ABBONATI SOSTIENI

Zitti zitti, piano piano, dolcemente..

Barbara Lezzi Porta a Porta

La portavoce M5S al Senato Barbara Lezzi mette in difficoltà gli esponenti del Governo a Porta a Porta, dimostrando competenza e guadagnandosi il plauso dei giornalisti in studio e l’evidente apprezzamento del conduttore. La spontaneità, l’evidente corrispondenza tra i pensieri e le parole, tra ciò che si descrive e la sua descrizione, arrivano di più e meglio di ogni artefatta finzione della più trita e ritrita politica. Oggi sembrano piccole cose, ma fino all’anno scorso sarebbe sembrata fantascienza. Invece sono i cittadini che zitti zitti, lentamente, contro tutto e contro tutti si stanno dolcemente riprendendo la politica.Intanto, la prima risposta alle balle di Stefano Fassina arriva dalla Commissione Bilancio al Senato, che oggi ha giudicato ammissibile l’emendamento M5S alla legge di stabilità che contiene la proposta sul reddito di cittadinanza. Significa che i commissari hanno reputato coerenti le coperture previste di 19 miliardi. Alla faccia delle balle del vice ministro dell’economia e delle finanze del Partito Unico, che sosteneva che non si arrivava neppure a 4.

413 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ZITTI ZITTI, PIANO PIANO, IL REGIME STA MITRIDATIZZANDO GLI ELETTI M5S, LI STA COOPTANDO, LI STA INGLOBANDO NEL REGIME STESSO.
    IL M5S E’ USATO DAL REGIME COME FOGLIA DI FICO PER PERMETTERE DI DIRE AL REGIME DELL’INCIUCIO: ECCO, VEDETE, PARLA ANCHE L’OPPOSIZIONE (DI SUA MAESTA’), PARLANO ANCHE QUEI PERICOLOSI NIHILISTI DEL M5S, QUINDI SIAMO NELLA PERFETTA DEMOCRAZIA.
    IN REALTA’ M5S, STANDO NEI PALAZZI DI REGIME E PARTECIPANDO ALLA PROPAGANDA TV DI REGIME, NON FA ALTRO CHE TRADIREUN PROGRAMMA DI RIVOLUZIONE ITALIANA CHE, IN EFFETTI, NON C’E’ (PURTROPPO) MAI STATO.
    IN UNA PROSPETTIVA DI LUNGO PERIODO IL M5S DIVENTA UN PARTITO FUNZIONALE AL REGIME, CHE PUO’ COSI TENERE SOTTO CONTROLLO UNA PARTE DI POPOLAZIONE CHE AVREBBE POTUTO DARE FUOCO ALLE POLVERI DI UNA PRIMAVERA ARABA QUI IN EUROPA. MA CHE PURTROPPO SEMMAI AVVERRA’, NON SARA’ CONDOTTA DA GRILLO-MASANIELLO DA SALOTTO. PERCHE’ LE RIVOLUZIONI NON SI FANNO NEI SALOTTI.
    SE IL M5S PARLASSE DI SOVRANITA’ MONETARIA, DI DEBITO ODIOSO, DI NORIMBERGA PER LE BANCHE, DI CESSAZIONE DELLE GUERRE DI AGGRESSIONE DELL’ITALIA, DI USCITA DALL’EURO, DALLA NATO, DAL FMI, DI ABBASSAMENTO DELLE TASSE PER I POVERI, ALLORA POTREBBE PRESENTARSI COME PARTITO CON UN PROGRAMMA MINIMO DI RIVOLUZIONE SOCIALE E CIVILE.
    MA QUESTI FANNO SOLO CHIACCHIERE E , QUEL CHE E’ PEGGIO, IN TV. SENZA RENDERSI CONTO CHE LA TV OGGI E’ IL CUORE DEL REGIME.
    IO VORREI VEDERE VESPA PIANGERE, DISPERARSI, QUANDO PARLA UNO DEL M5S NEL SUO CAZZO DI SALOTTO DI SERVI. VORREI VEDERLO AVERE IL TERRORE DI FAR PARLARE UNO DEL M5S CHE GLI LANCIASSE IN FACCIA A PALLE INCATENATE, TUTTE LE CONTRADDIZIONI DI QUESTO PAESE DI MERDA!
    INVECE NO. TRASMISSIONI CON SALMELECCHI, INCHINI E RINGRAZIAMENTI. E DOV’E’ IL CONFLITTO?
    E QUANDO MAI CAMBIERA’ QUALCOSA? E PERCHE’ MAI DOVREBBE?
    POVERA ITALIA DI SUDDITI INCONSAPEVOLI,CATODICAMENTE ETERODIRETTI. E PURE CONTENTI!
    MA QUAND’E’ CHE DIREMO A QUESTI BANKIERI INFAMI E AI LORO CAMERIERI: ORA B-A-S-T-A!. SENZA SE E SENZA MA. E SENZA COMPROMESSI?

    • Baradel riguardo a queste tue parole : ” SE IL M5S PARLASSE DI SOVRANITA’ MONETARIA, DI DEBITO ODIOSO, DI NORIMBERGA PER LE BANCHE, DI CESSAZIONE DELLE GUERRE DI AGGRESSIONE DELL’ITALIA, DI USCITA DALL’EURO, DALLA NATO, DAL FMI, DI ABBASSAMENTO DELLE TASSE PER I POVERI, ALLORA POTREBBE PRESENTARSI COME PARTITO CON UN PROGRAMMA MINIMO DI RIVOLUZIONE SOCIALE E CIVILE.” (scritte in maiuscolo) io ti domando, ma dove vivi? Voglio credere tu stia scherzando. Sono argomenti che l’M5S porta avanti regolarmente e quasi quotidiniamente. Se vuoi ti do i link dove potresti appurare ciò e vergognarti. Tira fuori la testa dal sacco. Informati meglio, smettila di sparare c**zate e impara a scrivere civilmente in minuscolo. Non conosci nemmeno un minimo di netiquette, cosa cavolo vuoi sentenziare sull’operato del M5S.

  • M5S dimostra pian piano di essere formata da competenti e non da grillini, da un cervello pensante e non da un cervello sottomesso. Caro cervello ti parlo da braccio, a quando l’impulso organizzato per muovermi in piazza e non solo su FB ? Vuoi cambiare il sistema ? Chiamaci in piazza pure una volta a settimana. Code di persone per le strade, non code di post su FB. Dobbiamo urlare unitamente “Ci avete rotto il caXXo” per le strade non commentare i “Respinto” su FB !!! QUi si rischia di cadere in un nuovo torpore, il torpore di quelli che essendo nel giusto si limitano a commentare quanto gli altri siano in errore e che non gli permettono di fare le cose che dovrebbero essere fatte per il benessere dei cittadini e non delle lobby. Bisogna cambiare il sistema prima che il sistema cambi voi (NOI!), o peggio vi usi come semplice valvola di sfogo per il malessere di tutti gli italiani che sono veramente pronti a dire BASTA !

  • spiacente ma questa volta non sto zitto.

    reddito di cittadinanza: NO, GRAZIE!!!

    la tesi di grillo e’:
    siccome in Italia non ci sara’ piu’ lavoro, perche’ siamo destinati al fallimento, nessuno deve rimanere indietro.
    di conseguenza lo Stato dovra’ provvedere ai nuovi poveri “attraverso un reddito che consentira’ loro di scegliere se lavorare oppure no.
    ora non importa dove prenderemo i soldi ma li prenderemo”.

    primo.
    io voglio il reddito da LAVORO.
    secondo.
    perche’ non c’e’ lavoro?
    perche’ stiamo deindustrializzando il nostro Bel Paese.
    terzo.
    come facciamo a reindustrializzare il nostro Paese?
    quarto.
    perche’ siamo legati dall’eurogabbia.
    perche’ prima dell’eurogabbia il nostro corrottissimo e mafiosissimo Paese era arrivato alla settima potenza economica mondiale, chissa’ come mai?

    non ci vuole una laurea alla bocconi per capire queste cose, vero Grillo?

    altra cosa gravissima:
    l’IVA.

    l’IVA e’ la tassa piu’ iniqua che esiste.
    colpisce i deboli.
    sapete che l’iva sui beni di prima necessita’ e’ al 4%?
    e come mai?
    perche’ non bisogna tassare i consumi necessari alla sopravvivenza dato che anche il povero deve permetterseli.
    quindi non si devono tassare i poveri sul consumo.
    per la verita’ neppure i ricchi, perche’ poi non consumano piu’ ed allora disoccupazione galoppante.
    sentire Grillo parlare di togliere tutte le tasse dirette per alzare le indirette e’sconvolgente.
    auguri

    • Il lavoro non può scomparire ed è stupido chi lo deduce come conseguenza dell’introduzione del rdc.
      Il lavoro può solo cambiare e molti sono i segnali che l’idea 800esca del lavoro non varrà. Ti consiglio la lettura del saggio di Andrè Gorz “L’immateriale”, è breve e t farà capire molte cose.
      L’rdc non è il diritto di vivere a scrocco, è il diritto di vivere per chi non riesce a cambiare paradigma di lavoro.

    • pERFETTO:

      “IMMEDIATA USCITA DALLA EUROZONA”!!!
      La proposta più votata dal basso (dalla BASE degli iscritti!) sul FORUM NAZIONALE del M5S!

      VOTATE LA PROPOSTA E COSTRINGETE IL M5S A PRENDERE POSIZIONI DURISSIME CONTRO L’EUROZONA ASSASSINA DEL POTERE FINANZIARIO INUMANO!!

      ISTRUZIONI PER VOTARLA
      – e per far votare TUTTI i vostri amici –
      FATE COSI’!

      https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4225673874179&set=pb.1055246726.-2207520000.1374870342.&type=3&theater

    • da quanto scrivi è evidentissimo che non hai nemmeno fatto lo sforzo di leggere il testo di legge proposto per il reddito di cittadinanza… informarsi, collegare il cervello, mordersi la lingua e poi parlare

    • Si vede che non hai letto la proposta di legge che è attualmente in fase di emendamento dalla rete. Non è una copertura a pioggia né tantomeno un reddito a prescindere (anche se eminenti pensatori, più illustri di te e di me, hanno teorizzato da tempo che un reddito “a prescindere” sia perfettamente etico). Non limitarti ad ascoltare i comizi: cercati la proposta di legge e analizzala.

    • Cit. “spiacente ma questa volta non sto zitto.”

      ahahahaahahah :-)))
      E’ meglio stare zitti e sembrare di essere stupidi piuttosto che parlare e togliere ogni dubbio

    • Come prima cosa ringrazio Claudio per la risposta e per la possibilità che mi da per esprimere il mio pensiero.
      Effettivamente non ho letto la proposta di legge in fase di emendamento ma mi sono limitato a quello che l’italiano medio fa, per poi farsi l’idea a chi indirizzare il proprio voto : guarda la televisione ed ascolta le parole del comizio trasmesso.

      Quindi Mario5s ho collegato benissimo le orecchie e gli occhi al cervello.
      Mi manca di analizzare la proposta ( che faro’ sicuramente ) ma sfido la famosa casalinga di Voghera a farlo.

      Per Ital.
      Piuttosto che elargire sussidi io preferirei investire su corsi di aggiornamento oppure su riqualificazione del personale dato il cambiamento repentino del mondo del lavoro.

      Ciao

    • Ok occhiodifalco.
      La “casalinga di voghera” spesso aspetta qualcuno che la aiuti a capire, se da sola non può analizzare via web una proposta di legge.
      Finché avrà occhi solo per il piccolo schermo, rimarrà intossicata da notizie false e tendenziose.
      E lì entriamo in gioco noi che in rete sappiamo reperire altre notizie: partendo a diffonderle a tutti i nostri familiari, il contagio delle buone idee sarà virulento e inarrestabile.
      Buona lettura!

    • @Claudio

      (anche se eminenti pensatori, più illustri di te e di me, hanno teorizzato da tempo che un reddito “a prescindere” sia perfettamente etico)

      Eminenti pensatori come Von Hayek? Anche Monti la pensa così.

      Non ci siamo.

      Il diritto primigenio su cui si basa il *** NOSTRO *** dettato costituzionale è quello del lavoro: primo Articolo.

      Oltre al diritto ad un reddito minimo, l’Italiano nasce già con il diritto di realizzarsi tramite il lavoro e di vederselo retribuire almeno con il salario minimo previsto dal rispettivo Contratto Collettivo Nazionale. La lotta è ripristinare questi valori costituzionali impediti ad oggi dall’UE e dall’Euro: tutto il resto è fare da spalla alle oligarchie.

      Mi spiace Claudio, @Occhiodifalco ha ragione. E ha ragione perché ha studiato.

      Non si può difendere la Costituzione senza neanche conoscerla.

      Il M5S senza riferimenti culturali andrà o schiantarsi lui o a finir di schiantare l’Italia.

      http://orizzonte48.blogspot.com/2013/04/quello-che-non-vogliono-capire-salario.html

    • @Claudio @Mario5S

      Non si può discutere un disegni di legge di questo tipo e promuoverlo alle casalinghe di Voghera senza conoscere almeno questo paper:

      http://gondrano.blogspot.com/search/label/Micha%C5%82%20Kalecki%20%281943%29%20Aspetti%20politici%20del%20pieno%20impiego

      Siamo tutti con i ragazzi a soffrire in Parlamento. Ma la politica nazionale non è come quella locale: ci vogliono i riferimenti culturali.

      Spero che il disegno sia de facto l’opposto di ciò che lascia intendere il nome…

  • PRINCIPI FONDAMENTALI
    Art. 1
    L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul LAVORO.
    La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

    Art. 4
    La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al LAVORO e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
    Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, una attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

    Art. 53
    Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità CONTRIBUTIVA.
    Il sistema tributario è informato a criteri di PROGRESSIVITà.

    Devo aggiungere altro…….

    Grazie a Baradel e Occhiodifalco per la lotta che che portate avanti ogni giorno di fronte a queste scempiaggini!

  • Ho sentito anche la Mucci a RaiNews24, fantastica pure lei.

    Ti prego Claudio, cerca di convincere Grillo a mandare in giro per i media queste fantastiche individualità.

    Troviamo i più preparati (ce ne saranno almeno una ventina su 160!) e colonizziamo i media, dalla mattina alla sera e dalla sera alla mattina, senza sosta!

    Senza sosta!!!

    • Mi aggiungo al tuo appello…Claudio abbiamo troppo bisogno di questo ….Tanta trroppa gente non ci conosce per quello che realmente siamo…..

    • Io fino ad ora non ho visto nessun parlamentare del m5s che non mi rappresenti degnamente. Tutti, indistintamente. L’onestà intellettuale che li contraddistingue è evidente a tutti quelli che sono altrettanto onesti

  • c’è stato uno smacco alla politica anche ieri sera a Serviziopubblico da parte di alcuni giovani italiani espatriati per studiare e lavorare, mentre l’economista Bagnai spiegava tecnicamente il fallimento UE/€uro causa della nostra crisi economica e finanziaria, oltre a giudicare negativamente senza motivo alcuno il M5S in merito alla questione €uro, quei giovani focalizzavano un problema complementare ma determinante alla crisi tipicamente nostrana, evidenziando il modus operandi fallimentare della classe politica e dirigente italiana culturalmente decadente, generalmente priva di etica e morale fautrice d’illegalità e corruzione devastatrice dello Stato civile e democratico, il battibecco tra quei giovani e Bagnai e stato sintetizzato con una magistrale chiosa di Travaglio.

    Non trovo il video sul web, qualcuno più bravo lo pubblichi, quell’intervento consente anche ai più duri di comprendonio di rendersi conto della vera origine e voragine dei nostri mali.

    • http://www.serviziopubblico.it/

      La trasmissione si può rivedere in replay da questo link.

      Il resto con tutto i rispetto per quel che mi riguarda va decisamente respinto al mittente..a proposito di “comprendonio”. Grande Bagnai.

      La tipica trasmissione pilotata ad hoc nella discussione dal conduttore ne ho visto solo un pezzo della seconda metà..la guarderò tutta ma so già come saranno impostate le discussioni.

      Santoro e il falsario per eccellenza Travaglio: due giornalisti pseudo “contro” di fatto Star System di questo regime e al servizio di questo regime.. Studia l’economia.

      Saluti.

      ps: risparmiaci il 1999 e i 200Mld di tagli. Ti prego!! ;-))

      Conosciamo già le tue scontate risposte.I link e i video che ti propongono leggili e visionali tutti. Non quello che fa comodo al tuo ragionamento per poi dire : a ecco …!!!

      Ripeto: Grande Bagnai. (chi capisce le cose, sa perché lo dico )

    • Ieri sono rientrata a casa quando la trasmissione era già mezzo fatta: mi guarderò tutto dall’inizio. ..

      Certa di non sbagliarmi sul prima detto nel precedente post.

      So anche come solitamente è organizzata la scaletta degli argomenti di quel tipo di trasmissione : Santoro è un maestro in questo. Tutto funzionale a ciò che vuol far passare lui.

      Mi piacerebbe sentir l’opinione di chi le cose le capisce: Maximus, Mjolnir, Occhiodifalco,MrAge,Rospo, Virus,Attilio etc se hanno visionato tutta la trasmissione.Grazie

    • Scrivi anche perché,sarebbe a tuo dire farloccone.

      Così sentiamo: altrimenti il farloccone sei solo ed esclusivamente tu….

      Sti slogan senza seguito non hanno costrutto. Vanno corredati con un commento, altrimenti restano quel che sono: slogan/stupidaggine da tifo.

      Slogan del genere si possono fare contro tutto e tutti, impoveriscono la discussione se non hanno un seguito argomentativo e solitamente gli fa chi è povero di dialettica.

      Vanno invece bene se c’è il seguito di complete ed esaustive considerazioni a prescindere se si condividano o meno.

      Grazie.

      Una frase del genere son frutto di tutta una serie di considerazioni da te maturate suppongo:

      Sentiamole….

    • Anita-M,
      ritengo la disamina di Bagnai sulla crisi eco-fin. anche se parziale corretta difficilmente confutabile se non con argomentazioni specificatamente tecniche, ma secondo il mio avviso relative ad una parte del problema, l’altra parte consistente del problema l’hanno indicata quei giovani ieri sera a “servizio pubblico”.

      Dici che devo studiare per approfondire la scienza dell’economia legata alla finanza! Beh! Direi che voi sostenitori tout court dell’uscita dalla moneta unica dovreste avere più capacità di analisi critica perché Vi comportate come quegli ammalati che negano l’evidenza della patologia che li sta ammazzando, non vi è dubbio alcuno che l’euro valuta è un fallimento, non era necessario che Bagnai lo ricordasse citando il 1997-1999 quando il cambio fu fissato alla bellezza di Lire 1936.27, l’esimio economista dov’era in quegli anni quando quei cittadini come me nell’assoluto silenzio mediatico “urlavano” che il cambio svantaggioso avrebbe dimezzato di fatto il potere d’acquisto e causato un calo dei consumi quindi innescato un declino economico e produttivo? e non solo….
      Ieri sera la condivisibile diagnosi esplicata dal Dott. Bagnai non ha tenuto in considerazione dell’anamnesi necessaria per capire lo stato effettivo del problema/malato, cioè la raccolta dalla voce diretta del paziente ITALIA e/o dei suoi familiari ITALIANI di tutte quelle informazioni, notizie, sensazioni e fattori interni scatenanti che aiutano il medico a indirizzarsi verso una diagnosi corretta per trovare una cura efficace, infatti gli economisti trovano soluzioni unicamente tecnicistiche per uscire dalla crisi, curando i sintomi gli effetti non la malattia, in sintesi l’€uro è l’effetto complementare ai sintomi che ha accentuato la malattia tipicamente italica la CORRUZIONE etica, morale, politica, amministrativa ecc…. quella condotta dissoluta delle migliaia di pubblici ufficiali che ricevono, per sé o per altri, denaro od altre utilità che non gli sono dovute ma paradossalmente attuate a NORMA DI LEGGE che determinano il declino italiano.

    • Nonostante io non sia un strenuo sostenitore di Bagnai apprezzo moltissimo il tentativo che sta facendo di depidinnizzare il PD, spero di sbagliarmi ma non credo che otterrà grandi risultati.
      In questo momento chiunque metta in discussione il sistema €uro è mio alleato e per questo appoggio incondizionatamente anche Barnard e l’MMT nonostante non ne condivida alcuni passaggi, mentre critico il M5S perchè mi sembra un pò confuso sull’argomento!

      Clesippo, credo che tu abbia nuovamente travisato quello che dice Bagnai. Il problema dell’€uro non sta solo nella gestione o nel cambio più o meno alto, l’€uro non è una moneta ma un sistema (ANTIDEMOCRATICO, MARCIO e CORROTTO!) di governo dell’economie e dei popoli europei.
      In un sistema del genere puoi cambiare tranquillamente le persone che sono al comando ma il risultato non cambia.

      Se moltiplichi un qualsiasi numero per zero il risultato è sempre zero!

    • Devo vedere la trasmissione tutta,ne ho seguito l’ultimo pezzettino .

      Per il resto anche se ripeti sempre la stessa cosa almeno tu le tue spiegazioni le dai sul perché e il percome . Altri, manco quella.

      Per il resto: hai riproposto esattamente lo stesso quesito sulla quale ti son dati date abbondanti e soddisfacenti spiegazioni.

      Dove erano quegli economisti quando ……etc etc ?

      Risposta che già conosci : erano tutti messi sotto silenzio ,emarginati e boicottati dall’informazione mainstream di questo sistema, ma proprio tutti. Ed i politici o i tecnici che si opponevano in un modo o in un altro venivano o irrisi o rimossi.

      A livello nazionale e internazionale, anche premi nobel.

      Ti è stato già detto. La loro voce era stata silenziata per non dire strozzata da una mastodontica, martellante , capillare, invasiva campagna dei mass media nazionali ed esteri che davano spazio esclusivamente a opinionisti, economisti ed altro prezzolati e pro -euro.

      Oggi che finalmente dinanzi ad una situazione drammatica non in Italia ma in tutta Europa causa Eurozona, possono parlare, visto che i fatti hanno dato loro ragione, vengono tacciati di populismo!!!. Siamo punto e a capo. Son sempre loro, non potendo smentire l’evidenza hanno cambiato strategia.

      Addirittura alcuni si sono appropriati degli stessi argomenti , lasciando il termine “populista” a chi quegli argomenti gli ha portati coraggiosamente avanti per anni andando controcorrente. Vedasi Casini della passata pagina del forum. Così funziona questo sistema. E tu fai dei ragionamenti che son funzionali a quelle persone la.

      Forse non te ne accorgi ma certi tuoi ragionamenti sono perfettamente in sintonia con i loro.

      Prendine atto.

      Bagnai era un giovane ricercatore in una piccola facoltà universitaria. Cosa poteva fare? non ha senso manco che tu lo dica

      Questo tuo mantra è patetico. Lo dico con molto rispetto. Ma non posso far diversamente.

      Tutte cose già dette da tanti,ma non una ma decine di volte, e oggettivamente vere

      Sui tecnicismi, sintomi, malattie, cause , effetti : ho focalizzato il tuo ragionamento. Meglio rinunciare, e non perché siano convincenti le tue considerazioni, ma esattamente l’opposto. Credimi sei lontano, decisamente non è roba per te.

      A meno che non ci sia qualche volenteroso martire dotato di spirito masochista , disposto a ricominciare inutilmente a……………………..

      Saluti.

    • Al mio paese si dice: “chi si loda s’imbroda”. Signora Anita-M, io sono stato liquidato da lei con un semplice: “devi capirlo da solo” allorché le avevo chiesto il perché lei mi avesse definito “il perfetto itagliano per eccellenza”. Mi ha solo fatto una lezione di grammatica anche se vedo che lei usa ripetutamente “gli” al posto di “li” il che evidenzia che non si tratta di errore di battitura. Però pretende spiegazioni e teoremi: se li vada a trovare. Lei, dall’alto del pulpito sul quale si è autonomamente collocata, dice che Bagnai è un maestro che andrebbe ascoltato. Va bene, può essere, anche se io ho visto una video conferenza a cui partecipava anche un altro economista e il prof. Bagnai aveva alquanto ridimensionato tutta la sua sicurezza e eloquenza. Al di la di questo, lei e tutti gli altri dotti economisti che commentano su questo blog dovete capire che l’attuale situazione economica è il frutto di anni di politica scellerata che ha prodotto mostruosità che superano di molto il problema della moneta. Il m5s si è proposto come scopo primario la moralizzazione della vita pubblica che inevitabilmente andrà a cercare di riformare anche il problema dell’euro insieme a tutti gli annosi problemi che angustiano le persone oneste in questo paese. Abbiamo ben capito di quale schiera lei fa parte, lei fa parte di quel gruppo di persone che pensano che tutto si potrà risolvere con il giochino delle tre carte e poi continuare a tirare avanti all’itagliana maniera. Maniera da cui evidentemente lei deve aver tratto qualche vantaggio. Il m5s non sarà mai quello che voi desiderate, per voi c’è ancora disponibile, per un po’ di tempo, il pd.

    • Anita-M
      non è sufficiente l’approccio tecnico scientifico al problema UE + € senza precedenti storici o similari paragonabili, esiste una soluzione partecipata con l’altra parte meno asettica cioè la merdosa politica.

      Probabilmente scriviamo nella stessa lingua e non ci capiamo, o forse io non so scrivere in corretto italiano!

      Ha senso avere un bravo economista-meccanico in grado di diagnosticare il guasto e riparare l’automobile se poi il pilota ed il copilota sono degli incoscienti?

      Comunque mettetevi l’anima in pace perché dall’Euro non si uscirà se non dopo la catastrofe definitiva, a meno ché tutti i Paesi membri decidano di farlo previo accordo per compiere un salto nel buio, oppure come io auspico arrivi al Governo della nazione una nuova compagine politica fuori dagli schemi partitocratici fallimentari che attui una radicale sostituzione della classe politica e dirigente ridimensionando gli apparati politici, non quelli amministrativi e sociali.

      Carissima sai cosa è una “determina dirigenziale”?
      E’ un atto amministrativo mediante il quale il Dirigente di un Servizio di un Ente Locale decide una determinata attività, ad esempio l’acquisto di un software oppure l’incarico ad una persona fisica Architetto, Ingegnere, consulente oppure ad una ditta esecutrice dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria di un edificio pubblico ecc…. lavori Deliberati in Giunta e finanziati economicamente ed assegnati direttamente senza gara d’appalto, in un Comune di medie proporzioni se ne fanno anche 100 in 12 mesi per cifre totali che superano anche i 300mila euro…. e la prassi in questa italietta dedita alla corruttela fa si che i lavori vengano assegnati spesso e volentieri a stessi professionisti esterni e stesse ditte esecutrici dei lavori, il resto immaginalo tu…. esempio: per evitare gare d’appalto di milioni di euro si spezzettano il lavori in più stralci economici di poche centinaia di migliaia di € per assegnarli direttamente alla cricca di turno!!! Questo è uno dei molteplici aspetti e mille rivoli della corruzione a NORMA DI LEGGE per foraggiare la partitocrazia ed altro danneggiando il Paese, moltiplica questa “furbata” all’italiana per gli 8000 comuni, le 110 province, 20 regioni e oltre 400 enti statali compresi le centinaia di enti subalterni e capirai dove si annida quell’altra parte consistente della crisi economica italiana.

      Ma probabilmente “voi economisti” siete filosofi teorici e poco pratici della realtà politica-amministrativa dedita al saccheggio a NORMA DI LEGGE di 200 MLD di euro all’anno.

      Mi dispiace scriverlo, ma gran parte degli aventi diritto al voto non conosce la realtà nella quale vive.

    • Lasciamo perdere l’escursus grammaticale in ambito forumistico e anche chat ove si scrive istintivamente non preoccupandosi del resto. Non son compiti son post . iE’ meglio per tutti .

      Nei miei in altri contesti sono anche più gravi, di cui beatamente e serenamente non me ne importa nulla.

      Solitamente si scrive in stile linguaggio parlato fregandosene della correttezza grammaticale. Io non ci faccio caso ne per i miei ne per i post altrui . Almeno in un contesto forum /chiacchiere.

      Poi ci son persone che ci tengono ad una certa correttezza anche in un forum o in una chat , altre no.

      Quindi controllano , la forma , la coerenza dei tempi verbali, la giusta punteggiatura etc etc … in questo contesto come nelle chat non son tra quelle persone. Hai proprio sbagliato.

      Se mai ho dato una risposta doverosa ad una tua considerazione su una mia espressione che è questa: “perfetto per eccellenza ” (= perfettissimo)

      Stefano:

      ” io non avrei scritto —- perfetto per eccellenza —-”

      L’osservazione grammaticale l’hai fatta TU per primo non io. Accusi me dei tuoi mali.

      Al che ho dovuto rispondere ma per un TUO imput.

      Oltretutto… la tua considerazione era tecnicamente GIUSTA — perfettissimo come superlativo di perfetto non ha senso — ,infatti ho risposto proprio per dirti che pur essendo non corretta dal punto di vista grammaticale, nel linguaggio corrente si usa ,ed anche in ambito letterario-poetico (ma non è un termine corretto ).

      Per il resto del contenuto del tuo post —Bagnai , Euro etc —- sorvolo a distanza e “decisamente” non rispondo…si dice: ignorare.

      Carissimo Itagliano: auguri…..;-)

      ps: non ti scoraggiare, con dedizione e impegno anche tu forse un giorno sarai un “vero italiano”.

      Adesso fai umilmente la gavetta,e grazie per avermi corretto per l’ennesima volta i ….compiti 😉

      sei intelligentissimo………. tuoi post docet !!!

    • Post 12.10 è in risposta al 12.8..(Stefano).

      Sulle considerazioni ultime di Clesippo invece, almeno per quanto mi riguarda ,su alcuni aspetti che hai espresso , anche se vedo il tutto con un altra ottica , da un altra visuale …concordo .

      Clesippo, usi il termine “voi economisti”, io non mi occupo di economia nella mia professione manco lontanamente., ne come lavoro ne come percorso scolastico. Tutt’altra roba.

      La seguo perché è interessante e perché nel mio contesto familiare ci son laureati e laureandi in economia e quindi quando chiedo una spiegazione me la danno ..

      Credo che siano Maximus e altri che hanno un curriculum di studi in campo economico o similare. Almeno da quel che mi è sembrato di capire.

    • per Clesippo.

      quando ti ho scritto “studia l’economia”…era un invito a non scartarla a priori. Errore gravissimo. A documentarti meglio in campo economico, perché le cose non stanno esattamente come dici tu. Ma bisogna entrarci nel discorso economico.

      Altrimenti si parlano linguaggi diversi perché manca il denominatore comune per potersi capire . Ho letto da qualche parte ,adesso nello specifico non ricordo quale pagina del forum, una tua considerazione su Macroeconomia e Microeconomia, sono rimasta inorridita!! da li ho capito che è impossibile un dialogo con te.

      E che chi interloquiva con te stava perdendo tempo . E non a loro demerito.

      Per volute lacune tue ovviamente.

      Se parli di un argomento legato all’ambito economico per forza di cose bisogna entrare in logiche di economia —anche in senso tecnico…anche se basilari senza grandi pretese —-..se le eludi radicalmente si dicono cose che non hanno oggettivamente senso. E’ come voler parlar di matematica senza considerare i numeri. Non ha senso.

      Saluti.;-)

  • Sei mesi fa sarebbe stata espulsa dal Movimento con ingiurie al seguito per un simile intervento ad un Talk Show… clowns (che le sta sopra ovviamente, non certo Barbara Lezzi)

    • Spuffy dilla la storia , quale sarebbe ?? …che l’uno che vale uno ormai è solo una fantasia , uno slogan… che il fantomatico amatissimo non-statuto è solo carta igienica ??
      Chi ha stabilito la possibilità di partecipare ai talk show ? Gli elettori hanno votato il programma e non-statuto (che prevedeva il divieto di partecipare ai talk show ) , la fine del divieto è stato approvato dagli elettori con una votazione online ??
      Il M5S è morto..esiste il partito grillo-casaleggio.

    • Sig.Corradi e per Luca sotto in risposta.
      Se questi sono gli argomenti che vi sono rimasti e amate ancora guardarvi i diti dei piedi , gongolando al suono della vostra voce o all’eco dei vostri pensieri , continuate pure andrete lontano.
      Cordiali saluti.

    • @ luca
      A noi va benissimo il partito Grillo-Casaleggio + 160 parlamentari che autonomamente decidono secondo la propria coscienza e con il solo mandato conferitogli dagli elettori di agire sempre nell’interesse del popolo italiano. A voi va benissimo il partito letta-alfano-vendola + non so quanti ma decisamente troppi che automamente decidono secondo la propria coscienza. Ognuno ha i suoi gusti

    • Certo che oltre a spostare l’attenzione dalla mia considerazione sarebbe interessante sapere qual’è la storia corretta, se la mia è sbagliata… il gioco così è un po’ adolescenziale.
      Sul fatto poi che chiunque obietti alcunchè debba indispensabilmente appoggiare l’attuale goverrno… beh, che dire, il nulla come ragione delle proprie posizioni. Un mantra dei pentastellati.
      Certo c’è da chiedersi cosa ci faccia una come Lezzi nel M5S… e come faccia trovare il coraggio di farsi associare agli integralisti duri e puri

    • Ah, scusate, per i soloni…

      sul “Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento” presente sul web

      Comunicazione:

      Lo strumento ufficiale per la divulgazione delle informazioni e la partecipazione dei cittadini è il sito http://www.movimento5stelle.it
      I parlamentari dovranno rifiutare l’appellativo di “onorevole” e optare per il termine “cittadina” o “cittadino”
      Rotazione trimestrale capogruppo e portavoce Camera e Senato con persone sempre differenti, la scelta dei capogruppo sarà operata dai gruppi di Camera e Senato
      >>>> Evitare la partecipazione ai talk show televisivi<<<<

    • Scusa Corradi, ma se scrivi post di tal fatta, la risposta da chi la vuoi? Ti devi accontentare di quelli come me perché se leggi, magari domani, quello che scrivi, ti accorgi che il giochino adolescenziale è proprio il tuo. Per irsponderti nel merito, ma la risposta è stata data più volte anche da persone “adulte”, alcuni mesi fa era giudicata negativamente, da tutto il gruppo parlamentare del m5s, qualsiasi partecipazione televisiva di esponenti del movimento. Alcuni, richiamati ripetutamente al rispetto della volontà della quasi totalità del gruppo, hanno deciso di proseguire indipendentemente nel loro proposito. Oggi la strategia del m5s è mutata e tutto il gruppo parlamentare, sostenuto questa volta anche da gran parte dei simpatizzanti, ha deciso gioco forza di intervenire in alcune selezionate trasmissioni (per esempio non dalla D’Urso, come ha ripetutamente fatto a suo tempo Mastrangeli). Non ho proprio voglia di aggiungere altro. Bona

    • pragmatico

      Nel M5S sono osservatore esterno e legittimo (visto che pure io mantengo i vostri cittadini con le tasse ).
      Forse più intelligentemente potreste riflettere su certe critiche ed argomenti che hanno un fondamento logico piuttosto che tapparvi le orecchie. Nessuno ha votato per l eliminazione del divieto a partecipare talk show. Si chiama ipocrisia e tradimento del mandato elettorale (dov’è la democrazia diretta in quella scelta ?) , un po grave per chi ha fatto della correttezza e coerenza assoluta una bandiera.

      Stefano

      già dalla prima riga marchi male “a noi va benissimo il partito grillo-casaleggio” …a noi ??? voi chi scusa ??
      Stai palesemente negando lo spirito del M5S …movimento, non partito, movimento senza leader che ha inviato al parlamento non onorevoli ma cittadini portavoce, movimento dell uno che vale uno.
      Parli di “sostegni da parte dei simpatizzanti ” alle nuove strategie, in modo del tutto fantasioso e pretestuoso: nessuno a riguardo ha chiesto l’opinione degli elettori, nessuna votazione online. Ti stai arrampicando sugli specchi.

    • X Luca

      Non capisco come entrino nella discussione le tasse per il mantenimento dei “nostri cittadini” ( argomento veramente insulso ) , visto che rispondere è molto facile : a me mantenere i “nostri onorevoli”? ( ma de che? ) costa molto di piu , sà partecipano anche gli altri alle spese, con la differenza che sono a stipendio pieno ecc..ecc..
      Preso atto che il suo livello politico è molto basso ( visto che ama disquisire su argomentazioni risibili) mi ripeterò ( repetita iuvant )se ancora è interessato a far polemica su un punto politico cruciale e fondamentale per il paese come quello della comunicazione del M5S ( quanti vanno in televisione , chi , come, perchè ,dove, evidenziando tra l’altro una totale lacuna informativa sulla questione ) ovvero , ancora è preso dal guardarsi i diti dei piedi, lei non si arrampica sugli specchi , ormai negli specchi ha aperto dei solchi e si è puntellato con la piccozza .
      Aricordiali saluti e i migliori auguri per un innalzamento della sua cultura politica.

    • Programmazione neuroliunguistica… eccellente opera di Casaleggio. “Voltafaccia” diventa “strategia del mutamento”.
      Tempo sprecato…

    • bravo pragmatico..10 e lode in politichese..intanto , piuttosto che riflettere sulla questione particolare , lentamente incominci ad insultare mettere in dubbio le mie capacità preparazione, cultura politica bla bla bla..copione già visto.

    • Non è politichese anzi il significato dei periodi è molto chiaro e diretto ( si chiama italiano) e se rilegge vedrà che non è presente nessuna offesa al limite una considerazione ( magari può non piacere ma quello è) .

    • @ luca
      guarda che eri stato tu a parlare di “partito Grillo/Casaleggio nel tuo commento n° 13.2
      Comunque rimani pure nelle tue convinzioni: non c’è più sordo di chi non vuol sentire.

  • 1)Quindi mi pare di capire che il 5 stelle è favorevole ad un condono parziale,visto che sono favorevoli al non far pagare gli interessi sulle imposte non versate…per quanto riguarda l’aggio,io trovo che sia giusto visto che Equitalia rende un servizio allo stato e quindi è giusto che ne riceva un compenso.
    2)Comma 35:prevede che lo stato se non taglia 3 miliardi nel 2015,7 miliardi nel 2016 e 10 miliardi dal 2017 o se non trova entrate alternative,dovrà reperire quelle risorse attraverso il taglio di detrazioni e deduzioni fiscali.Quindi,si tratta di 10 miliardi a regime e non di 20,dire che sono 20 miliardi totali nei 3 anni è una fesseria,si deve guardare al taglio annuale a regime,altrimenti a sto punto si puo’ pure dire ceh dal 2015 al 2024 sono 90 miliardi,ma sono cose senza senso.E il taglio di detrazioni e deduzioni,solo contabilmente secondo il sec95 e la contabilità economica con cui si redige il conto economico delle amministrazioni pubbliche figurano come aumeto di imposte.In realtà,detrazioni e deduzioni non sono altro che tax expenditure,forme di spese che vengono fatte tramite detrazioni e deduzioni,come se lo stato dicesse che rimborsa il 19% della spesa sanitaria sostenuta dai cittadini o delle spese sostenute dai cittadini.Sarebbe ora di fare chiarezza nei bilanci,come fanno in altri paesi europei,dove tutte queste tax expenditure sono elencate,dettagliate con i numeri in tabelle allegate al bilancio,mi pare che in Italia abbia cominciato in parte a farlo Tremonti quando nel 2011 nella prima manovra fece una clausola di salvaguardia simile a questa (che pero’ indicava un taglio percentuale lineare di detrazioni e deduzioni).Per spiegarmi meglio,io che non scarico niente,pago piuì imposte per pagare le detrazioni e deduzioni di altri,se riducono detrazioni e deduzioni io se non scarico,continuero’ a pagare le stesse imposte,in realtà dovrebbe essere considerato un taglio di spesa.
    3)La Lezzi ha detto che il 40% del bilancio è impegnato nel pagamento degli interessi sul debito e nel rimborso del debito pubblico.La nostra spesa per interessi è pari a circa l’11-12% della spesa totale,circa 86 miliardi su circa 820 miliardi di spesa pubblica ma teniamo conto che non siamo in pareggio,abbiamo un deficit di circa 47 miliardi di euro,il che significa che noi di interessi con la raccolta fiscale e le entrate extratributarie diverse dall’emissione di debito,copriamo circa 40 miliardi di interessi,il resto è pagato tramite nuovo debito.Ergo,con le entrate pari a circa 770 miliardi di euro,copriamo solo 40 miliardi di interessi,pari al 5,2% delle entrate non da emessione di titoli.La Lezzi fa confusione,perchè nella legge di stabilità ci sono tabelle dove nelle entrate vengono sommate entrate anche da debito e nelle uscite anche le uscite da rimborso,ma sono tabelle con poco senso,visto che quello che si deve considerare è il bilancio di competenza e di cassa escluso l’emissione di nuovo debito e il rimborso e si deve guardare il conto economico delle amministrazioni pubbliche che è quello che conta ai fini del patto di stabilità e crescita e non il bilancio finanziario dello stato,che non è consolidato con i bilanci di regioni,province,comuni,enti di previdenza e qualche altro ente.
    4)Spending review:ma come,per mesi avete detto che i soldi si trovano facili,avete dato numeri a gogò e poi alla domanda di quante risorse i ricavavano dalla spending review proposta dai 5 stelle,la Lezzi non ha saputo rispondere.
    5)Il six pack non ci impone di ridurre il nostro debito pubblico di un ventesimo,ma di ridurre di un ventesimo l’eccedenza del rapporto debito/PIL rispetto al 60.
    6)”Dovremmo crescere di un punto in piu’ degli altri,è una procedura improcedibile…”…eh???
    7)http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/chi_siamo/audizioni/audizione_legge_stabilita_29_10_13.pdf
    questa è la relazione della corte dei conti sulla legge di stabilità.

    per ora è tutto,perchè ho finito il tempo,ma andro’ avanti

  • Spero di non dire bestialita’, in materia economica mi reputo un principiante.
    Il reddito di cittadinanza visto come una ciambella di salvataggio e non come un elemosina ; uno stato rtansitorio fra disoccupazione e occupazione non mi sembra una grossa bestemmia!!
    Ridarebbe fiducia alla popolazione, farebbe aumentare i consumi dando anche un attimo di respiro alla piccola e media impresa.
    Se poi i capitali necessari venissero sottratti dalle mani di coloro che i soldi invece di farli circolare gli accumolano…non sembrerebbe un idea tanto sbagliata.
    PS moneta sovrana obbligatoria fino a che l’europa non diventa una vera comunitá( se mai lo diventera’).

    • Io più che per il reddito di cittadinanza sarei per inserire tutti i disoccupati, nessuno escluso, secondo le competenze, nel pubblico impiego. Dividendo i soldi attualmente impegnati, per retribuire tutti. Si recupererebbero così i soldi degli ammortizzatori sociali, si azzererebbe la disoccupazione e si distribuirebbero più equamente tutte le risorse dello stato impegnate per gli enti pubblici. Chi ci sta, bene, chi non ci sta può entrare nel mercato libero della disoccupazione. Certo, probabilmente le paghe dei dipendenti pubblici sarebbero drasticamente ridotte ma ci sarebbe sempre l’opzione per loro di andare a fare un lavoro in un’azienda privata dove si sarebbe meglio ricompensati ma dove sarebbe assolutamente necessario lavorare. Nessun privilegio, nessuno deve restare indietro.

  • @ Anita-M

    Ieri ho visto l’intera puntata di SERVIZIO PUBBLICO.

    A me è piaciuta moltissimo e devo spezzare una freccia per Santoro: ha condotto con equilibrio l’intera trasmissione, senza ciarlatanerie ne colpi bassi, inclusi gli interventi di Grillo, riportati quasi integralmente.

    BAGNAI, lascia perdere le sciocchezze di chi, con rispetto parlando, vive di miti e leggende sull’economia, è stato un grande: cultura, tecnica, intelligenza unite in una sola persona.

    Guarda il programma e facci sapere la tua opinione.

    Quanto ad alcuni che scrivono in questo blog in modo superficiale, dico solo che basta girarsi intorno e guardare in faccia le persone per strada e nei supermercati.

    La crisi è innanzitutto di liquidità.

    La corruzione della politica e dell’imprenditoria italiana non è esplosa questi ultimi anni di crisi, c’era, e pesantissima, anche negli anni 60-70-80-90-2000, durante il fascismo, durante l’impero romano e, udite udite, ci sarà sempre!
    Se poi proprio volete scandalizzarvi sappiate che la corruzione esiste anche nei corridoi del Campidoglio a Washington, o a Strasburgo e Bruxelles, Tokio, Pechino o Berlino.
    Basta conoscere imprenditori italiani che girano il mondo per saperlo dalla loro voce.

    Ciò non significa accettare la corruzione.
    Per una persona di scuola economica come me la corruzione è inaccettabile culturalmente e moralmente ed è comunque un fattore che impedisce “l’ottimo allocativo dei fattori produttivi” e degli investimenti pubblici, a danno dei contribuenti e dei nostri figli.

    Però, ribadisco, pretendere di eliminare la corruzione è come pretendere di eliminare gli omicidi, i tradimenti, le risse, le dipendenze.

    Sono tutti fattori umani da gestire e prevenire.

    • l’unica cosa che mi sento di aggiungere rispetto al giustissimo intervento di Maxi e’ che la regia televisiva non e’ sempre stata corretta.
      cioe’ quando Bagnai parlava, spesso inquadravano altro, in questo modo si rende piu’ difficile la comprensione del discorso, gia’ di per sé complesso.
      i grandi anchorman vogliono la telecamera sempre fissa su di loro ( ricordate dammi la tre, dammi la cinque…) in modo da catalizzare l’attenzione del pubblico.
      fateci caso.
      poi i ggiovani studetelli montatelli..vabbe’ capiranno anche loro, forse…
      poi travaglio…
      ma oggi ho scritto troppo…ciao

    • fino a quando si pensa che la corruzione sono solo le mazzette non ci sarà speranza. Esiste il conflitto di interessi che è il vero cancro del sistema.se cominciamo a punire duramente queste forme di corruzione invece di ignorarle riusciremo ad avere un paese normale

    • Concordo per il conflitto di interessi, solo che la sua ricognizione non può essere guidata politicamente come avvenuto negli anni berlusconiani. C’era il male da una parte mentre non si vedevano intrallazzi finanziari e bancari da altre parti, oltre ai contatti tra i nostri players politici e la finanza anglosassone.

      Comunque per me il costo vero per il paese non è la corruzione in se, ma è il costo delle SCELTE POLITICHE SBAGLIATE.

      Quanto ci costa l’adesione imbelle al fiscal compact? Quanto le privatizzazioni a saldo degli anni ’90? Quanto le politiche comunitarie industriali e agricole, influenzate dalle lobby europee?

    • Comunque per me il costo vero per il paese non è la corruzione in se, ma è il costo delle SCELTE POLITICHE SBAGLIATE.

      ed e’ piu’ facile e piu’ redditizio in termini di voti aizzare il popolino contro gli eterni mali italiani che sono sotto gli occhi di tutti.
      OVVIO che dobbiamo combatterli pero’ ora che sistemeremo la corruzione, la mafia , la malapolitica, gli sprechi del consigliere di turno, avremo chiuso le nostre aziende.

    • @ occhiodifalco

      infatti mi permetto solo di dire che prima di puntare alle quaglie, ci sono degli elefanti che ci stanno puntando… tutto quì.

  • Non capisco come molti, evidentemente non elettori e neanche simpatizzanti del m5s, pretendano che questo movimento scelga una linea politica di assoluta matrice economica e precisamente antieurista, e non vadano ad avanzare le stesse pretese dai loro eletti che tra l’altro sono gli artefici e i prosecutori di questo capolavoro chiamato euro. Sono mortalmente desiderosi di diventare parte attiva di questo movimento così da poterlo ridurre pari pari ai loro partiti di riferimento. Voi non siete contenti ne del m5s ne del vostro partito unico. Noi invece siamo orgogliosi e soddisfatti di avere potuto scegliere rappresentanti come la Senatrice Barbara Lezzi. Siamo dispiaciuti solo del fatto che i nostri rappresentanti abbiano scelto coerentemente di ridursi i compensi quando invece è evidente che sarebbe stato opportuno l’esatto contrario.

    • Anche io ho votato M5s, dopo una vita che non votavo.

      E sono fermamente anti-euro. Come tantissimi , forse la maggioranza, all’interno del M5s.

    • Io sono attivista da parecchio e conosco alcuni parlamentari M5S che si occupano di economia.

      Sono per il ritorno alla sovranità politica, economica e culturale di cittadini italiani.

      Il primo a suggerire la moneta unica per sottomettere l’Europa fu Stalin: NO ALL’€, NO ALL’Unonine Europea, NO agli USE e ai trattati atlantici.

      SI’ agli stati nazionali e a una cooperazione internazionalista anti-globalista.

      SI’ all’AUTODETERMINAZIONE DEI POPOLI.

      (Fuori i piddini dal M5S: del movimento culturale transnazionale da cui è nato non hanno mai fatto parte. Che il letame piddino sia utile a concimare la storia.).

    • anche io ho votato M5S e guarda un po’ sono per l’uscita dall’Euro e il ritorno alla totale sovranità monetaria!

  • per l’ “Itagliano perfetto”:

    ———–

    evidentemente lei deve aver tratto qualche vantaggio.
    Il m5s non sarà mai quello che voi desiderate, per voi c’è ancora disponibile, per un po’ di tempo, il pd.
    ———-
    ———-

    In primis, a scanso di equivoci, mi vanto con orgoglio di non essere mai stata del PD. Bisogna esser proprio tarati per accostare una come me , anche lontanamente al PD

    La sottoscritta dal sistema cattiva Italia, non ha tratto nessun vantaggio se mai tanti ma tantissimi problemi, soprattutto di natura burocratica, e non solo. Non per nulla eccetto le ultime elezioni ero da una vita che non votavo. Prima di dire stupidaggini a vanvera è meglio connettere il cervello e soprattutto parlar con cognizioni di causa. Grazie

    Per il resto ;

    in questo forum ,ma non solo, quelli che son per l’uscita dall’eurozona sono decisamente e “radicalmente” anti-PD. TUTTI .

    E il PD attacca soprattutto proprio quelli che voglion uscire dall’eurozona: populisti etc etc.

    Viceversa quelli all’interno del M5s a favore per l’euro , in linea generale –non tutti– sono tendenzialmente di forte provenienza PD , e alcuni propongono delle soluzioni molto simili a quelle del PD. Anzi per certi versi son proprio loro l’estensione del PD all’interno del M5s.

    Esattamente il contrario.

    Parlare con certe persone è peggio che voler fare un buco nell’acqua.

    E’ meglio evitarle.

    Bye

    Ps- Io sgobbo dalla mattina alla sera. E non mi è stato regalato nulla , forse rubato qualcosa.

    • e leggendo i post,

      percepisco dalle loro considerazioni ,che son proprio quelli radicalmente antieuro che ,oltreché il liberarsi da questo lager-monetario ,che sta uccidendo non solo l’Italia ma 2/3 dell’ Europa ,desiderano una profonda pulizia di tutto il vecchio sistema politico/marcio, e dell’attuale sistema Bancario/finanziario delinquenziale.

      Il sistema più marcio corrotto e corruttore sta a Bruxelles — chi segue e si informa lo sa bene— che sta corrompendo mezza Europa.

      L’Italia con il sistema di “governo euro” è diventata ancora più corrotta. Perché le direttive dell’ UE , vedasi privatizzazioni selvagge e inutili, anzi dannose, degli anni 90, hanno moltiplicato all’ennesima potenza l’opportunità di far affari sporchi ——chi segue, non gli incompetenti o i superficiali che parlano a vanvera , sa di che parlo—-

      Saluti

  • @ Anita-M
    riguardo a Micro e Macroeconomia mi riferivo alla rilevanza insignificante che l’odierna e farlocca politica italiana e non solo attribuisce alla vera economia legata alla produzione di beni materiali e di consumo invece della finanza creativa per la quale i politici nostrani si son venduti l’Italia alla UE dei bankieri balordi.

    Ribadisco, parliamo la stessa lingua e non ci capiamo! 🙂 🙂

    Per avere la sovranità politica ed economica necessita avere al Governo della nazione delle persone (politici) capaci, corretti non corrotti (una vocale fa la differenza sostanziale) sopratutto rispettosi dei principi sanciti nella Costituzione della Repubblica, fatto ciò si può andare a Bruxelles per imporre i nostri diritti con forza e coraggio, semmai prendere a schiaffi la BCE; credi che PDPDL, SEL, UDC-sceltacivica, il ritorno di FI a breve anche di AN possano avere le caratteristiche idonee per imporsi in UE? Oppure dobbiamo puntare anche azzardando su nuove compagini politiche di italiani, scevri da logiche partitocratiche e spartitorie?

    Critico ferocemente alcuni economisti perché li reputo dei teorici che intelligentemente applicano formule matematiche ed asettiche per gestire la ricchezza realizzata con il lavoro fisico dell’uomo, essendo dei pensatori appostati dietro le scrivanie o peggio dietro le cattedre universitarie insegnano “filosofia” applicata alla speculazione finanziaria, traducendo in pratica come investire un Dollaro (preso in prestito) nel magico sistema delle società per azioni quotate in Borsa (con tutte le sue declinazioni) per moltiplicarlo in milioni di Dollari senza faticare e rischiare in proprio ma guadagnare schifosamente su chi il denaro lo realizza sudando! Questi assomigliano vagamente al Gatto e la Volpe descritti da Collodi.

    E scusa se insisto ma se non Vi accorgete che oltre all’€urocapestro esiste il cancro nazionale della corruzione (descritta anche da Rosario 19.2) diffuso in ogni dove dalle grandi opere pubbliche all’applicazione dei numeri civici sull’uscio di casa non usciremo dal declino culturale ed economico, è altrettanto esatto ciò che dice MAXIMUS 19.0 “la corruzione zero non esiste”, verissimo!!! Ma la si può ragionevolmente limitare ad un livello sopportabile e fisiologico, escludendo dalla società civile chiunque commetta reati di natura economica e finanziaria dopo aver pagato i danni con sanzioni economiche compresi interessi.
    Se oggi applicassimo questo principio si svuoterebbero le amministrazioni pubbliche Comunali, Provinciali, Regionali e Governative di delinquenti e si riempirebbero di miliardi di euro le casse dello Stato, non solo per la restituzione del denaro rubato sopratutto per quello non speso per mantenere la casta partitocratica con intrallazzi, progetti, finanziamenti a pioggia, pseudo iniziative culturali ed appalti surreali bruciando denaro pubblico a NORMA DI LEGGE purtroppo!!!

    E’ chiaro il concetto?

    • E’ chiaro il concetto?
      ———–
      ———–

      E’ chiarissimo, la stessa cosa che ripeti da sempre.

      A queste considerazioni son già state date le risposte. Abbondanti , convincenti e chiare.

      — Sulla funzione della disciplina “economia”
      — Sulla piena sovranità

      Esprimi alcuni concetti giusti in un ordine totalmente errato –e anche confuso–

      Gli stessi concetti con le possibili soluzioni sono stati espressi in modo egregio e radicale ——cioè spazzare via l’eurosistema con tutto il resto ,compresi i punti da te elencati —— da chi propone soluzioni politiche e tecniche antieurosistema.

      Quel sistema finanziario che sta distruggendo tutto , di cui parli ,è stato impiantato esattamente da tecnocrati-economisti con il supporto di politici prezzolati, proprio dal 1980 in poi . Il primo passo è stato proprio il divorzio tra Tesoro e Bankitalia.per preparare il terreno all’ eurosistema. E poi tutto il resto :in Italia ed in Europa.

      Quegli economisti nazionali e internazionali, che si battono contro l’ eurosistema, son proprio quelli che propongono soluzioni ottimali per spazzare via tutto , e ripristinare con la sovranità monetaria anche tutto l’impianto di supporto all’eurosistema che si presta al sopruso economico ed alla speculazione finanziaria feroce. Economisti guarda caso combattuti dal PD

      E son gli stessi economisti che tu ripudi. Sei una contraddizione immensa.

      Le tue soluzioni , sono le stesse del PD..solo che non te ne rendi conto.

      Informati su cio che dice Letta e poi paragona il tutto con la tua visione. Vedrai che il linguaggio è identico. Tanto identico quanto vacuo ai fini della soluzione di questa tragedia italiana ed europea.

      Infatti è il linguaggio poco credibile di chi questo sistema lo ha creato, corruzione compresa. Non si può dar credito a chi ha creato e supportato questo disastro.

      L’altra corruzione , quella tipica italiana , quella ordinaria, che c’è sempre stata, è un imperativo combatterla sempre, euro o non euro.

      Ma il disastro attuale ha origini nell’ impianto eurosistema .

      Infatti sta producendo gli stessi effetti in 2/3 dell’Europa (o no? ). E non si può anteporre la lotta alla corruzione ordinaria italiana ,che ripeto va fatta SEMPRE, alla soluzione del prioritario e drammatico problema dell’ eurosistema.

      Lo dimostra il fatto che la medesima situazione c’èra quando l’Italia era la 5 potenza economica. E quindi?

      Proposte PD: tagliare la spesa, combattere l’evasione, sistemare i conti etc etc e poi andare dalla Merkel e dalla BCE a battere i pugni. —- Clesippo dici le stesse identiche cose, e con lo stesso ordine “pragmatico” come ami dire tu—-

      I tui concetti son chiarissimi nella loro comprensibilità , quanto confusi nella loro sostanza : sei proprio tu che confondi cause ed effetti.

      Ho scritto 4 cosette, non ho voglia di dilungarmi anche perché altri hanno detto il tutto a più riprese e in modo egregio.

      Saluti 🙂

    • Ho notato che alcuni —non mi riferisco nello specifico a Clesippo ma in generale—..di quelli pro euro vogliono far passare l’idea che i radicali anti-euro pilotano la priorità sulla sovranità monetaria con la implicita volontà di non cambiare il sistema Italia — corruzone,imbroglio,evasione, speculazione, mafia etcetc —-

      Stiamo scherzando ? spero di si….

      E’ esattamente il contrario.

      Noi vogliamo la Sovranità e il radicale risanamento di tutta la struttura attuale.

      Non un ritorno all’ indipendenza nazionale—– perchè di fatto oggi non lo siamo: il Parlamento è esautorato , le decisioni sostanziali vengono da Bruxelles o meglio gli “ordini” — per poi lasciar le cose come stanno . Affatto.

      La lotta si conduce su due fronti : esterni ed interni.

      Vogliamo una Nuova Italia.

    • Anita-M

      come puoi riparare il motore UE se non apri il cofano IT?

      Siamo d’accordo è un dato di fatto inoppugnabile che la UE non funziona, ma bisogna scardinare il cofano che viene tenuto chiuso forzatamente dalla “politica” italiana rintanata nell’abitacolo istituzionale.

      Non Vi rendete conto che i “politici” (escluso il M5S) ci stanno succhiando il sangue, inchiappettando noi i nostri figli e nipoti e non con contenti ci ricoprono anche della loro merda? Si si avete capito bene, i “politici” ci pisciano sulla testa e ci dicono che sta piovendo!

      Ma la sovranità politica ed economica nazionale sono venute a prenderle con forza e violenza la Merkel con la UE e BCE oppure i nostri politici merdosi l’hanno ceduta per negligenza e tornaconto personale? La risposta è scontata…. quindi se i nostri politici ci hanno ficcati nella cloaca maxima chiamata € perché accusare gli altri?

      La soluzione non la troveranno mai gli economisti (al massimo rimedi temporanei) perché la scienza della finanza è priva di regole civili e limiti giuridici, la soluzione è Politica quella nobile e vera in assoluto non soggetta a discussione in quanto dogma per il compito istituzionale afferito all’uomo per gestire e regolare l’economia e finanza, che si traduce in civiltà e democrazia, che in Italia risulta assente da oltre vent’anni.

      Ultima possibilità di riportare la Politica corretta in Italia e perché no in Europa è il M5S.

      Chiedo scusa a Te, a tutti ed al webmaster C. Messora per le volgarità.

  • Messora per favore digli a Grillo di prendersi un consulente di economia tipo Bagnai o Galloni e di non parlare piu’ di tassazione dei consumi.Dopo il servizio mandato in onda da Santoro ed il relativo (e giusto)sbeffeggiamento di Bagnai il movimento ha dato l’impressione di essere guidato da degli analfabeti di economia che se chiamati a governare distruggeranno il paese ha fatto piu’ danni Grillo in 2 minuti che tutti i media anti5stelle in un anno.Grillo ha fatto una gran cosa ha fondato il movimento ma per favore che non parli di economia fa’ solo danni. ps ho messo tre commenti con un link ma non ne e’ apparso neanche uno boh?

    • ha fatto piu’ danni Grillo in 2 minuti che tutti i media anti5stelle in un anno.

      Cit

      e la Corda.? che voleva dare gli stessi onori dei soldati morti al kamikaze della Jihad Islamica per giunta non iraqeno ma marocchino che poi son gli stessi che fanno saltare la gente innocente irakena nei supermercati ? gli voleva mettere sullo stesso piano quella povera rintronata …perché lei è “pacifista” senza se e senza ma….a ..beh….se è cosi….allora ..capisco ….

      Insisto: Messora di a Beppe Grillo…di impacchettare la Corda e di rispedirla nella mia amata isoletta: la invierò nelle aspre montagne della zona centrale a pascolar le pecore. Non è da Parlamento.

      Ho visto adesso il video della Senatrice Barbara Lezzi…’naggia è brava per davvero. Si vede subito chi ha talento e chi non vale una cicca (la Corda…con due fessate ha fatto tanto di quel male al M5s che la metà basta..)

  • Io credo che l’uscita dall’euro sia una cosa molto complicata che debba vedere il concorso contemporaneo di più nazioni. Altrimenti le ritorsioni sarebbero pesantissime e i “tiepidi rivoluzionari” si pentirebbero subito di aver dato mandato per un’uscita dall’euro. Ci vorrebbe un popolo consapevole ed unito. Io non ho nessuna intenzione di imbarcarmi in una rivoluzione in cui si debba combattere al fianco di chi è stato sostenitore, per ovvia convenienza, di chi in questro disastro ci ha sapientemente conficcati. Dover combattere per poi vedermi io il solito sfruttato e i furbi ancora a godere di clientelismi e privilegi: “io non ci fto” (come diceva un tanto celebrato presidente degli itagliani). Prima riformiamo lo stato sociale, creiamo una società con uguaglianza di diritti e di doveri, con regole giuste e rispettate. Poi parliamo di rivoluzione. Io non sono un erudito ma ho la vaga sensazione che gli economisti abbiano una visione esclusivamente economica della società. Di processi sociali e politico/militari probabilmente ne capiscono quanto me. Parlano di meccanismi economici senza considerare tutte le notevoli forzature che un potentissimo sistema di potere metterebbe in atto per far decadere qualsiasi opzione non voluta. Parlano di teoremi ideali da applicare in un sistema completamento corrotto e violento. Voler mettere in secondo piano o anche su un piano parallelo il problema della mafia e di un popolo abituato e diventato utilizzatore finale della mafia, mi sembra un gioco sporco. Soprattutto se fatto da chi vuole dare ripetutamente sfoggio della propria sterile saccenteria.

    • uscire dall’ euro non sara’ una passeggiata.
      rimanere nell’euro e’ una disfatta.
      anche ieri dalle mie parti ( profondo nord-est) si e’ suicidata un’altra imprenditrice. notizie sui giornali zerovirgola.

      tu dici: ci vorrebbe un popolo consapevole ed unito.
      giusto.
      e cosa siamo qui a fare?
      e tra i nostri parenti , amici, conoscenti, cosa credi che facciamo?

      concorso tra piu’ nazioni. esatto.
      vedi cosa dice Marine Le Pin:
      http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/marine-le-pen-attacca-beppemao-per-togliergli-i-voti-degli-euroscettici-non-ha-un-66614.htm

      se poi credi che usciti dall’euro ti ritrovi i panzer tedeschi in piazza del Duomo a Milano, allora pensi che non siamo piu’ in una democrazia ma in una dittatura chiamata Europa e la cosa e’ ancor piu’ grave.
      e se credi di stare tranquillo al calduccio della dittatura ti sbagli. la sstoria insegna diversamente.

      infatti :
      http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/la-trappola-delleuro-krugman-la-moneta-unica-ha-accentuato-lodio-tra-nord-e-sud-66648.htm

      capisci la posta in gioco, vero?

      il nostro futuro e quello dei nostri figli.

    • @ occhiodifalco
      Cit. …allora pensi che non siamo piu’ in una democrazia ma in una dittatura chiamata Europa e la cosa e’ ancor piu’ grave…….

      Se per riconoscere una dittatura hai bisogno di vedere i carriarmati nelle piazze e le stanze di tortura alla pinochet, allora smettila di interessarti solo di monetarismo perché ti comunico che siamo in pieno regime dittatoriale.
      E credo anche, come molti sostengono, che la attuale sia già un’economia di guerra.
      Io sono dell’opinione, provata sulla mia pelle e che tutti possono verificare senza l’ausilio di complicate teorie o senza il bisogno di affidarsi alle idee di altri, che l’euro sia la manifestazione, ammetto grave anzi gravissima, di una società completamente malata. Una malattia abilmente indotta con svariate tecniche che vanno da una istituzione scolastica vergognosa all’utilizzo di una informazione di parte e corrotta fino alla tecnica del “divide et impera” che io condanno enormemente in quanto ha creato categorie di privilegiati contro categorie di diseredati. Voler curare solo uno dei sintomi di questa malattia, e cioè l’euro, mi sembra uno sterile palliativo che non avrebbe nessun effetto duraturo. Tentare di uscire dall’euro forse si deve, ma è necessario agire per gradi e il primo passo è assolutamente disfarsi di una classe politica corrotta e ricattabile che non può avviare nessuna vera riforma che non sia nell’interesse di chi vuole la disfatta del popolo italiano. Se questo popolo non vuole neanche nell’urna disfarsi della casta, per un calcolo spicciolo di ipocrita convenienza personale: di cosa stiamo vaneggiando quando diciamo di voler uscire dall’euro? Quelli che sostengono la priorità dell’uscita dall’euro rispetto ad altre più annose e vere responsabili cause di ogni italico male, credo che lo facciano nel tentativo di voler spostare l’attenzione dalla radice del problema: la mafia che l’italiano ha nel suo dna. Se vogliamo combattere come nazione, prima dobbiamo diventarla, e non lo si diventa senza necessariamente pareggiare i diritti e i doveri di tutti: nessuno deve restare indietro.

    • Tu dici che siamo in una dittatura.
      Io la chiamo bancocrazia ( governo delle banche),
      Alcuni la chiamano tecnocrazia ( governo dei tecnici)
      Comunque non e’ la democrazia.

      L’euro e’ l’ arma della dittatura

      L’hanno creato le banche
      L’hanno creato i tecnici

      Krugman ti dice che l’euro fomenta l’odio tra stati

      Uniamo i puntini:
      Dittatura, economia di guerra, odio tra stati, euro.

      Stiamo parlando ancora di una moneta o di qualcos’altro ?
      La verità e’ dentro di te ma non la sai ancora vedere.

    • @ occhiodifalco

      A me pare che l’arma della dittatura siano politici corrotti e ricattabili che mistificano la realtà grazie a sistemi molto sofisticati di lavaggio del cervello e di “bastone e carota”. Prova ad immaginare una realtà senza euro, magari catapultata venti anni addietro (visto che ormai tutti fate risalire i nostri mali solo all’ultimo venennio) ma con l’organizzazione sociale e lo scenario partitico attuale e ti accorgerai che forse il miope non sono io.

  • E’ un articolo del giornale Libero…che è un giornale di parte e del sistema. Ma credo che questo risponda grosso modo alle tendenze attuali per quanto riguarda i sentimenti della gente nei confronti dell’ Euro. E’ chiaro che la gente sta prendendo coscienza e sta diventando sempre più ostile all’ Euro/Ue.

    Posto alcuni brani:

    —>>>”….Enrico Letta l’aria l’ha fiutata da tempo. «Le prossime Europee possono dare il risultato più anti-europeista della storia», ha lanciato l’allarme il presidente del Consiglio nei giorni scorsi. Il clima euroscettico, che da tempo avvolge gli altri partner europei, sta per piombare pure sull’Italia. Se in primavera si presentasse alle urne un partito dichiaratamente anti-euro, sulla falsariga del Fronte nazionale francese di Marine Le Pen e del Partito della libertà olandese di Geert Wilders, potrebbe superare facilmente il 20% dei consensi. Tanto vale, per i sondaggisti, il bacino elettorale che non se può più di Bruxelles….”

    —–>>> “…..i numeri dell’ondata euroscettica. Il 22% degli interpellati ha dichiarato che sarebbe «senza dubbio» disponibile a votare una formazione fortemente anti-euro. Una percentuale che sale addirittura al 31% se si considerano gli elettori che prenderebbero «in considerazione» l’ipotesi di barrare il simbolo di un ipotetico partito euroscettico. ….”

    Cit art.
    fonte:http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/1351873/Gli-anti-euro-posso-valere-il-20-per-cento.html

    che dire?

    BUONE NOTIZIE…BENE.

    ps: e secondo me…l’ostilità sull’ euro nei prossimi mesi crescerà sempre di più. Buone premesse perché si creino le premesse per far saltare tutto.

    Gridi Letta populismo di qua e populismo di là…….e secondo me se dovesse saltare tutto…saltano anche tutte quelle forze politiche che questo sistema lo hanno creato e supportato. E’ troppo il danno che hanno fatto.

    Altro: anche di recente la Merkel ha ribadito che sino a quando è viva lei ,,non permetterà gli EuroBond….si metta l’animo in pace Grillo….e faccia quello che deve fare….che sta proponendo una cagata dopo l’altra …l’ultima: Tassa sui Consumi……una minchiata micidiale anche eliminando le altre tasse ..minchiata è e minchiata resta .(ma chi è l’esperto economico che gli suggerisce ste cagate ??? )

    Se fa quello che deve fare…prenderà una valanga di voti.

    Se no spero che il M5s si sfasci ..e da questo nascano altre formazioni politiche più idonee a fare “cio che bisogna fare”.:—>>> mandare affanculo l’Euro/Ue è tutto il suo sistema. (perché alternative non ce ne sono…e alleandosi con altri paesi in particolare la Francia… la fuoriuscita concordata dall’ euro si può fare eccome se si può fare anche se non sarà esattamente una passeggiata …anche perché a ruota seguiranno altri Paesi…)

    I malumori all’interno del M5s ci sono.(anche tra una frangia dei 160 parlamentari ). Sta a Grillo decidersi e fare le cose per bene……

    • In sintesi ci son tantissimi tra la gente..che addirittura non guarda più le tendenze politiche..è disposta a votare qualsiasi formazione politica che si proponga in funzione anti Euro/Ue.

      La gente non ne può più.

  • @PER GLI ATTIVISTI (compresi gli eletti che non erano a Pescara e che non si occupano di Politica Economica)

    Nessuno ha ancora capito chi imbocca Beppe e chi scrive su beppegrillo.it su tematiche di politica economica.

    QUESTI NON POSSONO UNIRSI AI GOEBBLES e ai QUISLING CHE STIAMO COMBATTENDO.

    Anche solo per rispetto a chi è in trincea da anni che ha VOTATO una linea che non viene, non solo non presa in considerazione, ma umiliata assumendone una palesemente in contrasto con chi si è occupato di politica economica.

    Se Gianroberto per motivi strategici (?!?!) non vuole che si parli di economia, bene. Che non lo faccia neanche Beppe e che non vengano passati più certi messaggi dal blog.

    NON E’ VERO CHE TUTTE LE OPINIONI SONO RISPETTABILI: in Occidente abbiamo creato una cosa che si chiama SCIENZA.

    E’ ora di dire BASTA!

    Nessuno ha capito se stanno TRADENDO la loro responsabilità politica e il “mandato di rappresentanza” che HANNO DATO LORO GLI ATTIVISTI oppure se semplicemente non sono oggettivamente in grado di assurgere a questo ruolo in questa congiuntura. (Non interessa la buona fede o le eventuali “minacce” che possano aver ricevuto).

    Nonostante le “rimaneggiature” del disegno di legge sul RdC, prego a tutti gli attivisti “non-piddini” di STUDIARE chi ha le competenze specifiche e lo spessore culturale per fare delle analisi coerenti col reale per indicare le “stelle da seguire” e trovare la rotta per uscire da questo arrembaggio/naufragio.

    http://orizzonte48.blogspot.it/2013/06/quello-che-non-vogliono-capire-2-ancora.html

    E’ la CULTURA che ha creato la Democrazia. Fuori da essa esiste solo asservimento.

    • Interessante articolo.
      In particolare riporto da uno dei commenti sottostanti:

      Cit.
      >>>
      “Non vi è motivo per cui in una società libera lo stato non debba assicurare a tutti la protezione contro la miseria sotto forma di un reddito minimo garantito, o di un livello sotto il quale nessuno scende. E’ nell’interesse di tutti partecipare a quest’assicurazione contro l’estrema sventura, o può essere un dovere morale di tutti assistere, all’interno di una comunità organizzata, chi non può provvedere a se stesso.” (F. A. von Hayek, Legge, legislazione e libertà, Il Saggiatore, Milano, 2000, pag. 292). E il cerchio si chiude.
      >>>

      Come a dire che è interesse di tutti farsi un’assicurazione contro le rivolte da povertà estrema (indotta)

      No grazie, non vogliamo questa assicurazione, vogliamo per tutti il diritto al lavoro come da Art 1 della costituzione.

      P.S.
      Per chi non lo sapesse Hayek è un sostenitore delle teorie classiche del liberalismo e Monti è coerentemente stato insignito con un premio che riporta il suo nome. Ora, forse, l’applicazione della proprietà transitiva con Grillo è un po azzardata, ma sicuramente è uno spunto di riflessione.

  • OT
    Guardate la buffonata che hanno messo in atto questi pagliacci simulando una scissione del pdl quando il secondo dopo averla ufficializzata già parlano di una non tanto remota ricompattazione.
    A cosa sia servita questa mossa sarà più chiaro nei prossimi mesi ma la prima che mi salta agli occhi è quella di dover salvare il governo “eterodiretto” e continuare a fingere la tanto cara opposizione fra i due schieramenti in realtà del partito unico così giustamente definito in questo video dalla Senatrice Lezzi. Contento il popolo piddino alimentato a ridicolo antiberlusconismo che vedrà i propri eletti votare compattamente per la decadenza di “capelli comprati”. Contenta la casta di essersi salvata e di aver così ottemperato alle direttive di bruxelles di evitare assolutamente la caduta del governo per così continuare con le politiche liberticide. La farsa degli spostamenti e delle finte opposizioni interne al partito unico continua mantenendo naturalmente intatto il cast degli attori ad uso e consumo del popolo bue. Comunque quello che interessa a noi è di uscire dall’euro, poi possono anche mandare i servizi sociali a sequestrarci i figli, possono anche impunemente uccidere i giovani nelle carceri, possono anche negarci cure efficienti per curare i malati purché si risponda alle direttive di lobby farmaceutiche criminali: l’importante è uscire dall’euro, tutto il resto è fiction.

    • si stanno preparando alle prossime ed imminenti elezioni politiche, dividere fittiziamente il PDL significa pescare più voti in quella parte consistente di elettorato di centrodestra incerto e deluso…… e parte di questi beoti italioti ci cascheranno come allocchi per l’ennesima volta, idem per i centrosinistrati del PD con il battutista Renzi.

  • @ Stefano 24.2
    concordo con tutto, tranne che gli italiani hanno nel dna la mafia, NON E’ VERO! Nemmeno in quei luoghi dove mafia camorra e n’drangheta nascono e prolificano sono parte naturale dell’essere umano, si è costretti a farne parte per poter sopravvivere oppure assecondarle e tollerarle in contesti sociali dove lo Stato è assente con quelle Istituzioni pubbliche che lo rendono autorevole e credibile, quindi sostituito da altre forme di “governo” economico e territoriale.
    Tutto ciò causato dalla debolezza della politica e di chi la professa da decenni cedendo la sovranità nazionale alle organizzazioni a delinquere di stampo mafioso, e non mi riferisco al picciotto con coppola e lupara ma a professionisti del malaffare entrati a tutti gli effetti nelle Istituzioni dello Stato sovvertendo ogni principio di democrazia e civiltà depauperando tutto, dalle ricchezze economiche alle risorse umane.

    Potranno mai decine di Senatori e Parlamentari pregiudicati o sotto processo per aver commesso reati diversi, oltretutto essendo avvocati di altri pregiudicati fare Leggi contro l’illegalità cioè contro se stessi ed i loro assistiti?
    Quando gli italiani elettori di PDPDL FI NCD UDC SEL ecc… capiranno il significato di conflitto d’interessi sarà troppo tardi!

    • Guarda, BELL’ARTICOLO.

      Tecnicamente lo Stato quando colloca i titoli di Stato lo fa verso i c.d. “investitori istituzionali” italiani ed internazionali accreditati: banche centrali, banche, assicurazioni, fondi comuni di investimento, fondi pensione, attraverso ASTE A PREZZO VARIABILE (LEGGE DOMANDA/OFFERTA).
      Questi soggetti collocano i titoli, a loro volta, sul mercato secondario, cioè noi cittadini, CON QUOTAZIONI VARIABILI (LEGGE DOMANDA/OFFERTA).

      Morale quando noi compriamo titoli di stato, li compriamo da un investitore istituzionale nel mercato “SECONDARIO”.
      Le banche a loro volta usano i titoli come riserva dell’attivo o presso la banca centrale, per cui allo Stato arrivano solo i soldi del primo collocamento, quello istituzionale.
      Lo spread ad esempio è un differenziale che colpisce innanzitutto nel mercato secondario, tuttavia il primo collocamento istituzionale ne viene influenzato dall’andamento come fattore d’asta (che fa aumentare i tassi offerti dallo Stato).

      Ma venendo alla pratica, lo Stato, indebitandosi per finanziare la spesa pubblica tramite l’emissione ad es. di un BTP a 10 anni, al 5% di interesse passivo, senza usare la sovranità monetaria (cioè con creazione di base monetaria: 1 – l’accredito diretto del c/c del tesoro da parte della Banca d’Italia – , 2 – l’acquisto da parte della Banca d’Italia dei titoli non venduti sul mercato, come avveniva prima del 1981), chiede 100 e, nell’anno 1° riceve 95 (collocamento sotto la pari per stimolare l’acquisto) e paga 5 di interesse, poi ogni anno, dal 2° al 9° paga 5 di interessi, al 10° anno infine restituisce 100 (restituzione del capitale al valore nominale) + 5 di interesse.

      Morale, servivano 100 ed abbiamo ottenuto 90, poi abbiamo sborsato 40 in 8 anni e 105 nel 10° anno: quindi ENTRATE +90; USCITE -145 = -55!!!

      = – 55!!!

      COSI’ E’ RADDOPPIATO IL DEBITO PUBBLICO DAL 1981 AL 1991, CIOE’ CON LA CAPITALIZZAZIONE DEGLI INTERESSI DEL DEBITO, SUL DEBITO.

      OGGI I 2070 MILIARDI DI EURO DI DEBITO PUBBLICO, SONO LA SOMMA DELLA CAPITALIZZAZIONE DEGLI INTERESSI SUL DEBITO, NEL DEBITO STESSO. NON SONO DOVUTI (SE NON IN MINIMA PARTE) ALLA SPESA PUBBLICA “IMPRODUTTIVA”.

      L’Italia è in avanzo primario dagli anni ’90, infatti spende per servizi 40 miliardi all’anno in meno di quanto intasca dalle tasse dei cittadini (imposte e contributi previdenziali), ma siamo in deficit di 50 miliardi l’anno perchè spendiamo 90 miliardi di interessi passivi sul debito che vanno, per il 15% a cittadini italiani (c.d. BOT people) ed l’85% alla finanza…

      Chiaro che significa non avere sovranità monetaria?

    • @PER CHI NON HA ANCORA CAPITO CHE IL PROBLEMA NON E’ LA KASTA ROMANA MA LA *** UNIONE €UROPEA ***

      http://www.giuseppeguarino.it/app/download/5793667665/UN+SAGGIO+DI+VERITA%27+SULL%27EUROPA+E+SULL%27EURO.pdf

      E’ inutile qualsiasi proposta di legge perché la politica che conta (quella economica) è stata ceduta ad ANONIMI PRIVATI.

      VA RIPRISTINATA LA COSTITUZIONE e per farlo è necessario allearsi con le forze internazionali (come la Le Pen) con per il PRIMO obiettivo che è USCIRE DA UE e UEM.

      p.s. il paper linkato è un lavoro accademico: non è adatto con chi non ha più di un neurone (vero Stefano e Clesippo?).

    • @ Maximus

      Grazie per il solito puntuale chiarimento e la spiegazione di come sia costituito il famigerato debito pubblico (da interessi).
      La qual cosa è anche dimostrabile empiricamente calcolando dalla contabilità dello stato gli interessi pagati fino ad oggi e paragonandoli con il debito (quasi coincidono)

      Abbiamo parlati di interessi (su un capitale)…Ovviamente tutto questo è valido fino a che la BC decide di rifinanziarci IL CAPITALE.
      Qualora decidesse di non farlo più allora dovremmo cominciare a venderci le spiagge e tutto il resto!
      (da qui l’assurdo di porre un tetto al debito USA)

    • @ Maximus
      Scusami ma ti uso nuovamente come consulente per chiarirmi un dubbio!

      Dici:
      “Le banche a loro volta usano i titoli come riserva dell’attivo o presso la banca centrale”

      Ipotizziamo che vado in banca con 100€ in contanti per acquistare BTP. Depositerò 100€ sul mio conto che verranno girati nella riserva della Banca che a sua volta mi accrediterà sul conto titoli 100€ di BTP.
      A questo punto (secondo quello che dici) la banca avrà un ulteriore aumento della sua riserva dovuto ai btp per un totale di 200€.

      Ovviamente c’è qualcosa che non torna, dov’è che sbaglio?

      P.S. @ Rospo complimenti! articolo molto interessante!

    • preso dal ragionamento dimenticavo di ringraziare Rospo per l’interessante segnalazione.
      Sono curioso di capire se Zibordi ha cambiato posizione su tutta la linea o solo su questo aspetto

    • @ Mr. Age 30.4

      Ciao, sbagli nelle equazioni contabili 1 a 1. Non funziona così, le banche i 100€ di BTP li accreditano al cliente e quindi quei -100, li devi sottrarre ai 200 che dici tu, dall’attivo bancario (quindi si torna a 100).
      Quindi i movimenti bancari di bilancio sono (in partita doppia): -100 di BTP e + 100 di base monetaria. Poi stai attento che esiste il meccanismo della riserva frazionaria governata dalla BCE… ma è una storia lunga.

    • @ Maximus
      Ho capito che il bilancio in partita doppia torna come dici te,
      quello che non riesco capire è proprio la gestione della riserva della BC.
      In pratica la riserva è di proprietà della BC o è solo in deposito?
      In altre parole la banca che mi vende i BTP come li acquista dalla BC?
      1 deposita 100€ nella sua riserva presso la BC?
      2 Paga la BC con moneta creditizia?
      3 Paga la BC con base monetaria?

      Esiste un testo che spieghi in modo semplice questi meccanismi?

      P.S. quando leggo dei meccanismi della creazione della moneta ho sempre l’impressione che mi facciano la supercazzola!!!!!

    • @ Maximus e Mr. Age

      Si in effetti questo passaggio meriterebbe più approfondimento.

      Più in generale si può anche dire che con questa transazione si trasforma moneta bancaria in riserva monetaria (1:1).

      Credi Maximus di poterci aiutare a comprendere più facilmente il passaggio indicato. Sul web ho trovato approcci diversi.

      I credo che dovrebbe essere alla portata di tutti di comprendere il sistema monetario. Alla fine si tratta di un mezzo artificiale che utilizziamo incoscientemente tutti i giorni. Credo che questo dovrebbe far parte della cultura di ogni cittadino.

    • @ Mr. Age 30.7

      Dunque tu poni, fondamentalmente due quesiti:

      1) “In pratica la riserva è di proprietà della BC o è solo in deposito?

      2) In altre parole la banca che mi vende i BTP come li acquista dalla BC?
      1 deposita 100€ nella sua riserva presso la BC?
      2 Paga la BC con moneta creditizia?
      3 Paga la BC con base monetaria?”

      C’è un po di confusione perché l’argomento è veramente tecnico ed ostico, per pochi “illuminati”.

      Premetto che semplificherò molto, usando l’ACCETTA…

      La riserva frazionaria è un meccanismo che serve semplicemente per consentire al riservista, cioè alla banca commerciale, di “creare moneta bancaria” con la possibilità di concedere prestiti e mutui a cittadini e imprese, con un moltiplicatore dei depositi incassati dai risparmiatori e dalle imprese.

      Se in attivo ha 100, può prestare, se la riserva frazionaria è del 2%, 98.
      Poi il sistema privato fa tornare (con depositi e transazioni che passano per l banche) quegli stessi 98 alle banche,che, a loro volta, possono riprestare il 98% di 98 ai privati, tenendo sempre di riserva il 2%…, per cui il sistema bancario nel suo complesso ripresta ai privati 96.04 e così via.

      Si chiama MOLTIPLICATORE MONETARIO:
      Di fatto consente alle banche di prestare “””1/r””” di depositi a gente che “ACCETTA DI INDEBITARSI” (!!!).
      Se il coefficiente r è, come nell’esempio il 2%, la banca può prestare 100×1/0,02 = 5000 (!!!) a privati.
      Poi però si deve fermare nella creazione di moneta bancaria.

      “r” lo decide la Banca Centrale (scelta di politica monetaria) – ECCO PERCHE’ LA BANCA CENTRALE DEVE DIPENDERE DA GOVERNI E PARLAMENTI DEMOCRATICI E NON DALLE BANCHE COME OGGI!!!

      La riserva è quindi un coefficiente di moltiplicazione monetaria, ma non è una riserva di proprietà della BCE, i soldi rimangono alle banche che li moltiplicano.

      Altro paio di maniche sono i fondi che le banche tengono verso il fondo interbancario per regolare tra loro le transazioni con moneta “sicura”, ad es. tu rilasci un assegno unicredit a tizio, tizio lo versa presso Intesa. Intesa lo deposita (diciamo così per capire) presso il fondo interbancario che preleva (…) l’importo dal deposito presso il fondo interbancario, compensando crediti/debiti.

      Per quanto attiene alla domanda 2) cioè “””se la banca che mi vende i BTP come li acquista dalla BC?
      1 deposita 100€ nella sua riserva presso la BC?
      2 Paga la BC con moneta creditizia?
      3 Paga la BC con base monetaria?”””

      NO:
      La banca è un investitore istituzionale, come da me scritto nel mio commento 30.1, quindi compra nel mercato primario direttamente DAL MINISTERO DEL TESORO. Anche la BC compra direttamente titoli dal min. tesoro.
      Quindi la banca, acquista 100€ di BTP, e solitamente ne versa 95 a Tesoro, in quanto questi li colloca abitualmente “sotto la pari”: cioè si indebita per 100, ma fa lo sconto di 5…
      Quando poi noi compriamo il BTP, lo facciamo nel mercato secondario, direttamente dalla banca che ha investito i nostri risparmi in BTP.

      Non è una supercazzola…

  • E intanto Bagnai va col Berlusca e Lega??? Non l’avrei mai detto, non si notava proprio (si vedeva solo dal lessico: piddini, ortotteri e…nulla per i “furbissimi” elettori di Forza Italia/PDL; che casualità!). Beh, che non si preoccupi, il mio voto sicuramente non lo prende: i paraculi li riconosco a distanza. Il m5s cosa intende fare? A quando posizioni nette contro l’euro?

  • BEPPE GRILLO CHIUDA IL BLOG

    “Viktor Orban, il primo ministro, ha cambiato la Costituzione minando l’indipendenza della Banca centrale, l’autonomia della magistratura e dell’autorità garante della privacy e ha come obiettivo la Grande Ungheria nazionalista. Quali sono le cause della nascita dei nuovi fascismi? Chi sono i veri responsabili? Chi ha tradito la democrazia”

    Traduco il messaggio:

    1 – La democrazia non esiste più ==> Evidente e corretto (da quando e perché non si sa, però)

    2 – In Europa verso (?) il fascismo.

    E qui attenzione. Verso?

    Secondo l’oscuro Goebbles che ha redatto il post, il FASCISMO (che dopo il ’29 è almeno stato socialista e keynesiano) i fascismi sarebbero NON LA NAZISTA ANTISOLCIALISTA UNIONE EUROPEA ma tutti i partiti di destra che auspicano ALLA SOVRANITA’ NAZIONALE (e come la Le Pen, all’uscita dall’EURO). Riesce a citare nello stesso gruppo la Norvegia con Anders Breivik, il TRADITORE!!

    Casini gli fa un baffo, vero Claudio?

    Ma il peggio deve arrivare.

    Questi “fascismi” (che non sono l’U€) trovano massima espressione in quel diabolico dittatore ungherese (che non si è ancora fatto mettere i piedi in testa dai tecnocrati) di nome Orban. Capito?

    Questo duce dell’est è così antidemocratico che oltre aver limitato l’autonomia della magistratura, cosa ha fatto? Udite udite!

    HA MINATO L’INDIPENDENZA DELLA BANCA CENTRALE

    (Capito Mjolnir? indipendenza da chi secondo te?)

    (se Claudio non prende pubblicamente le distanze da questi post possiamo dire che le speranze sono sepolte)

    • Concordo con quello che dici!
      Se lottare per la sovranità monetaria equivale ad essere fascisti, allora mi ritengo sicuramente un fascista!

      Sovranità! No€!

    • @Virus
      >>>
      HA MINATO L’INDIPENDENZA DELLA BANCA CENTRALE

      (Capito Mjolnir? indipendenza da chi secondo te?)
      >>>

      azzardo la risposta:

      Il suo legittimo sovrano? Lo Stato?… forse
      Che crimine!!!

      E invece secondo te Orban

      DA CHI HA MINATO LA DIPENDENZA DELLA BANCA CENTRALE?

    • @Mr. Age

      Faccio notare ancora di peggio. Traduco più sintetico:

      il TRADITORE ha fatto passare che “VOLER RIPRISTINARE LA SOVRANITA’ MONETARIA, di cui la DIPENDENZA della BANCA CENTRALE dal POTERE POLITICO DEMOCRATICAMENTE ELETTO, è passo FONDAMENTALE, è da considerare un FASCISTA che ha come seguaci Beverik”

      Capito il messaggio che è passato alle centinaia di migliaia di lettori che leggono il blog?

      I guai iniziano dallo SME e dal “divorzio” tra Tesoro e BC dell’81 e questo viscido collaborazionista vomita contro chi lotta contro la UE, l’Euro e il dogma neoliberista e antidemocratico della banca centrale indipendente.

      (Mi aspetto un post di smentita da Claudio)

    • @Mjolnir

      Era una domanda retorica, è inutile che me la rigiri. Mi aspettavo un commento al post da chi ha approfondito la materia.

    • Virus

      udite!

      HA MINATO L’INDIPENDENZA DELLA BANCA CENTRALE

      Capito il messaggio che è passato alle centinaia di migliaia di lettori che leggono il blog?

      I guai iniziano dallo SME e dal “divorzio” tra Tesoro e BC dell’81 e questo viscido collaborazionista vomita contro chi lotta contro la UE, l’Euro e il dogma neoliberista e antidemocratico della banca centrale indipendente.

      (Mi aspetto un post di smentita da Claudio)

      Cit.

      Ormai si sta riempiendo di ridicolo.
      Va a dire cose del genere..ad un Movimento ove la stessa base su questi temi è preparata-

      In altri forum…in particolare uno che preferisco non citare…stanno sbeffeggiando….ormai considerano Grillo uno che non ci sta mica con la kappa…anche se gli articoli gli fanno altri…NON SI PUO FAR PASSARE UNA COSA DEL GENERE.

      SI PERDE LA CREDIBILITA’

      MA CHE ASPETTANO LE PERSONE SANE (TANTE ) DEL M5S…PER METTERE I PUNTINI SULLE…iiiii….UNA VOLTA PER TUTTE…CON QUESTA LEADERSHIP…NON FA NEANCHE INORRIDIRE. (come dovrebbe…)

      E’ SOLO RIDICOLO.

      ..minato l’indipendenza della banca centrale………..

      azz…una cosa da non dormirci….ahahahahahah

      Se esiste l’oltretomba…Andreatta minimo minimo se la sta ridacchiando….hahahahaahha

      roba da mattiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii…………

      e poi c’è gente che si lamenta se Bagnai dialoga con la destra….e che deve fare?? dialogare con Grillo?….che posta roba del genere…..la coppia Casaleggio/Grillo…sono alla frutta…manca solo il caffeino…e poi le stronzate le hanno dette e fatte tutte.—->>> Dal reddito di cittadinanza alla Hayek (la copertura finanziaria ndo sta?? Grillo risponde: bohh la troveremo da qualche parte….!!! ha risposto proprio cosi….minkia che leader serioooo…..poi la Tassa sui Consumi….cioè una micidialata .la tassa più deleteriamente regressiva che esista..e colpisce proprio le classi sociali povere….all’indipendenza minata della Banca Centrale…

      mah…boh…sono perplesso (su alcune cose lo ero già da prima a dire il vero..)

      glie lo dica qualcuno a Grillo…che Orban…non si è inginocchiato con la lingua in fuori e la testa bassa idinanzi al FMI……..gli ha mandati a quel paese..e fatti filare via .e l’Ungheria si sta riprendendo…hanno pure finito di restituire il prestito.

      Bravoooo Grillooo…tu si che sei una speranza per salvare sto paese dalle grinfie della Trojka. hai le idee chiare. azz….

      Buona giornata a tutti.

    • SEMPLICEMENTE bisogna chiarire, una volta per tutte, se si è dalla parte dell’indipendenza delle banche centrali (teorizzata dalla Teoria Quantitativa della Moneta, altrimenti detta “Monetarismo”, di Friedman) o se si vogliono banche centrali dipendenti dai governi e dai parlamenti.
      Nel primo caso (INDIPENDENZA) si vuole che la moneta in senso lato sia governata solo dalle banche e dalla finanza, con rendite che vanno a banche e finanza per l’appunto come oggi avviene.
      Nel secondo caso (DIPENDENZA) si vuole che la moneta sia gestita da governi e parlamenti (cioè dai nostri rappresentanti), con rendite che vanno usate nell’interesse dello Stato (ad es. con il “quantitative easing”).
      NON CAPISCO COS’ALTRO CI SIA DA DIRE AL RIGUARDO se non che poi, se si opta per la dipendenza, i cittadini devono stare COL FIATO SUL COLLO DI PARLAMENTI E GOVERNI.

    • i vertici del MoVimento dicono una cosa giusta e una sbagliata. danno un colpo al cerchio ed uno alla botte.
      e’ sotto gli occhi di tutti la deriva verso destra dell’elettorato europeo. la sstoria ci insegna che dopo una gravissima crisi economica le popolazioni cercano la guida forte, il dittatore.

      l’incipit dell’articolo:

      Le oligarchie finanziarie si baloccano con governi compiacenti o direttamente imposti da loro. Infatti la BCE ha ormai il potere di influenzare la composizione dei governi nazionali. Questi alchimisti dello spread evocano una nuova guerra santa contro i “populismi” rei di mettere in discussione un’architettura economica costruita sopra le teste dei cittadini, un atto profondamente anti democratico. La povertà e la disoccupazione dilagano ovunque in Europa insieme a un’emigrazione.

      e fin qui e’ giusto.

      La Grecia è stata lasciata morire dai “fratelli” europei, sacrificata sull’altare delle banche tedesche e francesi che volevano indietro la loro “libbra di carne”. Questa Europa non è basata sulla solidarietà, chi sbaglia paga e paga fino in fondo. Fino alla spoliazione dei beni dello Stato, con la distruzione del tessuto sociale, dei servizi di prima necessità, come la sanità.

      e fin qui, pure.

      Il fascismo sta avanzando grazie a questi sciagurati in tutta Europa. Un sondaggio di ieri dà Alba Dorata primo partito in Grecia con il 26%, in Francia il Front National di Marine Le Pen è dato come primo partito dalla sua nascita con il 24%, in Norvegia ha vinto il Partito conservatore insieme all’affermazione del Partito del progresso, nel quale militò Anders Breivik, responsabile dell’uccisione di 77 persone. In Ungheria il governo di estrema destra ha stilato una lista nera di personalità che avrebbero fornito ai media stranieri informazioni contro l’immagine dell’Ungheria.

      e fin qui, quasi:
      ha messo la Le pin tra i fascisti anche se sta cercando di togliere questa fastidiosa etichetta dal suo partito perché e’ una santarellina in confronto ai veri fascisti di Bruxelles.

      la chiusura e’ poi del tutto sbagliata come dice virus & co.

      scusate se ho fatto così ma secondo me non bisogna chiudere il blog, bisogna continuamente tampinare per fargli scrivere tutto giusto fino alla fine.
      riusciranno i nostri eroi?

    • @Maximus

      Grazie per l’equilibrata e rapida didattica che non manchi mai di offrire. (Io hi il difetto di essere sempre polemico e sanguigno).

      @Occhiodifalco

      E’ chiaro che sono provocatorio: è l’unico mezzo mainstream che abbiamo.

      Il punto della mia analisi (che vedo generalmente parallelamente quotata da altri blogger indipendenti più “quotati) è che il messaggio “cerchiobottista” è più viscido di quanto appare.

      Mi spiego.

      La tecnica NON può essere casuale, è ripetuta e va fatta notare.

      Parte sempre con un’analisi obiettiva, appassionata ed evidentemente condivisibile: scintilla per il fuoco del livore.

      Soluzione nello stesso post?

      Il contrario di ciò che LOGICAMENTE sarebbe necessario.

      Intanto viene fatta passare qualcosa di micidiale in mezzo ad un’analisi sacrosanta.

    • @Virus
      Cit
      >>>
      Era una domanda retorica, è inutile che me la rigiri. Mi aspettavo un commento al post da chi ha approfondito la materia.
      >>>

      Sinceramente la tua esposizione sull’argomento mi sembrava esaustiva e non avevo molto da aggiungere all’infuori che confermare (speravo simpaticamente) che sono per la DIPENDENZA.

      La mia domanda non era necessariamente retorica in quanto lasciava un po più di apertura ad argomentazione.

      PS
      Forse potevo anche aggiungere che in un “lontano” futuro si potrebbe pensare di ridurre la BC a un computer server in una stanza del TESORO ma sarebbe stato un po azzardato e non facilmente sopportabile in questo momento.

  • Il “magnifico” Bagnai…che non ricordo dove e chi … è stato definito in questo forum ” un farloccone”…(sentitelo e ditemi ove sta il farlocco.. da leggere : sparare a vanvera…senza saper manco quello che si dice..e proprio vero che alcuni non vedono al di la della punta del proprio naso….)

    Bravoo Bagnai.

    http://www.youtube.com/watch?v=SHIxQt_sQFA

    • Al punto 13:19…interviene con una considerazione il Travaglio (un altro bugiardello patentato al servizio del sistema che campa egregiamente fingendosi contro…..

      il tipico trombazzone del debito di qua debito di la….senza aver manco una minima idea di cosa sia il concetto di debito pubblico… )….stesse considerazioni che fanno alcuni qua…quasi a dire che a chi vuol uscire fuori dall’euro..non interessino le note distorsioni interne della “mala Italia” pensando che uscendone si risolva tutto . Niente di più falso..l’uscire dall’ euro è la premessa indispensabile perché si creino le condizioni di ripresa ,,e a mio avviso il crollo di questo “sistema euro” può essere la buona occasione per spazzar via la vecchia classe politica con tutti i suoi schemi.

      Di contro con l’ “eurogoverno” questa possibilità è PRECLUSA…una sola cosa è sicura :::la distruzione della nostra economia…..il problema degli sprechi comunque ..saranno risolti—->>>non ci sarà più nulla da sprecare…manco da mangiare. Resteremo in mutande a pane & cipolle e forse manco quelle.

      Dicevo…dopo le considerazioni di Travaglio…Bagnai sta prontamente per rispondere…e Santoro gli toglie la parola dicendo : a questo rispondo io. Tipico.

      La trasmissione è stata nel complesso serena…ma Santoro non si smentisce: teletribuno del sistema..

    • Rospo
      e a mio avviso il crollo di questo “sistema euro” può essere la buona occasione per spazzar via la vecchia classe politica con tutti i suoi schemi.

      Cit

      Non per nulla…Casini& company…da perfetti eterni trasformisti da vomito quali sono (destra e sinistra )..si sta appropriando..di certi temi tipicamente portati avanti dagli anti Euro/Ue..anche se in funzione pro euro –>>(per ora: non mi stupirei che se cambia decisamente il vento…dica pure che bisogna uscire urgentemente dall’ euro….con la faccia di culo che si ritrovano.)

      In prospettiva futura già lo vedo dicendo: ma lo dicevamo anche noi………..

      ps- vedasi articolo pagina forum precedente di C. Messora.

      minchia quanto fanno schifo: son proprio senza dignità e ritegno…..pur di stare in sella vendono anche la mamma se necessario….

    • Bagnai mi ha sempre insospettito per i toni troppo morbidi nei confronti del PDL e Berlusconi. Posso capire che B. non sia l’origine di tutti i mali, come certi giornalisti propagandisti del PD sentenziano da 20 anni; ma per un uomo di sinistra, come Bagnai si definisce, è impossibile dimenticarsi della “rivoluzione liberale”, del “milione di posti di lavoro”, del “meno tasse per tutti” e le eterne promesse (tra l’altro discutibili) mai mantenute, delle leggi ad personam, dei personaggi arroganti e arrivisti che si è portato dietro, della concezione “aziendale” e mediasetcentrica della democrazia, delle condanne e prescrizioni, della propaganda a reti unificate, dell’uso estremo, quasi ridicolo, di tecniche di comunicazione persuasiva pnl-style ecc…mi sono sempre chiesto come mai riservasse a B. questo trattamento di favore. Tra l’altro la sua vicinanza a Claudio Borghi, del quale ho letto alcuni articoli su Il Giornale in difesa di B. (roba alla Sallusti e Ghedini…), alimentava i miei sospetti. Non ho mai letto un post su goofynomics in cui si criticasse un’uscita di B. o di qualcuno del PDL o la politica di Tremonti. MAI. Solo post contro il PD, Monti e il m5s. Ora apprendo che la “nuova” Forza Italia sarà “no euro” e che probabilmente Bagnai salirà sul carro (perché “GLI ALTRI NON HANNO CHIAMATO” sostiene lui…Bagnai mi ha sempre insospettito per i toni troppo morbidi nei confronti del PDL e Berlusconi. Posso capire che B. non sia l’origine di tutti i mali, come certi giornalisti propagandisti del PD sentenziano da 20 anni; ma per un uomo di sinistra, come Bagnai si definisce, è impossibile dimenticarsi della “rivoluzione liberale”, del “milione di posti di lavoro”, del “meno tasse per tutti” e le eterne promesse (tra l’altro discutibili) mai mantenute, delle leggi ad personam, dei personaggi arroganti e arrivisti che si è portato dietro, della concezione “aziendale” e mediasetcentrica della democrazia, delle condanne e prescrizioni, della propaganda a reti unificate, dell’uso estremo, quasi ridicolo, di tecniche di comunicazione persuasiva pnl-style ecc…mi sono sempre chiesto come mai riservasse a B. questo trattamento di favore. Tra l’altro la sua vicinanza a Claudio Borghi, del quale ho letto alcuni articoli su Il Giornale in difesa di B. (roba alla Sallusti e Ghedini…), alimentava i miei sospetti. Non ho mai letto un post su goofynomics in cui si criticasse un’uscita di B. o di qualcuno del PDL o la politica di Tremonti. MAI. Solo post contro il PD, Monti e il m5s. Ora apprendo che la “nuova” Forza Italia sarà “no euro” e che probabilmente Bagnai salirà sul carro (perché “GLI ALTRI NON HANNO CHIAMATO” sostiene lui…eppure son due anni che lecca il sedere al PDL, sfera di cristallo?). Io non credo alla casualità. A mio parere ha preso per il culo il m5s, che ha sfruttato solo per la visibilità online (come da lui stesso affermato); e ha preso per il culo tutti quelli che lo seguivano, fingendosi apolitico, quando in realtà porterà voti al nuovo progetto di Berlusconi. Il blog “Sollevazione” del MPL aveva già scritto in Agosto qualcosa a tal proposito, sostenendo che Bagnai avesse detto loro di essere già in contatto con Crosetto e altri del PDL già a fine 2012 (potete trovare su quel blog l’articolo).eppure son due anni che lecca il sedere al PDL, sfera di cristallo?). Io non credo alla casualità. A mio parere ha preso per il culo il m5s, che ha sfruttato solo per la visibilità online (come da lui stesso affermato); e ha preso per il culo tutti quelli che lo seguivano, fingendosi apolitico, quando in realtà porterà voti al nuovo progetto di Berlusconi. Il blog “Sollevazione” del MPL aveva già scritto in Agosto qualcosa a tal proposito, sostenendo che Bagnai avesse detto loro di essere già in contatto con Crosetto e altri del PDL già a fine 2012 (potete trovare su quel blog l’articolo).

    • @alberto

      amico,
      il prof. Bagnai e’ partito scrivendo dalle colonne del Manifesto.
      il prof. Bagnai andava nei cirkoli komunisti a spiegare che siamo in una eurogabbia.

      che poi quelli dalla sua parte non l’hanno ascoltato e l’hanno cacciato dal “tempio” , non e’ colpa sua.

      non l’hanno ascoltato perché non potevano ascoltarlo:
      chi per vent’anni vede Berlusconi come il male assoluto e si sente dire: ” no ragazzi, guardate che il problema si chiama Prodi, cioe’ uno di noi, che ci ha messo in un sistema dove i salariati subiranno le maggiori conseguenze:
      perché il sangue dei lavoratori si vede di meno sulla camicia rossa”, non puo’ certo seguirlo.

      e lo seguono di piu’ a destra, chissa’ perché?
      evidentemente perché a destra ragionano di piu’ con la propria testa e non per partito preso.
      a prescindere dal nano.

      per tua informazione il progressista Bagnai e’ in ottima compagnia: leggi l’intervista a Sapir, un altro economista di sinistra, che ha postato Claudio Messora qualche giorno fa.

    • ” lo seguono di piu’ a destra, chissa’ perché?
      evidentemente perché a destra ragionano di piu’ con la propria testa e non per partito preso.
      a prescindere dal nano..”

      ..Questa è da antologia..come dire : sei intelligente, a prescindere non sappia fare 2+2..

  • In questo video di qualche tempo fa…Claudio M…dice le stesse identiche cose che stiamo dicendo noi..cioè : l’Europa ci sta ciucciando tutte le risorse… ce ne sta ciucciando talmente tante..senza averne nessun beneficio indietro di ritorno…che con quelle risorse potremo risolvere tantissimi problemi. Come si può dire che il tema prioritario sono gli sprechi interni (che ci sono…eccome se ci sono )..se dall’ inizio dell’anno ad oggi..sta maledetta Europa (intesa come UE ) ..ci ha portato via circa 60 miliardi !!!! cioè 3 robuste finanziarie…se fra un anno dovremo rinunciare ad altri circa 40 Mld annui…per imposizione della Dittatura UE (perché di questo si tratta ) .per ridurre il rapporto deficit/pil dal 130 % al 60%..cioè una autentica pazzia…roba da scellerati…non ne usciremo mai perché l’economia si avviterà ancor di più in negativo..e il debito tenderà a schizzare in alto ancora di più. (per l’ennesima volta: IL GIAPPONE HA IL DEBTIO AL 240 % IL DOPPIO DEL NOSTRO E NON HA QUESTI PROBLEMI..PERCHE ‘ PUO EMETTERE MONETA..E NON è SOTTO ATTACCO SPECULATIVO PERCHè SANNO CHE Può RIPAGARE COSTANTEMENTE IL DEBITO .) a questo si aggiungono gli interessi annui del debito che non possiamo più ripagare battendo moneta…che son circa 90 Mld annui …poi dovremo versare le restanti quote per il MES (che non servono per salvarci ma per strozzarci ulteriormente…nel caso dovessimo averne bisogno ..cioè un meccanismo infernale ove noi dovremo a spese nostre consegnar loro la corda che eventualmente servirà per farci impiccare….bellissimo!!! voglio restare in questo eurosistema!!!! l’idea mi manda in un brodo di giuggiole…impiccati con i nostri stessi soldi. ma non è stupendo ???)

    La crisi dei SubPrime americani che ha investito il mondo pochi anni fa…ha portato via a umma a umma dall’ Italia quasi 500 MLD di Euro. nel giro di pochi anni.

    Se sommate ..cifre mastodontiche…altroché evasione e sprechi interni (che son problemi da risolvere ma è ovvio ….ma non son la vera causa di questo disastro…la priorità adesso è un altra…perché sono i meccanismi UE che ci stanno portando via una montagna di denaro…PER NULLA senza NESSUN BENEFICIO).

    Come si può dire che la causa di questo disastro è il solito andazzo interno italiano….e che si confondono cause con effetti ??? eppure nonostante l’evidenza lo si risente e risente a mo di mantra. Bohh…..

    a proposito..una cosa da dire:

    Caro Claudio Messora ….le cose che dici inizialmente nel video su come funziona il M5s…non risponde a come Casaleggio/Grillo stanno effettivamente procedendo…all’interno del M5s (dovrebbe funzionare cosi…ma procedono in tutt’altro modo).

    http://www.youtube.com/watch?v=EEX7Bim–u4

    • Cit.
      “…Come si può dire che la causa di questo disastro è il solito andazzo interno italiano….e che si confondono cause con effetti ???.. eppure nonostante l’evidenza lo si risente e risente a mo di mantra. Bohh……”

      Va bene, allora il pd nessuno lo vota, il pdl nessuno lo vota, e così anche sel, udc cazzi e mazzi vari. Ci siamo svegliati una mattina con l’euro, così, senza che nessuno lo abbia voluto. Abbiamo persino rischiato pochi mesi fa di vederci prodi come presidente della repubblica, così, nel giubilo quasi generale e il problema è l’euro, non le teste di cazzo che siamo, tutti. Ma possibile che il voto di scambio che c’è fra il pd/sel e i suoi elettori lo veda solo io? Possibile che nessuno veda le macrodistorsioni che ci sono nella nostra società e che sono la fonte di ogni male, euro compreso? Bohh…

  • Bonino, Europa così com’è è inadeguata
    “Nostro sogno Stati Uniti Europa sempre più in controtendenza”

    (ANSA) – MILANO, 16 NOV – “Questa Europa, così com’è, è inadeguata, ma il problema è dei nostri Stati nazionali. L’Europa delle Patrie non funziona”.
    il ministro degli Esteri Emma Bonino, dal palco di ‘Science for Peace’, all’università Bocconi di Milano, mette in guardia sulla situazione della Comunità europea: “Il nostro sogno sugli Stati Uniti d’Europa è sempre più in controtendenza, dobbiamo saperlo e anche noi ci stiamo avvicinando a derive populiste”.

    mmmm… prossima presidente della repubblica?

    • I radicali sono i nonni dei piddini.

      E ho detto tutto.

      Neoliberisti oligarchici (collaborazionisti) che si chiamano tra loro “compagni”.

    • @Mr. Age

      Cosa c’è di più fascista (antidemocratico) e contro il socialismo di un partito che si finge (compagni?) di sinistra (cioè dalla parte del Lavoro) mentre de facto fa slittare il confronto politico dalla lotta redistribuiva (quindi di classe) verso il patetico e viscido buonismo delle pseudo battaglie per i “diritti cosmetici”.

      Questi servi dei poteri sovranazionali sono stati coloro che hanno gettato le basi disvaloriali dell’etica sociale, hanno inoculato il primo veleno della confusione politica tra destra e sinistra, e sono coloro che hanno minato la nostra costituzione introducendo il maggioritario nel sistema elettorale.

      Oltre tutto sono i primi a professare i dogmi €uropeisti e neoliberisti.

      Altro che scioperi della sete!! Traditori delle Patria!

      (come al solito sono equilibrato)

    • @ Virus
      Volevo prendervi un pò in giro, ma in realtà credo di averti fatto un bell’assist!

      A parte le battute credo che tu sappia benissimo che concordo con quello che state scrivendo.

    • Sai che se mi servite la palla io non mi tiro indietro 🙂

      Sono contento perché il gruppo di chi ama il M5S e il proprio Paese si è rinfoltito.

      Trovare chi avesse entrambi questi attributi era diventato così raro che ormai mi ero messo a dibattere in altri lidi…

    • mr age e virus

      mr age ha fatto una battuta a mo’ di provocazione ( non e’ facile capire il sarcasmo nella lettura in rete), pero’ virus ha risposto in maniera esemplare.
      complimenti.

    • @ Occhiodifalco
      é vero, ogni tanto mi diverto a provocare un pò, perchè credo profondamente che certe parole (fascisti, comunisti, sinistra, destra, marxisti, liberali, dittatura, democrazia, partigiani, terroristi etc..) siano svuotate di ogni significato reale in un mondo in cui “esportando la democrazia” si avviano dittature (monetarie) ancora più subdole!

    • Virus,magari se tu e molti altri miloni di italiani aveste votato i radicali da metà anni 70,ora non saremmo a questo punto.Hai scritto un sacco di farneticazioni

  • NON MI FIDO DI BAGNAI

    Premetto il video su youtube “CE LO CHIEDE L’EUROPA” é da considerarsi come l’ABC sull’euro crimine.
    Un esposizione dei fatti semplice e apartitica.
    Il video dovrebbe essere obbligatorio a partire dalle scuole materne!!

    Eppure… non mi fido di Bagnai!!

    Perche’!?!?

    • Compagno di mille “battaglie”, hai letto il libro e fatto gli approfondimenti necessari?

      Se non ti fidi di uno dei pochissimi intellettuali liberi (e coraggiosi) nostrani, almeno fidati di Stiglitz e Krugman.

      Tutte le analisi politico economiche che ha fatto si sono mostrate corrette, non ne ha sbagliata una. Il modello di analisi che propone è supportato tecnicamente,
      culturalmente e alla prova dei fatti date le numerose analisi previsionali che ha portato (tutt’altro che intuitive) e che si sono puntualmente verificate.

      (poi mi chiedo di cosa, “esattamente” non ti fidi)

      Tutto si mette in discussione, ma chiunque gli sia andato contro ha fatto una figura meschina (baroni compresi).

      Io ti chiedo: perché l’analisi (e ti sottolineo “analisi”, non la posizione politica che potrebbe essere anche strategica e volta ad acquisire pragmaticamente più consensi possibili) è sempre sintetizzata a fornire il CONTRARIO delle soluzioni che sarebbero necessarie per non finire di suicidare noi, i nostri figli e la nostra cultura?

      Chi scrive i post?

      Chi sono i consulenti di politica economica di Beppe e Gianroberto?

      Io non sono anni che mi faccio il kulo a capanna per far neutralizzare il mio lavoro da non so chi…

      Ma come fate a non capire?

    • X VIRUS:
      Pochi intellettuali italiani? È un saccente, non un intellettuale.
      Comunque mi fai capire per quale motivo non ritiene il m5s una forza credibile per la posizione no-euro? Vediamo le sue probabili motivazioni:
      – Grillo è un PUDE, un montiano;

      B. era nella maggioranza di Monti, in quella di Letta-Alfano, e ha governato tre volte senza mai dire una parola contro l’euro (se non ultimamente, annusando la situazione) e ha nominato il caro Mario nel 1994 Commissario Europeo…e il montiano è Grillo??????

      – Mi serve un elettorato più vasto;

      Il m5s, secondo i sondaggi, è sopra il PDL/Forza Italia.

      – Mi serve un partito credibile, Grillo non è affidabile;

      Ah, Berlusconi invece è credibile…quello che ha giurato sui figli che si trattava di cene eleganti e che Ruby è la nipote di Mubarak.

      – Quelli del PDL mi hanno corteggiato…

      Ah perché quelli del m5s no??? A quanti meetup è andato? Quanti ne ha rifiutati negli ultimi tempi perché “non voglio prestarmi a strumentalizzazioni”?

      Devo andare avanti? È evidente che ci sia qualcosa che non va, qualcosa che non sappiamo. Cosa credo io? Io penso che fin dall’inizio abbia agito col fine di schierarsi assieme a B., ma per essere più credibile si è finto apolitico; nel frattempo ha comunicato tra le righe, ma si capiva dove volesse andare a parare: Berlusconi non è in fondo malaccio, il PD è il male assoluto, Grillo è un falso e un manipolatore, l’importante è uscire dall’euro anche se si dovranno fare scelte contro le nostre idee ecc.. fra qualche tempo, sono pronto a scommetterci, dirà ai suoi follower “eh, ragazzi…dobbiamo scegliere il male minore”. Sarò malizioso. Staremo a vedere.

    • @Alberto

      La posizione di Bagnai è semplicemente: “queste sono le analisi avulse da ideologie, sono a dispoizione per consulenze, se qui non cambia la PROPAGANDA MEDIATICA (il famoso PUDE) moriremo di stenti o di guerra.

      Poiché egli mostra che le sue analisi non sono “sue”, ma sono pacificamente condivise da TUTTA l’accademia, non si capisce per i quali movimenti che non si sono compromessi con la propaganda €urofascista (come il M5S) non raccontino SEMPLICEMENTE cosa sanno tutti gli economisti con coerenza. Punto.

      Il duo Casaleggio e Beppe Grillo non sono più credibili.

      Ti farei notare che sono solo gli attivisti 5 Stelle che “studiano”, “ricercano”, “cotattatano” e invitano ai meetup gli economisti INDIPENDENTI dall’industria e dal sistema bancario (come faceva già notare Kalecky nel ’43).

      Se Berlusconi (che si è compromesso abbondantemente col PUDE e non solo) lo contatta, se tutte le forze politiche si presentano (tranne il PD che rappresenta la FINANZA BANCARIA E GLOBALISTA in Italia): ti ripeto la domanda.

      Perché chi comanda nel M5S (perché ti assicuro che gli attivisti in tema di comunicazione – vera, divulgativa – non contano una fava) non si presenta da costoro?

      Chi passa consulenze a Beppe e allo staff? Il collaborazionista prof. Gallegati (che manipola le intervista a Stiglitz)? I Servizi? (Non mi stuperei se avessero contatti con il Bruno Leoni…).

      Ti assicuro che, se cominci ad avere un minimo di dimestichezza della materia, ti accorgi che i MESSAGGI che vengono passati NON sono normali né, soprattutto, COERENTI con il fine pubblicamente prefissato di “difendere la Costituzione” e tendere ad un modello “dal basso”.

      I messaggi che vengono passati sono funzionali alla deindustrializzazione e al depauperamento del nostro Paese.

      Va preso in mano il timone della comunicazione da parte di chi ha le competenze e lo spessore culturale per farlo.

    • @Virus

      Capisco benissimo cosa intendi, sono d’accordo con te sulle posizioni ambigue di Grillo e Casaleggio, che non lasciano presagire nulla di buono; ma qua siamo al bue che dà del cornuto all’asino. Berlusconi da 20 anni fa PROPAGANDA MEDIATICA (ha in mano di fatto 5 reti televisive su 7 principali!!!!) ed è, come tu sottolinei, abbondantemente compromesso col PUDE. Chi ha fatto le leggi sulla “flessibilità”, che hanno creato un esercito di giovani poveracci? Chi ha seguito l’entrata nell’euro senza fiatare, anzi prendendosene i meriti quando faceva comodo? Chi ha appoggiato Monti e Letta? Chi scrisse la famosa “lettera della BCE”? Non mi pare siano stati Grillo, Casaleggio o i servizi segreti. Un tizio così ti pare credibile? Perché Bagnai non l’ha mai criticato? Perché, guarda caso, ora dai suoi tweet fa capire che dovrà allearsi con Forza Italia/Lega? Una casualità? Se la sua scelta attuale fosse la conseguenza di un interessamento appena avvenuto da parte del centrodestra, comunque tempo fa avrebbe dovuto sottolineare che Berlusconi è stato colpevole quanto il PD della situazione che si è creata in Italia e PRENDERNE LE DISTANZE, come ha fatto poi con il m5s. Invece non ha mai detto nulla al riguardo. Io alle combinazioni non credo. Se il PD, come dici, rappresenta la finanza bancaria e globalista, non mi sembra che il PDL e Berlusconi siano stati da meno in questi anni, visto che hanno governato alternandosi e parandosi il sedere a vicenda. Diamine, parliamo di uno degli uomini più ricchi d’Italia, con in mano televisioni, una banca e chi più ne ha più ne metta: sicuramente B. non è più credibile di quanto lo siano Grillo e Casaleggio!!! Eppure, per Bagnai, Berlusconi è sempre andato bene. Ripeto quello che penso: Bagnai sapeva benissimo cosa faceva e per chi lo faceva, fin dall’inizio. Ha anche ammesso di aver usato Grillo perché “avevo capito che era PUDE”; e certo, il fiuto…mentre uno affidabile come Berlusconi, che tra l’altro del PUDE è uno dei principali creatori e che a Novembre 2013 cambia faccia per l’ennesima volta, è sicuramente onesto e sincero. C’è qualcosa che non va, caro Virus. Vedremo cosa farà Bagnai. Se salirà davvero sulla barca del Berlusca, sappi che io l’ho previsto dal 2011 leggendo i post su goofynomics. E non sono Nostradamus.

    • @Alberto

      Francamente non capisco.

      Chissenefrega su che barca è salito Bagnai, no? Il 90% della sinistra (sinistra?) è pro€uro, è stato censurato dal Manifesto, ripudiato dai marxisti dell’Illinois, è chiaro che gli squali intelligenti se lo caricano.

      Lui pare ami il suo Paese e fa divulgazione: magari gli mettono a disposizione (e lo stanno già facendo) 3 TV e qualche giornale.

      Direi che se continua così possiamo esserne felici, no?

      Io sono 20’anni che seguo Beppe, almeno 5 che seguo Claudio, conosco bene la “stoffa” degli attivisti e AUSPICO che i messaggi mainstream del M5S cambino rotta.

      Lo auspico perché sono sicuro che la mancanza di trasparenza su posizioni tanto importanti portino alla conseguenza sfiducia/sospetto degli attivisti (che non sono i 9 milioni di elettori).

      La forza di Beppe e del MoV è sempre stata la credibilità: con una “crepa” così importante la campagna diffamatoria in atto dell’establishment farà il resto.

      Infartato il cuore del MoV, la Resistenza è fninita.

    • Caro PIPPOSPANO e BAGNAI-SCETTICI

      Il bello della democrazia, per quanto riusciremo a difenderla, è proprio questo: Libertà di valutare, scegliere e decidere… tuttavia è sempre bene STUDIARE E DOCUMENTARSI al massimo, sennò si abbocca ai parolai ed a chi controlla l’informazione pro do sua.

      A me Bagnai piace perché è un grande econometrista che studia prima di aprire bocca e ciò che dice lo ha misurato non una ma cento volte, a differenza dei troppi idioti che parlano di fesserie tutto il giorno, 24 ore su 24.

      E guarda, te lo dice uno che da qualche giorno è stato sospeso da Bagnai su Twitter, secondo me per una banale incomprensione.

      Ma la mia stima è quasi incondizionata… (altrimenti sarebbe una nuova religione).

    • @MAXIMUS

      Non è questione di essere Bagnai-scettici…Bagnai è una PERSONA che ha fatto una utile opera di divulgazione macroeconomica. Il problema è che, nello stesso tempo, ha raccolto una schiera di persone che hanno una fiducia e una stima “quasi incondizionata” (il che non è mai buona cosa), e la sta utilizzando per trasportare voti verso l’ennesimo partito di Berlusconi. Tutto qua. Doveva essere apolitico? Lo rimanga e dialoghi con tutti.

    • Il problema è che questi “dissentono” perché sono imbecilli e arroganti.

      Casaleggio deve piantarla un momento con la democrazia diretta e concentrarsi sull’economia politica.

      In un deserto colonizzato da chi ha le bombe atomiche non ce ne facciamo un kaxxo di Rousseau o Trotsky: non avremo neanche la cultura di base per leggerli.

      Non capisce che NON fare la cosa giusta ora è farsi scoppiare in mano il MoV.

      Prima di pensare a democrazie dirette è necessario RIPRISTINARE LA COSTITUZIONE DORMIENTE.

      La nostra Carta Costituzionale è già futuristica.

      Non riescono a capire che il livello Nazionale è INTERNAZIONALE e non possono fare tutto da soli.

      Hanno bisogno di persone competenti e PUBBLICAMENTE riconosciute come indipendenti e professionali.

      Il mancato cambiamento di rotta con le politiche segnerà la fine di questa parte di Resistenza.

  • Io sono d’accordo con Bagnai, e come non si potrebbe esserlo, per quanto riguarda le analisi sull’euro. Il punto è che ha intenzione, a quanto pare leggendo i suoi tweet, di unirsi a una determinata forza politica; e sta giustificando questa volontà con la scusante del “nessuno mi ha chiamato”. Guarda caso di quale partito stiamo parlando? Forza Italia. Guarda caso lo stesso partito, gli stessi elettori e lo stesso leader che non ha MAI criticato da quando ha fondato il blog goofynomics. Che combinazione eh. Diciamo piuttosto che fin dall’inizio sapeva (grazie a qualche uccellino, magari che lavora a “Il Giornale”) che da quelle parti avevano bisogno di un argomento “forte” per risalire dopo gli anni di sputtanamento a causa delle “cene eleganti” e dei problemi giudiziari. E ha organizzato il blog, utilizzando anche la pubblicità del m5s (e lui stesso ha detto che HA USATO per fini personali il blog di Grillo…quindi la storia del “non mi hanno chiamato” è falsa), per crearsi una base di elettori adulanti. Un argomento ideale, quello dell’euro, perché deresponsabilizza totalmente la cattiva politica e i vari governi Berlusconi (che tra l’altro mi pare non si siano mai espressi contro l’euro, anzi, qualche anno fa B. rivendicava di essere stato LUI a farci entrare nellunione monetaria; Bagnai se ne dimentica, la colpa è del PD…Berlusconi è bravo, buono, con qualche piccolo vizietto), distoglie l’attenzione dagli sprechi, dai privilegi, dall’affarismo. Ha diffuso l’idea che “per uscire dall’euro si può votare anche il diavolo”, come se tutto si riducesse all’uscita dalla moneta unica. Come se avere un condannato (o un suo pupazzo) al Governo, un bugiardo patentato che ficca le sue escort nei consigli regionali e che fa leggi contro le intercettazioni, leggi per ridurre i tempi di prescrizione, che utilizza le tv come manganello e potrei andare avanti per un’ora…fosse qualcosa da mettere in secondo piano. Mi dispiace, ma se, come sembra, il progetto di Bagnai era quello di fornire un argomento e un elettorato a B., non posso avere stima di quell’uomo. Tra l’altro il suo modo di comunicare, saccente e maleducato (un po’ stile Cruciani e Sgarbi…che serve per attirare visibilità), la dice lunga sul professore. Un vero professore insegna e trasferisce la propria conoscenza, non si erge su un piedistallo e tratta gli altri come delle merde per crearsi una schiera di zerbini che pendono dalle sue labbra. Vedere i suoi cortigiani lecchini che vengono presi a calci dal suo isterismo da zitella acida, è davvero pietoso. Il m5s deve trovare altri economisti validi, che non abbiano manie di protagonismo e ambizioni personali.

    • Il problema non sono gli economisti che deve trovare il M5S: il problema è proporre soluzioni che siano coerenti con la MACROECOONOMIA DI BASE.

      Chissenefrega di Bagnai!

      Il problema non è CHI ma COSA dicono nelle analisi TUTTI i MACROECONOMISTI DIPENDENTI e DEMOCRATICI!

      Il contrario di quello che viene fatto passare da beppegrillo.it

    • @Virus

      Allora la riformulo: deve trovare economisti che propongano soluzioni coerenti con la macroeconomia di base (a questo mi riferivo col generico aggettivo “validi”). E ribellarsi alle continue incoerenze di Grillo/Casaleggio o di chi scrive quei post sul blog. E chi se ne frega di Bagnai.

  • Virus quello che dici e’ corretto, non mi fraintendete, ritengo Bagnai un dei migliori economisti.Come hai detto tu, chiunque ha provato a confutare quello che diceva ha fatto sempre delle figure meschine.
    Cio’ nonostante, ho questa senzazione.
    Ci stó pensando e ripensado ma non riesco a trovare una logica!!

    Saluti

    • Credo che dobbiamo ringraziare Bagnai per tutto quello che ha fatto e quello che sta portando avanti.
      Criticarlo in questo momento potrebbe indebolire una coscienza e un movimento importante che si sta formando in questo paese.

      Cio’ detto ritengo che nella sua agenda sottovaluti quello è il problema delle aziende di credito (le banche) che dovrebbero essere in larga parte o del tutto nazionalizzate o alternativamente si dovrebbe porre la riserva obbligatoria al 100%, di fatto eliminando la distinzione tra moneta bancaria e base monetaria.
      (perplessità che ho provato a spiegare nei miei post precedenti)

      Ma essendo un dilettante dell’economia è possibile che questa sia solo una mia fissazione.

    • Pippo, rilassati,respira.
      Pensavo che stessi scherzando, ma ahimè non e’ così .
      Pazienza, non ti starà simpatico. Non ha un caratterino facile, tutt’altro!
      Perché non c’è una logica in quello che pensi: ha ragione ma…
      Ma cosa? Pensaci e capirai.
      punti di riferimento in questo marasma dobbiamo averne, altrimenti e’ finita…

    • Bagnai è simpatico come la sabbia nelle mutande, ci sono alcune sue tesi che secondo me sono un pò deboli, ma è contro la dittatura dell’€uro quindi è un mio alleato, Punto!

    • Caro PIPPOSPANO e BAGNAI-SCETTICI

      Il bello della democrazia, per quanto riusciremo a difenderla, è proprio questo: Libertà di valutare, scegliere e decidere… tuttavia è sempre bene STUDIARE E DOCUMENTARSI al massimo, sennò si abbocca ai parolai ed a chi controlla l’informazione pro domo sua (*).

      A me Bagnai piace perché è un grande econometrista che studia prima di aprire bocca e ciò che dice lo ha misurato non una ma cento volte, a differenza dei troppi idioti che parlano di fesserie tutto il giorno, 24 ore su 24.

      E guarda, te lo dice uno che da qualche giorno è stato sospeso da Bagnai su Twitter, secondo me per una banale incomprensione.

      Ma la mia stima è quasi incondizionata… (altrimenti sarebbe una nuova religione).

      (*) P.S. ho riscritto questo concetto perché un cazzo di tastiera wireless che uso, secondo me ogni tanto non comunica adeguatamente le battiture, eliminando spazi, consonanti e vocali.
      Perdonatemi

    • @ Maximus,

      scusa se mi intrometto, ma cosa avresti fatto di cosi grave per essere sospeso. Non nel dettaglio ma mi farebbe piacere sapere se hai dissentito da una sua opinione oppure l’hai mandato aff…ulo!

      Dal modo civile e preciso con cui scrivi qui mi sembra impossibile che tu possa aver mancato di rispetto

    • @ Mjollnir 39.5

      Gli ho mandato questo semplice Twitt:
      Buon giorno Professore. Spesso scrivo messaggi come MAXIMUS su Goofy ma non vengono pubblicati. C’è un motivo particolare? (il mio intento era di capire se a volte ho perso tempo oppure c’era un motivo particolare).

      Lui mi ha risposto “Il motivo è che non sono la tua segretaria e quindi, anche se sono d’accordo con te, ora ti blocco. Non mi servono gli IO”.

      Gli ho risposto “Mi spiace tantissimo per la stima che nutro. Non la considero la mia segretaria, ma non capisco la mia violazione”.

      Lui mi ha detto “Subito: http://goofynomics.blogspot.it/2013/01/una-precisazione.html … Legga tutto, però, mi raccomando! IO è il raglio degli adolescenti”.

      Al che ho letto il regolamento ed ho capito una cosa fondamentale, che goofynomics non è un forum, è un blog a tema, per cui lui ha il diritto sacrosanto di filtrare rispetto alle finalità comunicative.

      Quindi gli ho detto: “Credo di aver capito. Ammetto di non aver mai letto le istruzioni. Ora l’ho fatto… Chiaro… non è un forum”.

      Ma da allora sono sospeso.

    • Questo tizio è stato in maggioranza con Monti e Letta. E ha governato due volte il Paese senza mai FIATARE contro l’euro. Capirai che idee chiare, cerca di cavalcare l’onda…per affidarsi nel 2013, dopo 20 anni di bugie, ancora a questo venditore di pentole, mi sa che le idee chiare non ce le hai tu.

    • @Alberto

      Bene. Allora ristrutturiamo il debito pubblico, mettiamo un bel reddito di cittadinanza e moriamo di fame senza neanche provare a FARE la cosa giusta.

      Sappiano tutti che Lega e B. lo fanno per motivi elettorali e non faranno una mezza fava come al solito.

      Ma almeno ci sarà un dibattito. Se vedessi i numeri di che ecatombe stiamo morendo….

    • @Virus

      Ti pare che abbia detto di condividere la “ristrutturazione” del debito o il reddito di cittadinanza?Semplicemente uscire dall’euro, come dice Bagnai, è un condizione necessaria ma non sufficiente. Uscire con il monopolista B. della “rivoluzione liberale”, con Brunetta, Santanché, Carfagna e Tremonti, mi fa una ESTREMA PAURA. Sono gli stessi che nei guai ci hanno cacciati, con i loro compagni di merende del PD, e ora per prendere voti si stano riposizionando. Nel ’94 era il milione di posti di lavoro (precari magari..ringraziamo lui e il centrosinistra per questo regalo che hanno fatto prima con Treu e poi con Maroni), nel 2001 era meno tasse per tutti, nel 2008 Italia rialzati…ecc..nel 2014 sarà “ridiscutiamo l’euro”. Non voterei questi individui nemmeno sotto tortura. Spero che il m5s prenda una linea chiara e netta contro l’euro, altrimenti sarà astensione. Per me contano i valori, i principi e le idee…le promesse, che tra l’altro questi personaggi non hanno MAI mantenuto, non mi interessano. Buona fortuna se li voterete, spero di non ritrovarvi qui fra qualche tempo incazzati come iene.

    • @Alberto

      Qui nessuno dice che li “voteremo” (ho sottolineato che si è abbastanza certi che i traditori rimangono traditori).

      Emar mostra che NOI del M5S ci stiamo facendo f0ttere dalle destre che ci hanno venduto allo straniero (insieme al PD).

    • @Virus

      Su questo sono d’accordo con te. Infatti se G & C non prendono un linea decisa contro l’euro, perdono il voto mio e di quelli che ho convinto a votare m5s.

    • Purtroppo Grillo e Casaleggio, come abilmente ha evidenziato diverse volte l’ottimo VIRUS, un giorno affermano cose giuste ed un altro cose intrinsecamene appartenenti al monetarismo ed al mercantilismo… le cause di tutti i mali.

      Per me sarà importante chi mi consentirà di uscire da un sistema letale, l’euro, e lo voterò, perché il mio non sarà un voto per una persona o un partito, ma un voto contro una moneta ingiusta ed omicida.

      Poi mi fido di Bagnai.

  • Vi leggo e mi diverto.

    Io di sinistra non ho nulla (e me ne vanto ). I classici temi della sinistra (quella di un tempo; quella vera ) che condivido li vedo da un altra ottica..spurgati dalla sinistra..a prescindere. Vengo da un un humus politico che è decisamente di destra…come impostazione ho sempre avuto un piede nella destra moderata e un altro nella estrema destra (preferisco il termine “destra radicale” ).

    3 anni fa..a seguito di certe letture…ho cambiato visuali..ma la visuale di fondo resta di destra. E non mi considero per nulla fascista. Non per nulla nelle scorse elezioni ho votato M5s. Detto questo ben vengano FN di Marine Le Pen (ottima)…Orban…(ottimo…ha dato una lezione all’Europa di come si trattano a pesci in faccia i veri fascisti/oppressori : FMI e Trojka europea e tutto il loro establishment….Nigel Farage (ottimo )…etc etc.

    Detto questo: io sinceramente un altra volta Berlusconi e la sua crikka..(Verdini, La Pitonessa,La Russa,Gasparri et etc ) non li voglio vedere al potere….al limite salvo la Carfagna..ma non per ragioni politiche (stessa minestra..meglio che faccia altro ) ma perché ha la coscia buona: è bonazza. Ogni tanto una cosa piacevolmente frivola va detta, Perdonatemi.

    Bagnai …se la leadership..del M5s si apre ad un certo discorso sull Euro…secondo me sarebbe felicissimo di collaborare.

    Ormai gli economisti anti euro…stanno facendo in merito un discorso a 360° ..e che siano di destra (Borghi) o di sinistra (Bagnai).o altro …..sono disposti a dialogare con CHIUNQUE si renda disponibile. Stesso discorso per la MMT (si son rivolti a destra e a sinistra M5s compreso )…che hanno dato la loro disponibilità a chiunque.

    Tra l’elettorato son sempre più numerosi in Italia ed Europa quelli che son disposti a votare qualsiasi formazione politica che proponga al meglio la lotta anti Euro/Ue.

    Tra di voi..c’è ancora gente che parla e ragiona in termini di campanile politico (o pollaio politico ) di vecchio stampo: destra sinistra bianchi rossi e a pallini…::: ..tizio dialoga con caio…quindi lo ripudio…sempronio viene da “quelli” e quindi mi sta sul cazzo …etc….

    Bagnai usa il termine Piddini…perché quelli del PD in primis non hanno nulla di sinistra (il PD è di sinistra?? …ndo sta la sinistra?…promuovono il peggior liberismo, e vanno d’amore e d’accordo con la peggior Elite Reazionaria Europea., trojka e company..anzi non solo… ne difende le istanze progettuali e porta avanti il loro programma ).e perché il PD gli è ostile (ovvio …causa Euro )..
    con una frangia del M5s ha condiviso e condivide un certo percorso…la leadership Casalpeggio /Grillo ..invece ha chiuso le porte (a lui e agli altri…cosa pretendete ? sta qua il problema )….Bagnai si è reso disponibile con chiunque dia disponibilità al suo discorso…ho visionato un video dove addirittura partecipava sotto invito ad un convegno degli obsoleti e ridicoli Monarchici (UMI )..lo hanno invitato e lui ci è andato e ha fatto un gran bel discorso…con tanto di scroscianti applausi.
    Io ho sempre sentito Bagnai dire…con disappunto..che il tema dell Euro/Ue rischia di diventare un cavallo di battaglia delle destre europee (cosa che sta puntualmente avvenendo )..e chè auspicava fosse una battaglia di sinistra ….ma di essere disponibile al dialogo con chiunque.

    La responsabilità di tutto…è della Leadership del M5s…Grillo /Casaleggio…che puntualmente eludono o respingono..le proposte o la disponibilità al dialogo o alla collaborazione..che sia Bagnai o altro. Quindi……..

    Optando per proposte economiche.., confusionarie, poco serie, anzi ridicole, deleterie, ondivaghe, di volta in volta un cocktail/brodo di castronerie che non stanno ne in cielo ne in terra…vedasi le ultime “sparate” sul blog di Grillo…il tutto in antitesi e a prescindere dalla, in linea di massima , base..che mi pare abbia altre visuali . Son talmente sconce certe cose che si leggono nel Blog di Grillo…che ha volte mi chiedo: ma questi che tipo di marjuana fumano ???

    Ognuno pianga i suoi mali.

    Fa benissimo Bagnai a dialogare e rendersi disponibile con chiunque si renda disponibile ad un certo progetto. A prescindere dal campanile (pollaio politico ). Il resto è tutta FOLA.

    Bravo Bagnai!!!

    FA BENE BAGNAI A FARE CIO’ CHE STA FACENDO.

    ammazza… che carica aveva sto qua…sarà roba preistorica…ma aveva proprio grinta e talento (si dirà : ma che c’èntra???….nulla…mi va di postarlo..)

    Bye Bye

    http://www.youtube.com/watch?v=q2BdQj0eSzU

    • A sentir certe considerazioni….Bagnai…non dovrebbe dialogare con la Destra..perchè “destra”….non può ovviamente dialogare con la sinistra Piddina (PD/Sel)..per ovvie ragioni sono antitetici al suo discorso (euro/ue )….con chi comanda il M5s..non può stabilire un vero dialogo…perché han le porte chiuse a certi argomenti (Grillo: l’euro non è più un problema….ricordate? l’intervista ad un giornale tedesco…)…

      MA CON CHI CAZZO DEVE DIALOGARE: CON MIA BISNONNA?????!!!

      dai su………………..

    • Non sono d’accordo. L’uscita dall’euro non è un fine. Dopo il ritorno alla sovranità monetaria, bisognerà stabilire cosa fare. Tu voteresti, ora come ora in Italia, un partito nazionalsocialista che ti promette di uscire dall’euro? Fammi capire. Non si può prescindere DA CHI ti offre di portare avanti una battaglia. Tu sostieni di essere di “sinistra”, e con questo termine non intendo la contrapposizione bianco e nero creata ad hoc per dare una parvenza di scelta (e alimentata anche da un certo B.), ma un insieme di principi e valori che caratterizzano la tua visione politica, sociale ed economica della società; ebbene, tu vuoi che il post-uscita venga affrontato da un mucchio di affaristi liberisti che ruotano intorno a uno degli uomini più ricchi d’Italia, con un conflitto d’interessi che non ha pari nel mondo Occidentale? Uno che abbiamo imparato a conoscere MOLTO BENE in quanto ad onestà e credibilità, e che ha delle idee, dei valori e principi diametralmente opposti ai tuoi.
      Bagnai è riuscito, con il suo lavoro, a convogliare la rabbia verso il nemico euro, e a sminuire l’anomalia italiana chiamata “Berlusconi”. Ha ottenuto, mai accaduto prima, che perfino gente di sinistra è persuasa a votarlo. E non è vero che gli son state chiuse porte in faccia dal m5s o da Grillo (sai quanti l’hanno conosciuto grazie a Messora e al blog di Grillo????), semmai è sempre stato, come ho già scritto, molto morbido col PDL e molto duro col m5s; e questo fa intuire che sapesse già dove si sarebbe posizionato, e che la storiella del “l’hanno voluto loro” è solo una banale scusa per giustificare il suo posizionamento, già prestabilito, col centrodestra. Peraltro, vedendo come si trova a proprio agio con gente del calibro di Sgarbi e Crosetto, credo che sia il suo habitat naturale. Buona fortuna.

    • Sentitevi Grillo..e la sua instabilità ….(ps-verso la fine del video parla una dissidente del M5s espulsa…non è pertinente ai fini di cio che voglio dire io…ci sta e non la posso togliere…mi interessa solo dimostrare se ce ne fosse bisogno…quanto è pasticcione Grillo. Forse si è dimenticato che è il leader del primo movimento d’ Italia…e che questo implica serietà , coerenza, rispetto della volontà del popolo M5s:….è finito il tempo delle fregnacce , il rodaggio è stato fatto….adesso bisogna far sule serio e bene. Primo passo: ascoltare il volere della base.)

      SE NON PROPONE UNA SERIA LINEA ANTI EURO/UE…NON ANDRA’ DA NESSUNA PARTE: SI DIA UNA REGOLATA E RISPETTI IL VOLERE DELLA BASE E DELLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ELETTORI M5S.

      QUESTO DEVE FARE . PUNTO.

      Altrimenti rischia veramente che qualche milioncino di voti vada a Berlusca……(che è leggermente più furbo)…

      http://www.youtube.com/watch?v=q9oySOXZ3y0

  • @ Mr. Age 30.7

    Dunque tu poni, fondamentalmente due quesiti:

    1) “In pratica la riserva è di proprietà della BC o è solo in deposito?

    2) In altre parole la banca che mi vende i BTP come li acquista dalla BC?
    1 deposita 100€ nella sua riserva presso la BC?
    2 Paga la BC con moneta creditizia?
    3 Paga la BC con base monetaria?”

    C’è un po di confusione perché l’argomento è veramente tecnico ed ostico, per pochi “illuminati”.

    Premetto che semplificherò molto, usando l’ACCETTA…

    La riserva frazionaria è un meccanismo che serve semplicemente per consentire al riservista, cioè alla banca commerciale, di “creare moneta bancaria” con la possibilità di concedere prestiti e mutui a cittadini e imprese, con un moltiplicatore dei depositi incassati dai risparmiatori e dalle imprese.

    Se in attivo ha 100, può prestare, se la riserva frazionaria è del 2%, 98.
    Poi il sistema privato fa tornare (con depositi e transazioni che passano per l banche) quegli stessi 98 alle banche,che, a loro volta, possono riprestare il 98% di 98 ai privati, tenendo sempre di riserva il 2%…, per cui il sistema bancario nel suo complesso ripresta ai privati 96.04 e così via.

    Si chiama MOLTIPLICATORE MONETARIO:
    Di fatto consente alle banche di prestare “””1/r””” di depositi a gente che “ACCETTA DI INDEBITARSI” (!!!).
    Se il coefficiente r è, come nell’esempio il 2%, la banca può prestare 100×1/0,02 = 5000 (!!!) a privati.
    Poi però si deve fermare nella creazione di moneta bancaria.

    “r” lo decide la Banca Centrale (scelta di politica monetaria) – ECCO PERCHE’ LA BANCA CENTRALE DEVE DIPENDERE DA GOVERNI E PARLAMENTI DEMOCRATICI E NON DALLE BANCHE COME OGGI!!!

    La riserva è quindi un coefficiente di moltiplicazione monetaria, ma non è una riserva di proprietà della BCE, i soldi rimangono alle banche che li moltiplicano.

    Altro paio di maniche sono i fondi che le banche tengono verso il fondo interbancario per regolare tra loro le transazioni con moneta “sicura”, ad es. tu rilasci un assegno unicredit a tizio, tizio lo versa presso Intesa. Intesa lo deposita (diciamo così per capire) presso il fondo interbancario che preleva (…) l’importo dal deposito presso il fondo interbancario, compensando crediti/debiti.

    Per quanto attiene alla domanda 2) cioè “””se la banca che mi vende i BTP come li acquista dalla BC?
    1 deposita 100€ nella sua riserva presso la BC?
    2 Paga la BC con moneta creditizia?
    3 Paga la BC con base monetaria?”””

    NO:
    La banca è un investitore istituzionale, come da me scritto nel mio commento 30.1, quindi compra nel mercato primario direttamente DAL MINISTERO DEL TESORO. Anche la BC compra direttamente titoli dal min. tesoro.
    Quindi la banca, acquista 100€ di BTP, e solitamente ne versa 95 a Tesoro, in quanto questi li colloca abitualmente “sotto la pari”: cioè si indebita per 100, ma fa lo sconto di 5…
    Quando poi noi compriamo il BTP, lo facciamo nel mercato secondario, direttamente dalla banca che ha investito i nostri risparmi in BTP.

    Non è una superc**zola…

    • @ maximus
      Questa notte mi sono riletto le tue risposte e il testo di Bagnai sul sistema bancario, quindi credo di aver capito il sistema del moltiplicatore e le sue implicazioni anche se constatando la situazione attuale continuo a pensare che Bagnai stia sottovalutando il coeficiente di riserva libera e le altre attività delle banche(ad es. titolidi stato). In questo momento, infatti, non mi sembra che si possa dire che la domanda crea l’offerta.

      tornando allo schema dell’articolo postato da rospo
      http://www.cobraf.com/showimage.php?image=/forum/immagini/R_123540263_1.jpg

      Sembra quasi che la banca centrale presti al tesoro 100€ (moneta creditizia) e presti altrettanti 100 €uro (Base monetaria) alla banca A che vanno nella sua riserva.

      P.S. Grazie infinite! Spero di essere stato più chiaro.

    • ….inoltre io non capisco

      Maximus dice:
      >>>
      La banca è un investitore istituzionale, come da me scritto nel mio commento 30.1, quindi compra nel mercato primario direttamente DAL MINISTERO DEL TESORO.
      >>>
      Mentre Zibordi dice:
      >>>
      …Intuitivamente, il governo non si fa mandare i soldi dalle banche, perché presso di loro forse non ci sono! si fida solo della Banca Centrale che non hai vincoli di liquidità perché la crea, delle banche non si fida. Il sistema attuale è stato disegnato in modo tale che LE BANCHE CONTABILMENTE NON DEBBANO INVIARE I SOLDI AL GOVERNO…

      …IL TESORO RICEVE I SOLDI DALLA BANCA CENTRALE, la quale accredita da una parte l’importo allo stato e dall’altra parte però accredita anche lo stesso importo alla tua banca (come “riserva”). Hai una moltiplicazione contabile, chi ha comprato BTP li trova nel conto deposito mentre il suo conto corrente si riduce di 100, lo stato riceve un accredito di 100 nel suo conto presso la banca centrale e si è indebitato di 100, ma appare anche un saldo di 100 nel bilancio della banca come prestito delle banca centrale…
      >>>

      Insomma la banca come investitore istituzionale ha accesso all’acquisto DIRETTO dei titoli dal MINISTERO DEL TESORO o come invece dice Zibordi in realtà la transazione passa della BANCA CENTRALE con il meccanismo descritto (peraltro non chiaro)?

  • @ Mjollnir, Mr Age ecc.

    Quello che segue è un mio vecchio intervento che riedito.
    Forse c’è qualche traccia che può interessare chi vuole capire bene l’emissione di titoli di Stato.

    MERCATI, DEBITO PUBBLICO E SOVRANITA’, SPUNTI DI RIFLESSIONE

    Questo intervento origina dalla volontà di capire il termine “mercati”.
    Il mercato viene richiamato in modo superficiale, quale nuovo deus ex machina imposto alla e, dalla, politica nazionale e internazionale.

    L’argomento è complesso, ma a mio modesto parere merita grande attenzione, in modo da capire a chi vanno realmente i nostri sacrifici.

    Qualche mese fa ho avuto il “piacere” di analizzare, anche solo per hobby, alcuni aspetti riguardanti l’emissione del nuovo BTP a 15 anni, scadenza 2028, tasso 4,75%, collocato di poco sopra la pari a 100,017 su 100 che, obiettivamente, è stato un successo per Tesoro e Banca d’Italia.
    Ho tuttavia rilevato alcuni aspetti, per me, di notevole interesse, in quanto servono a mettere in luce chi siano, nel concreto, i “mercati”.

    Faccio una premessa: i titoli del debito pubblico italiano hanno, da un po’ di tempo, rendimenti fortunatamente in calo, anche in relazione all’andamento dello spread.
    Vediamo infatti che la tendenza dei tassi dei titoli del debito pubblico italiano a gennaio 2013 sono stati mediamente i seguenti:
    – titoli a 5 anni, tassi pari al 2,84% (tendenza ↓)
    – titoli a 3 anni, tassi pari al 1,94% (tendenza ↓)
    – titoli a 2 anni, tassi pari al 1,38% (tendenza ↓)
    – titoli a 1 anno, tassi pari allo 0,89% (tendenza ↑)

    Come dicevo, l’ultima emissione di BTP a 15 anni può essere analizzata da due punti di vista.

    A) tipologia di investitori nell’ultimo collocamento:
    – 35% asset management (società di gestione del risparmio) e fondi d’investimento;
    – 26% banche;
    – 19% fondi pensione;
    – 10% banche centrali;
    – 8% hedge fund (fondi speculativi);
    – 2% altri investitori “istituzionali”

    B) Nazionalità degli investitori nell’ultimo collocamento:
    – 40% Italia;
    – 29% Regno Unito;
    – 9% Germania;
    – 8% Francia;
    – 6% USA;
    – 5% Paesi scandinavi e Benelux”;
    – 3% altri paesi

    Vediamo, adesso, prima di esprimere considerazioni di varia natura, come funzionano i mercati di collocamento del debito pubblico:
    La Dr.ssa Maria Cannata (Direttore della Direzione II – debito pubblico – del Dipartimento del Tesoro) ha ben spiegato, sul canale “class CNBC” del 19/01/2013, cosa sono e come funzionano le aste di collocamento del debito pubblico italiano, offrendo i seguenti elementi di conoscenza:
    – le aste dei titoli sono tenute ogni 15 gg in modo telematico e danno vita al c.d. “mercato primario”;
    – ad esso possono partecipare, esclusivamente, investitori “istituzionali” interconnessi alla Rete Nazionale Interbancaria;
    – la gestione tecnica dell’asta è affidata alla Banca d’Italia;
    – il Ministero del Tesoro decide la politica di offerta del portafoglio titoli/tassi/scadenze;
    – gli investitori “istituzionali” (“i mercati”), inviano gli ordini nel periodo prefissato;
    – essi operano in forma anonima (coperti da una chiave di crittografia);
    – alle ore 11 del giorno stabilito si chiudono gli ordini;
    – la Banca d’Italia verifica l’insieme delle offerte anonime pervenute e le ordina per prezzo decrescente, o per rendimento crescente, le raggruppa quindi per “livello equivalente” e procede alle vendite in forma anonima fino ai livelli stabiliti dal Tesoro;
    – i richiedenti si aggiudicano le quantità richieste tutte allo stesso prezzo, il prezzo marginale più basso;
    – ad acquisti avvenuti la Banca d’Italia identifica i compratori;
    – per i BOT questo meccanismo è diretto e automatico, per tutti gli altri titoli la Banca d’Italia annuncia una “forchetta di ammontari”, valuta i rendimenti sui mercati “secondari” (quelli dove i piccoli risparmiatori possono acquistare, dagli investitori istituzionali, i titoli del debito italiano), per percepire il c.d. “sentiment” e la “fiducia” dei mercati sui tassi da loro “accettabili”;
    – questa analisi dei mercati secondari è necessaria anche perché gli investitori istituzionali, operando per convenienza, potrebbero essi stessi preferire l’acquisto di titoli più convenienti già sul mercato rispetto a quelli in corso di collocamento nel mercato primario;
    – la Banca d’Italia, inoltre, organizza o partecipa a “road show e meeting” con gli investitori per verificare tassi e scadenze “accettabili” dagli stessi;
    – pertanto tassi, volumi e scadenze delle offerte seguono la legge della domanda e dell’offerta, grazie anche a emissioni “off the run” dei titoli stessi, utilizzate per “testare” l’interesse e l’accettabilità effettiva del mercato rispetto alle offerte ipotizzate in sede tecnica dal Tesoro.

    POLITICHE DI PORTAFOGLIO
    Il Tesoro colloca, tramite la Banca d’Italia, varie tipologie di titoli come BOT, CCT, CTZ, BTP, al fine di ottimizzare l’assetto debitorio nell’interesse nazionale. Il “BTP ITALIA” ad es. è un bond indicizzato al paniere dell’inflazione italiana; il CCT-EU è invece indicizzato al tasso euribor.
    Le strategie messe in atto per ridurre l’impatto delle aste sul debito pubblico sono legate alla necessità di evitare un eccesso di offerta rispetto alla domanda (per scongiurare un aumento dei prezzi a nostro danno), così ad esempio:
    – si evitano collocamenti in prossimità di scadenze fiscali;
    – si evita la concomitanza di offerte di differenti tipologie di titolo, uguali però quanto a scadenza (ad es. CCT a 5 anni e BTP a 5 anni), offrendo alcuni a metà mese piuttosto che a fine mese.

    LA FIDUCIA DEI MERCATI
    La c.d. “fiducia dei mercati”, argomento critico e abusato, viene rilevata dal tesoro sia sul mercato primario che su quello secondario, con test di offerta dei titoli prima del collocamento.
    Attualmente i mercati, che per un anno hanno acquistato soprattutto titoli tripla A di “paesi rifugio” con rendimenti bassi se non vicini allo zero, ora acquistano anche titoli con rendimenti più elevati e tassi reali positivi, grazie alle garanzie “verbali” della BCE. Per questo motivo scende lo spread: torna la domanda dei nostri titoli.
    Il confronto tra domanda e offerta, sul mercato, esprime la convenienza reale all’acquisto dei singoli bond formalizzata sia dal tasso di interesse che dalle scadenze dei titoli detenuti in portafoglio.
    Ovviamente l’incremento dei tassi di interesse o il crollo dei prezzi dei titoli già sul mercato accresce l’appeal dei titoli stessi.
    Ma a questo punto il rischio di condotte opportunistiche sul mercato da parte dei soggetti interessati è elevatissimo.
    Le quotazioni sul mercato secondario sono volatili in quanto estremamente sensibili e reattive rispetto ai momenti di shock, crisi economica ed alle “politiche” di rating (valutazione del merito di credito).
    Gli stati che si finanziano esclusivamente attraverso i “mercati” si rivolgono, pertanto, a soggetti che, di per se stessi, auspicano forti pulsioni all’incremento dei tassi di interesse (e quindi alla remunerazione del loro investimento).
    La pericolosità di questi meccanismi diviene elevatissima qualora si creino punti di “contatto” tra i livelli istituzionali pubblici, nazionali e internazionali, dediti alle politiche di gestione e controllo, le società di rating, il FMI e le potenti banche d’affari private.
    In tali casi, sia il rilascio di un rating ridotto che la possibilità di fare insider trading (manovre speculative legate al possesso di informazioni riservate, non note agli altri operatori del mercato), possono influenzare i prezzi e gli andamenti sul mercato secondario, quello frequentato anche dai piccoli risparmiatori, ponendo seri rischi di “azzardo morale” (comportamenti opportunistici).
    Un’altra caratteristica dei mercati è che, pur in assenza di contatti, insider trading ecc., molti operatori, per massimizzare i profitti, adottano comportamenti eccessivamente rischiosi che attivano, periodicamente, vere e proprie “bolle speculative”, con una significativa probabilità che i costi associati ad un eventuale esito negativo ricadano sulla collettività, con strette fiscali e politiche deflattive di austerità.

    CONSIDERAZIONI FINALI
    Quanto detto serve per migliorare il livello di consapevolezza dei cittadini.
    I “mercati” non sono un soggetto perfetto, astratto, né una somma di soggetti “razionali ottimizzanti” che operano nell’interesse pubblico.
    Sono poche istituzioni finanziarie nazionali e internazionali che detengono il potere di finanziare, con un legittimo fine di lucro, gli Stati.
    Questa funzione, che in Italia fino al 1981 era assai relativa, dopo il celebre “divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia” favorito dall’allora Ministro del Tesoro Andreatta è divenuto un potere “assoluto” che ha fatto lievitare il debito pubblico nostrano, raddoppiandolo in poco più di dieci anni, con alti interessi cumulati su altri interessi in aggiunta al debito.
    Fino al 1981 infatti l’Italia collocava i propri titoli a tassi reali contenuti e calmierati per il fatto che i titoli non venduti dovevano essere obbligatoriamente acquistati dalla stessa Banca d’Italia, di fatto con l’emissione di moneta.
    La Banca d’Italia, pur essendo un istituto di diritto pubblico, ha natura sostanzialmente privatistica ed esercita un’attività di vigilanza sul sistema bancario e sugli intermediari finanziari che, in realtà, ne possiedono il 94,33% del capitale (il 5,67% è di enti pubblici come INPS e INAIL). Ciò è stato potenziato a partire dal nuovo statuto approvato con DPR del 12/12/2006 del Presidente Napolitano, con Prodi Presidente del Consiglio e Padoa Schioppa Ministro dell’economia (già vicedirettore della BCE). Il precedente statuto, all’art. 3, richiedeva invece che le partecipazioni (e i diritti di voto) in Bankitalia fossero comunque di proprietà di enti pubblici o loro società controllate.
    Dal 1981, il potere dei mercati è passato da relativo ad “assoluto” generando una sovranità di fatto, non democratica.
    Pertanto l’intera eurozona (17 paesi su 27 dell’Unione Europea), attualmente, ha una sovranità limitata dalla necessità di trovare il “gradimento” dei mercati.
    Gli altri 10 paesi dell’UE che non hanno adottato l’euro sono i seguenti: Regno Unito, Danimarca, Svezia, Lituania, Lettonia, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Bulgaria.
    Questi paesi, in questa fase di crisi, hanno contenuto le strette fiscali e l’esplosione dei debiti pubblici grazie anche alle emissioni monetarie, come stanno del resto facendo USA e Giappone in misura ingente.

    Alla fine di questo spaccato, ripenso a come questa crisi sia iniziata con gli insoluti del debito privato dei cittadini americani, foraggiati imprudentemente con carte revolving, mutui subprime ecc. nei loro consumi. Gli attivi bancari anglosassoni, falciati dagli insoluti, hanno portato a fallimenti (Leeman Brothers), ad aiuti di Stato o ad operazioni che hanno girato il “pacco” alle altre banche del resto del mondo attraverso i celebri “derivati” finendo per inguaiare in particolare Francia, Spagna, Germania, UK, Islanda, Irlanda, Portogallo e, solo in misura minima e non preoccupante, l’Italia;
    Gli stati contagiati hanno trasferito il rischio bancario, anche per evitare, giustamente, il crack del sistema stesso, ai cittadini europei attraverso tasse, strette creditizie e tagli di spesa, con un incremento del debito pubblico indotto dai salvataggi bancari.
    La virtuosa Irlanda ad esempio passò da un rapporto debito/PIL invidiabile, pari al 20%, ad un rapporto del 100%, divenendo la prima “I” dell’acronimo PIIGS, “maiali”, non certo quindi per i motivi originariamente legati al debito pubblico, come invece ci raccontano in Italia;
    La BCE ha iniziato il salvataggio del sistema operando in termini razionali: ha dato alle banche 1.000 mld di euro all’1% con cui lucrare margini attivi sull’acquisto dei debiti pubblici nazionali.
    Ciò però dimostra, in modo matematico, che la causa della crisi in corso non è il debito pubblico ma la finanza.
    In caso contrario, 1.000 mld di euro all’1% la BCE li avrebbe potuti prestare direttamente agli Stati sotto attacco speculativo, in modo da evitargli aste onerosissime.
    Adesso le istituzioni nazionali ed europee ci vengono a spiegare che la colpa è “nostra” e della nostra propensione a cicaleggiare vivendo al di sopra delle nostre possibilità, anziché lavorare come i tedeschi.
    Evvai allora con le allegre bottigliate alla Tafazzi!
    Con la classica tecnica del divide et impera, fomentano le divisioni sociali: giovani contro pensionati; dipendenti pubblici contro imprese, tartassati contro evasori, garantiti contro precari, sinistra contro destra.
    Mettono la ciliegina sulla torta con parole che suonano dolci e positive, ma che insinuano e sovverchiano l’impatto, per i cittadini, il senso vero delle cose, in vista della loro mungitura fiscale o del taglio dei servizi pubblici reali.
    I termini che usano sono infatti piacevoli:
    – riformismo (si tratta invece di restaurazione);
    – incremento di produttività (si vuole il taglio dei salari);
    – riduzione del perimetro dello Stato brutto e cattivo (licenziare i dipendenti pubblici o ridurne il numero, aggravando il crollo della domanda aggregata);
    – ce lo chiede l’Europa, la letterina della BCE, il pareggio di bilancio in Costituzione, la sottoscrizione di trattati internazionali tipo quello di Lisbona, il fiscal compact ecc. (si baypassa invece l’esercizio democratico della sovranità popolare);
    – burocrazia (mistificazione dei contenuti concreti e positivi dei servizi pubblici);
    – corruzione (delegittimazione del regime democratico con la classica tecnica della “anatra zoppa”);
    – meno tasse (si, che bello, la gente avrà 100-200 euro in più al mese, con cui comprarsi l’ultimo iphone ma, se avrà la sfortuna di ammalarsi gravemente, dovrà pagare di tasca propria 60-70.000 euro per usufruire delle terapie salvavita con farmaci biologici, chemioterapie, ecc, o prendere prestiti personali per potersi laureare)…

    Le gravi cessioni di sovranità democratica in atto, avvengono nel nome di una nuova piacevole ideologia, l’Europa, che come tutte le false religioni, abbatte il senso critico delle persone, regalando suggestioni e visioni mitologiche sul futuro, grazie anche ad una informazione di proprietà della finanza; ad un mondo accademico spesso superficiale e acritico, quando non in mala fede, legato al carrierismo del “main stream” ufficiale e foraggiato da privati interessati attraverso progetti di ricerca e fondazioni; alla pocaggine di parte della classe politica; allo stato di confusione e di ignoranza diffusa del povero cittadino italiano.

    L’elenco termina qui, per carità di Patria, … se questa parola si può ancora dire!

    Per chi fosse interessato si può consultare il sito http://www.dt.tesoro.it/it/debito_pubblico/titoli_di_stato/aste_titoli_stato.html

    • @ Maximus
      Grazie e complimenti per il post!

      nei post precedenti hai detto:
      “C’è un po di confusione perché l’argomento è veramente tecnico ed ostico, per pochi “illuminati”.”

      Puoi suggerirmi qualche testo che spieghi questi tecnicismi in modo completo e dettagliato?
      Come avrai capito sono molto incuriosito dalla fase di creazione della moneta e le sue implicazioni.

    • Carissimo Maxi,
      In questo tuo intervento mancano due cose:
      La prima e’ che mancano errori ed inesattezze;
      La seconda e’ che mancano le parole nano e Berlusconi.

      Sarai mica della Nuova Forza Italia2.0?

      Alberto ( che commenta qui) e’ convinto di si…

    • @ Maximus,

      articolo fantastico. Dove lo hai pubblicato?
      spero che lo abbiamo letto il numero maggiore di persone possibile.

      Il tuo articolo descrive correttamente la transazione di acquisto di titoli e chi è accreditato per poterla eseguire. Fin qui tutto piuttosto chiaro.

      credo che Mr Age volesse avere più chiarimenti su tutte le trascrizioni contabili che stanno dietro a questa transazione.

      Zibordi afferma che anche se la transazione avviene tra il conto corrente in banca e il TESORO in realtà vengono coinvolte sia la banca (il che è normale in quanto è accreditata), ma anche la banca centrale.

      Per capire bene questo meccanismo si deve comprendere ogni registrazione contabile e la regola o principio per la quale viene eseguita

      La parte relativamente facile è quella delle trascrizioni dei titoli del Tesoro. La parte un po più complessa è quella dei vari passaggi della moneta (da quello che sembra scompaiano i soldi dal conto e si materializza un prestito dalla Banca Centrale alla Banca)

      Quello che comunque è evidente è che scompare moneta bancaria (moneta creditizia creata col noto meccanismo del moltiplicatore) dal conto bancario e appare base monetaria sul conto del TESORO (questo perché lo Stato non può e non vuole trattare con moneta Bancaria cioè con credito della banca e cioè con promesse di pagamento della banca).

      In sostanza scompare Moneta bancaria (“meno buona”) e appare base monetaria (moneta “buona”) nel rapporto di 1 a 1.
      Oltre a questo di fatto la transazione importante avviene sempre tra TESORO e BANCA CENTRALE, ma sotto richiesta, controllo e autorizzazione della Banca (sono tutti froci col culo degli altri)

      (E’ poi chi cazzo è X del diagramma di Zibordi?)

      Il fatto che queste trascrizioni, che dovrebbero essere di facile comprensione, siano cosi complicate secondo me serve solo a nascondere la libertà di azione (esogenita’) che ha la banca con la creazione del credito.

      Se tutti utilizzassimo solo “moneta buona” (base monetaria) invece che moneta creditizia queste complicazioni scomparirebbero.

      Sono sempre più convinto che la riserva al 100% è l’unico sistema che garantisce veramente la sovranità e l’endogeneita’ della moneta allo stesso tempo.
      Riflette gente riflettete…

    • @ Mjollnir

      Ti ringrazio, ma era un semplicissimo intervento sul sito memmt.info.
      Per quanto riguarda le altre cose, ti risponderò con calma domani.

  • LA PRESA PER IL KULO CONTINUA (Maximus, ne hai di lavoro da fare con tutta la pietosa disinformazione del Blogoebbles beppegrillo.it)

    “In qualche forma la rapina del cosiddetto risparmio avviene già, perché o è l’inflazione o il fatto che a un certo punto vieni tassato, il risparmiatore non può uscirne”. Massimo Fini

    Carissimi: lo staff, preso atto del drammatico momento storico e del desiderio espresso dai suoi attivisti, ha deciso di far eccellente divulgazione chiamando il noto economista Massimo Fini (no, non è una battuta).

    Questa è una delle perle dell’analisi del sistema bancario fatto dal noto macroeconomista.

    Il delirio si apre con i due concetti fondanti della macroeconomia ottocentesca e ripresa ovviamente dai neoliberisti del sistema bancario che sti collaborazionisti dichiarano di voler combattere (e dal Bruno Leoni e dal Tea Party).

    Solita solfa:

    introduzione: data l’ovvia sacrosanta premessa che il potere bancario/finanziario ci sta mandando in malora ==> livore verso le banche

    ci danno la soluzione:

    (vi giuro, lo hanno messo in testata)

    E’ necessario combattere l’ INFLAZIONE e LO STATO LADRO

    Capito il problema dell’Italia?

    I risparmi sono prosciugati dalle tasse e dall’inflazione. Quello che dicono le banche stesse.

    STIAMO MORENDO DI DEFLAZIONE E MANCANZA DI SPESA PUBBLICA E STI TRADITORI MANDANO STI MESSAGGI.

    Se usciamo dall’Euro si svaluterà e ci sara l’iflaZZZZZZioneeee!!! E l’orfano e la vedova creperanno di stenti…

    Ma perché non linkano direttamente i link dei filmati cospirazionisti americani?

    L’informazione è democrazia: la disinformazione è FASCISTA.

    Altro che democrazia diretta: ce la stanno mettendo in quel posto.

    Non mi stupirei se ci fosse Soros tra gli stakeholder di beppegrillo.it

    • Qualcuno spieghi a quel cretino di Fini che quando c’era l’inflazione a due cifre negli anni ’70 i nostri genitori riuscivano finalmente ad avere rendimenti importanti sui BOT e finalmente cominciavano a vedere dei risparmi in banca.

      Qualcuno spieghi al deficiente che si fa intervistare senza sapere una fava che le tasse hanno per costituzione una funzione redistributiva e sono fondamentale strumento di Democrazia.

      Qualcuno spieghi al neoliberista neofascista che cosa è il moltiplicatore keynesiano e di che differenza c’è tra tagliare le tasse o aumentare la spesa pubblica.

      Il vecchio rincitrullito ci propone nel suo geniale intervento, in piena recessione, CHE I SOLDI SONO DEL DEMONIO e come è belle la DECRESCITA FELICE.

      MA CHE BELLO VIVERE CON POCO!

      La MISERIA CI FARA’ BENE PERCHE’ CI FARA’ RIACQUISTARE LA SCALA DEI VALORI!!!

      (tanto costui deve crepare, ha campato bene e noi moriremo di stenti per purificarci dal nostro peccato originale… capito piccoli porcellini disonesti e corrotti?)

    • Virus

      Qualcuno spieghi a quel cretino di Fini che quando c’era l’inflazione a due cifre negli anni ’70 i nostri genitori riuscivano finalmente ad avere rendimenti importanti sui BOT e finalmente cominciavano a vedere dei risparmi in banca.

      Cit,

      Che poi l’inflazione molto alta era dovuta ad uno shock petrolifero…l’inflazione salì in tutto il mondo.

      Nel 1980,,l’inflazione era al 21,2%,,,secondo alcuni dovrebbe essere una cifra da repubblica delle banane…l’ italia della “liretta” …eppure non mi risulta che la gente girasse con una carriola di banconote…per comprare un chilo di pesche….anzi —->>> l’Italia della cosiddetta “liretta” (termine che detesto….perché mi sembra stupido…sembra quasi che l’ Euro sia una grande moneta…la moneta più sconcia e micidialmente dannosa che sia mai esistita )… l’Italia della “liretta” con un inflazione al 21, 2 %…aveva un tasso di risparmio delle famiglie PIU’ ALTO DEL MONDO…cioè il 25 % sul reddito…e un solo stipendio..bastava per viverci pagarci il mutuo…e farci studiare i figli…e ne restava per risparmiare.

      Nell’ ‘Italia invece…”virtuosa” quella dei tecnici dei dopo Ciampi e Padoa Schioppa i Monti, Fornero e oggi Saccomanni, Letta & affini…con la a sentir loro “vera” moneta l’Euro …nel 2009 con un inflazione dello o,8 %..il tasso di risparmio è crollato al 6,8 %…e con un solo stipendio una famiglia non ci campa più o ci campa molto ma molto male.

      Sti falsari…con la balla del Debito Pubblico…e dell’ Inflazione ci hanno infinocchiato ….e vedo che c’è gente che farnetica di voler cambiar le cose…usando gli stessi argomenti….

      Il “fantasma” dell’ inflazione…ce lo hanno ficcato di proposito in testa per convincerci ad accettare le “giuste” punizioni , le austerità….gli italiani spendaccioni che hanno vissuto al di sopra delle proprie possibilità (una balla mastodontica….eppure ha funzionato ..gli italiani la hanno ingoiata..)….

      ma adesso basta……

  • Grillo e Casaleggio ci sono o ci fanno?.I complottisti che dicevano che il movimento e’ stato creato per incanalare il dissenso nascente e portarlo nel recinto avevano forse ragione?.Riusciranno le forze sane che sono la stragrande maggioranza degli iscritti al movimento ad emergere e mettere all’angolo i due leader?.il movimento si fara’ rubare dal cdx quelle che dovevano essere le sue battaglie contro l’Erodittatura?.Sono molte le domande nell’universo.

    • Emar non insistere con sti “complottisti” che sono la rovina culturale del movimento.

      Il primo a dire che il M5S nasceva per incanalare il dissenso e non trovarsi con Alba Dorata in casa era Beppe Grillo stesso.

    • Virus visto che mi conosci lo sai che non resisto e ogni tanto riaffiora il complottista che c’ e’ in me ;-).A parte gli scherzi e’ vero che Beppe doveva incanalare il dissenso per non farci trovare Alba Dorata in casa ma doveva anche combattere le battaglie che altrove combattono le destre in particolare la sovranita’ monetaria altrimenti aver incanalato il dissenso non e’ servito a niente o peggio e’ servito solo ad abbindolare le masse e questo non e’ complottismo ma realismo.Inoltre le destre in Italia ( ma anche le sinistre radicali)si stanno organizzando per dare il via alla battaglia per la sovranita’ monetaria quindi se Beppe e Casaleggio non cambiano rotta il movimento perdera’ molti voti, e la domanda che nasce e’ a chi giova tutto cio’?.

  • O.T.

    un COMMENTO sulle votazioni regionali lucane:
    La civiltà ha concesso per una volta ancora la possibilità al popolo lucano di utilizzare il voto, lo strumento più potente in assoluto in democrazia per manifestare la propria sovranità e cambiare in meglio la loro vita, invece lo hanno utilizzato contro loro stessi rivotando PD&PDL.
    Non ci può essere altra spiegazione a questo autolesionismo che il lavaggio del cervello prodotto dalla Tv di massa negli ultimi decenni…. e pensare che ancora esistono economisti, politici e cittadini convinti che la causa principale della crisi italiana sia l’Unione Europea.

    una PROVOCAZIONE al sistema politico fallito:
    Gli eletti del M5S in Senato e Parlamento dovrebbero offrire a Berlusconi una possibilità di salvezza, proponendo di votare contro la sua decadenza ed espulsione dalla istituzioni in cambio di 1 milione di euro a testa, da devolvere alla piccole imprese in crisi economica.

    • in tutta onesta’ il partito che ha vinto e’ quello dell’astensione.
      e quando c’e’ l’altissima astensione i piddini vincono sempre.
      perché il piddino vota a prescindere dai contenuti e vota per partito preso.
      i pochi che vanno a votare e che non sono piddini, votano le persone…vogliamo persone preparate, che dici?

      poi continui a confondere l’aspetto economico da quello politico.

      l’eurogabbia ci sta portando alla rovina.
      possiamo anche avere i politici piu’ bravi del mondo ( vedi i nostri parlamentari pentastellati) comunque andiamo in fallimento.
      perché non si capisce che la politica e’ in secondo piano rispetto all’economia?
      perché continuate a dare valore piu’ al politico che alla potenza economica della finanza?

      esempio.
      nel lontano 1992 un signore con tanti soldi riuscì a speculare contro una moneta (o meglio due perché c’era anche la sterlina) e fece uscire da un sistema molto particolare l’intera economia di uno stato.
      i nostri lungimiranti tecnici del tesoro, sprecarono una valanga di riserva di moneta estera per controbattere la speculazione e non ci sono neppure riusciti.
      domanda.
      contava di piu’ un Soros oppure un Andreotti oppure un Carli del tempo?

      le scelte politiche sono fondamentali per quanto riguarda l’adesione a determinati meccanismi economici ( leggi trattati), pero’ contano di piu’ i grossi gruppi finanziari mondiali dei politici.
      che poi questi ultimi sono da circo, questa e’ l’aggravante della situazione.
      quindi: fuori dall’eurogabbia , cioe’ andiamo contro la finanza che ci sta mettendo a carita’.
      poi sistemiamo i politici da circo.
      piu’ semplificato di così non riesco a scriverlo, se non sei d’accordo, pazienza.

    • Occhiodifalco

      –in tutta onesta’ il partito che ha vinto e’ quello dell’astensione.

      ’—eurogabbia ci sta portando alla rovina.
      possiamo anche avere i politici piu’ bravi del mondo ( vedi i nostri parlamentari pentastellati) comunque andiamo in fallimento.

      —perché non si capisce che la politica e’ in secondo piano rispetto all’economia?

      —quindi: fuori dall’eurogabbia , cioe’ andiamo contro la finanza che ci sta mettendo a carita’.
      poi sistemiamo i politici da circo.

      —-nel lontano 1992 un signore con tanti soldi riuscì a speculare contro una moneta (o meglio due perché c’era anche la sterlina) e fece uscire da un sistema molto particolare l’intera economia di uno stato

      Cit,

      Io ho capito in che senso lo dici e condivido. Però guarda che potrebbe essere frainteso.

      E’ la politica che deve essere messa in primo piano…deve riprendersi il ruolo che le compete…e l’economia deve essere controllata dalla politica…che a sua volta dovrebbe essere controllata dal popolo. (Almeno cosi dovrebbe funzionare la democrazia…quella sana…non la pseudo democrazia massonica ).

      Quindi la politica deve riprendersi il primato .

      Lo dico perché di fatto il sistema bancario /finanziario…proprio attraverso l’eurosistema ..e in funzione dell’ eurosistema…ha estromesso la vera politica. Oggi le grandi scelte vengono determinate da euroteconocrati ad impostazione economica. E la politica ne è subordinata. Trenta anni fa il banchiere andava dal politico…oggi è il politico che va dal banchiere : è il banchiere detta la linea. Letta docet. In Europa chi detta legge fondamentalmente è la BCE…e la Commissione Europea è svincolata dalla politica e da qualsiasi mandato elettorale…sono tutti cooptati dalla tecnocrazia bancaria. E son quelli che veramente decidono.

      Quindi ridare il primato alla politica..quella sana…per far saltare il primato dell’ economico/tecnocrazia .

      Perché altrimenti sembra che si dica…prima facciamo saltare questo sistema e poi pensiamo al resto. Le cose vanno a mio parere fatte in contemporanea…ridiamo il primato a politici capaci ..che spazzino via l’eurosistemaeconomicotecnocratico e facciano pulizia nella politica. Deve essere il primo passo …perché poi la politica deve cambiar le regole . E’ la politica che deve mettere uno stop a certe regole. Quindi la politica deve riprendersi il primato.

      Infatti solo con politici di alto profilo e con il supporto della forza politica data dal consenso popolare…si potrà essere incisivi in Europa e a livello internazionale…contro questo sistema.

      Io capisco cosa intendi dire quando scrivi..che non si capisce perché la politica è in secondo piano rispetto all’economia. Ma alcuni potrebbero fraintendere.

      Per chi non lo sapesse:

      Soros è unoI degli uomini più ricchi del pianeta. (tra i primi trenta )

      Un “mercoledì nero ” del 1992..in un momento in cui la Banca d’ Inghilterra era riluttante se aumentare i tassi d’interesse a livelli confrontabili con altri paesi (SME ) e lasciare il tasso di cambio della moneta fluttuante …

      Soros vendete allo scoperto più di 10 miliardi in sterline

      La Banca d’ Inghilterra fu costretta a far uscire la propria moneta dallo SME e a svalutare….da questo processo il furbone Soros guadagnò più di un miliardo di bei dollarini.

      Un uomo solo che ha la possibilità di mettere in ginocchio da un momento all altro una Nazione. Infatti è ricordato come l’ uomo che distrusse la Banca d’ Inghilterra.

      Son signori di questo tipo…che oggi possono distruggere le nazioni o piegarle ai loro voleri.

      L’euro sistema è stato creato proprio in funzione di gente del genere.

      JD Rockfeller…disse la famosa frase: “Datemi il controllo della moneta di una nazione e del resto non mi importa nulla…”…

      Con il controllo della moneta…la politica automaticamente è subordinata alla finanza….e quindi implicitamente viene estromessa la volontà popolare.

      I loro strumenti sono due: controllo della moneta…e controllo dell’ informazione.

      Ci son riusciti perfettamente.

      ps- chi non capisce che il danno che ci ha fatto , ci sta facendo e ci farà l’eurosistema funzionale a quelle elite prima menzionate..è enormemente superiore a tutte le corruzioni della cosiddetta “mala italietta” ..non capisce un piffero di nulla. dicesi: avere un sacco di juta in testa ed essere convinti di avere grandi visuali.Un leone ci sta letteralmente per sbranare…e ci si preoccupata del morso di un chihuahua.

    • Un leone ci sta letteralmente per sbranare…e ci si preoccupata del morso di un chihuahua.

      Cit

      chi si preoccupa del chihuahua ..fa il gioco del leone…e verrà sbranato (chihuahua compreso ).Assurdo.

    • Vendere 10 miliardi di sterline allo scoperto in realtà vuol dire venderle senza averle realmente, praticamente è una truffa legalizzata.
      Questo è ciò che fa giornalmente una banca quando ci accorda un mutuo, in pratica non ci da realmente dei soldi (perchè non li ha), ma ci fa una promessa di pagamento (moneta creditizia) che è basata esclusivamente sulla fiducia che la BC coprirà un eventuale default della nostra banca.
      Infatti la BC è prestatore di ultima istanza del sistema bancario, mentre non lo è più dello stato.

      A grandi linee quello che è successo negli ultimi anni, e dimostra la labilità di questo sistema perverso.

    • Grandissimo Rospo, infatti ho estremamente semplificato, forse troppo!
      Ma visto che qui ci sono persone molto intelligenti, ci siamo capiti.
      Grazie

    • Qui un breve video..ove il “magnifico” Bagnai…tiene un meeting con gli imprenditori delle piccole medie imprese del nord est che comunque son l’emblema di tutti gli imprenditori d’ Italia (distrutte sistematicamente dall’ infernale meccanismo dell Euro…). Quegli imprenditori delle piccole medie imprese ..che danno lavoro…che lottano in prima fila giorno dopo giorno.. che son l’ossatura del sistema produttivo italiano …

      è sostanzialmente la piccola media impresa che ha fatto le fortune dell’ Italia…caso unico al mondo…oggi strozzati dall’euro sistema….quegli imprenditori eroici…alcuni dei quali..per non dire ai dipendenti che devono licenziare..che devono chiudere baracca…preferiscono togliersi la vita. La parte sana di questa amata Italia…i veri italiani.

      al punto 5:30 Bagnai dice:

      “….con una classe politica che sino ad oggi ha detto che non c’è discussione e che la nostra situazione è IRREVERSIBILE (Euro) ..è impossibile trovare una sponda che ci rappresenti in modo adeguato in Europa. Se voi vi andate a guardare il discorso che fece Napolitano..nel 1978..dichiarando il voto contrario dell’allora PCI sull’ entrata dello SME …sembra di leggere un articolo di Krugman…tutti i problemi erano chiari e tutto quello che c’è scritto E SUCCESSO ….però oggi Napolitano difende l’ Euro.
      Lo difende proprio nel momento in cui l’Euro produce i disastri ,,,esattamente come aveva descritto in quel documento 30 anni fa.”

      Cit. Bagnai.

      dico:

      Gli eredi di quel partito.PD..hanno introdotto in Italia proprio quel disastro che conoscevano perfettamente..e oggi lo difendono . IMPERDONABILE.

      Chi difende l’euro è nemico dell’ italia. Punto.

      Perché quella moneta..continuerà a provocare danni sino al disastro totale. Chi lo nega..o è in mala fede o è cretino oppure è Piddino…o peggio ancora tutte e tre le cose messe insieme.

      ECCO PERCHE’ BISOGNA VOTARE SOLO CHI SI PROPONE IN VESTE ANTI EURO/UE.

      Ps. se notate…gli imprenditori dopo questo discorso…dicono che loro sono andati in tilt…esattamente dopo che è entrato l’euro….(non prima…eppure la mala italia c’era )…LO DICE CHI PRODUCE LAVORO…CHI E’ NEL CAMPO IN PRIMA LINEA. (gli onesti d’ Italia…)

      Grillo: L’euro non è più un problema.(intervista giornale tedesco)—–> dico io: un cazzo…..vai a coltivare barbabietole. Il vero movimento…il M5S..io faccio una netta distinzione tra M5s…e leadership Casalpeggio/Grillo….arrivati a questo punto non son la stessa cosa…si opponga a questa linea.

      Il Grillo con la rinegoziazione del debito ,,,con gli eurobond.. con la decrescita felice di Latouche…con la tassa sui consumi…e con tutte le minkiate che spara…ci faccia le frittelle e se le consumi con il compare: il Casalpeggio.

      Ci sta proponendo cibo avariato. Ho l’impressione che al “vero” movimento cioè il M5s…quel cibo non piaccia. Cambino linea….e rispettino i voleri della base ..attivisti ed elettori.

      Saluti.

      Video:

      http://www.youtube.com/watch?v=nQBurBE5DUI

    • Questi imprenditori del video…son tutti del nord est….riconosciuti universalmente come i migliori imprenditori in assoluto…perché da quelle parti c’è una cultura del lavoro e dell’ imprenditorialità. (quella sana).molto radicata nel territorio (senza nulla togliere al resto d’Italia..io sono sardo..i capaci stanno pure qua e ovunque .)… sono intraprendenti, attivi, non si arrendono mai…

      Diciamoci la verità: il bacino produttivo..che comprende l’area geografica Veneto -Lombardia..ma anche l’ Emilia Romagna…è il motore economico d’ Italia…

      Sino a due anni fa…quell’area geografica produttiva…era considerata più efficiente e produttiva della Germania , di tutta Europa…e tra le più produttive al mondo.

      Due anni fa ne è uscita. Come mai? guarda caso..il declino è iniziato gradualmente esattamente 10 anni fa….con l’entrata dell’ Euro.

      Altro: l’Italia ha incominciato a perdere colpi…nel 1996..esattamente quando è stata agganciata all’ Ecu (dati ufficiali ..non mi sto inventando nulla )..in via preliminare per poi introdurre definitivamente l’ Euro. Come mai ?

      Guardiamo in faccia la realtà : pane al pane vino al vino.

      Tutti gli altri aspetti negativi…c’erano anche prima (e vanno combattuti …ovvio ). Ma le cose non andavano allo stesso modo.

      LA CAUSA DI QUESTO DISASTRO è L’EURO. INDIVIDUATA LA CAUSA…VA RIMOSSA. punto.

      Tutto il resto son stronzate.

    • @ occhiodifalco 47.1

      la Politica ha il compito istituzionale etico e morale di regolamentare la vita degli esseri umani e delle molteplici attività svolte, dal sistema produttivo e lavorativo all’economia e finanza, istruzione scolastica, giustizia, sanità pubblica ecc…. ma essendo corrotta fino al midollo abdica alla funzione governativa preposta dagli stessi esseri umani che la eleggono.

      Che UE e BCE siano un fallimento monetario è sotto gli occhi di tutti, negarlo significherebbe essere deficienti, ma come tutte le cose realizzate dall’essere umano è perfezionabile, come dovrebbe esserlo il nostro sistema politico-economico nazionale molto più facile da riparare.
      Ripetere come un mantra in questo forum “usciamo dall’€urozona” è come sfondare una porta aperta!
      Il compito arduo del M5S e di voi tutti consiste nel trovare le modalità per rieducare parte di quei 2/3 di elettori PDPDL e gli astenuti, per quanto sia possibile alla corretta analisi critica della realtà che contraddistingue l’Italia rispetto agli altri Paesi UE.

    • confermo al 100% l’analisi di rospo sui mitici imprenditori del (non piu’) ricco nord-est.
      ebbene sì, quegli imprenditori stanno saltando tutti come birilli.
      fino a due anni fa da queste parti la parola cassaintegrazione non esisteva nemmeno sul vocabolario.
      non passa giorno che non chiuda un’azienda o un negozio.
      e vedremo a fine anno…
      stanno resistendo solo le poche aziende che esportano e che si sono specializzate in prodotti o lavorazioni molto apprezzate all’estero:
      perché il made in italy veramente fatto in italy funziona, non siamo ancora il burundi!
      ora si capisce perché sono così arrabbiato contro l’eurogabbia?

      x clessi
      ok, ci siamo capiti.
      pero’ ,quando scrivi “il compito arduo del MoVimento e di VOI tutti”…
      NOI tutti.
      ci sei anche tu.

  • PICCOLO E TRISTE INTERMEZZO

    Ieri ho ospitato a casa un amico che non poteva rientrare alla propria a causa del ciclone orribile che ha colpito la mia regione, distruggendo strade, ponti, famiglie e persone.
    Sono “scesi” sei mesi d’acqua in quattro ore.
    All’inizio del ciclone stavo viaggiando in superstrada, poi hanno iniziato a scendere gocce che, impattando sul parabrezza, lasciavano cerchi grandi come cd rom…
    Ho rallentato tantissimo ed ho viaggiato a settanta.
    Sono riuscito a superare solo due tir perché, in ogni sorpasso, arrivavano secchiate d’acqua tra me e il guardrail, sollevate dalle ruote del mezzo che stavo superando.
    Arrivo a casa ed in 5 secondi netti mi stavo per bagnare come se fossi entrato vestito sotto la doccia.
    Hanno iniziato a scendere vere e proprie cascate d’acqua dalle colline di fronte a casa mia, e l’immagine del TIR di traverso in una galleria, che si vede sul sito del corriere o dell’Unione sarda, sono state riprese sotto casa mia, a 400 metri di distanza.
    Da casa mia, che è in posizione elevata, vedevo la scena e mi sono spaventato quando ho visto arrivare un auto che stupidamente si voleva infilare in galleria, ma dopo pochi metri aveva l’acqua già sopra il cofano.

    Per fortuna ha fatto un’immediata retromarcia.

    In Italia e nel mondo di cose così ne capitano tantissime.
    Volevo solo comunicarlo.

    • Grazie ma io sto alla grande… mi dispiace moltissimo per le vittime e temo scarsità di risorse per riparare le infrastrutture e conseguenti disagi.

    • Caro Maximus,

      sono veramenete addolorato per quello che è accaduto.specialmente a una regione che già sta soffrendo moltissimo per la crisi economica.

      Oltre che addolorato pero sono anche molto incazzato. Credo che l’evento meteorologico sia stato di portata enorme, ma anche che se le strutture di canalizzazione e recezione dell’acqua fossero state migliori con la cura del territorio sul quale si accumula l’acqua e poi defluisce verso il mare certamente le vittime e i danni sarebbero stati minori.

      Il motivo per cui tutto questo non si può fare è la mancanza di moneta (di denaro) alla faccia della mancanza del lavoro he invece in questo momento sarebbe piu che mai necessario.

      Tutto questo per confermare che la crisi indotta dall’Euro e dal sistema economico nel qual siamo sta contribuendo a causare tutto questo.

      E allora confermo la tesi di Maximus, che siamo in guerra.

      I dati economici lo dimostrano, ma non si deve travisare perché i dati economici nascondono i morti e la distruzione come in ogni altra guerra solo che i morti non sono più’ “sparati”, ma sono alluvionati, malati che muoiono per mancanza di cure, suicidi, incidenti stradali etc oppure anche mancate nascite.
      Tutte morti e danni che potrebbero essere evitati alla luce delle potenzialità’ attuali, ma che non lo sono a causa dell’imposizione della crisi da parte della finanza con l’asservimento della politica e del resto della “Casta”..

    • Grazie Mjollnir.

      Come sempre concordo con l’analisi, anche se so che per quello che è successo climaticamente, poteva andare MOLTO peggio di così.

  • Questi “fan di Bagnai” (come si trattasse di una rockstar) mi stanno rompendo i cosiddetti. Ma lo volete capire che il vostro caro Bagnai, un semplice divulgatore economico, ha utilizzato tecniche di marketing per crearsi un nutrito gruppo di follower/elettori? Perché siete sempre alla ricerca di un “Guru”, sia esso Bagnai o Grillo, a cui affidarvi ciecamente nella speranza che risolva tutti i vostri problemi? Non capite che il punto è EMANCIPARSI da chi sostiene di avere la verità in tasca ed avere SPIRITO CRITICO in qualsiasi caso? Bagnai fin da quando ha aperto il blog sapeva che avrebbe portato voti a B. È nato per questo! Non vi siete mai resi conto? Il suo blog è sempre stato un’applicazione di tecniche di comunicazione:

    – Un lessico fatto di neologismi che si riferiscono a cose, persone o a ragionamenti (banalizzandoli e semplificandoli in una sola parola): piddini, castacorruzzionebrutta, Ciiiiiina, leteoriedibagnai, Donald, Marxisti dell’Illinois, Ortotteri ecc…dà un senso di unione, definendo un linguaggio di gruppo (tipico delle sette come Scientology), che i suoi accoliti ripetono continuamente. Guarda caso, tra l’altro, non c’è mai stato nessun neologismo CONTRO Berlusconi , il PDL o qualcosa da loro fatto/proposto.

    – Un atteggiamento elitario: noi abbiamo capito e siamo l’élite del Paese (parole sue), gli altri non hanno capito niente. Serve ad esaltare i membri del gruppo, facendo loro credere che siano MEGLIO degli altri e che siano i pochi illuminati.

    – Individuazione di un solo nemico: l’euro. Un obiettivo unico e ben definito, perciò tutto il resto passa in secondo piano. Serve anche ad aggregare individui di orientamenti politici differenti…perché il fine è smantellare l’euro, non conta nient’altro.

    – Motivazioni che fanno leva sui sentimenti: lo faccio per il “bene del mio Paese e per i miei figli” (non vi ricorda qualcun altro?). Non lo faccio per i soldi o per ambizione personale.

    – Utilizzare continuamente riferimenti alla propria famiglia: er Palla, Uga, Rockapasso…così tutti i membri del gruppo si appassionano alla famiglia Bagnai, come se fosse la loro.

    – Un modo di fare altezzoso, maleducato, arrogante, “io non ho bisogno di nessuno, voi avete bisogno di me”…serve a dare “carisma”, a trasmettere sicurezza in sé stessi (ricordate Mourinho all’inter?).
    Inoltre tratta gli altri come se fossero “ragazzini di seconda media” (sgridandoli, dicendo loro cosa devono fare, cacciandoli dal blog o da twitter ecc…). E più lo tratti male e lo rifiuti, e più il bambino vuole giocare con te: ci sono alcuni che dopo essere stati bloccati, anche con insulti, da Bagnai su Twitter, lo IMPLORANO di essere sbloccati, giurando di starsene buoni in futuro…questo è il risultato!

    – Post tecnici economici per dare “credibilità”, che vengono spacciati come chissà quale grande verità, quando sono in realtà lezioni basilari di macroeconomia (approfittandosi dell’ignoranza e disinformazione sui temi economici dei media tradizionali).

    – Non parlare mai bene direttamente dell'”amico” (altrimenti si è meno credibili), ma parlare male di tutti gli altri. Bagnai ha criticato il m5s, il PD, il centro, l’estrema destra e sinistra….cosa rimane? Sì, quelli che ora sta per appoggiare apertamente.

    – Porsi su un piedistallo e annullare tutti gli altri “IO”; lui comanda, gli altri non contano nulla e devono obbedire senza fare domande. Altrimenti “clic” (cioè eliminati da twitter o dal blog).

    ecc….ecc…ecc…

    Quali sono gli effetti? Gente che qua su byoblu scrive “io ho fiducia quasi incondizionata in Bagnai”.

    Mi è piaciuto comunque un suo tweet recente:

    ” ‘Io voglio vendere 150000 copie’ Er Palla:’Perché tu vuoi sfruttare conformismo e consumismo’. E io: ‘Meglio sfruttare risorse abbondanti’.”

    Già, dice bene Er Palla…sfruttare conformismo e consumismo. Questo è il vostro idolo, buona fortuna.

    • Per me Bagnai è simpatico, intelligente ed ironico.
      A volte è nervosetto perchè riceve anche 1500 messaggi e poemi al giorno, che si deve leggere prima di pubblicare, poi ho sentito dire che è anche professore universitario ed ha famiglia o no?
      Il suo sito ha bisogno di strutturarsi, così non regge, e quindi servono soldi e moderatori, secondo me.

      Tuttavia ci tengo con orgoglio a dire una cosa: io non sono stato convinto da Bagnai rispetto al tema dell’euro… sono cose che penso da oramai dieci anni e trovo molto, molto piacere a trovare qualcuno che le sa mettere così bene a sistema.

      E’ una goduria.

    • Se ci sarà ancora il Berlusca al potere, non sarà propriamente una goduria. Ma staremo a vedere…volevo solo condividere delle osservazioni che farebbe chiunque abbia studiato tre sciocchezze di marketing/psicologia sociale (e Bagnai disse in un commento che sul marketing non voleva lezioni da nessuno…e te credo).

    • Tutto vero tutto giusto.
      Pero ‘ non puoi non vedere l’onesta’ intellettuale di Bagnai.
      Non siamo alla ricerca di guru, siamo alla ricerca di persone di valore che ci aiutino nel nostro obiettivo:
      Uscire dall’euro gabbia per non fallire.

      Insisto, guardi troppo le persone e poco i contenuti.

    • Caspita, Bagnai lo segui proprio bene…
      ma poi scusami, andiamo alla sostanza, per te l’euro è o non è un problema? E se si, quanto grande?

    • Guarda, è proprio perché guardo i contenuti che lo dico. Non bisogna seguire la persona, che a priori vuole portare, da quando ha fondato il suo blog, elettori verso il centrodestra e non verso il m5s (quindi sull’onestà intellettuale ho parecchi dubbi); bisogna piuttosto portare i contenuti, cioè l’uscita dall’euro, al m5s. È da tempo che lo dico su il FQ, sul blog di Grillo, ad amici e parenti. Ma giusto perché credo che dalla base del m5s possa nascere qualcosa di buono, in quanto su Grillo e Casaleggio ho opinioni simili a quelle che ho espresso su Bagnai.

    • La base del M5S è composta da bravissime persone.
      Molti rappresentanti parlamentari sono tra le figure più competenti in parlamento.
      E’ anche vero che vi è approdata anche qualcuno totalmente impreparato se non su tematiche rozzamente no-global, ma rispetto a certi rotoloni di carta igienica che circolano e parlano delle fesserie, sono comunque dei mughetti profumati.
      Inoltre mentre a me Grillo piace tuttora tantissimo, anche se commette gravi errori in ambito economico (su consiglio di chi?) per uno che, come lui, vorrebbe abbattere il sistema, Casaleggio non ho ancora seriamente capito se ci è o ci fa.
      Da un lato non vuole apparire e parlare, dall’altro scrive libri di tipo quasi egocentrico… ma gente normale in Italia no?

    • @Maximus

      Seguo Bagnai dal 2011, da quando ha fatto i primi post su goofynomics; l’ho trovato per casualità, avendo sempre seguito economisti di impronta socialista o keynesiana…insomma alternative al neoliberismo/monetarismo imperante. L’euro è un problema ed è un problema impellente (vedi i 32 miliardi che Letta ha già destinato all’Europa, tra privatizzazioni e tagli). Ma è fondamentale chi promette di uscire dall’euro e cosa farà dopo.

    • Sondaggio ballaro’ :
      contrari all’euro 31%.
      Favorevoli 60%

      E ‘ l’effetto di bagnai da santoro??

      Ps il commento a questo strabiliante dato da parte un emerito prof della Cattolica ( dove insegna anche Borghi ndr) e’ che non possiamo uscire da qualche cosa che non c’e’ …quindi l’euro non c’e?!
      Bagnai tutta la vita , please!!!

    • Be mi pare di aver capito che anche qualcun’ altro non si fida di Bagnai.

      Ho capito perche’ non mi fido di Bagnai

      La qualita’ primaria ed indiscutibile di Bagnai e’ la capacita’ di render una materia come l’ economia o la macroeconomia digeribile a tutti.
      Questa cosa mi ha ricordato un’altra persona che nello stesso modo riusciva a spiegare l’ arte nelle sfumature piu’
      complesse. Era un piacere ascoltarla..
      Era la fine degli anni 80 (se non erro), il programma era il maurizio costanzo show la persona si chiamava vittorio sgarbi (tutto in minuscolo, questo onore se lo sono guadagnati sul campo)!

      Mi fido di Bagnai come economista, non mi fido di Bagnai come politico qualora lo diventasse!!

    • @Pippospano

      Beh, Sgarbi e Bagnai poco tempo fa a Matrix si sono trovati alla perfezione (Sgarbi leggeva “Il tramonto dell’euro” in studio mentre gli altri parlavano); essendo Sgarbi una prostituta intellettuale berlusconiana (una sua frase celebre è: “il sistema è talmente corrotto che tanto vale approfittarne”) e anche condannato per truffa allo Stato (oltre che ex sindaco di un paese sciolto per mafia) non ho, per usare un eufemismo, una grande stima nei suoi confronti (mentre Bagnai ha avuto parole di elogio su twitter…per quanto mi riguarda un altro tassello che si è aggiunto). Quindi il paragone può reggere. Il punto è che in Bagnai ho notato una simpatia verso B. e il PDL fin dai primi suoi post, e l’utilizzo di una serie di tecniche di marketing tipiche di quella parte politica (ho dimenticato di citare le lettere strazianti che lo incoraggiavano ad andare avanti, o i problemi di salute che ha avuto a causa della sua battaglia contro l’euro…roba alla Silvio). Comunque non solo tu hai avuto brutte sensazioni.

    • L’ultimo perché non ho assolutamente voglia di fare l’avvocato difensore a gratis.
      Secondo me state esagerando .
      Bagnai in politica non lo vedo e non ci vuole entrare.
      Bagnai e’ un ottimo consulente ( chiamiamolo così) per il partito che voglia farci uscire dall’euro .
      Il movimento deve prendere una posizione chiara e nettata sull’argomento .
      Stanno tergiversando.La colpa e’ di Bagnai?
      Claudio l’ha presentato ai vertici, se non si sono trovati un motivo ci sarà . Chiedetelo a loro.

  • Qui il video di Warren Mosler…nella sala conferenze del Parlamento Italiano ..la settimana scorsa….non credo che il video sia completo …qui sono i parlamentari del M5s..che lo bombardano di domande.

    Si parla dei Certificati di Credito….e della proposta di Reddito di Cittadinanza portata avanti dal M5s rispetto alle proposte di Mosler…il piano per la piena occupazione…per assorbire in breve tempo TUTTI i disoccupati. (cioè realizzare i ciò che dice il primo articolo della Costituzione Italiana: Bravo Mosler !!! )

    Da precisare: non sto sponsorizzando la Me-Mmt..in questo forum. Gli argomenti trattati fanno parte delle discussioni in questo forum. D’altronde la proposta di collaborazione c’è stata (secondo me fatta in mal modo..anzi in pessimo modo ..quelli della MMT hanno sbagliato approccio…non ci si propone in quel modo )..e si sa come è andata a finire . E non me ne frega un piffero. L’importante che il M5s cambi linea economica…se lo fa con la MMT o con altri..secondo i suoi criteri poco importa. Il problema è che non lo fa. Sta proponendo minestre avvelenate….e anche un po ridicole.

    Il traduttore ..non rende esattamente bene quello che Mosler dice. Ma i traduttori in parlamento son tutti così?? che orrore…soprattutto nella fase iniziale.

    ciao

    http://www.youtube.com/watch?v=Jw6dZxmayxM

    • ho risentito il video…mi rimagno cio che ho detto sui traduttori….in questo video è dignitosa: in un altro frangente..so che quando entrava in tecnicismi ci son stati problemi.

    • Anche Mosler contro il reddito di cittadinanza… ma che strano, no?

      Io vorrei sapere chi è il primo che ha messo sto veleno in giro per cui adesso i nostri parlamentari si devono arrampicare sui vetri per riuscire a fare un disegno di legge che si chiamerà RdC ma che dovrà essere qualcosa di diverso.

      C’entra niente il Bruno Leoni?

  • BAGNAI VS VACIAGO

    Parto da Bagnai: brillante, lucido, spietato, a volte affetto da isteria da stress ma profondo amante dell’Italia e della sua cultura, oltre che di quella europea.

    Ma, mi rivolgo ai critici di Bagnai, vogliamo riflettere su ciò che ha detto ieri a Ballarò il brillante Giacomo Vaciago?

    Vaciago (oltre che economista, ex sindaco PDS di Piacenza) ha detto che si è formata un’economia di subappaltatori della Germania, che va dalla Polonia a Bologna e che l’ex indotto FIAT non produce più per la Fiat che è scappata me per le industrie tedesche ed oramai molti si trasferiscono in Germania, e l’euro NON ESISTE?

    Ma ci rendiamo conto dell’abominio?

    Le cose descritte da Vaciago sono vere, ma sono proprio L’EFFETTO DELL’EURO: una moneta troppo forte per la produzione industriale italiana e per i suoi cittadini, con imprese che fuggono in cerca di minori tasse o di ridurre i costi industriali avvicinandosi a chi invece, con un euro moneta “debole” in termini relativi, per la propria economia, prospera a danno degli altri.

    Vaciago non ha amor di Patria.

    E’ celebre per la seguente affermazione: “Chi non evade le tasse, evada dall’Italia”.

    E poi per gli italiani che succede?

    Poi ha detto che l’Italia deve guardare al nord Europa per non finire nel nord Africa (in senso spregiativo, chiaramente !!!)… ma si guardi attorno, Vaciago, con l’Euro è proprio quello che OGGI sta accadendo al nostro Paese, tradito da sta gente qua.

    Ma è mai possibile che filtriamo le pagliuzze di Bagnai e ci lasciamo passare, non dico dove, le travi di Vaciago?

    P.S. Ballarò si conferma una trasmissione o di ignoranti o di persone in mala fede, o entrambe le affermazioni.

    • P.S. SONDAGGI DI BALLARO’

      Guarda che il sondaggio 31% contro l’euro e 69% a favore è una fiction pro euro.

      Oggi, secondo sondaggio indipendente fatto su campione di 5000 persone (e non di 1000) e fatto con domanda corretta, il ritorno alla lira è voluto dal 48%, la permanenza nell’euro dal 44%, gli altri sono indecisi.

      Il sondaggio da un esito a seconda della domanda, e la domanda la si fa sulla base di ciò che interessa a chi paga, e chi paga è lo stesso che ha chiamato Vaciago a dire ciò che ha detto.

      La verità è che si stanno cagando addosso, chi? Le banche che controllano e finanziano giornali e giornalisti. Loro si che hanno interesse a rimanere nell’euro e nei salvagenti lanciati da Draghi e da tutti noi, con tasse e risparmi. Ma noi NO.

    • @ Alberto

      SAI PERCHE’ BAGNAI ATTACCA PD E M5S?

      Semplicemente perché non si capacita del fatto che chi si candida a rappresentare i valori sociali del welfare, dell’uguaglianza, della difesa degli interessi della classe sociale più debole, instilla e difende ideologie mercantiliste e monetariste, estremamente contrarie a quegli interessi di riferimento, difendendo l’euro che è lo strumento principale della catastrofe, ed inoltre accusa (ciò vale solo per il PD) chi tenta di opporsi allo stato di fatto, di populismo.
      Sul M5S invece detesta l’atteggiamento ondivago sull’euro, un giorno è il problema,l’altro no, poi si vogliono due euro, poi nulla…

      Bagnai insomma sente tradita (o sedotta e abbandonata) la classe sociale maggioritaria del paese, che sta pagando amaramente il prezzo dell’euro forte agganciato al marco.

    • @MAXIMUS

      Mi spieghi perché Bagnai non applica, e non ha mai applicato, lo stesso metro di giudizio con Berlusconi? Non ha mai avuto B. un atteggiamento “ondivago” sull’euro? Ti ricordo che la maggioranza attuale (e precedente) è tenuta in piedi da lui (ha detto fino alla sett.scorsa che Letta sta facendo un buon lavoro!!!!). Vai a leggerti i tweet di Bagnai ora, ha già lasciato intuire che dovranno schierarsi…indovina con chi; ma penso che qua ci siano molti ex berlusconiani ai quali la cosa non dispiace. Bene così, ma credevo che l’onestà in politica fosse uno dei valori principali del m5s, quindi non sopporto che un elettore del m5s se ne esca con “mi fido di Bagnai quindi sono disposto a votare chiunque”. Comunque finisco qua con il “flame”. Sull’uscita dall’euro (che è indispensabile! è la base per ripartire!) e l’ambiguità dei post di G. & C. sono d’accordo con voi, e l’ho sempre scritto su beppegrillo.it.

    • @ Alberto 51.3

      forse non dice nulla su B perché nulla si aspettava e si aspetta da B. Comunque non posso sapere che gli passa per la testa.
      Per me comunque le ideologie sono superate e superabili, quindi se Fassina, Grillo, Casaleggio, Renzi, Berlusconi, Alemanno, Pippo Baudo e chi per loro dovessero intraprendere una chiara strada per l’uscita dall’euro, potrei votarli, perché l’euro è lo strumento principale della nichilizzazione della società in cui viviamo, molto ma molto più di quei nomi che ho fatto.

      Certamente preferirei un nuovo soggetto politico ad hoc, con persone serie, esperte ed affidabili, chiaro?

  • Trovo assolutamente irrazionale fare del flame sul divulgatore e intellettuale più popolare tra le persone più colte e oneste del paese. In particolare tra gli attivisti a 5 Stelle.

    Se non l’avete capito, chi ha promosso e ha fatto conoscere colui che per primo può parlare di macroeconomia in prima serata nel cuore di piddolandia (da Santoro e Travaglio), sono stati proprio gli attivisti a 5 Stelle (molti dei quali lo hanno votato per essere intervistato da Claudio).

    A voi sta bene farvi un paiolo così nelle istituzioni, con contro tutti dai Comuni al Parlamento, quando la tua IMMAGINE e PROPAGANDA dipende da un organo di informaizione (è ormani questo beppegrillo.it) che manda continuamente messaggi disfunzionali agli obiettivi condivisi?

    A voi sta bene che nonostante gli economisti che non sono vicini al mondo industriale e finanziario tipo http://vocidallestero.blogspot.it/2013/11/sapir-le-ragioni-della-ricaduta.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed:+VociDallestero+%28Voci+dall%27estero%29 propugnino analisi incontrovertibili, si continui a fare cattiva informazione economica o, peggio, direttamente propaganda “neoliberista”?

    I miei post su beppegrillo.it non li ha scritti Bagnai. La testa non ce l’avete anche voi? Vi sta bene così?

    Ma siste dentro il mondo del lavoro? Ma venite a vedere cosa succede in Lombardia o in Veneto.

    Vi fidate di Krugman o di quel fascista e collaborazionista di Vaciago? Come italiani siete orgogliosi di avere ististuti di propaganda al servizio degli oligarchi come il Bruno Leoni? Goebbles che hanno messo in prima linea degli ignoranti come Giannino?

    Sta facendo più danni beppegrillo.it che i piddini infiltrati che si prestano al gioco mediatico di calunnia verso il MoV.

    • Ma quando Mosler boccia categoricamente il RdC davanti a tutti i parlamentari a 5 Stelle, Claudio cosa pensa?

      E’ MEGLIO AMMETTERE DI AVERE UN PROBLEMA SULLA LINEA POLITICA (quella che conta, ovviamente) CHE VIENE PASSATA DAL VERTICE.

      Ho parlato con i ragazzi in Parlmanento, so che è un inferno.

      Non si può andare in guerra a farsi massacrare da media e burocrazia, senza aver un solido coprifuoco dall’unico mezzo mezzo maistream che abbiamo.

    • “il divulgatore e intellettuale più popolare tra le persone più colte e oneste del Paese”…permettimi, non sei il rappresentante delle persone colte ed oneste del Paese: è una tua opinione ed affermazione con linguaggio pubblicitario. Detto questo, per me può essere anche il Padreterno e l’uomo più “popolare” del mondo, ho semplicemente sottolineato che da sempre tratta coi guanti Berlusconi (non si sa perché), e che ora twitta ai suoi che bisognerà fare una scelta precisa perché “ho bisogno di partner forti e affidabili”. Tradotto in italiano: sta portando da due anni voti a Berlusconi. A voi sta bene così? Ottimo. A me no. Sono stato uno dei primi a seguirlo e l’ho anche pubblicizzato, ma poi ho iniziato a capire dove volesse andare a parare (e lui direbbe,con i suoi neologismi, “lui è fuuuurrrrbo”…altra tattica di marketing per dileggiare nel suo gruppo chi dissente o si pone degli interrogativi): e guarda caso ci avevo azzeccato! Io solo questo ho detto. Sull’uscita dall’euro sono ovviamente d’accordo:è indispensabile e va fatta il prima possibile!!!! E così pensa la maggioranza della base del m5s.

    • No, non te lo permetto.

      Il tuo comportamento è irrazionale: l’ultima cosa che farebbe mai chi prova a sensibilizzare su temi esiziali è screditare chi li promuove.

      Non vorrei mettere in dubbio la tua buona fede.

    • la soluzione al problema non l’hanno gli economisti, la soluzione è politica, prima dei tecnicismi o tecnicalità esiste la volontà dell’uomo.

      Gli economisti possono fornirci descrizioni del modello di sviluppo con analisi meramente meccanicistiche del funzionamento dell’economia unita alla finanza, correggerne gli ingranaggi implementarne il modello applicando formule matematiche e calcoli statistici asettici limitatamente allo strumento, ma non hanno il potere decisionale per applicare in scala nazionale ed internazionale quel dato modello-sistema di sviluppo economico e finanziario se non glielo permette la politica dei governi nazionali.

      E chi ha fatto entrare l’Italia in questo modello di sviluppo economico-finanziario €uropeo se non la politica nostrana?
      Senza che nessuno li obbligasse, i nostri politici si sono seduti al tavolo da poker per giocare con l’€uro senza esserne capaci, ora che siamo sotto di miliardi di €uro vogliamo lasciare il tavolo senza pagare i debiti? Possiamo abbandonarlo senza subire spiacevoli conseguenze? Sarebbe più facile stanare i bari (sappiamo senza dubbi chi sono) fargli restituire il denaro vinto illecitamente o azzerare il debito visti gli esosi interessi già pagati….. ma questi politici-giocatori nostrani sono privi di coraggio oppure sono soci in affari con i bari per spartirsi il denaro dei cittadini italiani.

      La soluzione è in mano alla Politica corretta…..

    • Certo, sono un emissario del PD che vuole scardinare l’opera di salvataggio dell’Italia messa in atto dal noto paladino della Libertà Berlusconi e dal “cavajere nero” Bagnai. Ma fam el piasè. Cercavo di condividere alcune osservazioni su Bagnai, considerando che altri, come me, hanno espresso delle perplessità. Vengo sempre su byoblu e, leggendo i vari commenti, non mi sono trattenuto. E ho sottolineato trenta volte che dall’euro bisogna uscire il prima possibile. Scusate se ho disturbato eh.

    • @ Alberto
      Il dubbio è sempre un bene della democrazia, quindi stai quì nel forum, tuttavia magari storce un po il naso che con tutti i puzzoni che stanno in giro, si vada a fare il contropelo proprio a Bagnai…

  • @ occhiodifalco 47.11

    non ci crederai ma da tempo prima che nascesse il M5S cerco di divulgare poche verità indiscutibili e non negoziabili essenziali per discernere il bene dal male come i principi sanciti nella Carta Costituzionale.

    Gli eletti e non solo del M5S dovrebbero far sapere durante le poche interviste giornalistiche concesse: “vogliamo applicare alla lettera i principi costitutivi della repubblica italiana ma pdpdl ecc… non ce lo permettono, perché verrebbero spazzati via insieme alla crisi, visto e considerato che sono principi e valori costituzionali condivisibili dalla stragrande maggioranza degli italiani gli stessi dovrebbero comprendere che gli unici in grado di applicarli siamo noi M5S”.

    Se gli italiani non capiranno…. beh! AMEN e sia fatta la volontà degli acefali al governo.

  • Io consiglierei a chi in questo forum pensa che il problema per cui la gente soffre e si suicida in questo Paese è Berlusconi (e la Kasta) e NON l’€uro+Maastricht, di tornare a votare PD.

    In amicizia: siete il peggior danno al M5S

    • Un problema non esclude l’altro. Il vero danno del m5s sono le pecore che seguono il guru di turno, annullando il proprio spirito critico e la capacità di analisi , e affidandosi ciecamente alla “persona più popolare del momento”. Seguire Bagnai ovunque e comunque, come qualcuno ha affermato, non credo sia nello spirito del m5s. Forse ho capito male io. O forse ho capito bene, ed è giusto che certa gente ritorni all’ovile da chi ha una concezione della politica centrata su un uomo solo. Io ho fatto solo delle osservazioni, nella speranza di avere un dialogo e di non essere attaccato. Se pensare autonomamente e pormi degli interrogativi significa essere un “danno”, sono orgoglioso di esserlo. Tanti saluti.

      P.S.
      se il riferimento era a me, come è ovvio che fosse, sappi che non ho mai votato PD. Inoltre, giusto per ricordartelo, B. è stato complice quanto il PD del sistema euro+Maastricht.

    • l’€uro+Maastricht non ce lo hanno imposto dall’estero lo hanno accettato i nostri politici TUTTI INDISTINTAMENTE anche la kasta e berlusconi, tranne il M5S arrivato ieri l’altro nelle istituzioni di questo Stato allo sbaraglio.

      Quindi secondo logica e raziocinio il nocciolo del problema si trova in Italia, IMPERATIVO è SPAZZARE VIA LA KASTA conseguentemente potremo risolvere il problema €uro+Maastricht.

    • @Clesippo

      Appunto questo stavo sottolineando. Bagnai ha sempre dato la colpa esclusivamente al PD, deresponsabilizzando totalmente Berlusconi. Come tu ricordi, invece, B. è un complice esattamente quanto il PD (diavolo, è ancora in maggioranza con Letta!!!! Mica sono un complottista!!! È sotto gli occhi di tutti!!! Il primo consigliere di B. dal 1994 è lo zio di Letta!!!). Bagnai è troppo furbo per non capirlo/saperlo. E allora perché? Non lo so. Comunque bisogna far capire al duo G. & C. che l’uscita dall’euro è indispensabile. Voglio un post su beppegrillo.it che, senza ambiguità e soluzioni strambe (euro a due velocità ecc..), dica “fuori dall’euro!”. Io mi appello a Messora, visto che ha un contatto diretto coi due.

    • ———-
      l’€uro+Maastricht non ce lo hanno imposto dall’estero lo hanno accettato i nostri politici TUTTI INDISTINTAMENTE anche la kasta e Berlusconi
      ————
      ————

      Fesserie gigantesche…

      Come sono andate le cose,lo ho scritto io ed altri in altri post. Non c’è più sordo di chi non vuol sentire. Ormai tu sei “cronico”…

      Bisogna leggerli i post che fanno gli altri e poi cercare i riscontri da te nell web o altrove per verificare se rispondono a verità o meno.

      Non stanno affatto così le cose……ma neanche per idea

      Ci son delle precise responsabilità,che non vanno equamente divise. Scrivere certe fesserie vuol dire fare “dialettica scorretta “…mi auguro che tu sia in buona fede. Sbagliare è umano insistere è diabolico …–non si dicono le bugie–

      Che bisogna fare copia incolla di cio che si è scritto su questo…per condensarlo in un solo post? per poi sfidare chiunque a smentirlo ?

      La dinamica di come siamo stati messi in gabbia, e le responsabilità di chi si è prestato a tutto questo e di chi si sta prestando attivamente ..son ben differenti da quello che tu lasci intendere. Sei un perfetto PD…altroché M5s.

      Saluti

    • Si da la generica colpa a tutti per salvare chi veramente ha una terribile responsabilità. Torna nel tuo vero partito per cortesia.

    • @ Alberto, la mia risposta era per Virus.

      Comunque chi entra nel M5S dovrebbe abbandonare le proprie convinzioni “religiose” di cdx o csx causa di ogni incomprensione, affidarsi a quei 5 punti fondamentali se pur migliorabili del MoVimento ed a chi li porta avanti con molta difficoltà, non sono qui per difendere la leadership di Grillo e Casaleggio, ma la complessità del tema euro è chiara a tutti, anche a quei professionisti dell’economia che mostrano grafici e formule su fatti ante e post-€uro non confrontabili con altri precedenti storici, per cui diventa difficilissimo asserire con certezza quale sia la soluzione ottimale al problema, come dovrebbe essere chiaro a tutti che disgrazie e successi economici di un popolo dipendono esclusivamente dalla politica e dalla capacità di chi la attua e quindi origine del problema.

      Se l’AD di una azienda firma un contratto accettandone le clausole per far entrare l’impresa da lui condotta dentro una holding internazionale e poi la holding fallisce creando problemi alle consociate la colpa di chi è?

    • @Anita-M

      Quindi Berlusconi dal 1996 si è opposto all’euro? All’epoca non si poteva prevedere il disastro, mi dirai. Benissimo. Quindi chi, dopo l’evidente disastro, ha appoggiato Monti nel 2011, e attualmente sta ancora appoggiando Letta, dicendo addirittura che “sta facendo un buon lavoro”? Mia nonna? Questa non è dialettica scorretta, sono fatti! Io so benissimo quali sono le responsabilità del PD (ed essendo io di sinistra, nel senso economico di “redistribuzione verso il basso”, puoi ben capire che un finto partito di sinistra, sia per me il peggio possibile ed immaginabile), ma non sopporto chi toglie responsabilità all’altra parte. Spesso chi lo fa votava precedentemente Berlusconi, e non trovo giusta questa mancata capacità di autocritica. Ma tu chi sei per dirmi “torna nel tuo vero partito”? Mah.

    • x Alberto e Clesippo.

      Scusa Alberto…i miei due post erano in risposta a Clesippo non a te,con Clesippo ho già avuto confronto.,ed era tutto rivolto a Clesippo…

      che a mio parere è duretto di idee..nel senso che non le mette in discussione manco se lo ammazzano : è fermo in un certo quadretto irrigidito e cristallizzato.

      Quel torna nel PD era riferito in tono provocatorio —non come giudizio supponente da parte mia, non mi permetto ne con lui ne con altri— a Clesippo.

      Lui non so se se ne rende conto o meno, ma “sostanzialmente” è in perfetta linea con ciò che dice il PD, cosa più cosa meno.

      A volte provocando si scatenano reazioni positive dall’ interlocutore—-anche se ho il dubbio per non dire la certezza che con Clesippo non funziona—- però tentarci non nuoce.

      Chissà che non riesca io dove altri non son riusciti dopo abbondanti spiegazioni. Illusione mia ovviamente.

      Tu sei molto più avanti del Clesippo: sei contro l’euro. questo basta e avanza, il resto conta relativamente, non si può essere perfettamente concordanti in tutto e per tutto. Fa parte della natura umana : è normale.

      L’importante che ci sia denominatore comune nel tema principale dell’argomento : l’euro !!

      Purtroppo comunichiamo tramite scritte , e a volte si ci fraintende vicendevolmente 😉

      Saluti a tutti e due 🙂

      ps: Clesippo fai da bravo su..e adeguati alla evidente verità, non continuare a chiuderti in ragionamenti tutti tuoi non collimanti con la oggettiva realtà. Essere contro questa moneta malvagia che ci è stata imposta da gente malvagia per fini malvagi —-la realtà lo sta dimostrando— è un dovere per il nostro stesso bene e per il nostro futuro e per il futuro dei nostri figli. Ne va preso atto.

    • @Anita

      Scusami tu, avevo avuto un diverbio con Virus e mi sono sentito attaccato anche da te. Ad ogni modo, non me ne volere, ma il giudizio su quanto io sia avanti o indietro, preferisco darmelo da solo (il “frame” della “insegnante di sostegno che giudica i bambini un po’ indietro”, lasciamolo alla Boldrini! L’accostamento sarebbe ingiusto nei miei confronti, ma soprattutto nei tuoi! 😛 :-P). A parte questo, sono d’accordo con te, ci sono certamente responsabilità più gravi e meno gravi, un po’ come a Norimberga. E non voglio più parlare di Berl., quello che volevo dire l’ho detto. Focalizziamoci sull’uscita dall’euro e sul portare avanti un programma economico che sia degno di questo nome. Le uscite di Grillo, vedi le ultime sul “chi vuole lavora, chi non vuole non lavora” o “alziamo l’IVA e abbassiamo l’irpef” o ancora sul “ristrutturiamo il debito”, stanno distruggendo il lavoro della base. Io, nel mio piccolo, ho convinto diverse persone a votare il m5s; ma quando mi chiedono allibiti: “ma cosa voleva dire Grillo con ‘diamo a tutti un reddito a vita e chi non vuole lavorare, non lavora’…io non so, giustamente, cosa dire. O si prendono quei due, G. & C., per la giacchetta e gli si chiede dove diavolo vogliano andare con questi post e uscite da punto interrogativo in testa, oppure prevedo una perdita di voti cospicua. Il centrodestra, avendo fiuto per gli affari, ha già annusato il vento no-euro e si è accaparrato, e questo cercavo di evidenziare, da diverso tempo l’economista che tutti noi abbiamo apprezzato perlomeno per la sua opera di divulgazione; noi cosa si fa?

    • Fate tenerezza…
      In soldoni : il ” PD “è il colpevole dell euro gabbia (che poi quando fu concepita ed attuata l eurogabbia, nemmeno esisteva il PD ).
      Ad oggi l’ unica alternativa e speranza per cambiare il paese era cercare un alleanza proprio con quella parte del PD eletta dal basso (la cui esistenza ovviamente è negata e che nessuno osi dire il contrario , pena l’espulsione ), col fine di attuare riforme importantissime in qualsiasi ambito sociale ed economico, ma eroicamente avete sputato su questa opportunità al motto di “se firmiamo la fiducia ci trufferanno e i media ci infangheranno” .. il PD ve l’ha messa in quel posto e i media vi stanno coprendo di merda come mai 😀 , e finalmente al motto di “il berlusca non è il male assoluto” , spianate la strada al ritorno del berlusca che grazie al bagnai spolperà il vostro elettorato e una volta diventato premier farà esattamente…. quello che ha sempre fatto tutte le volte precedenti dal 94, che diamine !!

      Geni assoluti!! Un comportamento così fantozziano e tafazziano supera ogni fantasia!!

      Viva il berluscaa , grande silvio , salvaci dall euro!!
      Che bello non vedo l’ora dopo silvio operaio , silvio imprenditore, silvio salvatore di terremotati..avremo il silvio anti euro.
      Spettacolo.

    • @ luca
      in soldoni quali?
      dollari, lire, marchi o euro?

      perché l’eurogabbia l’hanno voluta i tecnici della socialdemocrazia europea e su questo non si discute.

      sorvolo sul resto perché qui nessuno difende il berlusca…
      state travisando la realta’.
      saluti

    • Travisando dici ??
      Nessuno vuole il berlusca..ma è palese che (almeno su sto blog ) aleggi la teoria dell appoggio esterno al berlusca se proponesse una “ricetta anti euro” con il prode bagnai al suo fianco.

      Il berlusca ha esaurito le cazzate da promettere , non si tratta di scelta, è praticamente obbligato a cavalcare l onda antieuro per vincere le elezioni. La strada è praticamente delineata.

  • La psico ossessione “Berlusconi” produce pessimi effetti..a livello individuale e sociale. Berlusconi non ha certamente fatto il bene del paese.

    Ma chi “veramente” ha fatto male in profondità al nostro paese è il PD.

    Lo ha legato mani e piedi e lo ha venduto alle peggiori élite finanziarie. Si è prodigato per introdurre una moneta straniera perfettamente cosciente che sarebbe stata disastrosa, il tutto per assecondare i disegni di certe elite di cui è il referente in Italia . Oggi son al servizio totale di quei poteri forti internazionali. I veri , autentici “reazionari” i veri autentici “fascisti” (per l’accezione negativa che si da a questo termine ) sono i Piddini.

    Hanno messo in atto le privatizzazioni selvagge negli anni 90, svendendole a a personaggi come De Benedetti e altri ..capitalisti di sinistra..che fanno soldi non esercitando un imprenditorialità sana e produttiva…ma distruggendo aziende con giochini.
    Prodi ha venduto realtà economiche a partecipazione statale a prezzi ridicoli e quei “signori” prima menzionati le hanno rivendute a prezzo di mercato lucrando una montagna di denaro (denaro nostro ). Il tutto con la supervisione e benedizione del PD. Erano le direttive UE e del FMI..e il PD è molto sensibile agli imput di tali organismi…questi ultimi ordinano e il PD prontamente esegue.

    Berlusconi…ha tutto questo a detto no….e ha tentato pure di uscirne da questo inferno ove ci siamo cacciati.Vedasi cosa dice Bini Smaghi..allora alto funzionario della BCE..e dichiarato nemico di Berlusconi.

    Tirando le somme…tra i due mali Berlusconi & PD….quest’ultimo è di gran lunga peggiore.

    Il resto è psicoide ossessione di residuo berlusconismo /antiberlusconismo..della peggior specie.

    Bravo Bagnai…..spero che faccia un buon lavoro in quella parte con la quale sta dialogando.(non ho dubbi…vista l’alta qualità tecnica e non solo di Bagnai )

    ps- Io seguo la ME-MMT e frequento regolarmente i gruppi territoriali (frequentatissimi da tanti del M5s tra l’altro )…criticata nei suoi contenuti teorici (su alcuni punti a mio parere non a torto ) e detestata da Bagnai.

    Eppure dico: grande Bagnai….per quel che ha fatto e per quel che sta facendo ..il titolo “il magnifico” glie lo do a pieni voti.

    Il resto son cazzate piddine…o para-piddine.,,,o neo-piddine….fate vobis.

    Bravi i Metallica..bella song

    ciao ciao

    Rock ‘n’ Rospo…..

    Sex, Politics (la droga fa male..meglio l’economia politica ) and Rock n Roll….;-))

    http://www.youtube.com/watch?v=cbV190MjKiU

    • Dire che Berlusconi è una “psico-ossessione”, perdonami, è un argomento banalizzante da chi non ha argomenti. È come, tra l’altro, quelli che dicono “bagnai è ossessionato dall’euro”. La mia non è una ossessione, ho per fortuna anche altro a cui pensare nella vita. Mi basta comunque questa tua frase: Berlusconi non ha fatto certo il bene del Paese (la possiamo rendere “B. ha fatto il male del Paese”?). Dal 1994 non si è mai opposto direttamente alle privatizzazioni (d’altronde proprio lui prometteva una “rivoluzione liberale”); ricordo che era titubante nel 1994 perché all’epoca avrebbe avuto problemi con Alleanza Nazionale (mio fratello in quell’anno, purtroppo, era uno di quelli che girava coi volantini di AN…e di svendere la aziende di Stato non ne avevano alcuna intenzione, salvo poi cambiare idea negli anni successivi, perché, si sa, il POTERE e il DENARO…). A Berlusconi sono sempre interessate due cose: le sue aziende e l’impunità. E per mantenere il potere ha sfruttato, e sfrutta ancora, un monopolio televisivo e una mole assurda di giornalisti/servi sotto il suo libro paga che lo idolatrano. E ti ricordo che dopo la scandalosa legge Treu, c’è stata la Legge Biagi, made in Berlusconi. Sulla lettera della BCE, qualcuno ha detto che sia stato Brunetta a scriverla sotto dettatura, in cambio del mantenimento di B. al Governo. Ti ricordo l’appoggio a Monti e ti ricordo l’appoggio attuale a Letta. Per non parlare di tutta la gentaglia di cui si è circondato, da Formigoni a Cosentino ecc.. Questo non è essere “parapiddini” (io potrei dire che tu sei paraberlusconiano allora? Mah), è dire le cose come stanno. Se per te non è una anomalia, se per te è normale che ci sia un reuccio condannato che fa il bello e il cattivo tempo nel tuo Paese, io non so cosa dirti. Personalmente metto il PD e B. sullo stesso piano, come complici perfetti. E mi sembra di essere più aderente alla realtà. Qualcun altro, economista di sinistra (così dice lui), ha invece preferito sminuire il ruolo del centrodestra, che dal punto di vista economico di sinistra non ha NULLA, nel disastro italico. Perché? Vedremo. D’altronde “everyday for us something new”, come dicono i Metallica…

    • Io invece insisto sulla psico ossessione. Non mi rivolgo a te nello specifico ovviamente parlo a livello generale e sociale.

      aggiungo: psico ossessione e delle peggiori….di natura sociopisicoide …da guarire urgentemente con sanatori psichiatrici sparsi in tutto il territorio.

      Al resto del contenuto del post…potrei farci mille post…ma non voglio entrare proprio in quella tematica ormai patologica.

      Non voglio distrarmi dall’argomento principale ….il vero principale problema , il vero dramma nostro e di 2 terzi d’ Europa : l’ Euro/UE. E’ quasi una missione per me..nel limite di quel che posso fare come singolo…per la mia Patria (uso il termine “Patria” non a caso….termine da rispolverare e valorizzare ) e anche per la “nostra ” Europa (strano che tutti gli europei amino l’Europa e non amino l’ UE ….certi sondaggi che son stati menzionati…son fasulli…e ben più alto il numero statistico anti Euro/Ue in Italia e in Europa )…bisogna farla questa lotta ..per i nostri cugini francesi..che stanno incominciando a soffrire come noi..per la Spagna ma soprattutto per il Portogallo e la Grecia…che stanno patendo le pene dell’ inferno.

      Su cosa è veramente stata la sinistra (che detesto…mi dichiaro solennemente anticomunista anche se è un termine obsoleto..quella ideologia è morta..ci son residui sparsi qua è la…ma poca roba : zombie che camminano…
      e solennemente antisinistra…addirittura me ne vanto è un vessillo che porto con orgoglio: non son mai stato di sinistra ) e cosa è stata la destra e Berlusconi…lo dirà la storia più in là…con il senno del poi forse con più lucidità….ora è troppo presto.

      Forse si faranno analisi storiche più corrette e veritiere quando il termine Sinistra /Destra…in senso politico spariranno “veramente”…..

      Parlo delle responsabilità in negativo e positivo , meriti e demeriti…di entrambe.

      Paradossalmente…condivido tantissimi valori della sinistra ..addirittura anche del Marxismo. Estrapolati da quell’albero malvagio ..ovviamente. Quei valori fatti miei e collocati in un altro ordine e visti da un altra ottica.

      Canzone di 30 anni fa…di Robert Plant (il sosia di Casaleggio sembrano due gocce d’acqua )…dei Led Zeppelin…questa canzone ormai fa parte del “patrimonio storico ” del rock…

      http://www.youtube.com/watch?v=9Q7Vr3yQYWQ

    • Portogallo e la Grecia…che stanno patendo le pene dell’ inferno.

      Cit

      e nessuno ne parla: silenzio di tomba.
      Una mia amica è appena rientrata dalla Grecia…stanno vivendo un incubo. Una tragedia terribile resa silente nel cuore dell’ Europa..e nella nazione che è stata la culla primordiale della nostra civiltà..adesso vogliono distruggere l’altra culla storica della civiltà e della cultura europea: l’ ITALIA…con la supervisione e benedizione del PD..il partito più criminale che l’ Italia abbia mai avuto .

      Nel loro progetto c’è proprio questo: distruggere le identità nazionali e culturali di tutti i popoli europei. Anche su questo forse un giorno ..se non vinceranno loro..la storia giudicherà …e dirà anche chi son stati i maggiori responsabili in senso politico di tutto questo.

      Letta ha scritto un libro intitolato : Morire per l’Europa !!…io lo leggo in un altro senso…nel senso letterale del termine. Ha proprio ragione…Grecia docet !

      Chissà che un giorno questi infami al servizio del Bilderberg , trilaterale, e organizzazioni criminali andando….non saranno processati.

      ….ci son le votazioni Europee….non bisogna parlarne della Grecia. La dittatura dell’ informazione. Tragedia determinata da chi dice sognare un sogno: l’ Europa Unita. L’ INFERNO UNITO…altroché.

    • Il fatto è che B. come tutti i personaggi “forti” a livello mediatico (ed è forte perché ha avuto, e ha, mezzi di propaganda), tende a polarizzare gli spettatori (tra chi lo ama e chi lo odia). Se è patologico odiarlo, è patologico anche considerarlo un grande. Tra chi gli spacca le statuine in testa, e chi va a cantare allucinato, senza sapere nemmeno il perché, “meno male che Silvio c’è”, non saprei quale far ricoverare per primo. Ad ogni modo il gioco di berlusconismo/antiberlusconismo ha giovato sia al PD che al PDL, ed è sicuramente stato un problema, come tu affermi. Già, perché mentre giocavamo al “Berlusca sì, Berlusca no”, ce l’hanno piazzato in quel posto con l’euro. A parte questo, concentrandoci sul futuro: Messora, insieme ai parlamentari, deve far qualcosa per convincere G. & C. sull’uscita dall’euro; altrimenti saranno le urne a convincerli. Vero, Plant è uguale a Casaleggio!

    • Comunque Rospo, forse nei miei commenti non mi sono spiegato bene. Io considero come te il PD un partito criminale, e sono totalmente d’accordo con tutto quello che dici sulla Grecia, sulla massoneria e la finanza internazionale. Ma ti voglio anche ricordare che Canale 5, Italia 1, Rete 4, Raiuno e Raidue sono pro-B. …dobbiamo ringraziare anche lui per un certo tipo di informazione. Quando c’è bisogno di trattare determinati temi, la cara Barbara D’Urso e i vari tg si adoperano con molta pervicacia. DI Grecia non si parla. Le responsabilità non vanno tolte a nessuno.

    • Shardan..ognuno ha le sue idee su chi e cosa ha fatto peggio all italia negli ultimi 30 anni, tu parli di privatizzazioni selvagge io parlo dello scempio socio culturale di un monopolio televisivo che nemmeno è quantificabile , del disastro alitalia, di una politica energetica ed estera russo-centrica con l’amico putin e tutte le razzie dall italia al kazakistan ( con berlusconi e i suoi amici di merende che probabilmente si spartiscono pure il bottino sui conti in svizzera ).

      Quando dici:

      “Bravo Bagnai…..spero che faccia un buon lavoro in quella parte con la quale sta dialogando”

      Parli di una parte politica che non esiste e non è mai esistita!! esiste il berlusca i suoi interessi ,le sue aziende , i suoi processi e le sue puttane e gli italiani che da 20 anni pagano il conto.
      Non si tratta nemmeno di chi ha fatto peggio o meglio al paese, senza un cambio radicale nel sistema mediatico non si andrà da nessuna parte, ergo senza stroncare il conflitto di interessi televisivo-politico berlusconiano non sarà possibile nessun progresso economico e sociale in italia.
      Senza considerare che berlusconi è invischiato come pochi altri in italia nel sistema bancario (con tanto di figlia in mediobanca ) , è praticamente impossibile anche solo immaginarlo come nuovo paladino contro la finanza e l’eurocrazia.
      Bagnai , come qualsiasi altro intellettuale, è assolutamente consapevole di tutte queste cose …quindi a quale pro affiancarsi al berlusca ????!!!
      Come diceva montanelli , quello che bisogna temere da berlusconi sono i premi.
      Il comportamento ambiguo del bagnai merita sospetto e diffidenza, non elogi e riconoscimenti.

      Intraprendere la lotta contro l’euro è una cosa buona e giusta (se ci credi), essere disposti ad abboccare a chiunque tiri l’amo o addirittura giustificare qualsiasi mezzo per ottenere un fine è una porcata senza pari..( già ampiamente condannata dalla storia ).

    • @Luca

      Hai espresso il mio identico pensiero. Almeno so di non essere l’unico. Bagnai, per l’appunto, sa meglio di te e di me ciò che hai sintetizzato su B. (approssimando per difetto, ci sarebbe molto altro). Perché lo mette e l’ha sempre messo in secondo piano? Perché ora, dopo due anni di divulgazione, si va a piazzare proprio da quella parte politica, una casualità? Perché non ha mai fatto notare le incoerenze delle dichiarazioni di B., che da una parte appoggia Monti e dall’altra fa l’oppositore? Perché non scrive che per il precariato dobbiamo ringraziare anche B.? Perché non scrive che B. è dal ’94 per la “ricetta liberale”: tagliare la spesa pubblica e mettere un’aliquota irpef bassa per tutti? Perché, se l’euro è solo l’inizio e conterà il dopo, si schiera con uno che ha, teoricamente, idee opposte alle sue? Inoltre, si reputa un intellettuale e un uomo di cultura, con continui latinismi stile Azzeccagarbugli (per darsi credibilità), e si schiera con chi mette come Ministro una tizia raccomandata che crede ci sia un tunnel dal Gran Sasso alla Svizzera? E dei tagli all’università, e non solo, fatti dai vari governi Berlusconi cosa ne pensa? E di quello che affermava B. nel 2001, cioè che l’entrata dell’euro fosse anche MERITO SUO e che sarebbe stato positivo per tutti, che cosa ne pensa il buon Bagnai? E del fatto che nel 2009, il B. non avesse ancora cambiato idea, tanto che affermava questo: “Se l’Europa è in grado oggi di rispondere con efficacia agli effetti della crisi finanziaria attraverso piani nazionali anti-crisi, è grazie alla ritrovata flessibilità di bilancio e alla stabilità dell’euro”, chennneppenzza (altro suo neologismo-storpiatura per dileggiare chi gli fa troppe domande) Bagnai?
      Montanelli diceva bene, in effetti: B. è ancora il miglior offerente (e un buon economista, come dice Bagnai, si sfruttano risorse abbondanti)…quindi il sospetto è legittimo.

    • Come sempre capita, arriva il tormentone Berlusconi si, Berlusconi no e si perde di vista tutto.

      Essendo una persona libera e non ideologizzata, devo dire che il dibattito sulla maggiore responsabilità della socialdemocrazia europea per il trattato di Maastricht e per l’euro, è un dibattito trasversale a tutti i paesi in crisi.

      Personalmente la penso esattamente come
      il greco Theodorakis: il  popolo non deve essere diviso ideologicamente, ma unito in nome della sovranità nazionale e di quella che Lordon e Sapir chiamerebbero deglobalizzazione.
      Anche in Grecia Theodorakis, come Bagnai in questo forum, è stato accusato di essere “rosso-bruno”, di lasciare cioè spazio alla destra, di essere ambiguo, eccetera eccetera.

      Tali accuse però sono completamente false.

      Theodorakis ha le carte in regola nell’ottica di sinistra: è un eroe della Resistenza (1941-1944), della guerra civile (1946-1949), dell’opposizione alla dittatura dei colonnelli (1967-1974).
      Theodorakis è quindi un esperto di dittature palesi o striscianti ed ha capito che occorre UNIRE TUTTE LE FORZE, TUTTE!!! PER QUESTA BATTAGLIA DEMOCRATICA.
      E’ solo la stupidità settaria che non ha le carte in regola, né in Grecia né in Italia.

    • Scusa Maximus..ma se ci pensi bene non è per nulla un tormentone !!..
      il berlusca è vivo presente e politicamente attivissimo e pronto a riprendersi il potere politico.
      Quindi berlusconi SI , berlusconi NO è ancora una tristissima ed attualissima verità.
      Sono solo i talebani del M5S che si ostinano a non vederla..esattamente come facevano i bertinottiani negli anni 90.

  • Anita-M,

    Esistono Paesi membri UE che non hanno aderito alla moneta unica, non mi sembra siano stati invasi militarmente dalla UE o dalla Merkel !
    L’unione europea e monetaria l’abbiamo cercata noi italiani insieme ai francesi e tedeschi ancor prima degli anni 80… quindi chi è stato costretto e da chi?

    Perché differenziare le responsabilità della politica italiana colpevole della crisi italiana acuita dalla crisi economica e finanziaria internazionale?
    I due maggiori partiti si sono alternati per 20 anni in inganni e ruberie alternandosi di volta in volta da ladro e palo urlando al popolo al ladro al ladro ma non facendo nulla per fermare il saccheggio.
    Perché Vi ostinate a voler separare la mer…. dal pisc… nel cesso della politica italica? Considerato l’odore nauseabondo i problemi igienico-sanitari causati da un idillio di merdacce defecate per decenni, spero che il M5S arrivato ieri nel “gabinetto” tiri la catena dello sciacquone!

    • amico,
      ( per sdrammatizzare faccio come Bagnai )
      hai letto le istruzioni d’uso?

      a parte le battute,
      hai letto l’intervista di Claudio al “funzionario oscuro che fece paura a kohl” datata 09/06/2012?
      perché se anche qui non partiamo dai punti fermi , non ci capiremo mai.

      per correttezza di informazione , siamo nell’euro grazie a Prodi, Monty, Amato, Ciampi, Padoa Schioppa, Draghi e compagnia bruttissima.
      quando siamo entrati nell’euro non avevamo i mezzi d’informazione libera e ci siamo fidati dei tecnici del momento.
      ora , grazie a Claudio e compagnia bella, le informazioni circolano diversamente , ci siamo svegliati e vediamo la realta’ per quella che e’.
      abbiamo votato il MoVimento per cambiare questo paese e mettere persone serie alla guida. ricordando loro che se ci mandano fuori strada, cambieremo l’autista.
      come e’ giusto che sia.

    • Non stanno cose …ma neanche lontanamente. La verità che a te il sistema euro, come metodo di governo , piace e ti sta bene. Lo difendi per questo. Dici che l’euro non va bene solo formalmente per non andare contro un opinione ormai condivisa da tutti.

      Di fatto sei per l’euro. Sono andata per curiosità molto indietro nelle pagine del forum, e ho notato alcune tue considerazioni.

      Addirittura in un post dici che con una moneta forte e stabile in futuro siteremo bene e se non ricordo male usi un termine particolare ..dici esattamente : ” Con l’euro forte e stabile potremo finalmente sederci sereni e tranquilli in “panciolle “..—-adesso la frase esattamente non la ricordo la ho letta due giorni fa, perché volevo leggere cio che si scriveva molto precedentemente , post che non avevo mai letto.—

      in un altro post dici che il M5s avrebbe dovuto unirsi con il PD e fai un altra volta delle considerazioni positive sull’ euro.

      Alcuni, mi pare Virus, non ricordo bene, ti danno del piddino collaborazionista e allora cambi un po versione e smorzi un po dicendo che tu non sei mai stato del pd..

      Vale il primo pensiero quello più spontaneo , non la correzione conseguente perché il contesto lo richiede., è il primo pensiero che svela da che parte uno sta.

      se non ci credi vado a ricercare quei post —–son post di mesi fa dovrei rifrugare pagina per pagina del forum a ritroso —– e ti faccio copia/incolla.

      Come si è arrivati ad accettare questo sistema in Europa e il modo come si sono firmati i trattati—- aggirando con osceno e criminale l’imbroglio le Costituzioni di tutti i paesi europei , rimuovendo sistematicamente tutti i politici contro l’euro , di sinistra e destra ed emarginando tutti quegli economisti che dicevano che sarebbe stata una catastrofe, emarginandoli e riducendoli al silenzio mediatico e addirittura irridendoli —–. è in tutt’altro modo di come dici tu ai fini di difendere l’euro e l’eurosistema..—-perché tu sei un eurista ne più ne meno come Letta —-

      Ti ricordo come ho scritto precedentemente in un altra pagina del forum che la Costituzione Europea è stata bocciata in tutti i paesi ove è stato promosso il referendum , e loro sono usciti dalla porta rientrando dalla finestra: hanno aggirato il volere popolare che è l’anima della democrazia ed hanno formulato il Trattato di Lisbona in modo complicatissimo e incomprensibile ai non addetti ai lavori e poi lo hanno firmato quasi di nascosto in un 15 agosto quando l’opinione pubblica è in vacanza distratta.

      Oggi quelle leggi son vincolanti in tutta Europa e son tutte anticostituzionali. Sulla base di quelle leggi ci stanno distruggendo. QUINDI è STATO COMMESSO UN DELITTO LEGISLATIVO CONTRO LA DEMOCRAZIA E CONTRO IL VOLERE DEI POPOLI EUROPEI.

      In alcune nazioni non ha funzionato perché quelle lobby di influenza non avevano abbastanza potere all’interno del sistema per tutta una serie di ragioni geopolitiche . Ma l’obbiettivo è sistematicamente arrivare ovunque.

      Tu queste cose le sai anche perché le abbiamo dette a più riprese, ma fai orecchie da mercante, come si suol dire ,perché non son più funzionali a ciò che fai passare te.

      LE COSE SONO ANDATE DECISAMENTE IN TUTT’ALTRO MODO.

      E poi che ragionamenti sono questi? siccome i politici hanno acconsentito quindi teniamoci questo sistema anche se dannoso!! ma come ragioni?

      Siccome la Germania aveva voluto la socialdemocrazia Hitleriana..quindi era giusto non opporsi ad Hitler ed al Nazismo.

      Per fortuna che la tua dialettica è stata la prerogativa di pochi, altrimenti avremo ancora la croce uncinata.

      Il nuovo simil nazismo sotto forma di Eurocrazia, lo combatteremo nonostante te e quelli che ragionano come te.

      Siamo milioni in tutta Europa mica due gatti. Infatti son preoccupati a Bruxelles…molto ma molto preoccupati, in un futuro non molto lontano il loro malvagio e criminale giocattolino rischia seriamente di rompersi.

      Siamo gente sveglia e preparata, non fare il falsario dialettico. Che tutto l’iter lo conosciamo meglio di te.

      Se sei in buona fede,sei totalmente disinformato e disinformante…e allora informati bene.

      Saluti.

      ps- noi quella materia /robaccia di cui parli, non la vogliamo ne separare ne unire, ce ne vogliamo liberare una volta per tutte. Sei tu che la vuoi mantenere viva e vegeta. Che gusti scadenti…..!!!! :-(((

    • correzioni:

      Non stanno cose …= Non stanno così le cose…

      con una moneta forte e stabile in futuro siteremo bene = con una moneta forte e stabile in futuro staremo bene

      aggirando con osceno e criminale l’imbroglio = aggirando con osceno e criminale imbroglio

    • ——-
      Siamo gente sveglia e preparata, non fare il falsario dialettico. Che tutto l’iter lo conosciamo meglio di te.
      ——-
      ——-

      Non vorrei essere fraintesa

      quando dico falsario dialettico non voglio intendere che Clesippo è un falso nel senso letterale del termine..

      ma che elude volutamente alcune cose per mettere in evidenza altre in modo generico che non son propriamente esatte ai fini di descrivere la realtà perché quella realtà non è a lui favorevole ai fini del discorso.

      Dire che tutti hanno firmato e che non son stati obbligati e che l’UE non ha imposto nulla e che siamo stati noi a volerlo e dire che tutti i partiti sono genericamente responsabili

      da tutta un altra idea del quadro —–a Clesippo funzionale ai fini del suo discorso —-

      ma le cose non sono andate cosi: sono andate come ho scritto io e come tutti sanno….e allora il quadro cambia e molto.

    • Ma arrivare ad una sintesi, no? L’euro è un problema basilare da risolvere: dentro l’euro non possiamo fare una politica economica nazionale, quindi siamo SPACCIATI; ma una classe politica corrotta, fatta di affaristi che concepiscono la cosa pubblica come una tavola imbandita da razziare, tra familismo, clientelismo, tangenti ecc…è anch’essa un problema, un grave problema. Perciò è fondamentale uscire dall’euro con il m5s!!!
      Quelli che fino a due anni fa osannavano l’euro (da B. a Tremonti, a Brunetta, alla Santanché passando per Gasparri…), e che ora iniziano a riposizionarsi, che credibilità possono avere? Zero. Vogliono solo sopravvivere e andare avanti a fare i parassiti in politica, deresponsabilizzati dalle loro colpe (“Un’ idea straordinaria” diceva B. dell’euro, mentre prometteva di inviare l’euroconvertitore a tutte le famiglie..ricordiamocelo!) e senza vincoli europei da rispettare, quindi con una bella torta da spartirsi.

    • @ OCCHIODIFALCO

      gravissima omissione!!!

      “siamo nell’euro grazie a Prodi, Monty, Amato, Ciampi, Padoa Schioppa, Draghi e compagnia bruttissima…”

      MANCA ANDREATTA
      ANDREATTA
      ANDREATTA
      ANDREATTA
      ANDREATTA
      …..

    • @ Anita-M 56.2

      “La verità che a te il sistema euro, come metodo di governo , piace e ti sta bene. Lo difendi per questo. Dici che l’euro non va bene solo formalmente per non andare contro un opinione ormai condivisa da tutti”.

      Bravissima…
      Anche per me è così.

    • @ Alberto 56.5

      riquoto quanto ho scritto pochi istanti fa:

      Personalmente la penso esattamente come
      il greco Theodorakis: il popolo non deve essere diviso ideologicamente, ma unito in nome della sovranità nazionale e di quella che Lordon e Sapir chiamerebbero deglobalizzazione.
      Anche in Grecia Theodorakis, come Bagnai in questo forum, è stato accusato di essere “rosso-bruno”, di lasciare cioè spazio alla destra, di essere ambiguo, eccetera eccetera.

      Tali accuse però sono completamente false.

      Theodorakis ha le carte in regola nell’ottica di sinistra: è un eroe della Resistenza (1941-1944), della guerra civile (1946-1949), dell’opposizione alla dittatura dei colonnelli (1967-1974).
      Theodorakis è quindi un esperto di dittature palesi o striscianti ed ha capito che occorre UNIRE TUTTE LE FORZE, TUTTE!!! PER QUESTA BATTAGLIA DEMOCRATICA.
      E’ solo la stupidità settaria che non ha le carte in regola, né in Grecia né in Italia.

      Se il M5S sceglie con chiarezza questa via, senza parlare vagamente di referendum o di doppie circolazioni, allora staremo tutti da quella parte….

    • @Maximus

      Con la sovranità nazionale puoi fare di tutto. Bisogna stabilire COSA si voglia fare. Con gente come quella che ho elencato prima, non c’è nessuna possibilità di dialogo.

    • Sicuramente non politiche liberiste o pseudo-tali. Credo si debba rispolverare Keynes. Ma solo a sentire nominare la parola a Brunetta viene un infarto…per questo non capisco cosa Bagnai faccia da quelle parti.

    • occhiodifalco 56.1

      Siamo tutti d’accordo, è un dato di fatto inconfutabile che così la UE non funziona, o meglio è funzionale agli interessi dei banchieri & politica affiliata, ma con quale Politica autorevole e credibile andiamo a Bruxelles o Strasburgo per spazzare via l’€uro-cricca se la cricca pro€uro l’abbiamo al governo di casa nostra?

      Al di là delle teorie economiche e finanziarie bisogna agire pragmaticamente sull’elettorato italiano affinché conceda al M5S la maggioranza in Parlamento e Senato in quanto unica forza politica credibile ed in grado di riportare l’Italia alla normalità.

      Pochi giorni fa abbiamo avuto la prova provata della difficoltà di analisi critica dell’elettorato Lucano in merito alla realtà politica italiana e sopratutto locale che non ha più scusanti per aver incancrenito e devastato tutto e tutti, eppure tra astenuti e votanti hanno rivotato i loro boia!

  • Per gentile concessione dell’editore, stralci del libro «Difendere l’Italia»
    I brani scelti sono tratti dal capitolo 3, parte seconda: «L’identità italiana nell’organizzazione del potere». Il libro è disponibile da oggi.

    Sono passati circa settant’anni da quando è stata progettata l’unificazione europea e le conseguenze sono state catastrofiche per tutti gli Stati che vi hanno aderito. Le Nazioni hanno perso la libertà e l’indipendenza, quella libertà e quell’indipendenza che erano state conquistate con le durissime lotte, con l’eroismo e la morte dei patrioti dell’Ottocento e della Prima guerra mondiale. […]
    Dopo settanta anni di tentativi falliti, dopo le tragiche vicende di una crisi che è tutt’altro che una crisi ma una catastrofe economica, politica, culturale, morale quale le Nazioni europee non avevano mai vissuto, si sentono risuonare per l’ennesima volta in questi giorni, le parole dei piccoli dittatori che governano (che fingono di governare) la Grecia, l’Italia, la Francia e che affermano, come ha fatto François Hollande nel suo discorso alla Nazione del 16 maggio 2013: «Nei prossimi due anni faremo l’unione politicaeuropea».[…] L’aspetto più grottesco di questa situazione già così tragica sono le vuote chiacchiere dei difensori dell’Europa.

    RITORNELLO STANCO
    Chi non ha sentito ripetere innumerevoli volte il ritornello che, senza l’adesione all’euro, l’inflazione sarebbe stata gravissima portando alla svalutazione della dracma? Ritornello che del resto viene ripetuto anche negli altri Paesi, come la Spagna, il Portogallo, l’Italia (tutti riuniti dalla finanza mondiale nel nefando recinto dei «maiali» o pigs), che soffrono più o meno quanto la Grecia per le conseguenze della crisi economica.
    Prodi e CiampiProdi e Ciampi
    Il prelievo forzoso del 20 per cento sui conti correnti, deciso dai banchieri d’Europa per Cipro, agli effetti pratici è forse diverso da una fortissima svalutazione? Lo è per la sua gravità come espropriazione diretta dei risparmi dei cittadini; lo è perché ha scavalcato i governanti ciprioti costringendoli ad ubbidire alla «troika», barbara istituzione di sorveglianza-giudiziocondanna- esecuzione, copiata da quella creata dal governo sovietico per controllare e punire qualsiasi «disobbedienza». […]

    È stato Amartya Sen, premio Nobel per l’economia, ad affermare in una intervista al «Corriere della Sera» che «l’euro è stata un’idea orribile» e che «i parametri di Maastricht sono arbitrari ed economicamente insensati ». Affermazioni quasi incredibili per la loro gravità e per la competenza della persona che le ha pronunciate. Ebbene, nessuno ha risposto, né i politici, né i ministri, né i banchieri […]

    Ma si è trattato davvero di un errore? Il cambio è stato deciso in modo assolutamente consapevole, come del resto è avvenuto per tutte le altre norme riguardanti l’unificazione; è stato il comune buon senso a giudicarle come «errori», essendo impossibile per dei cittadini «normali», supporre che si sia trattato di decisioni prese volutamente allo scopo di distruggere l’economia dei singoli Stati. […]

    Per degli studiosi seri e competenti, il progetto del mercato unico e della moneta unica avrebbe dovuto apparire del tutto errato fin dall’inizio, ossia dagli anni del Mercato comune, della distruzione delle colture agricole, delle quote latte, e al più tardi dalla firma di Maastricht, ossia dal 1992.

    A che servirebbero gli scienziati se non fossero in grado di valutare gli errori a livello di progetto? […] La conclusione è inevitabile: non si tratta di «errori», ma di una loro precisa volontà. Per quanto sia difficile convincersi che i governanti abbiano voluto distruggere i propri Stati, è ancora più difficile credere che siano stati compiuti gli enormi errori tecnici che hanno portato l’Europa fino alla crisi attuale senza che almeno qualcuno fra i politici, gli economisti e i banchieri in campo ne fosse consapevole.

    IDA MAGLI

    e con questo finisco la discussione. ciao

    • Grazie per questo articolo…

      Mi hai preceduto nella sua pubblicazione di un nano secondo!

      … ma come disse Tuco, ne il buono, il brutto e il cattivo: “quando si spara, si spara, non si parla”.

    • Vedo occhiodifalco, che abbiamo un secondo sito internet, oltre a quello di LUI, che consultiamo contemporaneamente…

  • Zitti zitti , piano piano. se non si cambia strategia si muore.
    Beppe nel suo blog, ha condannato il fatto che il Pd non
    ha votato l’emendamento del M5S, perché presentato dal M5S.
    Ma è la stessa follia fatta da Grillo-Casaleggio nel precludere
    ogni possibilità al M5S di accordi con chiunque, sui
    contenuti utili alla gente ed al Paese.
    La riduzione dei voti, in ogni tornata elettorale successiva
    al grande trionfo scorso, dovrebbe far ragionare i due
    TESTONI.

  • Anita-M
    credo tu stia confondendomi con altri, non ho mai votato PD ne PDL ne mai li voterò, sono contrario all’euro dal 1999, per la sola ragione che la nostra classe politica e dirigente è formata da farabutti consapevoli delle differenze sociali economiche e culturali con gli altri Stati ed oltretutto corrotti tangentomani senza limiti che prima o poi ci avrebbero portato al collasso, ed infatti ci siamo.
    Carissima l’euro con tutti i difetti INNEGABILI possibili ed immaginabili ha solo accelerato il declino evidenziando un difetto tipico della politica italiana, lo sperpero di risorse pubbliche, coperto finché circolava la Lira con artifici da economisti stregoni.
    Ma secondo te dei 27 Paesi seduti intorno al quel tavolo da poker i più furbi sono i tedeschi? Hanno solo colto l’occasione di riformare la nazione consolidarla economicamente, noi invece abbiamo continuato imperterriti e menefreghisti scialando sciupando e depauperando ogni risorsa economica, naturale e culturale in un coacervo di bordelli istituzionali e governativi, in primis le 20 regioni.
    Se non riconosciamo i nostri pregi e difetti è inutile discutere.

  • visto che tutti dicono la loro, anch’io mi accingo,poche parole : l’Italia col debito che si ritrova e con il debito di interessi che procura ad ogni emissione di titoli E’ FALLITA, solo che i ^^nostri^^ non hanno il coraggio di dirlo e di DIRCELO !!
    In queste condizioni possiamo ancora stare in Europa?
    IO dico, meglio fuori!

  • Per chi non ha usato i ROL per dibattere in questo forum nell’ultimo anno:

    @Luca è un TROLL tra gli innumerevoli sguinzagliati dal PD dopo le elezioni.

    Il suo compito, come ogni €urodemonio, è di riportare quante più anime belle rosso sangue in Via Botteghe Oscure, Bruxelles.

    E’ un PIDDINO puro:

    1 – Guerrafondaio pro-intervento in Afghanistan

    2 – Neoliberista

    3 – €uropeista

    4 – von Renziekkiano

    […]

    n – falso, incolto e… dotato di un neurone solo.

    ==> Trovarsi d’accordo con un essere così è un’ammissione di piddinità sostanziale.
    Tali anime belle sono pregati di seguirlo, Caront€ sta aspettando… buon viaggio. In Germania l’autostrada non ha limiti di velocità.

    A tutti coloro che sta a cuore il proprio Paese, i propri concittadini e la propria Culltura (cioè tutti gli altri, le anime brutte):

    quando si sente qualche imbecille che parla di “guru”, spiegategli please qual è la differenza tra un santone indiano e un

    *** RIFERIMENTO CULTURALE ***

    (ma tanto siamo tutti intellettuali, no? Ogni opinione è uguale all’altra, giusto? La natura è tipicamente “politically correct”, quindi. That’s PIDDINO)

    • hai evidentemente delle turbe sessuali..
      Chiunque discuta con te capisce rapidamente qual’è la schiena delle tue argomentazioni..il niente assoluto, parli di cose che non conosci a parte 3 ,4 nozioni di economia che hai letto per hobby ( ma ovviamente non sei economista ), citando qua e la grandi nomi per essere più credibile e parlando come rappresentassi il pensiero degli 8 milioni che hanno votato grillo…ma non rappresenti una cippa, sei un cazzaro.

  • Alberto

    Quindi Berlusconi dal 1996 si è opposto all’euro?

    Cit.

    Non nel 1996…ma due anni fa.

    Nel 1996….anzi dalla fine degli anni 80 sino a circa 4 anni fa..chi osava parlar male dell’ euro..veniva metaforicamente linciato..

    Per nei primi anni 90 tutta ma proprio tutta l’ informazione mainstream..era monopolizzata dal tema Unione Europea. Il messaggio che è stato mandato a 360° in modo quasi ossessivo era..una fenomenale bugia: se l’Italia non entra nell’ UE…non avrà futuro..e finirà nel terzo mondo. Le stesse persone che oggi dicono un altra balla: se l’ Italia esce dall’ euro..sarà il disastro.

    Gli stessi identici bugiardi di ieri…proprio gli stessi…fondamentalmente di area PD.

    Per quasi 20 anni è stato quasi impossibile per qualsiasi formazione politica …solo accennare che questa moneta e quest’ Europa invece sono il vero disastro.

    Chi lo ha fatto è stato irriso ed emarginato.

    Berlusconi…2 anni fa..fece tutti i passi e di nascosto…senza dirlo ufficialmente quindi non per motivi elettorali…checchè i malati psicoidi di Berlusconismo/Antiberlusconismo dicano. (solita solfa..)..per cercar di uscire da questo meccanismo…e la reazione dell’ establishment UE..Trojka e Germania…è stata pronta e decisa..sia in Italia che in Grecia..in Italia con Berlusconi e in Grecia con il loro primo ministro Papandreu…che in contemporanea alla ribellione del Berlusca..a “osato” chiedere un referendum sull’ euro. Rimossi tutti e due..e sostituiti con due tecnici ex della Goldman Suchs ed entrambi funzionari tecnici della Troika UE ..: Monti e Papademos in Grecia .

    Si dica quello che si vuole..la solita solfa psicoide ossessiva ossessionante : Berlusca che tutto quello che fa lo fa perché…etc etc…bla bla bla e ancora bla bla bla (du palleeeee )…STA DI FATTO CHE QUESTI PASSI LI HA FATTI.

    Berlusconi ha sbagliato tutto e ha fatto del male all’ Italia…ma il male sostanziale che ha fatto il PD,,,non ha paragoni : in tutto ..dalla vendita svendita dell’ Italia…(fondamentalmente ad opera del Pd…i promotori e i firmatari di tutti i trattati son stati di area PD T-U-T-T-I sia politici che tecnici )…alla corruzione…a parte tutto il resto: coop,Penati, Sanità, etc etc…solo con l’MPS..si sono ingoiati in un sol boccone 3 volte l’equivalente dell intero patrimonio del Berlusca…che non son proprio noccioline.

    Non mi riferisco a te…ma in generale…la retorica su Berlusconi come il “male assoluto”… la fonte di tutti i mali…costruita da chi di male ne ha fatto molto ma molto di più..non l’accetto.

    Il PD dimentica che ha un “Padrone” che non è molto diverso dal “padrone” del PDL…e solo peggiore: De Maledetti….eluso allegramente circa 250 Milioni…all’erario..grazie a Prodi incassato una montagna di soldi dall acquisto a prezzi stracciati di aziende a partecipazione statale…..rivendute a prezzo di mercato , addirittura beffe delle beffe rivendute allo Stato…tramite tutto un giro particolare.

    Berlusconi ha fatto molto male all’ Italia..nell’ordinario …Il PD l’Italia la ha distrutta nello straordinario : legata mani e piedi e svenduta a potenze estere. …e nell’interno svenduta agli amici per lucrare soldi.

    La differenza: che Berlusca passa attraverso i tribunali per le sue cagate e qualche condanna la busca….Il PD “stranamente” si salva puntualmente da tutto……intercettazioni sull’ MPS nei giornali..?una faccenda di una gravità inaudita : distrutta una banca solida la più antica d’ Italia..ed ingoiato un patrimonio enorme? tutto messo a silenzio…mica come i movimenti all’interno delle mutande del vecchio libidinoso..spiati accuratamente ..con tanto di can can pazzesco (le orgette le fanno pure a sinistrA..e le hanno sempre fatte: magari tra rikioni vista la loro attitudine…va beh..ma quello è “progressismo”.. già già…ahaha )

    In generale : finiamola con la stucchevole retorichella sinistrosa bugiardella. Non se ne può più….

    NON SOPPORTO LA RETORICA IPOCRITA PIDDINA…COSTRUITA AD HOC…DA CHI E’ PEGGIORE DI BERLUSCA. BASTA CON QUESTA FARSA.

    CHI CONDANNA BERLUSCONI…PRIMA CONDANNI IL PD E TUTTE LE SUE MALEFATTE E POI SOLO DOPO..CONDANNI BERLUSCA.

    BERLUSCONI è DIVENTATO UN TOTEM SUL QUALE SCARICARE TUTTO; ARMA DI DISTRAZIONE DI MASSA…ad uso e consumo del PD .

    http://vocidallestero.blogspot.it/2013/09/huff-post-nel-2011-silvio-berlusconi-ha.html

    • chi uccide due persone non ha la dirittura morale di condannare chi ne uccide una.

      Eppure il PD ha ancora il coraggio barbaro di ergersi ad “partito degli onesti”….e promuovere vomitevole retorica da strapazzo……il partito più criminale che l’ Italia abbia mai avuto.

      E passa sempre il concetto che tutto sommato il PD è più pulito del PDL… (????!!!!!)…a proposito di controllo dell’ informazione. Chissà perché…..

    • Rospo
      Il messaggio che è stato mandato a 360° in modo quasi ossessivo era..una fenomenale bugia:

      1)se l’Italia non entra nell’ UE…non avrà futuro..e finirà nel terzo mondo.

      2)Le stesse persone che oggi dicono un altra balla: se l’ Italia esce dall’ euro..sarà il disastro.

      Cit.

      1)Oggi chi ha promosso la prima fenomenale bugia (smentita dai fatti )….riconoscono che era una bugia (almeno alcuni )..

      2)però promuovono per l’ennesima volta la seconda fenomenale bugia…per far in modo che la prima balla resti in piedi.

      Ma non è assurdo ???? tutta merda di sinistra e del PD in particolare..ovviamente.

      Il loro posto è questo: LA FOGNA.

    • Dimenticavo : AUGURO BUON LAVORO AL “MAGNIFICO” BAGNAI.

      è un augurio sincero e al di sopra di ogni sospetto:

      —io seguo la MMT..odiata e detestata da Bagnai ( ma il titolo di “magnifico ” non glie lo tolgo…basta leggere il suo libro “Il tramonto dell’ Euro “…e si capisce perché ).Oltretutto alcune critiche sull MMT di Bagnai..a mio avviso son pure giuste…ma io la seguo per tutta un altra serie di ragioni..a prescindere dall ortodossia teorica keynesiana…e tutte le disquisizioni che ne seguono….nel complesso è positiva (magari faccessero in Italia cio che chiede la MMT…vedasi il programma per l’ immediata Piena Occupazione a reddito minimo e a deficit positivo (fattibile solo con sovranità monetaria non con l euro )…che è la realizzazione perfetta del Primo Articolo della Costituzione Italiana..articolo che non è mai stato realizzato in pieno. Via Redditi di Cittadinanza Hayekiani..e dannosa e ingiusta Cassa Integrazione…che poi non capisco perché alcune categorie ne hanno diritto e altri no.

      —- Ho dato il voto al M5s ma se la leadership Casalpeggio/Grillo non cambia linea economica ….alle europee il voto glie lo do perché in Europa ci deve andare una grossa forza politica (quindi il mio voto è sicuro ) …ma alle nazionali manco morto. In tal caso o mi asterrò dal recarmi alle urne…oppure voto FN (Forza Nuova…si proprio quelli…i fascistoni….detto è premesso che i veri sostanziali fascisti sono quelli del PD& affini ) e non PDL..a prescindere.

      Rospo
      Orgogliosamente anticomunista e antisinistra . Fierissimo di non essere mai stato di sinstra.Un vanto…

    • visto che la politica di cdx & csx da decenni effettua tagli lineari economici impoverendo gli italiani mantenendo inalterata la ricchezza della loro casta, NOI CITTADINI siamo autorizzati a non fare differenze tifoserie partigianerie e TAGLIARE LINEARMENTE la politica infame di queste merdacce, che si sono coperte a vicenda per non far sentire la puzza nauseabonda.

      Rospo, sei un italiano emancipato cioè liberato da vincoli oppressivi oppure uno di quelli che proietta il proprio io nel falso mito vivente credendo in un uomo ricco e potente?

    • Ma tu li leggi bene i post? rileggi…e medita.

      altro:

      E poi che c’entrano i tagli lineari tremontiani o montiani?

      Ho parlato d’altro.

    • checchè i malati psicoidi di Berlusconismo/Antiberlusconismo dicano. (solita solfa..)

      Cit

      da notare bene che ho scritto Berlusconismo/Antiberlusconismo …e non solo Antiberlusconismo.

      I malati di Berlusconismo ( i cretini del Berlusca e Berlusca….a prescindere anche quando questo combina delle cagate pazzesche ,,,,) sono uguali e contrari ai malati di Antiberlusconismo (i cretini…del “berlusca è il male assoluto”…il responsabile di tutto: che cada una meteora su Marte, o che abbiano una semplice diarrea o se muore il gatto per vecchiaia …la colpa è sempre di berlusca …ne sono ossessionati ….qualsiasi cosa succeda..fanno delle arzigogolate giravolte funamboliche …e tac..arrivano a Berlusconi !!! è lui il colpevole !!!…ma per caritàà…. )

      e il loro Padrone ? De Maledetti ? mai nulla.MAI …eppure il vero padrone della sinistra è De Maledetti.un capitalista del peggior capitalismo (leggere:distruggi aziende sane per lucro..ne ha distrutto un bel po…Olivetti docet…fottendosene degli operai ..che vadano in malora..e meno male che è la Tessera Numero Uno del PD )…quando il Partito nel Partito..cioè il giornale-partito radical chic sinistronzo cioè “La Repubblica” di DeMaledetti …ordina…il PD e tutti i Piddini si inginocchiano a a90° con la lingua in fuori….e poi prontamente obbediscono. O no???

      Ma le vogliamo guardare le cose come stanno a 360°…o no?…chi denuncia sistematicamente ciò che è male a metà…anche quando quella metà è verità (Berlusca )…non si sta adoperando per il bene…ma per gli interessi di una parte : un bugiardo. La verità detta ha metà è sempre strumentale ….una mezza verità è peggio di una bugia intera.

      insisto: BERLUSCA: ARMA DI DISTRAZIONE DI MASSA.

    • mi pare che sia troppo entusiasta…forse corre troppo in avanti (magari fosse cosi come dice lui….).
      Ma non c’è un link di questi?

      detto questo gli antiuro avanzano…per parafrasare il titolo di CMessora: ZITTI ZITTI, PIANO PIANO,,,DOLCEMENTE….il fronte antieuro avanza in tutta Europa. Se i due leaders Casalpeggio& Grillo…(che non sono il M5s..perchè cio che dicono non mi risulta che coincida molto con le vere istanze della base..o coincide solo in parte..con alcuni )..continuano con le cagate che stanno proponendo…(cioè rendere il M5s un perfetto GateKeeper…perché è questo che stanno facendo )….avanzano tutti tranne il PD (per vocazione naturale ) e il M5s……e magari Berlusconi se la ridacchia.

      Se un notevole numero di voti si sposteranno da Berlusca…la colpa è solo ed esclusivamente di Casalpeggio/Grillo…..che hanno omesso di fare quello che va fatto…tradendo sistematicamente e ostinatamente le reali istanze della maggioranza degli elettori.

      Ognuno pianga il suo male.

      Io so che il malumore all’interno del M5s in una parte sia degli attivisti che degli elettori…nei confronti del duo dalla testa duretta è fortissimo.

      Signor Casalpeggio….e la famosa democrazia diretta ?? la si applica a secondo di cio che fa comodo ??? bella filosofia….bene bene….

      Auguroni ……;-))

      Son sempre in tempo a fare “cio che va fatto”.

      Nel mentre prendetevela con Bagnai……che mi vien da ridere.

    • Io so che il malumore all’interno del M5s in una parte sia degli attivisti che degli elettori…nei confronti del duo dalla testa duretta è fortissimo.

      Cit

      Ho letto da qualche parte…che in relazione a questi malumori…Grillo ha detto: ” chi non è d’accordo con il discorso del M5s ..si può anche accomodare…la porta è aperta: se ne vada…”

      Sbagliato:

      avrebbe dovuto dire: ” chi non è d’accordo con quello che voglio io e Casalpeggio…se ne vada…”…

      il M5s è un altra cosa…con ben altre richieste.

      ciao

    • Perché non dice anche: chi non è d’accordo con me e Casalpeggio…voti un altro partito???….mi sembra coerente….

      SARA’ ACCONTENTATO.!!! ;-))

      è colpa di Bagnai ovviamente……(è un complotto Borghi/Bagnai….beone minkiate…ahhaha )

    • alle ore 14:00 di oggi il deputato M5S T. Currò con un puntuale intervento alla Camera per votare contro l’approvazione della Legge in materia finanziaria e immigrazione ha ribadito il concetto del NO €uro.
      Quindi per tutti gli ansiogeni commentatori che riversano ininterrottamente fiumi di critiche alla leadership del MoVimento consiglio di bere camomilla per calmarsi 🙂 🙂

  • Infatti se Il movimento non si libera dei due ed inizia a fare la battaglia per la sovranità monetaria questa volta voterò destra e sarò sicuro che non sto votando dei gatekeeper, e credo che saranno in molti a prendere questa decisione.

  • Dunque ..ricapitolando:

    Ho parlato di due noti “Padroni”…entrambi mascalzoncelli.

    1) Il Padrone del PD , Piddini & affini….——–>>> DE MALEDETTI…
    2) Il Padrone del PDL,Piddiellini & affini…——->>>> BERLUSCONI…

    Ce ne un altro che può diventare un “potenziale” Padrone…con relativo seguito politico ..potenzialmente a suo esclusivo uso e consumo (lo dico in via ipotetica non come affermazione…ma le premesse ci sono ..quindi va detto ) : —>>è anche lui un imprenditore…ed è fondamentalmente il Leader assoluto..quello che detta la linea.

    Indovinate chi??? inizia con C e finisce con O.

    Non ho voglia di fare un post su questo Signore…(che mi sa mi sa si sta facendo i cazzi suoi …altroché …se sbaglio tanto meglio…anzi mi auguro di sbagliarmi …)….alla prossima.

    Se prossima ci sarà 😉

    Occhi aperti ragazzi…..che la storia rischia di ripetersi.

    ciao

  • CHE SIA CHIARO: QUESTI 300 E PASSA COMMENTI NON SONO NE’ PER BARBARA LEZZI NE’ PER IL “Zitti zitti, piano piano, dolcemente..”, MA TUTTI PER LA QUESTIONE PIU’ IMPORTANTE DELLE ALTRE: USCIRE SUBITO DALL’EURO E DALL’UE. MESSORA DEVI ISTITUIRE SUBITO UN DIBATTITO PERMANENTE SU QUESTI PROBLEMI PRINCIPALI SIA QUI CHE IN SENO AL MOVIMENTO 5S FINO ALLA GIUSTA SOLUZIONE: USCITA DALL’EURO E DALL’EU, NON HAI SCUSE NEL NON FARLO.

  • E POI SI RICORDINO IN 5 STELLE CHE ESISTE IL LORO FORUM “PROPOSITIVO” IN CUI “GIACE” IN MANIERA INCREDIBILE LA:

    IMMEDIATA USCITA DA EUROZONA. Moneta sovrana-Applicazione MMT
    postato da FABIO CASTELLUCCI il 08/10/2012 11737 3355 Voti. SONO 3355 VOTI IN ASCESA, ALTRO CHE 2 VOTI O PROPOSTE DI UN CERTO GRILLO E CASALEGGIO CHE NON VOGLIONO USCIRE DALL’INFERNO. VADANO VIA LORO DAL MOVIMENTO, VISTO CHE NON ACCETTANO LE REGOLE DELLA MAGGIORANZA E DELLA DEMOCRAZIA DEL M5S………

    • la fantomatica piattaforma online dov’è finita ??
      Il problema è proprio questo: la democrazia diretta nel M5S automaticamente relegherebbe grillo e casaleggio a semplici portavoce ( ma per davvero ) del loro elettorato…Ma questa è proprio l ultima cosa che desiderano :).
      Finchè il M5S non risolverà questa contraddizione nei termini non combinerà niente di buono, solo pagliacciate..

    • domanda provocatoria: cosa ci facciamo con la piattaforma online se poi alle regionali in Basilicata i Lucani oltre ad astenersi hanno rivotato la stessa cricca pro€uro?
      Qualche mese fa stessa cosa in Friuli.

      Il 99% degli italiani si lamentano ed inveiscono contro questa politica priva di credibilità ed autorevolezza, poi quando si presenta l’opportunità democratica d’esprimere il dissenso rivotano gli stessi politici inattendibili.

      Due sono le cose, una consistente parte degli italiani ignora il valore ed il potere immenso del voto a loro disposizione, oppure quella gran parte avente diritto al voto è collusa con il PDPDL&soci in affari.

  • COSA E’ IL DENARO E COME VIENE “PRODOTTO”.
    Questo intervento risponde a quanti, evidentemente interessati, mi hanno chiesto informazioni sull’emissione monetaria, al fine di capire bene il ruolo delle banche e, soprattutto, delle banche centrali.
    L’argomento è ostico e, forse, volutamente antipatico.
    Questa colossale menata (che mi è costato un po di tempo libero) apre però ad importanti e consequenziali riflessioni di natura politica ed economica (se non di politica economica).
    Nel mio piccolo tento di dare questo apporto Chi non è interessato non legga).
    A questo primo intervento seguiranno due note tecniche di approfondimento.
    Altri studi eventualmente seguiranno se dovessi riscontrare specifici interessi in merito, anche se mi piacerebbe che fosse un lavoro “dinamico”, in cui le cose descritte, possano evolvere a seconda degli apporti “tecnici” di tutti.
    PREMESSA – il Denaro sappiamo tutti cosa sia: un “mezzo di pagamento”.
    In particolare è un mezzo di pagamento convenzionalmente accettato da persone e imprese, in quanto formalmente riconosciuto dall’autorità statale, che lo definisce, infatti, “moneta a corso legale” (che gli anglosassoni chiamano “moneta fiat”, non per la casa automobilistica di Torino, ma per l’imperativo latino “sia fatto”, che richiama perlappunto l’autorità del “signore” che emette e batte moneta), ed è privo di un valore intrinseco (ad es. convertibilità in oro, diamanti o altro), salvo non si utilizzino monete d’oro, di argento ecc., o sia vigente il c.d. “gold standard”.
    Ma il denaro a cosa serve?
    1 – a favorire scambi e transazioni convenzionalmente accettabili, tra persone fisiche, giuridiche e Stato, di beni e servizi che siano fungibili proprio in quanto rapportabili ad un valore di scambio equivalente e commisurato ad una data unità di misura;
    2 – a trasferire “valore” nello spazio (tra luoghi e persone) e nel tempo (risparmio);
    3 – ad accumulare “valore” in spazi contenuti e facilmente stoccabili (pensate alla moneta informatica…);

    Quindi il denaro è un mezzo che consente di superare, fondamentalmente, i grandi limiti merceologici e logistici del baratto.
    Ma il denaro da chi è prodotto?
    E’ prodotto dalla virtuosa economia “privata”, su cui si avventa lo Stato che, particolarmente in Italia, con un atteggiamento di rapina, depreda persone e aziende, per alimentare la vorace politica con annessi e connessi?
    Oppure la moneta è prodotta dal virtuoso Stato, che immette moneta che funge, come sangue in un corpo, ad alimentare le transazioni dell’economia privata brutta e cattiva?
    Oppure sono vere o false entrambe le affermazioni?
    Dal momento che sulla delicata materia aleggiano miti e leggende, oltreché posizioni ideologiche fortemente confliggenti con un buon senso critico, a mio modesto parere occorre riportare i fatti in modo tecnico, per consentire a tutti di formarsi una corretta opinione.
    In particolare partiamo con la c.d. “creazione della moneta”.
    L’OFFERTA DI MONETA (la c.d. Money supply) è pari, per circa un 10% del suo totale, alla somma di carta moneta (banconote) e monete metalliche che vengono immesse in un dato paese. Queste due entità vengono definite il “denaro”. Gli economisti chiamano il denaro, base monetaria. Il denaro è costituito quindi dalla moneta legale (scelta dall’autorità pubblica, sia essa cartacea o metallica), e costituisce quello che tecnicamente è l’aggregato monetario “M0” (*).
    Il restante 90% circa è detto “moneta creditizia”, ed è data da depositi, assegni circolari e bancari, carte di credito e bancomat, depositi postali ecc., intermediati da banche, casse di risparmio, poste e quant’altro.
    Di questo 90%, la parte governata dal settore creditizio è la c.d. “moneta bancaria” – definita tecnicamente come “aggregato M1” (*), che sostanzialmente è da considerare come “liquidità primaria”. La moneta creditizia nella realtà non è altro che il “valore” del semplice “diritto” che ha il correntista, ad esigere dalle banche depositarie, l’immediata corresponsione del denaro (o base monetaria) effettivamente depositato presso le stesse.
    La differenza tra base monetaria e la moneta creditizia però non è da poco per il cittadino stesso.
    Mentre il denaro è infatti liberamente utilizzabile nel suo potere d’acquisto indipendentemente da intermediari, la moneta creditizia è liberamente utilizzabile salvo non subisca vincoli di varia natura (ad es. blocco di una carta di credito, blocco di c/c per provvedimenti di autorità giudiziaria, prelievi forzosi da parte del fisco ecc.).
    Vediamo adesso chi emette la prima grandezza (pari a circa il 10%), quella cioè della base monetaria, il denaro, la moneta legale, la moneta ad alto potenziale o l’aggregato M0 a seconda dei gusti dei palati fini.
    Questo tema è fondamentale purché non inganni il basso peso relativo del 10%, infatti M0 genera poi a cascata M1, M2, M3 (vedere nota*), con un effetto “leva”, detto MOLTIPLICATORE DELLA MONETA E DEL CREDITO (vedere nota**).
    Veniamo adesso ad alcune risposte:
    la base monetaria M0 di una data economia è creata “ex nihilo”, cioè dal nulla, solo ed esclusivamente dalla Banca Centrale (BC) di uno Stato sovrano attraverso la propria Zecca (o altri organi tecnici), sostenendone esclusivamente il costo industriale di produzione.
    Ad es. una banconota da 100 € costa circa 0,30 €. Una moneta da 0,01 @ costa 0,04 @.
    La moneta bancaria M1 viene invece creata da banche e casse di risparmio, attraverso il meccanismo della c.d. “riserva frazionaria” (vedere nota**).
    Per adesso ci limiteremo a parlare della creazione o, viceversa, della contrazione della base monetaria M0, cioè di quella cosa che viene tirata in ballo quando si dice un po’ grossolanamente che la banca centrale deve “stampare / battere moneta” o essere “prestatore di ultima istanza” quando si parla di garanzia sul debito pubblico di un paese.
    1a – STRUMENTI PER LA CREAZIONE DI BASE MONETARIA DA PARTE DI UNA BC (cioè la c.d. “politica monetaria espansiva”):
    A. Acquisto di asset (oro, titoli internazionali di credito, valute estere), pagandoli con l’emissione di moneta legale, iscritta nel PASSIVO del bilancio della BC (mentre l’asset va iscritto, in partita doppia, nell’ATTIVO, e va ad incrementare le c.d. “RISERVE UFFICIALI” della BC);
    B. Finanziamento diretto dello Stato (e della sua spesa pubblica): attraverso l’acquisto di titoli pubblici direttamente nel “mercato primario” (cioè nelle aste del Ministero del Tesoro – venditore di bond pubblici);
    C. Monetizzazione del disavanzo dello Stato (finanziamento diretto della sua spesa pubblica): accredito diretto del conto del Tesoro con erogazione di denaro, in modo che lo Stato non emetta Titoli di debito pubblico;
    D. Acquisto di titoli di Stato sul “mercato secondario” (cioè la borsa valori) con operazioni di “mercato aperto” su titoli già collocati dal Ministero del Tesoro;
    E. Operazioni di finanziamento del sistema bancario commerciale (risconto titoli, accrediti e anticipi, finanziamenti vari) con decremento del TASSO UFFICIALE DI SCONTO (che è il costo dell’acquisto di base monetaria da parte del sistema bancario, dalla BC). Nel mondo anglosassone queste operazioni vengono definite “QUANTITATIVE EASING” (negli USA avviene a favore anche delle banche private, convertendo loro riserve presso la BC con cash creato “ex nihilo”);
    F. Riduzione del coefficiente di riserva frazionaria obbligatoria “r” (vedere nota **).

    1b – ESPANSIONE ESOGENA DELLA BASE MONETARIA (senza cioè una politica espansiva della BC, ma per effetto delle esportazioni di beni e servizi verso altri paesi):
    G. Flusso attivo di bilancia dei pagamenti: un paese esportatore al netto, avrà un saldo positivo della bilancia commerciale, pertanto nelle transazioni commerciali affluiranno valute estere dei paesi acquirenti (non aventi corso legale in Italia), che verranno scambiate dalla BC con valuta nazionale (avente corso legale in Italia). La valuta estera alimenta le RISERVE UFFICIALI della BC, che le tiene in portafoglio per usarle in caso di bisogno.

    2a – STRUMENTI PER LA CONTRAZIONE DELLA BASE MONETARIA DA PARTE DI UNA BC (cioè la c.d. “politica monetaria restrittiva”):
    H. Vendita di asset (oro, titoli internazionali di credito, valute estere), con riduzione dell’ATTIVO e incasso di base monetaria (che riduce, parallelamente, anche il PASSIVO della BC). Cessione di parte delle RISERVE UFFICIALI della BC.
    I. Vendita dei titoli di Stato detenuti dalla BC tra le riserve, sul mercato secondario (mercato aperto – borsa);
    J. Operazioni di finanziamento del sistema bancario e finanziario (risconto titoli, accrediti e anticipi, finanziamenti) con un incremento del TASSO UFFICIALE DI SCONTO (costo d’acquisto di base monetaria dalla BC, da parte del sistema bancario).
    K. Incremento del coefficiente di riserva frazionaria obbligatoria (vedere nota **).

    2b – CONTRAZIONE ESOGENA DELLA BASE MONETARIA (senza una politica restrittiva da parte della BC, ma per effetto delle importazioni di beni e servizi da altri paesi):
    L. Flusso passivo di bilancia dei pagamenti: un paese importatore al netto, avrà un saldo negativo della bilancia commerciale, pertanto nelle transazioni commerciali verranno acquistate valute estere dalle BC dei paesi venditori, utilizzando valuta nazionale o riserve di valuta estera attinte dalle riserve ufficiali della propria BC, per regolare le transazioni.

    Da qui si evince il ruolo strategico fondamentale di una BC, ma anche quello del correlato sistema finanziario.
    Si evince anche come sia determinante il successo estero delle imprese nazionali, in quanto determinando un surplus commerciale del paese, consentono di “sottrarre” risorse finanziarie dalle economie clienti, cui vendono i propri prodotti, influenzando la loro possibilità di sviluppo e di occupazione dei loro lavoratori (e qui c’è tanto da dire sul denigrato utilizzo del tasso di cambio delle monete e dei processi di svalutazione dello stesso, come meccanismi di riequilibrio).
    Specifico infine che l’opzione B e C, per l’Italia e per gli altri stati dell’eurozona, è vietata dall’art. 101 del Trattato di Maastricht.
    Le opzioni B e C inoltre non erano più obbligatorie per la Banca d’Italia già dal 1981 (c.d. divorzio tra banca centrale e Tesoro), in ossequio alla Teoria Quantitativa della Moneta (altrimenti detta Monetarismo) elaborata Irving Fisher e ripresa dal premio Nobel, Milton Friedman (per chi volesse approfondire), e che ha determinato il principio dell’indipendenza delle banche centrali;
    DOMANDA FINALE
    Chi dovrebbe governare secondo voi l’emissione della base monetaria?
    Una banca centrale autonoma, cioè non controllata dallo Stato, ma da quei soggetti che intermediano la moneta bancaria (Banche, casse di risp. Holding finanziarie multinazionali), come avviene oggi? Oppure una banca centrale controllata dallo Stato, regolamentatore anche del settore finanziario, come avveniva per tutti gli anni 50, 60, 70?
    La Banca d’Italia nello statuto del 1948, firmato da De Gasperi e De Nicola, all’art. 3 sanciva l’obbligo di maggioranza pubblica delle quote societarie. Nel 2006 il governo Prodi, con DPR del 12/12/2006, approva il nuovo statuto, con la riforma dell’art. 3, che elimina anche formalmente quest’obbligo, ribadendo l’indipendenza dell’Istituto.

    • NOTA TECNICA:
      (*) AGGREGATI MONETARI:
      Quando parlano di “moneta” gli economisti parlano di “aggregati” monetari che, come detto in parte prima esplicitano il grado decrescente di liquidità o liquidabilità della stessa:
      M0 = base monetaria (banconote e monete);
      M1 = liquidità primaria (M0 + depositi e assegni a vista);
      M2 = liquidità secondaria (M1 + depositi postali e cambiali);
      M3 = riserve liquidabili (M2 + Titoli di Stato a breve scadenza).
      Quindi la moneta è M = M0+M1+M2+M3

    • NOTA TECNICA:
      (**) RISERVA FRAZIONARIA E MOLTIPLICATORE DELLA MONETA:
      Ciò che segue è il frutto di notevoli semplificazioni, necessarie per tentare di capirci qualcosa.
      Raccolta la base monetaria M0 in possesso di cittadini e imprese (che le hanno ricevute attraverso stipendi, rendite, spesa pubblica, consumi ecc.), le banche possono riprestare a loro volta a cittadini e imprese, tutta la “raccolta” in loro “possesso”, cioè i depositi, TRANNE una quota percentuale detta riserva frazionaria.
      La RF è quindi l’insieme di contanti o di attività facilmente liquidabili, che la banca non può riprestare all’economia, in quanto la BC le impone di trattenere in riserva obbligatoria una % “r” stabilita dalla BC, secondo le proprie finalità di politica monetaria.
      La RF è data da:
      riserva obbligatoria: un accantonamento contabile e finanziario verso la BC, per garantire che le banche possano saldare le proprie reciproche esposizioni debitorie in sede di compensazione interbancaria (ad es. pensiamo all’assegno unicredit, versato presso banca intesa);
      riserva a garanzia dei correntisti: fondo interbancario (sempre uncome accantonamento contabile) a garanzia dei conti correnti (per gestire almeno parzialmente il rischio della c.d. “corsa agli sportelli”);
      riserva legale e statutaria: è una percentuale dei depositi che una banca decide di costituire volontariamente per statuto, migliorando la “solidità” della banca.

      Quando una banca si avvicina ad erodere la riserva obbligatoria (per vari motivi, compresi investimenti speculativi andati a male!!!), deve immediatamente far “rientrare” prestiti o concedere meno fidi.
      Veniamo al significato del coefficiente “r” di RF. Questo aumenta quando si vuole determinare una stretta monetaria in un paese, mentre al contrario “r” si riduce quando si vuole dare luogo ad una espansione del credito all’economia reale.
      Come avviene la creazione di moneta bancaria?
      Se la BC stabilisce che r deve essere pari al 2% (e così è per la BCE, a seguito del proprio regolamento 1745/2003 e, a livello internazionale, dalla regola Basilea 1), allora la banca, ricevuti depositi per 100, vincolati 2, può immediatamente riprestare 98, a condizione di trovare imprese che hanno bisogno di finanziarsi (investimenti) o persone che accetta di indebitarsi per espandere i consumi (ad es. mutui casa, credito al consumo, carte revolving ecc.). In tutto questo ragionamento prescindiamo da ulteriori considerazioni sul merito di credito (tematiche tipo mutui sub prime ecc.).
      Quindi, alla base monetaria di 100, si è aggiunta moneta bancaria per 98, portando la moneta M a 100 (M0) + 98 (M1) = 198.
      Ma la cosa non si ferma qui perché, a livello di sistema bancario ed economico complessivo cosa succede?
      Che i 98 immessi, alimentano ulteriori consumi e investimenti che portano i beneficiari a ridepositare 98 nel sistema bancario.
      A questo punto il sistema bancario trattiene sempre il 2% (“r”) di 98, pari a 1.96, e ripresta 96.04 all’economia, la quale la rideposita nelle banche che, dopo aver trattenuto nuovamente un 2% a riserva, pari a 1.9208, ripresta il residuo (94.1192) al sistema, e così via. Il tutto per circa 6-700 cicli di questo tipo, in progressione geometrica.
      La formula della “moltiplicazione monetaria” dei depositi, in sintesi è pari a: Deposito Iniziale x 1/r, dove r è il coefficiente di riserva frazionaria stabilito dalla BC.
      Nel nostro esempio sarebbe M = 100×1/0.02 = 5.000, che significa che il sistema finanziario è in grado di generale 49 volte, la base monetaria M0 emessa dalla BC.
      Una minima variazione di r, stabilita dalla BC, ha effetti enormi sulla liquidità del sistema economico generale.
      Ad esempio se la BC fissasse r in misura pari al 3%, quindi solo un punto % in più rispetto al precedente esempio, allora M = 100×1/0.03 = 3333.3, che porta ad una capacità di moltiplicazione monetaria pari a 32.33 volte la base monetaria M0 immessa dalla BC.
      In sintesi un piccolo incremento percentuale del coefficiente di riserva frazionaria, contrarrebbe del 34,01% la “bocca da fuoco” del sistema bancario e finanziario nel suo complesso nella creazione della moneta.
      Ed ora arriva la complicazione a quanto or ora descritto perché, in realtà, questa è una visione tecnica e cristallizzata della moneta, delle banche e della BC.
      Le BC infatti oggi debbono comunque garantire la “solvibilità reciproca delle banche” (prestazione di ultima istanza) nel mercato interbancario (quello di cui è stato presidente un certo Paolo Savona dal ’90 al ‘99), per cui le banche non usano senza criterio la moltiplicazione monetaria, ma valutano il “merito di credito” di chi chiede prestiti, per cui spesso sono più interessate, soprattutto in momenti di grande sofferenza dei crediti come questo, a prestare il meno possibile, rispetto a quanto loro consente un “r” fissato al 2%.
      Quindi, in sintesi, occorre che l’economia “tiri”, che scendano gli indici di sofferenza e morosità nel paese e che, soprattutto, ridecolli la domanda interna e regga quella estera, o si riducano le importazioni (possibilmente non per una deflazione, come oggi, ma per lo sviluppo delle produzioni nazionali, come un tempo).
      Ecco perché è fondamentale capire che la moneta è ENDOGENA (cioè dipende da quanto è forte la domanda interna e la capacità commerciale e manifatturiera del paese, oltre al basso tasso di insolvenze e morosità, che consente alle banche di immettere una maggiore quantità di moneta in parallelo allo sviluppo sano dell’economia) e non ESOGENA (data solo dalla BC e da quanto “stampa”).
      Quindi è prioritario, da subito, combattere la deindustrializzazione dell’Italia.
      Ed allora che importanza ha l’euro in tutto questo?
      ENORME: in primis perché si accompagna all’impossibilità di far finanziare la spesa pubblica a tassi di interesse reali negativi (anche se nominali positivi) ed anche perché favorisce proprio i temuti processi di deindustrializzazione dovuti all’eccesso di forza della moneta per alcune economie, che controbilancia la debolezza relativa dell’euro per la Alemannia.
      Ciò fa esplodere, anche solo per meccanismi finanziari, i debiti pubblici e li rende quasi ineliminabili, comportando un ripiegamento e rinnegamento dei welfare state, sulla spinta del c.d. VINCOLO ESTERNO, che poi non è altro che il frutto della concorrenza valutaria sleale, che un paese forte esercita su uno debole, all’interno della stessa area monetaria, attraverso il finanziamento a debito delle sue importazioni.
      Questo modello, inoltre, non considera aspetti determinanti tipo la libertà di circolazione dei capitali presso i sistemi finanziari di altri paesi (ciò che fa la fortuna dell’economia anglosassone); l’evasione fiscale che sottrae massa monetaria alla circolazione ufficiale (che spesso ha fatto la fortuna delle varie Svizzera, Lussemburgo, Cayman, ecc.); le persone avverse alle banche che trattengono i risparmi sotto il materasso o quelle normali che detengono contanti in portafoglio per i piccoli acquisti; gli interessi che le banche incassano dall’intermediazione finanziaria, su tutto questo giocattolo…
      La finanza oggi è globale, lo sappiamo tutti, e da ciò si capisce l’importanza delle società di rating, dei rapporti tra BC e soprattutto della serietà dei processi di regolamentazione che gli stati dovrebbero porre in essere, sul sistema bancario e finanziario, nell’interesse dei popoli che li hanno messi li a governarli, delegando loro l’esercizio della propria sovranità (monetaria inclusa). In sintesi il funzionamento del mercato monetario, dipende anche e soprattutto dal controllo dei conflitti di interesse presenti tra autorità monetarie, finanziarie, industriali, istituzionali nazionali ed europee.
      Ma data la globalità della finanza, non significa che occorrano monete globali (qualcuno dice che per una parete grande non serve un pennello grande, ma un grande pennello).
      Qualcuno infatti vaneggia di una nuova moneta mondiale nascente dall’unione di dollari ed euro.
      Questa sarebbe una assurdità che eliminerebbe definitivamente i meccanismi di aggiustamento che consentono alle economie in via di sviluppo, od a quelle importatrici, di sopravvivere e svilupparsi, con le politiche di cambio e di svalutazione/rivalutazione, rendendo di fatto operativo quel gold standard che è stato la principale causa della grande depressione degli anni ’30, e che interessa davvero, solo a chi ha una posizione dominante.

    • @ Maximus
      Sto leggendo il lavoro che hai fatto e mi sembra veramente molto articolato, interessante, pieno di spunti di discussione e di approfondimento!
      Grazie e complimenti

      Devo ancora rileggere tutto, ma per iniziare vorrei ampliare la discussione portando all’attenzione di tutti una definizione di moneta del prof. Auriti:

      La moneta fu definita in modo esauriente da Aristotele come misura del valore.
      In ogni frase vi sono sempre due significati: uno esplicito e l’altro implicito. Il limite dei monetaristi sta nel fatto di essersi limitati a considerare solo il significato esplicito della definizione di
      Aristotile, “misura del valore” ed ignoravano quello implicito: “valore della misura”. Ogni unità di misura ha infatti, necessariamente, la qualità corrispondente a ciò che deve misurare. Come il metro ha la qualità della lunghezza perché misura la lunghezza, la moneta ha la qualità del valore perché misura il valore. Sicché la moneta non è solamente la misura del valore, ma anche il valore della misura che è il potere d’acquisto.
      Poiché ogni unità di misura è una convenzione ed ogni convenzione è una fattispecie giuridica, la moneta è una fattispecie giuridica.

    • Mr. Age
      Grazie
      so che è un argomento molto complicato.
      La moneta va compresa per capire cosa davvero sia l’euro.
      Quello che tu dici, citando Aristotele, ed ancor più grazie alle tue conclusioni sulla moneta-convenzione-fattispecie giuridica, si lega benissimo al ragionamento che sottendo: l’euro è una fattispecie che rende giuridicamente forte il processo di integrazione europea… tuttavia è un processo monetarista e mercantilista intrinsecamente antidemocratico, che consolida e consacra la supremazia bancaria sulla politica, che poggia su quella stessa inettitudine dei nostri politici che tutti denunciamo.
      Sta a noi cittadini, “capire e cambiare”, senza dare deleghe in bianco a nessuno.

    • Come al solito Maximus vorrei ringraziarti per il duro lavoro che hai fatto per produrre questo bel documento.
      Vorrei cominciare provando a chiarire e chiarirmi alcuni concetti:
      1)
      Cit
      >>>
      Ed allora che importanza ha l’euro in tutto questo?
      ENORME: in primis perché si accompagna all’impossibilità di far finanziare la spesa pubblica a tassi di interesse reali negativi (anche se nominali positivi)
      >>>
      Cosa si intende per “tassi di interesse reali” positivi?
      La differenza tra tasso nominale e tasso di inflazione?
      Se si va bene quello indicato in questa serie storica?
      http://www.rivaluta.it/tabellatus.htm
      2)
      Per poter capire e far capire ben di cosa si parla mi farebbe piacere che tu dessi una sintetica ma efficace definizione di “Endogeno” ed “Esogeno”.
      Questi concetti possono essere usati per talmente tanti variabili di sistema che ho l’impressione che a volte si possa dimenticare il loro vero significato.
      Credo che sia fondamentale partire da qui per poi fare ulteriori valutazioni.
      grazie

    • @ Maximus
      Dal mio punto di vista il problema non si limita all’€uro, il punto centrale della definizione che ho riportato è che il “valore della misura” è potere di acquisto.
      In questa logica il sistema bancario privato crea e presta potere di acquisto. Quindi si arroga indebitamente la proprietà della moneta, perchè non si può prestare qualcosa che non si possiede.
      E’ un sistema folle basato sostanzialmente sull’inganno che effettivamente la banca possieda veramente ciò che presta!
      Basterebbe semplicemente ritirare il 2,1 % dei depositi per far crollare questo castello di carte!

    • @Mjollnir

      … prego …

      “Cosa si intende per “tassi di interesse reali” positivi?
      La differenza tra tasso nominale e tasso di inflazione?
      Se si va bene quello indicato in questa serie storica?
      http://www.rivaluta.it/tabellatus.htm

      SI – in pratica da anni, come fa vedere il grafico che citi, abbiamo tassi di interesse reali positivi sul debito (in quanto di molto superiori all’inflazione) ed è proprio per questo che il debito è incontrollabile. Il tasso di interesse “reale” bada bene, sottrae ricchezza nazionale a favore della finanza, con rendite “reali” pagate dal nostro lavoro.

      P.S. Domani aggiungerò qualcosa sul concetto di endogeno/esogeno.

    • @ Mr. Age

      “In questa logica il sistema bancario privato crea e presta potere di acquisto. Quindi si arroga indebitamente la proprietà della moneta, perché non si può prestare qualcosa che non si possiede.
      E’ un sistema folle basato sostanzialmente sull’inganno che effettivamente la banca possieda veramente ciò che presta!
      Basterebbe semplicemente ritirare il 2,1 % dei depositi per far crollare questo castello di carte!”

      E’ semplicemente un sistema che da qualche secolo ha delegato a finanzieri privati il finanziamento delle spese statali (e delle guerre, il vero business) fatte a debito, anziché senza interessi.

      @ Mjollmir

      In realtà però quando parlo di rendite reali mi riferisco banalmente anche al fatto che oggi, i BTP a 10 anni, ci costano un 4% e con l’inflazione allo 0,7%, significa un tasso reale negativo del 3,3%. Facessimo come l’Ungheria o la Cina, quel 4% potrebbe essere 0%.

    • @ Mjollmir

      hops, rettifico: In realtà però quando parlo di rendite reali mi riferisco banalmente anche al fatto che oggi, i BTP a 10 anni, ci costano un 4% e con l’inflazione allo 0,7%, significa un tasso reale POSITIVO (per il possessore del BTP e negativo per noi che lo paghiamo) del 3,3%.
      Facessimo come l’Ungheria o la Cina (intendo Sovranità monetaria), quel 4% potrebbe tendere allo 0%.

    • @ Mjollnir 68.8

      Rispondo oggi al tuo secondo quesito:

      NOTA TECNICA:
      (*) AGGREGATI MONETARI – MONETA ESOGENA / ENDOGENA:
      Quando parlano di “moneta” gli economisti parlano di “aggregati” monetari che, esplicitano il grado decrescente di liquidità o liquidabilità della stessa, oltre che una precisa GERARCHIA che fonda la solvibilità del sistema dei pagamenti nel sistema finanziario sistemico:
      M0 = base monetaria (banconote e monete), emessa dalla BC;
      M1 = liquidità primaria (M0 + depositi e assegni a vista);
      M2 = liquidità secondaria (M1 + depositi postali);
      M3 = riserve liquidabili (M2 + Titoli di Stato a breve scadenza e cambiali).
      Quindi la moneta è M = M0+M1+M2+M3
      M1/2/3 sono “promesse di pagamento di agenti privati”.

      Cosa significa, in questo contesto, esogeno o esogeno?
      ESOGENO = controllato e indotto direttamente dalla BC
      ENDOGENO = non controllato e non indotto direttamente dalla BC
      Da questo punto di vista, quindi, è esogeno solo l’aggregato monetario M0 (base monetaria), il TUS (tasso ufficiale di sconto = costo per il sistema bancario della base monetaria), i tassi di interesse a breve termine, in quanto controllati dalla BC come autorità monetaria.
      Ed allora occorre affermare con chiarezza che la moneta è, come dice la scuola keynesiana, nella sua essenza, “endogena”, in quanto la quantità di moneta è determinata dalla domanda di credito da parte dei clienti delle banche attraverso prestiti, mutui, fidi.  A quel punto le banche “chiedono soldi” alla BC, che emette base monetaria M0 ad un certo tasso di interesse.
      In tal senso la BC non emette moneta senza criterio, ma fornisce la quantità di moneta domandata dal sistema bancario. La parte attiva della money supply è dato quindi da cittadini e imprese che la domandano per il tramite degli intermediari finanziari.

      La GERARCHIA DELLA MONETA deriva dal seguente principio: gli aggregati monetari M1/2/3 sono accettati per regolare le transazioni, nel solo settore non finanziario (cioè persone/imprese/amministrazioni pubbliche).
      Le transazioni del settore finanziario (cioè le compensazioni finanziarie interbancarie), non possono essere regolate con M1/2/3, semplicemente perché queste entità sono “create” dal sistema finanziario stesso, per cui nel settore interbancario può essere utilizzato solo l’aggregato monetario M0 (cioè la MONETA DI BC), per evidenti motivi di “conflitto di interessi” tra banche. La moneta di banca centrale, quindi, svolge una funzione di “GARANZIA” rispetto ai flussi di moneta creditizia.
      Naturalmente M0 (banconote e monete) sono utilizzate, oltre che dalle banche e dallo Stato (entrate fiscali), in tutta evidenza, anche dal settore non finanziario (noi) in una minima parte rispetto al volume di emissione.
      Quando un cittadino A fa un bonifico al cittadino B, se hanno banche diverse c’è uno spostamento di depositi (M1) dalla banca di A alla banca di B. Per le banche, nel mercato interbancario sottostante, c’è un contemporaneo trasferimento di base monetaria (M0), dalla riserva obbligatoria della banca di A, a quella della banca di B.
      Le transazioni compensative interbancarie oggi sono istantanee ed avvengono secondo il protocollo TARGET II, pertanto per evitare il rischio che la riserva obbligatoria sia “incapiente” rispetto alle stesse, con il rischio di bloccare a livello sistemico il sistema dei pagamenti, la BC accredita tutta la base monetaria M0 necessaria al sistema finanziario (ciò che nel primo intervento era descritto alla lettera “E”).

      Le BC nel mercato interbancario svolgono quindi il ruolo di alimentazione e controllore dei flussi di base monetaria M0 tra banche, in sede di “camera di compensazione”, oltrechè di incondizionata emissione di base monetaria M0 per le riserve bancarie.
      Ancora una volta da questo passaggio si evince che la moneta è endogena, in quanto se per ipotesi una BC si rifiutasse di emettere la M0 necessaria per le transazioni, salterebbe il sistema dei pagamenti e non solo in modo suicida.

      Se dovessero saltare le compensazioni tra le banche, salterebbe assieme ai pagamenti, il settore finanziario ed, a cascata, il settore non finanziario dei beni e servizi (cioè noi). Quindi la BC è una istituzione fondamentale.
      Pertanto la BC spesso impone che la compensazione interbancaria sia anche “garantita” dal deposito, presso la stessa, di base monetaria M0, costituendo quindi la c.d. RISERVA OBBLIGATORIA (di cui alla nota **).
      La riserva obbligatoria, per ovvie ragioni logistiche e di volume monetario, non è costituita solo da banconote cartacee, la principale componente sono flussi monetari informatici (dematerializzati).
      Ma per non rischiare che questo discorso moneta endogena/esogena diventi una sterile “supercazzola” ci tengo comunque a dirti il mo parere:
      Personalmente la penso come alcuni economisti inglesi e soggetti della finanza internazionale che alimentano, OGGI, un dibattito serio: per uscire da questa crisi occorre un soggetto (che per me deve essere lo Stato) che IMMETTA DIRETTAMENTE MONETA NELL’ECONOMIA ATTRAVERSO LA SPESA PUBBLICA (che poi indirettamente risana anche la finanza castrata dalle scelte avide e pericolose della speculazione), SOSTITUENDOSI INTEGRALMENTE PER 2-3 ANNI ALLA NUOVA EMISSIONE DI TITOLI DI STATO (per cui recupereremmo debito pubblico per 400.000 euro l’anno, riducendolo in modo imperioso), QUINDI NON CON MONETA A DEBITO (!!!), CHE CI CONSENTA DI RILANCIARE PESANTEMENTE LA DOMANDA INTERNA ED IL PRODOTTO NAZIONALE, CON UNO STATO CHE TUTELI L’INDUSTRIA NAZIONALE DALLA CONCORRENZA VALUTARIA E SALARIALE SLEALE, OPERI PER TUTELARE IL POTERE D’ACQUISTO DEI CITTADINI, E RIFORMI INTEGRALMENTE LA PUBBLICA AMINISTRAZION, NON A COLPIDI PRECARIZZAZIONE E TAGLI, MA CON UN CAMBIO DI PARADIGMA: UNA P.A. AL SERVIZIO DEL SETTORE PRIMARIO, SECONDARIO E TERZIARIO, E NON VOCATA AL SOLO RISPETTO DI UN DELIRIO NORMATIVO DI INAUDITA STUPIDITA’.

      Tutto ciò non può essere fatto dalla BCE, quindi, nell’interesse nazionale: FUORI DALL’EURO.

    • @ Maximus
      Ti rinnovo i complimenti per la semplicità e la chiarezza dell’ esposizione su temi complessi.Colgo l’occasione per porre l’attenzione su alcuni punti ed eventualmente stimolare la discussione.
      La ipotesi esposta (dai Keneysiani) a dimostrazione della teoria si basa su alcune semplificazioni che secondo me non corrispondono esattamente alla realtà.
      Si ipotizza:
      1)Che i due insiemi siano ben definiti.
      2)Che un elemento può appartenere o non appartenere a un determinato insieme e non ci sono vie di mezzo.
      3)Che gli elementi di un insieme non hanno un ordine di comparizione.

      Provo a confutare
      1) Sappiamo benissimo che il sistema bancario privato controlla le Banche centrali dei rispettivi paesi, quindi ne deduco che i due insiemi non sono ben definiti.
      2) Di conseguenza se un elemento deve appartenere ad uno solo dei due insiemi dove devo collocare il sistema creditizio, con le BC o con il sistema privato (imprese cittadini etc.)
      3)Come hai ben spiegato chi “maneggia” l’aggregato M0(“moneta vera”) sono la BCE e le aziende di credito, solo una piccola parte (contanti) viene usata dai cittadini e le imprese. Questo crea una gerarchia degli elementi del secondo insieme che è in netto contrasto con il concetto matematico di insieme.

      Un altra semplificazione (non di poco conto) impone che anche nello schema esteso le aziende di credito e le BC non abbiano deficit/surlpus ma favoriscano l’allocazione ottimale del risparmio fra gli altri settori.
      Mi sembra che anche questo non avvenga proprio nella realtà.

      Fatte queste considerazioni siamo sicuri che la moneta è generata dalla domanda?
      E poi quale domanda, quella delle aziende di credito o quella degli altri settori privati?

    • L’ho letto tutto d’un fiato senza esitazioni: molto chiaro!
      Complimenti come al solito.
      Condivido quantomeno i dubbi proposti da Mr Age che con un approccio insiemistico pone alcuni problemi che possono mettere in crisi le ipotesi del sistema da te illustrato
      Attendo un tuo commento su queste obiezioni di Mr Age.
      Appena digerito il tutto, ti porrò anche altre mie perplessità sulla reale applicabilità del concetto di moneta endogena al di la dell’aspetto puramente teorico.
      Nel frattempo sto mettendo mano a un lavoro di costruzione da zero di una teoria monetaria, che sta portando, da alcuni primi riscontri, a risultati molto sorprendenti.

  • MESSORA, STAI DIVENTANDO TROPPO “MISSING” ULTIMAMENTE, SE CI SEI BATTI UN COLPO, E SE APRI LA DISCUSSIONE SERIA SAREBBE BENE E BELLO PER TE………….

    • Sarei curioso di sapere cosa è passato in mente…a Claudio Messora…quando ha letto nel blog di Grillo…che in Ungheria ..è stato fatto un attentato alla “indipendenza” della Banca Centrale.

      Ma sarei proprio curioso…….

      Io quando lo ho letto son letteralmente saltato dalla sedia….tutto mi aspettavo (ormai in quel blog si è abituati a sentire un mal assortito cocktail di cazzate )…ma una cosa del genere non me lo sarei mai aspettato.

    • scusa ma vedo che Claudio la discussione l’ha gia’ aperta,
      lasciandocii esprimere la nostra opinione sul suo blog quando siamo (come giustamente hai scritto prima) chiaramente OT dato che siamo passati dall’ottima Lezzi con il reddito di cittadinanza passando per Bagnai e finendo con l’euro.
      risultato :piu’ di trecento commenti.
      ogni giorno che passa vediamo salire sul “carro dei vincitori”
      personaggi del passato, quelli nuovi tergiversano.
      e’ quello che dispiace.

    • @ occhiodifalco

      Che i vecchi volponi della politica saltassero sul carro dei vincitori non mi meraviglia affatto, ma vedere i nuovi scendere è ben altra cosa!

    • Grazie Emar di avercelo ricordato, io ha votato M5S per quel video oggi non credo che potrei accordargli nuovamente la mia fiducia!

    • Emar,

      Come spiegato anche da Mr. Age in questo blog il concetto espresso da Grillo è facilmente comprensibile da un punto di vista Filosofico e Giuridico.

      Un po più difficile è spiegarlo da un punto di vista economico specialmente perché, da quello che capisco, la maggior parte degli economisti si incolla in toto a una teoria economica senza ammettere deviazioni o eccezioni o anche solo vederne i difetti
      Nessuna delle teorie economiche che girano in questo momento da riposte al quesito che Grillo pone in questo video.

      Come ricordato da Paolo Ferrero in televisione si usci’ in due modi dalla grande depressione economica del 1929: In America con l’applicazione del New Deal in Europa con le teorie economiche del fascismo.

      Come mai oggi amiamo citare e studiare solo il modello americano e non si riesce a trovare traccia del modello Europeo dell’Epoca che si è dimostrato altrettanto valido se non migliore?

  • Salvini della Lega stasera da Santoro ha detto tutto quello che noi su questo blog ci diciamo da sempre sulle sovranità e non solo monetarie anche quelle doganali ecc.. ha detto che le Letta e Monti non fanno gli interessi del paese ma di altri poteri,ed ha giustamente rivendicato che la lega è contro l’Euro da sempre ed ha sempre votato contro tutti i trattati Europei,ogni giorno di più il fronte antieuro si allarga alle prossime elezioni ci saranno varie forze politiche che si presentano con un programma antieuro e se il duo Grillo Casaleggio non si danno una svegliata prevedo grosse emorragie di voti

    • MEGLIO POSTARE L’ARTICOLO CHE CE GENTE CHE I LINK MANCO LI APRE..

      ——————————————————————————

      L’EURO CONTRO L’EUROPA

      pacatamente…)

      Sul sito di a/simmetrie trovate le informazioni e il modulo per registrarvi (gratuitamente) al convegno L’euro contro l’Europa, organizzato dalla Fondazione Nuova Italia (che ha preso l’iniziativa) e da a/simmetrie (che ha assicurato il supporto organizzativo e scientifico).

      Partecipano Diego Fusaro, Brigitte Granville, Jacques Sapir, Stefano Fassina, Alberto Bagnai, Luigi Casero, Guido Crosetto e…

      E…

      Allora, chiariamo subito un concetto. Non è colpa mia se questo dibattito in Italia sta diventando appannaggio della destra. Io avevo chiaramente avvertito più di due anni fa la sinistra dell’errore che stava commettendo e che le sarà fatale, e lo avevo fatto non in un luogo “oscuro”, ma in un dibattito promosso sul Manifesto da Rossana Rossanda. Tutto quello che prevedevo in quell’articolo (l’avvento di un governo “tecnico” salutato dalla sinistra – Monti, il macellaio col grembiule rosa; l’avanzata delle destre prima in Francia e poi da noi, ecc.) si è puntualmente verificato, perché era ovvio che si sarebbe verificato.

      Di questi saggi avvisi i compagni se ne sono ampiamente battuti il belino (sugli scogli di Quarto), salvo poi confessare di aver orientato il dibattito in senso eurista (come sapete). Hanno cioè confessato di voler difendere il più spietato e criminale progetto oligarchico promosso in Europa da secoli, un progetto il cui fallimento viene oggi dai suoi padri nobili imputato, con toni colpevolizzanti, ai governi cialtroni che non avrebbero bene operato, quando lo scopo del progetto stesso era, molto chiaramente, proprio quello di togliere ai governi tutti gli strumenti per operare: la politica fiscale, la politica monetaria, la politica valutaria, aggirando il consenso dei cittadini, per ridurre ideologicamente il government footprint, consegnando alla finanza privata tutto il risparmio intermediato dall’operatore pubblico, come ho spiegato qui.

      Allora, chiariamo subito un concetto. Non è colpa mia se questo dibattito in Italia sta diventando appannaggio della destra. Io avevo chiaramente avvertito più di due anni fa la sinistra dell’errore che stava commettendo e che le sarà fatale, e lo avevo fatto non in un luogo “oscuro”, ma in un dibattito promosso sul Manifesto da Rossana Rossanda. Tutto quello che prevedevo in quell’articolo (l’avvento di un governo “tecnico” salutato dalla sinistra – Monti, il macellaio col grembiule rosa; l’avanzata delle destre prima in Francia e poi da noi, ecc.) si è puntualmente verificato, perché era ovvio che si sarebbe verificato.

      Di questi saggi avvisi i compagni se ne sono ampiamente battuti il belino (sugli scogli di Quarto), salvo poi confessare di aver orientato il dibattito in senso eurista (come sapete). Hanno cioè confessato di voler difendere il più spietato e criminale progetto oligarchico promosso in Europa da secoli, un progetto il cui fallimento viene oggi dai suoi padri nobili imputato, con toni colpevolizzanti, ai governi cialtroni che non avrebbero bene operato, quando lo scopo del progetto stesso era, molto chiaramente, proprio quello di togliere ai governi tutti gli strumenti per operare: la politica fiscale, la politica monetaria, la politica valutaria, aggirando il consenso dei cittadini, per ridurre ideologicamente il government footprint, consegnando alla finanza privata tutto il risparmio intermediato dall’operatore pubblico, come ho spiegato qui.

      Chiaro?

      Se è stato Gianni Alemanno a contattarmi per organizzare questo dibattito, invece di Ferrero, di Vendola, di Epifani (mi viene da ridere), non è un problema mio: è un problema di Ferrero, Vendola, Epifani e zombie simili. Perché Alemanno faccia oggi questo, o perché abbia fatto altro in passato, scusatemi, non mi interessa. Siamo in una casa in fiamme. A chi ci aiuta ad indicare l’uscita non credo sia il caso di chiedere la carta di identità, come ha chiaramente detto Diego a Pescara. Chi la pensa diversamente può dirlo, e mi limiterò a un civile e pacato commento.

      Alemanno vuole assicurarsi la propria sopravvivenza politica? Bene, bravo. Molto meglio di Renzi, che si sta trasformando da delfino del PD a tonno nella tonnara dell’euro, ascoltando i saggi avvisi dei suoi consulenti economici.

      Cooperare con lui è pericoloso? Forse. Restare nell’euro lo è certamente. Per me non è un problema che Alemanno si avvalga della mia divulgazione, della mia capacità di attivare un dialogo (anche con Fassina, mi dispiace per chi è rimasto deluso), come non lo è per Jacques Sapir che Marine Le Pen si avvalga della sua, o per Costas Lapavitsas che Alba Dorata citi i suoi articoli. I problemi, ora, sono altri, e solo chi vuole difendere la faccia dei propri decotti referenti politici può ignorarli.

      Sentiamo un po’, fini politologi: secondo voi è meglio riconoscere quello che Nicholas Kaldor (noto economista conservatore!) aveva già chiaramente detto nel 1971, cioè che la moneta unica avrebbe portato l’Europa alla disgregazione politica, e operare per la rimozione di questa moneta in un’ottica trasversale di solidarietà, come proponiamo noi, oppure dire che l’euro è bello perché ce l’ha dato la sinistra, ma purtroppo, signora mia, la Germagna è tanta tanta egoista, e con la sua austerità ha rotto il meraviglioso Fogno della sinistra internazionalista?

      Secondo voi cosa rischia di fomentare conflitti intraeuropei, quale delle due opzioni è più “populista”?

      Per salvare la faccia mandereste a morire decine di milioni di persone, cari intellettuali de sto cazzo, che ancora non avete capito che il capitale nasce internazionale e il proletariato non lo diventerà mai, e che l’unico possibile presidio di democrazia, e quindi di tutela delle classi subalterne, oggi è lo Stato nazionale, che è poi l’entità sovrana che si costituisce sotto il presidio di una Costituzione, l’unico strumento dal quale possiamo aspettarci un minimo di tutela dei nostri diritti fondamentali, e con il quale voi invece, seguendo la corrente “europeista”, volete nettarvi le terga, in nome di un malinteso “superamento del nazionalismo”.

      Bene. Per me i fascisti siete voi. E non me ne importa una beneamata fava se quando l’on. Alemanno picchiava qualcuno (così mi dicono i bene informati), voi eravate nel vostro orticello ad annaffiare le mammole, riflettendo sulla composizione organica del terriccio e sulla caduta tendenziale dei vostri capelli (tema nel quale vanto un deciso primato). Quello era prima. Ora la gente muore, con la vostra complicità, con la vostra acquiescenza, anzi, con la vostra fottuta Schadenfreude, perché a voi che la gente muoia piace, perché così, pensate voi, esploderanno le contraddizioni del capitalismo.

      Ecco.

      Ora sapete perché questo convegno non è organizzato da certa gente, ma da altra gente. Chi viene mi fa un piacere, e chi non viene me ne fa due.

      (…maledetti in eterno).

      BAGNAI

      ——————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

      aggiungo io;

      i malati cronici psicoossessi di berlusconismo/antiberlusconismo ….si mettano l’anima in pace. (e vadano a curarsi…è ora di guarire).

      ovvio che è un complotto di Bagnai/Borghi…premeditato…..ahahhah che minkiate bisogna leggere.

      detto questo:

      SARA’ LA DESTRA ITALIANA ED EUROPEA A FAR LA BATTAGLIA PER TIRARCI FUORI DALL’ EUROFASCISMO (oggi il vero fascismo reazionario..)….

      SARO’ CURIOSO DI VEDERE I COMIZI IN CAMPAGNA ELETTORALE:

      TUTTA LA DESTRA CHE URLA CHE BISOGNA USCIRE DALL’ EURO da quella moderata a quella estrema

      e invece:

      Il popolo M5s che ha la naturale vocazione a far questa battaglia…forse i più preparati in tema Euro/UE…con un loro leader

      IL GRILLO…CHE BLATERA DAL PALCO CHE BISOGNA COMUNQUE STARCI NELL’ EURO..RINNEGOZIARE, EUROBOND…E TUTTE LE FESSERIE CHE DICE. IL TUTTO AL POPOLO “””””M5S””””…TUTTI ANTIEURISTI CONVINTI…CONSCI CHE SON STATI DEFRAUDATI DALLA LORO BATTAGLIA…DA DUE LEADERS (forse interessati ad altro…perchè è decisamente “sospetto” questo impuntarsi contro il volere della base….bisognerebbe capirne le ragioni )………

      FORSE SUL PALCO POTREBBERO ARRIVARCI UN BEL PO DI FISCHI E ANCHE DEI POMODORI E DELLE UOVA: CON BUONA PACE DI GRILLO.

      mi sta venendo un idea………ma me la tengo per me 😉

      Ovviamente è tutta colpa di Bagnai 🙂

      nel mentre …

      http://www.youtube.com/watch?v=44XYEeD1A1U

  • fate i conti senza l’oste! Cioè la politica che ha demandato la sua primaria funzione sociale e legislativa di controllo e regolamentazione della civiltà cedendola a quella criminale finanza creativa priva di regole in un orgia incestuosa e di conflitti d’interessi senza precedenti in questa repubblica.
    Ieri sera a Servizio Pubblico M.Travaglio ha evidenziato con dovizia di particolari il reale problema italiano, la vera crisi etica e morale con la quale ci stiamo suicidando.

    L’€uro è un problema correlato alla vita dissoluta e corrotta della nostra classe politica e dirigente, la moneta unica è come un violento virus che ha attecchito ed attaccato il fisico già indebolito di questa Italia priva degli anticorpi necessari per respingere il male.

  • Qui un giornalista che descrive bene il falsario Travaglio…quello che fa finta di essere controcorrente…e su questo ci fa la fortuna…che non denuncia mai De Benedetti..e tutti quelli che “contano” di sinistra..quelli che ci hanno portato in questa situazione.

    Questo si che dice le cose come stanno…non quel falsario, bugiardo, al servizio del sistema chiamato Travaglio-

    Un altro Gatekeeper…che canalizza l’attenzione della gente..con certi argomenti …ma pilotandola in modo che non capisca “veramente” dove sta la sostanza del dramma che stiamo vivendo…appartiene a quella categoria di ipocriti di cui ho parlato in un altro post…quando parlavo di Berlusconismo/Antiberlusconismo.

    Travaglio al servizio del sistema. (come Santoro &affini….) il loro compito? creare menti di “utili idioti” in funzione degli interessi dell’ establishent della sinistra fascista (De Benedetti e il PD )…di cui sono servi.

    http://www.youtube.com/watch?v=0ucvkUdiuIg

    • Questa è una trasmissione dell’anno scorso quando ancora c’èra Monti..ma è validissima anche per oggi .

      Dal punto 0:35 del video il giornalista dice:

      “…..Il problema e che qui c’è una ISTERIA che dura ormai da decenni per la caccia ai LADRI DI POLLI guidata dal gran cerimoniere CARLO DE BENEDETTI editoriale della REPUBBLICA dal TRAVAGLIO e compagnia cantante.
      “Ladri di polli che CERTAMENTE DEVONO PUNITI ” (Rospo: non dice che non vanno puniti in nome della lotta all’eurosistema…da notare bene…)…ma si lasciano intaccati i GRANDI CRIMINALI della distruzione dell’ ECONOMICIDIO dell’ Italia: Romano Prodi, Amato, D’Alema, Padoa Schioppa,Carli,Ciampi (Rospo :questi ultimi sono dei fu….ma la condanna morale non c’è mai stata ….da parte dei vari “Travaglio” )….e oggi si lascia INTOCCATO ..Mario Monti, la Fornero, Grilli, etc etc che stanno facendo la micidiale CHEMIOTERAPIA d’ Italia…(Rospo: oggi il loro lavoro lo sta continuando LETTA e tutti i pro-euro )….
      Possiamo dare la colpa a Lusi, Polverini e Fiorito se in Italia sono fallite in poco tempo 40mila aziende…???? ..etc etc…

      Cit frase Video.

      dico :

      Guardate che chi blatera contro gli sprechi etc etc (che c’erano anche quando l’ Italia era la 5 potenza economica e la prima nel manifatturiero in Europa.(prima anche della Germania…)..quando eravamo con la Lira… sono quelli pro euro..(Travaglio , sinistra e company…) e focalizzano l’attenzione su queste tematiche…per distrarre dal vero principale argomento…e non condannano MAI quelle persone prima menzionate…le uniche responsabili di questo disastro. Lasciano passare una balla: che chi vuole uscire dall’euro…non vuole la lotta agli sprechi, corruzione, etc etc…(invece è esattamente il contrario…gli antieuro son proprio quelli che voglion piazza pulita dell’ euro e con quello di tutto il resto …..).

      I mentitori al servizio di questo sistema…cercano di focalizzare l’opinione pubblica su un certo problema…enfatizzandolo…per distrarla dal vero dramma..e per difendere le istanze del sistema DeBenedettiano/Piddino….

      Chi fa certi discorsi fa finta di parlar male dell’euro…ma è un eurista e un Piddino o NeoPiddinoM5s.

      Ma di che stiamo parlando? ….

    • “Ladri di polli che CERTAMENTE DEVONO PUNITI ” (Rospo: non dice che non vanno puniti in nome della lotta all’eurosistema…da notare bene…)…

      Cit

      correzione: Ladri di polli che certamente devono essere puniti.

    • esatto è colpa della casta!
      Chiamatela come volete, cricca, lobby, associazioni a delinquere di stampo mafioso, partitocrazia ecc… ma l’origine dei nostri mali è sempre e comunque riconducibile all’intera classe POLITICA GOVERNATIVA incapace d’amministrare il Paese secondo principi e valori sanciti nella Costituzione Repubblicana.

      Il resto è dissertazione tecnicistica apprezzabile e condivisibile ma relativa a meccanismi di output del sistema, la POLITICA GOVERNATIVA è il software corrotto da virus, il PAESE l’HARDWARE che non funziona!

    • Come mai l’inquisitore Travaglio…non condanna MAI ..Debenedetti.., Prodi…e tutto cio che hanno fatto???

      svendita di aziende pubbliche per lucro….elusione di milioni e milioni …soldi degli italiani . Come mai?

    • Il falsario TRAVAGLIO.—->>.è “casta”<<—-(quella di un giornalismo strumentalmente pseudo contro…di fatto al servile del sistema ) ed è al servizio della "casta". Di quella peggiore : la casta DeBenedettiana e Piddina.

      il resto son stronzate.

    • Rospo
      è relativo sapere se Travaglio è parte del regime, come per l’economista Bagnai che non critica Berlusconi e PdL, non sono politici né candidati, sono invece importanti i concetti le analisi critiche nel riportare fatti e misfatti realmente accaduti, essenziali per capire il contesto nel quale viviamo, tra il pattume giornalistico che spesso viene divulgato attraverso i media rare volte capitano giornalisti indifferentemente l’appartenenza ideologica in grado di riportare al volgo informazioni di capitale importanza, per avere conoscenza di fatti e situazioni la notizia deve’essere filtrata ed elaborata attraverso intelligenza e preparazione culturale, evitando d’assorbire teorie di altri diventando magniloquente cassa di risonanza del copia incolla.

    • Ascolta mi piace dialogare con chi capisce. NON MI INTERESSA DIALOGARE CON TE.

      ma che copia incolla copia incolla….che quello si fa a supporto…

      Non ne ho voglia di sentir le tue cazzate…detto papale papale.

      Mi piace dialogare se il dialogo porta frutti.

      Elaborare con l ‘intelligenza….ma non nominarla.

  • Riferimento post n 67

    Gianfranco Monreale

    E POI SI RICORDINO IN 5 STELLE CHE ESISTE IL LORO FORUM “PROPOSITIVO” IN CUI “GIACE” IN MANIERA INCREDIBILE LA:

    IMMEDIATA USCITA DA EUROZONA. Moneta sovrana-Applicazione MMT
    postato da FABIO CASTELLUCCI il 08/10/2012 11737 3355 Voti. SONO 3355 VOTI IN ASCESA, ALTRO CHE 2 VOTI O PROPOSTE DI UN CERTO GRILLO E CASALEGGIO CHE NON VOGLIONO USCIRE DALL’INFERNO. VADANO VIA LORO DAL MOVIMENTO, VISTO CHE NON ACCETTANO LE REGOLE DELLA MAGGIORANZA E DELLA DEMOCRAZIA DEL M5S………

    Cit.

    Meglio metterlo il link del post…votatissimo dal popolo M5s…cosi si capiscono quali sono le vere istanze del M5s…istanze della base che a Casaleggio/Grillo non interessano. Due leaders di cui non frega un piffero di cio che pensa la base. Il che la dice lunga…..sulla cosiddetta Democrazia Diretta 😉

    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2012/10/immediata-uscita-da-eurozona-moneta-sovrana-applicazione-mmt.html

    • Ma come per prendere quasi 9 milioni di voti ci avevano promesso uno vale uno democrazia diretta e poi….Ucci ucci sento odor di gatekeeperucciScusa Virus ma ogni tanto mi scappa e’ piu’ forte di me 😉

    • Quando ci si riferisce a fatti , cose, situazioni, teorie, e persone….per forza di cose…si devono citare .

      Hai mai letto un qualsiasi testo scientifico, letterario,o altro…ho delle pubblicazioni scientifiche ? citano continuamente..altri lavori ed altre opinioni…che son pertinenti all’argomento trattato. Alla fine dei testi o degli articoli giornalistici…c’è la cosiddetta “Bibliografia ” per indicare le fonti ..alla quale ci si è riferiti.. è la prassi.

      Stessa cosa in un forum…anche se la discussione è molto più banale…si citano i punti di riferimento..e si intrecciano con elaborazioni personali. E’ una prassi quasi banale..scontata.

      I video , i libri, gli articoli etc etc..si fanno per quello …per comunicare un qualcosa ai fruitori..che a loro volta li citeranno..condividendo o meno…ed elaborando nuovi opinioni ..o portando avanti le medesime opinioni. Da tutto questo intreccio si porta avanti un discorso….che è sempre un discorso aperto, fluido…mai statico (come il tuo)

      Ma cosa dici?

      Se c’è uno che non elabora…a mo di stoccafisso anche dinanzi all’evidenza quello sei tu.

      Carissimo il mio eurista ..neo piddinoM5s….non c’è gusto a dialogare con te, non c’è costrutto. Dialoga con altri.

  • Qui un Video di Claudio Messora…ripreso dalla trasmissione Report….che parla della TRILATERAL….cui son membri Monti e Letta…tutti quelli che hanno firmato i trattati euristi…in un modo o in un altro son facenti parte direttamente o indirettamente della Trilateral o del Bilderberg o similare…in Italia e in Europa. Cosa c’entrano i ladri di polli come Fiorito o Lusi…o altri…questi sono un male da combattere sempre che ci sia l’euro o no……ma non c’entrano un piffero con questo disastro eurista che sta facendo sprofondare l’Italia e 2/3 dell’ Europa. E’ proibito dire cazzate fuorvianti. Non sono più accettabili……….perché c’è una tragedia italiana ed europea in mezzo…con milioni di persone che soffrono. E in futuro si prospetta un abisso…ove l’Italia e l’Europa rischia di sprofondare. Andate a dirlo ai Greci e ai Portoghesi…..che l’Euro e il suo “sistema di governo” ..non sono il vero problema.

    http://www.youtube.com/watch?v=j2VWVfwzUnc

    • Chi fa certi discorsi è complice morale anche di questo nauseante personaggio……sentite le fessate orrende che dice…e guardate lo sguardo delle giornaliste.

      QUESTI SONO I SIGNORI CHE HANNO FIRMATO I TRATTATI…CON L’IMBROGLIO…CONTRO I PAREREI DEI POPOLI EUROPEI CHE NEI REFERENDUM HANNO BOCCIATO TUTTO. (vedasi l’anticostituzionale Trattato di Lisbona….firmato di nascosto quasi all’ insaputa degli Italiani e degli Europei ).

      scusate se posto molti video…ma son tutti brevissimi.

      sentite le baggianate che dice sto qua (da vomito ):

      http://www.youtube.com/watch?v=nDorzPkYtTU

    • NEL VIDEO DEL POST N 76…SI DICE CHIARAMENTE CHI HA CREATO TUTTO QUESTO,,,IN TUTTA UNA SERIE DI STATI…QUI STA LA CAUSA….non in certe stronzate che si leggono a proposito di causa ed effetti.

      E attraverso questi organismi potentissimi nel mondo in particolare nelle nazioni occidentali…che son stati inseriti i loro uomini nei gangli fondamentali dei poteri nazionali..e poi si son firmati i trattati ..a suon di balle con cui hanno bombardato l’opinione pubblica.

      Questi signori qua…son riusciti ad alterare il processo democratico…ed ad estromettere la “vera” sana politica…con una politica di fatto sterile…sostituendola con una sorta di tecnocrazia….

      da Andreatta in poi..Ciampi, Napolitano,Prodi,Draghi, Monti , Letta..etc etc…son tutti direttamente e indirettamente appartenenti o facenti riferimento (cioè esecutori di ordini )..di questi organismi..che dettano nei Parlamenti. Guarda caso…son tutti di sinistra. Almeno gli esecutori materiali dei trattati/imbroglio…in Italia..vengono da quell’area politica.

      I ladri di polli…hanno altre responsabilità.(e vanno combattuti e puniti ) Si mettono in evidenza questi ultimi…con lo scopo di distrarre chi veramente ha recato e sta recando un danno enorme all’Italia.

      Dalla prima crisi del 2008 in poi (origine americana..che ha investito tutto il mondo ..quella dei subprime )..più tutto cio che l’ UE ci ha imposto di versare…son volati via circa 900 MLD di Euro. Volati via…senza nessun beneficio per noi…

      Altroché Lusi, Fiorito etc etc.

  • @Emar

    Sai bene come la penso.

    Il problema non è la tesi che esponi (e in un anno te lo avrò ripeuto 800 volte), che ti ho già detto che condivido e che è stato pacificamente ammesso più volte da Beppe Grillo stesso.

    Il punto è l’analisi: cioè il processo per cui si DIMOSTRANO le proprie tesi con una dialettica che permetta il confronto e il dibattito.

    I tifosi li lasciamo a guardare il TG o allo stadio (cioè tutti gli italiani).

    (Io posso anche predire che alla roulette uscirà il 22. Ma se non sono in grado di dimostrare il motivo per cui la mia intuizione è valida, nessuno a parte qualche invasato mi darà retta. Non sarò quindi in grado di far far divulgazione e influenzare l’opinione pubblica – Mi prendo del complottista mentre il PD svende ENI e Finmeccanica).

    • Mjolnir ..sono io che mi riferisco al post n 70 …con il post n 78

      la discussione tra Virus e Emar…dura da tanto . Hanno ragione tutti e due…. dipende dalla visuale con la quale si guarda la faccenda.(mio parere )

    • @Mjolnir

      Mi riferivo al 75.1 in cui @Emar mi “punzecchia”… 🙂

      Ma in generale è riferito a gran parte dei suoi post.

      Siamo partiti da due estremi opposti e nel corso dei mesi siamo arrivati entrambi ad una (quasi) convergenza…

  • All’attenzione di Maximus, Virus, Mjolnir, MrAge, Emar e chi è interessato a questo argomento……..in relazione al video postato sul Signoraggio Bancario…qui un altra versione sul Signoraggio Bancario..che decisamente lo contesta….ometto di dire chi è l’autore per non condizionare i lettori.

    Io non prendo posizioni…ne sull’uno ne sull’altro. Mi interesserebbe sentire la vostra opinione.

    ecco il testo:

    CRITICA ALLA TEORIA DEL SIGNORAGGIO BANCARIO.

    UNA DISTINZIONE ASSOLUTAMENTE DA RICORDARE.
    Attenzione: è imperativo per il lettore memorizzare uno spartiacque fondamentale da qui in poi, che riguarda la sovranità della moneta. Esistono monete sovrane e non. Le monete sovrane hanno sempre tre caratteristiche, sono cioè:
    1) di proprietà dello Stato che le emette.
    2) non convertibili, cioè Stato e Banche non promettono più di convertirle in oro o altri beni concreti su richiesta del cittadino (ma rimangono cambiabili in altre valute per andare in ferie ad es.).
    3) floating, che significa che le autorità non promettono più di cambiarle a un tasso fisso con altre monete forti.
    Il dollaro è moneta sovrana, poiché di proprietà degli Stati Uniti d’America, così la sterlina, di proprietà della Gran Bretagna, così lo yen giapponese, e altre. Tutta Europa, fino al gennaio 2002, ancora possedeva monete sovrane (marco, franco, lira ecc.), che sono poi scomparse con l’avvento (sciagurato) dell’euro, che… non è di proprietà di nessuno Stato. Questo fatto ha cambiato in modo radicale tutte le regole classiche della funzione monetaria ed economica nell’Europa dei 16 Paesi aderenti alla moneta unica. Al punto che purtroppo lungo tutta questa trattazione dovremo sempre pensare con due menti, una che considera gli Stati con moneta sovrana, e una che considera quelli dell’euro. Capirete meglio dopo.

    CHIARIRE UN MALINTESO: IL ‘COMPLOTTO DEL SIGNORAGGIO’.
    I signoraggisti sostengono un’equazione semplicistica e del tutto sbagliata che recita: la moneta viene emessa dalle Banche Centrali (di seguito BC) a debito, cioè gli Stati se vogliono spendere, e quindi avere moneta, devono letteralmente comprarla dalle BC pagandola dollaro su dollaro, euro su euro, yen su yen ecc. con debito pubblico, cioè con titoli di Stato. Il film Zeitgeist addirittura fa vedere un cartone animato dove la manina dello Stato consegna i titoli alla BC americana (la FED) e la FED gli consegna i soldini. I signoraggisti ci dicono che se, ad esempio, lo Stato ha bisogno di 1 miliardo di moneta, deve indebitarsi di 1 miliardo esatto con la BC che crea quella moneta dal nulla. Quindi, dicono, il debito pubblico va alle stelle anno dopo anno, e le Banche Centrali incassano cifre inimmaginabili per aver fatto sostanzialmente niente di che, cioè stampato pezzi di carta (banconote) o premuto tasti sui computer (moneta elettronica). Sarebbe questo l’affare del millennio, anzi, la truffa del millennio, che loro chiamano signoraggio. E noi poveri cittadini alla fine dovremo ripianare quell’insensato debito-truffa con le nostre tasse, in eterno. Veniamo tenuti all’oscuro di tutto ciò, sostengono i signoraggisti, da un complotto ferocemente ordito da parte di banchieri e politici, con la complicità di giornalisti e accademici, al punto che parlarne significa rischiare la vita.
    Questa storia è tutta, ma proprio tutta sbagliata. Nulla di quanto detto sopra accade, e molto di ciò che circola in rete come il ‘complotto del signoraggio’ è, come vedrete ampiamente di seguito, frutto di una catastrofica incomprensione di come funziona la moneta moderna. Ma c’è di peggio: è frutto anche di altri due elementi inquietanti, che sono, in ordine, l’esplosione mondiale del genere Fantasy di Rete, e il subdolo dilagare dell’ideologia Libertaria di matrice austriaca. (…..)I signoraggisti sostengono l’esistenza di una cabala di perfidi banchieri padroni del mondo che tutto possono e tutto fanno, di masse di denaro immani che spariscono nel nulla, di sicari pronti a uccidere, e chi più ne ha più ne metta. A ciò si aggiunge l’influenza della scuola economica austriaca estrema dei Libertari, il cui nome più noto fu Ludwig Von Mises, che sono dei perniciosi lobbisti che mirano in sostanza a un mondo di estremismo nel Libero Mercato caratterizzato dalla sostanziale scomparsa di tutto ciò che è regola dello Stato, e soprattutto delle tasse. Essi soffiano sul fuoco di paglia del signoraggio proprio per arrivare a questo fine, e infatti i signoraggisti finiscono invariabilmente con lo sbraitare la storia (falsa, si veda in seguito) che noi cittadini dobbiamo ripianare l’enorme debito del signoraggio con le nostre tasse. Questo mi preoccupa molto.
    Non varrebbe la pena fermarsi troppo sul ‘complotto del signoraggio’, ma poiché, come ho scritto sopra, esso rischia di coprire un crimine economico immensamente peggiore che va fermato, e che è il reale oggetto della mia inchiesta, diventa essenziale chiarire il capitolo ‘complotto del signoraggio’.
    A dir la verità, tutto il teorema signoraggio potrebbe essere smontato semplicemente dicendovi questo: la spesa a debito degli Stati a moneta sovrana (com’era l’Italia fino al 2002), e che finisce indirettamente nelle casse delle Banche Centrali sotto forma di buoni del Tesoro, non è mai il debito dei cittadini, ma al contrario è la loro ricchezza. I cittadini degli Stati a moneta sovrana non sono mai chiamati a ripagare alcun debito pubblico, e le tasse non sono mai servite a ciò. Gli Stati a moneta sovrana, poi, non devono mai onorare quel debito, neppure quando è detenuto dalle Banche Centrali, nulla li costringe a farlo, anzi, proprio non lo fanno, per cui s’infrange il teorema secondo cui essi sarebbero oggi schiavi delle Banche Centrali, e noi assieme ad essi. Incredibile? No, tutto vero.

    1) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che la moneta sovrana non è più di proprietà degli Stati, ma delle BC che la emettono/stampano. Falso. La moneta sovrana è sempre emessa PRIMA dagli Stati nell’ambito delle loro attività di SPESA. Lo Stato a moneta sovrana se la inventa dal nulla, e spende per PRIMO, è cioè l’unico soggetto esistente che ‘monetizza’ per primo i beni e i servizi acquistandoli con la sua moneta; dopo possono farlo anche i cittadini, ma solo una volta che lo Stato ha speso per primo originando la moneta che essi usano. La BC assiste lo Stato nel processo di spesa o fornisce liquidità al pubblico (su sua richiesta) attraverso il sistema bancario commerciale. Anche la BC può originare la moneta dello Stato, inventandola dal nulla, e ciò accade quando presta denaro alle riserve bancarie o quando assiste lo Stato nella sua spesa, ma solo dopo che lo Stato l’abbia imposta spendendo per primo ed essendone proprietario esclusivo. Gli Stati a moneta sovrana non devono affatto bussare alle BC per avere la moneta, meno che meno pagare queste ultime. I signoraggisti credono che le monete sovrane siano oggi monopolio delle BC unicamente perché non comprendono i meccanismi di spesa degli Stati, come dire, li osservano a distanza e ne sono ingannati. Non comprendono neppure il significato delle tasse, e da qui generano una gran confusione.
    2) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che lo Stato si indebita all’infinito con le BC perché esse gli vendono il denaro a prezzo pieno in cambio di titoli di Stato. Ciò non accade, oltre che per il motivo al punto 1), anche perché di fatto ciò viene proibito dai meccanismi legali di spesa dello Stato, sia negli USA che in Europa. Semplicemente non può succedere che un governo venda direttamente i suoi titoli alla BC, punto. Chi ha seguito la cronaca dell’attuale crisi greca in Europa, ha potuto verificare l’ostinato rifiuto che la Banca Centrale Europea opponeva alla richiesta di Francia e Germania di monetizzare i titoli di Stato greci. La BCE vi è stata infine costretta recalcitrante.
    3) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che il debito pubblico e il deficit di bilancio degli Stati a moneta sovrana è causato dall’indebitamento con le BC, e che rappresenta un giogo che schiaccia i cittadini che lo devono poi ripagare. Secondo questo teorema, le BC e le banche commerciali acquisirebbero i titoli di Stato, che poi venderebbero ai privati incassando denaro, o che terrebbero fino a maturazione. In entrambi i casi, tutti quei titoli di Stato rappresenterebbero un immane debito che il pubblico dovrà poi ripianare. Sbagliato, è esattamente il contrario: cioè, la spesa a debito dello Stato a moneta sovrana attraverso l’emissione di titoli di Stato è sempre l’attivo dei cittadini, cioè il loro risparmio. Nel caso dei titoli di Stato, ciò che accade è che essi trasferiscono di fatto il denaro del cittadino che li compra dal suo conto corrente a bassissimo interesse a un ‘libretto di risparmio’ a interessi superiori (il titolo), cioè un suo attivo, non un debito. Inoltre, il debito dello Stato a moneta sovrana non è mai un problema economico rilevante, infatti esso non viene mai ripagato, cioè i titoli di Stato a livello generale (aggregato) non giungono mai a maturazione. Infine, come si vedrà più avanti, il debito dello Stato a moneta sovrana arricchisce al netto la società per cui automaticamente quel debito si auto-riduce e l’inflazione si limita. I signoraggisti commettono l’errore di credere che gli Stati spendano e s’indebitino come i cittadini, come i negozi o come le aziende, che poi devono ripagare i propri debiti, ma questo è del tutto sbagliato. Sono due meccanismi di spesa/debito completamente diversi.
    4) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che i cittadini saranno tassati per ripianare il deficit di bilancio dello Stato e il debito pubblico causati dalla BC che gli vende il denaro. Sbagliato, gli Stati a moneta sovrana non tassano mai per ripagare alcunché. In altre parole, le tasse non servono mai, né mai sono servite, a pagare alcunché nei bilanci degli Stati a moneta sovrana (più avanti delucidazioni). Per cui, anche se esistesse un ‘complotto del signoraggio’, esso non inciderebbe sui cittadini affatto. I cittadini degli Stati a moneta sovrana non devono ripagare i titoli di Stato emessi dallo Stato, che rimangono sempre un loro attivo.
    5) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che anche le banche commerciali operano il signoraggio inventandosi la moneta col meccanismo della riserva frazionaria. Le banche si inventano soldi e tu devi lavorare per restituirglieli. Non accade in questi termini semplicistici. E’ vero che le banche commerciali s’inventano il denaro in alcune loro operazioni di cassa (prestiti o mutui), ma esso si auto cancella, interessi esclusi: infatti, quando il Sig. Bianchi spende il prestito ottenuto dalla Banca A e compra un’auto da Rossi, questi versa l’assegno nella Banca B, che lo deve accettare come buono anche se sono soldi inventati dal nulla dalla Banca A. Banca B iscrive quell’assegno come proprio debito verso Rossi (glielo deve), e chiederà alla Banca A di onorarlo. Alla fine del gioco, a livello di sistema bancario, abbiamo un credito e un debito che si annullano a vicenda: il prestito della Banca A è un credito del sistema bancario verso un cittadino che li deve restituire, e il deposito di quegli stessi soldi nella Banca B sono un debito del sistema bancario verso un altro cittadino che li deve avere. Il saldo va a zero. Si obietterà che quel credito va poi ripagato, e i signoraggisti dicono che viene ripagato con “denaro vero”, mentre la banca se l’era inventato. Sbagliato di nuovo e ciò appare evidente quando si considera cosa sia il pagamento di una rata di un prestito/mutuo: Bianchi ripaga alla fine del mese 100 euro del suo prestito. Cosa accade? Semplice, 100 euro spariscono dal suo conto corrente, che è il suo attivo, ma spariscono contemporaneamente dal suo debito verso la banca, che è il suo passivo. Pari. Va assolutamente capito questo: la banca si era inventata numeri su un computer (il prestito a Bianchi) e si riprende indietro gli stessi numeri di computer (la rata di Bianchi), Bianchi però ha in mano il bene concreto che ha acquistato (l’auto) e che sta pagando col suo lavoro, cioè il lavoro di Bianchi non dà affatto “denaro vero” alla banca, lo dà alla sua auto. La banca ha solo creato e cancellato numeri elettronici dai suoi conti e ha in mano, di extra, solo gli interessi. Punto.
    Ne consegue, e va ripetuto, che il Sig. Bianchi non lavorerà un anno per pagare la banca, lo farà per pagare l’auto che gli rimane come bene tangibile. Non paga la banca che se ne sta lì a lucrare, paga l’auto. La banca gli dà solo un ‘codice’ (denaro) per pagarla, da cui entrambi ricavano interessi (si legga su questo il capitolo COS’E’ LA MONETA.). Infine, se fosse un privato a prestare a Bianchi i soldi che ha guadagnato col lavoro reale, e non una banca che se li è inventati, nulla cambierebbe per Bianchi: dovrebbe comunque lavorare un anno per ripagarlo e dargli gli interessi. E’ anche scontato che l’immagine signoraggista della banca che non fa nulla e inventa denaro con cui si arricchisce è fantasiosa. Sarebbe vera se i banchieri se ne stessero in spiaggia alle Maldive e pigiassero bottoni con cui creano denaro per pagarsi lo yacht; ma nella realtà chi lavora in banca sgobba esattamente come tutti noi, ogni giorno. Il loro stipendio si chiama interessi, il nostro paga mensile, nessuna differenza, se non nella quantità, ma questo vale anche per il dentista e per l’operaio, ed è un altro discorso.
    Talvolta poi, il denaro bancario è denaro nuovo che viene creato dalla BC se la richiesta dei cittadini (contante + prestiti) supera le riserve disponibili delle banche commerciali. Dunque, per concludere, le banche non possono mai direttamente creare denaro nuovo, e fra l’altro la riserva frazionaria in sé non esiste. Essa fu un errore di teoria economica della fine degli anni ’60, che è rimasto per inerzia su qualche libro di testo, ma che oggi è saldamente riconosciuto come pratica bancaria inesistente.
    6) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che le BC, quando producono moneta di carta o elettronica, segnano quelle enormi cifre come proprio passivo, mentre, dicono i signoraggisti, esse non lo sono, poiché quel denaro è costato quasi nulla alle BC. In questo modo ci trufferebbero. Inoltre, dicono, il denaro prodotto dalle BC non sarà mai una passività come lo è per il cittadino quando usa il denaro (cioè spende), poiché il cittadino deve sudare lavoro per emetterlo, mentre le BC pigiano solo tasti. Sbagliato. Il denaro prodotto dalle BC è a tutti gli effetti un passivo, perché le stesse banche si impegnano poi a riconoscerlo come valido ogni volta che gli torna indietro dai cittadini (ad esempio il contante). Quindi per ogni centesimo che producono, devono riconoscerci lo stesso valore nel momento in cui noi usiamo quel denaro per saldare i nostri bisogni. Cioè: ci danno carta straccia e numeri elettronici, ma noi li ripaghiamo con la stessa carta straccia e numeri elettronici, e loro l’accettano indietro. Sarebbe truffa vera se le BC producessero moneta e però pretendessero da noi il saldo delle nostre spese non più con quella stessa moneta, ma in beni reali come case, bistecche, abiti, metalli preziosi ecc. Infine, anche la seconda argomentazione è fasulla, perché, in virtù di quanto già spiegato al punto 5), il cittadino non suda lavoro per emettere il suo denaro né per guadagnarlo, ma solo per acquisire beni concreti. Il denaro è solo un ‘codice’ neutro che facilità quella acquisizione.
    7) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che esiste una truffa delle BC che si inventano false passività emettendo denaro (si legga sopra), che poi trasferiscono a cascata (le passività) alle banche private che talvolta posseggono le BC. Questo per celare i profitti. Sbagliato. Non è possibile per le BC trasferire passività così come si trasferisce una cariola di sabbia da casa mia a casa tua. Le banche private che partecipano nella BC vi hanno investito pacchetti azionari, che non possono risentire per definizione degli eventuali debiti dell’istituto a cui partecipano. E’ come il signor Bianchi che possiede azioni in Fiat: se la Fiat ha passività, il signor Bianchi non può reclamarne un pezzetto. Inoltre i signoraggisti dimostrano di non aver capito nulla del funzionamento delle riserve bancarie. In realtà quando la BC emette contante o moneta elettronica (propria passività), essa trasferisce quel contante/m. elettronica nelle riserve delle banche, e tale trasferimento sarà sia un attivo delle banche che un loro passivo, ma non accade un trasferimento di sola passività a pioggia. Nel caso del contante, accade che quando la BC dà alla banca ad es. 1000 in banconote, gli sottrae 1000 dalle sue riserve, conto pari; la banca poi dà i 1000 al cittadino che li ha richiesti e glieli sottrae dal suo conto corrente. Ancora conto pari per la banca.
    Sulla questione della proprietà privata delle BC, che è una realtà per molte di esse, Banca d’Italia inclusa, è certamente giusto osservare che ciò contrasta col dettato costituzionale sia italiano che di altri Paesi, ma il cosiddetto conflitto d’interessi che ne deriverebbe secondo i signoraggisti è immaginario, perché è immaginario tutto il ‘complotto del signoraggio’. Ribadisco che le banche private che partecipano alla proprietà di una BC vi investono pacchetti di azioni, o meglio quote, sulle quali ricevono utili pari a una percentuale (6% o 10% ecc.) del valore di quel pacchetto originario, e non sul valore degli utili netti della BC che variano di anno in anno e spesso crescono. Infine una percentuale molto alta (in media dal 60% in su) degli utili netti della BC torna ogni anno nella casse dei ministeri del Tesoro per legge. Si pensi che negli USA, meno dell ’1% degli utili lordi della FED viene pagato annualmente in profitti alle banche private che la posseggono. In realtà il conflitto d’interessi esiste, ma non nel reame immaginario del signoraggio, bensì nel trattamento di favore che poi le banche private avranno da parte della BC in caso di crisi finanziaria, come si è visto scandalosamente nel corso della crisi 2008-2010, e in decisioni di politica monetaria che favoriscono direttamente i banchieri.
    8) Il ‘complotto del signoraggio’ afferma che la moneta emessa dalle BC è carta straccia o impulsi elettronici di nessun valore, a fronte dei quali lo Stato emette titoli di debito che equivalgono a denaro reale. Sbagliato. I titoli di Stato nello Stato a moneta sovrana sono altrettanto pezzi di carta di nessun valore, che il Tesoro si inventa a costo zero esattamente come fa la BC con banconote e moneta elettronica, e che non deve ripagare praticamente mai, né li devono ripagare i cittadini (come si è visto quei titoli di Stato saranno il risparmio dei cittadini). Per cui il bratto è carta straccia per carta altrettanto straccia, e non, come immaginano i signoraggisti fantasiosamente, carta straccia per denaro vero.
    ***
    Le teorie dei signoraggisti, inoltre, propongono altre tesi che vanno confutate in breve.
    Dicono: “Le BC trafugano gli immensi profitti da signoraggio verso i paradisi fiscali, con un sistema complicato di clearing.” Impossibile, poiché tutto quel denaro (che dovrebbe essere una somma colossale dato che è il debito aggregato di quasi tutti gli Stati, immaginate le cifre) sarà prima o poi speso dai Paperon d’ Paperoni, e questo oceano di liquidità che allaga il mondo causerebbe inflazione a cifre inaudite; inoltre una immissione di capitale così immane nelle società porterebbe alla piena occupazione, perché sarebbe speso in beni e servizi gonfiandone la produzione alle stelle. Infine, per funzionare, un trucco così dovrebbe coinvolgere solo il contante, perché solo il contante si può spendere senza passare per le banche e quindi essere beccati (la prassi delle mafie). Non esiste in tutto il mondo, e neppure sulla Luna, abbastanza contante che copra l’immaginario signoraggio dei debiti pubblici degli Stati messi assieme.
    Quando parlano di riserva frazionaria, i signoraggisti citano spesso queste esemplificazioni: “Consideriamo il sistema bancario come fosse una banca. Il Sig. A prende in prestito 1.000 $ dalla Banca X e usa quei soldi per comprare dei beni dal Sig. B. La Banca X segnerà quei 1.000 $ sia come passivo (soldi dati ad A) che come attivo (A glieli deve). B depositerà gli stessi soldi nella stessa Banca X, che accrediterà a B 1.000 $, ma segnerà quel denaro come attivo extra senza cancellare l’attivo che iscrisse quando prestò i soldi ad A.” Sbagliato: primo, si dimenticano che quando A spende i soldi, la Banca X perde la sua passività con A, che recupera quando B deposita i soldi. Cioè, era rimasto un attivo alla Banca X (il debito di A), che però è subito pareggiato da un nuovo passivo che è il deposito dei 1000 $ da parte di B nella stessa Banca X. La Banca X non può in alcun modo segnare il deposito di B come attivo, perché ogni deposito è sempre solo un passivo che la banca deve a chi lo effettua (è un conto corrente). Risultato finale: nel sistema bancario ci sono 1 passivo e 1 attivo, pari.
    Un’altra è questa: “Il processo della riserva frazionaria inizia quando un primo deposito di 100$ di denaro della BC viene fatto nella Banca A. La Banca A quindi ne mette da parte il 20% (20 $) nelle sue riserve e poi presta a interesse il rimanente 80% (80 $). A questo punto ci sono un totale di 180 $ nel sistema bancario, cioè i 100 depositati e gli 80 prestati. Questi 80 prestati vengono depositati nella Banca B, che si trova nella stesse condizioni della Banca A, cioè ha un deposito di 80$ di denaro della BC, ne mette da parte il 20% (16$) e presta a interesse il resto (64$). E la catena continua fino a creare artificiosamente una somma prestata a interesse dalle banche che è di molto superiore all’iniziale deposito di 100$. Tutto denaro inventato e che frutta interessi artificiosi alle banche commerciali”. Prima cosa, è raro che qualcuno depositi denaro della BC in una banca, perché il 99,9% dei depositi fatti dai cittadini sono denaro già circolante all’interno del sistema bancario che solamente si sposta da una banca a un’altra. Nella realtà accade che un cittadino va alla Banca A e chiede un prestito; la Banca A non gli presta i soldi di nessuno, semplicemente crea dal nulla la cifra richiesta e gliela accredita in conto corrente. Il cittadino poi fa un assegno con quei soldi e compra qualcosa (es, un’auto). Chi gliela vende deposita il denaro nella Banca B e quella banca glieli accredita in conto corrente. Banca B chiede alla Banca A di onorare quell’assegno, e ciò accade con uno spostamento di denaro dalle riserve della Banca A verso quelle della Banca B. Va compreso che le banche non possono moltiplicare all’infinito i depositi di denaro fatti dai cittadini, perché, ripeto, quei depositi sono denaro che già esisteva nel sistema bancario e che solamente si sposta da una banca all’altra. E non hanno bisogno di moltiplicare nulla quando prestano, poiché s’inventano il denaro da zero. Si è poi già detto che la riserva frazionaria fu un errore teorico che oggi non avviene.
    Sulla massa monetaria che circola in un Paese, i signoraggisti ci propongono la seguente esemplificazione, per convincerci che esiste il potere arbitrario delle BC di creare denaro dal nulla, con cui poi s’impossessano di ricchezze e sottraggono a noi potere d’acquisto: “Immaginate un’isola dove ci sono 100 abitanti. Ciascuno di questi abitanti possiede 1.000 $. Questo significa che la massa monetaria è di 100.000 $, e ciascun abitante ha un potere d’acquisto dei beni esistenti sull’isola pari a 1/100. Il Re dell’isola ha il potere di stampare denaro, e così stampa 10.000 $ e se li intasca. La massa monetaria è ora cresciuta del 10% ed è divenuta di 110.000 $. Il Re non ha creato nessun vero bene materiale, il valore complessivo dei beni sull’isola è immutato, ma ora il Re ne può acquistare l’11%. Gli abitanti posseggono ancora i loro 1.000 $ ciascuno, ma ora quella somma non è più l’1% della massa monetaria, ma solo lo 0.9%, con cui ogni persona può ora solo compare lo 0,9% dei beni e non più l’1%. Ogni persona ha perciò perduto il 10% del suo potere d’acquisto, che è stato rubato dal Re attraverso una tassazione truffaldina.” Prima cosa, i calcoli sono sbagliati. Il valore dei beni che il Re ora può comprarsi non è l’11%, ma il 10% (ha 11.000 $ su 110.000 presenti sull’Isola). Poi, non si comprende perché sia illegittimo che il Re si porti via una percentuale di beni e servizi emettendo moneta, poiché è quello che accade negli Stati a moneta sovrana che spendono con moneta inventata, ma ciò, come si è già detto più sopra, produce risparmio nei cittadini, non penalizzazione. Soprattutto, la storiella citata non è rilevante per il mondo reale perché presume che quando il Re spende i suoi soldi inventati, nulla accada all’economia dell’isola, cioè che l’economia non produca nulla di conseguenza. Invece nella realtà la spesa del Re finirebbe quasi certamente per stimolare la produzione di altri beni e servizi che non solo beneficerebbero l’economia, ma manterrebbero l’inflazione stabile essendo aumentata sia la massa monetaria che i beni circolanti. Conclusione: attenti alle storielle di questo stampo, tipiche della retorica della scuola austriaca dei Libertari, pericolosi estremisti di destra del liberismo economico che mirano all’abbattimento dello Stato-moneta.
    Altra storia dei signoraggisti: “Il potere di emettere denaro a piacimento delle BC è tale da aver immesso in circolazione masse monetarie enormi, che creano inflazione. Infatti se notate, il potere d’acquisto delle monete si è eroso enormemente e costantemente per decenni. Un dollaro del 1960 comprava 10 volte quello che lo stesso dollaro compra oggi (mille lire del 1960 e mille lire del 1990 stessa cosa). E infatti la curva della creazione di denaro segue pari pari la curva dell’inflazione che aumenta.” Non vero. Il motivo per cui in effetti il potere d’acquisto di 1 dollaro oggi è molto minore rispetto agli anni ’60 va ricercato nella storia dell’economia, non nella fantomatica azione delle BC. Prima dell’abolizione dello standard aureo nel 1944 e 1971 (il cittadino poteva pretendere dalla BC un pezzetto d’oro di pari valore in cambio delle sue banconote, oggi non più), le economie avanzate piombavano di regola in terribili depressioni circa ogni 20 anni, e quelle depressioni facevano sì che i prezzi crollassero (nessuno comprava quasi più nulla). La moneta quindi riprendeva valore periodicamente, e si cancellava così buona parte dell’inflazione accumulata. Ma dopo l’abolizione dello standard aureo, le grandi depressioni sono scomparse e questo ha eliminato quella sorta di purga che abbassava i prezzi di tanto in tanto, per cui da anni abbiamo inflazioni che tendono a crescere costanti. Inoltre, non è affatto vero che la curva della creazione monetaria è pari alla curva crescente dell’inflazione; chi affermava questo era Milton Friedman, un economista della destra neoliberale estrema, che è stato da allora smentito ampiamente. Conclusione: è vero che 1 dollaro oggi compra molto di meno di ieri, ma il signoraggio qui di nuovo non c’entra.
    Infine, nei meandri del ‘complotto del signoraggio’, si legge: “Alcuni eminenti politici che tentarono di fermare la truffa del signoraggio e di sottrarre la moneta dalle grinfie delle BC furono assassinati. J.F. Kennedy e Abramo Lincoln fra i più celebri.” In realtà Lincoln non fece altro che quello che tutti i governi con moneta sovrana fanno oggi, cioè emettere moneta per spendere. Lincoln lo fece per finanziare la guerra, e lo fece in assenza di una BC che allora non esisteva. Oggi la stessa cosa viene fatta dal Tesoro USA con la FED, la banca centrale americana, per capire si legga più avanti il capitolo su come lo Stato a moneta sovrana spende. Su Kennedy, le cose stanno in questo modo: siccome in tempi a lui precedenti il Tesoro americano usava emettere banconote supportate dall’argento, Kennedy cercò di ripristinare quel sistema. Nulla di che, accade anche oggi: infatti quando il Tesoro USA acquisisce oro, la FED accredita il conto corrente del Tesoro per una somma equivalente con banconote. In altre parole, anche oggi il Tesoro USA monetizza il metallo pregiato emettendo banconote. Perché mai JFK avrebbe dovuto essere ucciso per questo? Inoltre, i signoraggisti declamano che Kennedy con quel sistema avrebbe sottratto ben 4,3 miliardi di dollari alla ‘infame’ FED, alleggerendo il debito americano della stessa cifra e però infuriando i banchieri. Ma dovete capire che 4,3 miliardi di dollari sono spiccioli in un Paese come l’America, anche per gli standard di spesa dello Stato del 1963. Erano spiccioli che mai avrebbero impensierito gli eventuali ‘cattivi’, e non avrebbero per nulla alleggerito il debito pubblico. Conclusione: nessun motivo qui per assassinare qualcuno.

    Torniamo ora agli otto punti principali sul ‘complotto del signoraggio’. Si faccia attenzione. Tutto quanto sopraccitato è certamente vero nei Paesi che posseggono moneta sovrana, quindi era vero anche in Italia e in Europa fino all’avvento dell’euro nel gennaio 2002, che come si è detto ha distrutto la sovranità delle nostre monete e ha introdotto questa divisa ibrida che non è di nessuno. Ma oggi, alcuni dei punti elencati non valgono più nell’Europa dei 16 Paesi euro, anche se questo non cambia il fatto che il ‘complotto del singnoraggio’ non sussiste neppure nell’Eurozona, dove i punti elencati cambiano come segue:
    1) Gli Stati dell’euro non sono più i proprietari della loro moneta, non possono più emettere moneta per PRIMI spendendo, e per spendere devono andarsi a cercare gli euro sui mercati di capitali, contrattando i tassi d’interesse esattamente come un cittadino che, necessitando denaro, deve andarselo a trovare contrattando un prestito e tassi relativi. Questo è disastroso, e causa della recente crisi di fiducia dei mercati nei Paesi euro.
    2) Rimane identico.
    3) Il debito pubblico e il deficit di bilancio degli Stati euro è oggi causato sempre più dal punto uno, e in effetti oggi rappresenta un giogo che schiaccia i cittadini che lo devono poi ripagare. Questo da oggi, non da sempre. Infatti si tratta di un debito contratto con privati che non può più essere ripagato semplicemente emettendo nuova moneta inventata dal nulla, come possono fare gli Stati a moneta sovrana senza gravare sulle tasse dei cittadini, cioè come poteva fare l’Italia della lira (più dettagli di seguito). E dunque i governi euro per ripianare quei debiti devono tassare i cittadini, far tagli alla spesa pubblica e racimolare euro da altri privati. Inoltre, e di conseguenza, la spesa a debito dello Stato non è più l’attivo dei cittadini. Infine nell’Eurozona ciò che sostenevano erroneamente i signoraggisti in generale, e cioè che gli Stati spendono indebitandosi come i cittadini/negozi/aziende, diviene vero, ma dal 2002, non da sempre. Questo non è in ogni caso il ‘complotto del signoraggio’, è un complotto ben più grave architettato a tavolino, come racconto nella seconda parte del saggio.
    4) Le tasse nei 16 Paesi euro diventano per la prima volta un modo di raccogliere fondi per pagare il debito pubblico o le spese per i cittadini, poiché, di nuovo, i governi non possono più provvedere a tali incombenze semplicemente inventandosi la moneta necessaria come facevano prima.
    5) Rimane identico.
    6) Rimane sostanzialmente identico.
    7) Rimane identico.
    8) Cambia nel fatto che quei pezzi di carta di nessun valore, cioè i titoli di Stato, sono oggi nell’Eurozona un vero debito che va ripagato per i motivi detti nel punto 3).
    Come si vede, le differenze fra Stati a moneta sovrana e Stati euro è drammatica e portatrice di problemi veramente catastrofici di cui tratterò nei dettagli più avanti.
    E’ importantissimo capire e dunque ribadire, alla fine di queste righe che trattano di ‘complotto del signoraggio’, il contenuto dei punti 1) & 3)& 5), perché in essi sta l’errore capitale dei signoraggisti.
    Nella realtà se un signoraggio esiste, esso è a favore dello Stato a moneta sovrana, che è l’unica entità esistente sulla Terra che può emettere denaro a costo zero e con esso appropriarsi di beni concreti. Ma questa si chiama Sovranità, non signoraggio.

    CITAZIONE ARTICOLO.

    CIAO
    ROSPO