PIIGS: adesso è il momento di andare al cinema

Ricevo e pubblico la lettera degli autori di PIIGS. Se andate tutti al cinema, il film che racconta la storia di tutti noi resta in sala. Vedete voi

Le cose hanno iniziato a non tornarci alla fine del 2011, prima delle dimissioni di Berlusconi. Per un pelo, altrimenti saremmo stati anche noi in piazza a festeggiare la soluzione a un falso problema. Perché, anche se per anni lo abbiamo creduto, la rovina dell’Italia, in corso già da tempo, non dipendeva solo da lui, ma dalla mancanza degli strumenti di politica economica per fronteggiare la feroce spallata che la crisi statunitense del 2007/2008 aveva dato all’Italia. E questa mancanza, avevamo capito, dipendeva dalla perdita di sovranità monetaria (e costituzionale, vedi Fiscal Compact e pareggio di bilancio) che l’Italia aveva accettato fin da quando aveva firmato i trattati europei.

Ma il sollievo di non essere in quella piazza a reiterare sempre lo stesso errore è durato lo spazio di una settimana. Perché si poneva un problema molto più grande e complesso: “Ok, e adesso? Si può fare qualcosa? Perché da questa crisi non si esce? Perché è stato imposto un presidente del consiglio senza elezioni (Monti), espressione della volontà della Troika? Perché quella che a noi già sembrava un male peggiore del male, l’austerità, veniva applicata all’Italia? A chi faceva gioco? Qualcuno stava facendo male i conti? Oppure li stava facendo fin troppo bene?”.

Da allora, l’idea di realizzare un documentario ci è girata nella testa per molto tempo, finché noi tre non ci siamo incontrati, nel 2014, e abbiamo deciso che bisognava mettere da parte qualunque esitazione. All’inizio le idee non erano chiarissime, hanno preso forma nel corso dei due anni successivi. Non sapevamo se gli intellettuali e gli economisti che volevamo intervistare avrebbero accettato, né se saremmo riusciti a realizzare un film che avesse una dignità cinematografica e non meramente televisiva. Quando è entrata in gioco la storia della cooperativa sociale di Monterotondo, Il Pungiglione, tutto ha cominciato ad avere un senso più chiaro e i pezzi del puzzle a incastrarsi. Le grosse personalità che chiamavamo iniziavano a rispondere, la storia di Claudia e dei suoi ragazzi disabili a prendere una forma emotiva e narrativa forte, l’indagine a farsi sempre più precisa e – soprattutto – sempre meno innocua.

L’unica cosa che non siamo riusciti a fare è stato trovare un produttore, perciò nel 2016 abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding con cui abbiamo racimolato circa 15.000€, dal basso, cioè da voi, che ci hanno letteralmente salvato la vita. Con quei soldi abbiamo potuto pagare le spese vive, il licensing del materiale di repertorio internazionale, e qualche compenso.

Finché, grazie al nostro agente internazionale, Stefano Mutolo della Berta Film, abbiamo trovato un distributore, Andrea Cirla di Fil Rouge Media. E adesso “PIIGS”, nato come pamphlet contro l’austerità e i suoi danni, come indagine personale su cosa diavolo stava succedendo e cosa avrebbe potuto succedere di peggio, è nelle sale cinematografiche. A partire dal 27 aprile. Dopo tre anni da quando abbiamo iniziato le riprese, e dopo cinque da quando abbiamo iniziato a studiare la macroeconomia.

Adesso tocca a voi.

Adriano Cutraro
Federico Greco
Mirko Melchiorre

12 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mi sa che il documentario parla del motivo per cui non mi posso permettere di andare al cinema a vedere il documentario.

  • Sicuramente un film interessante ma che non vedrò. Dovrei operare una scelta: o comprare un paio di scarpe a mio figlio, oppure andare al cinema e capire finalmente il perchè mi sono ridotto a non poter andare al cinema con mia moglie perchè altrimenti rischio di non poter comprare le scarpette di mio figlio. e son talmente coglione che mi reputo perfino fortunato perchè penso che ci sono padri di famiglia che non riescono più a dare da mangiare ai propri figli.

  • Grandiosa idea, ci voleva un documentario italiano così! Io ci andrei volentieri ma non ho trovato alcun cinema che lo metta in programmazione. Claudio tu sei al corrente di quali cinema lo mettano in programmazione?

  • La consapevolezza del disastro imminente l’ho avuta nel 2005, quando ho scoperto che Bankitalia e denaro sono privati. La cosa mi ha così sconvolto che da allora non ho fatto che scrivere articoli, presentare libri di Marco Della Luna assieme a lui, fare conferenze (la prossima a Genova il 6 maggio) per gridare a tutti come la finanza ci ha truffato e impoverito. Ho scritto anche una sceneggiatura: “Bancatrotta”, che è rimasta tale per i costi di produzione, che certo non potevo pagare con un mutuo! Vorrei conoscere di persona voi che avete fatto il miracolo (certo con fondi ben minori) che io non sono riuscito a fare. La mia email: marcojacinto@mail.com. Mio cell: 3287461406. Il film esce anche a Genova? E a Milano dove? Devo assolutamente vederlo. Grazie di esistere. Ah, da oltre 10 anni scrivo su un magazine online perlopiù su questi argomenti. L’ultimo ieri: http://www.truciolisavonesi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7598:articolo1&catid=61:marco-giacinto-pellifroni&Itemid=57

    • Anche io lo vorrei in Veneto.
      Se troviamo altri 98 🙂 possiamo usare l’auditorium della biblioteca del mio comune (vicino Venezia), oppure ho contatti con una associazione che fa informazione e che proprio sabato proietterà un altro film “dal basso” sulla coltura biologica.

  • dal 27 aprile al 3 maggio

    ROMA
    tutti i giorni da giovedì a mercoledì
    NUOVO OLIMPIA ore 16 e 18:30
    JOLLY ore 22:40

    MILANO
    CINEMA BELTRADE
    giovedì ore 19:20
    venerdì ore 15:10
    sabato ore 21:40
    domenica ore 21
    lunedì ore 18:20
    martedì ore 15.00
    mercoledì ore 17.00

    TORINO
    tutti i giorni da giovedì a mercoledì
    CINEMA NAZIONALE ore 16

    GENOVA
    tutti i giorni da giovedì a mercoledì
    FILMCLUB ore 16 e 19:30

    REGGIO CALABRIA
    tutti i giorni da giovedì a mercoledì
    MULTISALA LUMIERE 17:00 e 18:30

    BOLOGNA
    CINEMA ORIONE solo giovedì, ore 21:45

    FERRARA
    tutti i giorni da giovedì a mercoledì
    APOLLO ore 22:30

    PERUGIA
    ZENITH
    Venerdì 20:30
    Lunedì 22:30
    Martedì 20:30 e 22:30
    Mercoledì 20:30 e 22:30

    PALERMO
    tutti i giorni da venerdì a mercoledì
    ROUGE ET NOIR (da venerdì 28) ore 22.30

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi