COME LA SCUOLA GLOBALIZZA I BAMBINI – Benedetto Vertecchi

Per raggiungere l’obiettivo di promuovere il mercato e non la cultura, avere consumatori e non esseri umani che ragionano, oscurare deliberatamente alcuni aspetti della realtà scomodi al potere e alle sue logiche aziendali, il sistema migliore è il più subdolo: partire dall’istruzione dei bambini.
Se una grande multinazionale vuole vendere in tutto il globo lo stesso tipo di hamburger è indispensabile omologare la platea, evitando che qualcuno si ostini a  preferire i tortellini emiliani o i cannoli siciliani. E noi, quali possibilità abbiamo per difenderci?

Per il ciclo di interviste sulla scuola Danilo D’Angelo, per conto di Byoblu, dà voce a un pensiero critico e autorevole che altrimenti rimarrebbe inascoltato: quello di Benedetto Vertecchi, pedagogista, accademico e saggista, che si occupa da sempre di ricerca in ambito educativo e si dice molto preoccupato dalla deriva che il sistema scolastico sta prendendo.

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi