Tre ipotesi su Nigel Farage. Vota.

Anche Nigel Farage lascia
Nigel Farage lascia la guida dello Ukip e “si riprende la sua vita“, mentre il referendum popolare sul Brexit, che non è vincolante, prefigura almeno due anni di pesanti trattative per definire le modalità di uscita del Regno Unito dalla UE. Sulle dimissioni di Farage ci sono almeno tre possibili interpretazioni diverse. Una si può leggere su questo blog, una è quella di Antonio Rinaldi, l’altra è quella di Alessandro Gilioli.

  1. La prima è che, similarmente a quanto è avvenuto in Grecia subito dopo la vittoria del no alle politiche di austerity, sappia che in qualche modo l’uscita sarà resa impossibile, perché i cosiddetti poteri forti già lavorano per ribaltare il risultato [leggere: “Anche Farage lascia“, su Byoblu]
  2. La seconda è che Farage voglia mettere a capo delle negoziazioni per il Brexit qualcuno che abbia un’immagine meno intransigente della sua, per facilitare le trattative [leggere: “Ecco perché Johnson e Farage hanno passato la mano” su ScenariEconomici]
  3. La terza è che Farage fugga in maniera vile dalle sue responsabilità, ovvero dopo aver distrutto, non abbia intenzione di partecipare alla necessaria e conseguente fase costruttiva [leggere: “Dopo che il cane è morto” su PiovonoRane]

Escludendo la risposta “un mix di tutte e tre”, che non dà nessuna informazione utile, secondo voi quale delle tre letture è la più plausibile? Votate adesso.

[socialpoll id=”2372947″ path=”/polls/2372947″ width=”490″]

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Potrebbe essere vere le sue dichiarazioni. Ho ottenuto ciò per cui ho lottato per una vita, non sono un carrierista politico, ho famiglia, una vita mi aspetta, vado a godermela. Assolutamente plausibile, conoscendo la linearità dell’individuo Farage. Oltretutto, alcune fonti vicine a lui raccontano di numerose minacce di morte che lo abbiano turbato profondamente. E’ già stato vittima di un paio di incidenti più che sospetti in passato, non ha santi in paradiso che possano garantirgli protezione se continua a tirare la corda, tutt’altro… Dopo aver vinto la più grande battaglia contro l’extabilishment ci sta anche che uno si faccia due conti e decida di defilarsi.

  • sinceramente non lo so..e’ davvero difficile scegliere… la situazione e’ sempre piu’ contorta, mancano sicuramente informazioni importanti per trarre conclusioni.

  • Secondo me è stato ricattato da chi vuole sovvertire il risultato del referendum.
    Farage avrà avuto qualche scheletro nell’armadio (come moltissimi politici) e questo era il momento buono per l’elite, che non ha nessuna intenzione di retrocedere dai suoi piani,
    per metterlo all’angolo.
    Idem per Boris Johnson.
    Io non ho dubbi che ci siano retroscena inconfessabili alla pubblica opinione perché l’uso distorto dei media per affossare e criminalizzare il risultato del referendum in UK è la prova più evidente che in questo buio periodo storico le leve del potere sono in mano a personaggi potenti e senza nessun rispetto per qualsivoglia regola democratica.

  • Ce n’è una quarta: dopo essere sopravvissuto a due “incidenti”, teme che al terzo non sarebbe così fortunato.

  • direi che Sandro Boman ha pienamente ragione..non avrebbe retto altre minacce fisiche! D’altronde è un umano anche lui!

  • LOANNO MINACCIATO,GIA’ AVEVANO PROVATO AD AMMAZARLO PURTROPPO CHI SI PONE CONTRO IL PROGETTO ILLUMINATO SA’ DI RISCHIARE LA PROPRIA VITA E DEI SUOI FAMILIARI, SECONDO ME RAGGIUNTO IL RISULTATO SULL’USCITA,NON E’ PIU’ IL CASO DI ESPORSI,LA STORIA FARA’ IL RESTO!

  • Ragazzi/e,

    Io abito in Inghilterra da decenni e vi garantisco che Farage e’ un razzista disonesto e la maggior parte dei suoi seguaci rappresentano l’ignoranza, il pregiudizio e l’odio verso gli Europei.

    A suo confronto, Salvini e’ un gentiluomo

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi