Il laboratorio di Economia a Cinque Stelle

Economia Cinque Stelle Laboratorio Economico

di Loretta Napoleoni
Non è vero che il Parlamento è congelato, i ragazzi del Movimento 5 Stelle lavorano di buona lena, ma di questo non si parla sui giornali o nei talk show televisivi. Lavorano aggirando tutti gli ostacoli che si trovano di fronte e lo fanno con l’aiuto di professionisti “fuori dalla casta”.
Poco più di due settimane fa ho lanciato su byoblu.com una proposta: creiamo all’interno del Parlamento una commissione anti-crisi che vagli i possibili scenari di politica economica per far uscire il nostro paese dalla mini-depressione in cui è piombato. Per metterla in piedi non ci vuole un governo ma solo la volontà e l’approvazione dei parlamentari. Gli unici rappresentanti del popolo che hanno raccolto l’idea, ne hanno discusso con me ed hanno deciso di crearla sono quelli del Movimento 5 Stelle. Eppure, quando in queste due settimane sono stata ospite in tv con politici di tutte le provenienze, ripetendo ogni volta la mia idea (mettiamo da parte le beghe politiche su chi controlla il Colle o Montecitorio e mettiamoci al lavoro tutti insieme per salvare il paese, o quanto meno per tentare di farlo), privatamente molti politici erano d’accordo, ma poi ammettevano che la macchina farraginosa dei loro partiti era tale che nessuna decisione di questo tipo poteva essere presa senza un governo. Tradotto in termini spiccioli il problema è il seguente: chi spartisce le poltrone?
In un mondo di finti sordi, solo quei pochi che vogliono sentire alla fine si parlano. Ed infatti la Commissione anti-crisi, ribattezzata Laboratorio di Economia, si farà. Anzi, si sta facendo in queste ore. Approvata dai parlamentari del 5 Stelle, inizierà a lavorare nei prossimi giorni. Non sarà una commissione parlamentare, ma un gruppo di studi commissionato dai rappresentanti del 5 Stelle. Ne faranno parte non solo economisti ma sociologi, ex sindacalisti, esperti del lavoro, di produzione industriale, di bilancio e così via. I nomi verranno comunicati appena tutti i membri avranno accettato di parteciparvi. Si tratterà di professionisti veri, “fuori casta”, moltissimi dei quali non sono iscritti al 5 Stelle.
Questo laboratorio non sarà l’ennesimo gruppo di esperti che aggiungono al loro curriculum un altro titolo permanente, ma un gruppo di lavoro che in poche settimane produrrà cinque possibili scenari di politica economica sui quali ragionare non solo in Parlamento ma nel paese. I cittadini avranno accesso ai risultati del laboratorio e potranno anche commentarli in rete.
 La democrazia diretta è lenta ma funziona: la prova è la creazione del Laboratorio di Economia. Quella della casta invece è immobile ed assomiglia molto alla dittatura.

100 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I have a dream:
    un governo composto, per quanto riguarda l’Economia, da Napoleoni, Borghi, Bagnai ed anche Barnard (si dovrà tenerlo un po’ a freno ma è di sicuro un elemento stimolante); per la Sanità: Strada etc. etc.
    Come Ministro anti-Bilderberg: Imposimato.
    Come portavove del Governo: Messora.
    Dimenticavo…(adesso sono sarcastico, tanto per non essere frainteso!) tutte le lauree di Stato dovranno essere firmate e vidimate da Giannino, Ministro dell’istruzione!?!

  • Mi auguro di vedere Bagnai Borghi e Becchi nella commissione. E Tanti tanti auguri di buon lavoro. AH. Per quanto riguarda il President, io sono contrario a Milena NOCASH Gabanelli. Preferisco Rodotà che si è pronunciato contro il pareggio di Bilancio, ma nel mio cuore c’è Paolo Becchi che purtroppo non è stato neanche nominato.

    • Per favore, vediamo di stendere un velo pietoso sulla Gabaneli. Ha rifiutato? Bene. Anche perchè poi sarebbero venute fuori belle cose. Uh, uh, uh…. Bene Rodotà, Caselli, Imposimato lo vedrei bene…ma hanno un’età proibitiva. Vediamo di togliere dalla Costituzione i 50 anni per diventare presidente e portare il limite a 40. Altrimenti saremo sempre “un paese per vecchi”. Tanto per cominciare. Poi facciamo del Quirinale un bel museo a pagamento, così comincerà a fruttare invece di costare e il Presidente dovrebbe diventare come in Francia, USA etc. Il Capo del governo. Non una figura anacronistica come qui da noi. Non serve a nulla; costa l’ira di dio; ma, come abbiamo visto col Morfeo Napoletano, può fare molti, molti danni e disastri. Il Quirinale, una voragine da 2000 dipendenti e 2 miliardi di euro in 10 anni. Ma scherziamo. E c’è ancora qualcuno che batte le mani? E la Fornero dice che non ci sarà 1 miliardo per la CIG.
      Qui bisogna cambiare proprio tutto!!!! Come dice Grillo, un modo diverso di pensare la società, la politica, il lavoro etc. Non si può continuare a buttare soldi nel cesso a miliardate di euro, per poi dire sempre, quando servono: “AH, non ci sono i soldi”.

  • Apprezzo l’approccio di affrontare il tema economico in modo globale ed in dialettica con la crisi. Di creare un dibattito aperto e un “laboratorio” per discutere di temi fondamentali tipo euro si euro no, senza preconcetti.
    Il mio piccolo contributo, da esperto di innovazione tecnologica e suoi impatti sui modelli sociali e di business, è quello di segnalare la profonda trasformazione delle monete “tradizionali” come forma di quantificazione del valore (vedasi svalutazioni in atto a partire dal Giappone, nuove forme tipo Bitcoin, moneta elettronica “colorata” con il suo tracciamento..) e l’affermarsi del nuovo “capitale sociale delle scelte di ognuno” che se non demonizzato da normative repressive o “non consapevoli sulla privacy” sta rappresentanto “de facto” la nuova ricchezza e moneta in grado di apportare maggiore efficenza a tutto il ciclo economico.
    Facebook e molta economia 2.0 sta già agendo in questa direzione… e il loro “GRATIS” a livello monetario spesso corrisponde un prezzo “ALTISSIMO” di questo nuovo valore. Molti siti, addirittura, chiedono fin dall’inizio per l’entrata le credenziali personali facebook o twitter o linkedin: le mie scelte, i miei amici, la mia rete come moneta pagante di ingresso. Per non parlare di quello che succede sui tablet e sugli smarthphone. Tutto ciò non va demonizzato ma compreso e cavalcato soprattutto in un paese come l’Italia che è stato storicamente e culturalmente spesso “leader” nel mondo in molti settori chiave: si pensi solo alla moda, al design, all’ingegneria.
    Per chi volesse approfondire riporto qui un mio post che svolge l’analisi in modo più strutturato e compiuto:
    http://www.airin.it/caffeit/il-non-valore-aggiunto-della-privacy/

  • Ormai,noi sappiamo già chi chiamare
    a dirigere la “baracca”Italia.
    Un grosso in bocca al lupo
    anche a te Claudio,e a tutti noi.
    Ma se pò sapere che combini a Roma ??
    Non credo tu faccia solo il portavoce,
    sarebbe molto riduttivo con le tue capacità.

    • Eh, accidenti! Lidia Undiemi non si può lasciare fuori. Un posto da ministro le va concesso. E’ un po’ che la seguo ed è davvero una passionaria.

  • Spero possa esserci M.Landini anche se di professione fa il sindacalista a quaesto riguardo ha una buona visione sulle cose utili da suggerire e fare.Sarebbe anche molto utile mettere a conoscenza con qualunque mezzo d informazione possibile cio`che si propone di fare ,per far si che possa arrivare a tutti e far capire che il M5S cerca soluzioni alla crisi al contrario di altri che prendono tempo e addossano lo stallo al M5S.

  • Bellissima iniziativa, immagino e spero ci sara anche il nostro Claudio Borghi, tra l’altro devo ringraziare sia Messora sia Borghi per lo splendido video sull’uscita dall’euro che mi ha letteralmente aperto la mente sulla situazione economica

  • Il Laboratorio sarà sicuramente uno strumento di supporto utile e autorevole per i nostri rappresentanti in Parlamento.Soddisfatto che sia anche piattaforma condivisa con noi cittadini, spero che lo sia anche nella comprensibilità dei temi da parte di chi non ha adeguato background di politica economica.Buon lavoro.

  • Grazie Dott.ssa Napoleoni, lei è pressochè l’unico faro in questo periodo buio. Seguo il suo blog con interesse e con soddisfazione la ho vista in Tv, unica a cercare di raccontare la verità! Mi dispiace quando il conduttorino di turno le toglie la parola non appena lei accenna a verità che nessuno di loro vuole ascoltare. La ammiro!

  • Che ne dite di Nino Galloni?
    Credo che sia una persona molto competente, con una grande esperienza e potrebbe dare un contributo sostanziale!

  • Nel frattempo in cui attendiamo di visionare la lista e i cinque scenari possibili vi mando un augurio di buon e proficuo lavoro.Il divenire è promettente.
    Aggiungo inoltre che la confusione che imperversa attorno ai temi economici è tale che un po’ di informazione e chiarezza non può che far bene.
    E spero vivamente che sia anti PUDE.

  • ” In un mondo di finti sordi, solo quei pochi che vogliono sentire alla fine si parlano. ”
    Infatti ..finti sordi del pd che non superano le logiche partitiche , finti sordi del M5S , che si appellano alle commissioni con la recita del pragmatismo , ma si “dimenticano” che qualsiasi ddl deve passare per il voto parlamentare e avere la maggioranza, ergo da soli con la loro negazione alla mediazione, non andranno da nessuna parte.
    Realmente mi stupisco che NESSUNO riesca ( o non voglia ) fare una semplice e banale analisi del passo successivo alle benedette commissioni.

  • nel peggiore stile della casta, tanto rumore per una non-notizia. “Si fara'” ed intanto niente nomi, niente metodi, niente tempi, niente mandato. Cosa costa aspettare a scrivere quando c’e’ qualcosa da dire di concreto ?
    P.S. la democrazia diretta, ammesso e non concesso che mai possa funzionare in modo positivo, deve essere lenta. Ci manca altro che decisione prese “col sondaggio della sera”.

  • MI RIVOLGO A TUTTI I SIMPATIZZANTI DEL
    MOVIMENTO 5 STELLE!
    Ben presto anche gli eletti del M5S si renderanno conto ceh questa proposta è OVVIA, MINIMA e INEVITABILE.
    E VITALE:
    CIOÈ NECESSARIA DA ATTUARE SE VOGLIAMO SOPRAVVIVERE!
    Allora…
    vi scongiuro.
    Appoggiatela e VOTATELA ORA!
    NON ASPETTATE CHE SIANO I VOSTRI ELETTI A DIRVELO E A FARVI CAMBIARE IDEA.
    NON “SCOPRITE” CHE UNA COSA è VALIDA… PERCHÈ VE LO DICE GRILLO!
    Approfondite e leggete cosa dimostrano centinaia di economisti autorevoli in tutto il mondo.
    VOTATE CON VOTO-STELLA SUL FORUM NAZIONALE DEL M5S!
    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/10/immediata-uscita-da-eurozona-moneta-sovrana-applicazione-mmt.html

  • Peccato che non avendo una maggioranza e non partecipando a nessun governo le decisioni prese da questa commissione non verranno mai votate ed adottate da nessuno ma tanto a Grillo non interessa cambiare interessa solo rimanere duro puro e vergine e non cambiare niente ( che sia una strategia occulta per favorire i poteri forti?) chi lo sa.Comunque l’unico uomo con le competenze necessarie per far parte della commissione e per fare il ministro del tesoro in un governo 5stelle sarebbe Nino Galloni.

  • visto che si tratta di persone fuori dalla casta e dal movimento cinque stelle
    mi chiedo se posso agiungere un nome di un professore che in tempi non sospetti (20 anni fa scrisse un libro dopo una ricerca fatta in universita’ sul tema dell’economia monetaria di cui beppe grillo conosce personalmente)per contribuire alla causa sui probabili scenari sulla politica economica e soluzioni di emergenza su cui ragionare. a chi posso rivolgermi per fare questa segnalazione? grazie

  • Per il laboratorio sono indispensabili Bagnai, Borghi e la Undiemi,
    mi raccomando, conto su di voi, non deludeteci !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Grazie dottoressa Napoleoni , nonostante il blocco istituzionale provocato dai politicanti di mestiere ( che cosa avranno da nascondere ? ) qualcuno come lei, e i neo eletti del M5S pensano che l’Italia ce la possa ancora fare. Io dal mio canto credo di aver perso ogni speranza e che sia troppo tardi, comunque forza datevi da fare, in bocca al lupo

  • Ciao Francesco, ho letto il tuo post ma invece di chiarire mi son venuti molti dubbi. Cosa intendi per:
    1 – esperto di innovazione tecnologica e suoi impatti sui modelli sociali e di business – in cosa hai il Ph.D.?
    2 – qual è il problema nella svalutazione dello yen? cosa c’entra il rapporto di cambio tra valute con la moneta come “misura del valore” e la privacy che ha, giustamente, un valore intrinseco (e, come dici giustamente, enormemente sottovalutato)?
    3 – moneta elettronica “colorata” con il suo tracciamento: cosa significa? La “rete bitcoin” traccia la transazione ma non identifica mittente/destinatario.
    Ha quindi un valore intrinseco che è appunto nell’anonimato e nella resistenza alle coercizioni governative e ai monopoli delle classi dominanti dietro le autorità.
    Inoltre il bitcoin, deflazionando, assomiglia molto più all’oro che elle monete “fiat” e, come ha già fatto notare Krugman un paio di anni fa, il bitcoin non le può sostituire e quindi esserne supplementare.
    4 – Come mai partendo dalle giustissime premesse sul problema della completa ignoranza degli utenti di Internet in ambito di data retention, arrivi a delle conclusioni diametralmente opposte da quelli di attivisti e accademici che si sono occupati da almeno 20’anni di questo argomento?
    Infatti è pacifico tra tutti gli attivisti che il problema della gestione dei dati personali non è un problema squisitamente economico ma, soprattutto, POLITICO. In cui vi è un valore che non è neanche stimabile: LA LIBERTA’
    Non ti sto neanche a citare il nome di Assange o al plauso di tutti gli attivisti americani verso le norme europee in materia di privacy.
    Grazie per i chiarimenti. Comunque tutto cio’ mi sembra un po’ OT.

  • Rodotà presidente !! il nuovo che avanza !! li manderemo tutti a casa !! largo ai ciofani !! è “larete” che ha DECISO !!
    ..” Ma hai letto cosa dice Barnard degli elettori 5S? Prima ci ha definiti “decorticati” e ultimamente ha detto che siamo delle “merde ”.
    Purtroppo mi riconosco in pieno in questa definizione.. 🙁

  • Bene benissimo! ok!
    Però! Attenzione all’informazione.
    Dottoressa Napoleoni, l’ho sentita più volte imbattersi in lievi imprecisioni nei talk show e nel momento in cui, c’è una battaglia da portare avanti, sprecare munizioni o mancare il bersaglio non è consigliabile.
    Il debito pubblico non 2200 miliardi, è 2022!
    Il nostro rapporto debito pubblico/pil dal 95 al 2007 è sceso fino al 103% a causa delle maggiori entrate fiscali e aumento del pil a causa del riscaldamento dell’economia provocato dal debito privato che poi nei vari paesi pigs si è scaricato sui bilanci pubblici.
    C’è qualche post su goofynomics che riepiloga tutti i dati e la dinamica della crisi.
    Se andiamo in tv e facciamo degli errori saremo meno credibili e facilmente attaccabili.

  • Ragazzi tranquilli ci saranno tutti quelli che ci devono essere, più o meno tra quelli menzionati qui sopra sono stati contattati quasi tutti, però qui quello che conta è lo spirito di gruppo…non è un all star game, quindi non iniziamo a fare i “tifosi” di quello o quell’altro…è un gruppo di lavoro che dovrà fare un enorme lavoro molto serio, preciso, ed accurato su cosa succederà a seconda dei paradigmi economici che adotetremo in futuro….l’importante è che venga fuori uno studio molto chiaro così che gli italiani potranno finalmente capireda cosa dipende la crisi e come se ne può uscire…magari dopo questo studio sarà un pò più difficile per qualcuno sostenere che l’Austerity, i vincoli di bilancio siano indispensabili !

    • Non c’entra niente all star game si fanno i nomi (vedi ad. esempio Bagnai) perchè è un economista che ha sempre detto chiaramente qual’è la causa della crisi, spiegando anche a chi è digiuno di economia, le dinamiche in modo chiaro e supportando tutto con dati, tabelle e grafici. Inoltre sta facendo il giro d’Italia invitato anche da ederenti al M5S proprio per sensibilizzare ed informare e per rompere la cappa di menzogne che ci circonda.

  • Open letter to the friends of Movimento 5 Stelle and specifically to Mr. “Beppe” Grillo and Prof. Beppe Scienza
    I present to you a few ideas which although shared by many people in their own personal interaction with others, have not been discussed (nor much less developed) by an increasingly large participating audience. By presenting these ideas to you, it is my hope that they can find your favor and that you may wish to start the discussion of these and even other better ways to get Italy out of her painful situation.
    A. Financial proposals:
    1. Declare an immediate Moratorium on the repayment of the principal and interest of Italy’s National Debt. Interest rates will be zeroed.
    2. Declare a Five to Ten year hiatus on any repayments to Foreign-held Debt. Renegotiate the face value of the new National Debt to a lower value that will eventually be recognized as valid.
    3. Institute an immediate return to the Lira, say a New Lira.
    4. Establish a present time one-to-one equivalence between the Euro and the New Lira. Then, convert by decree all National Debt Notes and Bonds to the New Lira denomination.
    5. Nationalize the Italian Banking system effective immediately. Banks must only be a vehicle of/for economic transactions, not for speculation. Money does not “make money”. Only Economic activity creates wealth.
    6. Any fees paid to “Banks” shall only reflect the overall cost of banking transactions. I.e., the “House” (banking system) must be neutral to the economic system and “break even” in regards to its costs of operation.
    7. Create a parallel Lending Branch within the new Banking system to issue Home Loans at NO interest. Allow for a small premium charge to cover the administrative costs of issuing and managing such Home loans, including a premium for expected loan defaults.
    8. Let the system eliminate all ‘red taping’ in the loan process allowing for a maximum delay of three weeks for the electronic-based completion of the loan process.
    9. Allow for the creation of a separate “investment banking system” which is prohibited by law to use any leverage. Investment capital is and must be completely separate from the national banking system.
    B. Economic proposals:
    1. Implement immediately a “Keynes-on steroids” governmental spending program to ensure a full employment (a true 100%) of all available labor.
    2. Create all the necessary “Liquidity” to achieve that goal. Example: We wish to employ the 3 million unemployed Italians at decent wage levels. Assuming a 20.000 New Lire per person per year, the government needs to put 60 billion New Lire into circulation. In comparison: Italy pays about 100 billion a year as interest on its National Debt.
    3. Therefore, by declaring a Debt Moratorium Italy has immediately more than enough resources to reach full employment and achieve economic abundance. (The same would be true for any other nation.)
    4. Employ everyone available in thousands of different sectors: public administration, schools, hospitals, improved transportation, administration, maintenance and all other public work sectors.
    5. Allow any remaining available workers to be hired for a period of no less than a year (at government’s expense) by private industry to expand immediately the capacity of manufacturing enterprises and their ability to meet the added market demand of the new purchasing-able consumers.
    6. Achieve the above stated goals by turning on its head the present policies of free trade. There is no such thing as “free” trade because there are SOCIAL costs of production (Health, education, transportation, living conditions, etc.) which must be met by society at a 100% level regardless of the level of employment of labor.
    C. International Trade:
    1. Withdraw immediately from so-called free global trade treaties. This is the only way to help Italy’s small, medium and even large enterprises and industries.
    2. Italy MUST and WILL implement immediately impose Duties on all imports with the exception of those indispensable raw materials and equipment not immediately available in Italy. These Taxes will be sufficient to guarantee that prices of imports will be WELL ABOVE (10, 20, 30% or more) the average cost of comparable local/national goods. This is an appropriate “shock therapy” to immediately encourage local production and, therefore, employment. In the alternative, these taxes will be used to expand employment in other areas of national economic or SOCIAL interest.
    3. Industrial production must be the first line of defense beginning from the sectors of heavy industry and metal smelting. Car manufacturing is one of those. It makes no sense for Italy to import automobile when it has a huge capacity to produce its own. The problem is that when idle, Italy’s workers do not contribute to the social costs of “life”. In fact even if they are idle, they still need to be provided with the benefits of living in a civil society, including Education, Medical Care, Public Roads and other Transportation, etc. The American Ford, the German Opel and the Japanese Toyota have never contributed to the payment of those social costs in Italy for the unemployed d automobile workers.
    4. The situation is still worse for any of those consumer items of daily use, including toys, paper products, plastics, light metal material, clothing, leather products, etc, coming from China, India, and others, which increasingly flood Italy’s commercial centers.
    5. The “Free Market” model of Global Trade today has proved to be violently wrong. It makes victims of producer-workers in developing countries that are paid barely above what the West considers slave wages. It also makes victims of consumer-workers in the developed countries who are themselves increasingly unemployed and therefore living at slave-level conditions.
    6. This is NOT to diminish the people of China, India and all other developing countries. Their governments must and will ensure that the country continues to produce increasingly larger quantities of consumer and industrial goods for the sake of uplifting their own peoples’ standard of living.
    D. Taxation proposals:
    For the purpose of simplifying the tax system and at the same time guarantee a near 100% compliance of taxation, the National Tax system must be radically changed.
    1. Taxes as we know them will be completely eliminated for Individuals and Enterprises. This includes:
    a) NO taxes on profits by enterprises at the closing of their economic cycle.
    b) NO yearly tax on income and revenue by families and individual earners.
    c) NO VAT. This odious tax will be completely eliminated.
    2. The above taxes will be substituted by a SINGLE “National Social Contribution” System paid by all employers, private and public, calculated in this manner: The total yearly National Budget requirement is calculated on a per-worker per-pay period as a percentage of the net pay of the average employee. This value is simply paid by enterprises in a single, all comprising, payment to the government, and it is viewed as an added cost (social cost) of the process of production of goods and services.
    3. Such added “cost of production” is easy to calculate, and it is easy to control and verify.
    4. The advantage of the above system is that employees never again are disturbed about income tax, nor VAT, or others like property tax. The system is streamlined because employers pay the government ONE SINGLE tax which is only an extension, or percentage, of the NET salary/wage paid to their employees. The VAT and the ensuing “scontrino” (to be had even for the purchase of a single coffee!) is one of the worst and most devilish source of evil in Italy’s Tax System.
    5. The government benefits because it has no need for a Police of the Treasury (La Finanza –which is widely viewed a fascist and even terrorist institution by most people in Italy). Workers are their own best “controllers” as see it in their own interest to verify that the contributions paid to the state in their name is correctly paid since their retirement benefits depend on such correct reporting to the state.
    6. No one, be it wage earner or entrepreneur, would need to falsify their records or evade taxation any longer since “tax” as we know it would be eliminated. No Tax ever again collected on profit. “Tax” becomes an added cost of the production of goods and services. But once a profit is achieved through the ordinary operations of an enterprise, NO TAX will ever touch those legitimate profits. What entrepreneurs earn they keep in the full amount of its face value.
    E. The Military:
    1. Effective immediately all participation of Italy in armed conflicts anywhere in the world will be terminated and all units deployed abroad will be immediately recalled.
    2. Effective immediately all contracts for purchases of new military equipment and materiel will be abrogated.
    3. Where possible, convert all equipment and materiel to civilian use including ships, aircrafts and land vehicles. Materiel that cannot be transformed will be destroyed and used as recycled raw material.
    4. Immediate destruction of all arms and ammunitions.
    5. Effective immediately all personnel will be cut down to a minimum necessary to constitute a number of “Emergency Civilian Projects Battalions” in the ready to intervene as emergency response to national and international (where appropriate) disasters.
    6. All qualified military personnel with specific technological and engineering capabilities will be deployed in the construction of civilian projects where a large, organized and disciplined force will ensure the quick completion of time-sensitive projects.
    7. Some UNARMED qualified personnel will be added to the civilian law enforcement structures for educational purposes and to encourage the population at large to adopt more civil day to day behaviors.
    F. Education:
    1. Effective immediately provide free education at all levels from daycare to the highest level of University studies. Ratios of students to teachers will be lowered.
    2. All students will be provided with a computer which will be loaded with free electronic books for all their subjects of study.
    3. Immediate expansion of HIGH SPEED internet connectivity everywhere in the national territory. Italy will further encourage the rest of Europe to achieve the same goal.
    4. Issues of Copy-write law and fees for academic material will be negotiated between the author and a proper governmental agency.
    5. Schools for professional and trade formation for the youth and for adults will be expanded to its highest level of presence in the nation. These academies will BE FREE TO ALL and those students who wish to participate will be encouraged to achieve the highest standard of development.
    6. ABOVE ALL, the State will give every available scientist or inventor, no matter whom or where, the widest financial and technical support to study and experiment with their ideas whether they be of immediate practical use or to further the theoretical development of basic science.
    G. Health Care:
    1. Immediately prohibit medical professionals from serving both the private and public sector.
    2. Increase the number of professionals in public practice and decrease Doctors and nurses work load. Diminish the ratio of patients to professional attendants.
    3. Enforce an increase the education/practical experience of medical personnel.
    4. Expand the availability of hospitals’ technological equipment and material necessary to the effective, efficient and timely treatment of patients.
    5. Increase as high as necessary the availability and infrastructure necessary to the efficient and effective treatment of patients at the entry level of Care, especially at the emergency level.
    6. Increase the availability of all other hospital personnel including those in support roles like maintenance, hygiene, house-keeping, secretarial, etc.
    7. All other ideas see fit by the professionals that operate within the system.
    H. Sciences and Technology:
    1. Italy MUST develop an energy policy. It must pursue and support all sorts of energy policies beneficial to the environment.
    2. Italy must encourage and support the experimental approach to developing new energy sources and methods of energy production including concepts like the Low Energy Nuclear Reaction (LENR) better known as ‘Cold Fusion”.
    3. Italy must encourage and support the development of public, light and low cost, battery-powered individual ‘people movers’ that operate through electronically self-guided controls (like the Google system) that can be requested by a person via smart phones for point to point pickup and delivery.
    4. Italy must plan, design and rebuild entire new cities to substitute for those towns and small cities that either no longer provide effective public and private needs or, conversely, that are in areas of high risk of natural disasters.
    5. Italy will expand the use of all available technological capability and available personnel to repair, preserve, and protect the hundreds or thousands of national archeological and other architectural treasures that are present everywhere in Italy.
    The previous points are not presented as the “ultimate list of things to do.” Instead they are fundamental points of departure from where, if implemented, Italy can reach unimaginable heights of progress and well being. Of course, this outcome is not restricted to Italy, but easily replicable by any other nation that chooses to implement similar strategies of economic and social growth and development.
    Respectfully,
    Gaetano Montante

  • Giustissimo Bagnai e Borghi io aggiungerei anche un costituzionalista il presediente di sezione del Consiglio di Stato Luciano Barra Caracciolo

  • Marco della Luna, Nino Galloni, Lidia Undiemi, Antonio MIclavez, Marco Saba, Salvatore Tamburro, Alberto Bagnai, Antonio Pimpini, Questo è il mio suggerimento. Meditate gente, meditate!

  • Contentissimo di questa iniziativa, sito ancora piu’ informatizzato ,grande claudio vi apprezzeremo ancora di piu’ grazie per le info.

  • OT Come si puó passare dalla prima all’ultima pagina di commenti senza doverle scorrere tutte???
    Rimetteteci i nummeri delle pagine!!!!!

    • Ovvio che non si può, è un sistema fatto apposta per farti girare più pagine e aumentare le page views e quindi gli incassi pubblicitari del sito…

    • giusto e come mai non si visualizza subito l’ultimo commento all’inizio della lista commenti?????
      cioè faccio un commento ed inserito in coda..

  • Il Giappone ha appena stampato una marea di Yen svalutando la moneta…. L’FMI ha aumentato le stime di crescita per il Giappone.
    Noi quant’è che stampiamo?????
    Io Barnard lo vorrei nel laboratorio è stato il primo, a parlare della truffa del trattato di Lisbona, non può essere messo da parte, se poi rifiuta lui è un altro conto.

  • Per il Laboratorio di Economia io proporrei i seguenti nomi:
    Nino Galloni, Alberto Bagnai, Claudio Borghi, Paolo Becchi, Lisa Undiemi, Gennaro Zezza, Loretta Napoleoni, Fabrizio Tringali, Emiliano Brancaccio, Marco Cattaneo (vedi intervista byoblu)
    Messora come portavoce del gruppo in modo che non debbano perder tempo a parlar con i media scandalosi/scandalistici che ci troviamo in italia.

  • TROVA IL BUG
    Più che nomi bisogna trovare il bug del sistema economico imposto dall’Europa. Il problema più grosso che questo sistema ormai marcio ci impone è il pagamento degli interessi sul debito. Questo cancro oltre a far crescere il debito negli ultimi anni è usato come strumento di minaccia per far approvare leggi antidemocratiche. La soluzione: TITOLI DI STATO DI PICCOLA TAGLIA (10-20-50 euro) Gli euro che lo stato spende per pagare questi interessi devono finire nelle tasche degli italiani, questi titoli devono essere scambiati come moneta e non marcire in una cassaforte di una banca.

  • non si può prescindere da Borghi e Bagnai che tra l’altro sono persone disponibilissime. ma anche la Undiemi. Rinaldi va bene e forse anche Zezza e Brancaccio. stuzzica l’idea di raffaele: M.Landini

  • Mi associo al commento di Mjollnir, Nino Galloni è cruciale, per la memoria storica di cui è portatore e per l’esperienza concreta di cosa si può e si deve fare quando esistono i presupposti minimi, cioè una dose sufficiente di SOVRANITA’, politica, monetaria, di autodeterminazione del popolo, che è poi il prerequisito per ritornare alla democrazia vera.

  • brava NAPOLEONI, le tue opinioni&proposte mi piacciono sempre di più!
    vorrei consigliarti di aggiungere alla commissione due figure che possono dare un notevole aiuto, specie in questi tempi e momenti di svolta socio-economica-culturale, cioè consulenti
    FILOSOSI E SOCIOLOGHI sono fondamentali!!!!!
    buonlavoro
    lucio-vitali

  • (Commento all’articoletto di Loretta)
    Le formiche non fanno rumore…..lavorano.Noi siamo abituati al silenzio creativo;specialmente dei media che ,però,ci assordano di denigrazione continua.Non fingono di non capire…..non capiscono effettivamente ! Il Movimento è qualcosa al di fuori della loro capacità intellettiva…Proporre iniziative non remunerate a ladroni di stato di quel calibro ! Suvvia…un po di decenza !

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi