L’Islanda abbandona la UE: “La prossima volta fate decidere i cittadini”.

Islanda la prossima volta fate decidere i cittadini - UE

L’Islanda dice “ciao ciao” alla UE. Nonostante si fosse candidata a farne parte nel 2010, per mano di un governo socialdemocratico, ha deciso ora di ritirare la sua candidatura. Lo annuncia il Ministro degli Esteri di Reykjavik, Gunnar Bragi Sveinsson, in una lettera inviata alla Lettonia, il paese che ha la presidenza di turno del Consiglio Ue.Per il governo di Reykjavik i negoziati si chiudono qui, perché “gli interessi dell’Islanda si servono meglio fuori dall’Unione europea“. Fra le ragioni che hanno spinto l’Islanda ad abbandonare il progetto ci sono le quote sulla pesca, uno dei pilastri dell’economia del paese. Ma quello che non trovate citato da nessuna parte è il commento più forte di Sveinsson, sulla sua pagina Facebook: “Nel caso in cui il processo di adesione all’Unione Europea dovesse ricominciare daccapo, l’attuale Governo ritiene molto importante che non si faccia senza chiedere nulla alla gente“. Ovvero: “La prossima volta fate decidere i cittadini“, la frase che tutti vorremmo dire.

Ricordo che l’Islanda è quel posto dove la Costituzione è stata riscritta via Internet e dove si è lavorato per un modello di informazione denominato IMMI (Islandic Modern Media Initiative), secondo cui ad esempio i blogger non sarebbero stati responsabili di quello che scrivono: nessuno avrebbe potuto fare loro causa, neppure se avessero pubblicato segreti di Stato o militari. Non solo, se avessero ricevuto intimidazioni legali, gli autori di tali minacce sarebbero stati contro-querelati dallo Stato all’istante. Un altro pianeta.

Circa un anno fa, le due formazioni conservatrici ed euroscettiche che nel 2013 sono arrivate al potere si erano accordate su un progetto di legge che chiedeva al governo di “ritirare la candidatura per l’adesione all’Unione Europea“. Gunnar Bragi Sveinsson aveva dichiarato: “Questo progetto di legge sarà di mia responsabilità. Era stato il ministero degli Esteri a presentare la candidatura, è quindi naturale che sia io a presentare il progetto per ritirarlo“. Immediatamente dopo, oltre 32mila islandesi avevano firmato una petizione che proponeva un referendum per proseguire i negoziati di adesione, ma i recenti sondaggi hanno mostrato che gli islandesi vogliono tenersi alla larga dall’Unione Europea.


Supporta adesso il progetto Europaleaks. Abbiamo raggiunto il 6,5%. Aiuta Europaleaks a completare la raccolta e diffondi a tutti i tuoi conoscenti l’iniziativa.
Clicca sull’immagine qui sotto per saperne di più.

EUROPALEAKS - DONA ORA

6 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi