Perché la Rai non vuole trasmettere Sweet Democracy, con il Premio Nobel Dario Fo? Parla il regista, Michele Diomà

di Michele Diomà

Mi chiamo Michele Diomà e sono regista e produttore cinematografico. Nel 2015, in collaborazione con il producer Donald Ranvaud (4 nominations agli Oscar per City of God) sono riuscito a coinvolgere il Premio Nobel Dario Fo nel lungometraggio “Sweet Democracy“. Il film  venne selezionato in diversi festival internazionali, sia in Italia che all’estero.

Nell’autunno 2017, questo percorso mi portò alla prestigiosa New York University. L’evento ebbe un tale riscontro che ben presto entrai in contatto con il premio Oscar James Ivory. Un incontro che mi permise di realizzare il mio primo lungometraggio completamente prodotto a New York, al quale partecipò lo stesso Ivory.

Tornato a Roma, riproposi dunque (per l’ennesima volta) alla RAI “Sweet Democracy“, con Dario Fo, perché oggettivamente era stato riconosciuto un prodotto cinematografico valido, e non dalla critica italiana – spesso prezzolata -, ma negli USA, dove il cinema è una vera realtà industriale e sulle recensioni sussiste l’obbligo di esser corretti. Purtroppo toccai con mano l’ostilità della televisione pubblica a diffondere le ultime riprese del nostro Premio Nobel, e ancora oggi continuo a scontrarmi con un muro di gomma.

Ci sono, in merito, interrogazioni in commissione parlamentare di vigilanza RAI, funzionari di RAI Cinema e direttori di rete che fanno da scaricabarile… tutto pur di non mostrare al pubblico “Sweet Democracy“.

Ho provato e provo continuamente a darmi una spiegazione. Mi chiedo: cosa accadrebbe se negli Stati Uniti un network televisivo censurasse l’ultimo film con il Premio Nobel Bob Dylan? Beh, forse la gente scenderebbe nelle piazze!

In Italia invece continua ad esserci una cortina di ferro: “Sweet Democracy” non deve andare in onda. Non siamo pronti per avere la satira politica nelle nostre televisioni? Perché?

Diventa un centro di gravità permanente di Byoblu

€13.288 of €30.000 raised

Byoblu è pronto per fare il salto. Stiamo costruendo la nuova informazione: l’alternativa al mainstream. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Per continuare ad essere libera dovrà essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? In cambio, sarai protagonista dell’informazione che verrà.

Dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo entro l’autunno. Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

AM

Adriano Meloni

€5,00 18 February 2020
MB

Maurizio Barbagianni

€10,00 18 February 2020
AM

Anastasia Miszczyszyn

€15,00 18 February 2020

Importante andare avanti. Bravi, guai se non ci foste|

TM

Tiziano Maiolino

€15,00 18 February 2020
FM

Federico Mangiantini

€15,00 18 February 2020

Viva la libertà!

Anonymous User

Anonimo

€15,00 18 February 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 18 February 2020
GD

Giampaolo D'Andrea

€5,00 18 February 2020

Avanti.

Anonymous User

Anonimo

€5,00 18 February 2020
GF

Giulio FAUSTI

€5,00 18 February 2020
DA

Danilo Anedda

€10,00 18 February 2020

Semplicemente... tanta stima! Vi ho scoperti grazie ad una carissima amica che non smetterò mai di ringraziare, Continuate cosi!

gt

gianfranco trabuio

€15,00 17 February 2020
LA

Lorenzo Addifetti

€15,00 17 February 2020

Forza, tutti e sempre avanti!!!! Io ci metto un pò della mia energia (economica....che anche quella fa bene 🙂

Anonymous User

Anonimo

€15,00 17 February 2020
B

Bruno Tiziano

€9,99 17 February 2020

Siete sicuri di poter rimanere liberi anche contro il potere dei Rothschild ?
Nelle alte sfere europee si comincia a parlare del controllo delle informazioni sul Web, i cui gestori sono proprietari circon. si, amici fraterni dei suddetti.
Se… Leggi tutto

Siete sicuri di poter rimanere liberi anche contro il potere dei Rothschild ?
Nelle alte sfere europee si comincia a parlare del controllo delle informazioni sul Web, i cui gestori sono proprietari circon. si, amici fraterni dei suddetti.
Se avete il coraggio e la serietà per farlo allora vi offrirò il mio contributo in futuro.
Vediamo cosa ci riserverà il tempo a venire.
In bocca al lupo.

vI

vincenzo INCORVAIA

€15,00 17 February 2020

grazie a voi

EM

Emanuele Maggioni

€15,00 17 February 2020

State facendo un lavoro bellissimo

LL

Luca Lamacchia

€15,00 17 February 2020

Nonno Lino ci ha lasciati venerdì.
Era uno di noi, seguiva Byoblu.

ps

pier paolo sardu

€15,00 16 February 2020

siete grandi

ll

lkjhgf lkjhg

€5,00 16 February 2020

 

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Se non ci si stacca da Hollywood e dall’oppressione yankee nel cinema, non ci sara’ possibilita’ di avere un cinema italiano che non parli solo delle vacanze di Natale di un gruppo di sfigati coi soldi e cazzate varie!

  • Scusi Mr. Antifascista 365 giorni l’anno.

    Non ho avuto la fortuna di vedere la sua pluripremiata opera ma non credo che la presenza di un Dario Fo basti di per se a farne un buono prodotto. Tutti gli artisti giustamente si innamorano della propria opera e vorrebbero vederla valorizzata ma il ‘regalarla’ ad un euro non é un motivo sufficiente per vedersela trasmettere su una TV di stato. Seguendo questa logica le reti pubbliche sarebbero intasate da DioSoloSa quanta merla.

    La RAI avrà pure dei problemi per carità ma non ci venga a dire che ‘non si sa che è la RAI’ che le ha risposto. La RAI è un azienda pubblica che funziona un po’ diversamente da una radio libera di quartiere. Gridare al fascismo perchè le avrebbero tappato la bocca sfiora veramente il ridicolo.

    Comunque visto I grandi successi che ha riscosso oltre l’atlantico sono sicuro che non troverà alcun problema a piazzare la sua opera ad un euro presso la FOX, Sky o Netflix.

    Cordiali Saluti
    Domenico Torre

  • Personalmente credo che molte delle cose dette da Diomà siano credibili in linea generale. Credo siano anche rivestite di un fondo di verità. Qua però il problema va contestualizzato. Il problema è se il film sia un bel film, se sia almeno “fatto bene” (qualità che come sottolineava Carmelo Bene, di per se non è neanche un valore), oppure il suo contrario, se sia “fatto male” tanto quanto i bellissimi film di Augusto Tretti (la citazione non è casuale, visto che De Michelis in una proiezione del suo film “Il Potere” al festival di Venezia gli disse chiaramente che dallo stato non avrebbe mai visto un finanziamento, scatenando la difesa di Fellini, Pasolini, etc…). Voi di ByoBlu lo dovreste aver visto, considerando il fatto che mandando questa intervista prendete una posizione a difesa del film. A me, personalmente, da quel poco (molto poco) che ho visto in rete non sembra presentabile, ne per direzione degli attori, ne per fotografia, ne per regia (scrittura, direzione del set, montaggio). Spero di sbagliarmi, di essermi fatto un’idea troppo frettolosa e spero di riuscire a vederlo presto per farmi un’idea più completa.

    • Senza vedere il film non è davvero possibile formarsi un’opinione. Potete suggerire dove vederlo? Può essere trasmesso da Byoblu?

  • Vorrei tanto vederlo ma non trovo nessun link con google , se esiste una piattaforma dove si puo’ vedere in streaming vi prego di indicarla, grazie

  • Michele Dioma complementi e grazie per raccontare questa storia. Non posso credere ancora che ci sia una censura del genere ma credo la verità è tropo scomoda per chi purtroppo comanda. Che vergogna e solo spero possiamo vedere a presto l’ultimo lavoro di un grande uomo per la umanità: Diario Fo

Top