MILITARI, URANIO E VACCINI: la verità di Stato censurata dai media

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

Nata alla fine del 2004, in seguito alle tante polemiche e alle pressioni dei militari e delle famiglie, la Commissione Parlamentare di Inchiesta sull’Uranio Impoverito è giunta alla conclusione dei lavori nella sua quarta legislatura.

Molta strada è stata fatta in questi anni: ricordiamo le prime indagini e le prime drammatiche testimonianze, quando si studiavano gli effetti delle munizioni Nato nelle missioni nei Balcani. La Nato, che dapprima negava, finì con l’ammettere pubblicamente la presenza di uranio, e fu l’allora ministro della Difesa a comunicarlo ufficialmente al Parlamento: era Sergio Mattarella.

I lavori della quarta Commissione sono confluiti nella Relazione Finale presentata alla stampa il 7 febbraio scorso, un documento da cui si evince come la Commissione oggi abbia rivolto la sua attenzione a moltissimi altri aspetti della salute e dell’integrità psicofisica del nostro personale militare, e anche della cittadinanza: dagli inquinanti ambientali nelle missioni all’estero alle cautele da adottare sulla missione in Niger; dall’amianto in Marina all’insufficienza di prevenzione e vigilanza; dalle emergenze ambientali nei poligoni di tiro alle conseguenze delle massive vaccinazioni a cui è sottoposto il personale militare. Si esamina, a questo proposito, anche il Progetto Signum del Ministero della Difesa (qui la relazione), ribadendo come più di 5 vaccini somministrati contemporaneamente rappresentino un rischio genotossico per i nostri soldati.

progetto signum estratto vaccini

Le conclusioni della Commissione, in questa legislatura, sono state durissime. Nel documento si mettono in evidenza anche il “negazionismo” dei vertici e il silenzio delle autorità. E non si tratta di meri commenti o valutazioni politiche: è da tenere ben presente che i lavori delle Commissioni Parlamentari di Inchiesta, ciò che scrivono, le conclusioni a cui giungono, sono verità giudiziarie. E in questo senso, la Relazione Finale rappresenta una drammatica sentenza sull’attenzione dello Stato verso la salute del proprio personale militare.

Vicepresidente della Commissione di Inchiesta sull’Uranio Impoverito, nella XVII legislatura, è stato l’ex parlamentare Ivan Catalano. Il 27 Marzo Ivan ha partecipato ad una conferenza dal titolo “Militari, uranio e vaccini”, svoltasi a Torino e organizzata dal Movimento Roosevelt Piemonte, in cui ha illustrato nei particolari gli scottanti risultati del lavoro della Commissione.

Byoblu era presente, e quello che vi proponiamo in cima al post è il video integrale della serata.

Guarda anche la conferenza di Luc Montagnier, virologo, premio Nobel, noto per essere il padre della scoperta del retrovirus dell’HIV, al convegno organizzato a Roma dall’Ordine Nazionale dei Biologi: “Nuove frontiere delle biologia”, anch’esso ripreso dalle telecamere di Byoblu.

Combatti con noi, a Marzo e ad Aprile

€11.691 of €15.000 raised

La libertà è di tutti, perché tutti nascono liberi. Ma crescendo impariamo che perderla è facile: continuare ad essere liberi costa caro, in termini di fatica, perdite, volontà. A Byoblu ogni mese servono tante risorse per organizzare contenuti in grado di competere con i mezzi dei grandi media mainstream, sostenuti dai grandi magnate della finanza. Ognuno deve sacrificare qualcosa. Io sacrifico il mio tempo, la mia famiglia, una carriera, rinunciando a servire ideologie e partiti, perché tutti abbiano la possibilità di avere un media completamente libero su cui fare affidamento. Potersi fidare dell’onestà di chi vi racconta le cose significa avere la libertà di prendere le decisioni migliori.

Preservare la libertà significa combattere. Se anche tu sei disposto a sacrificare qualcosa, qui di seguito troverai un modo per combattere insieme a noi. Scegli il tuo grado. Per ora è simbolico, ma presto potresti essere chiamato a prestare la tua opera sul campo.

Grazie, dunque, per essere un volontario per la difesa della libertà di tutti, e non un mercenario per la tutela degli interessi di pochi.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

E

Emanuele

€15,00 21 September 2019

In bocca al lupo!

AM

Angelo Mulas

€35,00 21 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€50,00 21 September 2019
GM

Giancarlo Modugno

€15,00 21 September 2019

In bocca al lupo!

Anonymous User

Anonimo

€25,00 21 September 2019
am

anna medici

€15,00 21 September 2019

Complimenti per il vostro lavoro e continuate così! che Dio vi benedica!

LB

Lorenzo Bigiani

€200,00 21 September 2019
AP

Alberto Pierpaolo Prinetto

€25,00 21 September 2019

Cercherò di fare di più se riuscirò a sopravvivere alla prossima scadenza fiscale...
Grazie

M

Marco

€15,00 21 September 2019
JS

Joseph Specchio

€15,00 21 September 2019
SB

SERGIO BOTTONI

€15,00 21 September 2019

Grazie di esistere

MV

Massimo Vignali

€15,00 21 September 2019
M

Marco

€9,99 21 September 2019
MN

Marco Nicolè

€100,00 21 September 2019

Forza Claudio!
W Byoblu!

PT

Paolo Tranchida

€150,00 21 September 2019

Forza e onore! Continuate così!

GB

G.l. Barone

€5,00 21 September 2019
AS

Alberto Salomone

€50,00 20 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€10,00 20 September 2019
DC

Davide Cervero

€50,00 20 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€20,00 20 September 2019

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il progetto SIGNUM aveva come obiettivo capire a quali rischi erano soggetti i militari in Iraq. Aria, acqua, terreno, e, fra l’altro, vaccini. I risultati hanno mostrato, come al solito, che i vaccini non sono un rischio e che i cambiamenti biologici ossidativi che causano nel DNA dei militari sono estremamente inferiori al fumo, per esempio.

    L’autore di questo articolo dovrebbe essere meno fantasioso, o perlomeno, specificare che divulga opinioni, non fatti.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi