Rai organo di partito?

Buongiorno, ti scrivo per denunciare come il canale RAINEWS (canale pubblico) sia completamente dedicato e asservito al PD e suoi satelliti di governo. RAINEWS concede continuamente spazi a Berlusconi replicando le sue interviste in giro spacciate per le altre televisioni, ospita giornalisti Italiani ed esteri dichiaratamente schierati suposizioni pro BCE, pro Euro, filo Tedesche. Tutte le previsioni di voto favorevoli al partito unico sono messe in onda più volte al giorno, oggi danno quella di tale Pagnoncelli che prevede (ovviamente) il PD al 35 %—— A quanto arriverà il PD con le previsioni la prossima settimana? Al 40% ? Al 45 % ? Si spacciano per “previsioni” quote percentuali del 4.5% a partitini come Fratelli d’Italia che alle precedenti elezioni non raggiungevano l’1.5 % Per l’opposizione, qualunque opposizione, neanche una briciola. Il M5S è citato solo perchè oggetto di sputtanamento, come nell’intervista di Berlusconi che RAINEWS ripete più volte al giorno (in pratica ogni ora), dove un condannato in libertà concordata può paragonare il rappresentante di un movimento di 9 milioni di persone a Pol Pot, Robespierre, Hitler……. Ma si può ammettere tutto questo in una televisione pubblica? E’ questa la “par Condicio” tanto cara alla sinistra? Si può fare qualcosa?. Se non si può fare niente allora ti chiedo quanto sia legittimo pagare il canone per una TV di fatto organo di partito (il partito unico). Un cordiale saluto e Forza!!!

Riccardo C.

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Non e’ solo organo del pd,e’ una nuova agenzia stefani.con giornalisti[sedicenti]incapaci di avere anche un solo dubbio di qualunque argomento,sia di politica interna che di politica estera.vorrei far notare le continue e arroganti presenze dell’inviato della radio sionista in italia o dell’ambasciatore israeliano invitati a parlare[solo loro]della questione palestinese.Le notizie dalla siria o dal venezuela gentilmente offerte da chissa’ quale agenzia di stampa targata cia e altre nefandezze varie.Tutto questo in spregio a chi paga il canone e che dovrebbe essere informato in maniera democratica e vera.Purtroppo le nomine a direttore e capi-redattori sono pertinenza di politicanti cialtroni….

  • Non mi riesce di capire come ancora ci si stupisce della lottizzazione politica di un servizio che dovrebbe essere pubblico. La lottizzazione RAI è avvenuta praticamente subito. Rai News poi….Fino a ieri capiatanata da quel tal Corradino Mineo che faceva tanto l’indignato e che poi quando ha trovato che qualcuno l’indignazione l’ha portata dentro il Parlamento si è messo a strillare come una suora inseguita dai Lanzichenecchi. Felicemente eletto nelle file dei compagni di merende del PD, come mai potrebbe essere obbiettivo? La lottizzazione c’è da almeno 40 anni. E tale è rimasta fino ad oggi, con lo stesso schema, invariato ed invariabile. Ma fino a chè ognuno si premurerà di pagare loro il canone, questi faranno festa.

  • vi siete persi ieri sera Ballarò condotto dal giornalista della Repubblica Giannini, trasmissione che incensa Renzi e schernisce in tutti i modi possibili il M5S, stessa cosa il nuovo programma di Floris La7 vanno cercando le inezie e gaffe insignificanti degli esponenti del MoVimento per deriderlo con montaggi e tagli artefatti per farli apparire ridicoli agli occhi dei telespettatori.
    Nessuno ieri sera ha mostrato in video alcuni esponenti del M5S eletti in parlamento andati a Genova per spalare il fango, è vero poca cosa come la raccolta dei fondi per gli alluvionati mostrata da Grillo con un IBAN, ma chi dei politici AL GOVERNO ha avuto il coraggio di farsi vedere da quei cittadini disperati? NESSUNO tranne il M5S!

    Questo Paese è roba da matti!
    il mainstream mediatico attacca senza tregua il M5S che sta all’opposizione politica e non chi ha il potere governativo?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi