ABBONATI SOSTIENI

Cile: ecco gli effetti del neoliberismo globalista – Margherita Furlan

Notti di coprifuoco vivono le strade di Santiago e le altre città del Cile. Lo stato d’emergenza, decretato dal Presidente Piñera venerdì 18 ottobre per la Regione di Santiago, interessa oramai la maggioranza del Paese sudamericano. Decine le vittime, migliaia le persone trattenute in centri di detenzione clandestini, i dispersi non si contano quasi più. Piñera annuncia riforme e dialogo, ma il Governo ormai è un’anatra zoppa. «Siamo in guerra», dichiara a reti unificate. «Non è guerra, è dignità», rilanciano i manifestanti sui social network. Centinaia di migliaia le persone in piazza, nonostante le pattuglie dei militari che non si vedevano dai tempi della dittatura del generale Pinochet. Fino a qui la cronaca delle ultime ore.

Ma perché vi parliamo di un Paese così distante da noi? Cosa sta realmente succedendo in Cile? È veramente tutto nato semplicemente dall’aumento delle tariffe dei trasporti pubblici? Magari! In realtà sarebbe una banale semplificazione citare solo il caro vita che, sì è vero, negli ultimi anni ha messo in ginocchio una larga fetta della popolazione. Ma la scintilla che ha dato il via alla mobilitazione è la gravissima mancanza d’acqua nel Paese, esplosa nella città di Osorno, dove un’infiltrazione di petrolio ha interessato il servizio idrico cittadino, gestito da una società privata collegata alla multinazionale francese ENGIE, ben nota anche in Italia perché azionista – tra l’altro – di ACEA, l’acqua di Roma!

Il Cile è tra i pochissimi Paesi al mondo in cui l’acqua è privata. Le grandi aziende agricole hanno potuto impossessarsi dell’acqua in maniera del tutto legale, ottenendo dallo Stato i diritti di uso gratuito e perpetuo, già dai tempi di Pinochet. Ma poco è cambiato da allora. In Cile, il Paese che il mainstream ci descrive come il più ricco di tutto il Sud America, la disuguaglianza dei redditi è la più alta di tutti i Paesi aderenti all’OCSE. Gli effetti della dittatura cilena, che ha importato un modello liberista ancora si sentono.

In effetti, la dittatura di Pinochet, nata l’11 settembre del 1973, non è stata una dittatura militare e basta. Non è nemmeno paragonabile alla dittatura dei militari argentini, anche se ci sono stati un migliaio di desaparecidos e la mano pesante della Cia, da quanto hanno rivelato documenti recentemente declassificati. La dittatura di Pinochet è stata il primo esperimento del modello di «neoliberismo autoritario» che oggi tutto il mondo sta sperimentando.

Tutto partì dai Chicago boys, quelli della scuola monetarista di Milton Friedman. Inviati a Pinochet per ridisegnare le linee di politica economica e sociale.

La situazione cilena offriva una condizione ottimale per dimostrare al mondo come il neoliberismo fosse la cura migliore per far uscire dalla crisi un Paese stremato da anni di recessione. Grazie all’eliminazione della democrazia si potevano facilmente rompere i vincoli istituzionali, lacci e lacciuoli sindacali, contenere le rivolte e il malcontento che inevitabilmente sarebbero scoppiati. I Chicago boys vedevano la dittatura come un utile strumento per riportare velocemente il Paese verso la crescita economica, per rilanciare il tanto agognato sviluppo. A questo fine, venne implementato un programma ambizioso: drastiche privatizzazioni di aziende e beni dello Stato, riforma del mercato del lavoro che introduceva la flessibilità, totale apertura all’estero, sia in termini di import/export che di libera circolazione dei capitali in entrata e uscita. Lo slogan era:

Dobbiamo essere tutti autosufficienti, imprenditori di noi stessi”.

Vi ricorda qualcosa?

Ora i nodi delle politiche liberiste stanno venendo al pettine, in Cile con le piazze messe a ferro e fuoco, da noi con un drastico abbassamento delle aspirazioni e delle aspettative di decine di milioni di persone. E forse sarà proprio in Cile che capiremo se il neoliberismo globalista vincerà anche sulle proteste popolari più dure.


La nuova televisione è quasi pronta. Aiutaci a fare l’ultimo miglio!

€1.557 of €40.000 raised

Byoblu è pronto per fare il salto. Stiamo costruendo la nuova informazione: l’alternativa al mainstream. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Per continuare ad essere libera dovrà essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? In cambio, sarai protagonista dell’informazione che verrà.

Dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo entro l’autunno. Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 7 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 6 Agosto 2020
EE

Emanuele Errigo

€5,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 6 Agosto 2020
MC

Maria Gabriella Crisci

€10,00 6 Agosto 2020
C

Clemente

€20,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 5 Agosto 2020
TB

Toni Barbarello

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 5 Agosto 2020
vb

valeria tina bianchi

€50,00 5 Agosto 2020
bs

bruno sagoleo

€10,00 5 Agosto 2020
SS

Stefano Scialpi

€10,00 4 Agosto 2020

Faccio parte facendo la mia parte

AG

Alessio Gordini

€5,00 4 Agosto 2020

Grazie!
Grazie per la vostra volontà di verità.

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 4 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 4 Agosto 2020

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • HO SEMPRE VISTO GLI USA CON SIMPATIA ,DA GIOVANE HO LAVORATO IN UNA AZIENDA ITALOAMERICANA, SONO STATO NEGLI USA . MA ADESSO INCOMINCIO AD AVERE DEI DUBBI.PERCHE’ QUESTO NEOLIBERISMO GLOBALISTA ,CHE FINI HA?
    VA BENE ISRAELE ,MA COSA MANCA A ISRAELE NULLA. C’E’ UN BUM ECONOMICO NEL DESERTO-LA TERRA PROMESSA .LA PACE NON LA VOGLIONO FARE ,BETLEMME E’ PALESTINESE , MA PERCHE’ COSA VOGLIONO ,ILTROPPO POI PORTA A TRAGICI EFFETTI DOVREBBERO GIA’ SAPERLO .FINIAMOLA CON QUESTA POVERA AMERICA LATINA .CHE SI DIA LORO LAVORO CULTURA SVILUPPO -FINIAMOLA NO???????????????????

Share via
Top