Andrea Orlando confessa: Governo sotto ricatto BCE sul Pareggio di Bilancio.

Il Ministro della Giustizia di Renzi, Andrea Orlando, ospite della festa del Fatto Quotidiano insieme a Gustavo Zagrebelski e a Silvia Truzzi, il 3 settembre scorso ha detto con estrema nonchalance quello che su questo blog è almeno dal 2011 che si urla (tra insulti e accuse di complottismo): che la democrazia e la politica sono ricattate dalla finanza (cfr: il più grande complottista del secolo). Ecco le sue parole.

Andrea Orlando: Oggi noi stiamo vivendo un enorme conflitto tra democrazia ed economia. Oggi, sostanzialmente, i poteri sovranazionali sono in grado di bypassare completamente le democrazie nazionali. Io faccio soltanto due esempi. I fatti che si determinano a livello sovranazionale, i soggetti che si sono costituiti a livello sovranazionale, spesso non legittimati democraticamente, sono in grado di mettere le democrazie di fronte al fatto compiuto.  

Faccio un esempio. La modifica – devo dire abbastanza passata sotto silenzio – della Costituzione per quanto riguarda il tema dell’obbligo di Pareggio di Bilancio non fu il frutto di una discussione nel Paese. Fu il frutto del fatto che a un certo punto la Banca Centrale Europa, più o meno – ora la brutalizzo – disse: “O mettete questa clausola nella vostra Costituzione, o altrimenti chiudiamo i rubinetti e non ci sono gli stipendi alla fine del mese”. Io devo dire che è una delle scelte di cui mi vergogno di più, mi vergogno di più di aver fatto. Io penso che sia stato un errore approvare quella modifica. Non tanto per il merito, che pure è contestabile, ma per il modo in cui si arrivò a quella modifica di carattere Costituzionale“.

Silvia Truzzi:Cinque mesi, però eh? In cinque mesi passò“. [ndr: nel senso che il bicameralismo perfetto c’era anche allora]Andrea Orlando: Sì sì, ma infatti… io sto dicendo.. E non mi ricordo gli appelli, le mobilitazioni…“,

Silvia Truzzi: “No no, è vero!“.

Gustavo Zagrebelski: E non ci siamo accorti!“.

Andrea Orlando: “Non cito questo caso per il merito. Cito questo caso per il fatto che in fondo si è trattato del fatto che una democrazia – questa, come la Grecia come altre – sono state messe di fronte a dei fatti compiuti che si erano determinati in ambiti di carattere finanziario“.

Stiamo parlando del Ministro della Giustizia del Governo Renzi, il Governo attualmente in carica, che ammette che la BCE ricattò il Parlamento in maniera totalmente antidemocratica. Un colpo di Stato. Cos’è un colpo di Stato se non la presa del potere senza passare per regolari elezioni? E cos’è il potere se non la capacità di decidere e agire? Del resto, non è il primo politico ad avere raccontato quello che è successo. Ecco cosa disse il senatore Garavaglia (prontamente riportato da questo blog già nel 2012, quando il Paese ancora dormiva e i signori che oggi si scandalizzano facevano gli europeisti con la coda tra le gambe, con il coraggio di un lombrico):

La Troika (BCE, UE e FMI) minacciarono il Parlamento di non comperare per due mesi Titoli di Stato italiani, nel caso non avesse dato il suo sostegno al Governo Monti. E oggi sappiamo, grazie alle parole del Ministro Orlando, che continuarono a minacciare la stessa cosa quando fu il momento di approvare la modifica costituzionale del Pareggio di Bilancio. E, immaginiamo, lo stesso accadde al momento della ratifica del MES e della ratifica del Fiscal Compact. La distruzione della nostra democrazia si è perpetrata mentre i grandi organi di informazione, come il Corriere della Sera, ne davano notizia con cinque righe e mezza a pagina 7. E no, non c’era nessun baratro: la differenza di 2 punti percentuali sugli interessi da pagare sulle nuove emissioni di debito, che per l’anno 2011 sarebbe stata di 3/400 miliardi, ci sarebbe costata 5 miliardi in più, oltre agli 80 annuali. Non era niente, per un grande Paese come l’Italia. Questo era il costo dello spread che fece gridare la stampa italiana al “Fate presto!” e legittimò la destituzione di un governo e l’avvento di quello dei banchieri.

E tuttavia va rilevato che anche le scuse di Zagrebelski, che dice che ai tempi dell’approvazione del Pareggio di Bilancio nessuno ha levato la propria voce perché “non ci siamo accorti!“, non sono accettabili. Io me n’ero accorto, professor Zagrebelski, e insieme a me tutti i miei lettori, e insieme a loro tutti i lettori in rete che gridavano alla perdita di sovranità mentre tutti, dai grandi organi di informazione ai grandi intellettuali, tacevano perché l’imperativo era non mettere il bastone tra le ruote agli usurpatori, lasciar fare e bollare come pazzi e complottisti tutti quanti non facevano altro che vedere e dire quello che era sotto agli occhi di tutti.

Non ci sono scuse, per nessuno. Ed è questo il motivo che mi ha spinto a reagire quando ho visto Di Maio sedersi a tavola, a porte chiuse, con i direttori e i presidenti della Trilaterale di Monti, o fare appelli alla finanza internazionale, oppure quando ho visto stralciare punti dal blog di Grillo in ossequio alla nuova linea di Borrelli (M5S) che indicava il problema dell’Europa nei Governi nazionali e non, a priori, nel ricatto e nel furto che i cittadini italiani hanno subito (con il plauso di Mario Monti stesso), una posizione che purtroppo è stata assunta di recente anche da Laura Ferrara (anche lei europarlamentare M5S), che ha sostenuto in questo intervento che la Commissione Europea (uno dei tre elementi della Troika) ha bene agito, ma che “il nodo cruciale sta nel Consiglio Europeo, ovvero nei Governi dei singoli Stati Membri“, rei di non dialogare tra di loro. Assumere queste posizioni, per chi ha fatto campagna elettorale per l’abolizione del Fiscal Compact e del Pareggio di Bilancio, in un ottica No Euro, è rinnegare il patto con gli elettori e, soprattutto (nella migliore delle ipotesi), non avere capito niente di quello che è successo in questi ultimi 5 anni ai nostri diritti.

E comunque, adesso che un pezzo del Governo italiano dice esplicitamente che c’è stato un colpo di Stato in questo Paese: a quando il recupero totale della nostra sovranità, a partire da quella monetaria, passando per quella politica, per quella alimentare e per qualunque altra sovranità, qualunque sia il prezzo da pagare per smettere di essere le marionette di tecnocrati, finanzieri, speculatori, affaristi ed élite sovranazionali costituite da traditori vili e riprovevoli?

 

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Qualcuno ha fatto un’interrogazione parlamentare? Qualcuno ha evidenziato il fatto che questo vuol dire che tra l’Italia e lo UK c’è una differenza fondamentale che impedisce a noi di poter fare un referendum sull’Euro (Borrelli permettendo)?

  • Orlando altro complice del sistema fallimentare politico italiano, critica la BCE però è parte integrante del Governo più fankazzista di tutti i tempi, fa finta d’essere in dissenso ma poi rimane attaccato alla sua poltrona e dentro al partito, se veramente credesse a quel asserisce si sarebbe già dimesso da Ministro e dal PD.
    Stessa cosa vale per Bersani e tutti quelli che si dicono in minoranza del PD ma senza prendere le distanze veramente, al momento opportuno votano allineati e coperti per lo strakazzaro di rignano.
    Osservate attentamente le votazioni, per abbassare il numero dei votanti contrari si astengono, il Governo è tenuto in piedi da una minoranza assoluta, a cui corre in soccorso quella ciurma di finti dissidenti che all’occorrenza si astiene per non mandare sotto il Governo.

  • Una volta i cittadini controllavano gli stati, gli stati possedevano la sovranità monetaria e una banca centrale che a sua volta controllava le banche private nazionali.
    Ora la catena di controllo si è ribaltata: banche private possiedono le banche centrali, queste con il pareggio di bilancio imposto in costituzione e la gestione della moneta in pratica controllano il debito pubblico degli stati vale a dire gli stati stessi.
    Questi ultimi invece di essere al servizio dei cittadini li tartassano e gli tolgono diritti per esaudire alle richieste delle banche centrali.

  • L’unico commento possibile è che si stanno tutti mettendo il paracadute prima di sfracellarsi sul monte della democrazia. Quanto dice Orlando è di una gravità che vorrebbe le dimissioni immediate del governo nella sua interezza perché accettare di modificare la costituzione su pressioni finanziarie ha solo il senso di risolvere il ricatto succhiando sague dal popolo. Questo è alto tradimento e l’arrivo assurdo delle richiesta del SI al referendum da parte dello zio SAM ci dice che si stanno già spartendo la torta italiana, prima se ne vanno, prima ci rialzeremo anche se con fatica.

  • Pochi commenti, come se in fondo si trattasse di bagattelle. Nessun commento poi su Borrelli e Ferrara, che hanno assunto posizioni come minimo imbarazzanti per i pentastellati.

  • Tutte le richieste della troika e i provvedimenti che adotta sono un processo programmato, di riduzione della democrazia e una palese violazione della nostra Costituzione. Il M5S dal direttorio (sic!) in poi, ha avviato un processo di adeguamento, ormai è solo l’alternanza inoffensiva al sistema dei partiti, esso stesso partito, pieno di incoerenze. La consapevolezza si è trasformata in dogma, il partito unico si combatte solo col pensiero unico. Il proporzionale puro è l’ultimo atto per garantirsi l’opposizione a vita intorno al 20-25% e con esso indennità e rimborsi. Intanto “balla” e spara “balle”.

  • Un po’ è anche “giusto” che accada questo. Dico questo perché: quando non erano ancora questi periodi si misero mai, a disposizione della cittadinanza i contratti di questo famoso debito pubblico?
    Secondo questi video, l’Italia spende mediamente circa 710 miliardi di euro l’anno e ne incassa 750. Dovendo onorare il nostro debito, dobbiamo pagare qualcosa tra gli 80 – 90 miliardi e quindi siamo costretti a fare debito per pagare il debito. Il famoso anatocismo.
    Di tutto questo, che non mi sembra per niente un argomento secondario, non c’è mai stata una discussione pubblica e per pubblica intendo che questo capitolo del debito sia conosciuto dalla grande maggioranza dei cittadini.
    Di questo cane che tende di mordersi la coda, non ne usciamo bene, tranne se il pil esplode con una crescita dell’8 – 10% e allora forse per un periodo staremo tutti più tranquilli.

    Questa mi sembra una grossa responsabilità della nostra classe dirigente passata e ahimè anche attuale e forse …..

    https://www.youtube.com/watch?v=BuRjjHdy1uA

    https://www.youtube.com/watch?v=yYVl_KbGSGQ

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi