 anni che sanno usare il computer meglio di me che sono giovane,perche’ non hanno niente da fare e stanno dalla mattina alla sera sulla tastiera!

      si,ci sono anche anziani che non hanno dimestichezza col pc,forse sono la maggioranza,ma che vuol dire?si puo’ arrestare il futuro per questo? se non ora,quando?

      non si dovrebbero fare nemmeno gli acquisti e transazioni di denaro on line se c’e’ la paura di attacchi hacker,eppure questo sembra il modo piu’ diffuso di pagamento,si ferma tutto per questo?no,il mondo va avanti lo stesso,perche’ il sistema si perfeziona mano a mano,non potrebbe essere lo stesso per le votazioni on line?

    • Salvatore..ok certo , ma forse ci si dovrebbe chiedere semplicemente: perchè ????????

      perchè scegliere una macchinazione elettronica con tutti i rischi,  quando il sistema cartaceo e “personale” collaudato andava e va benissimo ?

      Non è dato a sapersi. Ogni tanto leggo in giro che sarebbe il semplice preludio alla cosidetta fantomatica “democrazia diretta” in cui i cittadini si scriveranno e voteranno da soli le leggi. E spero con tutto il cuore che il giorno in cui una massa di incompetenti o direttamente analfabeti non avranno il permesso di scriversi e votarsi le proprie leggi non arrivi MAI, perchè sarebbe il peggior incubo  che un essere umano possa immaginarsi.  

    • * ..E spero con tutto il cuore che il giorno in cui una massa di incompetenti o direttamente analfabeti avranno il permesso di scriversi e votarsi le proprie leggi non arrivi MAI, perchè sarebbe il peggior incubo  che un essere umano possa immaginarsi.  

    • http://www.huffingtonpost.it/lucia-annunziata/prodi-e-il-sudoku-grillino_b_3076634.html?utm_hp_ref=italy

      un articolo illuminato di Lucia Annunziata.(!!!!)

       

      legittimità ’emotiva’ di un mini referendum

      Ma questi limiti non diminuiscono l’impatto avuto dai grillini. La politica italiana è nelle mani dei loro veti e consensi.

      Ovviamente poi prende le distanze sul lavoro e sulla crisi perchè solo il PD di Bersani e’ competente in merito…

      Un po’ come il PD che brucia il M5S sul reddito di cittadinanza….(!) ma che copiassero pure. In fondo il Movimento e’ fatto di idée buone da copiare!!!!

    • @luca.manzoni

       

      capisco il tuo punto di vista, che poi si avvicina alla boutade storica di Pasolini  quando Orson Welles/regista descrive gli italiani nel film La ricotta.

      “Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa.” 

      La democrazia liquida puo’ far  paura su una base di ignoranza (confermata dalle statistiche OCSE).

      Solo che quando si parla di referendum, voto digitale, il presupposto rimane un cittadino che ha fatto la fatica di informarsi, che sia andato a vedere chi sono questi personaggi, che abbia avuto accesso a delle informazioni assenti sul mainstream.

      Una curiosità che deve essere funzionale, deve aprire la porta alla formazione culturale personale.

      Esempio: il referendum sull’europa non puo’ che farsi dopo un chiaro dibattito nazionale, con tutte le opinioni e previsioni degli economisti, con tutti gli scenari possibili, con costi e benefici spiegati anche ai non addetti ai lavori.

      Referendum implica quindi informazione libera dagli interessi, tanto economici che di partito.



       

    • Gandilf…io ho parlato di analfabetismo per rendere semplice e conciso il messaggio, ma non si tratta solo di semplice analfabetismo, ma piuttosto di incompetenza. Così come un architetto non può compiere scelte di natura medica nonostante la preparazione scolastica. Una popolazione nella sua maggioranza non conosce ed è completamente incompetente riguardo il funzionamento politico economico di una nazione, anche considerando una formazione generale elevatissima da primissimo mondo.  

      Per gestire un paese non basta la curiosità, non basta la cosiddetta informazione pluralista , è necessario essere preparati , avere studiato e avere esperienza nel campo.

      Il modello che proponi è assolutamente inapplicabile, non solo perchè utopistico (  aspettare che 60 milioni di italiani siano realmente e correttamente informati e preparati) , ma  non avremmo nemmno alcun feedback per comprendere l eventuale efficacia ed “autorevolezza” del popolo chiamato a legiferare. 

      Ma a prescindere è spaventosa la concezione di democrazia che si sta delineando intorno al M5S , ovvero il concetto in base al quale la reale democrazia possa verificarsi soltanto attraverso  l eliminazione dello stato. La lenta e progressiva eliminazione di una classe di eletti  che responsabilmente dovrebbe gestire le sorti del paese , al motto di “fino ad oggi hanno lavorato male” e così eliminarne il ruolo!

       

       

    • @luca:manzoni

      Il discorso della competenza/incompetenza. Sono d’accordo sul bisogno di persone capaci e competenti al governo di un paese e sulla necessità di specializzazioni in linea coi domìni di competenza, ci mancherebbe.

      Mi stupisce che tu veda la minaccia nel M5S, in questa spaventosa democrazia degli imbecilli, quando il risultato del sistema attuale ha già prodotto la democrazia distorta di cui parli.

      L’enzima che ha prodotto il ripiegamento del parlamento su se stesso è stato l’interesse personale e non l’interesse del paese, della collettività. Una cecità politica che ha usato la competenza per scopi estranei al mandato.

      I rappresentanti 5 stelle mi sembrano il canale in quella membrana che fino ad oggi ha impedito alle persone competenti anche solo di avvicinarsi alla gestione della cosa pubblica.

      163 persone piu’ tutti i collaboratori di cui si avvaleranno, non sottovalutare il lavoro di un gruppo.

      Prima di loro corruzione, favoritismo, clientelismo, familismo hanno sempre prevalso. E questi vizi non scopariranno all’improvviso(neanche fra i 5 stelle).

      Ma non voler vedere che la direzione intrapresa dal nostro caro parlamento(tutto) dopo l’ingresso del Movimento è tutt’altra, mi sembra rivelare di un disfattismo o di una passione nostalgica di una non ben definita età dell’oro degli aborigeni responsabili.

      E poi questa direzione dipende anche da noi.

      luca manzoni e le sue competenze compresi!


       

  • Daccordissimo, la scoperta del tentativo di manomissione del voto online per il PDR non fá altro che legittimare la validitá del sistema.Ma non solo, il probabile tentativo di screditare le “quirinarie” attraverso gli organi di informazione, potrebbe creare l’effetto opposto ,dando maggior risalto  alle votazioni che altrimenti sarebbero passate abbastanza inosservate!!

    In sisntesi questo é tutto “lardo che cola”!!

  • Si pero se domani il server di Grillo e Casaleggio cade vittima di un nuovo attacco che si fa?
    ririvotiamo con carta e penna?

  • Si pero se domani il server di Grillo e Casaleggio cade vittima di un nuovo attacco che si fa?
    ririvotiamo con carta e penna?

  • Si pero se domani il server di Grillo e Casaleggio cade vittima di un nuovo attacco che si fa?
    ririvotiamo con carta e penna?

  • Grazie Claudio Messora,

    delle ineccepibili spiegazioni e precisazioni, dati i commenti secondo i quali ai “dittatori” del M5S non sarebbero piaciuti i risultati … nulla comunque che possa ancora meravigliare: “Dat veniam corvis, vexat censura columbas”!

    Con inalterata stima, cordialmente saluto. 

  • Perchè ieri non mi è arrivata l’email per votare il presidente? Perchè ieri non mettevano un link aperto a TUTTI per votare previo login? Perchè se mandi un messaggio non ti risponde mai nessuno? Perchè nel sito leggo i post di Grillo invece di Crimi e Lombardi?
    Perchè mi loggo nel sito nel movimento e lo stesso account non mi funziona nel sito di Grillo… e sopratutto PERCHE’ OGNI GIORNO NON C’E’ NEL SITO DI GRILLO UNO SPAZIETTO DOVE C’E’ SCRITTO “OGGI DECIDIAMO QUESTO, PREMI QUA SOTTO SI/NO PER ESPRIMERE IL TUO VOTO…. E POI VEDO QUANTI HANNO VOTATO E COME … senza email a pochi privileggiati o fronzoli… poi il sito bello di democrazia diretta lo puoi fare con calma….

     

    ..queste e altre domande sul canale “perchè Casaleggio non dovrebbe avere il monopolio del server 5 stelle”

     

    • Bravo, questi sono punti importanti. Questa votazione è una cosa bella, ma il m5s deve abcora dimostrare di saper applicare la democrazia diretta. Quelli che ha fatto finora sono solo giochetti. Anche inutili swcondo me, perché nessun altro partito voterà mai il candidato m5s, per cui non sarà mai eletto presidente.

    • Questi discorsi sull’inutilità di un azione sono incomprensibili … anche il governo Indiano dell’epoca non diede retta alle più che legittime richieste di Gandhi, ma questo non significa che le sue azioni siano state inutili …

    • harlock e proid (non prodi, vero?) non esageriamo.

      e’ assolutamente doveroso che il MoVimento presenti un suo candidato “di bandiera”. il punto e’ che DEVONO mantenerlo sempre fino alla fine, evitando i giochetti alla “prima repubblica” tipo: alla quarta votazione i franchi tiratori votino, chesso’, magari PRODI…

      Che poi il server possa venire attaccato anche per saggiare i sistemi di sicurezza e’ un dato di fatto.

      per questa volta e’ andata bene, speriamo che vada sempre così…

  • Ma continuate a farvi prendere per i fondelli da Grillo e Casaloggia? Questo referendum non serve a niente inquanto avendo spinto con la forza il PD e il PDL a dialogare tra loro ora eleggeranno chi vogliono loro.L’unico referendum veramente importante ovvero quello se far nascere un governo o meno Grillo con un diktat lo ha impedito,adesso questi referendum servono solo per tenere buona la base e per far credere che il M5S sia un movimento democratico tanto non avendo nessuna maggioranza parlamentare non eleggera nessuno e non approvera’ nessuna legge.Ma siete ciechi ma non lo avete ancora capito che il M5S creato da casaloggia della caseleggio associati e’ servito ad incanalare il dissenzo in un recinto dove viene tenuto a bada e dove non possa nuocere i poteri forti che governano il mondo ma non vi siete accorti che Grillo e Casaloggia stanno agendo da perfetti gatekeeper?E si che gli uenti della rete dovrebbero capire bene come funzionano certi meccanismi mettere un propio uomo alla testa del dissenso e poi portare il dissenso a spiaggiarsi.andate sul sito di gianni lannes andate su dagospia andate su tgcoma e’ pieno di articoli che lo denunciano ma se provi a criticare l’operato di Grillo e Casaleggio su il sito di Beppe Grillo vieni tacciato di essere un troll del PD e vieni bannato altro che democrazia diretta e uno vale uno Grillo e casaloggia decidono per tutti gli altri zitti e chi dissente viene bannato,o licenziato.Svegliateviiiiiiiii!!!!!!! ci hanno fregato di nuovo.Abbiamo in piu’ di 8 milioni votato il movimento per cambiare il paese e Grillo sta’ facendo di tutto perche’ non cambi niente butta un po’ di fumo negli occhi con i referendum on line ben sapendo che il presidente lo eleggeranno il PD e il PDL con i suggerimenti occulti dei vari bilderberg trilateral ecc..che naturalmente ringraziano i loro gatekeeper Grillo e casaloggia che stanno facendo di tutto perche’ cio’ avvenga.Ci dica Grillo perche’ da comico nel 2008 e’ andato a colloquio segreto con l’ambasciatore americano e poi ha fatto partire i meet up ci dica perche’ appena eletti i ragazzi sono dovuti andare a colloquio con l’ambasciatore americano ambasciatore di uno stato che vule installare il MUS in Sicilia che ha riempito la penisola di basi militari e armi che qualcuno ipotizza anche atomiche che senso a questa visita spiegatemela.Il M5S e’ la piu’ bella speranza di cambiamento degli ultimi 20 anni ma per essere credibile deve liberarsi delle presenze ingombranti di Grillo e Casaloggia altrimenti e’ solo uno specchietto per le allodole.

  • Va bene sarà anche stato scoperto, ma è difficile definirla una vittoria, io la chiamerei tale se l’ attacco non avesse obbligato a ripetere il voto; e se succede un’ altra volta cosa si fa ? Si ri-rivota ?

    Oltretutto se è vero che anche con la votazione “tradizionale” può dare luogo a brogli a mio parere è evidente che ci sono molte più probabilità che una votazione venga falsificata/attaccata/resa vana da un buon hacker (si sa che la protezione perfetta non esiste) se fatta online rispetto alla prima.

  • Finalmente si Vede l’obiettivo finale di grillo e del movimento (coccolato dallo zio tom) che io ipotizzo ormai dal 2005. Spazzare via la classe politica (gia’ fatto per gli unici partiti non “americanizzati” con lo sbarramento alle elezioni..) e sostituirla con un nuovo sistema con parvenza di liberta’ e sensazione di contare qualcosa, una sperimentazione su nuovi metodi di controllo della nostra colonia americana.

    all’inizio il sistema funzionera’ correttamente per rassicurare la gente e solo dopo entrera’ a pieno regime…

    la differenza tra voto cartaceo ed elettronico è piccola ma sostanziale: il controllo nel secondo caso non è possibile senza mediazioni tecnologiche: l’occhio è analogico e non converte il digitale!

    l’unica possibilita’ del voto elettronico di affermarsi come strumento realmente rivoluzionario è quello di essere associato al voto PALESE, cioe’ controllabile. Fornire in un unico file i risultati con possibilita’ di controllo del proprio ed altrui voto. in caso contrario si presterebbe alla piu’ grande operazione di manipolazione e controllo della storia.

    una persona tecnologica come Claudio non puo’ non vedere questo.

    • Certo Qui gon ..se si tratta di manipolazioni elettoniche ( cose banalissime che pure minorenni possono fare ) si tratta  di film di fantascienza…

      Se parliamo del potere massonico dominante economico finanziario che controlla servizi, politici, governi e multinazionali con una telefonata..no questa è la pura realtà. Ma perfavore.. 

  • Nell’ormai lontano 2006 Enrico Deaglio realizzò un film inchiesta dal titolo inquietante Uccidete la democrazia in cui venivano denunciate delle anomalie sul numero di schede bianche alle elezioni poliche.

    All’epoca scrissi un post intitolato Salviamo la Democrazia in cui riflettevo sul processo di voto e sulla trasmissione dei dati.

    Alla fine concludevo così:

    Utilizzare diversi sistemi indipendenti per comunciare gli stessi dati e ritenere un dato valido solo se uguale a quello ricevuto dagli altri sistemi. 

    ….

    In generale, più aumenta il numero di sistemi e di persone che vengono coinvolte attivamente in un processo, più si realizza un sistema di condivisione della responsabilità in cui l’interesse del singolo incontra l’interesse collettivo.  

    Poi in fondo anche il processo di voto deve essere democratico, ovvero governato dagli stessi elettori.

     

  • una delle crititche più appropriate che il M5S ha ricevuto, in tema di rapporti con l’infomatica, è quella di non avere mai voluto, fino a questo momento, impostare le proprie scelte tecnologiche su software libero.

    speriamo che questa esperienza offra uno spunto di riflessione.

  • Fiandrino ha scritto :
    Perchè ieri non mi è arrivata l’email per votare il presidente? Perchè ieri non mettevano un link aperto a TUTTI per votare previo login? Perchè se mandi un messaggio non ti risponde mai nessuno? Perchè nel sito leggo i post di Grillo invece di Crimi e Lombardi?

     

    Per difficolta ti riferisci al problema di login? ok tralasciamo quel punto.

    Ma quindi tu non hai riscontrato gli altri problemi?

    Perchè ieri non mi è arrivata l’email per votare il presidente?

    Perchè ieri non mettevano un link aperto a TUTTI per votare previo login?

    Perchè se mandi un messaggio non ti risponde mai nessuno?

    Perchè nel sito leggo i post di Grillo invece di Crimi e Lombardi?

     

    ma sopratutto….

    PERCHE’ OGNI GIORNO NON C’E’ NEL SITO DI GRILLO UNO SPAZIETTO DOVE C’E’ SCRITTO “OGGI DECIDIAMO QUESTO, PREMI QUA SOTTO SI/NO PER ESPRIMERE IL TUO VOTO…. E POI VEDO QUANTI HANNO VOTATO E COME

     

    Se ti è arrivata l’email sei uno dei fortunati ma per il resto.. o navighiamo in un’internet parallela (o io) o devi concordare….



  • luxor ha scritto :
    harlock e proid (non prodi, vero?) non esageriamo. e’ assolutamente doveroso che il MoVimento presenti un suo candidato “di bandiera”. il punto e’ che DEVONO mantenerlo sempre fino alla fine, evitando i giochetti alla “prima repubblica” tipo: alla quarta votazione i franchi tiratori votino, chesso’, magari PRODI… Che poi il server possa venire attaccato anche per saggiare i sistemi di sicurezza e’ un dato di fatto. per questa volta e’ andata bene, speriamo che vada sempre così…

     

    Mi hai associato a questioni che io non ho sollevato.

    Il mio post non aveva niente a che vedere con tutto questo.

  • Concordo con la tua analisi. Come primo passo va bene, pero’ non mi piace che ci sia una scelta singola. L’attuale sistema e’ solo in prima approssimazione cio’ che vorrei. In attesa di una possibilita’ migliore (e.g. liquid feedback), spero che il mio voto sia trattato come una indicazione e che gli eletti si diano da fare per realizzare lo spirito della scelta.

  • luxor ha scritto :
    harlock e proid (non prodi, vero?) non esageriamo. e’ assolutamente doveroso che il MoVimento presenti un suo candidato “di bandiera”. il punto e’ che DEVONO mantenerlo sempre fino alla fine, evitando i giochetti alla “prima repubblica” tipo: alla quarta votazione i franchi tiratori votino, chesso’, magari PRODI… Che poi il server possa venire attaccato anche per saggiare i sistemi di sicurezza e’ un dato di fatto. per questa volta e’ andata bene, speriamo che vada sempre così…

     

    Cosa? da dove di vengono certe idee? Se il tuo voto e’ incondizionato il mio invece NO. Io ho votato per Rodota’ ma se lui e’ primo e come secondo e’ Strada e per qualche insano motivo su Strada convergono gli altri, il M5S dovrebbe dire di no? Io voglio che il mio voto per Rodota’ sia condizionato a quello che succedera’. 

    Ho votato pensando a un movimento con persone intelligenti e che si prendano le loro responsabilita’ di scelte complesse. Mi fido di loro ma se mi pigliano per i fondelli nascondendosi dietro alla coerenza, non mi va piu’ bene.

  • Per favore mi fate rivotare?

    Anzi, mi fate rivotare altre 7,8,100,1000 volte?

    Parlo ovviamente a titolo personale. Ma questa votazione è stata un autentico godimento.

    La prima volta credo di aver impiegato circa un minuto per completare la procedura (ci sono quasi rimasto male!!).

    Oggi quando ho letto il post ero proprio contento di ripetere un’esperienza meravigliosa. Mi sono detto: ma certo che rivoto, di corsa anche!!! Confesso di averci impiegato qualche “secondo” in più (memore dell’orgasmo breve di ieri).

    Grazie a chiunque ci sia dietro, davanti, sopra e sotto che ha permesso di arrivare sin qui, perché meglio un voto come questo che un’elezione farsa come quella che si è ripetuta negli ultimi 30 anni!

  • Un sistema di voto elettronico e’ sicuramente piu’ sicuro ed affidabile di uno cartaceo per tantissimi motivi. Inoltre, fatto fondamentale, risulta enormemente piu’ economico e praticabile. Ma proprio per questo e’ osteggiato, in tutti i modi, da chi la democrazia diretta non la vuole e consente agli elettori di esprimersi una sola volta ogni cinque anni ed in piu’ su un agglomerato di proposte che non sempre piace nella sua interezza e che, tra l’altro, raramente viene mantenuto.

    Vero e’ che security thru obfuscation non porta molto lontano e concordo che questi sistemi di voto dovrebbero essere open source anche per dar modo a tutti quelli in grado di poter rivedere il codice.

     

    • il voto elettronico , come già detto da altri, rappresentando una macchinazione più complessa,  apporta notevoli rischi. 

      Una persona dovrebbe chiedersi , ma perchè correre tali rischi ?  La democrazia diretta ?? la democrazia diretta la pui svolgere andando ai seggi esattamente come oggi.  

      Se invece ti riferisci che attraverso il web i cittadini ( che se non sono in maggioranza  completamente INCOMPETENTI , sono letteralmente semianalfabeti ) possano direttamente scriversi e   votarsi le proprie leggi ( volete pure eliminare il quorum) , questa non sarebbe democrazia diretta , bensì una nefandezza senza pari . 

       

  • Mi riferisco al commento di ” emar ” che ringrazio : andrò a vedere ed a leggere quello che scrivono nei siti che indica.Meglio un’informazione in più che una in meno.Perchè se a questo Gianni Lannes che non conoscevo, succedono degli “incidenti” ( questo l’ho già letto ) è la prova purtroppo che sta scomodo a qualcuno di potente.

  • Mi riferisco al commento di ” emar ” che ringrazio : andrò a vedere ed a leggere quello che scrivono nei siti che indica.Meglio un’informazione in più che una in meno.Perchè se a questo Gianni Lannes che non conoscevo, succedono degli “incidenti” ( questo l’ho già letto ) è la prova purtroppo che sta scomodo a qualcuno di potente.

  • … mi sovviene questo pensiero: laTeoria dei Sistemi e la Meccanica Razionale insegnano che un sistema più è complesso come numero di elementi strutturali e numero di passaggi e fasi, più è soggetto a mafunzionamenti.

    i sistemi informatico-elettronici sono infinitamente più complessi di un sistema composto da un pezzo di carta e da una matita

  • Ma non vi domandate perchè se esistono già delle piattaforme indipendenti  per votare online Grillo e Csaloggia vogliono usare solo la propia e chi garantisce per l’attendibilità dei risultati?qui siamo veramente al delirio dare tutto il potere in mano a due uomini non eletti da nessuno e su cui ci sono pesanti nubi di sospetto questo è il vero delirio.Migliaia di utenti vontanti del M5S come me vengono bannati e i commenti cancellati solo perchè hanno un opinione diversa dai guru Grillo e Casaloggia è per voi questo è tutto a posto ma che cacchio di democrazia diretta è questa ? ma svegliatevi il dissenso e il confronto civile sono il sale della democrazia negarlo significa voler imporre il pensiero unico che assomiglia più a una setta religiosa che a un movimento democratico di cittadini 1 vale 1 è stato solo uno slogan elettorale?per chi vuole informarsi meglio

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/mammaebe-lombardi-vede-5-stelle-casaleggio-le-rifila-cinque-sberle-53930.htmhttp://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/04/usa-chiama-rapporto-movimento-5-stelle.

    htmlhttp://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/04/dialogo-con-casaleggio.html

    http://www.tgcoma.it/2013/04/le-tecniche-con-cui-grillo-e-casaleggio.html

    • Poi vedendo le tue fonti si spiega tutto.Se vuoi parlare di poteri forti ti consiglio di informarti in modo piu’ dettagliato e scientifico,se no scadi nella puro cospirazionismo mistificatorio stile NWO

    • Vai a vedere le migliaia di commenti bannai su questo sito e poi fatti un idea se non credi al NWO credi almeno al bilderberg alla trilaterale alle stragi dei servizi deviati ecc.? se si non ti sembra che l’operazione 5 stelle gestita da Grillo e Casaleggio si stia rivelando qualcosa di diverso da quello che doveva essere? non ti vengono dei dubbi?come mai in Italia storicamente quando il popolo cerca di alzare la testa succede sempre qualcosa che lo impedisce? quando nel 76 il PCI doveva fare il compromesso storico ecco l’omicidio Moro,le stragi,il terrorismo ecc pensi che questo sia complottismo?guarda cosa dice Imposimato il giudice che ha indagato.Non ti sembra che l’attegiamento di Grillo e Casaleggio sia ambiguo? democrazia diretta pero poi decidono loro,la visita degli eletti all’ambasciatore americano come la spieghi?ma non sono propio gli americani che hanno condizionato la vita democratica dell’italia e Grillo per prima cosa manda gli eletti a rendergli omaggio? ma scherziamo io saro’ complottista ma chi come te dorme tra 2 guanciali si risvegliera forse accorgendosi troppo tardi di essere stato ingannato ancora una volta.http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:jA0_XyWXuTYJ:nocensura.eusoft.net/&hl=it&gl=it&strip=1http://www.youtube.com/watch?v=-8wizYyAuzc&feature=youtube_gdata_playerhttp://www.youtube.com/watch?v=hXacmZmNuNw&feature=youtube_gdata_player

    • Non è che posso rispondere a tutto se no esco pazzo,pero’ ,non ti offendere,secondo me sei parecchio confuso e metti insieme troppe cose.Io sono ateo per cui non credo proprio in un bel niente a priori.Sicuramente il gruppo Blinderberg,la commissione trilaterale o l’Aspen esistono(hanno anche un sito internet) e sono espressione dei poteri forti.Pero non mi risulta che Casaleggio,ne tantomeno Grillo ne facciano parte.Anzi mi risulta che altri politici(tipo Letta delPd) o giornalisti come la Gruber abbiano partecipato ad incontri Blinderberg ad esempio.E comunque non vuol dire che se uno partecipi a questi incontri abbia poi poteri decisionali e di egemonia sui popoli.Poi non puoi ascoltare cio’ che dice Freccero a Piazza pulita,Freccero?Uno che di politica è ignorante(parole sue)ma che ha studiato comunicazione e quindi conosce il potere di manipolazine dei media,è in quota Pd( partito tecnocrate che ci ha condotto nel disastro dell’euro )Poi c’è Monti,lui si che è della Trilaterale e Goldman Sachs.Poi che centra il compromesso storico?Sei peggio di Napolitano a citarlo a sproposito.Sui commenti sul blog avrei potuto fare copia-incolla,ci sono certi commenti che mi danno fastidio solo a vederli,anche pro 5stelle,ma questo è un problema di cultura.Per quanto riguarda la democrazia interna direi..work in progress…il problema che anch’io se fossi in quei due sarei preoccupato da infiltrazioni atte a disinnescare il cambiamento e quindi o fanno cosi’ in questo momento o sono cazzi a mio parere.D’altronde abbiamo avuto partiti per 20 anni ed oltre dove  democrazia è sempre stata una parola con cui sciacquarsi la bocca e poco altro.Vuoi sapere cosa succede intorno a te?Smettila di guardare video complottisti o se lo fai cerca di essere critico ed obbiettivo…se poi sei uno che crede che non siamo mai stati sulla Luna e in tetri ed umidi anfratti la massoneria progetta come renderci sterili con le scie chimiche…sdraiati,guarda le stelle e fumati una canna che puo’ aiutare!Senza acredine ti saluto (altrimenti se non vado aletto la mia ragazza mi riduce in polvere)Buonanotte.

  • Chi è il massimo esperto in rete di sicurezza? Bruce Schneier, su questo non ci piove. Andate a leggere cosa scrive sul voto elettronico, prima di scrivere cose come “ perché si dovrebbe continuare a votare con una matita in mano e un pezzo di carta?”

     

    Electronic voting is like an iceberg; the real threats are below the waterline where you can’t see them. Paperless electronic voting machines bypass that security process, allowing a small group of people — or even a single hacker — to affect an election.

    traduzione google:

    Il voto elettronico è come un iceberg, le vere minacce sono al di sotto della linea di galleggiamento in cui non è possibile vederli. Macchine per il voto elettronico bypassano quel processo di sicurezza, permettendo ad  un piccolo gruppo di persone – o anche un solo di hacker –  di  influenzare le elezioni.

     

    wikipedia:

    La critica al voto elettronico, include il commento dell’esperto di sicurezza Bruce Schneier, che nota come “gli esperti di sicurezza informatica sono unanimi su cosa fare (alcuni esperti di voto sono in disaccordo, ma è necessario prendere atto di cosa dicono gli esperti di sicurezza informatica; i problemi qui riguardano i computer e non il fatto che il computer possa essere utilizzato in un sistema di voto) le DRE, ovvero i computer delle postazioni di voto, devono essere equipaggiati con un sistema cartaceo di verifica del voto. Il software utilizzato deve essere Open source, per assicurare l’accuratezza del sistema.[2] La verificabilita’ delle schede elettorali è necessaria perché i computer possono avere malfunzionametni e perché le macchine per il voto elettronica possono essere contraffatte.

  • Il risultato di quando ci si improvvisa “esperti della rete”. Sicuramente ve lo avranno linkato in tutte le salse

    http://mgpf.it/2013/04/12/ma-quale-attacco-acher-a-grillo.html

    http://www.keinpfusch.net/2013/04/gli-attacchi-hacker-di-grillo.html

    ma è solo la dimostrazione che non andrei mai a farmi curare da un macellaio come non andrei mai a comprare un filetto di vitello da un medico.

    Signori, c’è gente che gestisce sistemi informatici che NON FALLISCONO MAI perchè dietro ci sono anni e anni di studio, mesi e mesi di progettazione e giorni e giorni di prove/test prima che una banale modifica di un codice vada in produzione.

    Figuriamoci un sistema per eleggere il capo dello stato fatto e gestito da persone che fino a ieri sapevano a mala pena cos’è un tag HTML.

    Come nella politica, dal di fuori è tutto facile, finchè non ci sbatti il muso dall’interno.

  • Abbiamo i bancomat, con quelli ti danno soldi e te li addebitano, vuoi che sia così difficile fare dei Votamat?

    Solo questione di tempo e di volerlo.

    Marco

  • Balle. L’ente esterno non ha trovato problemi dopo mesi di spulciature, ma dopo poche ore ed anche belli grossi. Vuol dire che Casaleggio & A. non avevano un controllo abbastanza serio da parte loro. Non e’ stato un trionfo di democrazia, ma una dimostrazione di non-sufficiente professionalita’. Nulla di male, sbagliando s’impara, ma non facciamone un trionfo. La cosa lodevole e’ stata la decisione di non appaccare il tuto, ma fare un bel reset e rivotare. Ma la figuraccia rimane. L’ente esterno doveva certificare che Casaleggio non barava, non che non c’erano hackers, se ha trovato una falla di sicurezza, e’ stato un caso.

    Dopo di che, slanci poetici a parte, il voto elettronico e’ discusso da anni in molti posti (USA in testa) e all fine il problema e’ sempre certificazione, sicurezza, verificabilita’.. la carta fara’ anche un po’ schifo e la matita copiativa sporca le dita, ma il fatto che le schede si possono sempre ricontare, anche dopo anni, non e’ da poco. I brogli si possono sempre fare, il mondo ne e’ pieno, ma di certo in un sistema informatico se ne possono fare di piu’ estesi e meno rintracciabili.

    No, non sono un oscurantista, sono uno che lavora con PetaBytes di dati tutti i giorni, ma appunto tratto hardware e software come strumenti da usare dove servono. Viva la tencologia, ma non e’ una religione.

     

  • @qui gon.L’ ho fatto per 30 anni votavo e poi mi rilassavo con canne mare sole stelle ecc..ma questo e’ quello che vogliono ti cantano anche la ninna nanna dormi dormi bel bambino che intanto noi te lo mettiamo nel buchino,ora invece faccio come cantava Bob Marley wake up stand up and fight for your right altrimenti se continui a dormire non ti lamentare di come ti condiscono.Tu non credi alle scie chimiche?ogni tanto oltre alle stelle guarda il cielo anche di giorno magari cambi idea.L’informazione e’ l’arma che fa paura al potere se guardi solo le stelle fai loro un favore se non ci fossimo informati non avremmo mai saputo niente di signoraggio,bilderberg ecc..Io trovo il tempo per godermi il mare il sole le stelle e per informarmi basta avere un tablet con la connessione.Comunque hai ragione dopo questa mollo altrimenti divento noioso@ tutti guardate cosa dice Leo Zagamihttp://www.youtube.com/watch?v=ry5wbrCeG3M&feature=youtube_gdata_player

  • Sono daccordo ma c’è un ostacolo che è rappresentato dalla scarsa dimestichezza di molti cittadini elettori, con tutto ciò che è legato ai tasti di una tastiera et simila. Purtroppo i cittadini non sono sufficientemente informatizzati , non certo perche in preda a chissa quali improbabili tare mentali. Il nostro paese non ha una buona conoscenza della rete internet a causa dei nostri governi che da sempre hanno scentemente voluto mantenere la popolazione un attimino ignorante per riuscire meglio a fare il gioco delle tre carte. Anche i Re adottavano con i loro sudditi questo sistema. Gli elettori avrebbero bisogno di un corso di aggiornamento ad hoc, per riuscire a colmare il gap con paesi europei come l’Olanda, o la Danimarca per citarne solo due, ma questo sarà possibile solo dopo un cambiamento radicale del modo di fare politica che oggi ritengo possibile solo a certe condizioni. Il M5S potrebbe essere la soluzione anche per questo perchè da sempre questo movimento sostiene l’importanza di informatizzare i cittadini iniziando a pensare a distribuire meglio in tutto il territorio la banda larga, che anche laddove arriva, tanto larga non è neppure anzi è già obsoleta e troppo costosa  In Francia il downdoad costa meno della metà a parità di velocità di Mbyte/sec rispetto al nostro paese e puoi scaricare da un palmare qualsiasi anche se ti trovassi nel bel mezzo di un ghiacciaio alpino. Dove abito io a Villa Guardia, a pochi Km da Como quindi in una delle zone piu favorite, a due passi dalla ridente Helvetia [Svizzera 🙂 ],alcuni quartieri abitati e di recente costruzione, non sono raggiunti dalla ADSL. Mi sa che la distanza che passa fra una matita con un pezzo di carta e una tastiera con uno schermo resterà abissale a vita per una consistente fetta di elettorato A PRESCINDERE .Spero tanto di sbagliarmi, ma a volte la differenza fra idee e azione è oggettivamente incolmabile .

  • ATTACCO HACKER

    ATTACCO HACKER

    ATTACCO HACKER

    TRA I DIECI NOMI E’ USCITO QUELLO DI PRODI

    ATTENZIONE NON E’ POSSIBILE!

    NON CI POSSO CREDERE!

  • In rete si fanno acquisti in modo massiccio, le banche muovono più soldi in rete che con i blindati. Tutto va verso internet, dall’elettrodomestico all’elettromedicale.

    Certo ogni cosa ha bisogno del giusto hardware, software e competenza.

    Io non ho dubbi sulla rete, certo bisogna strutturare bene il sistema (e non vedo tanti problemi tecnici insuperabili).

     

    Ma dopo aver visto i risultati dei più votati, dopo aver letto almeno tre nomi proprio sbagliati mi sono convinto che il problema non sta nella tecnologia.

  • Vado OT

     

    Ho visto l’esito delle Quirinarie sul sito di Grillo e le voglio commentare. Lo faccio qui perche’ non sono iscritto al sito di Grillo e non vorrei farlo solo per questo.

     

    Dopo che io ed altri ci siamo beccato gli insulti dei duri e puri del M5S per aver “osato” spingere per una sorta di accordo col PD, devo constatare con sorpresa e sgomento e molta delusione, che addirittura gli iscritti al Movimento, che “dovrebbero” essere i piu’ duri e puri di tutti, hanno avuto il coraggio di far emergere in testa alle preferenze per il Quirinale la Bonino!! Ma in che mondo vivono sti qua! Ma perche’, vi pare che la Bonino non sia organica alla vecchia politica della casta fino al midollo!? E voi avete il coraggio di dire no a Bersani, che rispetto alla Bonino e’ una verginella della politica? Vogliamo parlare, poi, di Prodi? Vi sembra uno in grado di rappresentare gli Italiani in maniera super partes? Vi sembra uno che con la casta e i vent’anni di disastro non c’entra niente? Vi sembra meglio di Bersani? Ma che pesci siete?

    Ho letto qualche commento sul blog di Grillo e mi ha sorpreso un commento che dice: a parte un paio di nomi, come Bonino e Prodi, gli altri sono nomi eccellenti.

    A parte un paio di nomi?!?! Il problema e’ che degli 8 nomi eccellenti non ce ne facciamo proprio niente, visto che la Bonino non e’ semplicemente una dei dieci, ma la prima in testa, con ottime probabilita’ di vincere lunedi.

    La prossima volta che qualcuno mi da del troll, giuro che lo insulto sul serio: guardate prima tra gli iscritti al Movimento quanti trolls avete.

  • Andrea90 ha scritto :
    Veramente se sei ateo sei un credente…nella non-esistenza di Dio. Sicuro di non essere agnostico ? :-))

    L’esistenza di Dio e la sua non esistenza non hanno la stessa probabilità.

    ateo va benissimo.

    agnostico :senza conoscenza: è una astenzione dal giudizio un po’ ipocrita

    E visto che per molti Dio e Babbo Natale sono nella stessa fascia di probabilità,(un po’ dopo gli ufo per capirsi) come non  ci si ritiene agnostici su babbo natale sarebbe diffifficile trovarsi  credenti…nella non-esistenza di Babbo Natale!!!

    Super off topic ovviamente

    • Caro Gandilf, sbaglierò (non sono molto ferrato in statistica) ma non credo possano essere assegnate probabilità all’ esistenza/non esistenza di Dio…perchè non si è mai verificato tale avvenimento prima di tutto e anche perchè questo farebbe presupporre che una questione di fede possa essere indagata con metodo scientifico (quindi sarebbe falsificabile in laboratorio, ad esempio creando un miracolo).

      Essere agnostici è semplicemente un’ ammissione che certe questioni non possono essere risolte con gli strumenti attuali, non vedo perchè sarei ipocrita se decido di non credere a un’ entità superiore per pura fede.

      Comunque meglio finire qui, siamo un po’ off-topic è vero 🙂

  • Vi meravigliate dei nomi Bonino e Prodi? ma non lo avete ancora capito a che gioco stanno giocando Grillo e Casaleggio? vi prego guardate questo breve video di Leo Zagami ex massone e capirete tutto.ps commento qui perchè sul sito di Grillo nonostante sono iscritto non mi fanno più commentare alla faccia del movimento democratico di cittadini dove uno vale uno

    http://www.youtube.com/watch?v=ry5wbrCeG3M

  • emar ha scritto :
    Vi meravigliate dei nomi Bonino e Prodi? ma non lo avete ancora capito a che gioco stanno giocando Grillo e Casaleggio?

     

    a che gioco stanno giocando? non ho capito.

    per fortuna che emar e’ vigile e ci tiene informati…

    • Guarda il video e lo capirai giocano a incanalare e disinnescare l’onda di rivoluzione che stava montando.Chi svolge questo ruolo viene comunemente chiamato gatekeeper e mi sembra che Grillo e Casaleggio lo stiano facendo alla perfezione infatti il M5S non approvera’ nessuna legge del suo programma sino a quando da solo non avra la maggioranza assoluta dei parlamentari e cioe’ mai quindi il M5S gestito da Grillo e Casaleggio serve solo a far credere alla gente che votandolo cambiera tutto mentre invece non cambiera assolutamente niente.Inoltre faccio una previsione il M5S fara’ un sacco di proposte di legge populiste ma non fara’ nessuna proposta di legge che possa nuocere i veri padroni del mondo i banchieri privati.dovrebbero occupare il parlamento per rivendicare la sovranita’ monetaria l’unica vera rivoluzione che cambierebbe il mondoma stai sicuro non lo faranno mai chiederanno di togliere i finanziamenti ai partiti ai giornali meno soldi ai politici ecc..tutta roba da fumo negli occhi specchietti per le allodole ma stai sicuro che il piu’ grande e vero problema la moneta debito la lasceranno nelle mani dei loro padroni.Contenti voi.

  • ieri la democrazia digitale ha vinto.

    oggi ha cacato una rosa che la poteva scrivere anche il pd-menoelle.

     

    con tutto il rispetto di Gino Strada che ha altro da fare nella vita, che perdere tempo a marcire al Quirinale.

  • URGENTE!!!

    In un gruppo facebook di troll piddini (“waffanculo 5 stelle”) si parla di migliaia di registrazioni certificate ad hoc, effettuate già prima delle parlamentarie, per distruggere il movimento votando in massa un candidato presidente non gradito, probabilmente la Bonino!!!

    https://www.facebook.com/w5stelle

    Non ci resta che votare in massa uniti: Imposimato for president!!!!!

    • E chiaramente un gomblottuccio così supersegreto viene postato nientemeno che su facebook no ? Non fa una grinza, meno male che ci sono fini investigatori che vegliano sulla salute del movimeno.

      PS Certo se fosse vero sarebbe una bella mazzata per Grillo, migliaia di attivisti il nerbo del M5stelle…PDini ?!? Ce n’e qualcuno veramente 5stellato ? 🙂

  • Sigh ! Spero che il sistema di voto sia ancora compromesso, perche’ proporre Prodi e Bonino, che partecipano con Draghi, Tremonti e Monti (come loro Presidente) alle riunioni del gruppo Bilderberg e’ terrificante !

    Un ex-elettore M5S, Diego.

  • Per quanto riguarda l’episodio in sè non cercherò di impelagarmi in un discorso tecnico nel quale ho poche competenze ma mi limiterò a  dirottarvi su questo blog dove è stata scritta una risposta da una persona ben più competente di me sull’argomento: http://www.keinpfusch.com dal titolo “Non lo sopporto.Non ci riesco”.

    Sulla questione “è doveroso provare a digitalizzare le operazioni di voto” e via dicendo invece spenderò qualche parolina in più.Sul fatto che ogni cosa si stia spostando in un universo immateriale siamo, purtroppo, d’accordo, fatto sta che l’universo materiale, che vi piaccia o meno, continua e continuerà ad esistere e sarà sempre il luogo principe per le decisioni che davvero contano.Ora mi si dice che in fondo non c’è nulla di male nel dare la possibilità ai cittadini votare su internet, di partecipare ad ogni fase del processo decisionale di uno stato prendendo parola tramite il web.Fin qua potrei anche essere d’accordo, il problema è che poi chi ha costruito tutta questa baracca sa bene che le decisioni finali vengono prese nel vecchio e brutto mondo materiale e là andranno poi ad incidere.Ora io trovo tutta questa storia della digitalizzazione del voto un operazione pericolosissima che da un lato vuole far credere al cittadino di partecipare a processi decisionali ai quali da sempre è rimasto tagliato fuori quando in realtà lo sta facendo appunto in un mondo immateriale quasi una sorta di paese delle meravigle mentre le decisioni che davvero contano verrano sempre e comunque prese nel mondo reale  sempre più lontano dall’ignaro cittadino che nel suo mondo delle meraviglie si illude di portare avanti una rivoluzione democratica che porterà il paese ad una sorta di età dell’oro digitalizzato.

    P.s: nel leggere il regolamento del blog sono incorso in una strana quanto assurda regola “non sono consentiti messagi che contengano turpiloquio”.Proprio qua?.L’ennesima conferma che nel vostro MoVimento le contraddizioni pullulano come vespe in un alveare.Prima o poi le vostre contraddizioni esploderanno e allora o le conterrete con la forza o imploderete con velocità doppia rispetto a quella con cui siete nati.

    Like priengles.Waldo.

  • Mi dispiace Messora ma su questo io non sono d’accordo. Stiamo parlando di votazioni, elezioni, sapere quello che vuole la gente e quindi di cose molto importanti (non di fare un sondaggio) e quindi le cose devono essere fatte bene e con grande professionalità, come fa lei nel suo mestiere. Per avere credibilità bisogna dimostrare di valere e non improvvisarsi professionisti quando si è dilettanti. Esiste una rete sicura (il 100% non si raggiungerà mai è vero) ma alla data è tra le più sicure esistenti ed è la rete Bancomat. basta utilizzare quella infrastruttura e tutta la parte sicurezza, affidabilità, penetrazione sul territorio, garanzia non sarà un problema.

  • Il voto telematico non ha mai dato grande prova di affidabilità (come non ricordare la polemica sulle macchine per il voto alle presidenziali USA fornite dalla Diebold, parodiate anche in un memorabile episodio dei Simpson?).

    Il fatto che le “quirinarie” vengano certificate da un prestigioso ente esterno (DNV Business Assurance) lascia il tempo che trova. Ricordiamo bene lo scandalo Parmalat che Beppe Grillo denunciò in tempi non sospetti: i bilanci dell’azienda di Collecchio erano certificati da due prestigiosissimi enti esterni: Deloitte e Arthur Andersen. Sappiamo come andò a finire.

    I nomi emersi dalle “quirinarie” danno adito a qualche sospetto: ma che ci azzeccano Romano Prodi e Emma Bonino con il M5S? E il magistrato Gian Carlo Caselli, fustigatore del movimento No TAV della Val di Susa?

    Mi spiace, ma sono molto perplesso. E da elettore (piemontese) del M5S sono anche molto deluso.

  • ho votato il M5S e spero come tutti che l’hanno votato che possa essere l’inizio di un cambiamento positivi per l’italia.

    come tanti tuttavia ho delle perplessità su alcuni punti.

    questa del voto elettronico sinceramente è la perplessità che mi lascia piu dubbi sul futuro .

    come giustamente detto da messora ogni sistema è fallibile e in ogni situazione si può imbrogliare ma a mio avviso un voto di cui non rimane traccia che una manciata di bit non può che essere destinato a pessimi futuri.

    anche la moneta è praticamente diventata elettronica ,è vero .ma è ANCHE questo che ha portato la crisi che c’è oggi.

    lo sganciamento da ogni cosa reale (nel caso della moneta il valore il controvalore in oro) a mio avviso non è una cosa saggia.

    del voto con la matita ,rimane traccia che comunque almeno si può ricontare .con il voto elettronico si spazza via anche questa cosa lasciando spazio a futuri fatti da super esperti che possono fare il bello e il cattivo tempo senza che le persone normali possano fare nulla.+

    un futuro ci potranno venire a dire che “il popolo ha votato cosi” mentre invece non è affatto vero e nessuna commissione potrà capire se sia vero o meno.

    è già successo e forse qualcuno non lo sa.

    davanti a un giudice americano un esperto ha dichiarato che gli era stata commissionato un software di hacheraggio del sistema elettorale con il quale ribaltare le percentuali di due candidati ,gli fu detto che era una prova di sicurezza capire se poteva esistere quel software in realtà con tutta probabilità quel software fu usato .

    questa è già storia nonostante non venga raccontata dai giornali

  • La canzone dell’informatica italiana.
    Gli stessi BUFFONI hanno causato lo stesso, identico DANNO CULTURALE.
    Occorreranno decenni per poter riproporre le stesse idee alle stesse persone.
    E nel frattempo, gli altri andranno avanti. 

    La canzone dell’informatica italiana.

    Gli stessi BUFFONI hanno causato lo stesso, identico DANNO CULTURALE.

    Occorreranno decenni per poter riproporre le stesse idee alle stesse persone.

    E nel frattempo, gli altri andranno avanti. 

    http://www.keinpfusch.net/2013/04/la-canzone-dellinformatica-italiana.html

  • Personalmente ho votato Carlo Rubbia, premio Nobel per la fisica e molto più giovane dell’indisponibile Fo. Mai e poi mai avrei proposto Prodi e Bonino, condividendo le ragioni da molti esposte. Sono tuttavia soddisfatto dei nomi usciti dallo scrutinio per due motivi. In primo luogo perché questi nomi sono usciti da un confronto serio interno al movimento. E il metodo democratico è un bene importante per il movimento, in ultima analisi la sua ragion d’essere, ed è pure bene che questo fatto sia trasparente per l’esterno, in modo che si possa rispondere con i fatti a chi, per malafede o disinformazione, sostiene oggi il contrario. In second luogo, sono soddisfatto anche sul merito della proposta: la rosa dei nomi che è venuta fuori contiene personalità di grande spessore e di specchiata onestà.

    Mi secca per quattro nomi sbagliati che sono venuti fuori. I nomi sbagliati sono certamente quelli di Prodi e Bonino, nomi politicamente sbagliati, pochi potrebbero essere lontani quanto loro dalle istanze del movimento, ma sono sbagliati anche perché inutili i nomi due persone che apprezzo molto, Dario Fo e Beppe Grillo, nomi inutili perchè non spendibili, vista la motivata indisponibilità degli stessi. Credo però che in una consultazione estesa, purtroppo, le sollecitazioni dei media forniscono indicazioni che anche una parte dei nostri iscritti, alla fine, ricevono. I sei nomi rimanenti sono invece nomi politicamente spendibili sui quali è possibile ottenere convergenze di altre forze in parlamento, perché, come bene sappiamo, lì i nostri parlamentari non sono maggioranza. Sono molto soddisfatto di una consultazione che abbia fornito sei nomi utili su dieci, sei decimi per me è un risultato molto positivo.

    Naturalmente, domani non voterò nè Prodi nè Bonino, nè Fo nè Grillo. Voterò Rodotà, ma questo poco importa qui. Quello che importa è che saprò rispettare l’indicazione che verrà dagli iscritti del movimento, comunque vada. Perchè il M5S è una risorsa vitale per il Paese, è la sola speranza concreta che i cittadini oggi abbiano, e anche qualora (a mio parere, s’intende) il Movimento dovesse fare una scelta sbagliata sarebbe un mio dovere difendere l’unità del movimento che vale molto di più di una singola scelta, per quanto importante.
    Grazie a tutti per la pazienza con cui mi avete letto. 

  • In rete esistono molti documenti e molti video che affermano cheil M5S e’ nato per incanalare e disinnescare l’onda di protesta che stava montando io non volevo crederci ma da come si sono mossi Grillo e Casaleggio negando la democrazia interna sulla decisione di far nascere un governo o meno ed ora invece dicendo che per democrazia eventualmente bisogna accetare Prodi o Bonino come candidati che e’ assolutamente impossibile che siano stati proposti dalla base del movimento inquanto chi e’ iscritto e’ puo’ votare sono solo quelli che seguono il movimento da tempo e bazzicano la rete da anni e quindi conoscono bene tutte le manipolazioni del bilderberg della goldman sachs ecc…Vuol dire che chi diceva che il M5S e’ uno specchietto per le allodole ha ragione e se non sapete vederlo guardatevi il piu’ grande crimine di Paolo Barnard e’ cosi che lavorano le tink thank delle lobbyes che governano il mondo.Vi metto il video di Leo Zagami che dice questo e a cui io non credevo.Un appello agli elletti liberatevi di Grillo e Casaleggio che non sono stati eletti da nessuno e incominciate a trovare collaborazione con quelle forze come la lega che vogliono far uscire l’italia dall’euro.http://www.youtube.com/watch?v=0ZnYRQmcLSM&feature=youtube_gdata_player

  • Nei commenti “critici” in giro si sono lette le peggiori stupidaggini (e le migliori ironie devo dire), a me il voto digitale sembrerebbe un passaggio naturale, ma vabbè.

    Unica pecca: ok che non c’è nulla di sicuro, ma sapendo quasi per certo che ci sarebbe stato un tentativo di attacco con conseguente polemica e figura di cacca, non si potevano prevedere delle difese migliori?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi