ABBONATI SOSTIENI

COME LE SINISTRE VOGLIONO LIQUIDARE LA DEMOCRAZIA (dall’internazionalismo al cosmopolitismo) – Diego Fusaro

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

Le sinistre sono passate dall’abbandono del concetto marxiano e leniniano dell’internazionalismo e l’approdo al nuovo concetto di cosmopolitismo. L’internazionalismo implicava l’idea di una federazione di nazioni solidali e socialiste che si opponessero al nesso di forza capitalistico e che, ciascuna per la propria via nazionale, giungesse al socialismo. L’internazionalismo dunque, come suggerisce lo stesso concetto, non implica la distruzione delle nazioni, bensì un nesso “inter naziones”, e dunque l’esistenza delle nazioni, che avrebbero dovuto mutare il loro rapporto, che da antagonistico, conflittuale e imperialistico, deve mutarsi in solidale e socialista.

Il cosmopolitismo invece è un’ideologia del tutto estranea alla classe operaia. È semmai l’ideologia di riferimento del capitale e dei suoi agenti. Smith dice che l’uomo cosmopolita è il possidente, proprietario di capitali, apolide, che non ha patria perché il luogo del suo operare è il mondo intero, sempre pronto a muoversi, a delocalizzarsi ove subentri una tassazione per lui ingiusta, o dove lo stato inizi a fare politiche sociali sconvenienti al capitalismo stesso. Il cosmopolitismo si pone a sostegno della classe dominante, vocazionalmente aperta a quella open society che è il luogo ideale del mercato senza confini.

Le sinistre hanno abbandonato l’internazionalismo per consegnarsi al cosmopolitismo e trovarsi così a combattere le stesse battaglie del capitale liquido finanziario. L’Unione Europea è un esempio non certo di internazionalismo, bensì di cosmopolitismo in miniatura: una sorta di cosmopolitizzazione del vecchio continente, con annessa denazionalizzazione dell’economia, svuotamento delle sovranità nazionali dei paesi europei e imposizione di una dittatura economico-finanziaria centrata sul potere di una banca, la Banca Centrale Europea, e sulla gestione di una tecnocrazia repressiva ed efficiente di Bruxelles, che poco o nulla ha di democratico.

Occorre, per il cosmopolita, superare le nazioni come luoghi della sovranità popolare, nei quali il politico può disciplinare l’ambito economico e ove si possono svolgere politiche monetarie ed economiche a beneficio delle democrazie e della società. Cedere le sovranità nazionali per sostituirle non con una sovranità dei popoli europei unificati, bensì con quella del mercato sovranazionale, quindi della classe apolide dei banchieri e dei capitalisti.

Oggi la sinistra europea, la New Left di completamento del capitale, la sinistra post gramsciana arcobaleno e fucsia, ha abbandonato l’internazionalismo e liquida l’idea stessa di nazione come intrinsecamente autoritaria e fascista, laddove invece l’idea di nazione si è determinata per un verso, certo, nella direzione autoritaria e dirigista di tipo fascista, ma per un altro verso nella direzione democratica, con piena sovranità nazionale, con politiche keynesiano welfaristiche, interne allo stato sovrano nazionale come spazio della sovranità nazionale democratica. Ecco, la global class dice di voler liquidare la nazione come vettore del fascismo, ma in realtà mira a liquidare la nazione come luogo dei diritti sociali e delle democrazie.

Lo stato sovrano nazionale può essere democratico oppure no; l’economico senza nazione è sempre intrinsecamente non democratico: è sempre il dominio della classe dominante, della classe capitalistica. Sicché rinazionalizzare l’economia è la sola via per poter ridemocratizzare lo spazio politico, per poter imporre nuovamente il primato del politico e quindi della democrazia e della società sull’ordine neoliberale e sul vangelo liberista che impera ovunque. Ecco perché l’Unione Europea non è “per accidens” una realtà liberista che può essere riformata: é strutturalmente tale da essere liberista e dunque strutturalmente irriformabile. La sola via è la rinazionalizzazzione dello spazio europeo e una conseguente riacquisizione di spazi democratici e di diritti sociali che sono impossibili all’interno dell’Unione Europea.

Occorre dunque recuperare il concetto di internazionalismo, e quindi di stati sovrani nazionali solidali fra loro, e rigettare in toto il concetto di cosmopolitismo capitalistico, che non è l’unione delle nazioni ma il loro superamento a beneficio dello spazio post-nazionale e post-democratico, ossia lo liscio del mercato, con il trionfo incondizionato della global class cosmpolitica. Non può darsi democrazia al di là dello spazio sovrano nazionale.

Combatti con noi, a Marzo e ad Aprile

€60 of €15.000 raised

La libertà è di tutti, perché tutti nascono liberi. Ma crescendo impariamo che perderla è facile: continuare ad essere liberi costa caro, in termini di fatica, perdite, volontà. A Byoblu ogni mese servono tante risorse per organizzare contenuti in grado di competere con i mezzi dei grandi media mainstream, sostenuti dai grandi magnate della finanza. Ognuno deve sacrificare qualcosa. Io sacrifico il mio tempo, la mia famiglia, una carriera, rinunciando a servire ideologie e partiti, perché tutti abbiano la possibilità di avere un media completamente libero su cui fare affidamento. Potersi fidare dell’onestà di chi vi racconta le cose significa avere la libertà di prendere le decisioni migliori.

Preservare la libertà significa combattere. Se anche tu sei disposto a sacrificare qualcosa, qui di seguito troverai un modo per combattere insieme a noi. Scegli il tuo grado. Per ora è simbolico, ma presto potresti essere chiamato a prestare la tua opera sul campo.

Grazie, dunque, per essere un volontario per la difesa della libertà di tutti, e non un mercenario per la tutela degli interessi di pochi.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

S

Sbrando

€5,00 28 Maggio 2020
RB

Rosario Baldi

€10,00 28 Maggio 2020

Siete come l'ora d'aria per dei reclusi. Noi siamo quelli che "" sto presepe che ci stanno preparando NON CI PIACE""
Avanti così non vi fermate.

Utente anonimo

Anonimo

€150,00 28 Maggio 2020
AM

Anna Maurantonio

€5,00 28 Maggio 2020
DP

Daniele Puddu

€50,00 28 Maggio 2020

L'informazione libera è il primo fondamentale passo verso la libertà ed un mondo migliore. Avanti!

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 28 Maggio 2020
LG

Luigi Fernando Gentile

€15,00 28 Maggio 2020

Nella speranza di un cambiamento positivo della nostra società.
Lontano dalle lobby e dalle massonerie.
Buon lavoro a tutti voi,
luigi.

FP

Fabio Pellegrino

€50,00 28 Maggio 2020

La conoscenza rende libere di poter scegliere con criterio, l'informazione libera è conoscenza.
Forza non mollate!!!

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Maggio 2020
RG

Rodolfo Grandesso

€15,00 28 Maggio 2020

SEMPRE SPÈRIAMO IN UNA SANA RIVOLUZIONE!

SS

Salvio Serpe

€10,00 28 Maggio 2020

Grazie di cuore e buon lavoro a tutti !

AN

Alessandro Nodari

€15,00 28 Maggio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 28 Maggio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€20,00 28 Maggio 2020
MD

Michele Dal Molin

€10,00 28 Maggio 2020

Sempre avanti!!

L

Luca

€5,00 28 Maggio 2020

Io ci credo, liberi sempre.

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 28 Maggio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Maggio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Maggio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Maggio 2020

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sempre incisiva la disamina di Fusaro sulla vera contrapposizione in atto nel mondo, dove superati i vecchi steccati destra/sinistra, tutto si gioca sul piano economico/capitalistico e non più sulle ideologie. Mi piacerebbe che si iniziasse a mettere in discussione l’enorme accumulo di ricchezza di poche persone che si arricchiscono per il mancato pagamento di giuste tasse attraverso trucchi nei paradisi fiscali, più che per meriti di mercato. Occorre mettere un freno a livello mondiale e solo una presa di posizione delle élite culturali libere , potrà generare una nuova coscienza in tal senso.
    Un grande plauso a Diego Fusaro.

  • Bisogna in primo luogo smettere di definire le forze politiche liberiste quali: pd, si, leu pr, come “sinistra”: E’ necessario premettere al sostantivo i prefissi “ex” o “sedicente” solo cosi è possibili chiarire i termini in modo corretto. Molti ex comunisti e socialisti subiscono ancora il fascino della parola sinistra, per cui diventa un ostacolo spiegare ciò che il prof. Fusaro dice così chiaramente. Molti giovani e vecchi orientati ad una visione del mondo solidale, confondono l’internazionalismo proletario con l’internazioinalismo finanziario. Bisogna anche spiegare che chiunque si oppone alle politiche liberiste dell’unione europea, e cerca di recuperare tematiche Keynesiane(oggi putroppo nel panorama politico italiano c’è ancora molta confusione, tuttavia c’è qualche forza politica che seppur in modo contraddittorio tenta di proporre discorsi di tipo keynesiano), non può essere definita di destra.La strada del recupero di valori solidali e lunga, incerta, con esito non scontato,vista la disarticolazione completa delle strutture politiche sindacali delle classi subalterne operata alla fine del XX sec., ma oltre al recupero delle dimensioni sovraniste nazionali, è necessario portare avanti strategie che tengano conto della geo politica.Intendo dire recuperare la dimensione nazionale nel quadro di strategie internazionali che tengano conto degli scieramenti anti imperiali.

Share via
Top