COSA SAI DEI ROTHSCHILD? Pietro Ratto

“I Rothschild e gli altri – Dal governo del mondo all’indebitamento delle nazioni, i segreti delle famiglie più potenti del mondo”, è il libro di Pietro Ratto, insegnante, scrittore e filosofo, che racconta dell’influenza enorme esercitata dalla famiglia Rothschild, e dalle altre dinastie con le quali si è imparentata, sulla storia degli ultimi secoli.

Una storia che, mettendo a nudo la stirpe dei grandi banchieri, si dipana dalle speculazioni sui conflitti bellici per arrivare a mostrare come nasce storicamente il debito pubblico. Una storia che, curiosamente, passa anche per il Titanic.

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Quello che applicano i Rothschild è un’insegnamento del loro dio Yahweh. Che poi sarebbe anche il dio dei cristiani. Purtroppo i cristiani sono confusi dalle varie traduzioni e mistificazioni dei teologi e non ne sono consapevoli. Comunque, il passo della bibbia che da l’insegnamento supremo per schiavizzare i popoli, e che è stato seguito alla lettera dalla sacra famiglia Rothschild è:

    Bibbia della Conferenza Episcopale Italiana (CEI):

    Deuteronomio 12:6: Il Signore tuo Dio ti benedirà come ti ha promesso e tu farai prestiti a molte nazioni e non prenderai nulla in prestito; dominerai molte nazioni mentre esse non ti domineranno.

    Una particolare attenzione alla parola benedizione: non significa assolutamente quello che intende un cristiano, cioè il prete che ti benedice con le sue formulette magiche. Significa eredità o compenso. Quindi Dio dice che darà del denaro in modo che esso venga prestato alle nazioni straniere per prendere il potere su di esse e avverte di non prendere nulla in prestito perchè avere debiti significa schiavitù.

    Quindi, se per caso andate in chiesa, sappiate che il dio che pregate non coincide al dio in cui credete. Per niente. Sono due cose completamente diverse. Tra quello che credete e quello che in realtà è, c’è la stessa differenza che passa tra Babbo Natale e Cottarelli, o Padoan, o Mario Draghi. Fate voi.

  • questo mi ricorda molto la storia di Genova superba.
    I genovesi acquistarono la possibilità di utilizzare la bandiera inglese laddove il mostrarla non comportava problemi, per poi cambiarla con quella francese o spagnola al bisogno, sempre per una questione di commercio.
    Poi per la questione della nobiltà genovese è lo stesso discorso fatto dal signor Ratto, cioè essere senza apparire.

    • Ti sei fritto il cervello i genovesi vendettero all’inghilterra la facoltà di battere la temuta bandiera di S.Giorgio per cui studia STUDIA LA STORIA !

  • Molto, molto, molto interessante.
    Io ho seguito delle “buone scuole”, ma se fra i miei insegnanti di storia e, perché no di filosofia, diritto e forse anche lettere, avessi avuto insegnanti come Ratto sicuramente avrei “perso molto meno tempo”.
    Cosa dice il Preside a Ratto quando fa una “verifica di storia” sui Rothschield?
    Bella domanda.
    Grazie

  • Dopo aver ascoltato questo video ( che risentiro’ altre volte), mi vengono in mente le osservazioni seguenti:

    1) gli “scudi rossi” stanno al resto dell’umanità (Non solo dell’occidente) come la Juve post calciopoli al resto delle squadre del campionato italiano. La Juve partendo dalla retrocessione e da una situazione di grave inferiorità rispetto alle più importanti squadre e facendo le mosse giuste e non “rubando” nulla (tralasciando qualche “svista” arbitrale). Ascoltando il video, mi sembra che non si possa imputare nulla di illegale in base a cui si possa dire che gli scudi rossi partendo da una bottega di fabbri abbiano accumulato ricchezze in maniera illecita ( tralasciando la vicenda Titanic, ma a quel punto il grosso del lavoro era già stato fatto).

    2) sarebbe interessante approfondire con ratto, ma anche con galloni, Prodi e Monti magari insieme in un convegno ad hoc alla Camera dei deputati, la vicenda del “divorzio dalla banca d’Italia “Per capire con quali mosse gli scudi rossi siano riusciti ad ottenere questo risultato.

    3) siamo arrivati a un punto in cui il sistema dei “segreti di stato” debba essere resettato rivelando ogni eventuale segreto, salvaguardando per quanto possibile le persone e ripartendo.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi