La strage degli alberi per fare largo al 5G – Massimo Mazzucco

Le segnalazioni arrivano copiose da ovunque, non solo in Italia ma anche da numerosi stati membri europei: stanno tirando giù gli alberi a centinaia, a migliaia. Spesso arrivano aziende di servizi specializzate che si offrono gratuitamente di rimuovere gli alberi, senza costi per le amministrazioni comunali. Perché? Gli alberi sono malati. Tutti. Oppure qualcuno ha tagliato loro per sbaglio le radici e vanno abbattuti. Tutti. Oppure non sono effettivamente ancora pericolosi, ma potrebbero diventarlo un giorno, e allora vanno abbattuti. Tutti. Poi, casomai, si potranno ripiantare, l’importante è che siano bassi. Molto bassi. In maniera da non disturbare la trasmissione delle onde elettromagnetiche della nuova tecnologia 5G – così dicono le soffiate.

Ovviamente i debunker si affrettano a minimizzare, ma c’è qualcuno per cui le prove sono di un’evidenza schiacciante. Si chiama Massimo Mazzucco, e ha raccolto infaticabilmente, con l’aiuto di decine e decine di persone in tutta Italia, molti dei recentissimi articoli di giornale che – in maniera del tutto incidentale – descrivono ad ogni latitudine lo stesso curioso fenomeno: la fretta di abbattere tutti gli alberi, alcuni perfino centenari, che a vario titolo e per varie ragioni proprio in questo periodo diventano un’emergenza che aziende di blockbuster della piantumazione sono disposte a risolvere pure gratis. Purché la strage degli alberi sia compiuta. Una cosa che sembra far infuriare perfino Sgarbi, che su Facebook denuncia: “A Pescara, l’ennesima strage di alberi“:

A Pescara l’ennesima «strage« di alberi.
Al sindaco dico: si guardi dagli uomini, non dagli alberi.

Difficile condividere, pur riconoscendone la buona volontà, la decisione del sindaco di Pescara Alessandrini: «gli alberi sono un “pericolo”, per questo li abbatto».

Sembra vero il contrario. Gli uomini sono un pericolo.
Come accade a Pescara, e come è già accaduto a La Spezia, non si è mai visto un albero abbattere un uomo. Si sono sempre visti uomini abbattere alberi.
L’uomo, come la donna, è mobile, E può schivarli. Mentre gli alberi cadono, con qualche esitazione, non d’improvviso. Un albero prima muore e poi sarà tagliato dall’uomo.

Non ho nessuna fiducia nelle «relazioni scientifiche che dichiarano gli alberi «malati». Sono più facilmente malate le menti di quelli che fanno «relazioni scientifiche».
Ricordo che molti critici dichiararono autentiche le pietre di Modigliani trovate nel fosso di Livorno perché le «relazioni scientifiche» dichiararono che erano in acqua da 80 anni. Forse, in quanto sassi.
Di scientifico c’è l’inattendibilità delle «relazioni scientifiche».
Suggerirei al sindaco Alessandrini, di astenersi, Gi alberi non uccidono, gli uomini sì. Verifichi nel corso degli ultimi 50 anni quanti sono gli uomini uccisi da alberi e quanti gli uomini e gli alberi uccisi dagli uomini.
Suggerisco: guardarsi dagli uomini, non dagli alberi (Il Messaggero: “Battaglia per salvare gli alberi“)

La relazione di Massimo Mazzucco, in cima a questo articolo, lascia a bocca aperta. Quanto tempo ci metteranno giornali e televisioni a svegliarsi? O le pubblicità delle multinazionali delle telecomunicazioni sono troppo appetitose per rinunciarvi?

Di Byoblu sul 5G guarda anche:

Diventa un centro di gravità permanente di Byoblu

€12.703 of €30.000 raised

Byoblu è pronto per fare il salto. Stiamo costruendo la nuova informazione: l’alternativa al mainstream. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Per continuare ad essere libera dovrà essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? In cambio, sarai protagonista dell’informazione che verrà.

Dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo entro l’autunno. Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

Anonymous User

Anonimo

€10,00 18 November 2019
LM

Leonardo Maugeri

€5,00 18 November 2019
MB

Marinella Bergia

€15,00 17 November 2019
MB

Mario Beretta

€35,00 17 November 2019

Grazie per l'impegno e il Lavoro svolto. Tanti Complimenti!

MZ

Matteo Zanini

€50,00 17 November 2019
Anonymous User

Anonimo

€9,99 17 November 2019
RC

Roberta Ciofini

€15,00 17 November 2019

Sostegno Byoblu perche' siete indipendenti, e sostenete la verità', guardando al quadro d'insieme. grazie
una nonna libera

Anonymous User

Anonimo

€15,00 17 November 2019
MD

Marco Dalla Vecchia

€50,00 17 November 2019

Grazie Claudio e grazie a tutti i tuoi collaboratori per quello che fate! Continuate così!

Anonymous User

Anonimo

€5,00 17 November 2019
GB

Gianluca Bielli

€15,00 17 November 2019
AZ

Alessandra Zoli

€15,00 17 November 2019

Grazie per la vostra informazione, vasta e molto interessante
Continuate a essere indipendenti...per favoreggiamento

AM

Alberto Marconetto

€15,00 17 November 2019

Grazie per il vostro impegno verso la verità

LP

Lidia Panzieri

€5,00 16 November 2019

Grazie!!!!!!

GM

Giulio Micheli

€15,00 16 November 2019

Grazie e continuiamo così!

Anonymous User

Anonimo

€25,00 16 November 2019
DC

Davide Confino

€10,00 16 November 2019

Un piccolo contributo per tanta aria fresca. Grazie Claudio!

IG

Ines Garbui

€50,00 16 November 2019

Grazie

Anonymous User

Anonimo

€10,00 16 November 2019
GC

Gianpaolo Croce

€15,00 16 November 2019

 

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Chiunque abbia un drone (100€) e capisca cosa sta facendo, sa perfettamente che il segnale di controllo lavora a 2,4GigaHertz e il segnale video arriva dalla camera sulla banda 5,8G.
    Quando non hai più il drone in linea diretta (p. es. dietro gli alberi) il video si interrompe.
    Provare per credere.

    Più siamo ignoranti e più ci prendono in giro.
    La scuola è fatta per questo: tenerci ignoranti.
    Parola di insegnante.

    • Gli alberi sono esseri viventi di grande rispetto comunicano fra loro e soffrono se vengono fatti degli abusi. Ci proteggono e ci aiutano a respirare, soprattutto in queste città asfissianti. Invece di esserne grati…..
      Siamo dei presuntuosi ipocriti e svendiamo la vita nostra e delle altre creature viventi per cosa???
      I nuovi mezzi sofisticati di comunicazione porteranno male ai nostri figli.
      Io sono una persona qualique.

  • Ecco come mai anche nel nostro comune, Buccinasco nel milanese, hanno devastato una delle ultime vie alberate rimaste per una presunta malattia delle 50 e più piante e distrutto un bosco limitrofo alla tangenziale spacciandolo per un errore dell’azienda addetta alla manutenzione… casualità?!?!?

Top