Bagnai scatenato: tutte le balle che vi dicono sulla Grecia

Un Alberto Bagnai carichissimo, prima di entrare a La Gabbia, illustra in questa intervista di pochi minuti fa il metodo di governo antidemocratico della UE, confessato dallo stesso Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea. Lo stesso che ieri si definiva “tradito” dalla Grecia e che, nonostante il suo ruolo gli imponga di non interferire con le decisioni degli stati sovrani, è entrato a gamba tesa sul referendum indetto da Alexis Tsipras, invitando il popolo greco a votare sì alle proposte della Troika (ipocritamente ridefinita “creditori” per farla apparire qualcosa di nuovo).Qui sotto, l’intervista del 6 luglio 2012, realizzato in crowd-funding da questo blog, che ha cambiato la percezione dell’economia europea nella testa di tanti italiani:

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • L’ intervista di ieri e quella di oggi le possiamo catalogarle con il titolo : ritorno al futuro!
    Sempre più orgoglioso di aver contribuito alla prima storica di Bagnai…

    Questa sera era particolarmente disinibito e senza freni perché qui si è sentito a casa tra amici, mentre in TV deve trattenersi e ” sopportare” le castronerie del Colaninno di turno o del prof. di sociologia della Cattolica, come al Tgcom 24 di questo pomeriggio.

    Bene Claudio , avanti così, d’altronde se è cresciuta la nostra consapevolezza e’ per merito tuo, siamo partiti da qui da te.

  • Meno male abbiamo internet.altrimenti certe menzogne si saprebbero 50 anni dopo .
    abbiamo ancora speranza? o dovro emigrare in america?

  • Grande professor Bagnai, che conferma la sua schiettezza già evidente nella recente intervista che mi ha rilasciato! La ricerca della verità deve andare avanti e contagiare tutti. Un grazie ancora a Claudio Messora per la divulgazione di contenuti sempre interessanti.

  • si vebbè… a danni avvenuti anch’io sono in grado di fare disamina critica per giudicare l’esito! Ma gli economisti, statisti, politici, giornalisti, intellettuali ecc… nel 1999 sapevano e zitti tutti?

    Oppure viviamo in un’epoca di omertosi? Se fosse così allora anche in questi frangenti disastrosi stanno omettendo la verità?

    Ammetto di non sono un gran lettore di quotidiani d’economia e finanza, ma ricordo in quel periodo incuriosito dall’evento storico straordinario di aver fatto incetta d’informazioni e nemmeno il “Sole 24 ore” evidenziava ciò che oggi appare chiaramente una delle cause maggiori del disastro €, cioè aver unificato la moneta senza unificare gli aspetti fiscali diversi dei Paesi che l’adottarono.

    Siamo in grado oggi di asserire senza pregiudizi e menzogne che non è causa della moneta unica in se ma della gestione scellerata o scientemente adoperata per scopi criminali?
    Se siamo in grado di scindere le cause dagli effetti allora abbiamo speranza di risolvere il problema, oppure prepariamoci a sopportare conflitti sociali in Europa che potrebbero sfociare per la terza volta conflitti bellici.

  • Claudio ci manca solo Giovanni Zibordi, intervistalo per noi, ci darà una prospettiva da un altro angolo

    Grazie

  • Buongiorno a tutti. Premetto di essere profondamente ignorante in materia e più che capire davvero intuisco che quello che afferma Bagnai è vero. Ma la prima domanda che mi viene da fare è Ma allora che cosa possiamo fare? C’è una strada percorribile per risanare la situazione? Grazie

    • l’unica strada è aiutare all’informazione approfondita dei più ‘deboli’ (giovani e pensionati)….questo permetterà un voto (per quanto ancora possibile) più maturo e non ai partiti..ovviamente…che sono il vero cancro italiano, i responsabili corrotti della situazione in cui ci troviamo!
      il PD è finito ed ecco che spunta il movimentino di civatiani e fassiniani che però hanno votato fino ad ieri nel partito e secondo i dettami; Berlusconi è finito ed ecco arrivare le ruspe nere salviniane e delle bamboline meloni. Tra poco ritoccherà a loro perchè la sinistra ha finito il compito e la gente si è stufata…ergo, “l’italiano piccolo” si butterà a destra (visto che radono i campi rom). Tutto cambia perchè nulla cambi! Sono sempre loro !! In passato non esisteva soluzione…oggi nel panorama politico qualcosa di nuovo c’è….. Aiutiamo i più “piccoli” a capirlo , ripartiamo dalla normalità e dall’ovvietà …. che non è scontata.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi