Trieste, ambiente, rifiuti e malattie: la discarica di Trebiciano. Lo Stato risponda!

Trieste: continua il nostro viaggio nelle malattie dell’ambiente. Dopo aver dato uno sguardo al “Sistema Trieste” nel suo complesso, oggi apriamo uno squarcio sui rifiuti tossici accumulati nella discarica di Trebiciano.

di Barbara Mapelli

A Trebiciano, paese confinante con la Slovenia, si trova una delle più grandi discariche di tutto il Carso triestino. Era stata realizzata come discarica di rifiuti solidi urbani (RSU) nel 1958 e gestita dal Comune di Trieste fino al 1972. Ufficialmente l’area interessata ricopre una superficie di circa 120.000 mq, ma recentemente è stato accertato che la zona inquinata risulta essere molto più estesa. Nel corso degli anni sono stati scaricati almeno 600.000 metri cubi di rifiuti di ogni tipo: materiali organici e inorganici, fanghi industriali, rifiuti tossico nocivi, idrocarburi, oli esausti, residuati bellici e una parte delle armi dell’arsenale chimico e batteriologico italiano, accumulato prima e dopo la seconda guerra mondiale. Gli agenti chimici più diffusi erano l’iprite, il fosgene, l’antrace e l’arsenico, gas utilizzati nei proiettili di artiglieria dall’esercito della Marina e nelle bombe dall’areonautica militare.

Una parte dell’arsenale chimico italiano era stato ridislocato con l’apertura del fronte a est. Trieste giocò un ruolo importante, sia per la sua posizione strategica (città confinante con la Jugoslavia), sia per la presenza di un vasto porto con impianti petrolchimici (raffineria Aquila), luoghi perfetti dove trasportare, immagazzinare e occultare le armi chimiche.

Nell’estate del 2012, l’associazione ambientalista Greenaction Transnational lanciò l’allarme per la presenza, nell’area della ex discarica di Trebiciano, di fusti di cemento di grandi dimensioni, parzialmente interrati e vuoti. Nove mesi dopo quella segnalazione, i fusti sparirono misteriosamente. Come sottolineato sul sito della stessa associazione, quei fusti di cemento “erano molto probabilmente serviti quali contenitori per le scorie tossiche dell’arsenale militare italiano”.

Trieste ambiente rifiuti e malattie la discarica di Trebiciano - fossa

Il metodo di smaltimento di rifiuti “speciali” era molto semplice. Autobotti piene delle così dette “sludges” (mix di fanghi industriali e idrocarburi) venivano scortati dalle forze dell’ordine fino alla dolina o grotta prescelta. Posizionavano i manicotti di scarico nella fessura e riversavano litri di veleni nella cavità. Altre volte, invece, erano i mezzi pesanti dell’Esercito a scaricare materiali “scomodi”. Camion accuratamente sigillati giungevano nell’altopiano carsico con lo scopo di seppellire, nelle doline, fusti metallici o di ferro-cemento. Il tutto veniva poi ricoperto di terra e rifiuti.

Trieste ambiente rifiuti e malattie la discarica di Trebiciano - fusti metallici

Analisi fatte agli inizi degli anni ’90 nell’area della discarica di Trebiciano, a pochi chilometri da Trieste, misero in evidenza la presenza di idrocarburi e metalli pesanti come: cadmio, mercurio, nichel, piombo, rame e zinco, oltre a ceneri a varie profondità nel terreno. In altri punti della discarica il terreno presenta colorazioni innaturali che vanno dal verde marcio al blu metallico. Sono state anche individuate presenze di biogas, come denunciato in passato da alcuni abitanti di Trebiciano. Dati che dovrebbero preoccupare perché a soli 500 metri dalla discarica si trova l’Abisso di Trebiciano, grotta dove a trecento metri di profondità scorre il fiume Timavo che si alimenta dalle acque piovane del Carso. Per anni era stato utilizzato come fonte primaria per rifornire d’acqua il territorio triestino. Il crescente inquinamento del fiume Timavo, alla fine degli anni ’70, costringe la società Acegas a ricercare fonti alternative per il rifornimento idrico di Trieste.

Trieste - Discarica di Trebiciano - Analisi di laboratorio

In conseguenza di questo disastro ambientale, che abbiamo appena iniziato a descrivere nella puntata precedente (“Sistema Trieste: assassinio di Stato“), per quanto tempo ancora gli abitanti della zona dovranno continuare a convivere con questa “bomba chimica”? Per quale motivo la Commissione Parlamentare di inchiesta italiana sulle ecomafie non è mai intervenuta seriamente di fronte a questo scandalo nemmeno quando le evidenze erano ormai incontrovertibili? Aspettiamo una risposta dallo Stato italiano.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi