Scommetto che adesso non commenterete per chiedere scusa a Ignazio Marino

Ignazio Marino è stato assolto da un tribunale: nessun danno di immagine per Roma, e le spese dei famigerati “scontrini” (oddio mio… gli scontrini… gli scontrini! Che oggi sono l’equivalente dei gatti neri e delle ricette per le tisane che nel medioevo portavano a bruciare le streghe) erano lecite. Legittime spese di rappresentanza. Così dice la legge. Che scommetto oggi per alcuni sarà “meno legge”, perché se conviene, allora si invoca stracciandosi le vesti, mentre se non conviene, allora il giudice è stato pagato e comunque, anche se il fatto non costituisce reato, era “politicamente inopportuno” (e qualunque cosa lo è, a seconda di chi lo sostiene).

Ma prima di guardare il video del Fatto Quotidiano con le dichiarazioni del vecchio sindaco di Roma – che le manda a dire non senza una certa classe e senza bisogno di urlare -, passate cinque minuti a leggervi cosa pubblicavo io di Marino, mentre la solita orda di zombie telecomandati inveiva acriticamente senza capire un’acca di politica e senza chiedersi da dove nasceva quel linciaggio troppo eccessivo per non essere sospetto e anzi – a dire il vero -, più che sospetto, proprio manifesto!

  1. Cosa c’è dietro al linciaggio di Marino
  2. Ecco le cene di Renzi, altro che Marino! Adesso fate dimettere anche lui
  3. Ecco le spese contestate a Marino

Capisco che è più facile accanirsi per sfogare le proprie frustrazioni piuttosto che chiedere scusa, ma se lo scopo è quello di costruire un paese migliore, e non una brutta copia di regimi che la storia ha già condannato, bisogna crescere a livello di senso civico, altrimenti tutta la spinta rivoluzionaria non servirà a niente, se non a sostituire il vecchio con il peggio.

Quindi, se ve la sentite, invece di fare i soliti commenti in perfetto stile “due minuti di odio“, ben descritti in “1984” di George Orwell, fate una cosa semplice. Digitate “Marino, mi dispiace, forse con te abbiamo esagerato” e battete invio. Non valgono aggiuntine furbe, come da rituale, tipo “Sì, ok, però sei un piddino”, o “Sì, ma il tuo (ex) partito ha fatto questo e quello”. Chiedete scusa e basta. Vediamo se ne siete capaci.

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio,
    Cucchi è morto di epilessia, Marino è stato assolto…
    Io penso proprio che il processo non sia ancora iniziato, e non perchè:”sai, ci sarà pure un giudice a Berlino, quindi iniziamo a mettergli i bastoni fra le ruote” ma perchè… cosa c’è da processare?

    Guardati intorno… la vedi la gente?

  • Caro Claudio,
    questa volta il tuo articolo mi lascia un po’ perplesso: io, come penso tanti altri tuoi lettori, abbiamo considerato il povero Marino come uno un po’ tonto, non come un corrotto…
    Si, penso che si dovesse dimettere, ma per incapacità, non per corruzione!
    Alla fine chi l’ha fatto fuori davvero sono stati i suoi amici, che prima lo hanno usato per farsi gli affari loro e poi, quando si è rotto il gioco, gli hanno messo in mano i cocci.
    I suoi amici sono quelli che devono essere processati.
    Quanto a me, sono contento che non sia più sindaco, si, ma in questo c’entro ben poco.
    Boh, forse il problema di questo tuo articolo è che è pubblicato su un blog che non è letto dal tipo di persone a cui il tuo articolo è rivolto 🙂

  • Ma non scherziamo. Ti seguo già da alcuni anni ma questa gente gente può pure essere assolta, ma mai innocente. No. Roma..no nessuna città italiana si merita un individuo così. Prima si dimette. poi no. prima si.poi no. Mio caro la stoffa di una persona la si vede dalla sua coerenza, e marino ha dimostrato che la stoffa al limite la va a comprare.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi