Ci vuole un GOVERNO COSTITUZIONALE di SALUTE PUBBLICA – Ugo Mattei e Alberto Lucarelli

Non possiamo lasciare la politica da sola. Dopo sei anni in cui i cittadini sono stati esclusi dalla determinazione dei processi decisionali, ora devono mobilitarsi in permanenza. E gli intellettuali hanno il compito e la responsabilità di mobilitare la “base” per rivendicare che in Italia ritorni la democrazia, a sei anni dalla sua sospensione, dopo sei anni di Governo di viceré Europei che utilizzano linguaggi e categorie tecniche che evocano un processo di sovversione costante. Per questo secondo Ugo Mattei, giurista e professore ordinario di diritto internazionale comparato, e secondo Alberto Lucarelli, ordinario di Diritto Costituzionale all’Università Federico II di Napoli, è il momento di dare vita a un Governo Costituzionale di Salute Pubblica, sul modello di quello che fece il Comitato di Liberazione Nazionale durate la seconda guerra mondiale. È necessario cioè che i parlamentari si schierino con il popolo sovrano nel suo scontro mortale con il neoliberismo e che schierino le personalità più coerenti con l’implementazione del programma del Governo di Salute Pubblica, che deve agire su questi punti: 1) Lotta al lavoro precario; 2) Abolizione della Legge Fornero; 3) Rinegoziazione radicale delle obbligazioni internazionali, in primis quelle con l’Eurogruppo e per le spese militari; 3) Ripristino degli spazi di democrazia effettiva contro i decisionismi verticali; 5) Grande piano di cura del territorio per generare lavoro, beni comuni e ambiente.

Di questa proposta, presentata sul Fatto Quotidiano una settimana fa, discutono oggi su Byoblu Ugo Mattei e Alberto Lucarelli.

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Questi incontri verranno filmati e messi in rete?
    Perché se c’è bisogno di andare virali, mi pare il minimo 😛
    Non so se sono il solo, ma ultimamente sento una certa urgenza di evitare una guerra contro la Russia..

  • Mattei si decida: in un video precedente sosteneva con enfasi che rischiamo la strategia della tensione, visto che l’Italia non e’ un paese sovrano dal ’45 e che non potremmo liberarci dal giogo della sovranità limitata, dicendo addirittura che se ci fosse un tentativo del genere, siccome le condizioni non sono ancora mature perché ciò accada, allora lui starebbe dall’altra parte! Smettetela tutti quanti di prenderci in giro con l’ennesimo movimento di distrazione di massa! Uno che starebbe “dall’altra parte” poi, rivela molto sul suo lato sinistroide eterodiretto !

    • …Piu’ che altro, pur riconoscendo umanamente il buon proposito di Mattei di metterci in guardia dalle terribili conseguenze di un eventuale tentativo di recupero della sovranita’, non capisco per quale motivo abbia una visione cosi’ miope e riduttiva dell’ Essere Umano e non riconosca che il rango della Natura Umana appartiene in realta’ ad un livello ALTO e NOBILE… e che grazie a DIO siamo stati creati LIBERI, quindi nonostante quello che purtoppo e’ capitato a Moro, Falcone e Borsellino e tutte le vittime meno note (che Iddio li benedica tutti !!!), abbiamo umanamente e comunque il sacrosanto diritto, onere ed onore di non patire la sudditanza da altre creature, in primis perche’ sono esseri creati come noi ed a maggior ragione perche’ hanno messo in atto i poteri spietatissimi e predatori di questa epocai (di ordine massonico-atlantico-sionista!), che si arrogano il “diritto” di sentirsi superiori al loro prosssimo e terrorizzano i popoli tutti per piegarli con la forza ed al fine di scoraggiarli e farli arrendere… Non e’ che, siccome si rischia la strategia della tensione, allora bisogna accettare indiscriminatamente la sanguinaria volonta’ Atlantica, èh !!! L’Esistenza e la Verita’ non obbediscono al terrore, sono di una Essenza Immensa e Sublime… Gloria a Dio !!! Coraggio Mattei, non si butti giu’…si ricordi che Noi TUTTI siamo Esseri Umani, grazie a Dio !

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi