Alle porte della Follia! – Mauro Scardovelli e Alberto Micalizzi

Mauro Scardovelli e Alberto Micalizzi raccontano dei nostri tempi e di come la follia sia ormai alle porte, spiegano perché il neoliberismo è una condizione primitiva, la cui dimensione empatica è inferiore – secondo alcuni esperimenti scientifici – a quella di una scimmia, mostrano la profonda e nobile concezione della persona umana e della società che è stata inscritta nella Costituzione, e lanciano una delle possibili vie di uscita: una università popolare che possa finalmente crescere allievi consapevoli, proiettati verso l’alba di una nuova umanità. Cosa lega il mondo delle banche, della finanza, dell’economia a quello della spiritualità? Cosa lega la persona, il pensiero, la psiche, l’umanità, la Costituzione italiana al pensiero neolibberista?

Mauro Scardovelli è un giurista, filosofo e psicoterapeuta, fondatore di Aleph Umanistica. Alberto Micalizzi è economista e docente.

Qui il primo Web Talk, condotto da Claudio Messora, sui temi affrontati da Scardovelli e Micalizzi. Ospiti Marco Guzzi, Paolo Maddalena e lo stesso Mauro Scardovelli: “L’era della grande menzogna“.

Donazione a Byoblu

Se credi che Byoblu sia importante per tutti, sostienilo, perché non prende soldi dai partiti politici, non prende soldi dalle multinazionali, non prende contributi pubblici: accettare donazioni dai lettori è l’unico modo per essere liberi.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Scardazzoli ~ 8:23: il liberismo di Cattaneo con il totalitarismo c’entra come Madre Teresa di Calcutta con Hitler; come mai, per commentare e dibattere con chi come voi intuisco ha uno schieramento politico (credo qualificabile più sinistra che a destra ma mi corregga pure, non sono esperto di politica) che precede e mortifica ogni sano tentativo obbiettivo di analisi economica incentrato sulla natura umana piuttosto che su quello che si vorrebbe politicamente io devo sempre parlare di definizioni delle parole invece che poter discutere del tema? Si perché nonostante a quanto sembra conoscere Lei di lavori preparatori costituzionali la mia conoscenza di liberismo , potrebbe pur, senza tema d’errore, qualificarsi minima però Le posso assicurare quanto implicato in premessa e d’altra parte come è possibile usare la parola liberismo in associazione a totalitarismo è davvero incredibile da non credere alle proprie orecchie: potrei capire mi parlasse delle varie declinazioni politiche storicamente incontrate nel ‘900 realmente e per decenni di miseria europea asiatica etc etc (stalinismo in Russia, nazismo in Germania con socialdemocrazia preparatoria a Weimar fino all’iperinflazione 1923, fascismo in Italia con trasformismo Depretis Giolitti e compagnia bella fino 1922 marcia su Roma (qualcuno disperato si risvegliò all’ultimo minuto distribuendo volantini da un aereo titolati ad un nuovo partito Libertà e Giustizia dopo che il tempo utile era stato sprecato dai socialisti moderati, Matteotti etc voglio dire a voler risolvere politicamente problemi che nascono nel socialismo! non certo nel liberismo vero, che della natura umana fà il proprio riferimento per non mai errare esageratamente!) e poi aiutato dalla radice delle parole stesse (nazismo=nazionalSOCIALISMO; comunismo=SOCIALISMO della Comune (la prima a Parigi a fine ‘700!); fascismo=SOCIALISMO del fascio) mi dicesse SOCIALISMO= totalitarismo invece no con una capovolta da montagne russe al primo membro della equazione ci mette LIBERISMO; come faccio a commentare nel merito se mi colloca la discussione che ha proposto su fondamenta tanto sbagliate?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi