Chi c’è dietro al Governo Conte Bis – Diego Fusaro

Perché Zingaretti ha accettato di fare un Governo col M5S che non voleva? Perfino Carlo De Benedetti, n°1 del Pd, non ha dubbi: si è piegato al pressing di Berlino, Francoforte, del Vaticano e degli Stati Uniti, che volevano un governo filobancario, filoeuropeista e filoamericano. L’errore di Salvini e il capolavoro del potere, raccontati da Diego Fusaro in una esclusiva intervista su Byoblu.

fusaro conte zingaretti

Intervista a Diego Fusaro

Dal “gialloverde” al “giallofucsia” in un battibaleno. Perché è franato così in fretta il primo esperimento populista nel cuore dell’Europa?

 E’ franato così in fretta perché da subito aveva subito pressioni di ogni tipo, in quanto era un laboratorio sovranista che andava in direzione ostinata e contraria rispetto agli interessi dei signori del capitale che alla fine, dopo poco più di un anno, sono riusciti ad avere lo scalpo del precedente governo, e adesso si stanno adoperando per crearne uno che sia coerente con l’ordine del polo dominante. Ecco spiegato il “giallofucsia” nascente.

C’è un disegno dietro la nascita del Conte bis, o il nuovo governo è figlio solo del caos e degli eventi?

L’obiettivo era innanzitutto disarcionare il governo gialloverde e rovesciare l’esperimento populista; in secondo luogo era quello di creare un governo di completamento dei desiderata della classe dominante cosmopolitica che si limitasse a rispondere cadavericamente ai comandi, di modo che Bruxelles ordinasse e Roma eseguisse senza battere ciglio. A questo serve il governo Conte bis: un governo che è più corretto definire “giallofucsia” e non “giallorosso”, perché di rosso non vi sarà nulla, a parte il sangue dei lavoratori immolati nel nome del “ce lo chiede l’Europa”. Sarà invece “fucsia” perché saranno difese le istanze care al solito padronato globalista. Il Partito Democratico è strutturalmente un partito al servizio delle classi dominanti, mentre il M5S –  in seguito alla irresponsabile scelta di Salvini di staccare la spina – avrebbe dovuto perseguire l’autonoma dell’egemonia anziché suicidarsi nel giallofucsia.

Come si spiega l’improvvisa piroetta dei grillini, prima rivoluzionari e ora stampella dell’establishment?

La piroetta dei grillini parte dopo la decisione di Salvini di interrompere l’esperienza “gialloverde” e di consegnare le chiavi del Paese alle forze “sistemiche”. Il primo tradimento, se così vogliamo chiamarlo, è quello della Lega. Al quale ha fatto seguito quello dei grillini che, anziché portare avanti da soli il progetto populista e sovranista, hanno scelto di allearsi con il partito contro il quale giustamente per anni avevano preso posizione. I 5 Stelle hanno abbracciato il trasformismo in un’ottica di mantenimento del potere. Non capiscono che sarebbe stato conveniente – in una prospettiva di lunga durata – rimanere da soli e puliti anziché sporcarsi con i “fucsia” e perdere ogni consenso.

C’è la manina dei soliti potentati stranieri dietro a questa manovra apparentemente incomprensibile?

Non è mai facile individuare con precisione le “manine”, perché si muovono per definizione secondo le regole dei “segreti del potere”. Quel che è sicuro è che questo Conte bis arriva nel bel mezzo di una crisi fra due superpotenze come la Cina e gli Stati Uniti. Il governo “gialloverde” aveva assunto posizioni ambigue, da un lato rimanendo fedele a Washington e dall’altro aprendo alla “Via della seta” con la Cina; da un lato rimanendo nella Nato e dall’altro non prendendo posizione contro il Venezuela di Maduro. Quindi è chiaro che c’è un disegno geopolitico dietro a tutto questo, senza dimenticare la vicinanza dei gialloverdi alla Russia di Putin e il conseguente scandalo scoppiato – non a caso- in piena estate. Possiamo quindi dire che c’erano tutti i presupposti per immaginare un intervento dall’estero che prende le sembianze di una mano a stelle e strisce.

Ieri un uomo dell’establishment come Carlo De Benedetti ha detto che il segretario del Pd Zingaretti si è piegato perché pressato da Berlino, Francoforte, Vaticano e Ambasciata americana. E’ diventato “complottista” perfino l’Ingegnere, già tessera numero uno del Pd?

De Benedetti è un uomo di sistema ma è anche un uomo molto ricco, e spesso la ricchezza garantisce indipendenza e margini di autonomia, come dimostra anche il caso Trump negli Stati Uniti. De Benedetti ha detto nitidamente quello che dovrebbe essere ovvio, e cioè che questo governo è filobancario, filoeuropeista e filoamericano. Per Conte l’asse atlantista e il rispetto dell’autorità dell’Unione Europea sono le coordinate obbligate di un governo che ha scelto a viso aperto di servire le classi dominanti. Il gialloverdi invece non erano, o non erano compiutamente, a sostegno dell’ordine voluto dai padroni. Basti pensare che quando c’erano i “giallloverdi” i mercati apparivano sempre nervosi, ma da quando si è passati al “giallofucsia” gli stessi mercati festeggiano di continuo. Non è poi così difficile capire quindi come stiano le cose. I mercati sono infatti solo la rappresentazione del rapporto di forza capitalistico che si nasconde dietro una maschera.

Le manovre di Palazzo non cancellano però quella maggioranza di cittadini che chiedeva discontinuità. Milioni di italiani rimangono senza rappresentanza. Esiste oggi in Italia un’emergenza democratica?

Gli italiani avevano espresso la scelta di una discontinuità netta e ora si ritrovano con il Partito Democratico e il “giallofucsia” al governo. Ancora una volta le élite hanno trionfato e hanno imposto un governo liberista. In più le élite sono riuscite a spaccare il fronte dell’opposizione populista, perché adesso i 5 stelle sono refluiti dentro la galassia delle “sinistre arcobaleno” e la Lega può refluire verso le destre “bluette” alla Santanchè. Osserviamo in estrema sintesi il capolavoro del potere. Una emergenza democratica esiste in tutta Europa, non solo in Italia, nella misura in cui si assiste ad una separazione sempre più netta fra le istanze chiuse dei consigli di amministrazione della classe dominante e le piazze nazionali e popolari delle persone che chiedono meno globalizzazione e più Stato, più diritti sociali e meno Fiscal Compact.


Sfidiamo la televisione! Aiutaci a costruire la nuova Byoblu

€21.283 of €30.000 raised

Byoblu è pronto per fare il salto. Stiamo costruendo la nuova informazione: l’alternativa al mainstream. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Per continuare ad essere libera dovrà essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? In cambio, sarai protagonista dell’informazione che verrà.

Dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo entro l’autunno. Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

GM

Giancarlo Modugno

€15,00 21 September 2019

In bocca al lupo!

Anonymous User

Anonimo

€25,00 21 September 2019
am

anna medici

€15,00 21 September 2019

Complimenti per il vostro lavoro e continuate così! che Dio vi benedica!

LB

Lorenzo Bigiani

€200,00 21 September 2019
AP

Alberto Pierpaolo Prinetto

€25,00 21 September 2019

Cercherò di fare di più se riuscirò a sopravvivere alla prossima scadenza fiscale...
Grazie

M

Marco

€15,00 21 September 2019
JS

Joseph Specchio

€15,00 21 September 2019
SB

SERGIO BOTTONI

€15,00 21 September 2019

Grazie di esistere

MV

Massimo Vignali

€15,00 21 September 2019
M

Marco

€9,99 21 September 2019
MN

Marco Nicolè

€100,00 21 September 2019

Forza Claudio!
W Byoblu!

PT

Paolo Tranchida

€150,00 21 September 2019

Forza e onore! Continuate così!

GB

G.l. Barone

€5,00 21 September 2019
AS

Alberto Salomone

€50,00 20 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€10,00 20 September 2019
DC

Davide Cervero

€50,00 20 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€20,00 20 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€100,00 20 September 2019
Anonymous User

Anonimo

€15,00 20 September 2019
SF

Salvatore Falco mi

€5,00 20 September 2019

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La storia di questa caduta di governo ha una duplice lettura. La si può vedere in modo complottista, come in questo articolo è descritto e che lascia più domande che risposte, oppure in modo molto più semplice e cioè:
    Salvini ha fatto cadere il governo per evitare che la colpa del prossimo aumento dell’iva (delle sue politiche assistenzialiste inutili all’economia) ricada su di lui.
    Inaspettatamente i 5 stelle per non perdere alle elezioni anticipate si mettono con il PD che per non far governare il centro destra scendono a patti con i loro nemici storici. Nessun potere forte. Nessun potentato economico turboscoreggia cosmopolita. Nussun illuminato. Nessuna manina invisibile. Puro e semplice capriccio di una classe politica incompetente ed irresponsabile del tutto ITALIANA. Un continuo scarica-barile da bambini delle elementari.
    Conte presumibilmente in questo anno di governo giallo-verde non si è mai scontrato con Salvini per rimanere super partes e per permettere al governo di proseguire quando in realtá, Salvini e le sue idiozie e balle quotidiane gli stavano sui coglioni. E lo ha dimostrato negli ultimi interventi. Presumibilmente Conte ha voluto riprovarci con un altro governo che sia scevro dalle puttanate della destra italiana contemporanea. Ripeto. Zero poteri forti. Zero mercati assassini. Zero europa dittatrice. Solo comportamenti infantili dei nostri politici che loro malgrado devono (e per fortuna) rispettare le regole che gli stati europei si sono imposti a vicenda anni e anni fa per permettere l’un l’altro di coesistere in maniera matura e seria (e quindi faticosa e complicata). Tutto il resto, come questo post, è populismo da 4 soldi che serve solo a compiacere la maggior parte della popolazione italiana che di politica e di economia non sa un cazzo.
    Smettetela di farvi le seghe ascoltando Fusaro che parla dei vostri amati illuminati che vogliono rubarvi i soldi di nascosto. Come se lui e il suo business di interventi e comizi incarnassero la filosofia marxista che tanto ama. Studiate gente.

    • E i politici illuminati e bravi chi sarebbero, Renzi e Zingaretti, Prodi e Napolitano oMonti, insomma quelli che hanno governato negli ultimi otto anni? E quella che ci salverà sarà la Von der Lhein? Per favore, basta!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi