“Flop” del Reddito di Cittadinanza? Diamolo ai “cervelli”

di Debora Billi

Si cominciano a tirare le somme sui primi dati del reddito di cittadinanza. Dall’inizio di marzo è scattata la possibilità di fare domanda per ottenere la famosa “card” già a partire dal mese di aprile, e fin dai primissimi giorni si è capito che qualcosa non andava come previsto. I media avevano battuto la grancassa per mesi, prefigurando l’assalto agli sportelli e descrivendo una zoologica varietà di aspiranti: fannulloni da divano, evasori fiscali, impiegati al nero, africani da sbarco, truffatori professionisti, meridionali affetti da pigrizia genetica, insomma tutto il solito offensivo arsenale dell’intrattenimento televisivo di parte. Grande è stato lo stupore quando non si è palesato alcun assalto al treno, e le giornaliste che si aggiravano negli uffici postali deserti si sono ritrovate a intervistare la vecchietta in fila per la bolletta del gas.

Cosa è successo? Sicuramente è una buona notizia che l’Italia sia un Paese dove i poveri sono meno numerosi di quanto immaginato; era però una notizia largamente prevedibile, stanti i paletti stabiliti per ottenere il reddito di cittadinanza: paletti che, da soli, prefiguravano esattamente chi l’avrebbe richiesto. Ovvero, a parte gli anziani con l’indecorosa pensione minima (provvedimento sacrosanto e auspicato da decenni), tantissimi over 50 e a bassa scolarità. Per carità: è doverosissimo aiutare famiglie di persone più che adulte e che non hanno praticamente più speranze di trovare un lavoro, una piaga che ha colpito il Paese negli ultimi decenni di austerity eurista. Ma… e i giovani?

Oltre a pensionati e 50enni “poveri”, il reddito di cittadinanza avrebbe dovuto assolvere ad un compito che nel Paese è percepito come della massima urgenza: ovvero, bloccare immediatamente la fuga dei nostri giovani all’estero. Sono 300 mila l’anno, numeri spaventosi da dopoguerra (ciò la dice lunga su quello che l’Italia ha subìto, come drammaticamente racconta Barbara Pavarotti in un recente video di Byoblu), e nel tessuto sociale viene vissuta come una vera tragedia che preoccupa e indigna. Eppure, appena il 6% delle domande arriva da under 30. Perché? Perché, come ampiamente prevedibile, praticamente nessun laureato proviene da famiglie poverissime come da requisiti del reddito: questo non significa però che si tratti di famiglie abbienti che possono mantenere un figlio laureato a gingillarsi sul divano. Sono normali famiglie italiane di lavoratori, che magari faticano ad arrivare a fine mese. I giovani allora partono, ma solo in rari casi -ampiamente strombazzati dai media- per intraprendere carriere luminose all’estero: la maggior parte tenta la fortuna lavorando come cameriere o lavapiatti pur di non pesare sulla famiglia.

Il reddito di cittadinanza, finora, è stato richiesto da appena 500mila persone rispetto ai 5 milioni previsti. Sicuramente il numero aumenterà, ma si potrà arrivare al massimo a un milione, e già c’è chi pensa a come si potranno “riciclare” i miliardi risparmiati usandoli per la flat tax. Provvedimento ottimo anche questo, ma è il caso di arrendersi subito alle cifre del reddito di cittadinanza lasciando che i giovani continuino a partire, come fossimo un Paese del Terzo Mondo? Forse no. Forse la maggioranza di governo è ancora in tempo a correggere la rotta, e a varare un provvedimento per bloccare la “fuga dei cervelli” che affligge il Paese: i laureati italiani, ogni anno, sono appena 300mila. Davvero pochissimi, rispetto ai 5 milioni di persone previste dal RDC. Diamo subito il reddito di cittadinanza a tutti loro, a partire da quest’anno (o anche dall’anno scorso): proprio a tutti, a prescindere dal reddito. Finirà anche a una manciata di ricconi? Pazienza: se in tutto sono appena 300mila, lo Stato non andrà in rovina. Ma basta coi paletti: i ragazzi, i nostri brillanti “cervelli” carichi di lauree, specializzazioni e lingue, dobbiamo “bloccarli” qui con ogni mezzo. Andare all’estero deve essere solo una scelta di carriera e non un obbligo di disperazione. Il reddito di cittadinanza ai neolaureati costerà inoltre molto meno, perché non solo le lauree sono gradualmente distribuite nell’arco di tutto l’anno, ma è anche assai più facile aiutare quei giovani a trovare in fretta un lavoro qualificato interrompendo quindi l’erogazione. Si creerà allora l’auspicato circolo virtuoso: molti più “cervelli” che restano, che trovano lavoro, che innovano le aziende, e che mettono infine su famiglia, come tante volte auspicato anche da Di Maio. Non era forse questo lo scopo ultimo del reddito di cittadinanza?

Combatti con noi, a Marzo e ad Aprile

€11.611 di €15.000 raccolto

La libertà è di tutti, perché tutti nascono liberi. Ma crescendo impariamo che perderla è facile: continuare ad essere liberi costa caro, in termini di fatica, perdite, volontà. A Byoblu ogni mese servono tante risorse per organizzare contenuti in grado di competere con i mezzi dei grandi media mainstream, sostenuti dai grandi magnate della finanza. Ognuno deve sacrificare qualcosa. Io sacrifico il mio tempo, la mia famiglia, una carriera, rinunciando a servire ideologie e partiti, perché tutti abbiano la possibilità di avere un media completamente libero su cui fare affidamento. Potersi fidare dell’onestà di chi vi racconta le cose significa avere la libertà di prendere le decisioni migliori.

Preservare la libertà significa combattere. Se anche tu sei disposto a sacrificare qualcosa, qui di seguito troverai un modo per combattere insieme a noi. Scegli il tuo grado. Per ora è simbolico, ma presto potresti essere chiamato a prestare la tua opera sul campo.

Grazie, dunque, per essere un volontario per la difesa della libertà di tutti, e non un mercenario per la tutela degli interessi di pochi.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

MB

Mario Barberis

€10,00 17 July 2019
Anonymous User

Anonimo

€5,00 17 July 2019
md

mauro depau

€20,00 17 July 2019

Il bello di Byoblu e' che puo' solo crescere!!
Non esiste un canale a questo livello ne' in Uk ne' in USA.
Il supporto culturale e la freschezza dei contenuti e' immenso.

Grazie Claudio

PS a quando le magliette di Byoblu??

Anonymous User

Anonimo

€100,00 17 July 2019
DL

Damiano Lucci

€5,00 17 July 2019
SS

Salvatore Salvai

€10,00 16 July 2019

Fortza Paris

R

Roberto

€10,00 16 July 2019
Anonymous User

Anonimo

€50,00 16 July 2019
mb

marco bazzocchi

€20,00 16 July 2019

informazione corretta vita più felice, grazie byoblu

AV

AGNESE VIELE

€10,00 16 July 2019
G

Gioele

€20,00 16 July 2019

Grazie Claudio, continuo a rimanere stupefatto per la qualita' dell'informazione di ByoBlu e dei grandi ospiti di ogni singola puntata. Dono quanto posso sperando di vedere presto ByoBlu con uno spazio nei media mainstream per risvegliare qualche… Leggi tutto

Grazie Claudio, continuo a rimanere stupefatto per la qualita' dell'informazione di ByoBlu e dei grandi ospiti di ogni singola puntata. Dono quanto posso sperando di vedere presto ByoBlu con uno spazio nei media mainstream per risvegliare qualche coscienza in piu'.

DP

Daniele Pellegrini

€20,00 15 July 2019
MT

Maurizio Tonelli

€10,00 15 July 2019

Continuate così!

C

Cristian

€25,00 15 July 2019
MM

Maddalena Migani

€10,00 14 July 2019

Grazie, grazie, grazie!

G

Gianluca

€5,00 14 July 2019
Anonymous User

Anonimo

€5,00 14 July 2019
ap

alessio piana

€5,00 14 July 2019

Ciao Claudio, voglio sostenere la tua preziosa opera di divulgazione anche se spesso va nella direzione opposta alle mie convinzioni (meno statalismo, più capitalismo di libero mercato) perché rappresenta la libertà dell’informazione, nel pieno… Leggi tutto

Ciao Claudio, voglio sostenere la tua preziosa opera di divulgazione anche se spesso va nella direzione opposta alle mie convinzioni (meno statalismo, più capitalismo di libero mercato) perché rappresenta la libertà dell’informazione, nel pieno spirito anarco-libertario del confronto di opinioni nel libero mercato delle idee.

Anonymous User

Anonimo

€10,00 13 July 2019
Anonymous User

Anonimo

€50,00 13 July 2019

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il RdC non è un “reddito” come lo stesso nome vuole intendere ma una integrazione al reddito, ecco perché ci sono così poche richieste. Ti porto un esempio pratico: nucleo familiare di 2 persone di cui un pensionato novantenne con una pensione di reversibilità di 620€ e un under 40 senza lavoro. Nessuna proprietà immobiliare se non una vecchia auto. Sai quanto prende di RdC il “giovane”? Forse 80€. Una carità.
    La povertà non è stata abolita né si alzerà la soglia di stipendio base. Premesso quanto scritto che ti posso documentare, chi ha scritto l’articolo non sa come funziona il RdC. E nemmeno i 5 stelle lo sanno.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi