25 MILA SPARTANI CONTRO LA CENSURA DEL WEB – ControRassegna Blu #21

Ecco la nuova edizione della Controrassegna Blu, la rassegna stampa di Byoblu: le notizie che i radar dell’informazione mainstream non rilevano.

Buonasera, è partita la settimana cruciale che cambierà i destini di Internet. Il voto sulla Riforma del Copyright, che cambierà per sempre la rete, è stato spostato a giovedì. Byoblu ha raccolto oltre 25 mila firme contrarie in poco più di una settimana e in queste ore stiamo cercando di consegnarle al Parlamento europeo. Nel frattempo, la settimana scorsa, è arrivata la dura presa di posizione anche del Governo. Di Maio ha detto che, qualora questa direttiva venisse votata al Parlamento europeo, l’Italia dovrebbe prendere in considerazione l’opportunità di non ratificarla. E allora abbiamo chiesto a un giurista di chiara fama internazionale se questo potrebbe essere possibile, se potrebbe essere una soluzione. Sentiamo che cosa ci ha risposto Ugo Mattei.

Ecco, questa – purtroppo – è una buona intenzione politica, ma non ha nessunissimo senso dal punto di vista giuridico. Dal punto di vista giuridico le direttive, oggi, sono immediatamente vincolanti per gli Stati membri indipendentemente dalla trasposizione. C’è stata una lunga evoluzione giurisprudenziale in questo senso. Il famoso caso Francovich contro Repubblica italiana ha stabilito addirittura la responsabilità civile degli Stati qualora queste… una direttiva non trasposta dovesse comportare dei danni a dei cittadini. Cioè, un effetto direttamente orizzontale, come dicono i giuristi. Inoltre, bisogna sempre considerare che, di fronte alle questioni della rete Internet, qualsiasi velleità sovranità decade. Internet è uno spazio universale e la regolamentazione di un Paese, soprattutto di un Paese forte, finisce necessariamente per colpire anche tutti gli altri perché, alla fine, i grandi provider privati, quelli che sono gli unici ad avere una vera attività a livello globale, mireranno probabilmente al diritto di uno o due Stati forti, ma certamente non si preoccupano, non si fanno assolutamente un baffo di quelle che sono le indicazioni che derivano da una piccola semi-periferia come la nostra. Quindi è molto importante scongiurare questa direttiva, è molto importante farlo adesso mentre c’è ancora un po’ di tempo. Nei prossimi giorni bisogna contattare tutte le persone che hanno dei deputati parlamentari, le persone che potrebbero, in qualche modo, influire in questo processo, per scongiurare questa disgrazia.

Comunque, da ieri sera è scesa in campo anche Wikipedia, che su tutte le sue pagine mostra questa schermata [ndr: guardare video]. Certo, muoversi due giorni prima forse è un po’ tardi, ma in ogni caso, a difendere questa riforma è rimasta solo la SIAE (la Società Italiana Autori Editori, appena intervistata per Byoblu da Glauco Benigni), perché il mondo della Rete è compatto e sta reagendo. Ecco la vignetta che Marione ha realizzato apposta per la ControRassegna Blu:

Marione - Questo è il Web

È inutile negarlo, c’è un’Italia che si informa ormai in rete perché delusa da decenni di pensiero unico. E mentre Di Maio allude esplicitamente all’opportunità di avviare una nuova fase di multimedialità in internet, perché la televisione è morta – e non vi nego che il progetto di Byoblu punta anche proprio alla costruzione di una piccola Netflix dell’informazione libera – nuove minacce si addensano all’orizzonte. Facebook annuncia che i contenuti generati dagli utenti saranno sottoposti al giudizio di autorevolezza degli utenti stessi: chi verrà giudicato positivamente dalla comunità vedrà i suoi post premiati, viceversa chi avrà un “rating” negativo vedrà cadere i suoi post nell’oblio. Inoltre, Zuckerberg stringe i patti con i fact checkers per contrastare la diffusione delle cosiddette “notizie false”. E adesso perfino Whatsapp, che molti utenti usano per diffondere informazioni ai loro amici, parenti e colleghi, avrà un bollino che identificherà i messaggi inoltrati. Ricordiamo che anche Whatsapp è di Facebook e quindi di Zuckerberg. Su tutte queste iniziative aleggia, però un’ombra: le prossime elezioni europee del 2019, che potrebbero ribaltare gli equilibri e riconsegnare le chiavi di casa di Bruxelles al popolo e sfilarle dalle mani delle élite. Allora tutte queste manovre, potrebbero in realtà solo celare l’intenzione di spegnere l’informazione libera e lasciare in campo una squadra sola, quella del mainstream, quella del pensiero unico, quella di chi vuole avere il monopolio delle idee…

I “campi in Libia”: ecco la verità: sono gestiti dall’ONU.

Dove porta la Guardia Costiera Libica i migranti salvati in mare? Secondo i media, in orridi lager. Ma è proprio così? Ovviamente la Libia non è un posto tranquillo. È un Paese destabilizzato dai progetti colonialisti di Sarkozy nel 2011, e mai riappacificato. Solo Gheddafi riuscì a garantire la pace tra le diverse tribù che popolano la Libia. Ricordiamo anche la frase profetica del Rais: “Se i terroristi conquistano il Nord Africa, il Mediterraneo diventerà un mare di caos. Senza me, vi invaderanno”.

Da mesi, però i media stanno facendo una voluta confusione tra i rifugi dei trafficanti, quelli sì veri lager dove i migranti sono stipati come merce in attesa della partenza verso l’Italia, e i centri di detenzione governativi gestiti dalle autorità libiche del Presidente al-Serraj in collaborazione con due agenzie delle Nazioni Unite: l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e l’Alto Commissariato per i Rifugiati. E questa volontaria confusione non è certamente un caso.

I campi dei trafficanti, in Libia, sono i luoghi dove realmente avvengono torture e violenze ai danni dei migranti, ma quasi mai uccisioni. Questo perché i trafficanti hanno un forte interesse nel fare arrivare “sani e salvi” i migranti in Italia, in modo da stimolare nuova clientela. Tutt’altra cosa sono invece i centri di detenzione governativi, dove vengono condotti i migranti salvati dalla Guardia Costiera libica. In questi centri operano attivamente le agenzie delle Nazioni Unite, portando aiuti umanitari e assistenza nella gestione delle persone detenute.  E gli operatori umanitari dell’ONU non sono certamente in Libia per torturare i migranti.
Certe immagini dei centri libici dove si vedono i migranti imprigionati in celle anguste, riportate dalla maggioranza della stampa nazionale e internazionale, e da diverse ONG risalgano al periodo antecedente agli accordi Italia-Libia e all’intervento delle Nazioni Unite.

La presenza delle Nazioni Unite in Libia è garantita dall’inviato speciale, Ghassan Salamé. Altre autorità hanno visitato i centri di detenzione governativi come Bettina Muscheidt, capo delegazione dell’Unione Europea, Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, e l’Ambasciatore italiano a Tripoli, Giuseppe Perrone. Nessuno di loro ha riscontrato lager e torture, anzi: l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni organizza il rimpatrio dei migranti in accordo con l’Unione Africana e con il supporto dell’Unione Europea.

Ora è chiara la notevole differenza tra i covi dei trafficanti, e i centri di detenzione governativi a cui si appoggia la Guardia Costiera Libica? Speriamo lo diventi anche per i media.

Nato addio? Trump vuole cambiare il mondo

Per capire quello che sta davvero accadendo in Italia e in Europa, in questo momento è obbligatorio guardare con attenzione al resto del mondo. In particolare, a quegli Stati Uniti che con l’avvento di Trump hanno avuto una trasformazione senza precedenti e che inciderà profondamente sulla situazione mondiale. Sono tre le notizie degli ultimi giorni che la dicono lunga.

Anzitutto, tra i leader europei serpeggia il timore che Trump si stia preparando ad uno smantellamento della Nato: malgrado la letterina che ha inviato a tutti, in cui auspica un aumento del budget di ciascun Paese a favore dell’alleanza, qualcosa lascia presagire che Trump abbia intenzione di modificare gli assetti che vanno avanti dal dopoguerra. Lo capiamo dalla seconda notizia, che ha fatto il giro del mondo: il Pentagono sta in questi giorni analizzando i costi di un ritiro generale delle truppe americane dalla Germania. Un clamoroso “tutti a casa” che farà contenti i pacifisti tedeschi, ma che lancia anche un chiaro messaggio alla Merkel. Un altro pizzino viene invece spedito a Macron: secondo Geopolitical Center, gli Stati Uniti starebbero valutando un appoggio operativo e politico alla futura missione italiana in Niger, che servirà a controllare i flussi migratori ma che andrà anche a pestare i piedi nel cortile di casa francese.

Insomma, nessuno osa dirlo ma pare proprio che l’Italia sia tutt’altro che isolata, e possa vantare invece nuovi amici che promettono interessanti sviluppi.

Giovani troppo istruiti e troppo poco occupati

Drammatica la situazione dell’occupazione giovanile, secondo un’indagine dei Consulenti del Lavoro basata sui dati Istat. L’analisi evidenzia principalmente come i giovani italiani siano in massa “sotto-occupati”, ovvero per il 30% impiegati in part-time e “lavoretti”, e soprattutto siano sovra-istruiti: il 28% ha un titolo di studio assai più qualificato rispetto al lavoro che svolge.

Negli ultimi 10 anni, l’Italia ha perso un milione e mezzo di posti di lavoro a tempo indeterminato tra i giovani, guadagnandone appena 112 mila a tempo determinato o parziale. Eppure, il 74% dei disoccupati vorrebbe ancora un lavoro stabile. E forse è per questo che sempre più gente emigra: oltre 200 mila sono i trasferimenti all’estero ogni anno, praticamente cifre da dopoguerra. In buona parte si tratta di giovani laureati, che sono costati al Paese e alla famiglia circa 160 mila euro a testa. Competenze e investimenti che vengono così regalati a Paesi esteri. E dire che invece in Italia ce ne sarebbe tanto bisogno!

Marittimi italiani, la battaglia va in porto

Grazie a una vecchia legge del 1998 gli armatori navali in Italia godevano di ottimi sconti fiscali, a patto che imbarcassero prevalentemente marittimi italiani. Ma, naturalmente, molti armatori da sempre preferiscono assumere extracomunitari per risparmiare ancora di più, lasciando a casa gli italiani che costano quasi quattro volte tanto. La solita storia, insomma.

Uno di questi armatori, tuttavia, Vincenzo Onorato, patron di Moby, Tirrenia e Toremar, ha rifiutato di prestarsi a tali scorrettezze e da anni impiega solo personale italiano, dando lavoro a quasi 5 mila famiglie di esperti marittimi italiani. Non solo: si è battuto affinché il governo precedente varasse una legge più severa rispetto alle norme del ’98, e ora attende che il nuovo governo la faccia applicare anche a quei suoi colleghi che si ostinano a fare i furbetti. Inoltre Onorato ha dimostrato anche che, malgrado la narrazione vigente sul “costo del lavoro”, ai maggiori costi del personale italiano non corrispondono affatto disastrosi fallimenti. Al contrario, le sue compagnie prosperano, gli utili crescono e i passeggeri anche. Si può fare, insomma!

Rinvio vaccini, e scuole aperte a tutti

Sappiamo che la revisione della legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale fa parte del contratto del governo gialloverde. Sia Salvini che il ministro della Salute Giulia Grillo hanno di recente riaffermato la volontà di agire in tal senso. Ma i tempi stringono: entro il 10 luglio si devono concludere le iscrizioni scolastiche che prevedono la consegna di tutti e 10 i certificati vaccinali obbligatori. Non c’è quindi tempo per rivedere la legge nella sua interezza. Così, il governo ha deciso per un  rinvio: è già pronta al Ministero della Salute una circolare che cancella o, più correttamente, congela l’obbligo di certificare le avvenute vaccinazioni. I bambini potranno così, a settembre, entrare tutti a scuola senza più il rischio di essere lasciati fuori dalla porta.

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi