Fulvio Grimaldi – Perché dobbiamo uscire dalla NATO

È LA STAMPA BELLEZZA - Fulvio Grimaldi - Immigrazione, Siria, Nato, giornalismo, informazione libera e indipendente

L’intervento di Fulvio Grimaldi al convegno “È la stampa, bellezza!“, domenica 24 gennaio 2016 nei pressi di Padova, organizzato da Francesca Salvador (Salus Bellatrix) a cui hanno partecipato, oltre a lui, Giulietto Chiesa, Maurizio Blondet, Bruno Ballardini, Matteo Simonetti e Massimo Mazzucco. Nei prossimi giorni saranno disponibili anche gli interventi dei restanti relatori.Qui, invece, la mia introduzione: “Il tempo dell’inganno universale“.

Claudio Messora - Il tempo dell'inganno universale - Giornalismo e informazione libera e indipendente

Qui la mie due ultime interviste a Fulvio Grimaldi:

COSA SUCCEDE IN MALI - FULVIO GRIMALDI - Giornalismo, Siria, Guerra, Terrorismo

Fulvio Grimaldi Immigrazione strategia USA per dominare l'Europa - Siria, Terrorismo, Giornalismo libero e indipendente

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • OTTIMO LAVORO BYOBLU’ !!!

    Questi interventi giornalistici non li vedremo mai nei canali televisivi nazionali, nemmeno alle 4 del mattino.

    Piccola nota a margine dell’ottimo intervento descrittivo di Grimaldi, nella ricostruzione storica se pur sintetica andrebbe ricordata la creazione dello Stato di Israele nel 1948 per volere britannico e consenso USA sottraendo territori appartenenti da millenni ad altre popolazioni, espropriandole indebitamente di ogni diritto acquisito naturalmente, soluzione sbagliata che ancora oggi causa violenze e instabilità geopolitiche; seguendo la logica della correttezza politica rispettando i principi etici in merito al risarcimento del popolo ebraico (ammesso che la shoah sia risarcibile per i milioni di morti) i vincitori della II° guerra m. avrebbero dovuto creare la nazione ebraica in una congrua regione della Germania di allora.

    E qui si aprirebbe un capitolo della nostra storia che pochi hanno il coraggio di affrontare sopratutto scevri dalle ideologie che determinarono conflitti bellici dal 1914 al 1939, senza revisionismi né apologie in quanto inutili per capire le vere cause scatenanti i dissensi tra nazioni europee, che alimentate da lotte sociali e politiche interne scoppiarono in un massacro senza confini e precedenti unicamente per motivi economici capitalistici, ne più ne meno di ciò che accade oggi.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi