COSE CHE FACCIAMO IN EUROPA (ma nessuno ve lo dice) – Dario Tamburrano (M5S)

Questa sera alle 21, su Byoblu (in questa pagina)

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

Del Parlamento Europeo si dice tanto, ma in Italia se ne sa veramente poco. Se ne sa poco perché le televisioni non producono programmi di approfondimento che mettano in condizione gli ospiti di spiegare e raccontare con calma, diversamente da quanto accade in altri paesi europei.

Byoblu cerca di colmare il vuoto. In chiusura della lunga carrellata di ospiti che hanno raccontato il Paese alla vigilia delle elezioni europee di domenica, questa sera Dario Tamburrano, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, vi racconterà quello che ha fatto in questi cinque anni, vi spiegherà come funziona l’istituzione più chiacchierata di questa Europa da cambiare e – insieme – cercheremo di mostrarvi quello che nessuno vi fa vedere, vuoi perché i grandi investitori pubblicitari – i veri padroni delle televisioni – non consentono programmi utili ma badano solo all’audience, vuoi perché la politica è interessata solo a rappresentare uno scenario deforme e parossistico, in cui non si intravede mai il vero paesaggio dietro alla cortina di fumo.

Così, se ci seguirete, scoprirete cose che forse non avete mai compreso a fondo. Ad esempio che differenza c’è tra un regolamento e una direttiva, ma anche quale utilità possa avere un europarlamentare nel più grande luogo del compromesso al mondo, come può essere definito il Parlamento Europeo, dove le decisioni si prendono insieme ad altri cittadini provenienti da ben 28 stati membri, con la loro lingua, la loro cultura e le esigenze specifiche del loro Paese, diverse da quelle di tutti gli altri.

E così, capiremo insieme come una piccola modifica a un regolamento possa far risparmiare una quantità di energia annua pari al consumo totale di ben tre stati membri. Ci renderemo conto che il CETA e il Glifosato avrebbero potuto essere fermati se a Bruxelles ci fosse stata una maggioranza su questa posizione (ed è per questo che domenica bisogna andare a votare). Ma vedremo anche come il Parlamento Europeo sia il luogo in cui si cerca anche di rispondere a domande difficili, come i limiti che vanno stabiliti nel campo della robotica, della stampa dei tessuti e degli organi biologici, come ad esempio il cuore, dell’intelligenza artificiale e del machine learning, compresi quegli algoritmi che la Direttiva sul Copyright farà applicare ad ogni contenuto caricato sui social network, realizzando un sistema di filtraggio a monte degno del film Minority Report.

Una chiacchierata di un’ora insieme a chi queste cose ha avuto il privilegio di viverle e, ora, di raccontarle con spazi e tempi adeguati.

E dove altro, se non su Byoblu? Questa sera alle 21.

Combatti con noi, a maggio!

€12.355 di €15.000 raccolto

La libertà è di tutti, perché tutti nascono liberi. Ma crescendo impariamo che perderla è facile: continuare ad essere liberi costa caro, in termini di fatica, perdite, volontà. A Byoblu ogni mese servono tante risorse per organizzare contenuti in grado di competere con i mezzi dei grandi media mainstream, sostenuti dai grandi magnate della finanza. Ognuno deve sacrificare qualcosa. Io sacrifico il mio tempo, la mia famiglia, una carriera, rinunciando a servire ideologie e partiti, perché tutti abbiano la possibilità di avere un media completamente libero su cui fare affidamento. Potersi fidare dell’onestà di chi vi racconta le cose significa avere la libertà di prendere le decisioni migliori.

Preservare la libertà significa combattere. Se anche tu sei disposto a sacrificare qualcosa, qui di seguito troverai un modo per combattere insieme a noi. Scegli il tuo grado. Per ora è simbolico, ma presto potresti essere chiamato a prestare la tua opera sul campo.

Grazie, dunque, per essere un volontario per la difesa della libertà di tutti, e non un mercenario per la tutela degli interessi di pochi.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00

SD

Silvio D'Amico

€35,00 17 August 2019

Byoblu indispensabile ogni giorno di più!!!

Anonymous User

Anonimo

€15,00 16 August 2019
FB

Federico Bosio

€15,00 16 August 2019

Viva l' Italia,Viva l' informazione Libera,Viva Byo Blu

EC

Elisabetta Covri

€35,00 16 August 2019

Per un'informazione libera al di fuori della tv e stampa prezzolata.

FB

Federico Bosio

€15,00 16 August 2019

Semplicemente il Migliore

Anonymous User

Anonimo

€9,99 16 August 2019
FF

Fabrizio Falaguasta

€15,00 16 August 2019

Finalmente una informazione vera....Avanti Francesco

C

Carlo

€10,00 15 August 2019

Forza e coraggio

M

Marco

€15,00 15 August 2019

Francesco Forte ancora e ancora, grazie

Anonymous User

Anonimo

€20,00 15 August 2019
DC

DANIELE CERA

€9,99 14 August 2019

Forza ragazzi che l'informazione libera è preziosa come l'acqua che offrirete ai vostri ospiti!

Anonymous User

Anonimo

€25,00 14 August 2019
RB

Raffaele Balsamo

€5,00 14 August 2019

Lascio questo contributo che impegno a dare mensilmente perché voi siete la Vera informazione, e mi auguro possiate diffondervi e resistere a tutti i colpi

Anonymous User

Anonimo

€15,00 14 August 2019
F

FULVIO

€15,00 14 August 2019
BF

Barbara Franco

€15,00 14 August 2019

Grazie ❤️

SP

Silvia Pagano

€9,99 14 August 2019

Forza Claudio, GRAZIE!

Anonymous User

Anonimo

€25,00 14 August 2019
GZ

Giorgio Zarrelli

€15,00 13 August 2019
GM

Giovanni Mazzella

€15,00 13 August 2019

W la libera informazione W Byoblu!
Grazie di ❤️

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • COME RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ?

    L’automazione, la robotizzazione e l’intelligenza artificiale, sono dei problemi ai quali necessitano delle soluzioni dal punto di vista della manodopera, del lavoro e del reddito dei cittadini.

    In un sistema a Moneta Pubblica, le tasse vengono eliminate, quindi non si può tassare queste imprese, i servizi pubblici e le società strategiche vengono tutte statalizzate, per tutte le altre società, quando si avvicinano a settori in monopolio, vedi benzinai, supermercati, o quando sono fortemente automatizzate, dovranno inserire come compartecipazione lo Stato, che si prenerà una certa % di proprietà e di utili da valutare, ma l’impresa non pagherà alcuna tassa.

    Da un lato l’impresa se lo può permettere perche non paga tasse, dall’altra lo stato non sarà un socio passivo ma attivo, parteciperà, aiuterà, anche economicamente nei periodi difficili l’imprenditorie privato, che in questo modo non potrà mai fallire.

    Se poi dovesse andare tutto male, nonostante gli impegni, lo stato porterà a chiusura l’attività, senza debiti, e darà la possibilità all’imprenditore di riaprire una nuova attività sempre con l’aiuto statale.

    Uno Stato amico, che non ti chiede tasse impagabili, partecipa, si prende parte degli utili che ridistribuirà alla comunità, sotto forma di servizi sociali, pensioni, disoccupazione, e non sarà assolutamente un nemico, come succede oggi che ti ammazza di tasse, ti fa chiudere, ti porta via tutto, con tasse, more, sanzioni gonfiate da equitalia fino a 50 volte, capannoni, attività, proprietà private e ti scheda come cattivo pagatore impedendoti di ripartire, in pratica distrugge le PMI, apre le porte alle Multinazionali, che si prendono tutto il mercato, e istiga al suicidio i piccoli imprenditori.

    Marco Cristofoli Moneta Pubblica

  • DIFFERENZA TRA TASSAZIONE IMPOSTA DALLO STATO E TASSAZIONE A CONSUMO SUI SERVIZI

    Oggi paghiamo tra fonte e consumi l’88% di tasse complessivamente, e poi paghiamo anche la maggior parte dei servizi.

    Ma se lo Stato avesse in gestione tutti i servizi pubblici (utili per 150 MLD), e tutte le aziende strategiche (utili per 50 MLD), e se ci fosse solo il contributo Inps del 20% sui redditi da pagare, ad occupazione quasi piena, introitando 300 MLD di gettito di Eu, lo Stato con 500 MLD di eu potrebbe pagare tutta la spesa pubblica, esentasse, senza chiedere un solo centesimo di tasse ai cittadini.

    Ma come funzionarebbe ?

    Oggi tu paghi tutte le tasse che ti chiede lo stato, e poi paghi una Bolletta della Luce su un consumo di 19 Euro, 85 Euro, perche il servizio è gestito da un privato, che deve fare utili, poi deve pagare le tangenti alla politica che gli ha rilasciato le concessioni, poi ci sono i contributi e gli oneri per pagare gli investimenti sulla energia rinnovabile, poi ci sono le tasse dello Stato, l’iva, poi devi fare le donazioni alle associazioni politiche in modo tale che ti rinnovino la concessione e chi più ne ha ne metta. Paghi tasse altissime e la luce 5 volte il dovuto.

    Domani invece, tu pagheresti solo il contributo Inps sul tuo reddito, al 20% e non al 33% come oggi, e nessun’altra tassa. Per quanto riguarda la Bolletta della Luce, pagheresti tutti i costi della fornitura, cioè il consumo di 19 Euro, più 19 Euro di utili di Stato, per un totale di 38 Euro di bolletta al posto di 85 Eu, perche il servizio è dello Stato, non ci sono tangenti da pagare a nessuno, gli utili sono solo quelli che servono, non ci sarebbero oneri per le rinnovabili perche già compresi nell’utile, non ci sarebbero tasse, iva, non ci sarebbero donazioni alla politica perche non ci sarebbero concessioni da richiedere. In poche parole pagheresti lo 0% di tasse e una bolletta della luce meno care del 56%.

    E lo stesso vale per il gas, il telefono, i rifiuti, l’aqua, poste, autostrade, trasporti, banche, assicurazioni, e chi più ne ha ne metta, salari molto più alti e spese molto più basse.

    Moneta Pubblica Marco Crisotofoli

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi