Dimenticatevi la democrazia – Alberto Bagnai

Alberto Bagnai torna su Byoblu, a cinque anni da “Ce lo Chiede l’Europa“, la prima storica intervista, e fa un’analisi lucida, fredda e spietata della società di oggi e di cosa ci aspetta, proseguendo su questa china.
(*) La trascrizione dell’intervista arriverà in seguito. Per adesso, godetevi il video.

19 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Grazie. grazie ad entrambi per contribuire ad aprirci gli occhi. Grazie mille. Purtroppo per molti ancora queste parole sarebbero pura fantasia.

  • Che delusione Alberto Bagnai … prima mi paragona il reddito di base con le elemosine di un papa e pensa che il reddito di base serva A NON FARE LAVORARE LA GENTE!?!?
    Poi dice che chi PRETENDE onestà nelle istituzioni … ODIA lo Stato perché i corruttori sono all’interno dello Stato … e, di conseguenza, il M5S è a favore delle privatizzazioni … che analisi grossolana!!!
    Va beh … abbiamo capito che il M5S gli sta sulle balle … però evitiamo la disinformazione.
    Nella seconda parte invece è invece molto più interessante.

    • Si, le critiche di bagnai ai 5 stelle sono puerili, sembra di sentire la picierno.
      Peccato, trovo interessanti le cose che dice bagnai, ma questa tigna nei confronti dei 5 stelle, degna di ben altri bersagli, sembra pretestuosa, pare proprio che gli stiano sugli zebedei e ne voglia parlar male per forza.

      • Ebbene sì, lo Bagnai di un mare di APPLAUSI !!! Ma Luca, sei mica amico di Mario, per caso? Mario ?!! Dove sei sparito, non difendi più il M5S contro ogni evidenza ? Dai Mario su, non fare così, coraggio, vedrai che andrà tutto bene… Hi Hi Hi ^.^ me la rido ancora, è troppo lucido lo sguardo di Bagnai sui 5S… (e su tutto il resto ovviamente !). Incontestabile !!! W Firenze !!!

  • Claudio chiedi a Bagnai perché ilPD ha abbandonato i lavoratori. Io lo so e anche lui lo sa ma non lo dice perché non può o non lo vuole dire. È una cosa troppo distruttiva della politica della sinistra. Direi sconvolgente. Ti do una traccia: affare Telecom/governo D’Alema e affare MPS/ ministro D’Alema. Ma quanto ci sarebbe da dire in proposito!!!!!,

  • Salve Bagnai,
    non è la prima volta che la sento ed ho appena ascoltato la lunga intervista che precede.
    Davvero, come ha notato un commentatore prima di me, un discorso per adulti, senza veli. Non è necessario abbeverarsi (io oramai non frequento simili insulti all’intelligenza da anni) alla propaganda pubblica per apprezzare la differenza di taglio, l’ampiezza di vedute e, soprattutto, la sua onestà intellettuale. Per carità, dice cose ormai stranote, ma fa sempre piacere veder replicare, con un’accalorata partecipazione, anche se non scevra da un’insopprimibile vena elitaria, una verità che sta sotto gli occhi di tutti, ma che nessuno vuole vedere. Il re è nudo da tempo, ma tutti continuano a crederlo/vederlo vestito.
    Ma c’è una cosa che continua a sorprendermi, ma probabilmente sarà frutto di una consapevole obliterazione per ovvie ragioni penali: come si fa ancora, a tornare a sostenere, magari con ampie perifrasi di spessore culturale, la solita, sostanziale banalità: sti ladri di politici non capiscono un cazzo!! Bagnai almento lei non sa enunciare con chiarezza le due “nobili” verità e cioè che: 1) sti poverelli (si fa per dire) di politici eterodiretti non contano nulla, sono servi dello straniero, venduti per un po di celebrità ed un pacco di soldi. E, se si muovono dalle rotaie stabilite, li buttano giù in due minuti, o con la manopola dello spread ed affini, o con qualche scandaluccio grancassato dalla stampa di regime (Strausskhan docet); 2) il popolo è ignorante e bue, all’85% interessa solo puttanate, pallone e f….., non si interessa di altro, non gliene frega di nulla e la sua weltanchauung origina dal giornaleradio (TG1), per i più arditi, dalle Iene. E quando s’incazza veramente, come un toro bendato, butta giù tutto il palcoscenico, ma l’elite, che governa anche l’incazzatura, ha già il teatrino da un’altra parte, insieme alle poltrone dove i rivoluzionari vanno a sedere per essere rapiti dal nuovo spettacolo.
    Caro Bagnai, al sodo……intelligenza, cultura, occhi aperti, sono gli unici strumenti che possono salvare l’uomo dalle trappole dei più furbi. Non è forse per questo che schiacciamo i nostri fratelli minori: gli animali.
    Intelligenti pauca.

  • euro si euro no una gran partita di calcio per allocchi concordo con Marco Saba ma alberto bagnai come mai non conosce il biglietto di stato a corso legale?
    https://www.youtube.com/watch?v=4NXQqcKyrLk
    l euro non è una moneta unica controllate per quella italiana ci sono le lettere RI Repubblica Italiana
    https://www.youtube.com/watch?v=7lEsmepMKGU
    come funziona verasmente il capitalismo la differenza tra crescita e sviluppo
    https://www.youtube.com/watch?v=0TPZcAcvIVQ

  • Encomiabile risposta succinta alla domanda Brexit;gli anglosassoni si distinguono per il loro pragmatismo nel trovare soluzioni ad annose questioni il tutto grazie ad una informazione seria o quantomeno più libera della nostra.Evasiva l’argomentazione alla reazione della nomenklatura russa riguardo le sanzioni che hanno penalizzato l’imprenditoria nostrana.Il governo russo sta piazzando sul mercato interno bond acquistando titoli di Stato,la cultura di ispirazione cristuana ortodossa pur consentendo la pratica del divorzio e seconde nozze in chiesa non è cascacata nella trappola del divorzio tra banca centrale e governo.

  • Le analisi economiche sono condivisibili, quelle politiche molto confuse: un’alleanza PD – M5S per fare cosa?
    Uscire dall’euro, si deve fare parlandone il meno possibile, bisogna essere preparati, già con una moneta alternativa e una banca centrale di nuovo pubblica per non fare la fine della Grecia che ha dovuto cedere al ricatto.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi