il Generale Pappalardo: così cacceremo gli abusivi dal Parlamento

Roma – servizio di Eugenio Miccoli

Intervista al generale Antonio Pappalardo, che da ieri si trova a Roma, con il Movimento Liberazione Italia, per “cacciare gli abusivi” dal Parlamento. Con la notifica in esclusiva dell’arresto a Ettore Rosato (PD), autore del Rosatellum.

60 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ” 5- Legittimità del Parlamento in carica: come prevedibile, la Corte ha confermato che, per il principio di conservazione delle istituzioni, non si ammette vacanza nelle strutture dello Stato ed il Parlamento attuale gode di piena legittimità giuridica. ”
    http://www.aldogiannuli.it/la-sentenza-sul-porcellum/

    Il baffone si è dimenticato che la corte costituzionale è stata nominata per 2/3 da quelli che lui chiama “abusivi” perchè eletti col porcellum.

    Se fossero abusivi il parlamento e il presidente della repubblica, e i loro atti da invalidare, lo sarebbero anche coloro che sono stati nominati da questi, compresa la corte costituzionale che ha emanato la sentenza, che quindi sarebbe nulla.

    • La Consulta infatti è esautorata dal momento in cui ha letto l’ultimo rigo dell’ultimo paragrafo delle motivazioni della sua stessa sentenza
      il 9 gennaio 2014

      Sappiamo tutto perfettamente
      Infatti, e lo si ribadisce nel video
      l’unico soggetto PIENAMENTE COSTITUZIONALE al momento è il Popolo Sovrano, poichè Disponente del Patto Costituzionale.

      Ne può revocare il mandato ed autogovernarsi, per evitare la situazione di vacanza nelle Istituzioni e quindi il caos nella democrazia e in seno alla società

      Mi pare ci sia tutto per capire
      Cosa ti manca?

      • Certo. Fatemi sapere quando arresterete tutti i parlamentari, tutta la consulta e i due presidenti della repubblica che hanno operato da “abusivi” .

        Torniamo seri.
        Cosa ti manca per capire che non si può arrestare nessuno in base alla sentenza della consulta?

      • Chiacchiere il tabaccaio vende e il Banco di napoli non s’impegna…saggezza popolare docet. Costituzione? Leggi? Il popolo sovrano nientemeno! Un Parlamento già azzoppato da precedente e nessuno va su le barricate….figurarsi i 5 Stalle. Fascismo Tecnocratico III Millennio uber alles: geometra Grillo più della barba il pizzetto, alla Italo Balbo poi non a caso fatto fuori per “errore” nei cieli della Libia. E c’è gente che discetta su sesso degli angeli (si aspetti qualche mesetto a proposito di banke – k kome killer – da impallidire Lehman-Brothers) quando a due passi, buono o malamente, in Catalogna sono per strada se non altro per muovere chiappe e ditini da tastiera: Mipiace o Nonmipiace. Che bella invenzione la “rete” per i gonzi, cozze, calamari e..cefalo padulo. Eja eja trullalà.

  • Ma dico Claudio Messora ti seguo da anni ma stavolta hai preso un muro in faccia. Ascoltare tutte le barzellette raccontate in questo video è stato come andare al cinema per Boldi e De Sica. Mi chiedo, ma cazzo devi aver perso il mio lume della ragione per dare credito al GENERALE. P. S. La prossima volta che lo incontri chiedigli chi lo paga. Riprenditi Claudio

    • Non è che per caso stai confondendo il diritto di cronaca con un editoriale? Non è che confondi una notizia con un’opinione?
      Per la cronaca: Pappalardo ha organizzato una manifestazione a cui hanno aderito (virtualmente o fisicamente) moltissime persone. Le quali (esattamente come te) seguono il blog e mi hanno chiesto di intervistarlo (leggi: documentare la sua posizione).
      L’informazione si fa mostrando dei fatti. Poi ci sono gli editoriali, che spiegano un’opinione. I fatti devono essere staccati dalle opinioni. Tradotto: se mi vedi parlare in un video, ti sto dando dei fatti “con” opinioni. Se vedi l’intervista esclusiva a una persona, quelle è un “fatto”, cioè sono dichiarazioni nude e crude di cui tu ti puoi servire per formarti un’opinione. Non è che le opinioni ce le devo mettere io ogni volta: la rete è un enorme database che chiunque può usare per capire e usare il suo personalissimo spirito critico. Ora, questa intervista fornisce un tassello a chiunque voglia sapere chi è e cosa pensa Antonio Pappalardo.
      Se questo fosse un giornale, non ci troveresti niente di strano: non è che se c’è un intervista a Fassina sul Corriere, tu la scambi per l’opionione di Luciano Fontana che è il direttore. Essendo questo un blog personale (ma molto sviluppato) si fa un po’ di confusione.
      Presto la confusione sparirà, perché il progetto si allargherà, e sarà più chiaro cosa è notizia e cosa è opinione.

      • Cosi’ è come intendo l’informazione… complimenti.
        (e poi per quello che dice, non direi che abbia totalmente torto). Forse puo’ apparire un po’ comico il modo ma ritengo che la liberta’ di espressione, salvo l’uso della violenza sia verbale che fisica, debba essere totale, altrimenti che liberta’ sarebbe?

  • I 5stelle volevano votare al più presto, il maledetto pd vuole votare il più tardi possibile, questo è il problema ovviamente.

  • Signori più che intelligenti di voi ci sono le galline,questo poveretto o cretino come è stato definito il generale avrà anche un secondo fine ma io dico che non è giusto offendere,siete tanto professori a giudicare,ma di contenuto niente,intanto lui si sta dando da fare,contro uno stato anche se regolare come dice uno dei commentatori leone da tastiera,che sta facendo solo guai,si sta dando da fare contro un5stelle che non si sa cosa è veramente,fatto sta che sembrano signorine indignate ma quello che fa il PD passa sempre chi sa perché la loro ostruzione è sempre blanda contro i sopprusi PD,a me è simpatico il generale,e chiunque di voi ha un altra idea non viene mica offeso,ovviamente non trovo giusto e educato offendere una persona perché so da da fare contro dei combinati si evidenti,a prescindere Delle intenzioni,mah vi piace il PD? Vi piace il M5S? Nessuno vi dice niente e vi offende né tantomeno vi vuole mettere la camicia di forza,Maleducati!!

  • Siamo il Paese della Commedia dell’Arte, no? E il set di “Vacanze romane”. E poi quel Nick: Pappa + lardo. Benito guarda tu manco ‘na marcetta su Roma (della Raggi e noi i cerchioni) semo più capaci: eja eja trullalà.

  • Quest’uomo mi fa paura. Speriamo non riesca a mobilitare l’odio e la rabbia come vorrebbe. Non sono un 5 stelle

  • Questo Pappalardo mi sembra l’urlo scomposto della disperazione.
    È sintomatico, ma ovviamente non mi sembra che prospetti soluzioni condivisibili.

    Dice una cosa solo in parte apprezzabile, ma purtroppo non realizzabile.
    “La pulizia prima di entrare in una stanza”.
    Ma purtroppo per fare pulizia nelle stanze bisogna entrarci e, mentre si pulisce, ci si sporca anche un poco. Mi sembra che sia quello che sta succedendo.
    Non so prevedere il futuro.

    Altra la posizione di Toninelli nel video postato qui sopra da Mario, in cui mi sembra che ci siano considerazioni utili e direi oggettive.

    Suggerirei in questi momenti difficili di premiare la ragionevolezza agli schieramenti.

  • NON più deleghe a nessuno!! Riprendiamoci la NOSTRA sovranità popolare!! Niente più politici strapagati per decidere delle NOSTRE vite!!! Riprendiamoci la NOSTRA libertà!!!

  • forse perché dice solo stupidaggini mentre incassa un vitalizio Generale. Venga già con i carabinieri e il procuratore per arrestare i politici, cessi queste dichiarazioni senza senso di arresti che sa bene che non vedremo mai. E la smetta di millantare, lei “era” un generale dei carabinieri, adesso è un vecchietto in pensione.

    • Troia fu una bellissima città. Le troiane furono donne dai dorici considerate troppo libere, ma non nel senso del solo libertinaggio; pertanto ebbe infine successo l’appellativo di ‘troia’. Invece di ‘troia’, i latini furono soliti nell’uso molto più diretto dell’appellativo ‘etrusca’. Gli etruschi si considerarono profughi di Troia (a testimoniarlo dovrebbe venir considerato più che sufficiente il gran numero di statuine votive etrusche rinvenute, del troppo vecchio Anchise, al cui trasporto provvide lo stesso suo figlio Enea: https://drive.google.com/open?id=0B_bBTqacHXShaEI4Nm1ZUzFYZE0)

      Un fatto è che la così detta Troia di Schliemann Troia non fu. L’ipotesi per cui io propendo maggiormente è che Atene sarebbe da considerare valida candidata: Tucidide nel primo capitolo della Guerra del Peloponneso narrò del mito ionico ateniese per cui ad ergere le prime mura di Atene furono i Pelasgi.

      Per tutto ciò considero ridicole le due stelline con cui il sito di Messora provvide alla storpiatura del nome di Troia (per una donna dei nostri tempi, essere troa dovrebbe essere un vanto)

      • questa mi pare essere molto più comune e più autentica (meno agiografica): https://drive.google.com/open?id=0B_bBTqacHXShaEI4Nm1ZUzFYZE0

        Ad ogni modo, per quanto lessi al riguardo quando l’argomento stette al centro della mia attenzione, la maggior parte delle statuine votive rinvenute ritraggono Enea piegato sotto il peso del vecchio padre, a simbolizzare una migrazione che fu molto dolorosa e molto tribolata (presumibilmente avvenuta a causa degli ari turcomanni (Achei ed Argivi) che nel 1200 a.C. finalmente si trovarono nelle condizioni di poter penetrare e devastare l’Europa, in virtù della loro acquisizione della oramai in Indocina vetusta arte di fusione ed utilizzo del ferro. D’intorno al 1100 infine raggiunsero e invasero anche l’Italia (Latini), quando però ormai anche i Pelasgi (gli etruschi) avevano oramai appreso l’arte della fusione e della lavorazione del ferro (e infatti vennero sempre sonoramente bastonati, almeno fino a ché gli Etruschi non vennero infine sconfitti ed umiliati dai greci dorici di Siracusa (d’intorno al 480 a.C.). A seguito della loro vittoria, i Siracusani poi regalarono l’trusca Roma ai Latini.

  • l’unica cosa che ho capito di questi commenti è che LA GRANDE MAGGIORANZA è CONTRO IL GENERALE, PER TANTO DEVO DEDURRE CHE LA GRANDE MAGGIORANZA, CHE HA ROVINATO NO SOLTANTO L’ITALIA MA IL MONDO, è PROPRIO LOBOTOMIZZATA COL ‘CHIP’ DEI POTERI FORTI, GRAZIE A VOI SIETE ALLA FINE DEL PERCORSO E DATE SCHIFO COME ITALIANI.

  • sentenza n. 1 del 2014, paragrafo 7:

    “Essa, pertanto, non tocca in alcun modo gli atti posti in essere in conseguenza di quanto stabilito durante il vigore delle norme annullate, compresi gli esiti delle elezioni svoltesi e gli atti adottati dal Parlamento eletto”;

    “Del pari, non sono riguardati gli atti che le Camere adotteranno prima che si svolgano nuove consultazioni elettorali. ”
    —————————————————————————————————

    ora uno è libero di pensare anche tutto il male del mondo di taluni o tutti i parlamentari, ma che la sentenza della consulta (abusiva?) sia da considerarsi come motivazione/mandato di arresto dei parlamentari non esiste proprio.

  • A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro… che ti epura. (ammonimento ai giovani socialisti attribuitogli da Ugo Intini)

  • Ovviamente il grande cancro di questo paese è il maledetto pd, seguito da fi e lega. 5stelle unica speranza per questo paese.

    • Cancro del Belpaese: formaggio o territorio è vexata qauestio. Anzi dovrebbe essere oggetto di studio, anche di “teatro” anatomico, non tanto la categoria (astrattissima) degli italiani in quanto tali, ma interrogarsi (?!) della scomparsa (sapienziale meteorite darwiniana pure questa?) della spina dorsale italica, ossia la PROVINCIA (distinta e lontana dal provincialismo di molte cosiddette metropoli italiche della Padania, tanto per non dire, la Milano da bere at time new town of mafia uber alles).
      Forse luogo immaginario o letteratura, ma, sia come sia lo è stato più ancora, sempre la provincia, dei grandi centri urbani, ridotte cloache a cielo aperto del post mortem…”delle città importanti, ricordo Milano, livida e sprofondata per sua stessa mano…”così l’altro giorno Ivano Fossati.

    • … l’unica speranza è che stiano attuando una strategia, per incunearsi nel sistema.

      Al contrario, se il mettere da parte o quasi rinnegare temi importantissimi come vaccini, eventuale uscita dall’Europa etc.. non è solo questione di strategia, ma un vero e proprio cambio di paradigma….. bhè…. allora siamo inguaiati.

    • Non se ne può più dei Generali-Mamme che tolgono ancora i pannolini ai figli italioti. Messola la invito a parlare di altro. Noi almeno in tv ricordiamo il Colonnello, certo meno di un generale, Tejero in Spagna, Poverino doveva per sbagliato plaza de los torreros. Vabbene Pappalardo in tv avrà avuto i suoi tre minuti di pubblicità, però la “regia” provveda ad uno stacco chessò Grande Fratello, o come cucina Santanché: consigli per gli acquisti va…

      Ps. Pappalardo “generale” poi si passa, sempre a bar sport, a Musolino brigante più brigante meno Mussolini che dir si voglia; si al Duce di qua e di là compreso l’ora per la “campagna del grano” del magnifico Istituto Luce. Mussolini, e poi dicono male del genero Galeazzo, stipendiato dalla Massoneria inglese: “Il golpe inglese” Giovanni Fasanella, Mario José Cereghino per Chiare Lettere.

  • Pappalardo si ritaglia il suo spazio, ma, malgrado si muova secondo costituzione e codice penale, non credo le sue azioni sortiranno un qualche effetto, se non un po’ di visibilità a livello mediatico.

    Mi preoccupa invece, la possibilità di un Pappalardo montato ad arte per scopi oscuri, non dimentichiamo la farsa dei manifestanti che tiravano monetine a Craxi… di li a poco scoppia mani pulite, che tutto hanno lustrato, meno che il parlamento.

    Breve OT
    ma per la miseria, che fine ha fatto l’italiano? su quasi 50 msg, una buona parte è, almeno per me, praticamente illegibile…

    • Non si tratta di una montatura…Si vede che Pappalardo è un tipo verace…Il fatto stesso che abbia poco seguito (purtroppo!), dimostra quanto sia effettivamente autentica la sua coraggiosa iniziativa. Noi facciamo numero solo quando c’è da riempire gli stadi…e non certo per riprenderci il Paese, ragione per cui le sue azioni non sortiranno in alcun tipo di effetto…anche perché se lo lasciamo solo…cosa pretendiamo…lui quel che poteva fare lo ha fatto, ma non noi! D’altronde siamo fatti così, non è mica un caso se siamo stati colonizzati…

  • Quando in Italia capiti di sentir parlare di costituzione, normalmente si parla di ‘diritto’. Io di ‘diritto’ poco me ne intendo. Mi ‘intendo’ però un pochetto di ‘democrazia’ (governo del popolo). Quella pseudo-‘garantita’ dalla costituzione formale della Repubblica Italiana fu ed è pseudo-democrazia pseudo-garantita (praticamente, la nostra costituzione (insieme di enunciazioni di princìpi) mai venne in alcun modo emendata (a varie riprese peraltro gravemente si tentò di peggiorala – seppure (per nostra fortuna) vanamente). Volessimo forma di governo fattivamente democratica, sarebbe sufficiente ricorrere a copiatura di costituzione svizzera. Democrazia dovrebbe significare governo del popolo mediante suoi rappresentanti; esistono però vari modi possibili, in relazione a come il popolo può venir rappresentato. I casi estremi e opposti sono proprio quelli dell’Italia e della Svizzera: in Italia i ‘rappresentanti’ del popolo sono personaggi potenti (30 anni fa furono principini (capi fazione) oggi sono vassalli di chi decida la loro ‘candidatura’ e la loro nomina (pressoché automatica (garantita))), ottimamente remunerati, in nessun modo controllabili e controllati dalla parte di chi (almeno virtualmente) costoro dovrebbero ‘rappresentare’; in Svizzera sono l’opposto, specialmente in virtù di normativa referendaria che permette al popolo intervento diretto illimitato nella legislazione (la conseguenza è rappresentanti scialbi, assai poco potenti, assai controllabili e controllati, impossibilitati o fortemente limitati in relazione ad ogni loro eventuale volontà di arbitrio).

    A tutto ciò dovrebbero venire poi affiancate considerazioni sulla italiana costituzione ‘materiale’ (nonostante venga previsto da quella formale, le ultime sempre più perverse riforme elettorali infine completamente esautorarono il popolo, impedendogli qualsiasi scelta dei propri rappresentanti, nei Parlamenti di una Repubblica sempre più fasulla (sempre più Repubblica delle Banane)) ed anche sull’equilibrio in essere tra i Poteri dello Stato e della così detta ‘Società Civile’ (che fatica immane, mi tocca, al fine di trattenermi dallo storpiare queste due incredibilmente ipocrite parole): tanto per dirne due: 1) i nostri parlamentari (potere legislativo); ministri (potere esecutivo) e magistrati (potere inquirente e di controllo) sono al livello mondiale quelli meglio pagati (oltre a loro, anche lo sono (pressoché incommensurabilmente) anche i nostri diplomatici ed i nostri quadri militari); 2) i nostri organi di stampa (quarto potere (dovrebbe essere il VERO potere di controllo) sono totalmente asserviti agli altri 3 (ed insieme agli altri 3 ad ulteriore VERO POTERE DI GESTIONE E DI CONTROLLO).

    Insomma, a mio parere, una vera grande (immane) BUFFONATA detta essere ‘democratica’.

    L’unico aspetto a mio parere ancor un poco valido, nel sistema sociale in cui ci capitò di vivere, è un qualche residuo nostro margine di libertà nella facoltà di poter esprimere liberamente la nostra propria opinione (personale). Ma anche in relazione a ciò le maglie, di un sistema intimamente intollerante ed autoritario, si stanno in questi mesi stringendo inesorabilmente

  • Non basta cacciarli se poi si tengono il malloppo accumulato in pieno regime illecito! Bisogna portarli a processo popolare e condannarli per quello che hanno fatot e stanno ancora facendo. Oggi il governo è stato indicato come committente dello stesso reato contestato alla Appendino. Come mai lei è indagata e quel regime parassita no?

  • è un’intervista straordinaria!
    io mi sono buttato via dal ridere!
    a un certo punto ero convinto che fosse il grande Maccio Capatonda mascherato!!
    un video da salvare, vedere e rivedere!

  • Eh si….Per questo poveretto la camicia di forza….Per quei maledetti parassiti di politici abusivi che siedono in parlamento invece dovremmo dare un premio! Quasi quasi si meriterebbero un vitalizio bis! È proprio vero…ogni popolo ha il governo che merita…E noi ci meritiamo proprio questa manica di parassiti!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi